Fattorie Didattiche: far conoscere il mondo rurale e le scelte produttive compatibili con la salvaguardia dell’ambiente

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Agricoltura, Gastronomia e Cucina, Istruzione

Venerdì 6 dicembre alle ore 13:30, andrà in onda nella rubrica Eat Parade del TG2 RAI, uno speciale a cura del giornalista Bruno Gambacorta per raccontare ai telespettatori quanto sia importante per una generazione che vivrà “sempre più connessa” e proiettata  in realtà sempre più globali, conoscere il proprio territorio, riscoprirne i sapori perduti, conservarne le tradizioni confrontandosi con la sua identità e con il ritmo delle stagioni.

Questa la “mission” delle Fattorie Didattiche: mondo rurale e scuola in collaborazione per il futuro dei piccoli alunni, in quanto depositarie dei valori culturali del territorio dove, accanto agli obiettivi produttivi, è prioritario un “servizio ambientale” di gestione dello spazio rurale per ricomporre la separazione fra civiltà urbana e civiltà rurale. Le nostre comunità locali, i nostri borghi, le nostre vallate possono proporre esperienze di valore, innovative, interessanti, esperienze che emozionano anche una generazione che vivrà un futuro quasi completamente tecnologico, virtuale.

Sarà un piacevole appuntamento alle Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC) a farci vivere, nella vallata bidentina del territorio forlivese, quest’esperienza di crescita educativa che coinvolge le Scuole con proposte volte a far conoscere il mondo rurale e le scelte produttive compatibili con la salvaguardia dell’ambiente.

Arredare Casa con i Lampadari Rustici

Scritto da fsdf il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Nel momento esatto in cui ci si trova davanti all’ardua scelta di soluzioni per l’illuminazione degli ambienti domestici bisogna tenere sempre conto di diversi fattori: lo stile dell’arredamento già presente nella stanza, la tipologia di punto luce che si vuole adottare, i punti strategici in cui posizionarli, e molto altro. Ovviamente bisogna studiare bene la disposizione generale dell’illuminazione nella stanza per poter creare la giusta atmosfera accogliente e calda in cui rilassarsi e passare il proprio tempo libero. Allo stesso tempo però bisogna cercare di non stressarsi troppo e prendere questa necessità come una sfida divertente! In questo caso, fortunatamente, vengono in nostro soccorso molteplici lampadari rustici presenti in commercio tra cui scegliere e in materiali diversi: lampadari, plafoniere, applique, lampade da tavolo e da terra, tutte in ceramica bianca o ferro battuto. Le lampade moderne invece non sono sempre in grado di trasmettere calde emozioni e contribuire a rendere gli ambienti accoglienti tramite luce calda e decorazioni originali.

L’illuminazione in stile rustico in montagna

Appositamente pensate per ambienti sia esterni che interni e applicabili sia sulle pareti che al soffitto, i lampadari rustici  sono perfetti per qualsiasi ambiente. In particolar modo ci si può sbizzarrire con l’arredamento rustico nelle case di montagna, dove l’illuminazione in stile rustico fa da padrona ed esalta l’atmosfera calda e accogliente che caratterizza queste tipologie di abitazioni. Immaginando una bella casa di montagna con caminetto, fuoco acceso e qualche punto luce che distribuisce l’illuminazione in modo omogeneo, sicuramente vengono in mente anche lampadari rustici o applique realizzate per lo più in ceramica che trasmettono la semplicità e l’autenticità di ambienti intimi e accoglienti. In montagna si trovano spesso chalet e abitazioni prevalentemente arredate con elementi di legno, e che in generale richiamano calore e accoglienza familiare, intima e rassicurante. I materiali con cui vengono solitamente realizzate inoltre sono ceramica bianca, terracotta rustica e l’ottone per riportare alla mente lo stile rustico di un tempo. Il loro effetto emozionale, quindi, viene sicuramente potenziato in ambienti di montagna dove si cerca rifugio dalla vita frenetica moderna e ci si abbandona alla natura e alla serenità di posti incontaminati e rilassanti, ma tramite il loro utilizzo è possibile ricreare questi ambienti magici un po’ in tutte le case.

