Senato: gli auguri di Maria Elisabetta Alberti Casellati alla Stampa parlamentare

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Denatalità, sostenibilità ambientale, fake news: il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati incontra la Stampa parlamentare per i tradizionali auguri natalizi.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati: realizzare un nuovo patto generazionale per combattere la denatalità

“Molti sono i temi con cui dobbiamo necessariamente confrontarci nel prossimo futuro”: così il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha salutato la Stampa parlamentare in occasione del tradizionale incontro per lo scambio degli auguri natalizi. “Penso alle politiche per contrastare la denatalità e realizzare un nuovo patto generazionale; penso a una maggiore determinazione sul fronte della sostenibilità ambientale, per ridurre le emissioni inquinanti e fronteggiare i cambiamenti climatici; penso a uno sviluppo realmente sostenibile, anche nelle dinamiche produttive e nei rapporti di lavoro” ha sottolineato il Presidente del Senato parlando anche della necessità di “misure che possano valorizzare le nostre eccellenze, dal mondo dell’impresa a quello dell’arte e della cultura”. E “al supporto che non deve mai mancare all’università, alla ricerca, ai nostri giovani talenti” ha aggiunto Maria Elisabetta Alberti Casellati.

Il valore della dialettica politica e dell’informazione: Maria Elisabetta Alberti Casellati ricorda Antonio Megalizzi

La dialettica politica non deve degenerare in una “eccessiva e improduttiva conflittualità”. È il monito lanciato da Maria Elisabetta Alberti Casellati nel corso dell’incontro natalizio con la Stampa parlamentare: “Altrimenti, con quale autorevolezza potremmo contrapporre i valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto per ogni forma di diversità ai sempre più frequenti casi di incitamento all’odio o di intolleranza che si registrano nella società reale e in quella digitale”. In merito, il Presidente del Senato è tornato a esprimersi anche su fake news e deep fake, definendoli “patologie che rischiano di trasformare l’ecosistema digitale in un mondo nel quale riuscire a distinguere ciò che è vero da ciò che è falso risulterà sempre più arduo”. “Intendo promuovere nei prossimi mesi un momento di riflessione sull’impatto delle fake news su società e democrazia, anche attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori interessati, a cominciare dalle rappresentanze di giornalisti ed editori” ha quindi annunciato Maria Elisabetta Alberti Casellati che nel suo intervento ha voluto anche ricordare Antonio Megalizzi, “ragazzo che ha perso la vita mentre inseguiva il suo sogno”. “Ho incontrato la sua famiglia e con loro ho preso l’impegno di promuoveresempre in Senatoun’iniziativa a lui intitolata e dedicata al giornalismo di qualità” ha detto il Presidente: “Quello che va difeso e tutelato, quello che privilegia i contenuti alla facile polemica, l’approfondimento alla congettura, e insegue la verità e non il sensazionalismo”.

Plastic e sugar tax: 6 italiani su 10 sono favorevoli

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Economia, Politica

Una delle proposte più discusse all’interno della Manovra fiscale è l’introduzione delle cosiddette plastic e sugar tax; ma cosa pensano gli italiani a riguardo? Secondo l’indagine commissionata da Facile.it a mUp Research e Norstat*, il 61,3% degli intervistati, pari a circa 26,9 milioni di individui, è d’accordo con almeno una di esse.

Nello specifico, il 41,1% si è dichiarato a favore dell’introduzione di entrambe le tasse, il 13,6% della sola plastic tax, il 6,6% della sola sugar tax.

Di contro, il 27,2% dei rispondenti, pari a 11,9 milioni di italiani, si è dichiarato contrario ad entrambe le tasse.

Le ragioni del sì e del no

La maggior parte dei favorevoli (70,1%) ritiene sia giusto disincentivare con una tassa la produzione e l’uso di prodotti potenzialmente dannosi per l’ambiente e la salute. Questa motivazione è sostenuta maggiormente dalle donne (74,9% contro il 65,2% del campione maschile) e dai giovani (82,6% tra i rispondenti con età compresa tra i 25 e i 34 anni).

