Olga Trevisan in mostra a Treviso

Scritto da Redazione il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Palazzo Trecento TrevisoNella loggia del Trecento in Piazza dei Signori a Treviso lo Studioo Onlus con il patrocinio del Comune di Treviso ha organizzato una tre giorni di sensibilizzazione, sul tema della violenza sulle donne, concentrandosi sul problema specifico dei matrimoni precoci, proponendo l’installazione artistica “Dedica. 75’000 cm per 75’000 piccole donne” di Olga Trevisan.
Ogni centimetro è dedicato a ciascuna delle 25.000 spose bambine che quotidianamente subiscono un’imposizione fisica o psicologica. I 75.000 cm di bava che si avvolgeranno lungo un fuso vogliono sostituire al numero una dimensione fisica e nella trasparenza del materiale vi è il desiderio di ricordare il sottile confine che separa, nelle nostre coscienze, la parola invisibile e la parola inesistente.

MIUR JOB&Orienta: rafforzare il dialogo tra mondo del lavoro e mondo formativo

Scritto da Phinet il . Pubblicato in Cultura

Il MIUR, costantemente impegnato ad incoraggiare e promuovere l’incontro tra il mondo della scuola e quello delle aziende, sarà presente alla 22° edizione diJOB&Orienta, la mostra-convegno dedicata a orientamento, scuola, formazione e lavoro, che si terrà alla Fiera di Verona dal 22 al 24 novembre. Lo spazio espositivo del MIUR vedrà protagonista l’innovazione e verrà approntato all’insegna della tecnologia, della digitalizzazione e dell’obiettivo “zero carta”. I visitatori che accederanno allo spazio MIUR avranno la possibilità di consultare su Tablet e tramite video proiettati tutte le notizie sulle attività ed i progetti degli espositori. Tra questi “IoStudio – la Carta dello Studente”.

MIUR e innovazione si incontrano a Verona tra il 22 e il 24 novembre presso lo spazio Fiera, in occasione della 22° edizione della mostra/convegno “JOB&ORIENTA”.

Il MIUR è costantemente impegnato ad incoraggiare e promuovere l’incontro tra il mondo della scuola e quello delle aziende, rivolgendo la propria attenzione verso quegli eventi in grado di aprire ai giovani studenti le porte del mondo del lavoro e sensibilizzarne lo spirito di dinamicità e di creatività.

Il JOB&ORIENTA rappresenta il tradizionale appuntamento di incontro tra il mondo della scuola ed il mondo dell’impresa, incentrato sui temi della formazione e dell’orientamento post-diploma e post-laurea. Al centro dell’edizione di JOB&Orienta di quest’anno la necessità di rafforzare il dialogo tra mondo del lavoro e mondo formativo e valorizzare la capacità di fare impresa dei giovani riaccendendo le loro “vocazioni”. Tante saranno le questioni da affrontare: la disoccupazione giovanile, il mismatch che vede le imprese alla difficile ricerca di figure professionali adeguate e il basso coinvolgimento dei giovani nella formazione di una nuova classe dirigente. Verrà condiviso e diffuso un nuovo concetto di orientamento in cui gli Istituti Tecnici e Professionali, i Poli Tecnico-Professionali, gli Istituti Tecnici Superiori, l’Apprendistato, l’Alternanza Scuola-Lavoro, i Laboratori, l’Impresa Formativa Simulata sono tutte modalità per fare dell’incontro con la vita reale il cardine di un’efficace azione di preparazione alla scelta del miglior percorso di formazione.

Lo spazio espositivo del MIUR verrà approntato all’insegna della tecnologia, della digitalizzazione e dell’obiettivo “zero carta”.

Quest’anno i visitatori che accederanno allo spazio MIUR avranno la possibilità di consultare su Tablet e tramite video proiettati tutte le notizie sulle attività ed i progetti degli espositori. Tra questi “IoStudio – la Carta dello Studente”.