L’emozione delle lampade rustiche

Le lampade rustiche in ceramica rappresentano sempre più un’ottima soluzione per soddisfare il proprio desiderio di stile rustico negli ambienti di casa. Lampade sia in ceramica che in ferro battuto trasmettono moltissime emozioni con la loro semplicità e allo stesso tempo con la loro forza decorativa. Molte lampade infatti fungono anche da complementi d’arredo grazie alle loro caratteristiche in grado di valorizzare ogni ambiente. Soprattutto per gli appassionati di design tradizionale e oggetti realizzati a mano, illuminare la propria casa con lampadari rustici e punti luce caldi e soffusi è d’obbligo. Queste tipologie di lampade con decori caldi  e brillanti al tempo stesso sono in grado di dare un tocco di raffinatezza e calore a qualsiasi ambiente. Le lampade moderne e ancor più quelle a led infatti non sono sempre in grado di trasmettere queste emozioni e contribuire a rendere gli ambienti accoglienti tramite luce calda e decorazioni originali.

Per ufficializzare un fidanzamento serve un anello con brillanti

Scritto da Caterina Rossi il . Pubblicato in Beauty & Wellness, Lifestyle

Non c’è niente di più emozionante di una proposta di matrimonio: un momento unico e indimenticabile nella vita di ogni persona. 

Per far dire alla propria amata il fatidico si, serve il giusto anelli con brillanti per arricchire un avvenimento così emozionante. Inoltre esso rimane al dito della futura moglie come simbolo del fidanzamento ufficiale. 

Un brillante è per sempre, soprattutto quando si tratta di un anello di fidanzamento, perché si spera che una relazione duri in eterno. Ogni donna sogna un giorno che l’uomo desiderato le dedichi romantiche parole d’amore, si inginocchi e le chieda di sposarlo, porgendole un bellissimo anello con brillanti, puro come il sentimento che vi è tra due persone fortemente innamorate. 

Scegliere il giusto dono per far breccia nel cuore della propria amata è arduo, ma andando dai rivenditori specializzati o sui siti internet dei negozi di gioielleria il procedimento sarà molto più semplice: è sufficiente farsi ispirare dall’ampia gamma di anelli solitari e sicuramente sarà facile trovare quello ideale che riempia di gioia il cuore della propria fidanzata

Anelli di fidanzamento: consigli utili 

È importante fissare sin dall’inizio un budget: i gioiellieri sono molto abili a influenzare gli innamorati portandoli a scegliere il brillante di dimensioni maggiore.

In commercio sono presenti un’infinità di modelli tra i quali scegliere (oro bianco, giallo, rosa, platino ecc.), per questo è raccomandabile tenere in assoluta considerazione lo stile e i gusti della fidanzata: in questo modo essa sarà ancora più contenta e i suoi occhi brilleranno alla vista dell’anello che il proprio amato le ha regalato. A tal proposito può essere molto utile farsi accompagnare in gioielleria da una persona fidata che sappia consigliare al meglio. 

Attenzione alle certificazioni degli anelli con brillanti

Quanto si sta per compiere un acquisto di tale importanza, sia dal punto di vista economico che dal punto di vista affettivo, è fondamentale verificare la presenza di una certificazione al fine di avere la certezza che si tratti di un diamante dal taglio brillante autentico. 

Un gioielliere che si rispetti deve assolutamente rilasciare il certificato di garanzia sulle pietre.

Le principali sono: il certificato rilasciato dall’Alto Consiglio dei Diamanti, HRD (Hoge Raad voor Diamant), quello IGI dell’International Gemological Institute e quello GIA del Gemological Institute of America. 

Tutte queste certificazioni hanno valore internazionale e ne testimoniano le caratteristiche fondamentali, ovvero peso, colore, dimensioni, taglio e purezza. 

