Tiziana Rocca presenta il suo nuovo corso “La fabbrica degli eventi”

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Aziende, Cultura, Istruzione

Si svolgerà il 13 e 14 maggio al Cocoricò di Riccione “La Fabbrica dei Leader”, un progetto ideato da Luigi Crespi che vede, come coach di punta, Tiziana Rocca una delle più grandi Event Manager a livello Nazionale.

A “La Fabbrica dei Leader”, Tiziana Rocca parlerà davanti ad un pubblico di circa 600 giovani e anticiperà loro il suo nuovo corso di comunicazione, giunto alla sua 15^ edizione, che partirà dal prossimo settembre con una veste totalmente nuova. Tutti i segreti del mestiere saranno svelati in un work shop di due giorni full immersion che si svolgerà nella Capitale: dall’ideazione di un progetto alla produzione, dal creare un evento di successo alla sua divulgazione fino ad arrivare a come gestire le pubbliche relazioni ed a “fabbricare” eventi speciali che restino impressi nell’immaginario collettivo.

Con più di vent’anni di esperienza alle spalle nel settore delle pubbliche relazioni, Tiziana Rocca non ha solo organizzato eventi importanti, ma si è dimostrata anche un’attenta produttrice di film, cortometraggi, documentari e libri realizzando, con la sua società, ottimi prodotti che sono stati presentati anche a Festival importanti come la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia o come la Festa del Cinema di Roma.

Tiziana Rocca, è stata anche per cinque anni, Direttore Generale del TaorminaFilmFest, un successo riconosciuto anche all’estero, non solo per aver riportato il festival ai suoi antichi splendori ma, anche per aver messo in atto una collaborazione tra pubblico e privato: una formula del tutto innovativa che, allo stato attuale, permette di continuare a mantenere in vita iniziative culturali di livello e di ingente investimento.

Inoltre è anche Direttore Generale del Premio Kinéo “Diamanti al Cinema” il famoso riconoscimento del pubblico al cinema italiano, il cui evento finale si celebra da sempre alla Mostra del Cinema di Venezia.

Tiziana Rocca è la prima Event Manager ad aver ideato e prodotto tutti i suoi eventi come un vero ed efficace strumento di marketing riuscendo a rilanciare Festival, Brand, Location, Prodotti e facendoli tornare al centro dell’attenzione del grande pubblico con una rinnovata immagine più accattivante, glamour e di grande successo. Non dimentica mai, però, il Sociale; A tutti i suoi eventi, infatti, il fil rouge è sempre la solidarietà che diventa grande protagonista di tutte le sue serate.

Presentazione del progetto su Mario Rigoni Stern alla Villa Zileri Motterle di Vicenza

Scritto da Annalisa Scapin il . Pubblicato in Cultura, Istruzione, Libri

L’Istituto di Istruzione Superiore “Mario Rigoni Stern” di Asiago presenterà il progetto Mario Rigoni Stern: un uomo, tante storie, nessun confine”, il 9 maggio 2017 alle ore 17,30 a Monteviale, presso villa Zileri Motterle. La conferenza stampa prevede la presenza di illustri esponenti del mondo istituzionale, culturale e scolastico veneto; l’assessore Elena Donazzan introdurrà il progetto sostenuto dalla Regione Veneto.

Il progetto comprende una serie di concorsi regionali e nazionali ed un impegno didattico-professionale secondo la formula dell’ASL (alternanza scuola lavoro), recentemente entrata negli istituti superiori con autorità di legge. L’originale struttura è la base per l’organizzazione del FestivalConvegno del 3-4-5 novembre 2017 ad Asiago.

Il FestivalConvegno ospiterà studiosi di fama internazionale (Carlo Ossola, Giuseppe Mendicino, Mario Isnenghi, Eraldo Affinati, Luca Mercalli, Ugo Sauro, Giovanni Kezich, Sergio Frigo, Andrii Omelianiuk, Bepi De Marzi) per fare un punto della situazione sull’attualità del messaggio di Mario Rigoni Stern, la cui dimensione di scrittore-testimone del secondo conflitto mondiale e della ricchezza inestimabile di ogni patrimonio naturalistico sta raggiungendo proporzioni europee ed extra europee.

Visita il sito dedicato al progetto: http://www.studiasiago.it/progetto_mrs/

Un corso per trasformare un Pranzo d’Affari in un vero affare!

