Officina Sartoriale Trinchero, l’eccellenza della fattura italiana

Scritto da Binda il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Casa e Giardino

IL LUOGO DOVE IL DESIGN ARTIGIANALE SALE DI LIVELLO

A Torino nasce Officina Sartoriale Trinchero, giovane startup dove le idee prendono forma, fisicamente, un luogo di design artigianale, un luogo dove si unisce il moderno all’attuale. Con un solido passato alle spalle, l’azienda ha il suo core-business nella prototipia e rivestimenti personalizzati e su misura per sedute di ogni genere: automotive, nautica, moto ma anche arredamento. Officina Sartoriale Trinchero progetta e trasforma classici sedili, selle, divani e poltrone in oggetti dalla forte personalità per andare oltre gli schemi e le cose che tutti hanno. Perché quando vuoi sottrarti al monocorde gusto comune, gli artigiani di Officina Sartoriale sanno dar vita a quel tocco di personalizzazione, che fa di ogni progetto un prodotto unico al mondo. E per farlo, attivano una progettualità su misura, proponendo soluzioni tailor made, combinando il sapiente fare artigianale, l’alta tecnologia e un’ergonomia intelligente.

Officina sartoriale nasce dunque come tappezzeria ma si differenzia dai competitor del settore per l’alta sartorialità e artigianalità dei prodotti che confeziona; propone sistemi di sedute e rivestimenti personalizzati con più di 20.000 combinazioni possibili, accompagnando il cliente in tutto il percorso di nascita di ogni prodotto: gli artigiani di Officina Sartoriale possono seguirti come in una sartoria ma con tutta l’esperienza e le capacità tecniche di un’officina.

Qui i prodotti nascono da pensieri, confronti, matite consumate su progetti, pelli e tessuti che trovano il modo di convivere in sempre nuovi accostamenti. E’ un laboratorio piccolo ma con grandi maestranze. Persone di grande esperienza come Angelo Benvenuti, uno dei fondatori della Treben, azienda leader nella selleria nautica, e Mario Seriolo che da vent’anni si occupa di prototipazione e produzione di capote auto su misura. Officina Sartoriale Trinchero è infatti un brand giovane, ma con una ricca storia di esperienza alle spalle: nasce infatti dalla partnership di due importanti aziende storiche di Torino: Trinchero e Rubberfil.

Trinchero, da 60 anni si occupa di materiali in stock service per il settore Automotive e Nautica, che da sempre parla con le persone, visita i clienti, collabora nella realizzazione dei prodotti. È punto di riferimento italiano, in mano alla stessa famiglia da tre generazioni, che ha saputo evolversi con il mercato e collaborare con i più prestigiosi marchi automobilistici e nautici. Rubberfil che da quasi 30 anni confeziona capote su misura e personalizza i rivestimenti auto, affidandosi, da un lato, alla più moderna tecnologia per le fasi di progettazione e sviluppo e utilizzando, dall’altro, l’abilità artigiana come fondamento di tutta la manifattura.

Rivestimenti interni auto e prototipia  

Insieme ai sedili, Officina Sartoriale si occupa di tutti i rivestimenti interni auto tipico delle attività di tappezzeria: rivestimento pannelli porta e plance, rivestimento volanti, sostituzione tappeti fondo vettura, restauro tappezzeria auto d’epoca.

Per rivestimento sedili auto e rivestimento interni auto personalizzati utilizziamo materiali che soddisfano severi capitolati. Resistenti all’usura, alla lacerazione, alla luce, agli agenti atmosferici, ignifughi.

Tutti i rivestimenti interni auto sono personalizzati, su misura, con caratteristiche uniche e sempre differenti.  La perfezione delle cuciture viene realizzata grazie alla grande esperienza delle maestranze e da attrezzature all’avanguardia che permettono di produrre con standard qualitativi elevati e in linea con le esigenze del settore Automotive in termini di sicurezza.