Andando nello specifico il carato è l’unità di misura che indica il peso del diamante, non la sua dimensione. Il colore viene valutato mediante una scala che utilizza le lettere dell’alfabeto, dalla D alla Z (la lettera D corrisponde a pietre davvero rarissime in un cui vi è un’assenza di colore e i diamanti Z sono al contrario quelli con la maggiore presenza di colorazione gialla). La purezza attesta quanto esso sia privo o meno di imperfezioni interne, ossia quelle inclusioni naturali che possono avvenire durante il processo di cristallizzazione. Il taglio è la qualità che più di tutte conferisce al diamante gran parte della propria bellezza e ne esalta la sua brillantezza; si consiglia di optare per una pietra dal taglio brillante, che dona all’anello un tocco di classe ed eleganza. 

Il 6 dicembre il secondo Charity Dinner a favore di Telethon

Scritto da Drago Conserve il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Società

Si rafforza sempre di più il sodalizio tra alcune aziende siciliane legate al territorio e la Fondazione Telethon. Per il secondo anno consecutivo, infatti, “Drago Conserve”, l’azienda siracusana specializzata nella produzione e conservazione di prodotti ittici, si fa promotrice dell’evento “Lo facciamo con il cuore”, la cena di beneficenza a favore di Telethon e coinvolge diverse realtà imprenditoriali siracusane che hanno accolto con grande entusiasmo l’invito ad essere partner della serata.

A fare da cornice dell’evento l’Hotel Parco delle Fontane di Siracusa che venerdì 6 Dicembre a partire dalle 20,30 accoglierà gli ospiti nel suo ristorante interno “Eduardo” dove si svolgerà la cena. Madrina della serata Nerina Di Nunzio, esperta di marketing digitale. Durante la cena gli ospiti vivranno momenti di intrattenimento, grazie all’esibizione del baritono Gianni Giuga e della musicista Annalisa Mangano, alternati a momenti di riflessione, durante i quali Giovanni Girmena, Coordinatore Provinciale Telethon, presenterà i progetti dell’associazione e gli obiettivi futuri da raggiungere.

Tra i partner della serata, oltre all’Hotel Parco delle Fontane con il suo ristorante “Eduardo”, l’azienda olivicola “Cavasecca”, il Gruppo “Conad Formisano”, il “Bar Ciccio” che preparerà il dessert della cena e FQD Flaminia Quattrocchi Designer che offrirà una sua creazione da estrarre tra tutti i partecipanti nel corso della serata.

“Siamo contenti di questa sinergia e ringraziamo di cuore tutte le aziende partner dell’evento, spiega Giovanni Girmena, Coordinatore Provinciale Telethon di Siracusa. È solo grazie all’impegno di ognuno di noi e a queste belle iniziative che l’opera di Telethon può andare avanti e non terminerà finché accanto ad ogni malattia genetica non verrà scritta la parola cura. ”

Per “Drago Conserve” sostenere chi promuove la ricerca scientifica è un impegno morale a cui nessuno può sottrarsi. Anche quest’anno l’azienda ha risposto “presente” all’appello della fondazione Telethon perché ritiene che grazie al suo contributo si rendono possibili traguardi difficili, ma non rimasti impossibili.

RC Familiare: ecco quanto si può risparmiare con la nuova norma

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Nel Dl fiscale è stato approvato un emendamento che introdurrà a partire dal prossimo anno la cosiddetta RC auto familiare e Facile.it ha voluto realizzare alcune simulazioni per capire quanto potrebbe risparmiare una famiglia media, scoprendo che, in alcuni casi, la spesa totale per le assicurazioni potrebbe diminuire addirittura del 53%.

Il nuovo emendamento ha introdotto una piccola rivoluzione: consentirà ad un nucleo familiare di assicurare tutti i veicoli, indipendentemente che si tratti di un mezzo a due o quattro ruote, usufruendo della migliore classe di merito presente all’interno del nucleo. Un vantaggio importante, ad esempio, per quegli automobilisti in prima classe che acquistano una moto o uno scooter e che, al contrario di quanto accade adesso, potranno trasferire la CU maturata sulle quattro ruote alle due ruote, con evidenti vantaggi economici.

Facile.it ha quindi cercato di quantificare il possibile risparmio considerando una famiglia composta da 4 membri che assicura 2 automobili e due 2 scooter. La simulazione* è stata realizzata su tre città campione: Milano, Firenze e Bologna.

