Facile.it: ecco quanto spendono le famiglie a Treviso

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Quanto costa vivere a Treviso e provincia e quanto spendono le famiglie per i conti di casa? In occasione dell’apertura del primo Facile.it Store nella città di Treviso (https://www.facile.it/store/treviso.html) la web company ha analizzato nel dettaglio i costi che si devono sostenere in città e provincia per pagare mutui, prestiti, RC auto e moto, luce e gas. Ecco cosa è emerso.

Assicurazioni auto e moto

I primi costi finiti sotto la lente sono quelli assicurativi e, nello specifico, le coperture RC auto e moto*. Secondo i dati dell’Osservatorio di Facile.it, ad agosto 2019 il premio medio RC auto nella città di Treviso era pari a 521,00 euro, valore in calo del 4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Tariffe ancor più basse se si prende in considerazione l’intera provincia di Treviso; il premio medio rilevato ad agosto 2019, in questo caso, era pari a 460,11 euro, il 3,5% in meno rispetto a dodici mesi fa. Numeri alla mano, per assicurare un veicolo nella provincia trevigiana occorre il 18% in meno rispetto alla media italiana.

Buone notizie arrivano anche dal fronte dell’RC moto; negli ultimi dodici mesi le tariffe sono calate e, ad agosto 2019, per assicurare una due ruote a Treviso e provincia servivano, in media, 333,16 euro, vale a dire il 12,8% in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno.

Energia e gas

Tra le voci di spesa che incidono maggiormente sulle tasche dei cittadini ci sono quelle legate alla luce e al gas. Per quanto riguarda i consumi energetici, prendendo in considerazione il consumo medio annuo di una famiglia residente a Treviso e provincia (2.134 kWh), la spesa mensile rilevata nei primi 8 mesi del 2019 è stata pari a circa 38,35 euro; se le tariffe rimarranno stabili fino alla fine dell’anno, il peso totale delle bollette energetiche risulterà pari a circa 460,17 euro, valore in linea con quanto speso nel 2018.

Dall’analisi della bolletta del gas, considerando i consumi medi annuali di una famiglia trevigiana (980 smc), emerge che la spesa media mensile nei primi 8 mesi dell’anno è stata pari a 66,03 euro; in questo caso, in assenza di variazioni del prezzo del metano, il costo complessivo annuale risulterà pari a 792,41 euro, ovvero il 5,78% in meno rispetto allo scorso anno.

Mutui casa

Altra voce di spesa finita sotto la lente di Facile.it è quella relativa al mutuo. Analizzando le richieste di finanziamento per l’acquisto della casa presentate tramite Mutui.it e Facile.it* è emerso che, nei primi 6 mesi del 2019, gli aspiranti mutuatari residenti in provincia di Treviso hanno chiesto, mediamente, 122.054,56 euro, importo in calo del 10% rispetto al primo semestre 2018, da restituire in poco meno di 22 anni.

Analizzando l’identikit del richiedente trevigiano emerge che, in media, chi ha presentato domanda di mutuo aveva, all’atto della firma, circa 40 anni e ha cercato di ottenere un finanziamento di importo pari al 69% del valore dell’immobile da acquistare.

Dati interessanti emergono analizzando la tipologia di tasso scelto; l’82% dei richiedenti trevigiani ha optato per quello fisso mentre solo il 17% ha cercato di ottenere il variabile. Limitando l’analisi ai soli mutui per l’acquisto della prima casa, l’importo medio richiesto sale a 124.223,55 euro da restituire in 23 anni e mezzo; l’età media dei richiedenti, invece, scende a 38 anni.

Prestiti personali

Altro elemento monitorato nell’analisi è stato il ricorso al credito al consumo. Esaminando le domande di prestito personale* presentate tramite Facile.it e Prestiti.it è emerso che, nel corso del primo semestre 2019, l’importo medio richiesto in provincia di Treviso è stato pari a 13.170 euro, valore in linea con quanto rilevato durante i primi sei mesi del 2018; sostanzialmente stabile anche la lunghezza dei piani di ammortamento richiesti, passata da 64 a 65 rate (pari a poco più di 5 anni).

Guardando alle domande di finanziamento per le quali i richiedenti hanno esplicitato la finalità, emerge che la prima ragione che ha spinto i trevigiani a rivolgersi ad una società di credito è stata l’acquisto di un’auto usata (28% delle richieste), seguita dalla ristrutturazione della casa (16%) e dal consolidamento debiti (16%).