PRODUZIONE DI SELLE MOTO ARTIGIANALI E IMBOTTITURE PERSONALIZZATE

Officina sartoriale si occupa di sviluppare, produrre e rivestire selle moto artigianali; intervenendo artigianalmente sulla sella con imbottiture personalizzate per un comfort e una stabilità su misura, realizzando il disegno anatomico , sostituiamo il rivestimento.

Nello specifico, si realizzano: imbottiture selle moto in espanso, imbottiture selle moto in memory-foam, imbottiture selle moto in gel, rivestimento selle moto, selle moto custom in ogni dettaglio: materiali, abbinamento di colori, cuciture a contrasto o invisibili, personalizzazioni grafiche della foderatura, ricami.

Studiano il design tenendo conto dell’ergonomia, modellando le imbottiture secondo rigorosi standard qualitativi ed utilizzando i materiali con alta resistenza antiscivolo. Da sottolineare che, ogni fase, è sempre interamente realizzata presso i laboratori tecnici di Officina Sartoriale.

TAPPEZZERIA NAUTICA E CUSCINERIA NAUTICA PER INTERNI ED ESTERNI

Officina Sartoriale è specializzata anche nella tappezzeria nautica per qualsiasi tipo di imbarcazione, dalle derive, al diporto ai grandi yacht. Ogni intervento comincia con un sopralluogo a bordo in cui si studiano le caratteristiche e si rilevano sul posto le misure.

Le maestranze realizza la cuscineria interna, cuscineria esterna, allestimento cabine e moquette, rivestimento sedili guida, cappottine, tendalini parasole e bimini.

Tutti i materiali sono appositamente sviluppati per la nautica e per resistere alle particolari condizioni atmosferiche cui sono sottoposti. Per la cuscineria esterna, è impiegata solo gommapiuma a cellula chiusa, leggerissima, idrorepellente e galleggiante.

I progettisti impiegano le innovazioni tecnologiche in termini di materiali per migliorare le performance in risposta alle condizioni atmosferiche, con un’attenzione particolare nel conservare l’approccio artigianale nella cura per i dettagli e nelle finiture.

LA COMODITÀ DI DIVANI SU MISURA

Officina Sartoriale Trinchero si è specializzata anche nella tappezzeria di interni, nel ramo specifico di progettazione di sedute di design e rivestimenti di divani su misura e poltrone.

Ogni divano, sedia o poltrona è realizzato con metodo tradizionale ed ogni volta è confezionato su misura, con una personalizzazione al centimetro nelle dimensioni, nei rivestimenti, nei dettagli, con imbottiture tecnologicamente avanzate ed ergonomiche.

Dulcis in fundo, la pelletteria di lusso

E come ciliegina sulla torta di questo exploit di lavorazioni sartoriali e tailor made, propone la produzione di   pelletteria di lusso: borse in pelle artigianali accessori in pelle per l’ufficio e per l’interior design. Creazioni interamente fatte a mano, coniugando raffinatezza, qualità e attenzione al particolare.

Le migliori materie prime, la creatività nei tagli e nelle forme, la possibilità di personalizzare ogni dettaglio permette di rendere unico al mondo ogni singolo prodotto: set di valigie su misura per vettura, borse porta abiti, cartelle da viaggio, piccola pelletteria per ufficio, oggettistica per l’interior design.

Visita il nostro sito: https://www.officinasartorialetrinchero.com/

RC Auto: 97.000 toscani pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per oltre 97.000 toscani; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno aumentare la propria classe di merito e, insieme ad essa, il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 32.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti in Toscana, ha evidenziato come il 4,87% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018, il che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta addirittura superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti toscani che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 5,48%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto in Toscana, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 675,72 euro, valore in aumento del 5,76% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Pisa (5,55%); seguono in classifica gli automobilisti di Massa – Carrara (5,33%) e Livorno (5,24%). L’area con i valori più bassi è invece Siena, dove solo il 3,48% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa; la città del Palio precede Lucca (3,87%) e Arezzo (4,16%).