A Milano si risparmia fino al 48%

A Milano, la media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote da in prima classe è pari a 234,7 euro, mentre per assicurare uno scooter di cilindrata 100cc, secondo le simulazioni di Facile.it, il miglior prezzo per chi guida in quattordicesima classe è pari a 484 euro, valore che scende a 138 euro se l’assicurato è in prima classe.

Per una famiglia con due auto intestate ai genitori, entrambi in prima classe di merito, e due scooter assicurati in quattordicesima classe, il costo totale sarebbe pari a oltre 1.430 euro l’anno. Con la normativa vigente, non è possibile traferire la classe di merito dall’auto ad un veicolo a due ruote quindi, anche se in prima classe di merito, i genitori che assicurano per la prima volta uno scooter o una moto devono partire dalla quattordicesima classe. Con la nuova norma, invece, la classe di merito maturata sull’auto passerebbe anche alle due ruote con un risparmio, per la nostra famiglia milanese, di circa 690 euro, vale a dire circa il 48% in meno rispetto a quanto pagherebbe oggi.

A Firenze si può risparmiare anche 1.000 euro l’anno

Stessa famiglia, città diversa; nel capoluogo toscano la media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito è pari a 328,5 euro. Se si guarda alla migliore tariffa disponibile sul comparatore per assicurare un veicolo a due ruote di cilindrata 100cc, invece, il premio è pari a 142 euro se si è in prima classe di merito, ma schizza fino a 670 euro per chi è in quattordicesima classe.

Considerando una famiglia che assicura 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in classe 14, la spesa totale sostenuta sfiorerebbe addirittura i 2.000 euro. Con l’entrata in vigore della nuova norma, invece, la classe di merito dei due scooter passerebbe dalla quattordicesima alla prima, con un risparmio complessivo del 53%, vale a dire oltre 1.000 euro in meno.

A Bologna si può spendere 810 euro in meno

La media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito a Bologna è pari a 293 euro. Per uno scooter 100cc, invece, la miglior tariffa disponibile sul comparatore va da 145 euro per chi guida in prima classe di merito a 549 euro per chi è in quattordicesima. Secondo la simulazione, oggi una famiglia bolognese con 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in quattordicesima classe pagherebbe, complessivamente, quasi 1.690 euro. Con l’entrata in vigore della nuova norma, invece, il costo complessivo calerebbe del 48%, con un risparmio di circa 810 euro.

* Per calcolare i valori dell’RC auto, Facile.it si è avvalso di un campione di 10.419 preventivi effettuati nelle province di Milano, Bologna e Firenze dai suoi utenti nel mese di settembre 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate. I valori RC scooter fanno invece riferimento alla miglior tariffa disponibile su Facile.it in data 2/12/2019 con riferimento a un contraente di 44 anni che assicura uno scooter 100 cc, con classe di merito e città di residenza sotto indicate, senza sinistri negli ultimi 6 anni, guida esperta.

Lorenzo Chinnici “Tele Nascoste”

Scritto da Giambra Editori il . Pubblicato in Cultura, Libri

Lorenzo Chinnici, il nuovo libro: a Catania anteprima mondiale di “Tele Nascoste”

Il 14 dicembre alle 18, verrà presentato a Catania il nuovo libro su Lorenzo Chinnici: Tele Nascoste scritto dal chirurgo Diego Celi e arricchito dalla prefazione di José Van Roy Dalí (figlio di Salvador Dalí), pubblicato da Giambra Editori.

Il testo non celebra l’arte di Chinnici, ma scandaglia emozioni e retroscena delle tele del Maestro. La serata è promossa da ‘’Faber – Il Fabbricante di idee’’ in collaborazione con la casa editrice.

Questa edizione di Faber si terrà nei giorni 14 e 15 dicembre, dalle 10.00 alle 21.00 presso lo storico Palazzo del Toscano, edificato intorno al 1870 quale residenza cittadina dei Paternò marchesi del Toscano.

La manifestazione ospiterà 40 artigiani d’eccellenza provenienti da tutta la Sicilia, che presenteranno le loro creazioni nelle splendide sale del piano nobile del Palazzo, scenario per la presentazione del libro di Chinnici che dialogherá simbolicamente con le eccellenze artigianali made in Sicily.