Facile.it apre il suo primo store in Veneto

Dopo il successo dei negozi aperti a Varese, Bergamo, Cremona, Roma, Milano, Monza, Parma, Genova, Reggio Emilia, Piacenza, Savona e Udine il comparatore leader nel confronto di prodotti di finanza personale e utenze domestiche apre il suo primo store in Veneto, nel cuore della città di Treviso (Corso del Popolo, 33). All’interno del nuovo Store i cittadini troveranno consulenti dedicati che li guideranno nell’utilizzo del comparatore e nell’identificazione delle migliori offerte su prodotti assicurativi, finanziari e utenze domestiche.

«Continua il nostro percorso di espansione territoriale e, per l’apertura del primo store in Veneto, abbiamo scelto la città di Treviso; i trevigiani sono molto attenti al risparmio e sappiamo di poter offrire loro concrete opportunità per ridurre le principali voci di spesa con cui le famiglie devono fare i conti ogni mese», ha spiegato Mauro Giacobbe, Amministratore delegato di Facile.it. «Obiettivo dei Facile.it Store è di comprendere meglio le esigenze dei clienti e dare la possibilità di risparmiare, anche a un pubblico non ancora abituato a usare gli strumenti di comparazione online».

Mercato immobiliare, prezzi in lieve flessione ma timidi segnali di ripresa.

Scritto da Domenico Amicuzi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Mercati

Prezzi in leggera flessione per le unità immobiliari già esistenti, ma per le abitazioni di nuova costruzione si evidenzia un seppur modesto aumento.

Dalla analisi riguardante l’andamento del mercato immobiliare residenziale in Italia svolta dal real estate specialist Domenico Amicuzi e pubblicata sul magazine on-line Patrimoni & Finanza, emerge che dopo circa 10 anni si è registrato un trend di incremento per quanto concerne il numero di compravendite, abbinato però ad una leggera flessione dei prezzi, soprattutto per quanto riguarda le unità residenziali usate o comunque di non recente realizzazione.

Arredare casa con gli stickers murali

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Quanto è difficile arredare casa o l’ufficio e trovare la soluzione ideale per riempire le pareti spoglie? Scovare qualcosa di esteticamente bello e che si adatti ai mobili e alle suppellettili sembra essere una missione impossibile.

Spesso si pensa erroneamente, che l’unico modo di decorare i muri delle nostre stanze sia appendere quadri. Non sempre è semplice trovare quello giusto: alcuni costano un occhio della testa, altri più accessibili mal si sposano con l’arredamento di casa o ufficio.

Vi è una risposta alternativa ai dipinti, spesso sconosciuta o dimenticata, come gli Stickers murali, che non sono altro che adesivi, principalmente in vinile o carta, da applicare alle parenti o ai mobili. Velocemente personalizzano l’ambiente interessato in modo originale con una spesa contenuta, risultando ottimi per arredare le pareti di casa.

Non solo quadri: la nuova moda degli adesivi murali

I quadri sono oggetti che si trovano facilmente in qualsiasi casa. Ma essi presentano numerosi svantaggi, che spesso si ignora.

Innanzitutto possono essere molto costosi; infatti si può arrivare a spendere anche migliaia di euro. Possono essere anche difficili da trasportare e richiedono l’affissione di chiodi alle pareti, che rovinano l’area sottostante. È inoltre molto complesso trovare quelli perfetti per i colori e lo stile dell’arredamento a disposizione.

Gli stickers murali sono sicuramente più pratici ed economici. Infatti grazie ai numerosi benefici che presentano, questa originale soluzione è diventata molto di tendenza e sta gradualmente avendo la meglio sui consueti metodi.