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione toscano, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 4,33% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 5,74%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; gli insegnanti sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 6,62% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica i pensionati (6,33%) e il personale medico (6,13%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono gli studenti e gli appartenenti alle forze armate ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente l’1,98% e il 2,74%.

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra l’1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda la Toscana, la ricerca è basata su 514.814 preventivi effettuati in Toscana su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

Scaldabiberon auto: veloce e pratico da portare sempre con voi!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Lifestyle

Sono alla portata di tutti, pratici, maneggevoli, sicuri. Gli scaldabiberon auto vengono utilizzati con estrema frequenza e offrono il vantaggio di avere a disposizione un prodotto di qualità e funzionale in qualsiasi momento. Molto apprezzati dai genitori che hanno necessità di scaldare in poco tempo il buon cibo per il piccolo, sono oggetti di facile utilizzo, intuitivi e maneggevoli. Come scegliere e trovare il modello ad hoc? Partendo certamente dalle esigenze: date priorità alla qualità ma non sottovalutate la potenza e la praticità. Sono tanti, infatti, gli aspetti che vanno considerati. E tra questi c’è anche il design; un bello scaldabiberon è piacevole sia per voi che per il vostro bebè. In auto occorre molta praticità, per questo meglio optare per un modello più piccolo e compatto. Se avete dei dubbi su quale modello optare consultate le recensioni sul web di chi già utilizza il prodotto e vi può consigliare al meglio. Potete anche valutare di contattare direttamente la casa produttrice per ulteriori dettagli.

RC Auto: 220.000 lombardi pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 220.000 lombardi; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno peggiorare la propria classe di merito e, insieme ad essa, aumentare il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 86.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti in Lombardia, ha evidenziato come il 4,25% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018 che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti lombardi che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 4,84%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto in Lombardia, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 464,70 euro, l’1,07% in più rispetto a dicembre 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Como (5,53%); seguono in classifica gli automobilisti di Monza e Brianza (4,93%), Varese (4,78%) e Lecco (4,26%). Valori solo di poco sotto la media regionale per Bergamo (4,16%) e Milano (4,15%), mentre le percentuali più basse sono state registrate nelle province di Sondrio (2,84%) e Lodi (2,93%).

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione lombardo, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 3,94% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 4,73%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i pensionati sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 4,74% vedrà un peggioramento della classe di merito. Subito dopo si posizionano gli insegnanti (4,73%) e i commercianti (4,71%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono le forze armate e i disoccupati ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa.

Di seguito le classifiche regionali e provinciali degli automobilisti che hanno denunciato un sinistro con colpa nel periodo di tempo considerato.

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra l’1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda la Lombardia, la ricerca è basata su 1.295.362 preventivi effettuati in Lombardia su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

Seggiolino isofix per viaggi in auto con i più piccoli

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Viaggi

La normativa consente di poter viaggiare con uno o più bambini a bordo dell’auto se dotati di sistema isofix che è un sistema di facile montaggio universale. Pratico e molto facile da installare non prevede l’utilizzo di cinture. Già dal 2006 molti modelli presentano questo sistema attuabile nel sedile posteriore. Il seggiolino isofix consente di effettuare viaggi sereni, questi pratici oggetti sono indispensabili e facili da usare. Se avete dubbi su quale modello scegliere consultate ne opportunità presenti sul web; è proprio online che si trovano moltissime occasioni. Se avete ben chiare le vostre necessità stilate un elenco delle caratteristiche per voi indispensabili.

La scelta di un seggiolino isofix verterà sul peso e sull’età del vostro bebè e poi la scelta andrà tra i vari modelli a disposizione. Oltre al peso, alle dimensioni, alle varie funzioni considerate anche eventuali accessori utili a rendere il vostro viaggio super comodo. Un buon seggiolino isofix offre numerosi vantaggi anche in termini di costo.

