I fax via Internet

Scritto da paulaespana il . Pubblicato in Affari

Negli ultimi tempi non si è sentito molto parlare degli apparecchi fax tradizionali, e questo perché si è iniziato ad utilizzare con maggior frequenza il servizio che permette di inviare i fax via Internet. In passato il fax era uno strumento presente nella maggior parte delle imprese e rappresentava un mezzo di trasmissione di dati imprescindibile. Oggi, al contrario, i fax tradizionali rappresentano solo un impiccio – tra l’altro costoso – negli uffici. Gli apparecchi fax vengono dunque via via sostituiti da programmi informatici o siti internet dedicati all’invio di fax online: un’alternativa più comoda, economica ed ecologica!

Uno dei vantaggi di questa opzione è che non è necessario perdere tempo a stampare documenti; inoltre si ha la possibilità di inviare qualsiasi tipo di file (Word, Pdf, Jpg, pagine web) direttamente dal proprio computer. La gestione del servizio di fax via mail avviene comodamente dalla propria casella di posta elettronica, con un conseguente risparmio di tempo, di toner, di carta, e soprattutto di linea telefonica. Con il fax via Internet è sempre possibile controllare se abbiamo ricevuto dei messaggi fax, semplicemente accedendo al proprio account da qualsiasi dispositivo che abbia una connessione ad Internet.

Per inviare un e-fax bisogna accedere alla propria casella di posta elettronica, creare un nuovo messaggio, indicare un destinatario ed allegare il documento desiderato. Se invece dobbiamo ricevere dei fax, si deve indicare il proprio numero virtuale al mittente, anche se il fax arriverà all’indirizzo e-mail.

Il web offre molte alternative a chi sceglie il servizio di fax via Internet, alcune gratuite ed altre a pagamento. I siti web dedicati al fax online sono molto accessibili ed intuitivi; in effetti le tappe sono più o meno sempre uguali: scelta del codice del paese verso il quale si invia il fax, indicazione del numero di fax del destinatario, caricamento dei documenti da inoltrare, ed invio. È importante sottolineare che non tutti i siti internet che offrono gratuitamente l’invio di webfax ne permettono anche la ricezione; perciò chi ha bisogno di un servizio professionale dovrebbe piuttosto orientarsi verso servizi più affidabili e siti più conosciuti. Un buon metodo per capire quali siano i siti verso cui orientarsi è utilizzare le parole giuste nei motori di ricerca. Ad esempio, digitando su Google “fax per mail” troverete al primo posto Axiatel.com, cosa che suggerisce affidabilità e professionalità. In sostanza, è auspicabile affidarsi ad un buon servizio ad un prezzo ragionevole, piuttosto che credere alle chimere dei servizi gratuiti.

Centralino Telefonico: e se vi affidaste ad un servizio “pro”?

Scritto da paulaespana il . Pubblicato in Affari, Economia

Centro nevralgico della relazione con i clienti, il centralino è un rompi-capo per molte PMI. Perché non fare allora affidamento ad uno specialista? Ecco uno zoom sulle principali forme di esternalizzazione. 

Andrea è responsabile di un’agenzia immobiliare facente parte di un conosciuto franchising in provincia di Milano. Vista l’atipicità degli orari in cui i suoi collaboratori sono presenti in ufficio – in quanto sovente impegnati in appuntamenti a domicilio – Andrea ha scelto di adottare il sistema del centralino telefonico. Organizzando la distribuzione delle chiamate in entrata, e potendo scegliere di modificare il sistema per trasferire la chiamata ad un telefono cellulare, ora Andrea non si pone più il problema di dover assumere una persona che risponda al telefono e la sua’agenzia non perde più una chiamata.

Esistono sostanzialmente due diversi tipi di offerta relativi al servizio di Centralino Telefonico che si differenzino dai semplici messaggi “prefabbricati” forniti da molti operatori telefonici: il centralino virtuale e la redirezione delle chiamate verso una piattaforma con del personale operante come centralinista.