TELE NASCOSTE (Giambra Editori, 2019), edizione italiano/inglese. Il testo, pur avendo come protagonista il Maestro Lorenzo Chinnici, non è celebrativo dell’arte pittorica dell’artista. Si propone, invece, di dipingere con un pennello lacaniano una tela in cui fa da sfondo un conflitto continuo intriso d’amore e scontri fra il figlio e l’artista: la vera “tela nascosta” della produzione artistica del Maestro. Ma, in questa tela, vi è un’altra protagonista: la madre. Essa governa e guida la biga familiare cui sono attaccati i due cavalli, che male sopportano le briglie.

Diego Celi, autore del testo, scrive Josè Van Roy Dalì, figlio di Salvador Dalì, nella prefazione: ‘’….accarezza un pensiero, vaga sulle nuvole della fantasia….si inoltra con l’ingenuità di un bambino e con l’arroganza di un adulto in un racconto che, già nelle prime righe, accende la curiosità e induce a proseguire nella lettura con quella gioiosa emozione che porta ad ampliare gli illimitati confini della fantasia per farsi trasportare in una irreale realtà in cui tutto è possibile…”

INAUGURAZIONE

14 dicembre – Palazzo del Toscano

Piazza Stesicoro, 38 – Catania

Ingresso libero

Introduce: Dott.ssa Katia Trifiró

Dipinti: Lorenzo Chinnici

Produzione: Giambra Editori & Faber

Giambra Editori

Pierangelo Giambra

giambraeditori@gmail.com  info@giambraeditori-sicilia.it

“Paura della pittura”, personale di Giovanni Blanco da Lo Magno Arte Contemporanea

Scritto da inpress il . Pubblicato in Arte, Cultura

Modica (RG) – Dal 14 dicembre all’11 gennaio Lo Magno Arte Contemporanea di via Risorgimento 91-93 ospiterà la personale di Giovanni Blanco “Paura della pittura” a cura di Gabriele Salvaterra (inaugurazione: sabato ore 19; visite: tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00).
Giovanni Blanco (Ragusa, 1980) vive e lavora a Modica e Bologna, dove è stato allievo di Massimo Pulini all’Accademia di Belle Arti.
“Paura della pittura” è il titolo di un testo dello scrittore e pittore Carlo Levi che, già nel 1942, metteva in discussione pratiche e stili pittorici, notando un allontanamento dalle ragioni e dalle problematiche dell’essere umano (“Il domani non si prepara con i pennelli, ma nel cuore degli uomini”). Dalle suggestioni e dagli stimoli offerti da quelle pagine ancora attuali prende le mosse l’idea della presente mostra.

In un’epoca in cui la pittura sconfina dagli spazi espositivi in modo quasi pervasivo e riafferma il proprio diritto di comunicare, l’artista contemporaneo avverte la necessità di riflettere sulla natura del fare pittorico che continua a essere fonte di inquietudine, qualcosa di molto semplice e molto complesso, naturale e assurdo allo stesso tempo.

Il percorso ideato da Giovanni Blanco – comprendente una serie di opere a olio, di piccole e medie dimensioni – si presenta come un’operazione analitica che, imitando le forme del display espositivo e dei generi tradizionali, interroga se stessa e l’osservatore sulla validità dell’esperienza estetica veicolata dalla pittura, in un’affascinante ricerca di nuovi significati e valori.

La mostra è accompagnata da una pubblicazione in cui le immagini dell’autore, i testi critici del curatore e altre referenze d’archivio si rincorrono tra loro per restituire il clima, le riflessioni e la genesi che hanno portato alla realizzazione delle opere esposte. L’evento è realizzato con il contributo dell’Antica Dolceria Bonajuto di Modica e Ghibli general contractor di Ragusa.

Info e contatti
LO MAGNO ARTE CONTEMPORANEA
via Risorgimento 91/93 – Modica (RG)
Tel. 0932 763165
info@gallerialomagno.it

4 modi per trovare perdite nell’impianto idraulico

Scritto da Okseo il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Una perdita di un tubo , se non riparata in tempo , può aumentare la bolletta dell’acqua e causare gravi danni materiali. Mentre alcune perdite possono essere facili da trovare, un buon idraulico urgente ,utilizza alcuni trucchi del settore per individuare le perdite dell’impianto idraulico in modo che possano effettuare le riparazioni necessarie in modo rapido ed efficace.

Se hai notato un aumento del consumo dell’acqua e non riesci a capire perché stai pagando di più per le tue utenze, questi idraulici professionisti possono ispezionare attentamente i tubi per rilevare eventuali perdite e ripararli.

Se sospetti di avere una perdita da un tubo del bagno o cucina , usa alcuni di questi suggerimenti degli idraulici esperti per individuare la fonte:

  • Verifica dei danni causati dall’acqua:  anche le perdite lente possono causare seri danni a pareti, soffitti e pavimenti. Apri gli armadietti sotto il lavandino e verifica la presenza di vernice scrostata, legno marcio o altri segni di umidità.
  • Ascolta i rumori:  quando il tuo bagno perde, di solito puoi rilevare la perdita rimuovendo la parte superiore del serbatoio. Se senti dei sibili, è probabile che coli.
  • Ispeziona la crescita della muffa:  se c’è una perdita dal tubo dietro un muro o nel soffitto, noterai la muffa. L’umidità che perde crea le condizioni ideali per la crescita dei funghi. Identificare la muffa è il primo passo per trovare l’origine della perdita.
  • monitora il contatore dell’acqua : una perdita del tubo che non si trova all’interno della tua casa. Dopo aver controllato gli impianti idrici e le tubazioni esposte all’interno, fai una passeggiata verso il tuo contatore dell’acqua e cerca lo sporco bagnato , potrebbe essere segno di una perdita nella linea principale.

Anche se possono essere difficili da individuare, un idraulico professionista può facilmente trovare e riparare eventuali perdite di tubi dentro o fuori casa.

Evelina Manna: la carriera della modella, attrice e produttrice

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Lifestyle

Affascinata fin da bambina dal mondo del balletto, Evelina Manna studia prima danza, poi recitazione. Viene notata per la sua bellezza ed entra nel mondo della moda, che la accompagnerà durante tutta la sua carriera. Successivamente, diventerà anche attrice e produttrice.

Evelina Manna

Evelina Manna: l’infanzia, l’esordio come modella e come attrice di teatro

Nata a Roma da genitori pugliesi, Evelina Manna già in tenera età aspira a entrare nel mondo dello spettacolo: affascinata in particolare dalla figura di Carla Fracci, inizia a studiare danza classica a sei anni, per poi aggiungere a questa passione anche quella per la recitazione. Frequenta il piccolo teatro delle scuole dell’Ordine Francescano e inizia la sua carriera da modella durante l’ultimo anno delle scuole magistrali. Posa per la pubblicità di L’Orèal, per poi venire introdotta alla rivista Harper’s Bazaar da Gianmarco Chierigato: realizza così il servizio Alta Moda Valentino. La carriera nel mondo della moda prosegue a Parigi, dove Evelina Manna posa per alcuni tra i più importanti fotografi come Francesco Scavullo, Andre Rau, Patrick Demarchelier, Ellen Von Unwerth e altri. Lavora per importanti testate come L’Officiel e Vogue France. Trasferitasi a Londra, conosce Susan Strasberg che la invita a frequentare il suo stage all’Actor’s Studio. Avviene così il debutto a teatro con “Io e Annie”, tratto dal film di Woody Allen. in Italia recita per il teatro Off, ma l’esordio televisivo è alle porte.

Evelina Manna attrice e l’impegno per il sociale

Evelina Manna debutta sul piccolo schermo con il film “Padre Pio”, per Rai Uno. Segue “La Guerra è finita”. Arriva al cinema con il film “Casomai”, di Alessandro d’Alatri, e “Una Bellissima Bambina” di Mimmo Calopresti, presentato alla 61esima Mostra del Cinema di Venezia. Ottiene il ruolo della principessa Simin per “Alexander”, di Oliver Stone. Tra il 2007 e il 2008 Evelina Manna fonda, con un gruppo di giovani professionisti, la “Moodyproduction”, società di produzione per opere legate al mondo della cultura, della musica e dell’arte. Nel 2014 presenta nei cinema il primo film “Vinodentro”, commedia noir tratta dall’omonimo romanzo di Fabio Marcotto. Si interessa in particolare al sociale, come testimoniato dallo spot “Breaking the Silence” per la Comunità Europa, del quale è stata protagonista. Nel 2010 è figura centrale nel remake televisivo Mediaset “La Donna Velata”. Nel 2011 ha presentato il corto “A Day & a Minute” al Taormina Film Fest, sul tema dell’Immigrazione. “Let’s Fall in Love” invece, è lo spot contro l’Omofobia presentato a Venezia.