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Affari, Aziende, Istruzione

Il 13 maggio 2017 la fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi, massima esperta italiana di Business Etiquette, Stile e Immagine, terrà a Bologna un corso dedicato all’arte de “Il pranzo d’affari”: il workshop si svolgerà in aula ma soprattutto a tavola per acquisire le competenze necessarie allo sviluppo di solide relazioni professionali.

 Il percorso formativo di Business Etiquette e Immagine Professionale di Etiquette Italy prosegue e si arricchisce di una nuova fondamentale tappa: “Il pranzo d’affari”, una delicata occasione di scambio, convivialità e avviamento di relazioni professionali. Il 13 maggio, presso l’elegante ambientazione del Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna, i partecipanti del corso saggeranno sul campo le tecniche per una proficua gestione del pranzo di lavoro, grazie all’esperienza della docente e fondatrice di Etiquette Italy (www.etiquetteitaly.com) Simona Artanidi, massima esperta italiana di Business Etiquette, Stile e Immagine.

Il workshop, composto da un primo momento teorico e da una successiva situazione pratica, ha l’obiettivo di trasmettere regole e strategie per stringere nuovi accordi, stabilizzare rapporti professionali, evitare gaffes e imprevisti imbarazzanti, ma soprattutto distinguersi per eleganza e padronanza della situazione. Nei saloni quattrocenteschi del prestigioso Ristorante “I Carracci”, la fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi illustrerà, innanzitutto, le nuove regole del Galateo della tavola, associando ad ogni portata il comportamento più adeguato. Esiste un tempo specifico per introdurre la conversazione d’affari, che non deve mai essere affrettato: il momento dell’ordine, lo scambio colloquiale e l’abilità nel maneggiare le posate sono solo alcuni degli esercizi pratici in cui i partecipanti saranno chiamati a cimentarsi.

La disponibilità e l’apertura del pranzo di lavoro rappresentano le condizioni ideali per accrescere le occasioni di business. Non solo: si tratta di un’opportunità fondamentale per osservare collaboratori, clienti e partner professionali, ma anche per coinvolgerli e condurli nella direzione favorevole all’attività che si svolge.

Il corso, ideato e tenuto da Simona Artanidi, si rivolge primariamente a manager, liberi professionisti, freelance, addetti alle pubbliche relazioni, raggiungendo infine tutti i professionisti del mondo del lavoro intenzionati a fare un salto di qualità in termini di leadership, immagine e sicurezza personale. “Il pranzo d’affari” è un appuntamento formativo finalizzato al potenziamento dell’autostima e al conseguimento di risultati concreti tramite l’impiego del carisma e delle buone maniere applicate al business.

Quale taglio è meglio attribuire alla conversazione? Quali argomenti conviene evitare mentre si è a tavola? Come riporre il tovagliolo per non trasmettere il messaggio errato? Come comportarsi una volta arrivato il conto? E soprattutto: quali aspetti è vietato sottovalutare per non squalificarsi agli occhi dell’interlocutore?

La risposta è semplice: il Bon Ton è sempre un ottimo affare!

www.etiquetteitaly.com

Iscrizioni e informazioni: Tel. 051.269190 marketing@gmail.com

Le culture rurali si incontrano

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

E’ il progetto “Agriturismo” a coinvolgere un gruppo d’imprenditori agricoli del Cipat Veneto e due classi di studenti potentini dell’I.I.S.S. “E. Majorana” di Genzano di Lucania in una giornata alle Fattorie Faggioli di Cusercoli-FC (azienda pilota per l’Unione europea) per “connettersi” con il mondo rurale romagnolo al fine di progettare un nuovo Agriturismo e per raccogliere osservazioni che permettano di aumentare le capacità di sviluppo economico, sociale, auto-sostenibile ed eco-compatibile.

“E’ stata una giornata vissuta sotto la linea guida dell’entusiasmo – sottolinea Fausto Faggioli, docente nell’ambito del Corso  – condividendo luoghi, saperi e soprattutto progetti per un futuro in cui ci sia una forte integrazione tra i comparti produttivi. Lo scambio di idee è  stato una grande occasione per ripensare a fondo il sistema di produzione e perseguire un modello di sviluppo sostenibile.”

“Questo Progetto – continua Daniele Toniolo, collaboratore del Corso – è frutto dell’impegno costante che il Cipat Veneto dedica da sempre all’innovazione anche nel settore dell’ospitalità, al generale contesto economico ed ai significativi cambiamenti strutturali nei comportamenti di consumo. Il mondo rurale vuol dire sviluppo e rivitalizzazione del Territorio, che va vissuto potenziandone le peculiarità e promuovendo un’immagine di prodotto turistico tipicamente rurale, armonizzando le tecnologie d’avanguardia con le irrinunciabili tradizioni agricole, coinvolgendo tutte le imprese del Territorio per “fare sistema”.”