Il 50,1% di chi si è pronunciato a favore dei provvedimenti allo studio del Governo ritiene che le nuove tasse possano davvero far cambiare il comportamento dei cittadini; motivazione più sentita dagli uomini (55% versus 45,2%) e dai rispondenti nella fascia 55-64 anni (56,2%). Per il 39,4%, infine, la tassa potrebbe far cambiare il comportamento delle aziende che producono tali prodotti.

Tra gli 11,9 milioni di italiani contrari, invece, il 58,9% ritiene sia solo un modo per fare cassa, mentre il 34,6%, pur condividendo il principio di disincentivare la produzione e l’uso di prodotti dannosi, non crede sia questo il modo corretto per raggiungere l’obiettivo.

I rincari nel carrello della spesa

Come si comporteranno gli italiani qualora le nuove tasse dovessero determinare un aumento del costo dei prodotti finali? Complessivamente, secondo quanto emerso dall’indagine, sono circa 31 milioni i consumatori disposti a modificare le proprie abitudini di acquisto.

«Sebbene si tratti di un’indagine sulle intenzione future degli italiani, che pertanto non è detto automaticamente si tradurranno in azioni, dai dati emersi è evidente come la maggioranza degli intervistati abbia capito e condivida l’obiettivo delle due nuove possibili tasse e sia comunque disposto a modificare le proprie abitudini di acquisto a fronte di aumenti», spiega Stefano Carlin, Managing Partner di mUp research. «Da non sottovalutare quindi anche il potenziale impatto di questa norma sui consumi e sull’intera filiera produttiva.».

Se guardiamo alla sola plastic tax, quasi 8 rispondenti su 10 hanno detto di essere intenzionati a ridurre, se non eliminare, l’acquisto dei prodotti colpiti dai rincari (77,9%), suddivisi tra coloro disposti a cambiare abitudini d’acquisto perché consapevoli che si tratti di prodotti dannosi per l’ambiente (44,2%) e coloro che lo farebbero solo per risparmiare (33,7%). Sono invece 4,4 milioni gli italiani che dichiarano di essere disposti a continuare ad acquistare tali prodotti anche in caso di aumenti (10,2%).

Puntando l’attenzione sulla sola sugar tax, il quadro complessivo non varia di molto; il 47% dei rispondenti ha affermato di essere disposto a ridurre, o addirittura smettere di comprare i prodotti colpiti dai rincari per ragioni di salute.

La leva del risparmio sembra avere meno presa dato che solo il 24% ha detto di essere disposto a cambiare abitudini per ragioni economiche. Non è invece disposto a rinunciare a tali prodotti l’11,7% dei rispondenti, che ha dichiarato di non voler modificare le proprie abitudini anche se ci saranno rincari.

* Metodologia: n. 1.015 interviste CAWI con un campione rappresentativo della popolazione adulta, in età 18-74 anni, sull’intero territorio nazionale. Indagine condotta tra il 15 e il 18 novembre 2019.

Scuola e famiglia: le riflessioni di Maria Elisabetta Alberti Casellati al Meeting di Rimini

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Intervenendo all’inaugurazione della quarantesima edizione del Meeting di Rimini, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati auspica un impegno sempre più importante da parte del mondo istituzionale e politico nel sostenere la famiglia e garantire una piena attuazione del diritto all’istruzione.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Politica e istituzioni sostengano la famiglia: l’invito di Maria Elisabetta Alberti Casellati

