Adesivi murali: come semplificare la vita

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Dimenticatevi i quadri. Lasciate nell’oblio le cornici. Cancellate dalla vostra memoria chiodi e martello. La nuova moda super esclusiva e iper pratica che si sta diffondendo è quella degli adesivi murali.

Grazie alla loro diffusione a macchia d’olio ne sono stati sviluppati di tutti i tipi. Non solo per quanto riguarda le superfici in cui possono essere applicati, che devono avere come unica caratteristica quella di essere lisce. Gli adesivi murali si diversificano tra di loro anche per forma e soggetto rappresentato. In questo modo potrete applicare alle vostre pareti sia delle frasi motivazionali che degli adesivi di gatti.

Perché scegliere un adesivo da parete?

La risposta a questa domanda è molto semplice. Come accennato poco prima gli adesivi murali hanno tutti gli aspetti positivi dei quadri. Senza però averne anche i lati negativi. Non sarà necessario infatti avere chiodo e martello per poterli affiggere sulle vostre belle pareti di casa, che in questo modo rimarranno completamente integre. Inoltre rimuoverli è semplice come applicarli. Gli adesivi murali non lasciano traccia di colla sulle pareti, né su altre superfici su cui vengono applicati.

Grazie alla loro facilità di gestione sarà anche molto semplice poter dare ogni volta un tocco nuovo alla stanza. Avete presente quando un quadro vi ha stancato e volete cambiarlo con un altro? Purtroppo non è sempre così facile. I quadri infatti solitamente lasciano sulle pareti degli aloni che risultano molto spiacevoli se il secondo quadro non ha le stesse dimensioni di quello precedente. Con gli stickers però non ci sarà questo problema perché una volta staccato l’adesivo, la parete sarà esattamente come nuova. Come se prima non ci fosse stato nessun adesivo.

Un altro punto che gioca a favore degli stickers murali è che non dovrete diventare matti a cercare la giusta cornice da poterci abbinare con le stesse dimensioni. L’unica cosa che dovrete fare è scegliere la fantasia o il soggetto che più si accostano al vostro gusto, decidere dove posizionarlo, rimuovere la pellicola posteriore et voilà. Il gioco è fatto.

Come scegliere lo stickers più adatto?

Gli adesivi murali si raggruppano in numerosissime categorie che si distinguono tra di loro non solo per forma e dimensione ma anche per zona della casa a cui sono destinate.

Se avete intenzione di acquistare degli adesivi da posizionare in cucina oppure in bagno, dovete sapere che quelli studiati per queste stanze della casa sono adesivi progettati appositamente per resistere all’umidità e alle alte temperature.

Per tutte le alte stanze della casa invece la scelta si limita a qualsiasi adesivo vi piaccia. Se siete amanti degli animali, quello che fa al caso vostro sono degli adesivi di dolci gattini. Stilizzati, realistici o disegnati a cartone animato, gli adesivi murali con i gatti sapranno certamente come farvi sempre sentire circondati dai vostri animali preferiti. Se invece i gatti non fanno proprio al caso vostro potrete sempre optare per un altro tipo di animale, come un cavallo o un tenero cagnolino.

Cambiando totalmente genere invece potrete trovare anche adesivi per piastrelle con figure geometriche, stickers riguardanti lo sport da poter applicare nella cameretta dei bambini, adesivi con bellissime frasi con cui abbellire il salotto oppure stickers con riferimento al cibo da poter posizionare in cucina.

Mutui: in Campania boom di richieste di surroga (+91%) nel terzo trimestre

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Notizie positive sul fronte dei mutui in Campania; il terzo trimestre dell’anno è stato caratterizzato da un’impennata delle richieste di surroga, dall’aumento dell’importo medio che si è cercato di ottenere e dal calo dei tassi di interesse. Sono questi i principali dati emersi dall’osservatorio regionale di Facile.it e Mutui.it che, analizzando un campione di oltre 3.700 richieste di finanziamento raccolte in Campania, hanno scoperto, ad esempio, che nel corso del terzo trimestre 2019 il peso percentuale delle richieste di surroga sul totale delle domande di mutuo è quasi raddoppiato (+91%) rispetto alla stesso periodo del 2018, passando dal 22% al 42% del totale.

