IDP lancia la 47° edizione del MASTERCLASS in FINANZIAMENTI EUROPEI ed EUROPROGETTAZIONE dal 10 al 13 APRILE 2018 a BRUXELLES

Scritto da IDPbruxelles il . Pubblicato in Industria, Istruzione, Mercati

Il MasterClass, organizzato in collaborazione con l’Ufficio di Bruxelles dell’Agenzia per la Promozione all`Estero e lnternazionalizzazione delle Imprese Italiane (ICE), trasferisce nozioni e pratica sulla metodologia di progettazione basata su oltre venti anni di esperienza, con un approccio pratico e diretto.
I partecipanti avranno l’occasione di approfondire i principi di funzionamento dei programmi europei e le regole per sviluppare una proposta di successo.

Il Master Class prevede un workshop di progettazione durante il quale i partecipanti sono guidati nello sviluppo di una proposta progettuale. Il training è completato da materiale didattico aggiornato, guide ai finanziamenti europei e un servizio di assistenza on-line nelle settimane successive al corso.
IDP European Consultants è una società italiana presente a Bruxelles dal 1991, esperta in progettazione e finanziamenti europei e nella gestione di progetti finanziati dai vari programmi europei quali Horizon 2020, Life, Erasmus Plus, COSME.

Il MasterClass, interamente in italiano, si svolge a Bruxelles: al seguente link i dettagli sulla prossima edizione e sul programma-masterclass-47

Per maggiori dettagli sul Master Class, sugli eventi, gli altri progetti e tutti i servizi offerti, contattaci:
bruxelles@idpeuropa.com o vai sul sito: http://idpeuropa.com/master-class/

Il Formulario di Iscrizione alla 47a edizione del MasterClass e’ disponibile qui

 

Formazione d’eccellenza per futuri manager del turismo sull’Altopiano vicentino

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Dopo Jesolo e Bardolino, parte anche ad Asiago (VI), sull’Altopiano vicentino il primo corso biennale post-diploma ITS  “Tecnico superiore per la gestione di strutture turistico ricettive” che ha l’obiettivo di creare profili professionali con competenze tecniche all’avanguardia adeguate alle esigenze del settore turistico ricettivo. Il corso è organizzato dalla Fondazione I.T.S. Turismo di Jesolo (VE) composta da Scuole, Università, Imprese, Enti locali e di Formazione per garantire uno stretto legame con il mondo produttivo puntando all’innovazione e alla qualità. Coordinati da Maria Carla Furlan, direttore del percorso formativo, i giovani manager, di diversa provenienza, avranno l’opportunità di relazionarsi in prima persona anche con le dinamiche del mondo imprenditoriale per uno scambio di esperienze, emozioni, conoscenze, contribuendo a nuovi modelli di sviluppo economico con un occhio di riguardo all’ambito internazionale, cosicché le imprese possano contare su figure specializzate.

“Il Turismo è un settore in crescita – sottolinea Fausto Faggioli, docente nell’ambito del Corso – in grado di offrire ai giovani  molte opportunità di impiego e autoimprenditorialità, per ogni tipo di talento e preparazione professionale. In futuro si parlerà sempre più di “prodotto-destinazione”, dobbiamo quindi investire sull’Identità, sull’unicità dei luoghi e delle persone che vi abitano, rafforzando  il brand e sviluppando progetti di comunicazione coerente ed integrata.”

“Il Turismo è un asset strategico – aggiunge Maria Carla Furlan, direttore dei percorsi formativi I.T.S. –  su cui investire “ri-considerando” le esigenze dei nuovi turisti e adeguandosi ai mutamenti introdotti dalle nuove tecnologie. Affrontare i cambiamenti e le sfide del mercato con l’innovazione e l’aggregazione sarà dunque il compito di questi giovani futuri manager. In questo biennio di lezioni, i corsisti saranno coinvolti nel mondo del lavoro attraverso stage e project work in aziende, workshop e seminari di approfondimento oltre alle lezioni d’aula.”

Termina il gruppo di lavoro: “Non è solo uno slogan: “Fare le cose vecchie in modo nuovo”, è la nostra mission. Rinnoviamo l’offerta turistica attraverso idee innovative grazie a competenze sinergiche volte a promuovere il nostro territorio. Puntiamo ad aprire le porte all’internazionalizzazione del Veneto con entusiasmo e sorriso, rendendo unico il soggiorno in una perfetta fusione tra emozioni ed esperienze attraverso progetti di network. Siamo pronti ad investire su noi stessi per valorizzare la destinazione e i suoi prodotti d’eccellenza e a fare da volano per una riscossa del turismo sull’Altopiano.”

 Il gruppo di lavoro: Maria Carla Furlan, Fausto Faggioli, Alessi Alice, Baco Sofija, Barcellan Elena, Battistello Mirella, Bira Mihaela, Bonenti Giovanni, De Marchi Sofia, Filippi Daniela Andrea, Lazzari Luca, Lorenzato Natalie, Lorizzo Alberto, Martello Giorgia, Mustiere Bi Bale Hugue Narcisse, Ortolani Francesca, Pizzolotto Philip, Pretto Irene, Rabih Maryem, Riabokon Oksana, Savioli Gaia, Speranzon Dario, Sutac Laura, Vanzo Veronica, Zecchin Alessandra.

Lo sviluppo rurale punta sulle figure professionali emergenti

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Si sta svolgendo ad Ancona il percorso formativo “Manager dello sviluppo locale”, tenuto dall’ISTAO (Istituto Adriano Olivetti) in collaborazione con il Consorzio Aaster e la Fondazione Aristide Merloni. Centro di alta professionalità per rispondere alla richiesta di figure specializzate, ISTAO sviluppa i temi delle Risorse Umane, dell’Internazionalizzazione, del Marketing, della Finanza e dell’Etica. In quest’ottica, il corso si è posto l’obiettivo di formare figure professionali in grado di acquisire competenze nella promozione dello sviluppo locale, in particolare nel saper “leggere” il contesto socio-economico, nel programmare e gestire progetti imprenditoriali, favorire processi di cooperazione tra imprese ed istituzioni, utilizzare gli strumenti normativi in vigore, affrontare tematiche di euro-progettazione e marketing territoriale.

“Protagonista del percorso formativo – sottolineano i responsabili Istao Giuseppe Sestili,  progetti speciali  e Sabrina Dubbini, didattica – un gruppo di giovani laureati marchigiani, rappresentativi dell’intero territorio regionale e con una formazione su differenti settori: economia, giurisprudenza, sociologia, architettura, beni culturali, lingue, scienze politiche. Giovani che, “strada facendo”, hanno formato un team di lavoro in grado di integrare le diverse competenze nello sviluppo di progetti orientati alla valorizzazione dei territori, in particolare quello marchigiano.”

“Oggi, – prosegue Fausto Faggioli, docente nell’ambito del Corso – in uno smartphone ci sono più opportunità di quanto i nostri genitori abbiano mai, anche lontanamente, pensato in decenni di attività per cui ogni politica deve mettere al centro il rinnovamento generazionale, permettendo ai giovani di utilizzare le nuove competenze anche legate al web e ai social network/media. Potremmo quasi parlare di “destination management”, in cui il confronto si gioca tra sistemi-paese, aree geografiche e località turistiche per uno sviluppo territoriale equilibrato, in cui le imprese siano attive sul mercato con capacità strategiche, progettuali, organizzative e siano supportate da adeguate competenze manageriali.”