Lo stand IoStudio di questa edizione riprenderà alcune attività dell’anno precedente che hanno riscosso successo e coinvolgimento tra i ragazzi, abbinandole alle novità pensate per quest’anno fra le quali:

  • Dirette “live streaming” sul canale skuola.net
  • Consultazione online di progetti ed attività
  • Il treno RAI-SCUOLA per la proiezione dei video
  • Giochi a premi e animazione nello stand
  • Il LABIRINTO ALMADIPLOMA per “non perdersi” nella giungla dell’università

FONTE: Io Studio

Inaugurazione della nuova sede della biblioteca comunale di Tarquinia

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Sabato 24 novembre, alle ore 17.00, sarà inaugurata nel prestigioso Palazzo Bruschi Falgari la nuova sede della biblioteca comunale di Tarquinia. All’evento parteciperanno il sindaco Mauro Mazzola, l’assessore ai Lavori Pubblici Anselmo Ranucci, il consigliere comunale Angelo Centini, il gruppo di architetti e tecnici che hanno restaurato gli spazi interni dello splendido edificio. Ospite d’eccezione il critico letterario Massimo Onofri, che terrà una lezione sulla vita e sulle opere del poeta Vincenzo Cardarelli, cui sarà intitolata la biblioteca. La struttura si trova al piano nobile dell’edificio, occupa una superficie di oltre700 metri quadrati, suddivisi in ampie stanze con pareti e soffitti affrescati, e accessibile anche alle persone diversamente abili con un ascensore. L’evento è aperto a tutta la cittadinanza. L’appuntamento è stato inserito nel programma di “Incontri con l’autore”, il ciclo di appuntamenti letterari legato al “Premio Tarquinia Cardarelli”, le cui serate finali avranno luogo venerdì 7 e sabato 8 dicembre.

 

Rosa Matteucci a “Incontri con l’autore”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

Si chiuderà con Rosa Matteucci “Incontri con l’autore”. Nella sala consiliare del palazzo comunale sabato 17 novembre, alle ore 18, la scrittrice dialogherà con il direttore del “Premio Tarquinia Cardarelli” Massimo Onofri e il critico Filippo La Porta del libro Le donne perdonano tutto tranne silenzio (Giunti, 2012), favola dolceamara dove domina l’amore con le sue regole impazzite. Sul set di un film che non si farà, un Calvario dove Cristo non muore davvero e quindi non risorge, va in scena la storia dei destini incrociati di due donne, un’attrice giovane non protagonista e una matura giornalista free lance. In un solo giorno, scopriranno sorte e ragione delle loro sofferenze interiori, dovute come da copione a figure maschili indifferenti e ciniche. I nodi e i dolori delle due figure femminili si risolvono nel duello finale, ai piedi di una metaforica croce della Passione, per l’evocazione memorabile di una grottesca e geniale apocalisse, popolata di figure simboliche e di fantasmi, necessario preludio alla riscossa dell’Amore. All’esordio con il romanzo Lourdes (Adelphi, 1998), con cui si aggiudica il “Premio Grinzane Cavour”, Rosa Matteucci pubblica Libera la Karenina che è in te (Adelphi, 2003) che è tra i finalisti del “Premio Viareggio”. Dà alle stampe Cuore di mamma (Adelphi, 2007), con il quale vince ancora una volta il “Premio Grinzane Cavour”, e Tutta mio padre (Bompiani, 2010), entrato nel gruppo dei dodici finalisti del “Premio Strega”. Editorialista, collabora con Il Secolo XIX, La Nazione, Il Giornale, Il Sole 24 Ore e La Stampa. “Incontri con l’autore” è una manifestazione organizzata dal Comune di Tarquinia, nell’ambito del “Premio Tarquinia Cardarelli”, con il sostegno della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, della Camera di Commercio Viterbo, di Unindustria, della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo e della Cassa Edile Viterbo.

Piperno e di Consoli a “Incontri con l’autore”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