«Lo scorso trimestre abbiamo registrato un vero e proprio boom nella richieste di surroga da parte di mutuatari campani; era dal 2015 che non si raggiungevano picchi così alti», spiega Ivano Cresto, Responsabile mutui di Facile.it. «Il calo dei tassi di interesse visto in questa prima parte dell’anno è stato fondamentale per stimolare la domanda di finanziamenti, sia da parte dei mutuatari che vogliono provare a cambiare banca, sia per chi è alla ricerca di un nuovo mutuo».

Numeri alla mano, i tassi proposti dalle banche alla clientela finale negli scorsi mesi sono stati estremamente bassi, soprattutto per quanto riguarda i mutui fissi. A settembre 2019 grazie alla diminuzione dell’IRS (l’indice europeo che guida l’andamento di questa tipologia di finanziamento), i migliori tassi offerti per un mutuo medio (126.000 euro in 25 anni, LTV pari al 70%) oscillavano tra l’1,04% e l’1,34% (Taeg), con un calo, rispetto a gennaio, compreso tra lo 0,55% e l’1,20%; vale a dire un risparmio medio per i consumatori compreso tra i 30 e i 60 euro al mese.

Positivi anche gli altri valori emersi dall’osservatorio regionale di Facile.it e Mutui.it: l’importo medio richiesto nel corso del terzo trimestre 2019 dagli aspiranti mutuatari campani è stato pari a 126.884 euro, vale a dire lo 0,86% in più rispetto allo stesso periodo del 2018, ed anche il valore degli immobili che si è cercato di acquistare è aumentato del 4%, stabilizzandosi a poco più di 217.000 euro. In calo, invece, il Loan To Value, il rapporto tra valore dell’immobile e valore del mutuo richiesto, passato dal 65% del terzo trimestre 2018 al 62% del terzo trimestre 2019. La durata media dei piani di ammortamento richiesti in Campania è pari a 21 anni, mentre l’età media dei richiedenti è pari a 41 anni e mezzo, valore in calo rispetto allo scorso anno, quando i richiedenti avevano, in media, 42 anni e mezzo.

Guardando alla scelta della tipologia di tasso, i richiedenti campani sembrano non aver dubbi; la riduzione ai minimi della differenza tra tasso fisso e variabile ha spinto sempre più aspiranti mutuatari ad orientarsi verso il fisso tanto che, nel corso del terzo trimestre 2019, è stato scelto dal 95% dei richiedenti mutuo in Campania; era l’89% nel terzo trimestre 2018.

Ad ottobre sono tornati i mutui al 100%

Se è vero che lo scorso trimestre, e in particolare il mese di settembre, hanno visto il ritorno della surroga, anche questi primi giorni di ottobre hanno portato importanti novità sul fronte dell’offerta mutui; alcuni Istituti sono tornati a proporre mutui al 100%, con tassi estremamente contenuti se paragonati al passato e senza necessità di ricorrere al Fondo Garanzia Prima casa.

«Se fino ad oggi i mutui al 100% erano prodotti accessibili solo attraverso il Fondo Garanzia Prima casa o pagando tassi molto elevati, anche superiori al 4%, adesso alcuni istituti di credito sono tornati a proporre questa tipologia di finanziamento senza necessità di accedere al Fondo e con tassi di interesse estremamente contenuti, intorno al 2,5%, valori che fino allo scorso anno erano riservati a mutui all’80%», spiega Ivano Cresto. «Poter accedere a questa tipologia di prestito senza necessità di ottenere la garanzia dello Stato è una buona notizia anche per coloro che vorranno comprare casa nel prossimo futuro e non saranno più legati ad un Fondo le cui risorse potrebbero – come già successo in passato – esaurirsi».

* L’analisi è stata realizzata su un campione di oltre 3.700 richieste di mutuo raccolte da utenti della Campania da Facile.it e Mutui.it nel corso del terzo trimestre 2018 e terzo trimestre 2019.

Grandi tappeti per grandi emozioni

Scritto da miriam leone il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Avere un tappeto grande a casa potrebbe sembrare una scelta molto impegnativa. Non solo dal punto di vista della manutenzione ma anche per la scelta della posizione in cui collocarlo all’interno della casa. Sarà meglio posizionare il tappeto in camera da letto? O forse in cucina? Magari in soggiorno? I dubbi su quale possa essere la scelta migliore possono perseguitare l’interessato e fargli cambiare idea ogni tre per due.