Termina il gruppo: “Competenze che in futuro si riveleranno indispensabili sia nel contesto pubblico sia in quello privato. Sempre più inevitabile, infatti, re-immaginare il ruolo dei territori alla luce della progressiva interconnessione globale, destinata a condizionare in misura crescente, anche i processi su scala più ridotta e localizzata. Proprio a questo ci stiamo preparando, a conoscere i territori, a intravederne le possibili traiettorie di sviluppo senza mai perdere di vista il mutamento generale e sapendo cogliere le linee di tendenza che si affacciano all’orizzonte. Intendiamo attivarci sul territorio marchigiano convinti che un nuovo benessere sociale non possa che nascere da nuovi modelli di sviluppo in grado di coniugare buone performance economiche con un felice sviluppo culturale e sociale, aperto al mondo e che trovi il suo volano proprio nella valorizzazione di ciò che rende ogni identità territoriale irripetibile. Nel periodo trascorso all’Istao, non solo ci siamo avvalsi dell’esperienza di specialisti già attivi in questo campo d’azione, ma abbiamo avuto anche modo di misurare “in diretta” le competenze maturate, dando vita a due proposte di sviluppo territoriale: la Valle dei fiumi Misa e Nevola, con la proposta “Valle = Biofiliera” e la proposta “Terre dei Sibillini: lo sviluppo dopo il sisma” per un gruppo di quindici Comuni ricadenti nel cratere del sisma.”

Il gruppo di lavoro: Giuseppe Sestili, Sabrina Dubbini, Fausto Faggioli, Silvia Barbizzi, Michela Belardinelli, Laura Ciccanti, Valerio Coppola, Francesco Fenizi, Michele Gambioli, Massimiliano Medei, Chiara Puglisi, Gaia Vallese, Lavinia Vitturini.

Il Galateo Aziendale protagonista per un giorno ai “Soliti Ignoti” di Rai 1

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Istruzione, Spettacolo, TV

La fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi è stata ospite del programma “I Soliti Ignoti” condotto da Amadeus nell’access prime time di Rai 1 per far conoscere agli oltre 5 milioni di spettatori del noto game show la nuova professione del Consulente di Galateo Aziendale.

È andata in onda ieri, 29 novembre, la puntata de “I Soliti Ignoti” che ha visto ospite la fondatrice di Etiquette Italy Simona Artanidi, in qualità di massima esperta in Italia di Galateo Aziendale, Stile e Immagine, ideatrice e docente di un fitto calendario di sessioni formative di Business Etiquette di gran successo che si tengono nella sede di Bologna e anche a livello nazionale.

La partecipazione al game show condotto da Amadeus, in onda tutti i giorni su Rai 1 nella seguitissima fascia oraria del pre-serata con una media di 5.552.000 spettatori pari al 20,4 % di share (fonte Auditel), ha rappresentato per la prima Scuola italiana di Galateo, Business Etiquette e Immagine Professionale l’occasione ideale per comunicare al vasto pubblico della trasmissione – presente in studio e telespettatore da casa – la centralità e l’imprescindibilità del ruolo del Consulente di Galateo Aziendale nell’universo professionale odierno. L’alto standard raggiunto dalle nuove figure professionali, infatti, richiede a manager, liberi professionisti, event planner e consulenti dei più svariati settori l’acquisizione di una serie di competenze formali, oltre che sostanziali, per imporsi nell’affollato panorama lavorativo italiano e internazionale.

Il consulente Galateo Aziendale rappresenta attualmente una figura in forte ascesa in tutto il mondo ed è estremamente ricercata, soprattutto all’estero. Il professionista delle buone maniere è in grado di offrire consulenze in ambito aziendale operando in svariati settori quali per esempio la Business Etiquette (ovvero come relazionarsi al meglio nel mondo degli affari), l’Accoglienza Professionale (per titolari e commessi di esercizi commerciali, studi medici, hotel e luoghi di accoglienza), l’Immagine Professionale (dall’abito al linguaggio del corpo, dal make up giusto al bon ton ecc.) e la Netiquette (utilissima per evitare gaffes e errati modi di comportarsi con le nuove tecnologie, social network, chat, whatsapp, sms ecc.).

Inoltre il Consulente di Galateo Aziendale è in grado di aiutare i propri clienti a risolvere varie situazioni delicate , tese per esempio ad ottenere una buona prima impressione durante un colloquio di lavoro, parlare in pubblico con grazia ed eleganza, fare affari a tavola evitando gaffes e insicurezze, fornire consigli per viaggi in paesi con culture diverse dalla nostra (business etiquette internazionale) o per la scelta dell’abbigliamento giusto per un salto di carriera o un importante cambiamento professionale/personale.

Etiquette Italy è stata la prima in Italia a credere fortemente in questa professione e, di fatto, a promuoverla attraverso uno specifico corso di avviamento ideato e tenuto dalla fondatrice Simona Artanidi. Etiquette Italy si rende inoltre disponibile ad avviare una collaborazione diretta con i neo consulenti certificati, o ancora a supportarli nello svolgimento della propria attività individuale, mettendo in campo un continuo servizio di aggiornamento affinché il nuovo ruolo assunto risulti sempre appropriato, rigoroso e qualificato.

Più informazioni su www.galateoaziendale.com

Nelle Comunità rurali, il valore aggiunto delle fattorie didattiche

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Istruzione, Italia

La formazione è ancora protagonista nel settore agricolo, con il percorso “Operatore di Fattorie Didattiche”, organizzato da Dinamica (Ente formativo nella sede di Reggio Emilia) e finanziato PSR Catalogo Verde corso 5030034. In una giornata full immersion alle Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), il gruppo d’imprese reggiane impegnato in questo corso “pensato e organizzato” dal direttore Roberto Prampolini per chi vuole dare vita a una nuova attività, ma anche per chi vuole migliorare la propria, fornirà spunti innovativi sui temi gestionali per l’accoglienza di visitatori e scolaresche, sul ruolo della fattoria didattica intesa come presidio territoriale per la valorizzazione e la tutela delle produzioni di qualità e delle tradizioni locali.

“Se l’agriturismo è la carta vincente per il turismo del futuro – sottolinea Fausto Faggioli, docente nell’ambito del Corso – e un valore aggiunto per l’agricoltura, sicuramente anche la fattoria didattica è tutto questo come proposta per una vera e propria riscoperta delle attività agricole che per il mondo rurale si traduce nella creazione di nuove varianti di lavoro, nel reinventarsi lavori storici guardandoli con nuovi occhi ed adattandoli alle esigenze contemporanee. Un agricoltore oggi deve essere contemporaneamente imprenditore, agronomo, amministratore, capace di commercializzare il suo prodotto ed essere consapevole del proprio ruolo per mantenere gli ecosistemi o contrastare il cambiamento climatico. E la fattoria didattica è sicuramente il settore dell’agricoltura in cui promuovere  incontri, organizzare laboratori didattici per i più piccoli e il tutto si può tradurre in un incontro tra domanda e offerta.”

“Attività pratiche e formative – aggiunge Roberto Prampolini, direttore di Dinamica – visite, stage e project work in aziende, sono solo alcune delle attività che il gruppo di lavoro affronterà in questo percorso formativo, attraverso anche un coinvolgimento sempre maggiore dei giovani. L’integrazione tra settore pubblico e settore privato che si sviluppa e consolida in questi percorsi, permette alle imprese di guardare alla campagna con “occhi di possibilità” e di valutarla con il metro dell’innovazione.”

Termina il gruppo d’imprenditori: “Oggi dobbiamo riconoscere le potenzialità del territorio e nel mondo rurale, l’esperienza dimostra che operare in attività multifunzionali come la fattoria didattica, la vendita diretta, la trasformazione aziendale, si traducono in opportunità occupazionali e una migliore qualità della vita. Quindi nuove attività accanto ad altre già conosciute, proponendo spazi in cui le persone abbiano la possibilità d’incontrarsi e fare amicizia e anche, perché no,  disporre di un piccolo spazio dove coltivare o qualche animale da allevare.”

Il gruppo di lavoro: Roberto Prampolini, Fausto Faggioli, David Panciroli, Giulia Matelli, Stefano Torreggiani, Giorgio Bonacini, Barbara Saccani, Barbara Acerbi, Rossella Affanni, Milena Ruozzi, Martina Codeluppi, Emanuela Beghetti, Nicola Coluzzi, Silvia Nizzoli, Albertino Bigi, Annalisa Casali.

 

A scuola di Qualità con One Express Academy

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Un nuovo variegato programma pensato per l’aggiornamento professionale di Affiliati e Risorse Umane: One Express imprime una decisa spinta allo sviluppo dell’Academy – centro propulsore della Formazione del Network – nel segno della specializzazione operativa

Il successo di una Rete di Aziende passa anche – e soprattutto – dalla preparazione e dall’ampliamento delle competenze delle sue Risorse Umane: One Express lo sa bene ed è per questo che sin dalla costituzione del Network (che annovera oggi oltre 120 Affiliati) ha intuito l’importanza di dedicarsi ad un progetto formativo, oggi ampiamente strutturato e per sua stessa vocazione passibile di aggiornamento, in linea con le mutevoli esigenze di un Gruppo di Aziende sempre più competitivo e innovativo.

Abbiamo dato concretezza a un’idea. Al momento della sua partenza, tre anni fa, sembrava una scommessa, ma si trattava di un progetto in cui riponevamo molta fiducia – spiega Roberto Taliani, Network & Operation Manager One Expresscon l’obiettivo di far crescere non solo le Risorse Umane dell’Azienda ma anche quelle degli Affiliati. Puntiamo sulla Qualità e questa dipende dalle Persone e da tutti componenti della Rete”. È convinzione del Network, infatti, che la propria forza risieda nelle Persone che contribuiscono quotidianamente all’offerta di un servizio altamente qualificato. La formula adottata si è dimostrata vincente ed ha portato presto alla creazione di un terreno condiviso su cui misurare l’efficienza e il modus operandi di tutto l’universo One Express, che può contare oggi su un portfolio di servizi di alto livello, omogenei per standard qualitativi.

Attualmente, il calendario didattico include degli appuntamenti legati alla professionalità di ogni singola figura e al ruolo che essa svolge all’interno dell’Azienda. Le lezioni sono di natura operativa, pertanto legate ai processi: a settembre si è tenuta la sessione di carattere internazionale sulle esportazioni ed importazioni, mentre la seconda fase si è concentrata sul processo del contenzioso, quindi sul ramo legale. Oltre alla proposta dedicata agli Affiliati, One Express ha predisposto uno step formativo su misura per le Risorse Umane interne. L’aspetto interessante, in questo caso, risiede nell’attenzione alla sfera psicologica e attitudinale delle singole figure professionali, per individuare i rispettivi punti di forza e lavorare sulla valorizzazione delle competenze più spiccate. “Vogliamo offrire una conoscenza operativa a 360° – illustra Talianiperché solo così possiamo fare la differenza. Per il coaching rivolto ai Dipendenti di One Express ci stiamo avvalendo dell’esperienza di una psicologa del lavoro: l’idea è di osservare il singolo collaboratore all’opera evidenziandone le peculiarità, per poi intavolare un’ora di dialogo volta a focalizzare e risolvere l’eventuale insicurezza riscontrata. Le adesioni si sono rivelate fin dal principio numerose ed entusiaste, ci auguriamo di continuare su questa strada”.

www.oneexpress.it

Cyberbullismo – 0 in condotta, seconda edizione

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Informatica, Internet, Istruzione, Italia, Tecnologia

A fronte della forte richiesta di proseguire con le attività di sensibilizzazione condotte nella prima metà dell’anno 2017, G DATA ripropone da febbraio a maggio 2018 l’iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta” insieme al noto specialista Mauro Ozenda, al fine di educare all’uso corretto del web e dei social network un numero sempre più elevato di allievi e insegnanti. 

Bologna -Trasmettere ai minori una sufficiente competenza nell’uso della Rete e assicurare loro maggior tutela possibile dei propri diritti sui social sono temi che entrano sempre più prepotentemente nel quotidiano delle famiglie italiane, tanto da indurre il legislatore a ben specificare con la legge Legge n. 71 del 29 maggio 2017 “disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”. Un tema che, anche alla luce dei dati emersi dalla prima iniziativa “Cyberbullismo – 0 in condotta” condotta da G DATA insieme allo specialista Mauro Ozenda, spinge entrambi a riproporre nel periodo tra febbraio e maggio 2018 l’attività di sensibilizzazione a dieci nuovi istituti scolastici, ben integrando gli eventuali quesiti che emergono in merito all’attuazione pratica della nuova legge.

Gli incontri rivolti ai bambini, alle famiglie e ai docenti tratteranno i rischi e pericoli della Rete e le misure preventive. Sarà aperto un capitolo dedicato specificamente al cyberbullismo, come oggi identificato dal legislatore, al cyberstalking e all’adescamento online e sarà trattato il tema fake news, al fine di dotare tutti gli interessati di informazioni che consentano loro un uso legale, responsabile e tutelato dei nuovi media.

“Anche per l’anno scolastico 2017/18 la nostra attenzione va ai ragazzi”, commenta Giulio Vada, Country Manager di G DATA Italia, “con l’intento di favorire la presa di coscienza dei pericoli e l’instaurarsi del ruolo attivo di allievi, studenti e personale scolastico contro qualsiasi episodio di cyberbullismo nelle scuole, auspicato dal Ministero dell’Istruzione”.

“Dopo anni di attività svolta nelle scuole mi rendo conto che, oggi più che mai, diventa imprescindibile educare le nuove generazioni ad un utilizzo corretto di Internet e dei Social Media” – afferma il nostro consulente e formatore Mauro Ozenda – “Sono previsti anche incontri con i genitori che, in questo momento, per la maggior parte, si preoccupano ancora troppo poco delle modalità di impiego di smartphone e computer dei propri figli. Consiglio loro sin d’ora di partecipare, per apprendere le giuste nozioni finalizzate a salvaguardare i loro ragazzi, educandoli ad un uso corretto e responsabile e proteggendoli, anche grazie agli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia stessa”.

G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati.

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Consegui il tuo master in osteopatia, a Milano c’è ICOM. Raggiungi il tuo sogno e diventa osteopata!

Scritto da mybookmarkservice il . Pubblicato in Cultura, Istruzione, Salute

ICOM College è la scuola di osteopatia numero uno in Italia! ICOM ti propone diversi corsi che ti permetteranno di raggiungere il tuo sogno professionale, diventare esperto osteopata.

Prendi in mano il tuo futuro, scegli il percorso dell’osteopatia e diventa un esperto nel settore con ICOM College!
ICOM è l’accademia di osteopatia numero uno in Italia che con le sue 8 sedi dislocate su tutto il territorio (Milano, Cinisello Balsamo, Torino, Busto Arsizio, Perugia, Firenze, Napoli e Catania) ti offre la possibilità di conseguire un titolo di studio riconosciuto in Europa ed esercitare la tua professione dove vuoi.

master osteopatia milano

Visita ICOM, l’accademia di osteopatia di Milano e scopri la sua struttura prestigiosa

La sede principale di ICOM College, l’accademia di osteopatia di Cinisello Balsamo (Milano), si presenta come una struttura imponente di oltre 7000 mq, attrezzata con aule, biblioteca, zone studio e relax, mensa e bar.
Le aule in cui vengono svolte le lezioni sono ampie, spaziose e d’atmosfera, dotate di lavagne multimediali e pannelli di proiezione, oltre a lettini idraulici per la sperimentazione pratica.
Le aree studio dedicate all’esercitazione privata di ogni studente sono attrezzate con scrivanie, pc, lettini e biblioteca con postazioni video in cui poter visualizzare e seguire documentari e approfondimenti pensati dai più famosi osteopati del mondo.
Nelle pause o dopo le lezioni è possibile svagarsi frequentando le aree verdi, in cui si trovano campi da pallavolo o calcetto, oppure guardare film nella sala cinema, giocare a biliardo, utilizzare la palestra o la piscina e molto altro.

Consegui il tuo master in osteopatia a Milano o nelle altre 7 sedi ICOM

ICOM College si ispira ai college universitari e ti propone due diversi percorsi formativi per conseguire il master in osteopatia. A Milano, Cinisello Balsamo, Torino, Busto Arsizio, Perugia, Firenze, Napoli e Catania avrai la possibilità di scegliere tra i corsi Full Time e Mix Mode, al termine dei quali riceverai M.Ost RQ (Recognized Qualification) rilasciato dalla Nescot/Università di Kingston, titolo che permette l’iscrizione diretta all’Albo Professionale Inglese (GoSC) e l’abilitazione alla pratica, con l’acquisizione degli standard formativi in linea con le Normative Europee.
Esercita la professione in qualsiasi stato europeo ed extra europeo in cui l’osteopatia è riconosciuta, con ICOM College, visita il sito e richiedi un colloquio con il Direttore e il suo staff.

Nasce FORM&GO: iniziativa a sostegno della formazione continua dei destinatari di voucher nel settore della somministrazione di lavoro

Scritto da armosia il . Pubblicato in Aziende, Istruzione

Prende il via Form&Go un’iniziativa Forma.Temp che, in attuazione del CCNL per il settore della Somministrazione di lavoro, ha come finalità la costituzione di un Catalogo di corsi di formazione tecnica e specialistica mirati alla riqualificazione e all’aggiornamento dei lavoratori con l’obiettivo di rafforzarne l’occupabilità in un mercato del lavoro in continua evoluzione.

Il Catalogo, consultabile sul sito www.form-and-go.it, è stato valutato da una Commissione di esperti appositamente costituita e i corsi sono stati presentati sulla base dei fabbisogni regionali rispondenti all’Atlante del Lavoro e delle Qualificazioni Inapp. L’offerta formativa è composta da più di 1.200 corsi organizzati in tutto il territorio nazionale e fruibili in differenti modalità (individuale, in aula, FaD).

La registrazione ai corsi è molto semplice è può essere fatta autonomamente sul sito oppure rivolgendosi ad uno Sportello Sindacale abilitato per il supporto nell’iter di iscrizione. Gli Sportelli Sindacali di FelSA CISL, NIdil CGIL e UILTem.p@ sono oltre 200 e l’elenco suddiviso per regione è disponibile sul sito di Form&Go.

I candidati possono scegliere uno o più corsi all’interno del Catalogo, filtrando per parole chiave/titolo, tipologia, ente, fabbisogno formativo, range di costo, attestazione/certificazione, provincia e comune di svolgimento o periodo di svolgimento.

I destinatari dei corsi, in base ai requisiti riportati sul sito dell’iniziativa, potranno aderire usufruendo di una dotazione finanziaria denominata “voucher” del valore massimo individuale di 5.000,00 Euro, spendibile anche su più corsi.

La domanda di Voucher viene valutata in una prima fase da Forma.Temp che verificherà che i requisiti corrispondano alla categoria indicata e successivamente dall’Organizzazione Sindacale che accerterà la congruità dell’iscrizione ai corsi selezionati. Entrambe le fasi si concludono entro 30 giorni dall’invio della richiesta da parte del candidato.

Forma.Temp è il Fondo bilaterale per la formazione ed il sostegno al reddito dei lavoratori in somministrazione costituito sotto forma di libera associazione senza fini di lucro con personalità giuridica, autorizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Sono soci del Fondo le due Associazioni di rappresentanza delle Agenzie per il Lavoro – ApL (Assolavoro e Assosomm), le Organizzazioni Sindacali dei lavoratori somministrati (FelSA-CISL, NIDIL-CGIL,UILTem.p@) e le tre Confederazioni Sindacali (CGIL, CISL e UIL).

Il Fondo è finanziato con il contributo, a carico delle Agenzie per il Lavoro pari al 4% delle retribuzioni imponibili ai fini previdenziali da queste corrisposte ai lavoratori con contratto di lavoro in somministrazione. Con tale contributo, Forma.Temp finanzia politiche attive e passive per i candidati a missione di lavoro e per i lavoratori a tempo determinato e a tempo indeterminato in somministrazione.

L’obiettivo di Forma.Temp è supportare lo sviluppo della somministrazione in Italia assicurando fonti di finanziamento per la formazione dei lavoratori e dei candidati a missione, con attenzione alle esigenze di professionalizzazione continua. Nelle fasi di transizione tra occasioni lavorative o in mancanza di opportunità̀ di lavoro, Forma.Temp garantisce l’attivazione di istituti di sostegno al reddito e integrazione salariale assicurando a tutti pari opportunità̀ di accesso alle prestazioni.

Educazione alimentare, Alti Formaggi rinnova il patto con la scuola per promuovere eticità e benessere, il futuro sano del paese.

Scritto da Consilium Comunicazione il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Istruzione

Cremona, 23 ottobre 2017Ha esordito il 9 ottobre scorso il programma di attività di informazione e formazione dell’Associazione Alti Formaggi rivolta alle scuole primarie e secondarie di primo grado della Lombardia che si protrarrà sino a gennaio 2018.

L’Associazione Alti Formaggi, che raggruppa i Consorzi di  Tutela  delle  DOP Provolone Valpadana, Taleggio e Salva Cremasco, è attiva da anni nell’ambito della formazione scolastica. Offre programmi articolati di incontri rivolti ai giovani alunni delle scuole con percorsi formativi gratuiti guidati da personale specializzato che, attraverso un approccio ludico ed esperienziale conduce i ragazzi ad essere più consapevoli sul tema dell’alimentazione appropriata.

L’iniziativa, ormai consolidata negli anni, propone due incontri di due ore ciascuno, nelle classi che hanno aderito all’iniziativa, centrati sulle caratteristiche e sui valori dei prodotti di qualità del territorio, sull’educazione a scelte consapevoli e a un corretto stile di vita. I percorsi studiati intendono anche incuriosire i partecipanti ad esplorare i formaggi utilizzando i cinque organi di senso con l’aiuto di un professionista formato e favorire un gioco di squadra che punta sulla focalizzazione dei concetti base dell’alimentazione sana.

“L’Associazione Alti Formaggi – sostiene Vittorio Emanuele Pisani, Direttore del Consorzio Provolone Valpadana Dop – ha due obiettivi primari. Da una parte creare consapevolezza sul valore delle Dop facendone conoscere i valori, dall’altra proporre un programma di educazione alimentare ai più giovani, per favorire lo sviluppo della conoscenza dei prodotti alimentari che possono contribuire al benessere personale”.

Alti Formaggi

Nata nel 2009 da alcuni Consorzi di formaggi lombardi per fare sistema, divulgare meglio sapere e informazioni sui prodotti di qualità, è oggi una Associazione senza fini di lucro alla quale aderiscono al momento i Consorzi di Tutela Provolone Valpadana, Salva Cremasco e Taleggio. Alti Formaggi vuole essere un punto di riferimento su un vasto perimetro, abbracciando tutto quello che può favorire comprensione e consumo di prodotti agroalimentari eccellenti. Le finalità dell’Associazione sono la promozione e la realizzazione di attività idonee allo sviluppo di informazioni ed educazione alimentare dei prodotti associati, così come la promozione e valorizzazione degli stessi, delle Dop e delle Igp.

Press info: Simona Bravi, sbravi@consiliumcom.it – 335 1833449