Nel primo caso, il centralino telefonico virtuale sostituisce totalmente il lavoro di un centralinista. Attraverso l’attivazione di un servizio di centralino virtuale, l’utente può scegliere un messaggio di benvenuto, il quale viene convertito in messaggio sonoro attraverso un processo di sintesi vocale. In sostanza, quando una persona vi chiama sarà accolta da un messaggio vocale da voi scelto, e quindi personalizzato. Dopodiché, si stabilisce una struttura di gestione delle chiamate in entrata, stabilendo la corrispondenza tra un numero ed un interno o dipartimento, in modo che il sistema trasmetta la chiamata ai numeri di telefono attivi, che siano di ufficio o cellulari. È inoltre possibile impostare un filtro per alcuni numeri, in modo che  le chiamate vengano dirottate verso una segreteria telefonica e vengano notificate via mail o SMS. Lo stesso sistema si applica nel momento in cui chi riceve la chiamata non sia disponibile o semplicemente non risponda.

Si tratta di un sistema non molto costoso, infatti si possono trovare online delle offerte a partire da 9.90 euro al mese. Il Centralino virtuale permette alle piccole società di megliorare la qualità della loro accoglienta telefonica, toglie un peso ai collaboratori, permettendo loro di ricevere le chiamate anche fuori ufficio.

Per chi considerasse qesto sistema troppo basico e privo di interazione umana, c’è la possibilità di deviare le chiamate verso un centro di ricezione di chiamate. È sufficiente che

trasferiate la vostra linea a quella attribuita dal prestatario, in modo che quest’ultimo si incarichi di ricevere tutte le vostre chiamate. In questo modo, avrete accesso ad un servizio professionale, anche se più costoso perché il suo prezzo si aggira intorno agli 80 cent a chiamata, oltre al costo dell’abbonamento. Non si può negare, però, che la maggiorazione di prezzo rispetto al servizio di centralino virtuale è giustificata da un servizio di qualità, erogato da professionisti della comunicazione telefonica.

Il miglior criterio per prendere una decisione tra i due sistemi è il budget a vostra disposizione. Nel caso di Andrea, l’esigenza principale era di non perdere più le chiamate di possibili nuovi clienti, ma la disponibilità economica per raggiungere questo obiettivo era limitata. Risultato? Un abbonamento annuale ad un servizio di centralino telefonico virtuale!

Utilizzare la VoIP dal proprio telefono cellulare

Scritto da paulaespana il . Pubblicato in Affari, Economia

Il mercato della telefonia mobile è una delle migliori fonti di reddito per gli operatori telefonici, con delle tariffe di gran lunga superiori a quelle delle linee fisse e con minori spese. Per questo motivo stanno proliferando i MVNO (operatori virtuali di rete mobile). Malgrado tutto, comunque, le tariffe non accennano ad abbassarsi e la telefonia mobile rimane molto costosa; ragion per cui intendiamo proporvi qualche metodo per fare economia utilizzando la telefonia VoIP da vostro telefono cellulare.

 

La prima possibilità riguarda tutti i possessori di smartphone. In effetti, che voi possediate un iPhone, un Android, un Blackberry, un Windows Mobile o un Symbian, ci sono sempre più operatori VoIP che propongono un’applicazione per utilizzare i loro servizi. Se tuttavia il vostro operatore non offre nulla a questo riguardo, potete utilizzare le applicazioni «Client SIP», cioè dei protocolli SIP. Queste applicazioni vanno configurate come un telefono VoIP, indicando l’indirizzo del server del vostro operatore, il vostro nome utente e la password, in modo da poter telefonare dal vostro cellulare passando per il vostro operatore VoIP preferito. Fate attenzione però ai trasferimenti di dati provocati da queste applicazioni. Visto che la VoIP è in sostanza un tipo di telefonia basata su Internet, dovete tenere sotto controllo i vostri dati sensibili. Inoltre, se non avete un accesso a Intentet illimitato, dovete evitare di oltrepassare l’utilizzo autorizzato, cercando quando possibile di sfruttare delle linee Wifi.

 

Il secondo metodo concerne tutti coloro che hanno sottoscritto degli abbonamenti presso degli operatori telefonici. Forse non ne siete a conoscenza, ma alcuni operatori possiedono ciò che chiamiamo comunemente «numeri di accesso locale», coè n numero di telefono non sovratassato che vi permette di pagare meno le telefonate. Nel concreto, chi possiede ad esempio un abbonamento che permette di chiamare gratuitamente i numeri fissi in Italia, potrebbe chiamare i fissi di un altro paese alla tariffa del proprio operatore VoIP. Il principio è semplice: dopo aver registrato il vostro numero di cellulare nell’account del vostro operatore VoIP, chiamate il numero di accesso locale che quest’ultimo vi ha fornito e verrete accolti da una voce che vi chiede di comporre il numero desiderato. Per automatizzare questo processo e velocizzarlo, è sufficiente registrare i numeri esteri che si chiamano spesso nel vostro repertorio inserendo: numero di accesso locale+pausa+numero del destinatario. Per ottenere la pausa, normalmente bisogna tenere premuto il tasto * fino a quando compare la lettera P.