Investire su famiglia e scuola per fronteggiare “un inverno demografico che è una tragica realtà”. Ne ha parlato il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati lo scorso 18 agosto aprendo i lavori della quarantesima edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, in programma a Rimini. Invitando a riflettere sul ruolo della famiglia e della scuola nella società di oggi, il Presidente ha auspicato che possano diventare “protagoniste di una nuova centralità” e rispondere quindi ai “preoccupanti segnali di un’emergenza educativa sempre più diffusa”. L’inverno demografico che contraddistingue l’epoca in cui oggi viviamo è “un vero e proprio dramma epocale”: è necessario “un cambiamento culturale che sottolinei con forza il valore sociale della scelta genitoriale”. In questa prospettiva “le istituzioni e la politica devono sostenere la famiglia con interventi di varia natura che siano strutturali e di lungo periodo”. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come fare figli sia sì “un investimento a carico delle famiglie ma con effetti benefici a favore dell’intera collettività”: occorrono quindi “misure economiche e fiscali, ma anche di ordine organizzativo, per rendere concretamente compatibile il ruolo di genitore e quello di lavoratore”. E secondo il Presidente del Senato “all’Italia serve un intervento legislativo capace di trovare un equilibrio moderno e virtuoso tra la vita privata e professionale delle donne”.

Meeting di Rimini: il valore dell’istruzione nelle parole di Maria Elisabetta Alberti Casellati

“Un Paese che non genera figli è un Paese che non sa aprirsi al futuro di crescita e prosperità ma resta incollato al presente” ha ribadito Maria Elisabetta Alberti Casellati intervenendo al Meeting di Rimini. Ma il Presidente del Senato ha approfondito anche il tema dell’emergenza educativa, perché “sostenere la famiglia significa inoltre riconoscere e valorizzare il suo ruolo imprescindibile nel percorso educativo della persona al fianco degli istituti scolastici di ogni ordine e grado”. Secondo il Presidente, sarebbe opportuno “realizzare una effettiva parità scolastica in armonia con il dettato costituzionale, perché non c’è vera libertà senza libertà di educare, senza un diritto all’istruzione che sia inteso come un diritto alla libertà dell’insegnamento e alla libertà dell’apprendimento, riconoscendo il valore del pluralismo scolastico fra la scuola pubblica e la scuola paritaria”. Scuole e Università devono potersi qualificare come “luoghi di libero sapere, di libero insegnamento e di libero apprendimento”: un impegno che Maria Elisabetta Alberti Casellati continua a portare avanti in qualità di Presidente del Senato.

“Gemello Digitale”: ad aprire i lavori del convegno Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

Il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati parla di innovazione e Intelligenza Artificiale aprendo i lavori del convegno “Gemello Digitale – L’altro me”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Maria Elisabetta Alberti Casellati apre con un indirizzo di saluto il convegno “Gemello Digitale – L’altro me”.

L’innovazione tecnologica e lo sviluppo digitale, l’impatto in ambito politico ed informativo, le connotazioni di natura etica ed educativa: temi rilevanti, su cui si è espressa in più occasioni anche il Presidente del Senato. Non a caso Maria Elisabetta Alberti Casellati è stata invitata ad aprire i lavori del convegno “Gemello Digitale – L’altro me”, in programma il 25 settembre preso la Sala Zuccari. L’evento accompagna la cerimonia di consegna del Premio “Nostalgia di Futuro” 2019: nato in ricordo di Giovanni Giovannini, storico presidente FIEG, viene assegnato annualmente a ricercatori, imprese e studenti che si sono distinti per la creazione di start up progetti di informazione innovativi. In occasione dell’evento, gli studenti del liceo Pitagora-Croce di Torre Annunziata (Napoli) hanno donato al Presidente del Senato un’agenda per sensibilizzare i giovani verso tematiche sociali come la violenza su donne e minori. Nel suo intervento, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha sottolineato come le applicazioni pratiche dell’intelligenza artificiale, per quanto essa possa portare benefici all’intera società e all’economia, stiano comunque sollevando problematiche giuridiche ed etiche e lo faranno sempre più in futuro: “Questioni che non possono essere affrontate in un ambito esclusivamente nazionale, con riguardo solo al rafforzamento del quadro normativo interno. Presuppongono invece una visione più ampia, di ordine sovranazionale, che si caratterizzi per un approccio alla materia, tale da rafforzare la fiducia dei cittadini nello sviluppo digitale”.