Ovviamente questa è una scelta che va ponderata sulla singola base della tipologia e sulle dimensioni delle stanze prese in considerazione e del tappeto che si vuole inserire al loro interno, tuttavia è possibile selezionare dei suggerimenti generali che possono rendere la scelta meno ardua.

Dove posizionare il vostro tappeto grande

Partiamo intanto dalla tipologia di stanza.

Posizionare un tappetto di grandi dimensioni in camera da letto potrebbe sembrarci la scelta migliore. Nelle riviste e nelle foto professionali, spesso viene utilizzato l’escamotage di posizionare un grande tappeto sotto al letto, che fuoriesca ai lati in modo da fare anche da scendiletto. Dobbiamo renderci conto però che questa disposizione non sortisce lo stesso risultato in tutte le stanze. Perché l’effetto d’insieme risulti gradevole dobbiamo avere a che fare con grandi dimensioni non solo per quanto riguarda il tappeto, anche la stanza e il letto devono essere proporzionate. Inserire un tappeto grande sotto al letto in una stanza piccola non farebbe risaltare il trappeto e farebbe sembrare la stanza molto più ingombra.

Se invece si vuole posizionare un tappeto grande in cucina, solitamente si consiglia di adottare un tappeto che riesca a contenere tutta la tavola e anche le sedie. Non è necessario che tappeto e tavolo abbiano la stessa forma, tuttavia sarebbe meglio che le gambe di quest’ultimo poggino completamente sul tappeto.

Per quanto riguarda il salotto le possibilità da poter seguire sono principalmente due: posizionare il divano completamente o parzialmente sopra al tappeto oppure collocare il tappeto di fronte al divano, magari sotto a un tavolino. La prima soluzione può essere adottata nel caso in cui il tappeto possieda dimensioni davvero notevoli, la seconda invece è più indicata se il tappeto è di grandi dimensioni ma non abbastanza da coprire interamente la superficie del divano, oppure se si possiedono due divani posizionati a L uno accanto all’altro.

Nel caso in cui si volesse mettere il tappeto in un open space della zona living è possibile scegliere un tappetto le cui dimensioni siano abbastanza ampie da delimitare la zona soggiorno, con i divani, dalla zona pranzo, con tavolo e sedie.

Tappeti per ambienti particolari

Se avete deciso di acquistare un tappeto destinato a essere messo sotto il tavolo della cucina, oppure nella zona pranzo del vostro open space, sarebbe il caso di scegliere un tappeto adatto all’ambiente. Non è raro infatti che dalla tavola possano cader briciole oppure pezzi di cibo che rischiano di macchiare e quindi rovinare il tappeto.

Per questo motivo è consigliabile che in questi ambienti si opti per un tappeto particolarmente robusto, poco sporcabile, con una varietà di disegni e colori in modo tale da poter camuffare più facilmente eventuali macchie.

Cuccia doppia: una pratica soluzione per la vita dei tuoi cani

Scritto da sonia il . Pubblicato in Casa e Giardino

Molto spesso gli amanti dei cani non si accontentano e vogliono donare affetto e attenzioni varie a più di un esemplare. Magari perché possono disporre di un ampio spazio all’aperto dove gli amici a quattro zampe possono scorrazzare liberamente.

Acquistare una cuccia singola per ogni cagnolino, è un’operazione sconveniente in termini di costo e spazio. È sicuramente indicato scegliere una cuccia doppia per cani, che permette di tenere al riparo e far riposare due animali in un’unica soluzione.

In commercio sono presenti vari modelli, in diversi materiali, che possono essere personalizzati in base alle proprie esigenze: per esempio è possibile aggiungere il save food, la porta basculante o delle targhe con il nome o con la scritta “attenti al cane”.

Al di là di questo aspetto, è fondamentale selezionare la giusta dimensione in modo che le creature al loro interno possano godere del massimo confort e soprattutto assicurarsi che la qualità sia elevata.

Mai sottovalutare la qualità della cuccia

Al momento dell’acquisto di una cuccia, è essenziale tenere sempre in considerazione la qualità: gli animali, sempre affettuosi nei confronti dei propri padroni, meritano un posto dove poter riposare, che sia confortevole e abbia la giusta temperatura.