Come dar vita ad un sito web professionale

Scritto da paulaespana il . Pubblicato in Affari, Economia

Molti internauti utilizzano i motori di ricerca per trovare prodotti, servizi e fornitori. Perciò, per rispondere ai bisogni dei clienti, molte imprese decidono di creare una pagina web professionale che permetta di sfruttare i benefici della presenza web, arricchendo al contempo il portafoglio clienti e fornitori.

Molti ritengono che un sito web professionale sia determinato dal numero di animazioni e di effetti grafici presenti sulla pagina, mentre altri considerano di fonadamentale importanza il rispetto degli standard tecnici e di accessibilità. Ciò che è certo è che una pagina web moderna deve saper racchiudere un gran numero di tecnlogie informatiche. La prima cosa da fare è scegliere il software di sviluppo del sito; in seguito si possono aggiungere video, servizi web d un motore di ricerca. Se l’HTML è la base di ogni sito internet, l’aggiunta di CSS (Cascading Style Sheets) combinata all’uso di JavaScript e del DHTML (Dynamic HTML) permette di ottenere un sito internet professionale, efficace  e che risponde agli standard attuali del mondo di Internet. Oltre a ciò, i principali fattori presi in considerazione nel processo di elaborazione di una pagina web sono la semplicità, il prezzo, la mutualizzazione e l’autonomia. Un ulteriore elemento essenziale per un sito internet adatto a professionisti ed imprese è lo sviluppo di un’interfaccia di utilizzo rapida e semplice.

Alcune caratteristiche di un buon design per un sito web specializzato sono:

a. La facilità della navigazione. Una navigazione efficace è importante per qualsiasi sito web. La prima necessità per un sito web specializzato è la semplificazione della ricerca del prodotto cercato dal cliente. In quest’ottica, è raccomandabile utilizzare un menù scorrevole per le sottocategorie di ricerca.

b. Il bilanciamento tra il design del sito e i prodotti. Un design troppo stravagante avrà generalmente conseguenze negative, in quanto attirerà l’attenzione su sé stesso piuttosto che sul prodotto. In genere, dunque, è meglio mantenersi il più neutri possibile a livello di design per concentrarsi sull’evidenziazione del prodotto, il quale deve attrarre l’attenzione del visitatore.

c. La comunicazione della marca. Stabilire un’immagine forte ed identificabile rende i prodotti molto più interessanti agli occhi degli internauti, i quali vengono influenzati significativamente dalla marca nei loro acquisti.

d. La messa in evidenza dei prodotti più popolari. È sempre consigliabile mettere i primo piano i prodotti più conosciuti ed interessanti, in modo da stimolare i visitatori a scoprirne degli altri.

e. La promozione dei prodotti associati. Una delle chiavi del successo è la promozione di prodotti associati che potrebbero eventualmente interessare al visitatore.

f. La scelta di un sistema di filtro efficace di prodotti. È necessario permettere agli internauti di effettuare le loro ricerche con agilità, perciò normalmente il numero di opzioni presenti sul sito web corrisponde al numero di prodotti e soluzioni disponibili.

Infine, ecco 4 motivi per realizzare un sito internet professionale:

  1. Esporre i propri prodotti e servizi. Presentando ciò che si offre nella prospettiva migliore, ed utilizzando categorie facilmente identificabili per gli intenauti, è più semplice attrarre nuovi possibili clienti.
  2. Mettere in evidenza i contatti dell’impresa. Gli internauti che trovano un piano di accesso e gli orari di lavoro in una pagina web sono più motivati a stabilire un contatto ed eventualmente acquistare un prodotto.
  3. Convertire  i visitatori in clienti. Se il sito web professionale si presenta bene, è più facile convincere gli internauti della qualità dei prodotti o servizi proposti.

Altitalia Real Estate rilancia il mercato italiano con V33 nel nuovo centro di Milano

Scritto da Altitalia il . Pubblicato in Affari

Altitalia festeggia il Natale rilanciando il mercato italiano con l’operazione V33 nel nuovo centro di Milano reso famoso dai grattacieli e dalla sua immagine moderna, funzionale, di prestigio: V33 sorge nel perimetro di Porta Nuova Isola Garibaldi e porta in dote soluzioni all’avanguardia con finiture di lusso e originali grazie al progetto degli architetti Claudio Severino e Tiziano Vudafieri e alla lungimiranza di Hobag, società che esprime l’innovazione immobiliare.

Sergio Fracchia Altitalia Real Estate

V33 una sigla che riassume il Valore dell’abitare con servizi di alto livello nel luogo eletto come la nuova Milano di prestigio. Concepito dagli architetti Claudio Saverino e Tiziano Vudafieri, il nuovo ed innovativo progetto immobiliare in Via Volturno 33, è ora una realtà per Altitalia, marchio italiano di Realtymmo immobiliare, grazie all’accordo stretto dal suo fondatore Sergio Fracchia con Peter Reiccheger, Amministratore delegato di Hobag, espressione di investimenti innovativi e di qualità.

V33 Milano, quattordici piani di vero lusso, ognuno dei quali caratterizzato dalla nuova concezione dello spazio domestico basato sul concetto del well-being, situato in uno dei quartieri più caratteristici ed interessanti di Milano. L’area compresa tra piazzale Lagosta, via Bassi, via Pastrengo e la stazione Garibaldi venne soprannominata “Isola” per via della sua situazione topografica che la vedeva separata dal centro della città per la presenza del Naviglio e dei binari ferroviari. Ma oggi l’Isola Garibaldi non è più un isola, ora guarda alla Città della Moda e al centro di Milano.

Gruppo Altitalia Eventi e Comunicazioni

Sergio Fracchia intervistato di recente ha dichiarato che “Si tratta di credere nel rilancio di un mercato che di fatto non si è mai fermato quando ci sono valori e contenuti da proporre”. Sicuramente l’esperienza ultra ventennale di Sergio Fracchia garantirà il successo di questo nuovo progetto dove assumono grande importanza le scelte di tecniche e materiali “naturali” dal basso bilancio energetico e soprattutto privi di rischi dal punto di vista del rilascio nel tempo di polveri o sostanze volatili inquinanti, come la formaldeide o simili. In un’ottica di compatibilità ambientale, l’edifico è dotato di un sistema di pannelli solari che vanno a integrare il sistema di produzione dell’acqua calda, riuscendo così ad abbattere i costi energetici del fabbricato stesso, aumentandone ulteriormente la già notevole efficienza energetica.

Listone Giordano, Château d’Ax, Technogym, EasyDom, ecco alcuni dei nomi che testimoniano ancora di più la qualità di un immobile che coniuga il prestigio con l’innovazione del living, nel cuore del nuovo quadrilatero di Milano.

Inizio di un percorso che vedrà Altitalia protagonista grazie al modello di promozione dell’abitare Realtymmo, frutto dell’esperienza internazionale: il lusso che emoziona ora in Italia come a Montecarlo, Mosca, Parigi.

Altitalia Real Estate_240

Fonte: Altitalia News

Ufficio Stampa
Diamond Digital Marketing LTD
marchesini.angelo@gmail.com
altitalia@diammonddigitalmarketing.co.uk

Flavio Cattaneo: Al via un negoziato tra Terna e TransnetBW (Assoelettrica)

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

In una nota Assoelettrica riferisce dell’avvio del negoziato tra TransnetBW e Terna, guidata da Flavio Cattaneo. E’ la Germania questa volta a chiedere aiuto all’Italia, per problemi di energia elettrica. L’acquisto di capacità di riserva elettrica sarà utile a scongiurare il rischio di blackout nei Lander meridionali nel caso di giornate particolarmente rigide con elevato carico in rete.

Terna, la società guidata da Flavio Cattaneo, infatti, come riferiscono Assoelettrica e i quotidiani La Stampa e il Corriere della Sera, è stata contattata dall’operatore di trasporto elettrico tedesco TransnetBW per l’acquisto di capacità di riserva necessaria a scongiurare il rischio di blackout nei Lander meridionali nel caso di giornate particolarmente rigide con elevato carico in rete.

Questo accade perché la Germania ha un mix di energie pulite fortemente sbilanciate su solare ed eolico, fatto che determina uno squilibrio tra produzione e consumo. Tanto che si stanno costruendo nuovi impianti alimentati a lignite e carbone e anche a gas naturale. Proprio in quest’ultimo settore in Italia nell’ultimo decennio si è investito molto e la potenza presente ora è un patrimonio che può essere utile per molti.