Intelligenza Artificiale: Maria Elisabetta Alberti Casellati evidenzia la necessità di norme e principi etici

Secondo Maria Elisabetta Alberti Casellati quindi solo se saprà essere ‘antropocentrica’ l’Intelligenza Artificiale potrà avere un futuro sostenibile e godere della fiducia dei cittadini: “Lo sviluppo digitale non è fine a se stesso ma è uno strumento a servizio delle persone ed ha come obiettivo ultimo quello di migliorare il benessere degli individui. Per queste ragioni non basta che le applicazioni dell’Intelligenza Artificiale rispettino la legge. Occorre invece che osservino principi etici e che le loro attuazioni pratiche non comportino danni indesiderati”. La Commissione, come ricordato dal Presidente del Senato, individua sette requisiti fondamentali dell’affidabilità delle applicazioni della AI. “A questo proposito vorrei soffermarmi su uno di questi in particolare: quello riferito all’intervento e alla sorveglianza dell’uomo, affinché i sistemi di Intelligenza Artificiale non ne riducano o limitino l’autonomia” ha sottolineato Maria Elisabetta Alberti Casellati, spiegando come “dovranno soprattutto essere sempre garantiti meccanismi di sorveglianza e di controllo gestiti dall’uomo, per prevenire danni o effetti negativi dei sistemi”.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il Presidente del Senato in visita in Trentino

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica, Società

La visita istituzionale del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in Trentino: tra i diversi incontri istituzionali, anche un momento di raccoglimento alla Campana dei Caduti e il saluto ai genitori di Antonio Megalizzi.

Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato

Bolzano accoglie Maria Elisabetta Alberti Casellati

In Trentino per una serie di impegni istituzionali, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha avuto modo anche di incontrare i genitori di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista rimasto ucciso in un attentato a Strasburgo lo scorso 11 dicembre. Un fuori programma riportato da diverse testate: l’incontro infatti non era in agenda, ma il Presidente ha comunque voluto salutare i genitori del ragazzo e la sera del 25 luglio è andato a casa loro per manifestare la propria vicinanza. Durante la visita istituzionale, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha fatto tappa a Bolzano, Trento e Rovereto. Il 25 luglio ha prima preso parte a un convegno organizzato dalla Camera di Commercio di Trento e di Bolzano con i rappresentanti delle categorie produttive ed economiche. Ha poi portato il proprio saluto ai rappresentanti della Federazione Trentina e Altoatesina della Cooperazione, sottolineando come la politica abbia il dovere di ascoltarne la voce, perché “è quella di chi ogni giorno si rimbocca le maniche per creare ricchezza e lavoro a beneficio di tutta la comunità“.

Maria Elisabetta Alberti Casellati a Trento e Rovereto

Il 26 luglio, il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati era a Trento, dove ha preso parte alla cerimonia di intitolazione della sala “Giudice Rosario Livatino” presso il Palazzo di Giustizia di Trento. È inoltre intervenuta alle celebrazioni per il ventesimo anniversario istitutivo delle Sezioni Giurisdizionali della Corte dei Conti per il Trentino-Alto Adige che si è tenuta presso il Castello del Buonconsiglio. In questa occasione è stata insignita dell’Aquila di San Venceslao, la più alta onorificenza dell’autonomia trentina. Prima di salutare il Trentino, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha inoltre voluto fare tappa a Rovereto per un momento di raccoglimento alla Campana dei caduti, sul colle di Miravalle. Un luogo altamente simbolico che “rappresenta la volontà e l’intelligenza nel costruire l’incentivo della Pace, della solidarietà e dei diritti umani“. Il Presidente ha inoltre voluto lasciare un lungo messaggio nel Libro d’onore della Campana.

I giovani a scuola di sostenibilità: Maria Elisabetta Alberti Casellati lancia il progetto

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Istruzione, Politica

“Senato&Ambiente”: il Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati lancia una nuova iniziativa nelle scuole per sensibilizzare i giovani su ambiente e sostenibilità.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Senato&Ambiente: Maria Elisabetta Alberti Casellati promuove un progetto nelle scuole

“La sostenibilità è l’unica strada per preservare il futuro dei nostri giovani”: l’impegno del Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati in favore della tutela e della salvaguardia dei territori è evidente anche in queste parole, pronunciate lo scorso 5 giugno in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente istituita dalle Nazioni Unite. Fin dall’inizio della sua Presidenza, Maria Elisabetta Alberti Casellati ha dato vita e promosso iniziative con lo scopo di sensibilizzare l’opinione su queste tematiche, anche rispetto al rischio del dissesto idrogeologico. Guarda in questa direzione anche il progetto realizzato con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, che il Presidente del Senato ha lanciato lo scorso 19 luglio: “Come avevo promesso pubblicamente in occasione del convegno con Greta Thunberg sui cambiamenti climatici, ho deciso di avviare “Senato&Ambiente”, un concorso rivolto alle scuole che punta a stimolare i ragazzi all’esercizio di una cittadinanza consapevole”. Le migliori idee e i migliori progetti a difesa dell’ambiente presentati dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado saranno premiati alla fine del prossimo anno scolastico 2019-2020. Alle classi vincitrici verrà inoltre chiesto di redigere una risoluzione da presentare in Senato.

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il valore della sostenibilità e l’impegno per la tutela dell’ambiente

Di ambiente e sostenibilità il Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati aveva parlato anche lo scorso 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente voluta dalle Nazioni Unite: “Le istituzioni di tutto il mondo hanno una sola via percorribile: ispirare le politiche pubbliche ad una totale sostenibilità. Il tema è semplice: dobbiamo fare in modo che le future generazioni possano ricevere le stesse opportunità e le stesse risorse di quante ne abbiamo a disposizione oggi”. Il Presidente ha quindi sottolineato come “i tanti giovani scesi in piazza in tutto il mondo per difendere il pianeta, il loro futuro e quello di tutti noi costituiscano una grande speranza e una bellissima realtà”. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha infine citato qualche dato, a sottolineare l’urgenza di interventi in ottica sostenibile: “L’ultimo allarme dell’Onu sullo stato dell’ambiente è molto chiaro: l’inquinamento atmosferico è la principale causa di malattie e provoca tra i 6 e i 7 milioni di morti premature all’anno, con perdite economiche stimate in 5 mila milioni di dollari”.

Mare a Pescara: richieste di istituire il divieto di balneazione permanente

Scritto da Muni CYTRON il . Pubblicato in Politica, Salute

Comunicato stampa
Pescara 26 luglio 2019

Vengono riportate dalla stampa dichiarazioni ed iniziative che tendono a voler far dichiarare un tratto di mare, nelle vicinanze della “Madonnina”, non balneabile in modo permanente.

Debbo innanzitutto rilevare che per quanto riguarda la balneabilità sono attivi controlli permanenti e cadenzati che vengono svolti da enti a tale scopo deputati.
Esiste, inoltre, tutta una procedura sia per far emettere una Ordinanza di non balneabilità che di ripristino della stessa.

Ho motivo di ritenere che tutti stanno ben operando per il controllo della salubrità delle acque di balneazione e sono altrettanto certa che, nella ipotesi che vi siano zone che non siano sicure saranno, così come prevede la legge, interdette.

Ma proprio per svolgere un ruolo di controllo e salvaguardia sia della salute dei cittadini che a tutela delle attività commerciali che operano sulla spiaggia, anticipo che all’inizio della prossima settimana convocherò un “tavolo tecnico” con ARTA Abruzzo (Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente) e ASL di Pescara, Dipartimento Prevenzione e Igiene Ambientale.

Sarà immediatamente dopo, in base a quanto mi sarà relazionato, coinvolgere l’Assessore regionale Mauro Febo per poter – in ogni caso – aprire una serie di iniziative che portino a migliorare la qualità delle acque.

Come si può facilmente comprendere valori inquinanti eventualmente riscontrati nel mare nel tratto di spiaggia vicino alla foce del fiume sono dovuti a “problematiche” che partono da lontano e che coinvolgono tutti i territori ed i comuni che sono sul percorso che il fiume Pescara compie.
Andare quindi a potenziare e/o a realizzare depuratori; vigilare per contrastare gli sversamenti abusivi; attivare politiche di salvaguardia delle acque è un percorso che deve vedere coinvolti più soggetti. Sarà questo il compito che andrò a sollecitare che la regione compia.

Assessore Nicoletta Di Nisio

Online la nuova classifica dei ministri di Reputation Science, guidata da Auro Palomba

Scritto da melluccio il . Pubblicato in Aziende, Politica

Reputation Science, prima realtà in Italia ad agire in modo scientifico e integrato sulla reputazione web e con a capo Auro Palomba e Andrea Barchiesi, ha pubblicato la classifica di maggio dei ministri in quota Lega e M5S. Tre conferme sul podio.

Auro Palomba

La classifica dei ministri della joint venture di Auro Palomba e Andrea Barchiesi

È Giuseppe Conte la medaglia d’oro della classifica di maggio dei ministri di Reputation Science, realtà che unisce in sinergia Community di Auro Palomba e Reputation Manager di Andrea Barchiesi. Il ranking è reso noto tutti i mesi e si basa sul presidio della web reputation dei capi dei dicasteri gialloverdi, compreso il Presidente del Consiglio, misurata con un indice reputazionale. Il premier è appunto in testa con un punteggio di 163,2, in aumento di 29,4 sulla precedente rilevazione. Apprezzato per le proprie posizioni imparziali, vince grazie alla gestione della crisi con Tripoli e di quella che ha visto coinvolto il viceministro leghista Siri. Infine, con il ricordo del giudice Falcone nell’anniversario della strage di Capaci, si dimostra profondamente uomo delle istituzioni, guadagnandosi il consenso sui social network. Seconda posizione stabile per il capo dell’Interno Matteo Salvini, che beneficia della vittoria alle Europee e sopperisce ai problemi di carattere giudiziario e interni al governo con i Pentastellati. Medaglia di bronzo confermata per il ministro grillino dell’Ambiente Sergio Costa, che con un’indice in aumento a 85,8 punti è appunto al terzo posto nelle rilevazioni effettuate dalla joint venture tra Reputation Manager di Andrea Barchiesi e Community di Auro Palomba. Plebiscitario nei consensi, piacciono soprattutto al popolo del web il suo appello al dialogo costruttivo tra padri e figli in merito ai cambiamenti climatici e la messa in moto di iniziative sul riciclo. Rilevanti anche la puntualizzazione sul raddoppio di arresti legati alle eco-mafie rispetto a inizio 2018 e l’annuncio di “terra mia”, provvedimento che allarga il daspo a chi inquina.

Auro Palomba: il percorso nella comunicazione istituzionale e aziendale

Attualmente uno dei più importanti consulenti professionali per la comunicazione di imprese e istituzioni, Auro Palomba inizia il suo percorso lavorativo come giornalista di economia, scrivendo per quotidiani di spicco quali Il Giornale e Il Messaggero. Nel 2001 avvia Community Group, attore multidisciplinare che si occupa di gestione della reputazione. Componente del CdA di Save the Children Italia, è altresì membro della Consulta Esperti della Presidenza della Commissione Finanze di Montecitorio. È advisor per l’International Center for Science and High Tecnologies delle Nazioni Unite e membro del Comitato scientifico di Quale Impresa. Auro Palomba è anche stato conduttore di numerosi dibattiti e programmi televisivi in onda su Class CNBC, TeleLombardia e Canale Italia. Nel 2017 ha conseguito il premio Financecommunity Awards vincendo come Professionista dell’anno nella categoria “Financial PR”: nel 2016 tale qualifica era stata assegnata a Community Group. Nel luglio 2018 vede la luce Reputation Science, joint venture tra Community Group e Reputation Manager ideata con l’obiettivo di gestire con metodo integrato e secondo criteri di scientificità la web reputation.