“Incontri con l’autore” proporrà sabato 10 novembre due prestigiosi appuntamenti: alla mattina, alle ore 11.00, Alessandro Piperno, vincitore del “Premio Strega” con Inseparabili (Mondadori, 2012), dialogherà con gli studenti dell’I.I.S. “Vincenzo Cardarelli”; il pomeriggio, alle ore 18.00, nella sala consiliare del palazzo comunale, il direttore del premio Massimo Onofri e il critico Filippo La Porta converseranno con Andrea di Consoli, autore de La collera (Mondadori, 2012). Alessandro Piperno risponderà alle domande dei ragazzi su Inseparabili, libro in cui riporta in scena la famiglia Pontecorvo, già conosciuta nel precedente Persecuzione, per ripercorrere le vite di Filippo e Samuel dopo la dolorosa morte del padre Leo Pontecorvo e per raccontarci le loro vicende esistenziali sempre influenzate dalla vergogna del passato tra successo e sconfitta.  Andrea di Consoli farà conoscere la storia di Pasquale Benassìa, calabrese antimeridionale, operaio e fascista, meschino e sognatore, che finisce negli anni Settanta per andare a lavorare a Torino, alla FIAT, ed essere costretto a ritornare nella sua terra, e attraverso di essa l’oscura malattia di un’Italia, oggi come quarant’anni fa, insoddisfatta e aggressiva, umorale e fiera. Alessandro Piperno ha raggiunto la notorietà grazie a Con le peggiori intenzioni (Mondadori, 2005), vincitore del “Premio Viareggio” e del “Premio Campiello Opera Prima”, e ha dato poi alle stampe Persecuzione, primo volume del dittico II fuoco amico dei ricordi (Mondadori, 2010). Andrea Di Consoli ha pubblicato le raccolte poetiche Discoteca (Palomar, 2003) e La navigazione del Po (Aragno, 2007), il libro di racconti Lago negro (L’Ancora del Mediterraneo, 2005), il romanzo Il padre degli animali (Rizzoli, 2007), vincitore tra l’altro del “Premio Mondello” e del “Premio Grinzane Cavour”. “Incontri con l’autore” è una manifestazione organizzata dal Comune di Tarquinia, nell’ambito del “Premio Tarquinia Cardarelli”, con il sostegno della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, della Camera di Commercio Viterbo, di Unindustria, della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo e della Cassa Edile Viterbo.

Edoardo Albinati a “Incontri con l’autore”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura

C’era una volta un’Italia attiva e industriosa, attraverso cui scorrazzavano sulle loro Alfa Romeo uomini di multiforme ingegno: gli imprenditori. L’ingegner Albinati era uno di questi, prototipo di una razza al tempo stesso serissima e scanzonata, di pionieri del benessere e fumatori accaniti. Ma la sua spinta vitale all’improvviso cambia di segno trasformandosi in malattia, che lo divora e se lo porta via. Vita e morte di un ingegnere (Mondadori, 2012) è l’ultimo romanzo di Edoardo Albinati che sarà sabato 27 ottobre ospite a “Incontri con l’autore”. Lo incontreranno nella sala consiliare del palazzo comunale, alle ore 18.00, il direttore del “Premio Tarquinia Cardarelli” Massimo Onofri e il critico letterario Raffaele Manica. Vincitore del “Premio Giuseppe Dessì” e del “Premio Letterario Internazionale Mondello”, lo scrittore racconta in questo libro le vane speranze, e poi i tentennamenti, gli slanci e i rimorsi del padre, inseguendone la parabola umana negli anni dell’affermazione e poi nel doloroso epilogo. Le sue pagine ridanno vita a una generazione di uomini instancabili che hanno costruito e al tempo stesso disfatto la loro vita, pagando questa impresa con un’incolmabile distanza dai propri figli. Edoardo Albinati ha pubblicato libri di narrativa e poesia, tra cui Il polacco lavatore di vetri (Longanesi, 1989), Orti di guerra (Fazi, 1997), Maggio selvaggio (Mondadori, 1999), 19 (Mondadori, 2000), Sintassi italiana (Guanda, 2001), Il ritorno (Mondadori, 2002), Svenimenti (Einaudi, 2004), Tuttalpiù muoio, scritto assieme a Filippo Timi (Fandango 2006), Guerra alla tristezza! (Fandango 2009). Dal 1994 lavora come insegnante presso il penitenziario di Rebibbia a Roma. “Incontri con l’autore’” è una manifestazione organizzata dal Comune di Tarquinia, nell’ambito del “Premio Tarquinia Cardarelli”, con il sostegno della Regione Lazio, della Provincia di Viterbo, della Camera di Commercio Viterbo, di Unindustria, della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo e della Cassa Edile Viterbo.