Ecobonus, un toccasana per la nostra economia. Ma la richiesta è alzare l’aliquota

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Automobili, Economia

Le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie e la riqualificazione energetica, come ad esempio la sostituzione di nuovi infissi in legno, rappresentano una misura di vitale importanza per la nostra economia in grado di fornire un enorme contributo alla sua crescita. E se la conferma arriva direttamente dalle stesse istituzioni parlamentari c’è da fidarsi. Il dossier elaborato lo scorso novembre dal Servizio Studi dei dipartimenti Ambiente e Finanze della Camera dei Deputati in collaborazione con Cresme – il Centro ricerche di mercato nell’edilizia – dimostra ampiamente l’impatto positivo che tali misure fiscali hanno sull’economia italiana.

Per comprenderne bene gli effetti, è sufficiente guardare al settore dei serramenti: sono nel 2017 l’Ecobonus è valso oltre 1,7 miliardi di euro di lavori. Certamente un valore ancora lontano dai livelli pre-crisi ma comunque considerevole, che dovrebbe mantenersi costante anche per il 2018 appena trascorso e per il 2019 nonostante le previsioni prevedano un rallentamento globale dell’economia per quest’anno.

Sta di fatto che le detrazioni fiscali costituiscono non solo un volano di sviluppo per i settori edilizia e serramenti, ma anche un incentivo importante al miglioramento della qualità energetica e ambientale, senza dimenticare ovviamente i vantaggi economici per imprese e famiglie.

Sebbene l’Ecobonus sia previsto dalla Legge di Bilancio 2019, le associazioni di categoria chiedono al governo il potenziamento di questa misura anche nel caso di sostituzione di serramenti, chiusure e schermature. A farlo è soprattutto Finco – la Federazione delle Industrie per le Costruzioni – di cui sono membri anche le associazioni Anfit, Unicmi e Assites, la quale, seppur abbia apprezzato la proroga nel 2019, ritiene sia indispensabile riportarla al 65% rispetto al 50% attuale e di eliminare definitivamente i limiti di spesa. Ma ciò che per Finco è più importante, è rendere l’Ecobonus una misura strutturale in virtù dei suoi tanti vantaggi fiscali, energetici ed ambientali.

Poi c’è ovviamente il fattore qualità, assolutamente non trascurabile, perché ci sono serramenti e serramenti. Quelli prodotti da Modesti Srl ad esempio, ovvero infissi in legno e legno-alluminio, finestre in legno, portoni blindati, scuroni, persiane, porte interne ecc, sono tutti di elevata artigianalità e pregevole fattura, e rendono ancora più sicuro e remunerativo nel tempo l’investimento fatto.

RC Auto: 42.000 marchigiani pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 42.000 marchigiani; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno aumentare la propria classe di merito e, insieme ad essa, il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 11.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti nelle Marche, ha evidenziato come il 4,87% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018 che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta addirittura superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti marchigiani che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 5,06%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto nelle Marche, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 539,96 euro, valore in aumento dell’1,49% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Fermo (6,77%). Seguono in classifica gli automobilisti di Ascoli Piceno (5,64%) e Ancona (5,37%). L’area con i valori più bassi è invece quella di Pesaro e Urbino, dove solo il 2,64% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa, seconda fra le province virtuose, sebbene distanziata, Macerata (4,88%).

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione marchigiano, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 4,41% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 5,55%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i pensionati sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 7,09% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica, ma con valori sensibilmente inferiori, i liberi professionisti (6,39%) e gli impiegati (5,22%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono le casalinghe e i medici ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente il 2,99% e il 3,07%.

Di seguito le classifiche regionali e provinciali degli automobilisti che hanno denunciato un sinistro con colpa nel periodo di tempo considerato.

L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra l’1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda le Marche, la ricerca è basata su 178.604 preventivi effettuati nelle Marche su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

DISTRIBUTION tech con Orange Electronics Europe

Scritto da Zagor il . Pubblicato in Automobili, Aziende

DISTRIBUTION tech, sito di accessori auto ed attrezzatura officina, ha iniziato nel 2015 una collaborazione con Orange Electronics con i primi sensori TPMS messi in vendita sul sito, alla fine del 2018 i prodotti a catalogo sono più di 500  tra sensori singoli e kit.