Lo spazio  “fattoria” ha inoltre favorito l’incontro degli imprenditori veneti con gli studenti delle classi 4°A e 4° B dell’ I.I.S.S. “E. Majorana” di Genzano di Lucania (Pz), attualmente in Romagna nell’ambito del Progetto “Agriturismo 2.0”.

“Il mondo rurale – prosegue Giuseppe Ciranna, docente  dell’Istituto E. Majorana – è una miniera di grandi opportunità per il futuro dei giovani e questo incontro con il mondo delle imprese è, per gli studenti, un’esperienza operativa concreta.”

Conclude il gruppo d’imprenditori: “ Proponiamo  una ruralità caratterizzata da uno stretto rapporto con tutto il Territorio, costa compresa e dall’equilibrio fra la tradizione costruttiva e l’innovazione tecnologica, puntando e investendo nelle risorse umane ai fini di  creare anche le condizioni che permettano l’insediamento di nuove attività produttive. Siamo noi “il Territorio”, nel senso che siamo “autentici”, parte di un Veneto storicamente rurale e il nostro è un progetto di rete intersettoriale fra agricoltura, turismo e tutte le realtà economiche ad essi connesse.”

 Il gruppo degli imprenditori veneti: Daniele Toniolo, Fausto Faggioli, Francesca Barin, Maddalena Berton, Marino Boesso, Flavio Creuso, Luca Drago, Valentina Favarin, Carla Favarin, Moreno Feltresi, Enrico Nasta, Edoardo Sacchetto, Luciano Salvò, Alessandro Zampieri, Ivana Novello, Carlo Cavinato, Alberto Morandi, Sofia Morandi, Maria Cristina Salvan, Luca Trivellato, Alfredo Barbieri, Luigi Favaro.

Decretati i vincitori del Concorso Fotografico organizzato dall’Associazione Sperimentiamo

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia, Istruzione

A decretare i vincitori, una giuria di qualità composta da: Rein Skullerud (Responsabile Photo Unit, Communications Division World Food Programme), Massimo Tartaglia, Franco Mirante, Marco Anzidei, Massimo Simonini

Il concorso, aperto a tutte le età, ha visto la partecipazione oltre agli adulti anche di alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado.

VINCITORI

Cat. A – SCUOLA MEDIA

1° premio FRANCESCO GIUSEPPE DIFFIDENTI – foto: “Inverno gelato” Scuola Montezemolo – Roma

2° premio ALESSIO CASCIOTTI – foto: “Gialla” Scuola Montezemolo – Roma

3° premio FRANCESCO ROSSI – foto: “Giri del sole” Scuola Montezemolo – Roma

Menzione FRANCESCO GIUSEPPE DIFFIDENTI – foto: “Finestra sull’autunno” Scuola Montezemolo – Roma
Menzione ANDREA ANTONELLI – foto: “Primavera a Castelluccio di Norcia” Scuola Montezemolo – Roma
Menzione MARTINA COVIELLO – foto: “Passeggiando” Scuola Montezemolo – Roma
Menzione ILARIA ROCCALDO – foto: “Inverno a colori” Scuola Montezemolo – Roma
Cat. B – LICEO
1° premio ALICE BONINSEGNA – foto: “Volando nel bianco” Istituto “La rosa bianca”, Cavalese, Trento2° premio ALICE RIVAROLI – foto: “La giornata sfuma nel rosa” Istituto “La rosa bianca”, Cavalese, Trento3° premio ALICE BONINSEGNA – foto: “Un mare di nuvole” Istituto “La rosa bianca”, Cavalese, Trento

Cat. C – ADULTI
1° premio – Valeria Cataldi – foto “Le stagioni della vita”
2° premio – Renée Base – foto “Life at sea”
3° premio – Renée Base – foto “In the meadow”

 

Cyberbullismo – 0 in condotta: ragazzi incuranti della privacy usano lo smartphone dai 9 anni

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Informatica, Internet, Istruzione, Tecnologia, Tecnologia Personale

Una percentuale altissima degli oltre 1500 ragazzi delle scuole primarie e secondarie inferiori incontrati durante i workshop formativi dispone di un profilo social alla mercè di chiunque e di uno smartphone abilitato alla navigazione non protetta sin dai 9 anni. A partire dai 12 anni i ragazzi hanno un proprio indirizzo email personale, la cui password, debolissima, spesso non è condivisa con i genitori.