È conveniente scegliere gli accessori migliori, facendo un investimento iniziale maggiore, ma avendo la garanzia che la cuccia duri a lungo nel tempo, senza il bisogno di doverla cambiare, andando a spendere ulteriori soldi in seguito.

Per prima cosa è importante che il materiale sia assolutamente resistente agli agenti termici e a prova di graffi e morsi: è decisamente raccomandabile evitare la plastica, poiché non deve alterarsi con temperature estreme o con la pioggia; inoltre il prodotto deve essere ignifugo e antistatico, cosicché la cuccia non venga intaccata da termiti o parassiti.

Le favolose caratteristiche sopraelencate le possiede l’hpl multistrato, il quale è indistruttibile agli shock termici e all’irruenza degli amici a quattro zampe e non necessita di una copertura in caso di acquazzoni. Inoltre si può facilmente lavare con semplici detergenti per la casa e non assorbe i liquidi e gli odori del cane, il che garantisce un elevato livello di igiene.

Inoltre nei vari negozi specializzati è possibile trovare modelli che sono molto facili da montare senza l’utilizzo di alcun attrezzo grazie al meccanismo ad incastro e/o hanno il tetto apribile, in virtù del quale è decisamente agevole pulire al loro interno.

Cucce doppie coibentate

Per avere una assoluta garanzia sulla salute dei cani, quando si decide di lasciarli principalmente all’esterno della propria abitazione, è raccomandabile optare per una cuccia coppia doppia coibentata, ovvero rivestita da un materiale isolante.

Essa è l’ideale per proteggere gli animali in caso di temperature molto rigide, visto che il calore corporeo può non essere sufficiente oppure quando il clima è rovente ed evitare di conseguenza che abbiano colpi di calore o insolazioni.

È altamente consigliata per i cani con una età avanzata dato che sono caratterizzati da un metabolismo lento e una forma fisica generalmente debole. È perfetta anche per cagnoline in attesa del parto; in modo da donare un caldo e accogliente riparo ai cuccioli appena nati.

La sostenibilità ambientale sta generando un forte impatto economico sul mercato immobiliare in Italia.

Scritto da Domenico Amicuzi il . Pubblicato in Ambiente, Casa e Giardino, Economia

I principali indicatori economici denotano l’inversione di tendenza che si è verificata in Italia nel corso degli ultimi anni per quanto riguarda gli investimenti rivolti alla sostenibilità ambientale in ambito immobiliare.

Se da un lato il mercato real estate dal 2008 ad oggi ha subito un notevole calo dei prezzi di compravendita, dall’altro lato si sta rivelando invece protagonista di una profonda rivoluzione.

Infatti sempre più aziende operanti nel settore immobiliare ed anche singoli proprietari si sono resi conto dei vantaggi sociali ed economici derivanti dagli investimenti in immobili sostenibili. 

Il comparto residenziale in Italia sta facendo registrare significativi segnali direzionati all’ecosostenibilità degli edifici. 

Si denota inoltre un netto incremento della permanenza sul mercato immobiliare di abitazioni dotate di una bassa efficienza energetica, a differenza delle unità che presentano una classe energetica elevata, le quali risultano le più richieste sia dagli acquirenti che dagli investitori.   

Nell’articolo l’impatto della sostenibilità ambientale sul mercato immobiliare pubblicato dal Real Estate Specialist Domenico Amicuzi vengono approfondite le opportunità presenti e le prospettive future della sostenibilità ambientale rivolta al mercato immobiliare. 

I 15 anni di attività svolta nel mercato real estate in Italia rendono Amicuzi uno dei più stimati professionisti in ambito immobiliare, grazie alla sua determinazione ed ambizione, che hanno garantito il raggiungimento di prestigiosi obiettivi professionali.

Nel corso della sua carriera Domenico Amicuzi ha infatti ricoperto i ruoli di: real estate advisor, imprenditore e real estate manager ed infine di real estate specialist presso le principali società immobiliari operanti in Italia.

L’esperienza maturata ha permesso inoltre ad Amicuzi di acquisire una approfondita conoscenza degli elementi operativi di marketing immobiliare, ed una consolidata padronanza delle procedure che regolano le dinamiche di business immobiliare.

Stickers per Pareti Sempre Decorate con Creatività

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Se si desidera decorare il proprio ambiente, che sia casa, ufficio o un locale, vengono facilmente in aiuto le carte adesive per pareti che trasformano in modo pratico e divertente qualsiasi ambiente grazie ai loro colori e i loro temi creativi. In questo modo sarà possibile decorare anche spazi noiosi e svalutati trasformandoli in ambienti ricchi di creatività in base anche alle proprie esigenze. Che siate degli incredibili romantici o che adoriate la flora esotica, questi stickers da parete permetteranno di esprimere a pieno la vostra personalità trasmettendo sensazioni originali attraverso pareti decorate appositamente. Sempre più venduti e diversificati che permettono di alimentare la propria creatività in diversi angoli della casa, rendendo quest’ultima unica e colorata. Pratici ed economici per qualsiasi occasione, risultano una valida alternativa ai più classici elementi decorativi presenti sul mercato. Questi adesivi infatti risultano funzionali e facili da applicare su qualsiasi superficie purché questa sia liscia e pulita. Grazie alla loro facilità di rimozione permettono infine di ricreare lo stile degli ambienti in modo rapido ed economico, personalizzando a proprio piacimento gli interni.

Tutto ciò che devi sapere sulle carte adesive per pareti

Le carte adesive per pareti sono principalmente adesivi murali che vengono attaccati alle pareti della propria casa o del proprio ufficio rendendo creativo e personalizzato l’ambiente. Risultano completamente atossici e durevoli, utilizzabili anche più volte senza il rischio di rovinare la superficie interessata. Risultano molto semplici da applicare grazie alla loro versatilità e alle differenti tipologie, nonché alla loro diffusa presenza sia negli store fisici che online. Per poterli utilizzare serve solo precisione e delicatezza e una superficie liscia e pulita. La stampa è realizzata su materiale di alta qualità con una soffice finitura –tessuto facilmente removibile e posizionabile. Grazie alla spessa grammatura con cui sono realizzate, queste carte adesive risultano facilmente applicabili senza la formazione di bolle d’aria, basterà semplicemente togliere il supporto cartaceo dall’adesivo al momento dell’applicazione sulla parete. Esistono inoltre moltissime stampe per pareti sempre decorate al meglio, presentando colori di stampa completamente atossici, lavabili e molto resistenti. Il materiale inoltre risulta ignifugo e certificato per ambienti domestici. Questi sticker da parete possono essere quindi posizionati anche in ambienti umidi e potenzialmente sporchi come la cucina e il bagno, senza alcuna preoccupazione vista la possibilità di essere lavati e la loro alta resistenza. Attraverso il loro utilizzo risulta veloce e divertente poter ottenere pareti decorate in qualsiasi ambiente.

Scegliere tra le diverse soluzioni di stickers da parete

Questi particolari stickers da parete rappresentano una valida e comoda alternativa ai più comuni arredamenti permettendo di valorizzare qualsiasi ambiente grazie alla loro semplicità di utilizzo e alla loro fantasia. Le soluzioni disponibili sono davvero infinite, in commercio è possibile trovare moltissimi modelli dallo stile esotico al romantico e delicato fino alle composizioni floreali. Di conseguenza, è sicuramente semplice trovare la carta adesiva perfetta  ad ogni tipo di ambiente, dalla cucina, al bagno, alla camera da letto. Attraverso il loro utilizzo è possibile avere sempre pareti decorate secondo i propri gusti estetici. Ogni volta che si desidera cambiare stile basta rimuovere i precedenti adesivi e posizionarne di nuovi dando una nuova personalità all’ambiente, scegliendo ogni volta tra le infinite soluzioni offerte.

Anche in bagno la lampada è parte integrante dell’arredamento

Scritto da fsdf il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Il bagno si sa è una delle stanze più importanti della casa. Chi non vorrebbe poter tornare a casa e dedicarsi un bel bagno rilassante dopo una dura giornata di lavoro? Il bagno poi è il posto dove ci si prepara per gli appuntamenti più importanti, dove si controlla di mettere il trucco in modo perfetto fin nel più piccolo dettaglio o dove si controlla che il nodo della cravatta sia perfetto per un colloquio di lavoro in cui si vuole fare una bella prima impressione. La luce in questi casi gioca un ruolo fondamentale. Per questo motivo scegliere la giusta luce e la giusta forma del lampadario in bagno è importante.  Ecco alcuni consigli che potrebbero essere utili nel scegliere la giusta illuminazione per far risaltare il vostro bagno e godervi appieno i vostri attimi di puro benessere.

Disposizione luce artificiale in bagno

Prendiamo come primo esempio il caso in cui il bagno non affacci su un ambiente esterno e che quindi sia completamente privo di finestre e possa essere illuminato solamente dalla luce artificiale. Un consiglio per evitare l’effetto “luce da ospedale” potrebbe essere quello di posizionare una piccola finestrella con il vetro zigrinato sopra la porta in modo da avere almeno una fonte di luce alternativa.

Per quanto riguarda la luce sarebbe meglio suddividerla in luce principale per l’illuminazione generale della stanza e luci secondarie, magari con dei piccoli faretti da bagno per poter concentrare la luce dove serve e solamente nei momenti in cui questa si rivela essere davvero utile. Un’idea potrebbe essere quella di posizionare un piccolo faretto sopra la vasca da bagno o sopra la doccia con una luce calda, non solo per avere più luce ma anche per creare la giusta atmosfera in momenti speciali.

Nel caso in cui il vostro bagno fosse in possesso di finestre che danno all’esterno la sistemazione dei punti luce sarà molto più semplice. Anche in questo caso avere più fonti di luce da poter accendere separatamente è consigliato. Per esempio sarebbe ideale avere una luce sopra la finestra che sostituisca la luce naturale da poter accendere durante le ore buie della notte.

Un must che non deve mai mancare sono dei punti luce sullo specchio del bagno, in quanto avere una luce che ci illumini completamente il viso può rivelarsi utile in numerose situazioni.

Lampada: lo stile del bagno deve essere armonioso

Passiamo ora a parlare della tipologia di lampadario da poter installare in bagno, da posizionare nella parte centrale del soffitto in modo che distribuisca in modo equo tutta la sua luce all’interno del bagno oppure da posizionare in angoli precisi della stanza grazie alle lampade a terra che se scelte del giusto design faranno sembrare il vostro bagno non solo ideale per i vostri momenti di pace e relax ma anche una stanza della casa molto elegante.

I due principali stili fra cui scegliere il vostro lampadario da bagno o la vostra lampada a terra sono quello classico e quello moderno. La scelta di optare per uno o per l’altro è puramente personale ma bisogna ricordare che sebbene la lampada posizionata sul soffitto sia lontana da tutto il resto dei mobili è comunque parte dell’arredamento e contribuisce a creare l’ambiente della stanza. Per questo motivo al momento della scelta è bene tenere in mente il tono dell’ambiente per non correre il rischio di aprire la scatola in bagno e rendersi conto che la lampada in quell’ambiente è come un pesce fuor d’acqua.

Numero di compravendite e valori immobiliari residenziali in flessione a Napoli ed in Campania durante il secondo trimestre 2019.

Scritto da Domenico Amicuzi il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

A Napoli prosegue il calo delle compravendite di abitazioni con un deludente -3.2% rispetto lo stesso periodo del 2018, riscontrando per quanto riguarda i valori immobiliari una leggera flessione del -0.3% che si estende in tutta la Campania.

La congiuntura economica che penalizza in particolar modo il Sud Italia si riflette dunque anche sul mercato immobiliare.

Infatti in base ai dati diramati dall’Osservatorio del Mercato Immobiliare nel secondo trimestre del 2019 le regioni meridionali hanno segnato una crescita inferiore del numero di compravendite (+3%) rispetto alla media nazionale.

Le prospettive future per l’andamento del mercato immobiliare in Campania sono mirate alla prudenza, prevedendo nel corso dei prossimi mesi un leggero incremento del numero di compravendite ed una tendenza alla stabilizzazione delle quotazioni immobiliari che non dovrebbero fare registrare variazioni significative.

Questo è quanto emerge in base all’analisi relativa all’andamento del mercato immobiliare in Campania svolta da Domenico Amicuzi Real Estate Specialist per Gabetti Franchising Agency, in occasione di un’intervista rilasciata per il magazine on-line Patrimoni & Finanza.

Profondo conoscitore del mercato immobiliare italiano, Amicuzi è uno stimato professionista immobiliare, molto apprezzato per la sua determinazione, la forte ambizione mirata all’ottenimento dei risultati e la passione per il proprio lavoro come dimostrano i successi ottenuti in 15 anni di attività.