PROMOSSA A PIENI VOTI LA PRIMA EDIZIONE DI BUSINESS MEETS ART ORGANIZZATA DA ETRARTE

Scritto da Associazione culturale ETRARTE il . Pubblicato in Arte, Comunicati Stampa, Cultura, Italia

Grande affluenza di pubblico da tutta la Regione: molti i temi del dibattito che ha animato le due giornate

Gli appuntamenti udinesi di venerdì 19 e sabato 20 ottobre di Business Meets Art, primo convegno nazionale su arte e impresa curato dall’Associazione ETRARTE in coprogettazione con il Comitato Trieste Contemporanea hanno centrato un tema che si sapeva di grande dibattito nel campo degli addetti ai lavori ma che si è dimostrato di grande interesse e attualità anche per il pubblico più largo. Sia le sessioni di confronto svoltesi in Sala Ajace, che l’incontro dedicato al design presso il Friuli Future Forum hanno visto la partecipazione di un pubblico davvero folto e motivato, così anche l’appuntamento serale con il format Accento ospitato al Visionario e la visita guidata a Casa Cavazzini.

Quale ruolo giocano l’arte e più in generale la cultura nella sfida economica contemporanea del nostro paese? E nella nostra regione? Ne hanno parlato 18 relatori provenienti da tutto il paese, tra imprenditori, docenti e professionisti della cultura, cui si sono aggiunti i 10 speaker protagonisti della serata con Accento, connessioni creative. Una tematica ampia, trasversale e quanto mai necessaria, che ha suscitato l’interesse di una platea eterogenea per età, professione e punti di vista. Il dibattito si è svolto parallelamente anche via web, raccogliendo molti contributi soprattutto tramite Twitter (attorno all’hashtag #BMA2012), dove si trovano tutte le testimonianze più importanti e i punti salienti affrontati.

La frase di apertura dei lavori “niente cultura, niente sviluppo” è stata discussa in tutti gli interventi e pur nella diversità degli approcci, l’analisi dei relatori ha concordato che niente cultura significa niente futuro, niente made in Italy, niente turismo, niente consapevolezza e valorizzazione della bellezza che il mondo ci riconosce. Gli approfondimenti sono stati molti e gli spunti emersi importantissimi.

Gli osservatori a convegno hanno detto che il consumo di cultura è destinato ad aumentare e la cultura e il business possono integrarsi e convivere. Lo ha sottolineato nel primo panel di venerdì mattina il giornalista de Il Sole 24 Ore Stefano Salis, d’accordo con l’Assessore regionale Elio De Anna, che nel suo intervento ha detto che l’impresa deve sposare il progetto culturale e che si deve ora parlare di partnership e non di semplice sponsorship. Stefano Micelli dell’Università Ca’ Foscari ha fatto presente che non bisogna pensare che la cultura della conoscenza è immateriale, come oggi si tende a fare: bisognerebbe creare direttamente in azienda un dipartimento di ricerca e di sviluppo che si occupi della crescita culturale interna all’organizzazione.

Ma è necessario affrontare adesso il problema, in veri e propri termini di emergenza. Sia Giuseppe Furlanis del Ministero dell’Università, Istruzione e Ricerca che Luca Dal Pozzolo direttore dell’Osservatorio Culturale del Piemonte sono stati chiarissimi: l’Italia ha ancora 4-5 anni per giocare questa partita, per salvare la leadership che il mondo riconosce al suo storico “brand culturale”, dopodiché avrà completamente abdicato e noi saremo fuori dai nuovi scenari che verranno proposti dalle nuove economie del sud est asiatico, che in cultura spendono moltissimo.

Dopo aver analizzato tutti i contributi raccolti, ovvero gli interventi dei relatori, ma anche tutte le opinioni espresse del pubblico, i commenti lasciati sui questionari, le email e tutti i materiali inviati tramite internet, ETRARTE comunicherà quali saranno i prossimi passi concreti di questo percorso, le iniziative future che possano proseguire l’approfondimento e i progetti da sviluppare. Come nelle intenzioni iniziali dell’associazione, Business Meets Art non è che il primo momento di confronto nella costruzione di un dialogo tra il mondo economico e il settore culturale in Friuli Venezia Giulia che deve divenire permanente.

Per rendere accessibile il dibattito anche a chi non era presente a Udine alcuni estratti video verranno pubblicati sul canale YouTube dell’Associazione Etrarte (http://bit.ly/UHf1XA) e, anche per rispondere alle molte richieste già pervenute, verranno pubblicati gli atti del convegno.

Per rimanere aggiornati sulle iniziative di Etrarte e sul progetto Business Meets Art è possibile consultare il sito ufficiale, www.businessmeetsart.it, o seguirci su Facebook (www.facebook.com/BusinessMeetsArt) e Twitter (@_BMA2012; #BMA2012).

Per maggiori informazioni scrivere a: posta@businessmeetsart.it o telefonare al 329 4575456.

CONTATTI

Ufficio stampa FVG >> Ass. ETRARTE

Gloria Deganutti

gloria.deganutti@gmail.com

Federica Manaigo

federica@associazionetrarte.it

tel. 329 4575456

Referente stampa nazionale >> Agenzia Aipem

Francesca Ferro

fferro@aipem.it

tel. 0432-504433

Business Meets Art. FVG >collaborazioni creative

un progetto a cura dell’Associazione ETRARTE

“Cin’è Musica Concerto”

Scritto da Daniele79 il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura, Film, Musica, Spettacolo

Cinema e musica per l’autunno tarquiniese. La sala consiliare del palazzo comunale tornerà a ospitare nelle domeniche di ottobre, novembre e dicembre (ore 16.30, ingresso libero) “Cin’è musica e concerto”, la rassegna ideata da Dino Alfieri, Pino Moroni e Piero Nussio e organizzata dall’Assessorato alla Cultura. Primo appuntamento il 14 ottobre dedicato a Domenico Modugno e Pier Paolo Pasolini, con il concerto Dal vento rapito e la recitazione tratti dal film Cosa sono le nuvole, cui seguirà la proiezione dei trailer di tutte le pellicole in cartellone. Il genere country sarà protagonista il 21 ottobre con le armoniche a bocca di Leno Landini e il bangio di Danilo Cartia e il film Crazy Hearth (regia di Scott Cooper). Il 28 ottobre spazio alle note della banda “Giacomo Setaccioli” e alla pellicola Totò a colori (regia di Steno). La lirica, il 4 novembre, aprirà il secondo mese di “Cin’è Musica Concerto” con l’esibizione del soprano Elisabetta Torresi, accompagnata al pianoforte da Roberta Ranucci, e il film La Tosca (regia di Luigi Magni). Musiche e atmosfere mediterranee l’11 novembre, con il concerto del gruppo dei “PizziCanto” e il film Basilicata Coast to Coast, (regia di Rocco Papaleo). Una “Roma popolana” rivivrà il 18 novembre con i sonetti del poeta Giovanni Gioacchino Belli recitati da Carlo Ettorre e la pellicola Le voci bianche (regia di Pasquale Festa Campanile). Chiusura il 1° dicembre dedicata alla musica jazz del compositore statunitense Cole Porter e alla sua figura con il film De-Lovely (regia Irwin Winkler).

BUSINESS MEETS ART, IL PRIMO CONVEGNO NAZIONALE PROMOSSO DA ETRARTE

Scritto da Associazione culturale ETRARTE il . Pubblicato in Arte, Aziende, Comunicati Stampa, Cultura

CULTURA È SVILUPPO: il tema dell’anno arriva in Friuli Venezia Giulia
A Udine il 19 e 20 ottobre professionisti ed esperti da tutta Italia raccontano le collaborazioni creative del futuro

Udine, 27/09/2012

Ha iniziato il Sole 24Ore e a ruota ne hanno parlato in tutta la penisola: la cultura genera sviluppo ed è una delle chiavi vincenti per uscire dalla crisi. Ma come fare?
Se ne parlerà a Udine venerdì 19 e sabato 20 ottobre nel primo convegno nazionale “Business Meets Art”, un momento di incontro tra arte e impresa organizzato dall’Associazione culturale ETRARTE. L’evento sarà completamente gratuito e aperto a tutti. L’iniziativa è realizzata in coprogettazione con il Comitato Trieste Contemporanea, con il contributo della Regione – Assessorato alla Cultura, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Udine, delle associazioni Confartigianato e Confcommercio Udine, di Confindustria Friuli Venezia Giulia e Turismo FVG.

Professionisti ed esperti di tutta Italia saranno ospiti di ETRARTE in Sala Ajace e in altre location della città per raccontare le eccellenze italiane ed europee: un primo passo per favorire il dialogo tra soggetti pubblici e privati e stimolare la creazione di nuove reti e partnership.
Alcuni tra i relatori confermati: la dott.ssa commercialista Lucia Starola esperta in materia di sponsorizzazioni, il Presidente dell’Osservatorio della Cultura del Piemonte e Vicepresidente della Fondazione Fitzcarraldo Luca Dal Pozzolo, il docente di Ca’ Foscari e autore di “Futuro artigiano” Stefano Micelli, il cultural manager e direttore di “Tafter Journal” Stefano Monti, l’ideatore del Festival Città Impresa Filiberto Zovico. Nella mattinata di venerdì 19 ottobre interverranno inoltre gli Assessori regionali Elio De Anna e Federica Seganti.

Esattamente a otto mesi dalla pubblicazione del Manifesto per la Cultura pubblicato sul Sole 24 Ore (del 19 febbraio), nell’anno che ha visto l’occupazione del Teatro Valle a Roma e del Forum delle Culture di Napoli, il contenzioso Tod’s – Colosseo, la presa di posizione del Ministro Ornaghi sulla defiscalizzazione e l’intervento del Presidente della Repubblica – solo per citare alcuni degli esiti più conosciuti – ed esattamente mentre Lucca ospita il prestigioso Lu.Be.C., anche a Udine si parlerà di quali siano i possibili percorsi comuni tra il mondo della cultura e le realtà imprenditoriali per crescere insieme.

Un progetto che vuole gettare uno sguardo oltre la crisi, con la lente d’ingrandimento puntata però sulla nostra regione, come recita il sottotitolo del progetto: “FVG collaborazioni creative”. «Il progetto nasce come base di ricerca – dice l’ideatrice di ETRARTE Federica Manaigo – per promuovere lo scambio culturale e contemporaneamente veicolare le eccellenze aziendali della regione, condividendo spazi organizzativi, circuiti territoriali e canali promozionali, superando i confini territoriali delimitati dalle singole città o province. Il progetto risponde alle caratteristiche di innovatività – continua la Presidente dell’associazione Elena Tammaro – perché si propone di migliorare i rapporti fra settore produttivo e settore culturale creando un plus valore per entrambi i partner.»

“Business Meets Art” sarà un momento di dialogo e approfondimento: una piattaforma di comunicazione tra universo creativo e mondo dell’impresa. La partecipazione è libera e aperta a tutti, previa registrazione. Per avere tutte le informazioni, gli aggiornamenti sul programma e sugli eventi collaterali consultare il sito: www.businessmeetsart.it

Per seguirci on-line:
Facebook www.facebook.com/BusinessMeetsArt
Twitter @_BMA2012 #BMA2012

Per iscriversi gratuitamente al convegno:
http://businessmeetsart.eventbrite.it/

CONTATTI

Ufficio stampa FVG / Ass. ETRARTE
Gloria Deganutti
gloria.deganutti@gmail.com
Federica Manaigo
federica@associazionetrarte.it

Referente stampa nazionale / Agenzia Aipem
Francesca Ferro
fferro@aipem.it

Business Meets Art. FVG > collaborazioni creative
un progetto di Elena Tammaro e Federica Manaigo
a cura dell’Associazione ETRARTE

L’Associazione Culturale ETRARTE sioccupa della promozione e del sostegno alla ricerca artistica in ambito Contemporaneo. L’Associazione è particolarmente attenta alle produzioni culturali e agli artisti legati al territorio della Regione Friuli Venezia Giulia. Sin dal 2006, le attività realizzate dal ETRARTE si sono sviluppate attorno alle produzioni artistiche, ma anche al loro contesto, cercando di creare un dialogo costruttivo e reciproco fra chi produce arte e il suo pubblico. Negli anni ETRARTE ha sviluppato importanti collaborazioni, ottenendo il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia per la celebrazione del quinquennio STICEBORIS; manifestazione che si è svolta dal 2006 al 2010 e che ha coinvolto più di sessanta giovani artisti legati al territorio regionale. ETRARTE ha inoltre curato tre edizioni della famosa manifestazione “Immaginare il tempo”, che si tiene annualmente, al cadere dell’Equinozio d’Autunno, nel bellissimo Borgo di Clauiano (UD). Dal 2009 ETRARTE sta sviluppando nuovi percorsi che legano l’attività imprenditoriale e le realtà culturali d’eccellenza. Nel 2010 ha realizzato il progetto BERNARDI MEETS ART, coinvolgendo l’azienda Bernardi Group in un’iniziativa a cadenza annuale che ha permesso la creazione di una “collezione” legata all’arte contemporanea. Nuovo input a questa interazione fra impresa e realtà creative, viene proprio dalla Comunità Europea, che intende stimolare ed implementare queste relazioni come dichiarato nelle linee guida del “libro verde” 2014-2020. Con “Business Meets Art” ETRARTE intende dunque promuovere occasioni di dialogo tra il mondo dell’imprenditoria e le eccellenze culturali del territorio. Recentemente l’associazione ha inoltre curato le esposizioni d’Arte Contemporanea in occasione della manifestazione Vicino/Lontano, Premio Tiziano Terzani ed ha ricevuto il Premio Città Impresa in occasione del Festival Città Impresa promosso da Nordest Europa e Corriere della Sera.

La Compagnia del Cavatappi “Dall’uva al Calice” mostra fotografica

Scritto da giovanniputignano il . Pubblicato in Cultura, Fotografia, Internet

Con il prossimo “Orientamento al Vino”, il 20 Ottobre, La Compagnia del Cavatappi allestirà una vetrina fotografica dal titolo “Dall’uva al Calice”, una nuova iniziativa che La Compagnia del Cavatappi, vendita vini online, lancia a tutti gli appassionati di fotografia.

La vetrina fotografica,“Dall’uva al Calice”, vedrà coinvolti fotografi amatoriali che, attraverso istantanee, cattureranno le diverse attività che portano alla produzione del vino. La vendemmia, la sgranatura, la pigiatura, tutte tappe che punteggiano, il paesaggio rurale durante i vari momenti di un cammino che porta dall’uva al calice.

La vendemmia, che assomma in sé aspetti culturali e produttivi ed è simbolo di uno stretto legame tra il territorio e la comunità, verrà fermata attraverso immagini di momenti, di storie, d’emozioni che raccontino le nostre “radici”.

Alla mostra fotografica, “Dall’Uva al Calice”, possono partecipare un massimo di 10 (dieci) fotografi amatoriali, presentando ognuno un massimo di 3 (tre) fotografie di dimensione 30 x 40 cm.
Le prime 10 (dieci) candidature che giungeranno all’indirizzo info@lacompagniadelcavatappi.it, saranno considerate partecipanti all’esposizione.
Per ogni candidatura basterà segnalare Nome, Cognome e Comune di residenza.

Le candidature saranno rese pubbliche due settimane prima dell’esposizione sul sito www.Lauriaonline.it ovvero il 6 Ottobre (saranno quindi accettate candidature entro la data massima del 5 Ottobre alle ore 23.59).

Una settimana prima dell’esposizione (data massima le 23.59 del 13 Ottobre) dovranno essere inviate le 3 (tre) foto firmate dall’autore in formato .jpg all’indirizzo mail info@lacompagniadelcavatappi.it pena l’esclusione dall’esposizione.

Ad ogni gruppo di 3 fotografie di ogni partecipante verrà contrassegnato con un colore diverso.

La giuria, i partecipanti all’evento “Orientamento al Vino”, a giudizio insindacabile, individuerà la fotografia vincitrice. Sulla base della creatività, originalità e capacità espressiva e comunicativa aderenti al tema, la giuria esprimerà il proprio voto con il colore corrispondente alla fotografia scelta.

Al termine della serata, “Orientamento al Vino”, ci sarà la conta dei voti con la definizione della classifica ed al vincitore verrà consegnata in premio l’intera selezione dei vini di “Villa Matilde” in degustazione.

Tutte le foto ammesse al concorso saranno pubblicate (firmate) nel sito internet istituzionale www.lacompagniadelcavatappi.com e rimarranno a disposizione dell’azienda stessa.

Non sono previsti premi in denaro.

La Compagnia del Cavatappi: Orientamento al Vino.

Dal produttore al consumatore, in quest’ottica nasce la serie di degustazioni “Orientamento al vino”, dove la Compagnia del Cavatappi, enoteca online, intende far incontrare ai palati degli invitati i più nobili bouquet di sapori, introdotti da chi quelle note le ha create: il vinificatore.

Per il terzo appuntamento verranno degustati i vini della azienda vitivinicola “Villa Matilde”.

Sabato 20 ottobre 2012 con inizio alle ore 18:00 presso l’Hotel Isola di Lauria.

La degustazione è solo per inviti.

La Compagnia del Cavatappi:

Enoteca operante a Lauria PZ dal 2000, con un sito specializzato nella vendita vini online delle eccellenti cantine Italiane. Tutte le nostre etichette sono accuratamente selezionate per meglio soddisfare tutte le esigenze dei Clienti.

http://www.lacompagniadelcavatappi.com.

 

Giovanni Putignano

La Compagnia del Cavatappi enoteca online