Tappeti moderni per un salotto elegante

Scritto da miriam leone il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Arredamento da salotto.

Niente di più facile penseranno in molti. La realtà delle cose però non è così semplice. Il salotto è una delle stanze della casa in cui si passa solitamente la maggior parte del tempo, non solo a livello familiare ma anche a livello sociale. È in salotto infatti che si guarda la televisione, si legge un libro o magari si schiaccia un pisolino, ed è sempre in salotto che solitamente si accolgono gli amici che ci vengono a far visita oppure altri ospiti.

Questo implica che l’ambiente in questione non sia solo funzionale ma anche elegante. Un ottimo aiuto per raggiungere questo obiettivo può arrivare dai complementi di arredo. In particolare dall’utilizzo di un tappeto moderno per soggiorno.

I tappeti moderni per i vostri salotti

La domanda che sorge spontanea è: perché proprio un tappeto moderno? Esistono così bei tappeti classici o meglio ancora antichi, perché preferire uno moderno?

La risposta è che un tappeto moderno di qualità è la tipologia di tappeto ideale per dare un tocco di eleganza e raffinatezza all’ambiente senza appesantire l’atmosfera. Molti tappeti moderni sono realizzati seguendo le tecniche tradizionali che vengono utilizzate in Medio Oriente da secoli. L’unica cosa che li differenzia da quelli classici sono la scelta dei colori e la forma dei disegni sopra rappresentati.

I migliori tappeti, quelli considerati indistruttibili e quindi perfettamente adatti a un ambiente come il salotto dove probabilmente verranno utilizzate anche scarpe, sono quelli annodati a mano. L’arte di creare tappeti ha radici molto antiche e gli artigiani per provare la resistenza di un tappeto e per far si che i nodi di cui è composto si assestino definitivamente sono soliti lasciarlo in mezzo alla strada dove può essere calpestato dai passanti, uscendone completamente incolume.

Capite bene che dopo un test così efficiente bambini che ci giocano sopra, scarpe che lo calpestano o animali domestici che lo utilizzano per farci un riposino non saranno certo un problema per il vostro tappeto annodato a mano.

Essendo un’opera di artigianato offre inoltre il vantaggio di rappresentare un pezzo unico. L’operato dell’uomo infatti non è perfetto e come tale gli è impossibile replicare due esemplari di tappeto completamente identici.

Il tappeto e l’arredamento

A livello estetico le fantasie e i disegni che abbelliscono i tappeti moderni sono talmente vari da poter facilmente incontrare i gusti della maggior parte di voi.

Un occhio di riguardo va prestato però agli accostamenti. Essendo il tappeto un complemento d’arredo non può essere visto come un elemento scisso dal resto dell’ambiente. Questo implica che le dimensioni, i colori e a volte perfino la tipologia di disegno presi in considerazione debbano accordarsi con l’arredamento che circonderà il tappeto una volta posizionato.

Per quanto riguarda il colore è consigliabile che questo richiami qualche altro dettaglio della stanza o che crei uno stacco deciso rispetto gli altri elementi d’arredo. Un consiglio generico è che il tappeto crei contrasto con la tonalità del pavimento, quindi a pavimentazione scura accostare tappeto chiaro e a pavimentazione chiara accostare tappeto scuro o colorato.

Parlando di dimensioni invece buona norma sarebbe che il tappeto ricopra i due/terzi del soggiorno dove lo andrete a collocare, anche se questo è più un suggerimento che una regola aurea e la scelta finale spetta a voi seguendo i canoni del vostro gusto personale.