Nel corso della sua carriera ha svolto il percorso di crescita professionale presso importanti brand immobiliari nazionali, partendo da consulente immobiliare fino a real estate manager ed imprenditore di una delle più prestigiose società del settore, permettendo lui di acquisire una conoscenza approfondita degli elementi operativi di ogni singolo aspetto del business immobiliare.

Napoli, 26 Settembre 2019

Domenico Amicuzi

Real Estate Specialist

info@domenicoamicuzi.it

www.domenicoamicuzi.it

Come scegliere i tappeti in camera da letto?

Scritto da miriam leone il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

“Come rendere la camera da letto il più accogliente possibile” è una domanda che in molti si pongono quando è il momento di arredare la stanza dove passeranno le loro notti future. Solitamente si cerca di trovare un compromesso tra la funzionalità dell’ambiente e la volontà che questo diventi un nido accogliente dove rifugiarsi e potersi riposare dopo una giornata difficile. La camera da letto però deve essere accogliente anche di prima mattina perché rappresenta lo step intermedio fra le calde lenzuola e il freddo mondo esterno. Per fare in modo che questo passaggio avvenga nel modo più dolce possibile molti decidono di posizionare dei tappeti in camera da letto per evitare un brusco risveglio poggiando i piedi direttamente sul pavimento.

Dimensioni e colore del tappeto da camera

Il tappeto nel corso del tempo ha rivestito un ruolo sempre più importante nella progettazione degli ambienti domestici, passando da semplice accessorio ad autentico elemento di arredo con la capacità di influenzare la percezione visiva della stanza. Per poter far si che un tappeto risalti in una stanza e possa darle il tono che merita bisogna prestare attenzione durante la scelta a due elementi fondamentali: il colore del tappeto e le dimensioni del tappeto.

Per quanto riguarda il colore è consigliabile che questo richiami qualche altro dettaglio della stanza, per esempio il colore delle tende oppure delle pareti se decidete di non lasciarle bianche. In alternativa è possibile optare per un colore che crei uno stacco deciso rispetto gli altri elementi d’arredo. In ogni caso un consiglio generico è che il tappeto deve creare un po’ di contrasto con la tonalità del pavimento. Questo significa che optare per un tappeto chiaro con un pavimento chiaro, potrebbe non fare risaltare l’elemento d’arredo e rendere i vostri sforzi di designer quasi inutili.

Parlando delle dimensioni invece, buona norma sarebbe che il tappeto ricopra i due/terzi della stanza dove lo andrete a collocare. Questo ovviamente non vuol dire che se il tappeto presenta dimensioni diverse non può essere posizionato o che dovrete cambiare tappeto, la scelta finale ovviamente spetta a voi e ai canoni del vostro gusto personale.

La disposizione dei tappeti

Le possibilità di posizionamento di un tappeto in camera da letto possono essere numerose, ma non è detto che tutte si adattino perfettamente all’ambiente che avete in mente. Per quanto riguarda la pura e semplice tendenza andrei ad elimiare l’opzione dei tre piccoli tappeti posizionati ai lati e in fondo al letto tutti uguali fra loro. Per quanto possa sembrare una buona idea correrete il rischio di stancarvi subito. Prendere tappeti diversi per forma o colore ma abbinati tra loro e che presentino punti in comune invece, potrebbe potrebbe rivelarsi la scelta migliore in quanto vi da la possibilità di cambiare la disposizione dandovi la sensazione di avere una stanza sempre moderna e in movimento.

L’opzione di avere un unico grande tappeto posizionato sotto al letto invece la sconsiglierei a chi ha una stanza non molto grande. Se invece nella vostra stanza lo spazio non manca questa soluzione potrebbe ceare un ottimo effetto visivo.

Nuova gamma di Avidsen Home: dispositivi smart che dialogano con gli assistenti vocali

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Tecnologia Personale

Nel corso dell’ultima edizione della fiera di settore IFA, recentemente tenutasi a Berlino, è stata presentata un’interessante ricerca sulla Smart Home – con focus sull’Europa, sviluppata dalla Smart Home League, associazione che riunisce leader di categoria nel settore.