I vantaggi degli stickers murali

  • Prezzi alla portata di tutti: l’aspetto economico è fondamentale, soprattutto quando si è speso già molto per gli altri oggetti della casa. Con i wall stickers bastano anche qualche decina d’euro e l’atmosfera sarà come nuova.
  • Infinite varietà di soggetti, forme e colori: vi sono molteplici possibilità di scelta tra immagini, gradazioni, motivi, come per esempio, è possibile avere adesivi di animali, alberi, fiori, città, geometrici, astratti, frasi. Insomma nessun limite ai gusti e alla creatività!
  • Facili da applicare: per applicare i wall stickers la procedura è molto semplice. Pulire la zona interessata, posizionare e fissare con lo scotch, rimuovere la pellicola posteriore, rimuovere quella superiore ed il gioco è fatto! Richiedono veramente pochi minuti senza l’aiuto di nessuno.
  • Facili da sostituire: niente è per sempre e si sa che le preferenze possono variare nel corso del tempo. In questo caso nessun problema o impedimento, poiché si potrà sostituire o correggere l’immagine velocemente, cosa che i metodi tradizionali di pittura non permettono, senza contare il costo decisamente svantaggioso, che essi comportano.
  • Adatti ad ogni superficie: gli stickers si possono attaccare su pareti, mobili, specchi o anche sulle porte. Sono ideali per superfici lisce, per permettere una perfetta aderenza.
  • Non rovinano le pareti: si possono staccare quando si vuole senza causare alcun danno alla superficie sottostante.
  • 100% atossici: sono assolutamente sicuri e quindi possono essere messi nella cameretta di bambini o neonati senza preoccupazioni.

Stickers Murali per Decorazioni Originali e Moderne

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La personalizzazione presente ormai in molteplici prodotti giunge anche all’interno della propria casa con la possibilità di collezionare un’enorme diversità di stickers murali nelle varie stanze di casa propria o del proprio ufficio: dalle porte, alle scale, alle pareti, alla testiera del proprio letto. Questo avviene attraverso gli adesivi murali sempre più venduti e diversificati che permettono di alimentare la propria creatività in diversi angoli della casa, rendendo quest’ultima unica e colorata. Pratici ed economici per qualsiasi occasione, risultano una valida alternativa ai piu classici elementi decorativi presenti sul mercato. Questi adesivi infatti risultano funzionali e facili da applicare su qualsasi superfice purché questa sia liscia e pulita. Grazie alla loro facilità di rimozione permettono infine di ricreare lo stile degli ambienti in modo rapido ed economico, personalizzando a proprio piacimento gli interni.

Cosa sono gli adesivi murali e come funzionano

Gli adesivi murali sono principalmente stickers che vengono attaccati alle pareti della propria casa o del proprio ufficio rendendo creativo e personalizzato l’ambiente. Risultano completamente atossici e durevoli, spesso utilizzabili anche più volte senza il rischio di rovinare la superfice interessata. Inizialmente applicati solo alle pareti, ora vengono utilizzati anche per la personalizzazione di scale, testiere del letto, porte e mobili. Risultano molto semplici da applicare grazie alla loro versatilità e alle differenti tipologie, nonché alla loro diffusa presenza sia negli store fisici che online.

Per poterli utilizzare serve solo precisione e delicatezza e una superfice liscia e pulita. Esistono inoltre moltissime varietà di stickers anche specifici resistenti alle alte temperature e facili da pulire, per ambienti umidi come il bagno e la cucina. Attraverso il loro utilizzo risulta veloce e divertente poter rinnovare e personalizzare qualsiasi ambiente.

I vantaggi degli stickers da parete

Queste particolari decorazioni rappresentano una valida e comoda alternativa ai più comuni arredamenti permettendo di valorizzare qualsiasi ambiente grazie alla loro semplicità di utilizzo e alla loro fantasia. Basta infatti avere un po’ di pazienza e delicatezza per poterli applicare su qualsiasi superficie senza che questa venga in alcun modo danneggiata. Esistono adesivi in tessuto, impermeabili, sia piccoli che estesi interamente sulla parete interessata, aforismi e frasi personalizzate, collage e piastrelle adesive e svariate tonalità.

Gli adesivi da parete sono disponibili in molteplici negozi di arredamento e ancor più online dove sono presenti veri e propri siti dedicati che rinnovano la loro offerta con prodotti sempre nuovi e creativi. In questi siti si trovano infatti adesivi per qualsiasi occasione e con design unici e diversificati.

Attraverso il loro utilizzo è possibile personalizzare la propria macchina, la camera da letto, le scale, il bagno (attraverso adesivi specifici per box doccia e adesivi raffiguranti piastrelle colorate per tutta la parete), porte e molto altro. Risultano ottime anche per coprire la superfice di mobili rovinati dal tempo, prolungando così il loro utilizzo sotto un nuovo aspetto. Ogni volta che si desidera cambiare stile basta rimuovere i precedenti adesivi e posizionarne di nuovi dando una nuova personalità all’ambiente, scegliendo ogni volta tra le infinite soluzioni offerte.

Come e dove cercare un sottovuoto macchina.

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La scelta di una macchina sottovuoto è ideale sia per uso domestico che professionale; queste macchine sono facili da usare e si adattano a qualsiasi ambiente. Pratiche, maneggevoli, compatte e allo stesso tempo solide, sono una soluzione facile per conservare i cibi per lungo tempo. Con un po’ di pratica iniziale avete a disposizione un prodotto facilissimo da maneggiare e sempre pronto all’uso.

Certamente la rete rappresenta il luogo ideale dove cercare il modello più adatto alle vostre esigenze. Nel valutare un buon modello pensate a peso, dimensioni, potenza, funzionalità, design. Se avete bisogno di ulteriori accessori potete acquistarli a parte. Utilizzare la macchina sottovuoto è davvero semplice: basta premere un pulsante che consente alla pompa di fa uscire l’aria e di saldare ermeticamente il sacco che contiene il cibo. Dunque un’operazione davvero molto pratica e funzionale. Scegliete sacchetti adatti al vostro tipo di macchina perché i sacchetti possono essere molto diversi tra loro. Nella scelta di un sottovuoto macchina consultate anche i feedback sul web.

Perché un robot pulisci pavimenti?

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Un robot pulisci pavimenti è uno strumento utilissimo in casa soprattutto per chi trascorre molte ore fuori o per chi ha animali domestici. Il vantaggio di avere sempre a disposizione un robot per la pulizia dei pavimenti sempre pronto all’uso con un piccolo investimento è notevole. La casa è sempre pulita e voi non dovete fare nessuno sforzo. Nello scegliere un buon modello considerate alcuni aspetti importanti, tra questi: peso, dimensioni, potenza, design, accessori.

Quindi una serie di aspetti utili a capire quale modello sia più adatto alle vostre esigenze. Solo partendo dalle vostre reali necessità potete avvicinarvi ai modelli più appetibili e fare una scelta attenta e ragionata. Uno degli aspetti da valutare nella scelta di un robot c’è la capacità in litri della macchina e la capacità di raccolta della polvere. Questi robot oggi sono dotati di tecnologie personalizzabili facilmente, il che consente un grande risparmio di tempo ed energie. Il robot si ricarica in modo autonomo e se ha interrotto riprende da dove ha lasciato. Quindi un robot pulisci pavimenti diventa indispensabile se avete poco tempo e voglia di pulire casa ma volete che sia sempre brillante e se avete degli spazi sui quali il robot si possa muovere agilmente.

Il miglior robot da cucina è sul web!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Casa e Giardino

Se state cercando un ottimo robot da cucina e non sapete da dove partire, è il momento di sfruttare tutti i vantaggi della rete. Internet, infatti, offre il grande vantaggio di proporre una vasta gamma di prodotti e di confrontare qualità e prezzo per trovare il miglior robot da cucina! Innanzitutto occorre partire dalle esigenze reali e poi cominciare a fare una ricerca. Se lo spazio che avete a disposizione è poco potete optare per un modello compatto e leggero, in caso contrario, se il vostro utilizzo sarà quotidiano e le vostre preparazioni sono per un numero considerevole di persone, optate per una scelta più sofisticata investendo anche qualcosa in più in termini economici. Il miglior robot da cucina è certamente un mix tra più aspetti: dal peso alle dimensioni, dalla potenza alla velocità, dagli accessori al design. Tutti aspetti che vanno valutati in base ad una attenta valutazione del modello da scegliere. Preparare degli ottimi piatti non è difficile grazie a questi strumenti che ormai fanno parte della nostra quotidianità.

Sul web tante centrifughe per alimenti per il vostro benessere quotidiano!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Casa e Giardino

Se siete attenti alla vostra salute e vi piace tutto il gusto della frutta fresca (meglio se di stagione!), è il momento di dotarsi di una buona centrifuga! Ad uso domestico se ne trovano tantissime, tutte valide e pronte all’uso. Il vantaggio di avere una centrifuga in casa è notevole: potete preparare con facilità qualsiasi succo. La maneggevolezza delle centrifughe è notevole così come il lavaggio, semplice e pratico. Un’ottima centrifuga è un mix tra funzionalità, materiali, design, accessori. Se avete particolari esigenze fate una accurata ricerca sul web che vi permette di trovare il modello ad hoc.

Se invece cercate un modello standard avete davvero una vasta gamma di centrifughe. Un confronto qualità-prezzo intanto vi può aiutare a capire quali modelli risultano migliori e più vicini alle vostre esigenze. In plastica o in acciaio sono funzionali e resistenti al tempo, da usare tutti i giorni anche più volte con moderazione per non riscaldare troppo il motore, dispongono di una caraffa ampia con capacità in litri. Lasciate una recensione dopo aver utilizzato il prodotto da un po’, potrà essere utile a chi sta cercando un buon modello tra tante centrifughe.

Come usare un’affettatrice professionale

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Gastronomia e Cucina

Molto utile sia in ambito professionale che domestico l’affettatrice è uno strumento che consente di tagliare minuziosamente e con precisione vari tipi di cibo. L’utilizzo dell’affettatrice è molto semplice e alla portata di tutti anche sul lavoro. Dispongono di una lama circolare che viene installata sul corpo macchina ruotando a diverse velocità in base alla potenza del motore. Il cibo può essere posizionato sulla superficie di taglio, che in genere è molto ampia e spaziosa, e con l’apposita maniglia e il carrello si può eseguire facilmente il taglio. Una volta presa la mano la potete utilizzare in qualsiasi momento col vantaggio di avere sempre a disposizione uno strumento efficace e valido.

L’affettatrice professionale ha costi accessibili ma certamente più elevati rispetto a quelle utilizzare in ambito domestico. Se avete dubbi sulla scelta di un buon modello consultate le recensioni online che vi possono aiutare a capire quale modello si adatta più alle vostre esigenze.

Immobili: qual è stato l’effetto Morandi su Genova

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

È passato un anno esatto dal crollo del Ponte Morandi di Genova, ma cosa è accaduto ai cittadini che in seguito a quella tragedia dello scorso agosto si sono trovati, da un giorno all’altro a non poter più entrare nella loro casa su cui, magari, gravava un mutuo? E che ripercussioni ha avuto il crollo del ponte sul mercato immobiliare genovese? Mutui.it e Facile.it, in collaborazione con Franco Canevesio, se lo sono chiesti e hanno scoperto delle cose interessanti; 12 mesi dopo quel drammatico 14 agosto, finalmente arriva qualche buona notizia, a cominciare dal risarcimento riconosciuto; circa 2.000 euro a metro quadro.

Mutui, indennizzi da 2.000 euro al metro quadro.

L’ultima data importante di questa storia è, in ordine di tempo, il 6 agosto 2019 quando è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il decreto del ministero dell’Interno relativo al rimborso al Comune di Genova del minor gettito dell’IMU e della TASI, riferito alle annualità 2019 e 2020. Il provvedimento si è reso necessario per l’esenzione applicata ai fabbricati “oggetto di ordinanze sindacali di sgombero adottate a seguito dell’evento del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell’autostrada A10”. Al Comune, dunque, viene assegnato un contributo di 210 mila euro per ciascuna annualità 2019 e 2020.

«Entro febbraio 2019 sono stati indennizzati tutti gli aventi diritto; ossia gli abitanti di via Porro dal numero 5 al 16 e di via del Campasso 39 e 41», spiega Franco Ravera, presidente del comitato Quelli del ponte Morandi. Il Decreto Genova ha previsto gli indennizzi allargando agli sfollati del ponte Morandi il Pris, Pogramma regionale di intervento strategico, inizialmente previsto per gli espropriati dalla gronda.

Ogni proprietario ha ricevuto 2.025,50 euro di indennizzo per ogni metro quadro di casa; le voci principali che formano la cifra complessiva sono il risarcimento del valore venale dell’immobile (calcolato in circa 1.500 euro a metro quadro) e le spese di riacquisto degli arredi e di ogni altra spesa accessoria per la ricollocazione abitativa (circa 450 euro). A questi importi è stato aggiunto, per ogni unità abitativa, un indennizzo forfettario di importo pari a 45.000 euro secondo quanto previsto dalla legge della Regione Liguria 3 dicembre 2007 n. 39, che disciplina i Programmi regionali di intervento strategico (PRIS) e un ulteriore risarcimento, di 36.000 euro, per l’improvviso sgombero.

Ad essere indennizzate sono state 260 famiglie; 200 proprietarie residenti e 60 in affitto (con i relativi 60 proprietari non residenti). «Tutto è filato liscio, anche se con qualche ritardo» – sottolinea Ravera – «le pratiche sono state inoltrate tramite notai: gli indennizzi avrebbero dovuto arrivare entro fine dicembre 2018, ma per via di qualche professionista che ha allungato i tempi la questione si è conclusa a febbraio 2019».

Il mercato immobiliare di Genova. Quale è oggi la situazione immobiliare del comune di Genova? Un buon metro per comprenderlo è la richiesta di mutui per l’acquisto della casa presentati alle banche. «Nel primo semestre del 2018, quando il ponte era ancora in piedi» afferma Ivano Cresto, responsabile BU mutui di Facile.it«secondo i dati del nostro portale, a Genova faceva capo l’1,37% delle domande di finanziamento presentate in Italia. Un anno dopo, nel primo semestre del 2019, il valore rilevato tramite il nostro osservatorio è sceso allo 0,98% e non si può escludere che un calo di questo tipo possa anche essere stato generato dall’incertezza che il crollo del ponte ha diffuso in merito all’opportunità di un investimento nella città della Lanterna; nell’ultimo periodo, però, stiamo assistendo ad una leggera inversione di tendenza e questo fa ben sperare».

12 banche per gli sfollati del Polcevera. Per ciò che riguarda i mutui che gravavano sulle case ubicate nella zona del crollo ci sono buone notizie e, a detta dei diretti interessati, le banche hanno risposto bene all’appello degli sfollati con ben 12 istituti che hanno firmato l’accordo quadro tra ABI Liguria e associazioni dei Consumatori. Questo prevede la sospensione delle rate dei mutui e di eventuali prestiti personali non solo ai danneggiati residenti o lavoratori nella cosiddetta “zona rossa” o aree limitrofe, ma anche tutti coloro che a causa del crollo hanno perso il posto di lavoro o lo hanno dovuto sospendere per almeno 30 giorni. A firmare sono stati: Carige; Banca di Caraglio, del Cuneese e della Riviera dei Fiori; Banca di credito cooperativo di Cherasco; Banca Passadore; Popolare Sondrio; Banco di Desio e della Brianza; Banco di Sardegna; la sede italiana della Barclays Bank; Intesa Sanpaolo; Ubi Banca; Unicredit e Unipol Banca.

Assicurazioni mutui sospese. Note positive arrivano anche dal ramo assicurativo visto che Ania ha tenuto fede a quanto garantito firmando, a febbraio 2019, un protocollo con le associazioni dei consumatori. Tra i benefici previsti dal documento, la proroga dei termini per il pagamento dei premi o delle rate di premio di tutte le polizze in essere se l’assicurato coincide con chi ha subito il danno.

L’intesa garantisce inoltre che, in caso di sospensione del pagamento delle rate del mutuo, l’abbinata polizza assicurativa sulla vita verrà gratuitamente estesa fino alla nuova scadenza del finanziamento e che in caso di mutui estinti verrà restituita agli assicurati la quota di premio versata e non goduta relativa alle polizze abbinate.

Vendite in aumento e nuova vita a Certosa. Solo qualche proprietario non residente, pare, è ricorso al Tar pretendendo di ottenere un rimborso maggiore. Il resto è la voglia di tornare a vivere. Spiega Bruno Fraternale, broker owner di Re/Max«Sul crollo del Morandi le autorità competenti hanno rimborsato gli sfollati con importi due e anche tre volte superiori ai valori immobiliari di vendita del periodo. Risarcimenti doverosi visti i gravi disagi. Le famiglie hanno in gran parte ricomprato generando un ritrovato interesse per la zona di Certosa, con un aumento medio delle transazioni. Di fatto – prosegue Fraternale – non abbiamo registrato alcun effetto Morandi: la nostra agenzia ha aumentato le vendite del 23% rispetto all’anno precedente, con oltre 400 transazioni, di cui il 20% nella zona Valpolcevera. Dico di più: la costruzione del nuovo ponte, con una complessiva riqualifica delle aree interessate, fa prevedere in aumento dei prezzi tra Sampierdarena, Cornigliano, Area Fiumara, Campi».