La soglia di età dei ragazzi che utilizzano internet e social media si è ulteriormente abbassata. Questo quanto emerso dagli incontri condotti tra febbraio e aprile con alcuni istituti scolastici del Nord Italia nel quadro dell’iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta” di G DATA. Smartphone abilitati alla navigazione, ma solo di rado protetta tramite parental control, sono già messi a disposizione di bambini tra i nove e i dieci anni di età, spesso in concomitanza della Prima Comunione.

Instant Messaging e Social Network

“Abbiamo riscontrato che circa 90% dei ragazzi fra 9 e 13 anni possiede uno smartphone e utilizza Whatsapp come sistema di messaggistica (cui si aggiunge Snapchat impiegato dal 20% dei ragazzi). Al più tardi dalla quinta elementare tutti dispongono di almeno un dispositivo abilitato alla navigazione (tablet/computer/mobile) e ogni classe (circa il 50% delle quinte, ma il 100% dalle prime medie) ha un gruppo privato su Whatsapp”, conferma Mauro Ozenda, noto consulente informatico e formatore incaricato da G DATA Italia di gestire l’iniziativa di formazione Cyberbullismo – 0 in condotta e co-autore di libri inerenti la sicurezza in Rete.

“In termini social, un buon 70% è iscritto a Instagram e il 20% a Facebook, ove pubblica informazioni riservate, tra cui dati anagrafici e recapiti, senza alcuna tutela, continua Ozenda, che rileva altresì un’impennata nell’utilizzo della piattaforma di condivisione social Musical.ly dove i ragazzi pubblicano video “cantati” in playback o di persona della durata di quindici secondi.

L’incontro con i ragazzi a Vidigulfo (PV)

Indipendentemente dal social network utilizzato, solo pochi (meno del 30%) condividono video o immagini impostando ai massimi livelli la privacy del proprio account, con il rischio che quanto condiviso finisca in pasto alla Rete in modo incontrollato. L’80% dei ragazzi conferma altresì di aver accettato almeno una volta la “richiesta di amicizia” di sconosciuti, a discapito della protezione dei contenuti da loro pubblicati tramite una corretta impostazione della privacy. Risulta quindi genericamente scarsa l’attenzione dei ragazzi circa la tutela della propria privacy e ai minimi livelli la conoscenza delle norme basiche di privacy previste dal Garante in merito alla necessità di un’autorizzazione scritta dei genitori di eventuali altri ragazzi immortalati nelle foto o nei video condivisi sul gruppo della classe di Whatsapp o sul profilo di Facebook o Instagram.

Durante gli incontri è quindi emersa l’assoluta necessità di alfabetizzazione su tematiche quali protezione del dato, tutela della propria privacy e di quella altrui, sicurezza dei dispositivi, utilizzo consapevole dei social Network. Argomenti che ogni genitore/insegnante/ragazzo dovrebbe discutere o conoscere.

Accesso libero alla Rete

“Nonostante una buona percentuale risulti dotata di un antivirus per PC e smartphone, l’80% dei ragazzi sostiene di non avere mai avuto alcun sistema di protezione minori (parental control) da quando ha iniziato a utilizzare internetconferma Ozenda. Sin da subito (dai 9 anni) viene garantito libero accesso a qualsiasi contenuto, su qualsiasi potenziale piattaforma.

Per gli account, che siano social o di posta elettronica, viene impiegata spesso una sola password, facile da indovinare. Una password che i ragazzi della scuola media inferiore troppo spesso non condividono con i genitori. Numerosi anche i ragazzi che aprono nuovi account di posta elettronica o profili sui social o su piattaforme IM senza curarsi di chiudere i precedenti, con il rischio che col tempo altri compagni se ne avvalgano, sostituendosi al proprietario, per diffondere immagini o particolari personali fasulli, o che, eventualmente, ne possano abusare dei malintenzionati per contattare altri ragazzi/e.

Oltre ad informare i ragazzi su come meglio proteggersi in Rete e sui rischi del phishing per chi dispone di un proprio account di posta elettronica, i workshop erano rivolti anche ai genitori, cui sono state fornite indicazioni chiare per tutelare, monitorare, affiancare, in una parola “educarei figli ad un utilizzo corretto di internet e dei social media. Ai genitori abbiamo spiegato quanto sia fondamentale installare un software per la protezione della navigazione dei minori, specie su device mobili, che ne consenta il controllo mediante restrizioni su app/giochi, con filtri su chiamate/sms, limitazioni sull’utilizzo dei dispositivi, blocchi su eventuali richieste da parte di contatti non presenti all’interno della rubrica e a siti non adatti ai bambini.

Cyberbullismo

Durante i workshop formativi con i ragazzi è emerso che gli episodi di cyberbullismo hanno luogo per lo più sul gruppo di classe di Whatsapp. Non rare le situazioni in cui un singolo elemento viene preso duramente in giro dai compagni, con giudizi o immagini denigratorie, condivise su gruppi “privati” ai quali genitori e insegnanti non hanno accesso diretto. Indipendentemente dalla piattaforma è stata quindi evidenziata l’importanza delle segnalazioni tempestive agli adulti (docenti e genitori) di qualsiasi episodio di cyberbullismo da parte dei ragazzi “spettatori”, che si tratti del gruppo Whatsapp della classe o di altre piattaforme di comunicazione web o social, per evitare di rendersi complici di un atto, il cyberbullismo, punibile a norma di legge a partire dai 14 anni di età.

Da notare peraltro che, a livello giuridico, gli atti illeciti commessi dal figlio minorenne ma capace di intendere e di volere rientrano nella responsabilità civile dei genitori. Non esercitare una vigilanza volta a prevenire e correggere comportamenti inadeguati è una violazione dei doveri concernenti l’esercizio della potestà, in quanto tale sanzionabile. Per quanto riguarda gli insegnanti invece, gli stessi incorrono in una multa da 30 a 516 euro “quando omettono o ritardano di denunciare all’Autorità Giudiziaria o ad un’altra Autorità che riferisca alla prima, un reato di cui ha avuto notizia nell’esercizio o a causa delle sue funzioni“ (art. 361 c.p.).

L’iniziativa G DATA

Tra febbraio e aprile 2017, il progetto Cyberbullismo – 0 in condotta ha raggiunto, 1500 ragazzi e circa 600 fra genitori e docenti che hanno manifestato soddisfazione per l’importanza degli argomenti affrontati con chiarezza e semplicità di linguaggio. Fra le province già raggiunte ricordiamo Milano, Sondrio, Pavia, Brescia, Cuneo, Novara, Padova e Imperia.

Per la scuola parlare di Netiquette e di concetti legati all’educazione civica e legale della Rete, significa prevenire fenomeni di odio online (hate speech) e di cyberbullismo. G DATA Italia è stata lieta di contribuire a tale prevenzione avvalendosi dell’esperienza di Mauro Ozenda.

G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum sviluppò oltre 30 anni fa il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.  Nel marzo 2017 la soluzione ha ottenuto per il decimo anno consecutivo un’eccellente valutazione per la rilevazione dei virus da Stiftung Warentest.

Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Mauro Ozenda

Consulente informatico da oltre un ventennio nel settore scuola, da circa 10 anni segue percorsi legati all’uso sicuro, sano, legale e consapevole di internet e dei social network. A partire dal 2007 ha organizzato per 4 anni consecutivi insieme all’Associazione del Lions International, coinvolgendo Polizia Postale delle Comunicazioni, Unicef, Microsoft, Associazione Mani Colorate il convegno nazionale di Sanremo a tema “Internet e Minori” (2007-2010). Ha collaborato in qualità di formatore con Microsoft in molte regioni italiane (Liguria, Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Lazio, Molise) su progetti all’interno delle scuole per formare docenti, ragazzi e genitori (La Scuola Ricomincia Navigando, Web in Cattedra) e con Symantec su insegnanti/genitori e bambini delle scuole primarie. Formatore referente del progetto sponsorizzato dalla Regione Liguria Giovani&Web promosso da Unicef Liguria in collaborazione con Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Fra gli altri progetti seguiti ricordiamo Informi@moci (bambini, docenti, genitori scuole primarie), Train The Trainer (formazione dirigenti scolastici ANP Sud Italia), @mici in Rete (parrocchie, scuole province di Imperia con Unicef e Associazioni Volontariato provincia di Imperia), Sicur@mente in Rete (formazione docenti,genitori e ragazzi istituti superiori Lombardia e Veneto), Safety School (formazione ragazzi terza media ciclico annuale città di SanBartolomeo al Mare), Famiglia e Social Network (incontri rivolti alle famiglie della città di Vallecrosia), Sicuri in Rete (formazione docenti, bambini e genitori scuole primarie nord Italia).

Ozenda è inoltre coautore del libro “Sicuri in Rete” della Hoepli edizioni e della fiaba “Un computer dal cuore saggio” Edigiò edizioni.

Attualmente Ozenda svolge attività formativa nelle scuole di ogni ordine e grado nell’ambito di percorsi educativi circa “Educazione Digitale”, “Sicurezza e Privacy”, “Uso sicuro, legale e consapevole dei Nuovi Media”.

Sito web: https://www.maurozenda.net     /    Blog: http://www.tecnoager.eu

IDP lancia la 45 edizione del MasterClass in Finanziamenti europei ed Europrogettazione dal 16 al 19 maggio 2017 a Bruxelles.

Scritto da IDPbruxelles il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Istruzione

IDP European Consultants in collaborazione con l`ICE lancia il 45esimo MasterClass in Finanziamenti europei ed Europrogettazione dal 16 al 19 maggio 2017 a Bruxelles.

Il Master Class, organizzato in collaborazione con l’Ufficio di Bruxelles dell’Agenzia per la Promozione all`Estero e lnternazionalizzazione delle Imprese Italiane (ICE), trasferisce nozioni e pratica sulla metodologia di progettazione basata su oltre venti anni di esperienza, con un approccio pratico e diretto.

I partecipanti avranno l’occasione di approfondire i principi di funzionamento dei programmi ed appalti europei e le numerose possibilita` di accesso al credito per sviluppare una proposta di successo.

Il Master Class prevede un workshop di progettazione durante il quale i partecipanti sono guidati nello sviluppo di una proposta progettuale. Il training è completato da materiale didattico aggiornato, guide ai finanziamenti europei e un servizio di assistenza on-line nelle settimane successive al corso.

La data di scadenza per le iscrizioni e` il 2 maggio, sono previste delle riduzioni notevoli per chi effettua la registrazione entro il 10 marzo ed una riduzione del 10% per chi effettua la registrazione entro il 20 aprile.

IDP European Consultants è una società italiana presente a Bruxelles dal 1991, esperta in progettazione europei, finanziamenti europei e nella gestione di progetti finanziati dai vari programmi europei quali Horizon 2020, Life, Erasmus Plus, COSME.

Per maggiori dettagli sul Master Class, sugli eventi, gli altri progetti e tutti i servizi offerti, contattaci:

masterclass@idpeuropa.com

Visita il nostro sito: www.idpeuropa.com

Cercaci su Facebook: https://it-it.facebook.com/idp.bruxelles

Linkedin: http://be.linkedin.com/pub/idp-european-consultants/47/a22/4b5

Giovani manager per un Turismo “tailor made”

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Istruzione, Turismo

Formazione professionale d’eccellenza per il biennio I.T.S. “Tecnico superiore per la gestione di strutture turistico ricettive”.

“Questo biennio di lezioni in svolgimento – spiega Paola Frontini, coordinatrice del progetto formativo – è partito a novembre 2016 con l’obiettivo di creare profili professionali con competenze tecniche all’avanguardia adeguate alle esigenze del settore turistico ricettivo. Il Corso è organizzato dalla Fondazione I.T.S. di Rimini “Turismo e Benessere”, composta da Scuole, Università, Imprese, Enti locali e di Formazione”.

“Portate avanti con convinzione i vostri progetti – ha sottolineato Ilia Varo presidente G.A.L. Valli Marecchia e Conca (RN), nel suo incontro con i ragazzi – fate sentire la vostra voce, forte e chiara. Come G.A.L. siamo aperti a tutti quelle iniziative che rivalutano il Territorio con idee innovative. Una collaborazione può essere quella di entrare a  far parte del team di animazione che il G.A.L. utilizza sul Territorio. Team operativi giovani e creativi che lavorano con uno spirito familiare in un paesaggio incantevole, “forte” di un’accoglienza di qualità.”

Una giornata alle Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), modello per l’Unione europea, ha permesso a questi giovani di relazionarsi in prima persona anche con le dinamiche del turismo “tailor made”, con l’obiettivo di soddisfare la sempre crescente attenzione del cliente/turista/ospite per un prodotto “su misura”. Uno scambio di esperienze, emozioni e conoscenze.

“Il Turismo è un settore in crescita – continua Fausto Faggioli, docente nell’ambito del Corso – in grado di offrire ai giovani  molte opportunità di impiego e autoimprenditorialità, per ogni tipo di talento e preparazione professionale. In futuro si parlerà sempre più di “prodotto-destinazione”, dobbiamo quindi investire sull’Identità, sull’unicità dei luoghi e delle persone che vi abitano, rafforzando  il brand e sviluppando progetti di comunicazione coerente ed integrata.”

“Stiamo svolgendo questo biennio di lezioniprosegue il tutor Marco Piva – in sinergia con il mondo delle imprese in una logica di partnership.”

Termina il gruppo dei giovani manager: “Contribuire allo sviluppo del turismo di domani è la nostra mission. Rinnoviamo l’offerta turistica attraverso idee, progetti innovativi e sperimentali in risposta ad un turismo sempre più consapevole e sostenibile. Fortemente attenti al territorio, alle sue bellezze storico–artistiche e nel rispetto di una natura autentica, incontriamo e soddisfiamo i bisogni del turista-viaggiatore. Grazie a questo percorso miriamo a promuovere i nostri territori aprendoci anche verso un turismo internazionale, attivando una rete di servizi pronti a rendere unica ed emozionante l’esperienza del soggiorno. Progettualità, Intraprendenza e Segmentazione come percorsi e orientamenti diversi che tendono ad un obiettivo comune: la valorizzazione delle destinazioni e dei prodotti di eccellenza.  Investiamo su noi stessi, mettendoci in gioco al fianco dei professionisti già operanti nel settore”.

Il gruppo di lavoro: Paola Frontini, Marco Piva, Fausto Faggioli, Acclavio Federica, Bernardi Giada, Bonucci Nicole, Botteghi Valentina, Cartechini Marta, Fogli Cecilia, Comini Francesco, Costantino Carlotta, D’Alessandro Licia, De Crescenzo Federico, Fronteddu Francesca, Gubiani Stefano, Laiso Irene, Mea Giorgia, Nidya Aminata, Palmiero Valentina, Parma Matteo, Passetti Emma, Santafè Paola, Santini Thomas, Tosi Celli Lucia, Valloni Chiara.          

“Bon Ton, Accoglienza e Savoir Faire” by Etiquette Academy Italy

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Istruzione, Turismo

Il 6 aprile presso il Grand Hotel Majestic “già Baglioni”, prestigiosa location alberghiera situata nel cuore di Bologna, la fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi terrà la prima di due sessioni didattiche per la formazione di esercizi commerciali, hotel, studi professionali, operatori turistici e addetti alle vendite nel segno dell’ospitalità, del Bon Ton e del corretto rapporto con la propria clientela per una nuova “Welcoming Experience”.

 La pratica dell’arte dell’Accoglienza presuppone la conoscenza e l’impiego di alcuni accorgimenti comportamentali, indispensabili per imprimere una buona impressione di sé e dell’attività professionale che si svolge quotidianamente, a contatto diretto con il pubblico e la clientela. Educazione, cortesia e rispetto sono principi da osservare per chi desidera intrecciare rapporti di lavoro vantaggiosi e duraturi, ma anche per le aziende che vogliono acquisire gli strumenti più efficaci per la formazione del personale dipendente.

Sono questi solo alcuni dei temi al centro del terzo modulo del ciclo formativo di Business Etiquette dal titolo “Bon Ton Accoglienza e Savoir Faire” firmato Etiquette Academy Italy, la prima scuola italiana dedicata al galateo professionale e alla cura dell’immagine personale: la lezione d’apertura tenuta come di consueto da Simona Artanidi, fondatrice di Etiquette Italy, avrà luogo giovedì 6 aprile 2017 presso l’elegante Grand Hotel Majestic “già Baglioni”, esclusivo Hotel a 5 stelle situato nel cuore di Bologna, con una lunga storia all’insegna dell’ospitalità di altissimo livello.

Il corso è rivolto a titolari e dipendenti di esercizi commerciali, ma anche ad operatori del turismo, dell’hotellerie e del commercio al dettaglio, a studi medici e professionali e in generale ad ogni attività fondata su un corretto modo di porsi: per ogni categoria è infatti prevista un’adeguata formazione specifica, a partire dall’indicazione delle regole base del ricevimento fino ad arrivare ad una gestione avanzata delle strategie volte ad attirare il consenso e il riconoscimento professionale.

Per migliorare la “Welcoming Experience” del cliente e per distinguersi dalla concorrenza Etiquette ha ideato una linea di cortesia totalmente personalizzabile che verrà presentata in esclusiva ai partecipanti del percorso formativo. L’importanza di soddisfare le aspettative del cliente e di accoglierlo nel miglior modo possibile, con un servizio a 5 stelle che imprima un buon ricordo nel tempo e conferisca valore alla nostra offerta, concorre alla buona riuscita degli affari e alla promozione di noi stessi.

Il corso si colloca all’interno di un percorso finalizzato alla diffusione della cultura delle buone maniere e al consolidamento della propria immagine professionale, e mira alla trasmissione delle tecniche vincenti per risultare appropriati nel confronto e nello scambio quotidiano sul luogo di lavoro, oltre che in tutte quelle circostanze straordinarie che richiedono abilità nel confronto, autostima e savoir-faire.

«La cura dell’immagine, della persona e della relazione con gli altri sono alla base di una competitività positiva e virtuosa, sia in azienda che nelle sue interazioni con l’esterno, i clienti, i fornitori, le istituzioni e più in generale tutti gli stakeholder», spiega Simona Artanidi, fondatrice di Etiquette Italy.

La prima impressione non è tutto, ma certamente conta!

Workshop di Etiquette Italy in due sessioni:

“Bon Ton, Accoglienza e Savoir-Faire”

6 e 20 aprile 2017 dalle 14.30 alle 18.30

Grand Hotel Majestic “già Baglioni” – via dell’Indipendenza 8 Bologna

Info e iscrizioni: tel. 051.269190 marketing@etiquetteitaly.com

www.etiquetteitaly.com

Etiquette Italy forma il Consulente di Galateo aziendale

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Etiquette Italy affida alla docenza e al know-how della fondatrice Simona Artanidi un ciclo formativo di orientamento sulla Business Etiquette unico in Italia, composto da 4 sessioni, rivolto a professionisti, event planner e consulenti che puntino a conseguire il titolo di Consulente di Galateo Aziendale, diventando così esperti di Bon Ton per il mondo del business.

Da sabato 17 giugno a sabato 8 luglio 2017, con cadenza settimanale, il calendario di Etiquette Italy si arricchisce di 4 importanti appuntamenti didattici. Ancora una volta la prima realtà italiana che dal 2001 offre servizi e consulenze di Business Etiquette, Stile e Immagine si dimostra al passo con i tempi e promuove la formazione di una figura professionale in forte ascesa in tutto il mondo, per quanto ancora poco conosciuta e diffusa in Italia: il consulente di Business Etiquette (Galateo Aziendale), un professionista delle buone maniere in grado di supportare i propri clienti nella gestione di alcune circostanze delicate, determinanti per la promozione di sé (personal branding) e della propria mission aziendale.

Business Etiquette, Accoglienza, Stile. Personal Branding e Immagine Professionale saranno il focus della docenza di Simona Artanidi, fondatrice di Etiquette Italy e massima esperta di Business Etiquette in Italia, attorno a cui graviteranno svariate tematiche correlate e imprescindibili suggerimenti pratici di Galateo Aziendale: la scelta del logo e del nome dell’attività, i servizi e le consulenze da offrire, il modo corretto per organizzare un webinar o per condurre una call via Skype, sono solo alcuni dei consigli che la fondatrice di Etiquette Italy divulgherà nel corso delle lezioni.

Il mondo degli affari richiede la conoscenza di un vero e proprio codice di comportamento, fondamentale al conseguimento di ogni obiettivo lavorativo: dal corretto approccio nelle pubbliche relazioni al controllo del linguaggio del corpo, passando per i principi del Bon Ton applicato al Business. Simona Artanidi fornirà ai partecipanti tutti gli strumenti necessari per trasmettere un’immagine vincente di sé e del proprio operato che i neo consulenti dovranno a loro volta trasferire a imprese e liberi professionisti.

Il corso, articolato in 4 sessioni suddivise in 4 giornate, doterà i propri iscritti delle competenze indispensabili per avviare autonomamente una start-up di consulenza professionale che sia sensibile alle rinnovate esigenze aziendali e adeguata alla nuova configurazione del mercato e delle imprese.

Una volta terminato di percorso di avviamento il neo consulente avrà anche l’opportunità di intraprendere una collaborazione diretta con Etiquette Italy o di richiederne il supporto nello svolgimento della propria attività individuale. Etiquette Italy affiancherà i neo professionisti del settore nell’individuazione dei primi clienti e proporrà ogni anno degli appuntamenti didattici con finalità di aggiornamento, affinché il loro ruolo risulti sempre appropriato, rigoroso e qualificato.

Per maggiori informazioni: Reception Etiquette Italy Tel. 051.269190

www.etiquetteitaly.com