Prorogato il bando del Gal l’altra Romagna “Aiuto all’avviamento di imprese extra agricole in zone rurali” da 450.000€

Scritto da Gal L Altra Romagna il . Pubblicato in Economia, Locale

All’interno del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia Romagna, il Gal L’Altra Romagna ha prorogato i termini di presentazione delle domande relative al bando pubblico 6.2.01 Aiuto all’avviamento di imprese extra agricole in zone rurali”.

Il bando stanzia 450.000,00€ di risorse da destinare a persone fisiche che intendano avviare un’attività di impresa extra agricola nelle aree rurali con problemi di sviluppo (denominate zone D) ricadenti nei seguenti Comuni delle Province di Forlì-Cesena e Ravenna:

Bagno di Romagna, Brisighella, Casola Valsenio, Galeata, Mercato Saraceno, Portico e San Benedetto, Predappio, Premilcuore, Rocca San Casciano, Santa Sofia, Sarsina, Sogliano al Rubicone, Tredozio e Verghereto.

Il nuovo termine di presentazione delle domande di sostegno è stato prorogato a lunedì 17 settembre 2018, sostituendo il precedente termine del 3 agosto 2018.

Si intende impresa extra-agricola l’impresa che non esercita le attività previste all’art.2135 del Codice Civile.

Sono ammissibili tipologie di costi materiali ed immateriali, purchè funzionali e riconducibili alle attività sovvenzionabili esplicitate specificatamente dal bando.

L’aiuto finanziario sarà concesso sotto forma di premio con un valore massimo corrispondente di 15.000,00€.

Il bando è consultabile su sito www.altraromagna.it, e contestualmente è stato inviato a tutti i Comuni, alle Province, alle Unioni dei Comuni, alle  Camere di Commercio e a tutte le Associazioni di categoria delle Province di Forlì-Cesena e Ravenna dell’area di competenza del Gal L’Altra Romagna.

L’ufficio stampa

GAL L’ALTRA ROMAGNA

Piccole imprese e sviluppo dell’economia locale: ne ha parlato Confartigianato Corato

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Locale

Ridare slancio alle imprese locali per creare condizioni idonee a favorire un modello di sviluppo economico vincente sul territorio: è questo l’appello lanciato da Confartigianato Corato per bocca del suo presidente Michelangelo Randolfi – imprenditore nel campo trattamento antitarlo e  restauro del legno – in occasione del convegno intitolato “Imprese, carta vincente per l’economia coratina” tenutosi lo scorso 28 giugno nella sala conferenze della biblioteca comunale di Corato.

Un’iniziativa, quella organizzata dalla sezione locale di Confartigianato, che ha voluto favorire un confronto costruttivo tra le imprese del territorio sulle problematiche comuni, con l’obiettivo di individuare e condividere le soluzioni più appropriate. Ma è stata anche l’occasione di far sentire l’appoggio nei confronti di tanti artigiani e piccole imprese coratine.

Il convegno, infatti, è stato anche l’occasione per parlare di strumenti a sostegno dell’attività degli imprenditori locali come ad esempio il credito agevolato, di cui sono state illustrate le modalità di accesso, e i servizi di consulenza e promozione messi a disposizione dalla sezione locale di Confartigianato. Si è parlato inoltre di bilateralità, intesa come forma di rappresentanza delle piccole imprese artigiane finalizzata a fornire un sostegno finanziario nei casi di sospensione dell’attività produttiva.

Il convegno ha visto la presenza di figure istituzionali importanti tra cui il coordinatore provinciale Confartigianato – Franco Bastiani – e il direttore commerciale Artigianfidi Puglia – Luca Gargano – oltre al sindaco della città di Corato.

Per il presidente di Confartigianato Corato Michelangelo Randolfi, dunque, le piccole e medie imprese artigiane rappresentano la carta vincente per la creazione di un modello di sviluppo economico di successo, e quanto importante sia il loro contributo alla crescita di un territorio lo sa bene, essendo prima che imprenditore soprattutto un artigiano con una lunga esperienza anche nel campo del restauro mobili antichi.

L’investimento immobiliare in Puglia conviene: ecco dove

Scritto da Roberta Baccelerie il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia, Locale

L’acquisizione immobiliare è un impegno che può rivelarsi un ottimo investimento se operato in zone che col tempo possono portare il valore di mercato di un casa a rivalutarsi, in particolare se si ha la lungimiranza di effettuarlo nelle tempistiche giuste, ossia quando l’equilibrio fra domanda e offerta è ancora favorevole.

Sono queste le motivazioni che inducono molti italiani a concentrare i loro sforzi in aree del Paese in cui la prospettiva di sviluppo economico possa garantire la ripresa del mercato immobiliare stesso, che contrasti un pò il crollo che fisiologicamente si è avuto a causa dell’incertezza in impegni di spesa, spesso cospicui, a fronte di dubbi rendimenti.

Investire nel Salento

Uno dei luoghi che in controtendenza con la dilagante preoccupazione di frenare gli entusiasmi di investimento immobiliare, ha segnato nell’ultimo decennio un aumento percentuale di acquisto, in particolare rivolto alle case vacanze, è il Salento, uno dei luoghi che sta accentrando il sempre maggior interesse da parte di investimenti stranieri.

Non a caso è qui che si concentra il maggior numero di masserie che, opportunamente riportate ai fasti e allo splendore di un fascino antico e magico, sono divenute un must per ospiti d’oltre oceano che le hanno elette a dimore per i periodi di riposo, nonché a luoghi in cui celebrare le date più importanti della vita.

Il clamore sollevato da una tale presenza di personaggi famosi e facoltosi, unito all’inconfutabile straordinarietà di una natura in parte ancora selvaggia e incontaminata, ha influenzato il mercato immobiliare che fra Taranto, Brindisi e Lecce ha beneficiato di un incremento di richieste.

Nonostante vi sia un certo leit motif fra le tre succitate province, per quanto concerne l’attrativa turistica, culturale e storica il Leccese detiene un primato che lo ha eletto a capostipite di quel Salento che rappresenta la culla di millenarie conoscenze e tradizioni. che il contro canto dell’opulenza naturale di litorali con acque cristalline e sabbie dorate, ne completa il quadro di luogo senta tempo.

Il boom economico salentino

Investire nell’acquisto di una seconda casa in quest’angolo di Puglia conviene perché, oltre ai succitati interessi, gli sforzi delle amministrazioni locali sono tesi a una crescente riaffermazione commerciale e industriale, che di concerto con la produzione di prodotti tipici esportati e apprezzati in tutto il mondo, sta rivalutando l’insediamento della densità abitativa, anche in quei centri in passato abbandonati per le grandi metropoli.

La provincia di Lecce, in particolare, data la sua immensa dislocazione territoriale che rappresenta da sola quasi i due terzi del Salento geografico, riveste un potenziale di investimento immobiliare molto alto, frutto non solo dello sviluppo vacanziero offerto da strutture ricettive ricercate e ambite, ma anche da un contesto socio culturale che guarda con crescente interesse all’univesrità e all’impiego dei più giovani.

Dunque ipotizzare qui l’acquisto di una seconda casa nel Salento potrebbe rivelarsi un ottimo investimento, in prospettiva anche di un possibile quanto definitivo trasferimento, in località fatte di semplicità e tranquillità, ma anche di una movida che intrattiene volentieri, per tutto l’anno, la vitalità delle nuove generazioni.

In tal senso possedere una casa in Salento si potrebbe tradurre come una rendita continua, qualora l’interesse speculativo del proprio investimento sia rivolto all’affitto dell’immobile, con medie di introiti che si rivalutano di anno in anno.

Sereni Orizzonti, cambio al vertice: Simone Bressan alla guida della holding

Scritto da studiolifestyle il . Pubblicato in Aziende, Locale, Salute

Il gruppo è leader nella costruzione e gestione di residenze sanitarie per anziani: 85 strutture attive in Italia e un piano di investimenti da 180 milioni

Sereni Orizzonti Holding

Cambio al vertice di Sereni Orizzonti Holding, capofila del Gruppo dell’imprenditore friulano Massimo Blasoni, e che costruisce e gestisce residenze sanitarie per anziani in Italia. Sereni Orizzonti con i suoi 5.000 posti letto è uno dei leader del settore, una realtà in grande crescita con un consolidato di oltre 150 milioni di euro e uno sviluppo costantemente in doppia cifra nell’ultimo quinquennio.

A prendere le redini della Holding è Simone Bressan, 36 anni, già impegnato con incarichi al Ministero del Lavoro, direttore di un Centro Studi economico nazionale e da tempo nell’organico dirigenziale del Gruppo. Bressan è, infatti, entrato in Sereni Orizzonti nel 2006 e negli ultimi due anni ha guidato LifeCare, l’immobiliare di sviluppo del gruppo.

“Siamo impegnati – ha spiegato Bressan – con un rilevante piano di sviluppo che prevede la realizzazione di oltre 2.500 nuovi posti letto entro il 2020 con investimenti per 180 milioni di euro: un progetto ambizioso ma coerente con la domanda di posti letto e l’incremento dell’aspettativa di vita media” – ha dichiarato Bressan.

Il gruppo è oggi già presente con 85 residenze in Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Sicilia e Sardegna.

Simone Bressan, 36 anni, al vertice di Sereni Orizzonti Holding

Simone Bressan, 36 anni, al vertice di Sereni Orizzonti Holding

Sereni Orizzonti 1 SpA
Via Vittorio Veneto, 45 Udine (UD)
Tel. 0432 506519
www.sereniorizzonti.it

Le nuove tendenze del turismo sostenibile e responsabile

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Locale, Turismo

Profumo di mare e lunghe giornate al sole, da sempre sono sinonimi dell’estate, delle vacanze e per vivere appieno questa stagione, sempre così speciale per grandi e piccoli, ci restano quattro ultimi appuntamenti con Happy Bio:  il 25 luglio al Bagno Kamala a Punta Marina T. (Ra), il 26 luglio al Bagno Vela a Punta Marina T. (Ra), il 26 luglio a La Frulleria  di  Marina di Ravenna (Ra) e il 27 luglio al Bagno Baloo Beach a Punta Marina T. (Ra).

Rileva Fausto Faggioli, promotore del progetto Happy Bio: “Quello delle vacanze sostenibili e attente all’ambiente  è un trend in continuo aumento. La mission di questo progetto, frutto della collaborazione fra Confcommercio e Camera di Commercio di Ravenna, Stabilimenti Balneari della costa ravennate e Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), è quello di far diventare  “la vacanza” occasione di promozione dell’intero territorio, assumendo come elemento strategico la sana alimentazione bio. E interagendo con le imprese del progetto “La Destinazione Ospitale del territorio ravennate”, promosso da Confcommercio Ravenna, con un’offerta territoriale che integra la potenzialità estiva della costa ravennate con le stagionalità dell’entroterra e del progetto “Autunno in Romagna”, un “ventaglio” di proposte turistiche dedicate ai viaggiatori che nei mesi autunnali potranno scegliere fra una vasta gamma di attività in calendario nei 15 Comuni dell’Unione della Romagna forlivese, legate all’enogastronomia, all’ospitalità, al paesaggio. A questo devono tendere le imprese riprogettando le proposte per concentrarsi sul territorio, sull’identità e autenticità come punto chiave della vacanza.”

”Ogni vacanza è una nuova esperienza – continua Antonella Tondo del Bagno Kamala –  non solo occasione di svago e relax ma anche modo per scoprire veri e propri percorsi pensati appositamente per imparare e approfondire le tematiche relative alla sostenibilità, al rispetto per l’ambiente, alla sana alimentazione.”

“Il nostro ospite – sottolinea Bruna Montroni del Bagno Vela è sempre più alla ricerca del cibo locale da abbinare alla cultura del luogo e l’enogastronomia diventa così il filo conduttore della vacanza, della destinazione poiché unisce la volontà di acquisire familiarità con nuove culture alla partecipazione a eventi, sagre  e attrazioni culturali che svolgono oggi un ruolo importante nel potenziamento del turismo culturale ed enogastronomico.”

“Una soluzione alternativa che trova grandi consensi presso grandi e piccoli – prosegue Paola Pancaldi de La Frulleria – sono “i frullati” di frutta e verdura bio che proponiamo con un pizzico di fantasia. Consumare i frullati immediatamente, non appena preparati, per poter godere appieno del suo potere vitaminico e nutritivo: un vero successo!”

“Puntiamo alla differenziazione della nostra offerta – termina Roberto Morgagni del Bagno Baloo Beach – con proposte in linea con le nuove tendenze del turismo sostenibile e responsabile, valorizzando le tradizioni, le tipicità enogastronomiche e le attività di outdoor e sport all’aria aperta.”

 

Download Innovation IT Festival 2018

Scritto da Sorint.Lab il . Pubblicato in Informatica, Locale, Tecnologia

Sorint.lab in collaborazione con il Comune di Bergamo, presenta la prima edizione di Download Innovation, il Festival dell’innovazione IT in programma sabato 8 e domenica 9 settembre 2018 nella suggestiva cornice del Lazzaretto di Bergamo.

Download Innovation è un happening dell’innovazione, delle opportunità e del domani, fuori dai formalismi e dall’accademico, d’ispirazione per le nuove generazioni.
Una manifestazione che coinvolge le eccellenze dell’universo IT e dell’innovazione in un confronto sulle ultime tendenze e tecnologie del mondo digitale: Bergamo diventa punto d’incontro tra professionisti dell’IT, geeks, nerds, startuppers e creativi per fare network, sviluppare idee e progetti ed individuare nuove soluzioni alle sfide del futuro.

Due giorni di innovazione e tecnologia, gratuiti ed aperti al pubblico, con oltre 30 sessioni tecniche di altissimo livello dedicate ai professionisti dell’IT (K8S, microservices, AI, Machine Learning, IoT, docker, cloud, SRE, DevOps), un Hackathon di 24 ore di sviluppo non stop, workshops, numerosi digital events (gaming, simulatori, coding), startuppers, drone experience, techtheatre, performance.

Oltre alle numerose attività formative e all’esposizione di progetti innovativi, è presente una ricca proposta di laboratori di coding e di lingua inglese, eventi culturali, musicali, d’intrattenimento, food e svago per famiglie e bambini.

Download Innovation è anche occasione di incontro con le scuole del territorio chiamate a partecipare al “Premio GFMarilli”, un concorso che offre la possibilità agli studenti degli Istituti Tecnici Superiori e dei Licei di Scienze Applicate della provincia di Bergamo di partecipare all’evento presentando progetti sui temi dell’Information Technology, sviluppati nel corso dell’anno scolastico 2017-18. (Per leggere il regolamento del concorso clicca qui)

Il programma della manifestazione sarà disponibile dalla metà di luglio sul sito download-event.io e sull’App “Download Innovation”.

Malandrino & Veronica accendono l’estate di Grado 61

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Gastronomia e Cucina, Locale, Spettacolo, Umorismo

Al via il 18 luglio il calendario estivo del locale di via Stalingrado 61 (BO), specializzato in colazioni d’autore, cucina emiliana e gustosi happy hour: comicità e paella per una serata all’insegna del divertimento.

Il locale bolognese che deve il nome alla sua stessa ubicazione (via Stalingrado 61) si prepara ad affrontare i mesi estivi con una variegata programmazione di eventi. Ad aprire il sipario ci penseranno il 18 luglio i famosi comici Malandrino & Veronica, bolognesi doc, invitati ad intrattenere gli ospiti di Grado 61 con una giocosa esibizione tratta dal loro esilarante repertorio artistico.

Alle 20.00, prima di lasciare spazio al mood della serata tra gag inedite e consolidati sketch, verrà offerta al pubblico una speciale degustazione del piatto spagnolo di maggior richiamo internazionale – la paella – realizzata dallo chef Michele Cocchi durante uno show cooking. Completerà la serata un momento riservato alla musica live.

Il duo comico farà la sua apparizione sul palco alle 22.00 e terrà compagnia alla platea fino alle 23.30, immergendosi nella rappresentazione di simpatiche peripezie e coinvolgendo i presenti in un’atmosfera goliardica e distensiva.

A rendere possibile la messa in scena dell’”InSolito Show” concorrerà la struttura del locale, pensato per accogliere situazione live e per garantire un’agevole fruizione di tutti gli spazi. L’installazione di un ampio palco rivolto verso via Stalingrado e la disponibilità di un dehor coperto – munito di tavoli e divanetti e arricchito dalla presenza di un chiosco in legno – sono infatti la concretizzazione di un progetto che preveda sì la proposta di un menu diversificato e rispondente a tutte le esigenze, ma che includa anche una calendarizzazione di eventi ad ampio spettro, resi possibili da un ambiente stimolante e congeniale.

A supporto dell’”InSolito Show” di Roberto Malandrino e Paolo Maria Veronica interverranno anche alcuni sponsor d’eccezione, come Volkswagen Autocommerciale, Škoda Autocommerciale, Kia Motorplus e Kia Kshop, Rinaldi Outdoord Space e Urban Flower. L’ingresso sarà gratuito per coloro che non desidereranno assaggiare il menù previsto per la cena.

La proposta gastronomica di Grado 61 spazia dalle colazioni – impreziosite dalla mano del suo autore, Gabriele Spinelli, maestro pasticcere di fama internazionale titolare del locale Dolce Salato di Pianoro (BO) – ai pranzi, realizzati dalla chef ed inseriti in una carta soggetta a variazioni stagionali.

Completa il quadro un’accurata selezione di vini e di birre artigianali, protagonisti indiscussi dell’aperitivo, accompagnati da una gustosa e ricercata offerta di appetizer a scelta tra salumi, panini gourmet e pasticceria salata.

www.facebook.com/grado61CafeCucina

Sviluppi Urbani srl nasce a Bologna trent’anni fa dall’unione di professionisti con esperienze di successo nel settore immobiliare, nella consulenza retail e nella gestione e commercializzazione di complessi commerciali. Negli anni si è occupata anche di progetti di start up legati al retail e alla ristorazione nei quali è stato ideato il concept architettonico e l’immagine interna, definito il format, e realizzato il locale, grazie ad un team di architetti interni in grado di seguire le fasi di progettazione, costruzione e allestimento dei punti vendita.

Un mondo “tutto bio” da scoprire e da gustare in riva al mare

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Locale

Una protagonista dei nostri pomeriggi al mare è sicuramente l’iniziativa Happy Bio, che porterà tanta frutta bio nei prossimi appuntamenti sulla costa ravennate il 13 luglio ai Bagni Bologna, Bolognino e Angolo B a Punta Marina T. (Ra), il 17  luglio al Bagno Romeo a Casal Borsetti (Ra), il 19 luglio al Bagno Marinamore a Marina di Ravenna (Ra), il 21 luglio al Bagno Merida a Punta Marina T. (Ra).

Frutto della collaborazione fra Confcommercio e Camera di Commercio di Ravenna, Stabilimenti Balneari della costa ravennate e Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), la mission di Happy Bio è quella di raccordare  al polo costiero romagnolo un’offerta in cui  “la vacanza” stessa diventa occasione di promozione dell’intero territorio, assumendo come elemento centrale strategico la sana alimentazione bio.

Rileva Fausto Faggioli, promotore del progetto: ”L’obiettivo è un turismo sostenibile in grado di rispettare ambiente, cultura, economia. A questo devono tendere le imprese riprogettando le proposte per concentrarsi sul territorio, sull’identità e autenticità come punto chiave della vacanza. E interagendo con le imprese di progetti come “La Destinazione Ospitale del territorio ravennate”, promosso da Confcommercio Ravenna, con un’offerta territoriale che integra la potenzialità estiva della costa ravennate con le stagionalità dell’entroterra e “Autunno in Romagna”, un “ventaglio” di proposte turistiche dedicate ai viaggiatori che nei mesi autunnali potranno scegliere fra una vasta gamma di attività in calendario nei 15 Comuni dell’Unione della Romagna forlivese, legate all’enogastronomia, all’ospitalità, al paesaggio. Tutto questo per un  turismo che sia fattore di competitività del territorio e sviluppo economico.”

“Puntiamo a un turismo esperienziale – aggiunge Valeria Rustignoli dei Bagni Bologna, Bolognino e Angolo B – con proposte per  “vivere”  una vacanza anziché trascorrerla. Paesaggi, mare, sole ma anche tante opportunità per un’esperienza di turismo sostenibile a contatto con le imprese aderenti al progetto Happy Bio.”

“La scelta di una vacanza eco-friendly – continua Romeo Gambetti del Bagno Romeo – è il punto di partenza per ogni turista che voglia definirsi “green”, per ogni turista che voglia fare esperienze “local”. Il progetto Happy Bio è una grande “chicca” per contribuire all’obiettivo di un turismo sostenibile per quanto riguarda la sana alimentazione, privilegiando il biologico.”

“Anche in vacanza, siamo tutti sempre più iperconnessi – commenta Giacomo Rossi del Bagno Marinamore – e il settore bio deve avvantaggiarsi dell’utilizzo di nuovi strumenti e tecnologie, considerando che i nuovi consumatori biologici saranno in gran parte rappresentati dalla generazione dei “millennials nativi digitali”. Ma la cosa più importante è che il sapore di un frutto appena raccolto è un’esperienza di “gusto” unica che crea partecipazione, per un nuovo modo di consumare, anche sociale. Quindi, insostituibile.”

Conclude Luisa Zannoni del Bagno Merida: “L’ospitalità è fatta di piccoli gesti, di delicate attenzioni e l’appuntamento Happy Bio è il momento ideale per informare il nostro turista in vacanza sull’offerta del territorio, i prodotti tipici, i luoghi da visitare, le tradizioni e l’enogastronomia. Un servizio prezioso, per un’accoglienza di qualità.”

Cibi e Vini Tipici di Firenze e della Toscana

Scritto da florencetours il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Gastronomia e Cucina, Locale

La campagna collinare intorno a Firenze è da sempre coltivata con cura dalla popolazione locale grazie alle favorevoli caratteristiche del territorio, nel corso del tempo sono state create coltivazioni capaci di produrre eccellenti prodotti enogastronomici.
Le eccellenze enogastronomiche si possono degustare facilmente in una delle molte trattorie tipiche o anche durante eventi come le sagre che vengono organizzati in luoghi di campagna all’aperto con servizi di catering prezzi economici.
Tra le coltivazioni più conosciute ed apprezzate c’è sicuramente quella dei vini, i vini toscani più rinomati sono quelli della zona del Chianti, in questa zona nel corso del tempo sono stati introdotti particolari vitigni adatti ad ottenere uve particolarmente buone per la produzione dei vini.
A contribuire alla fama e alla diffusione dei vini toscani è anche il turismo proveniente da tutto il mondo, con il classico metodo del passa parola i turisti in visita a Firenze ed in Toscana una volta tornati nei loro paesi acquistano i vini toscani a distanza contribuendo ad alimentare la diffusione dei vini toscani nel mondo.
Visitando Firenze e gli altri luoghi della Toscana oltre agli eccellenti vini di questa regione di italia si possano degustare gli ottimi cibi toscani, la tradizione culinaria toscana affonda le proprie radici nella storia secolare di questa zona di italia.
La tradizione fiorentina e toscana è fatta di ottimi primi piatti che derivano dalla tradizione popolare di questa zona di italia, molti primi tipici toscani sono realizzati con il pane tra questi i più apprezzati sono la ribollita, l’acqua cotta, la minestra di pane e per il periodo estivo la fresca panzanella.
Tra cibi tipici della Toscana ci sono gli ottimi salumi come il salame, la finocchiona, la soprassata e il tipico prosciutto toscano, questi cibi a Firenze vengano serviti come ottimi antipasti nei migliori ristoranti e servizi di catering firenze.
Se si visita Firenze e si ama la carne il piatto da provare assolutamente è la bistecca alla Fiorentina, questo piatto è conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. La vera bistecca alla Fiorentina viene realizzata con una parte del manzo particolarmente morbida alla quale viene lasciato l’osso, questa carne viene poi velocemente cotta alla brace in modo da rimanere morbida e cruda nella sua parte interna.
Per chi ama i dolci a Firenze si possano trovare i dolci tipici toscani come i cantucci accompagnati con il vin santo, altri tipici dolci toscani di vecchia tradizione ci sono il castagnaccio e il buccellato.
Oltre ai dolci della classica tradizione Toscana a Firenze si possano trovare sia nei ristoranti che nelle pasticcerie una grande varietà di dolci derivanti da tradizioni culinarie di altri paesi, questa ampia varietà di dolci la si deve al carattere internazionale che Firenze ha avuto fin dall’antichità quando la città era già un luogo frequentato da importanti visitatori provenienti da tutta europa.

Il Gal L’altra Romagna presenta il bando pubblico “Diversificazione attività agricole con impianti per la produzione di energia da fonti alternative” nell’incontro di Mercato Saraceno

Scritto da Gal L Altra Romagna il . Pubblicato in Economia, Locale

Il Gal L’Altra Romagna, organizza un incontro pubblico per presentare al territorio lo stato di avanzamento di attività e bandi della propria Strategia di Sviluppo Locale e in particolare per la presentazione del bando pubblico “Diversificazione attività agricole con impianti per la produzione di energia da fonti alternative”.

 L’incontro, aperto a tutti gli interessati e alla cittadinanza, è fissato a mercoledì 11 luglio 2018 ore 21 a Mercato Saraceno(FC) presso la sala consigliare comunale in Piazza Mazzini 50.

Ospiti del Comune di Mercato Saraceno, verranno illustrate dal Presidente Bruno Biserni e dal Direttore Mauro Pazzaglia, le opportunità previste dal bando pubblico Azione 6.4.02 “Diversificazione attività agricole con impianti per la produzione di energia da fonti alternative” all’interno della Misura 19 del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia Romagna, con scadenza dei termini di presentazione delle domande fissate al 8 ottobre 2018.

Il bando stanzia 500.000,00€ di risorse da destinare a imprenditori agricoli, singoli o associati ricadenti nelle aree dei Comuni gestiti dal Gal L’Altra Romagna all’interno del PSR 2014-2020:

Bagno di Romagna, Borghi, Brisighella, Casola Valsenio, Castel bolognese (parzialmente), Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Faenza(parzialmente) Galeata, Meldola, Mercato Saraceno, Modigliana, Montiano, Portico e San Benedetto, Predappio, Premilcuore, Rocca San Casciano, Roncofreddo,  Riolo Terme, Santa Sofia, Sarsina, Sogliano al Rubicone, Tredozio e Verghereto.

Il sostegno in forma di contributo in conto capitale concesso è pari al 50% della spesa ammissibile a contributo.

Il bando è consultabile e scaricabile sul sito www.altraromagna.it.

L’incontro vedrà l’affiancamento al Gal L’Altra Romagna anche della BCC di Sarsina rappresentata dal Presidente Mauro Fabbretti e dal Direttore Mauro Freschi, che interverrà tematiche legate al sostegno finanziario ed economico all’agricoltura e al termine della serata  offrirà un piccolo buffet a tutti coloro che presenzieranno.

La cittadinanza e tutti gli interessati sono invitati.

L’ufficio stampa

GAL L’ALTRA ROMAGNA