Orange Electronics Europe supporta in modo preciso efficiente e rapido il nostro lavoro fornendo prodotti di ottima qualità, un supporto tecnico di prim’ordine ed una disponibilità e cortesia senza eguali che si riflette anche sul cliente finale.

Per il 2019 vogliamo continuare e rafforzare questa collaborazione sia commerciale che tecnica. Collaborazione  che ci sta portando a fornire ai nostri clienti sempre più prodotti di casa Orange, sensori e kit TPMS equivalenti agli originali sia per automobili che per alcune moto ed i nuovi kit retrofit che permettono il montaggio di questo utilissimo dispositivo per la Vostra sicurezza su vetture, camper, 4×4, mezzi commerciali leggere ed anche alle moto.

Per qualunque esigenza sui sensori TPMS avete la nostra completa disponibilità, vi forniremo sia un supporto tecnico (possiamo codificare e clonare sensori di tutte le vetture)  che commerciale, fornendo il sensore Orange più adatto alle Vostre esigenze.

DISTRIBUTION tech sempre presente sulla sicurezza e sulle nuove tecnologie.

Per info: info@distributiontech.it

Assistenza tecnica: assistenza@distributiontech.it

RC Auto: 28.000 abruzzesi pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 28.000 abruzzesi; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno peggiorare la propria classe di merito e, insieme ad essa, aumentare il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 10.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti in Abruzzo, ha evidenziato come il 3,99% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018 che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta leggermente superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti abruzzesi che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 4,30%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto in Abruzzo, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 507,49 euro, valore in aumento del 3,61% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Chieti (4,50%); oltre a questo primato, la provincia risulta essere quella della regione dove la percentuale è cresciuta maggiormente rispetto all’anno precedente (quando era pari a 3,25%). Seguono in classifica gli automobilisti di Teramo (4,44%) e Pescara (3,65%). L’area con i valori più bassi è invece L’Aquila, dove solo il 3,35% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa.

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione abruzzese, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 3,93% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 4,15%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i dirigenti sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 7,43% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica, ma con valori sensibilmente inferiori, gli impiegati (4,82%) e i pensionati (4,38%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono le forze armate e i disoccupati ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente l’1,80% e il 2,55%.

Di seguito le classifiche regionali e provinciali degli automobilisti che hanno denunciato un sinistro con colpa nel periodo di tempo considerato.

L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra il 1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda l’Abruzzo, la ricerca è basata su 142.536 preventivi effettuati in Abruzzo su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

RC Auto: 145.000 laziali pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 145.000 laziali; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno aumentare la propria classe di merito e, insieme ad essa, il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 85.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti nel Lazio, ha evidenziato come il 4,95% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018, il che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta superiore di oltre un punto percentuale rispetto alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti laziali che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 5,36%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto nel Lazio, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 609,40 euro, valore in aumento del 4,95% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Rieti (5,88%); oltre a questo primato, la provincia risulta essere quella della regione dove la percentuale è cresciuta maggiormente rispetto all’anno precedente (quando era pari a 4,50%). Per percentuale di denuncianti nel 2018 a Rieti seguono, in classifica, gli automobilisti di Roma (5,11%) e Viterbo (4,30%). L’area con i valori più bassi è invece Frosinone, dove solo il 3,75% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa, appena di più a Latina, dove a cambiare classe di merito sarà il 3,99% degli assicurati.

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione laziale, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 4,48% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 5,72%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i medici e gli operatori sanitari sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 5,87% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica, ma con valori appena inferiori, i pensionati (5,86%) e gli agenti di commercio (5,84%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono gli ecclesiastici e gli studenti ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente l’1,45% e il 2,22%.

* L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra l’1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda il Lazio, la ricerca è basata su 1.390.754 preventivi effettuati in Lazio su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate