Mutuo prima casa: servono quasi 18 anni di stipendio per restituire il capitale richiesto

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Il 2017 è stato un anno positivo per chi ha scelto di acquistare casa: i tassi di interesse dei mutui ai minimi, il prezzo degli immobili sostanzialmente stabile e l’aumento del reddito a disposizione delle famiglie hanno creato condizioni favorevoli per comprare. Ma chi ha presentato domanda di mutuo prima casa, quanti anni di stipendio dovrà versare per restituire alla banca il capitale richiesto?  Al netto degli interessi e considerando che oggi le famiglie italiane cercano mediamente di destinare alle rate del mutuo circa il 25% del reddito annuale, Facile.it e Mutui.it hanno calcolato che occorrono in media 17 anni e 10 mesi. Il risultato emerge dall’analisi di circa 40.000 richieste di mutuo prima casa raccolte dai due portali da gennaio 2013 a dicembre 2017 i cui valori sono stati incrociati con i dati Istat disponibili relativi ai redditi delle famiglie italiane*.

Aumentano gli anni necessari, ma anche gli importi richiesti

Il valore risulta in crescita rispetto al 2013, quando le famiglie che richiedevano un mutuo dovevano mettere in conto di destinare alla banca in media 16 anni e 10 mesi di stipendi. Brutte notizie? In realtà no, se si considera che dietro all’aumento degli anni necessari a ripagare il capitale non vi è una riduzione dei redditi medi delle famiglie italiane, bensì un aumento della cifra richiesta agli istituti di credito. Nel 2013 l’importo medio che gli aspiranti mutuatari cercavano di ottenere per acquistare la prima casa era pari a 123.583 euro, mentre nel 2017 la richiesta media è aumentata dell’8% raggiungendo i 133.456 euro.

«Nel corso degli ultimi anni abbiamo assistito ad una consistente diminuzione dei tassi di interesse e degli spread applicati dalle banche, che ha determinato un alleggerimento della rata mensile», spiega Ivano Cresto, Responsabile BU mutui di Facile.it. «Questo ha consentito alle famiglie di richiedere in prestito importi più elevati, mantenendo comunque una rata mensile contenuta, che non impattasse troppo sul reddito complessivo».

La dinamica spiegata da Cresto risulta molto chiara se si guarda a come è cambiato negli ultimi quattro anni il valore medio della rata e il suo il rapporto con il reddito mensile delle famiglie richiedenti; nel 2013 la rata media richiesta era pari a 663 euro, con un impatto del 27% sullo stipendio mensile, mentre nel 2017, nonostante gli importi richiesti alle banche siano aumentati, la rata media è diminuita arrivando a 606 euro, con un impatto del 24% sul reddito mensile medio.

Se per assurdo fosse possibile destinare alle rate del mutuo il 100% del reddito annuale, alle famiglie italiane basterebbero oggi mediamente 4 anni e mezzo per restituire alla banca la quota capitale presa in prestito al netto degli interessi, mentre nel 2013 servivano 4 anni e 2 mesi.

Le differenze regionali

Analizzando in ottica territoriale le richieste di mutuo prima casa raccolte dai due portali nel 2017, emergono importanti differenze tra le aree del Paese. Gli aspiranti mutuatari della Campania risultano essere quelli che dovranno mettere in conto più anni, e stipendi, per restituire il capitale richiesto al netto degli interessi; 21 anni, ipotizzando, come detto, che ogni anno confluisca nel mutuo una somma pari al 25% dello stipendio. Seguono in classifica i richiedenti mutuo del Lazio (20 anni e 3 mesi) e della Sicilia (19 anni e 11 mesi)

Di contro, le aree dove i valori si riducono notevolmente sono il Friuli Venezia Giulia, qui i richiedenti mutuo impiegano in media 13 anni e 10 mesi, l’Umbria (14 anni e 7 mesi) e l’Emilia Romagna (14 anni e 11 mesi).

Adesivi per pavimenti: decora la tua casa con gli stickers!

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Amanti dell’home decor e dell’arredamento di interni, se ancora non conoscete gli adesivi murali vi state perdendo il trend più interessante del momento! Avete capito bene: adesivi da parete. Anche noti come wall stickers, gli adesivi murali sono un vera vera chicca per chi vuole arredare e rinnovare la casa con stile e senza spendere una fortuna. Stanchi di costosi imbianchini e fastidiosi teli per tutta la casa per settimane? Stanchi di spendere una fortuna per poi ritrovarsi con un lavoro fatto male o che non corrisponde affatto alle vostre aspettative? Siete dei perenni indecisi e passate le giornate a rimuginare sul colore più adatto per le pareti? Allora gli adesivi murali fanno sicuramente al caso vostro. Potreste però non conoscerne tutte le potenzialità: non solo pareti, qualsiasi superficie liscia può essere utilizzata come base di applicazione. Ecco perchè gli  adesivi per pavimenti sono un trend da tenere d’occhio! Ancora non li conoscete? Continuate a leggere per scoprirne di più!

Adesivi per i pavimenti

Gli adesivi murali o wall stickers combinano estetica, qualità e funzionalità: si attaccano e staccano con facilità, non lasciano colla, sono facili da applicare e non richiedono tempo di posa, ancor più facili da rimuovere con l’ausilio di un phon. Soprattutto, hanno un vantaggio innegabile: il prezzo! Ebbene sì, perchè hanno un costo irrisorio rispetto ad interventi più strutturali come riverniciare le pareti o cambiare il paviemento. Sì, avete capito bene: pavimento! Ancora non ci credete? Fate un giretto virtuale online fra le vetrine dei negozi specializzati e ricredetevi! Ci sono tantissime varianti per i pavimenti di ogni stanza, con colori e grafiche sempre nuove e diverse. Avete delle piastrelle che non vi convincono più e vorreste cambiarne l’aspetto? Mai stato più semplice con gli adesivi! Stickers di ogni forma e dimensione, colore, stile, per soddisfare tutte le esigenze e adattarsi perfettamente ad ogni ambiente della casa. Gli stickers permettono grazie alla loro grandissima versatilità di rinnovare interi ambienti con un semplice tocco.

Come applicarli e quali scegliere

Insomma, che abbiate un pavimento in legno, piastrelle o qualsivoglia materiale, gli adesivi per pavimenti sono perfetti per arredare tutti gli ambienti, dal più piccolo al più spazioso. Basta utilizzare una piccola spatola o una comunissima carta di plastica – per intenderci, tipo carta fedeltà – per applicare gli stickers alla perfezione. Farli aderire al pavimenti sarà un gioco da ragazzi e la loro natura lavabile li rende perfetti per ogni esigenza. Pensate a come potrebbero rinnovare totalmente la cucina, la stanza da bagno, a come potrebbero dar lustro al vostro salotto con delle decorazioni stile mosaico o ceramica! Daranno subito un aspetto più caldo ai vostri ambienti: come il manto di un tappeto, ma col vantaggio di poterlo cambiare quando si vuole e un differenziale di costo senza paragoni! E niente paura: non rovinano niente, grazie all’utilizzo sapiente di materiali di qualità e di una colla che, una volta seccata, si rimuove con facilità estrema. Ancora indecisi? Scoprite tutti i modelli e innamoratevene!

Ristrutturazione prima casa: 10 consigli per scegliere fra mutuo e prestito

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Nel 2017 sono state 700.000 le abitazioni ristrutturate approfittando dei tassi particolarmente vantaggiosi e delle detrazioni previste dalla legge (Fonte: Scenari Immobiliari). Molti italiani hanno scelto di chiedere in prestito a banche o finanziarie la somma necessaria per affrontare i lavori e, secondo l’osservatorio di Facile.it, quando si parla di ristrutturazioni, la richiesta media* è stata pari a circa 16.000 euro per i prestiti personali, 88.500 euro per i mutui. Ma quando conviene scegliere l’una o l’altra tipologia di finanziamento e come fare per evitare di pagare più del dovuto? Ecco i 10 consigli di Facile.it.

  1. Quanto chiedere. Il primo punto da valutare è quanto richiedere a banche e società del credito; in generale può convenire orientarsi verso un prestito personale se il taglio del finanziamento è più contenuto anche se, di fatto, è possibile richiedere sino a circa 70 mila euro. I mutui per ristrutturare, invece, sono la soluzione più indicata per chi mira a importi maggiori; non ci sono valori minimi e ogni istituto applica le proprie politiche, ma normalmente il credito viene concesso a partire dai 30.000 euro.
  1. Quale tasso considerare? Per valutare e confrontare le due tipologie di finanziamento è fondamentale il tasso. Non fermiamoci però al solo TAN (Tasso Annuo Nominale) e, piuttosto, teniamo in considerazione il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) che include tutti i costi connessi al finanziamento, come le spese di istruttoria o perizia. Nello specifico, per i prestiti personali** per ristrutturazione, a seconda dell’importo e della durata, le migliori offerte hanno un TAEG che oscilla, attualmente, tra il 5,44% e il 7,98%. Per un mutuo ristrutturazione prima casa**, invece, bisogna scegliere tra tasso variabile (migliori TAEG tra lo 0,78% e lo 0,83%) o fisso (migliori TAEG tra l’1,50% e il 2,08%).
  1. I costi accessori cui fare attenzione. Abbiamo detto che sul costo complessivo del finanziamento gravano anche altri elementi, ma quali sono e quali le differenze tra i costi connessi ai prestiti e quelli legati ai mutui per ristrutturazione? Per il prestito personale sono da considerare, generalmente, le spese di istruttoria, di incasso e gestione rata, quelle di notifica e di chiusura pratica, l’imposta di bollo, e, se previsti, eventuali costi iniziali o assicurativi. Per i mutui ristrutturazione, invece, la lista non finisce qui e, quindi, le spese aumentano. In aggiunta ai costi sopra indicati, bisogna considerare il perito (in media il suo intervento costa tra i 200 e i 300 euro, variabili anche in funzione del numero di perizie necessarie) e l’atto (il cui costo è legato al valore dell’iscrizione ipotecaria) che il notaio dovrà redigere per finalizzare il mutuo. Bisogna mettere in conto anche i costi relativi all’assicurazione scoppio e incendio, obbligatoria per l’ottenimento di un mutuo ristrutturazione. Attenzione perché se l’abitazione è già coperta da una polizza di questo tipo, è necessario verificare che abbia le caratteristiche richieste per il nuovo finanziamento o, in caso contrario, occorre stipularne una nuova.
  1. Le garanzie richieste sono diverse. Per entrambi i finanziamenti è necessario, in primis, che il richiedente abbia un reddito fisso di importo sufficiente a sostenere le rate da rimborsare. Se per il prestito personale questo rappresenta, nella maggior parte dei casi, l’unico requisito richiesto, per il mutuo ristrutturazione, invece, è necessaria anche una garanzia reale, rappresentata dall’iscrizione dell’ipoteca sull’immobile che si intende ristrutturare. Resta valido, per i mutui così come per i prestiti, che qualora l’istituto erogante lo ritenesse necessario, potrà richiedere ulteriori garanzie.
  1. Le tempistiche di erogazione variano notevolmente. Un punto di forza dei prestiti personali sono propri i tempi rapidi di erogazione, che variano generalmente tra le 24 ore e i 15 giorni; se il vostro nemico è il tempo, questa è senz’altro la strada più veloce da percorrere. Il mutuo ristrutturazione, invece, segue il normale iter di un mutuo tradizionale per l’acquisto casa che è notoriamente più lungo; solo per passare dall’istruttoria della pratica all’erogazione occorrono, in media, circa 60 giorni.
  1. Potrebbe essere utile un mutuo SAL? Altra differenza tra mutuo e prestito ristrutturazione è rappresentata dalla modalità di erogazione; con il prestito la somma viene sempre concessa in un’unica soluzione, mentre per il mutuo le opzioni sono due. In alcuni casi, soprattutto se l’importo richiesto è contenuto rispetto al valore complessivo dell’immobile, la banca potrebbe concede la somma in un’unica soluzione, al pari di un prestito personale; se invece l’importo richiesto è elevato, o addirittura superiore al valore che ha l’abitazione prima dei lavori di ristrutturazione, l’istituto di credito potrebbe proporre un cosiddetto mutuo SAL (Stato Avanzamento Lavori). Si tratta di una particolare formula di finanziamento che prevedere l’erogazione dell’importo in diverse tranches, ognuna rilasciata dalla banca solo dopo che un perito abbia accertato il nuovo valore acquisito dall’immobile all’avanzare dei lavori.
  1. Come scegliere la durata. Il prestito personale ha una durata massima di 10 anni e per questo motivo viene generalmente preferito per finanziamenti contenuti; il mutuo ristrutturazione, di contro, può arrivare anche a 30-35 anni. La scelta della durata del finanziamento deve quindi essere fatta in base all’importo complessivo che si vuole chiede, all’ammontare della rata mensile che si può sostenere e, non ultimo, all’età del richiedente. In generale è bene considerare che più è lungo il finanziamento, maggiore sarà il tasso di interesse applicato, ma il peso della rata mensile, essendo spalmato su un periodo maggiore, risulterà minore. Il mutuo resta, di fatto, l’unica strada percorribile se si vuole ripagare il debito in più di 10 anni. Se invece la durata è particolarmente breve, potrebbe convenire optare per un prestito personale, i cui costi accessori risultano minori.
  1. Cosa portare in detrazione. Sul fronte delle agevolazioni fiscali è il mutuo ristrutturazione prima casa ad uscire vincitore; se richiesto per l’abitazione principale, questo dà diritto a una detrazione annua Irpef del 19% degli interessi pagati sul mutuo (importo massimo su cui calcolare la detrazione: 2.582,25 euro). Il prestito personale, invece, non dà diritto ad alcuna detrazione. Per il proprietario rimane valida (indipendentemente dal fatto che si opti per un prestito personale, un mutuo, o persino attingendo dai propri risparmi) la possibilità di godere delle detrazioni fiscali legate all’intervento di ristrutturazione. In questo caso, se i lavori rientrano tra quelli previsti dalla legge, il proprietario può richiedere una detrazione Irpef pari al 50% del valore dell’intervento, fino ad un massimo di 96.000 euro, che verrà applicata nei 10 anni successivi alla ristrutturazione.
  1. Cosa fare se la casa ha già un mutuo ipotecario? Cosa accade se sulla casa da ristrutturare grava già un mutuo ipotecario? Due le alternative: se il proprietario vuole richiedere un nuovo mutuo, e non dispone di altre garanzie reali, la banca potrebbe proporre un mutuo sostituzione con liquidità per ristrutturazione, soluzione che consente di sostituire il primo finanziamento con uno nuovo che include anche una quota di liquiditàaggiuntiva da utilizzare per i lavori. In questo caso, però, attenzione alle somme richieste: l’istituto di credito non concederà un nuovo finanziamento se l’ammontare complessivo supera l’80% del valore dell’immobile. La seconda soluzione è il prestito personale che, come spiegato, non necessita di garanzie reali per essere concesso anche se, prima di dare l’OK, la società del credito verificherà che il richiedente abbia una capacità reddituale tale da permettergli di sostenere le rate dei finanziamenti in corso.
  1. Penali ed estinzione anticipata. Per entrambi i finanziamenti il debitore può decidere di estinguere il debito, totalmente o in parte, prima della sua scadenza naturale. A partire da febbraio 2007, per il mutuo ristrutturazione prima casa, la banca non può applicare alcuna penale per l’estinzione anticipata; nel caso di prestito personale, invece, attenzione perché a seconda del contratto sottoscritto, potrebbe essere previsto il pagamento di un indennizzo, compreso tra lo 0,5% e l’1% del valore del prestito, a favore della società che lo ha concesso.

* Per i prestiti personali, l’analisi è stata realizzata su un campione di 53.506 richieste presentate tramite Facile.it e Prestiti.it tra l’1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017. Per i mutui, l’analisi è stata realizzata su un campione di oltre 30.000 richieste presentate tramite Facile.it e Mutui.it tra l’1 aprile 2017 e l’11 aprile 2018.

** Calcoli effettuati su Facile.it in data 11/04/2018 ore 17.00. Per il prestito personale finalità ristrutturazione sono stati considerati i profili: importo richiesto 16.000 euro da restituire in 2 e 10 anni. Per il mutuo ristrutturazione tasso variabile e fisso sono stati considerati i profili: importo richiesto 88.500 euro, valore immobile 200.000 euro, da restituire in 15 e 30 anni.

Non Solo Sconti e Offerte: Tappeti Moderni, Lavaggio e Restauro

Scritto da miriam leone il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Molti showroom e negozi online specializzati in vendita di tappeti spesso annunciano nuove collezioni o singoli tappeti moderni in offerta. Tra i tappeti più rinomati e apprezzati troviamo tappeti moderni, orientali e kilim, interamente annodati a mano di antica, nuova e vecchia manifattura. Provengono da Iran, Turchia, India, Caucaso, Pakistan e Afghanistan.

I Vantaggi di Comprare Tappeti Online

Acquistare online è semplice e ha il vantaggio di permetterci di trovare velocemente il tappeto che stiamo cercando: tappeti con fantasie floreali, motivi caratterizzati da texture corposa o dalla delicata scultura a rilievo dei dettagli del disegno, con o senza effetto vintage (che oggi va molto di moda non solo per tessuti ma anche per i tappeti). Online si trovano tappeti di ogni forma, anche rotondi: perfetti per chi vuole portare un tocco di originalità alla casa e creare un’isola colorata sul pavimento. Un tappeto rotondo o dalle forme morbide è inoltre perfetto in un arredo minimalista, stile che valorizza i tappeti rotondi perché capaci di smorzare gli spigoli tipici dei mobili minimal.

I migliori tappeti moderni e contemporanei vengono ancora oggi annodati a mano e colorati con tinte vegetali donando così qualità e valore al manufatto. Oggi quindi i tappeti annodati a mano combinano rispetto per le tradizioni antiche e gusto estetica moderno. I tappeti contemporanei e di design si trovano infatti di tutte le forme e di tutti i colori, possono avere pattern geometrici, decorazioni floreali, possono ispirarsi alla natura o a soggetti astratti: ciò rende i tappeti moderni molto versatili e facilmente integrabili in diversi tipi di arredo dal design più moderno e minimal all’antico o vintage.

Ecco qualche consiglio di arredamento: se il vostro è un soggiorno classico, sobrio e semplice e desiderate ravvivare lo stile, scegliete un tappeto dai colori accesi o create contrasto tra i mobili e il tappeto, magari con un tappeto floreale rotondo tra il divano e la televisione. In cucina anche la funzionalità ha un ruolo importante: per la cucina classica un tappeto moderno di ispirazione classica darà un tocco di personalità ed eleganza. Un trittico di tappetini con decorazioni geometriche o astratte sarà invece ideale da utilizzare come scendiletto in camera da letto. Per il bagno infine vi consigliamo un tappetino con antiscivolo, magari con decorazioni astratte e colori vivaci.

Non Solo Spedizioni Gratuite: Lavaggio e Restauro di Tappeti

Molti e-commerce offrono spedizioni gratuite: leggete bene il sito prima di effettuare l’acquisto per essere sicuri dei costi delle spedizioni, se avete diritto a ulteriori sconti per il vostro primo acquisto o se possedete codici promozionali. Il consiglio migliore è trovare un portale fidato, meglio se si tratta di un’azienda con showroom fisico, che offra anche un accurato servizio post vendita di lavaggio e restauro. Tanti e diversi sono i danni che si possono creare nel tempo alle frange o al vello del tappeto. Per preservare e conservare al meglio il proprio tappeto è bene pulirlo e spazzolarlo regolarmente ma non tutte le macchie si possono togliere a casa. Per questo assicuratevi che il vostro negozio di fiducia offra anche servizi di lavaggio di tappeti annodati a mano.

Non resta che augurarvi buon shopping!

Must have dell’arredamento: il lampadario classico

Scritto da ElisaRossi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

L’illuminazione  è un elemento importantissimo per ogni ambiente: funzionalità, estetica e design si incontrano per far brillare ogni stanza. Fra sale, salotti, soggiorni, camere da letto, bagni e cucina, le fonti di luce sono tantissime e devono essere selezionate ad hoc per garantire una corretta illuminazione, essenziale per dare risalto ad ogni angolo della tua casa, ma non solo: che tu stia decorando ed arredando il tuo ufficio o la tua attività commerciale, ogni ambiente ha bisogno della giusta luce e perchè questo sia possibile selezionare la corretta sorgente è il primo passo. Provate a pensare a come sarebbe la vostra abitazione se non aveste alcuna fonte di luce: invivibile! O ancora, pensate a quanto sia indispensabile creare la giusta atmosfera per un bar o un ristorante e a quanto il design e lo stile siano elementi  imprescendibili per ogni locale di successo. Quando si tratta di illuminazione, le lampade a sospensione sono in assoluto un accessorio indispensabile per ogni locale che si rispetti,  e i lampadari classici sono fra i più amati del genere. Andiamo insieme a scoprire qualcosa di più su questo complemento d’arredo.

Quando il lampadario è protagonista

La parola lampadario evoca preziosità e brillantezza, vetri e cristalli, eleganza e raffinatezza. Che siate amanti delle tradizioni o preferiate uno stile più moderno e contemporaneo, che siate o meno appassionati di home decor e di illuminazione, il lampadario è sicuramente un elemento estremamente diffuso. Come mai? Semplice: stile, funzionalità, estetica, performance e una bellezza che non conosce tempo. Dalle linee più semplici a quelle più complessse, in un trionfo di stile e design. Innvazione e tecnologie si inseriscono in questo quadro creando, insieme alla creatività di designer e disegnatori, linee e modelli sempre nuovi, in grado di soddisfare tutti i gusti e tutte le tasche. Si adattano perfettamente ad ogni ambiente, sia domestico che ad utilizzo commerciale. Basta un lampadario per creare subito la giusta atmosfera ed arredare una stanza, condensando in un solo elemento stile, design, funzionalità.

Lampadario classico: tradizione e bellezza senza tempo

Scegliere fra le centinaia di varianti di lampadari disponibili in negozi e store online può essere difficile. Se siete amanti della tradizione, o se volete creare il giusto contrasto con un ambiente moderno e contemporaneo, il lampadario classico è sicuramente l’opzione migliore. Preziosi cristalli di rocca per gli amanti del lusso, coloratissimi vetri di Murano per un fascino senza pari, vetri e cristalli di Boemia per un perfetto stile tradizionale. Le varianti sono tantissime, dai classici trasparenti ai modelli più colorati, tutti rimangono comunque fedeli alla tradizione di un’arte senza tempo. Strutture in oro per un perfetto stile italiano, bianco per uno stile francese alla Maria Teresa, greche, ghirlande e perle per i lampadari in stile impero. Bracci più o meno sporgenti, pendenti dalle forme più variegate, dimensioni diverse per ogni necessità. Il lampadario è un complemento d’arredo che permette, da solo, di decorare una stanza e darle carattere. Lasciatevi conquistare dalle atmosfere chic ed eleganti degli splendidi lampadari classici, non ve ne pentirete!

Gli infestanti del legno: Hesperophanes Sericeus

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Torniamo ad approfondire l’argomento nemici del legno e trattamento antitarlo ecocompatibile, e lo facciamo parlando di “Hesperophanes Sericeus”, ovvero di un coleottero saproxilico sicuramente poco conosciuto, ma tra quelli maggiormente diffusi nel nostro Paese. Appartenente alla famiglia dei Cerambicidi, questo insetto è definito circum-mediterraneo a causa della sua presenza massiccia in tutta l’Europa Meridionale: Spagna, Portogallo, Francia del Sud, Turchia Occidentale, aree del Medio-Oriente (Israele) e Nord Africa (Tunisia, Algeria, Marocco), ma soprattutto Italia.

E sì, la nostra penisola è indubbiamente una delle sue mete preferite. In quanto amante del calore, esso è considerato un termofilo, e questo giustificherebbe la sua presenza in aree geografiche europee dal clima mite: la macchia mediterranea si configura proprio come il suo habitat preferito.

Le sue larve xilofaghe, infatti, si sviluppano nel legno di diverse specie arboree (quercia, platano ecc) ma anche vigneti, e più in generale nelle foreste di latifoglie. Questo coleottero vive prevalentemente in estate (giugno-ottobre), è lungo circa 3 cm ed è caratterizzato da un colore marrone chiaro, macchie nere sulle elitre e lunghe antenne composte da ben 11 parti di lunghezza differente. Il suo ciclo larvale, inoltre, dura al massimo 3 anni. Altra particolarità è quella di avere abitudini notturne e di essere attratto dalle luci artificiali.

Pur rappresentando un esemplare molto bello in natura, questo insetto è tuttavia un pericolo concreto, non solo per le piante del nostro giardino, ma anche per il legno presente all’interno di ambienti domestici (specie per quelli situati in spazi aperti) indipendentemente dalla sua appartenenza alla tipologia di latifoglia o conifera. Anche in questo caso, ricorrere a una disinfestazione tarli efficace ed ecologica come quella che propone Trattamentoantitarlo.net, è l’unica soluzione idonea ad evitare di compromettere l’integrità delle nostre costruzioni.

Acquisto e vendita case? A Busto Arsizio c’è Top Casa, agenzia immobiliare con oltre 20 anni di esperienza

Scritto da mybookmarkservice il . Pubblicato in Affari, Aziende, Casa e Giardino

Top Casa si offre come supporto esperto nell’acquisto e vendita di case a Busto Arsizio, Gallarate, Legnano e comuni limitrofi nelle provincie di Varese e Milano e garantisce un servizio completo con gestione di pratiche e aste.

Vuoi cambiare casa? Non entrare nel panico!
Vendere e acquistare casa oggi sembrano operazioni molto complicate, ed effettivamente bisogna prestare molta attenzione se si vogliono evitare truffe e problemi con acquirenti e venditori.
E’ sempre meglio affidarsi ad un’agenzia seria e affidabile, con oltre 20 anni d’esperienza, che segua ogni pratica con dedizione e professionalità e che offra un servizio a 360 gradi… Dove trovarla?
Per acquisto, affitto e vendita di case, a Busto Arsizio c’è Top Casa, l’agenzia immobiliare che ti segue passo passo e realizza i tuoi sogni!

affitto case busto arsizio

Dalla ricerca dell’acquirente, alla firma del contratto: per vendita case a Busto Arsizio scegli Top Casa

Vendere il tuo immobile è una responsabilità, scegli di affidarti solo a professionisti.
Con Top Casa avrai la garanzia di massimo impegno e serietà nella vendita di case a Gallarate, Busto Arsizio, Legnano e comuni limitrofi nelle provincie di Varese e Milano.
Il sito di Top Casa è strutturato in modo da mettere in evidenza nel migliore dei modi gli immobili in vendita con tutte le loro caratteristiche. Top Casa collabora inoltre con tutti i siti immobiliari più popolari per dare ancora più visibilità agli immobili e garantire le migliori condizioni per una vendita veloce e soddisfacente.
Sarai seguito fin dalle prime fasi per valutare insieme il prezzo più adatto, con consultazione di ogni documento per individuare criticità e loro risoluzione, fino alle fasi successive al rogito di vendita.

Top Casa, il top per affitto di case a Busto Arsizio, Gallarate, Legnano

Top Casa garantisce un numero di problemi pari a… Zero!
Per l’affitto di case a Busto Arsizio e limitrofi vengono effettuati controlli sugli inquilini e sui redditi a garanzia: se il team di Top Casa non è convinto, il contratto di affitto non viene stipulato.
L’agenzia di Busto Arsizio ha abbracciato la filosofia secondo cui è meglio un contratto firmato in meno che un problema in più su un contratto stipulato in modo superficiale.
Stipula di contratti di locazione e registrazione telematica dei contratti vengono eseguiti senza costi aggiuntivi, cosa aspetti, per l’affitto, l’acquisto o la vendita dei tuoi immobili, affidati a Top Casa!

Rendi magiche le tue serate con la giusta illuminazione

Scritto da fsdf il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Cerchi idee per ri-modernizzare il tuo giardino? Rendilo magico con luci da esterno. Molti rivenditori online offrono soluzione accurate che mirano ad un design elegante e innovativo. L’illuminazione per il giardino è l’idea giusta per decorare la tua casa, capace di creare un’atmosfera piacevole e accogliente. Numerose luci all’insegna del design e  della tecnologia.

La magia delle luci per l’esterno

L’illuminazione del giardino impreziosisce la casa, la rende unica e moderna. La luce giusta diventa un accessorio che decora la tua casa. Le sere d’estate passate nel tuo giardino non saranno più le stesse; una piacevole luce diffusa le renderà magiche e rilassanti in un ambiente fresco e innovativo.

Rendere luminosi gli spazi esterni è facile, basta scegliere quel che più ti piace tra le numerose offerte di luci per il giardino. I nuovi sistemi di illuminazione per l’ambiente esterno creano giochi di luci piacevoli e rilassanti.

I modelli di lampioni, applique, faretti e paletti sono pensati per unire efficienza e design, utilizzando la classicità o la nuova tecnologia delle luci Led.

L’obiettivo delle luci per l’esterno è quello di decorare l’ambiente rendendolo moderno e avvenente, tramite un’illuminazione adeguata e all’avanguardia, caratterizzata dall’uniformità e dell’intensità dell’energia elettrica.

Regalati momenti dimenticabili nel tuo giardino con la tua famiglia e con gli amici.

L’illuminazione adatta al tuo giardino

Come fare a capire quale tipo di illuminazione scegliere? Non esiste una risposta corretta a questa domanda, perché ogni modello o stile di illuminazione incorpora una luce che decora e rende luminosi gli spazi esterni. La scelta diventa quindi soggettiva, secondo il gusto personale. Numerosi sono i modelli presenti sul mercato, come, ad esempio,  le luci Led, le quali sono molto richieste per la loro semplicità e la variabilità. Le luci Led, considerate un punto di forza dell’illuminazione dell’ambiente esterno, possono essere utilizzati come segna passi, all’interno di paletti, di applique, su pareti, soffitti e pavimenti.  I faretti led sono ideali per un’illuminazione di classe e design.

Se invece si preferisce qualcosa di più ricercato, la scelta può ricadere su eleganti lampioni, che infondo dall’alto una luce intensa e piacevole, con un estetica che non passa inosservata e attira l’attenzione.

Avvincente è la scelta dell’illuminazione del giardino se si possiede una piscina. Con il riflesso dell’acqua, le luci interne o ai bordi della piscina creano emozionanti giochi di chiari e scuri, suggerendo un tocco di incanto a chi osserva il tuo giardino.

Le applique da giardino uniscono il concetto di semplicità a quello di funzionalità e regalano una luce uniforme e diffusa; presenti nei più diversi stili e colori.

Numerosi sono i modelli in commercio, adatti ad ogni tipo di giardino, di diversi materiali e di diversi stili, scegli quello più in linea con la tua casa e resterai soddisfatto.

Immobiliare Cambio Casa: vendita appartamento Taranto uso ufficio

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Affari, Casa e Giardino, Economia

Versatilità e qualità: si potrebbe sintetizzare con questi due aggettivi la strepitosa proposta che l’agenzia immobiliare a Taranto Cambio Casa ha riservato ai suoi visitatori. E sì perché l’offerta di cui parleremo in questo articolo merita davvero di essere valutata con massima attenzione, soprattutto per chi a Taranto è alla ricerca di un appartamento spazioso che si adatti ad ogni tipo di esigenza.

La proposta riguarda la vendita di un quadrilocale in stabile signorile situato in zona Solito Corvisera, precisamente in Via Dante angolo Via Solito (ex Hotel Principe). Recentemente ristrutturato, questo appartamento è adibito ad uso ufficio, ma è facilmente trasformabile in abitazione. I suoi 110 mq di grandezza sono suddivisi in un ingresso con sala d’attesa, un ampio salone, 2 camere e cucina (che attualmente rappresentano rispettivamente uffici e accettazione), un bagno e un antibagno.

L’abitazione, che presenta un elegante affaccio esterno angolare, oltre a presentarsi in perfetto stato è dotata di una serie di comfort molto utili dal punto di vista della funzionalità e della sicurezza, grazie alla presenza di infissi in vetro camera, tapparelle elettriche, aria condizionata caldo/freddo, porta blindata e nuovissimo impianto d’allarme. A ciò si aggiunge la presenza nello stabile di ascensore e riscaldamento autonomo.

Insomma, questa proposta immobiliare rappresenta indubbiamente la soluzione ideale non solo per le famiglie, ma anche per i liberi professionisti che stanno valutando di acquistare un appartamento a Taranto da adibire ad ufficio per poter esercitare la propria professione in tutta comodità.

Scegli Cocif per l’acquisto di porte scorrevoli, sistemi di sicurezza, porte e finestre di design in legno e pvc

Scritto da mybookmarkservice il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Cocif è nota al mondo grazie alla qualità dei suoi prodotti. Il design inconfondibile del made in Italy e oltre 70 anni d’esperienza rendono Cocif leader nella produzione di finestre e porte in legno, pvc e alluminio, porte e finestre blindate, inferriate, portoncini, porte scorrevoli e molto altro.

Cocif da oltre 70 anni si occupa di produzione e commercio di porte e finestre in legno, pvc e alluminio, sistemi di sicurezza quali porte e finestre blindate, portoncini e inferriate, sistemi divisori e porte scorrevoli, e prodotti contract per hotel, ospedali e istituti scolastici.
L’azienda di Longiano è leader nel settore grazie alla qualità made in Italy e al design inconfondibile delle sue realizzazioni, ai materiali pregiati e la finezza delle linee.
Trovi Cocif in oltre 100 punti vendita in tutta Italia, scopri il più vicino a te!

porte legno

Porte e finestre blindate, scegli Cocif per la tua sicurezza

Effrazioni e furti purtroppo costituiscono una realtà poco piacevole che può colpire le nostre abitazioni.
Proteggere te e la tua casa è fondamentale per evitare che pericoli esterni possano intaccare la tranquillità famigliare, per questo Cocif ha pensato ad una linea di sistemi antieffrazione adatti a preservare la tua privacy e la tua sicurezza.
Cocif ti propone oltre 300 modelli tra porte e finestre blindate, portoncini d’ingresso e inferriate di sicurezza: il design made in Italy si fonde con la pregevolezza dei materiali e le accurate finiture per regalarti prodotti dal valore estetico inestimabile, disponibili anche in classe A+ per il massimo risparmio energetico.
I prodotti Cocif sono classificati secondo gli standard dettati dalle normative europee UNI ENV 1627, UNI ENV 1628, UNI ENV 1629 e UNI ENV 1630 che garantiscono un adeguato livello di resistenza antieffrazione, inoltre il marchio CE presente su tutti gli infissi garantisce il rispetto delle norme di sicurezza, igiene e salute richieste dalla direttiva europea CPD 89/106/CEE.

Contract, la linea di finestre e porte in legno, alluminio e pvc con caratteristiche speciali

Cocif realizza finestre e porte in legno, alluminio e pvc dalla caratteristiche particolari, adatte a ospedali e strutture medico-sanitarie, strutture turistico-alberghiere e istituti scolastici.
Il design esclusivo e funzionale nella realizzazione dei prodotti Contract di Cocif, accompagna soluzioni innovative per rispettare le rigide normative di sicurezza e prevenzione incendi, abbattimento acustico e igiene.
Scopri le porte e le finestre Contract di Cocif, certificate e omologate per rispondere ad ogni esigenza.