Antonio Cospito assolto dopo 7 anni di calvario per colpa di un PM scellerato

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Opinioni / Editoriale, Politica

Capita spesso, ma che capiti proprio a te non ci puoi credere. Condannato per Calunnia??

Qualcuno potrebbe dire, che se ti occupi di Ufficio Stampa può capitare, anzi devi metterlo in conto.

Però vi sembra normale che un Tribunale ti condanni a 2 (due) con risarcimento di Euro 5.000 e poi la Corte d’Appello ti ASSOLVE perché i fatti non costituisco reato? La giustizia italiana è malata?

Adesso però arriva il secondo step, denunciare tutti i fatti, per richiedere ogni danno patito e patendo.

Sperando che il PM scellerato dopo 7 (sette) anni di processo ingiusto, venga punito severamente.

—————

Antonio Cospito Press
– Ufficio Stampa –

Senato: attività e iniziative promosse dal Presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati

Scritto da ecnewsoffice il . Pubblicato in Politica

Il primo anno di Presidenza al Senato di Maria Elisabetta Alberti Casellati: l’impegno nel valorizzare ruolo e competenze del Senato, l’introduzione dei “sabati della Cultura”, le iniziative per sensibilizzare su ambiente, emergenza climatica e contrastare femminicidi e violenze domestiche.

Maria Elisabetta Alberti Casellati

Senato: l’elezione di Maria Elisabetta Alberti Casellati alla Presidenza e il primo anno di mandato

Dal 24 marzo 2018, eletta con 242 voti, ricopre la seconda carica dello Stato. Maria Elisabetta Alberti Casellati, prima donna nella storia del Paese alla Presidenza del Senato, si impegna per valorizzarne le competenze e il ruolo, anche nell’ottica di garantire la terzietà e la centralità del Parlamento nel nostro sistema costituzionale. La denatalità, il contrasto alla violenza di genere, la tutela delle fragilità sociali, gli effetti del dissesto idrogeologico e la diffusione della conoscenza del patrimonio artistico culturale italiano sono alcune delle tematiche su cui Maria Elisabetta Alberti Casellati si sta concentrando durante il suo mandato. Rilevante anche l’attività internazionale: in questi mesi il Presidente del Senato si è recato in visita in Kosovo, USA, Inghilterra, Libano, Russia e Francia.

Senato: l’impegno di Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente dal 24 marzo 2018

Diverse le iniziative promosse da Maria Elisabetta Alberti Casellati in qualità di Presidente del Senato. Il suo interesse si è manifestato su più fronti: in ambito ambientale e sociale si è spesa per sensibilizzare l’opinione pubblica contro il climate change e i suoi effetti devastanti per il pianeta. I suoi numerosi viaggi in territori pesantemente afflitti da maltempo e disastri naturali l’hanno portata a richiedere l’istituzione di una Commissione Parlamentare d’inchiesta sul fenomeno del dissesto idrogeologico in modo da avere un quadro più preciso dei luoghi che necessitano di interventi in maniera più urgente al Parlamento. La consapevolezza è che un approccio emergenziale non basta: occorre prevenire. Sua poi l’idea di introdurre al Senato i “sabati della Cultura”, frutto di un protocollo d’intesa stipulato con la Rai che mira a valorizzare le “eccellenze italiane” di diversi settori attraverso eventi culturali. In prima linea contro femminicidi, violenze domestiche e di genere, Maria Elisabetta Alberti Casellati invoca una rivoluzione culturale fondata sul rispetto per la donna, perché “le leggi non bastano se le menti non cambiano”. E per contrastare la denatalità, il Presidente si è più volte espresso sulla necessità di varare un piano straordinario per il rilancio demografico, finalizzato a invertire la rotta.