La ricerca – che ha interessato un campione di 6.000 persone – ha dimostrato che gli europei sono favorevoli e interessati al concetto di “casa intelligente” (il 66% del campione, ma in Paesi come Italia e Spagna il dato sale a oltre l’80%). Il 71% degli intervistati, in effetti, non ha ancora un prodotto connesso a casa, ma le previsioni di crescita sono ottimistiche: il 37%, tra gli “sprovvisti”, prevede di acquistare una soluzione Smart Home entro i prossimi 12 mesi, mentre gli utenti che hanno già sperimentato un prodotto connesso sono propensi ad acquistarne un altro (il 68% della specifica percentuale).

Queste previsioni e tendenze spingono dunque le realtà produttrici di dispositivi tecnologici per la Smart Home a presidiare il mercato con soluzioni sempre più innovative. Ė il caso di Avidsen, società specializzata nello sviluppo di sistemi elettronici e digitali innovativi di utilizzo per la casa, che oggi lancia una nuova gamma di dispositivi. Avidsen Home è composta da due telecamere da interno (linea HomeCam), una da esterno (Spotlight), una lampadina connessa (HomeLight) e una presa smart (HomePlug). Tutti i prodotti sono compatibili con gli assistenti vocali Alexa e di Google.

HomeCam è telecamera da interno, connessa, con visione notturna e rilevazione di movimenti.

Ė caratterizzata da un design sobrio che si integra perfettamente con i mobili e le mensole. La telecamera pesa solo 96g, ha un piede fisso ma flessibile e regolabile, e una resa video ad alta risoluzione 1080p, grandangolare (con visione notturna integrata).

HomeCam 360 è telecamera da interno che “sorveglia” a 360° (a sua volta con un design essenziale e moderno che si adegua a qualsiasi stile di arredo). La telecamera pesa 153g, assicura video ad alta risoluzione 1080p, è motorizzata a 360°, e ha funzionalità di visione notturna per monitorare l’abitazione anche in orari tardi.

I due prodotti presentano caratteristiche e plus comuni che riassumiamo:

  • Rilevamento dei movimenti con notifica sullo smartphone per prevenire eventuali intrusioni
  • Sistema audio bidirezionale (microfono + altoparlante) per parlare con i bambini quando tornano a casa
  • Visione notturna portata 8-10 m
  • Installazione facile e connessione Wi-Fi sicura WPA2 e crittografata AES128
  • Salvataggio in locale dei video su scheda SD fino a 128GB
  • Memorizzazione su scheda SD (128GB max, non inclusa)

Spotlight è invece una telecamera grandangolare da esterno, con luce smart e potente, ad alta definizione Full HD/1080p con visione notturna a lunga distanza per una videosorveglianza efficace sia di giorno, che di notte. Ė equipaggiata con sistema audio bidirezionale “Full Duplex”, con rilevamento dei rumori per prevenire eventuali intrusioni. Pesa 153 grammi.

Queste le altre principali caratteristiche:

  • Luce smart e potente (2x10W) che si attiva in caso di rilevamento di movimenti o di rumori inusuali per dissuadere eventuali ladri.
  • Resistenza alle intemperie (IP54), modello progettato per essere montato sulla facciata della casa per controllare l’ingresso o il giardino.
  • Controllo a distanza tramite smartphone o comando vocale compatibile con Echo Show, Google Home e Chromecast.
  • Memorizzazione su scheda SD (128GB max, non inclusa).

HomeLight è un’innovativa lampadina connessa che fornisce illuminazione agli interni facendo scegliere l’atmosfera preferita tra luce bianca e colorata. È possibile controllare le luci a distanza tramite l’app Avidsen Home o con comando vocale (Alexa o Assistente Google). L’illuminazione corrisponde a 800 lumen (potenza 10 W).

Infine, HomePlug è una presa WiFi per interni. Di semplice installazione (si collega a una presa elettrica), HomePlug, consente di accendere o spegnere tutti i dispositivi elettrici. Il suo utilizzo permette di controllare il consumo di energia e, di conseguenza, risparmiare sui costi.

Tramite l’app Avidsen Home è possibile controllare da remoto la presa, e gestirla con l’assistente vocale.

La gamma Avidsen Home è disponibile sul sito di e-commerce http://www.avidsenstore.it e presso i migliori negozi dedicati all’elettronica, al bricolage e al fai da te, ed è coperta da garanzia di 2 anni.