Questo negoziato italo-tedesco, che ovviamente prevede anche l’interessamento della Svizzera in quanto è lì che avviene la connessione tra i due Paesi, è secondo Chicco Testa, presidente di Assoelettrica, “la dimostrazione, se ce n’era bisogno, che lo sviluppo del sistema elettrico richiede una grande dose di attenzione ed di oculatezza. La Germania ha investito enormemente sull’eolico e sul fotovoltaico ed ora si accinge ad uscire dal nucleare”.

FONTE: Terna

Kikus.it – Ogni donna ha diritto alla sua “vibrazione” sessuale

Scritto da kikus il . Pubblicato in Aziende, Beauty & Wellness, Comunicati Stampa, Dal Mondo, Notizie Strane, Nuovo Sito Web

ll vibratore, l’agognato oggetto dei desideri di tantissime donne e non solo, ha una storia lunga più di cento anni.

Questi comparvero in campo medico verso la fine  dell’800 e vennero utilizzati come rimedio scientifico contro l’isteria, patologia all’epoca curata a “suon di orgasmi”. Il vibratore visse un periodo di grande prosperità durante tutto l’800, ma quando ci si rese conto delle caratteristiche sessuali di questo oggetto, queste venne  proibito per poi ritornare in circolazione solo vero la metà del 900.

L’idea stessa di piacere sessuale femminile e che le donne potessero avere lo stesso diritto al piacere sessuale come gli uomini, era all’epoca un’idea sconcertante, ma fortunatamente l’evoluzione culturale della società ha generalmente accettato l’idea che anche alle donne piaccia il sesso e che anch’esse abbiano diritto a soddisfare le loro esigenze sessuali, diritto che è stato per secoli ad esclusivo uso e consumo degli uomini.

Complice l’avvento di internet, nell’ultimo decennio i vibratori sono entrati nella vita sessuale di milioni di persone e vivono una grande diffusione fra generazioni di donne di età più diverse, le quali sono giustamente allettate dal poter raggiungere l’orgasmo con il semplice tocco di un dito. Nonostante la loro grandissima diffusione i vibratori ed i giochi erotici in generale restano ancora un tabù, tanto che in diversi stati degli Stati Uniti d’America vige ancora un forte proibizionismo per ciò che concerne la vendita di questi oggetti dalle caratteristiche affascinanti. Basti pensare che in Stati quali:  Texas, Georgia, Alabama, Mississippi, Indiana, Virginia, Lousiana, Massachusetts ecc.. , la vendita di articoli per la stimolazione sessuale è fortemente proibità al punto da essere considerata un reato.

LA CRISI E L’INGEGNO: IN ITALIA LA DISOCCUPAZIONE SI COMBATTE CON SFINZ

Scritto da sfinz il . Pubblicato in Affari, Aziende, Beauty & Wellness, Casa e Giardino, Comunicati Stampa, Cultura, Economia, Industria, Informatica, Internet, Istruzione, Lifestyle, Locale, Mercati, Nuovo Sito Web, Tecnologia

Dopo il successo di iscritti e di lavori conclusi a Roma, SFINZ.com apre le porte ai cittadini di Milano e a breve in altre grandi città italiane. Dai 7.500 iscritti attuali è prevista una crescita a doppie cifre per il 2013.

ROMA, 19 Dicembre 2012 – Crisi, disoccupazione e recessione: una congiuntura negativa che però non lascia tutti gli italiani con le mani in mano. Negli ultimi tempi, infatti, numerose sono le iniziative web per la ricerca di lavoro come il caso di successo di SFINZ.com.

SFINZ.com è un‘innovativa piattaforma tutta italiana per la ricerca e l’offerta di servizi, con la quale è possibile interagire tra persone e società e mettere il proprio know-how – anche non specializzato – a servizio di chi ne ha bisogno, il tutto in modo facile, trasparente e sicuro.

Nata per la città di Roma solo pochi mesi fa, a seguito del grande successo ottenuto con oltre 7.000 utenti iscritti e alcune centinaia di collaborazioni concluse, da oggi anche la città di Milano entrerà a far parte della comunità SFINZ.com. Infatti, SFINZ.com è pronto per “aggredire” una nuova grande realtà metropolitana come Milano, le più sensibili alle problematiche di mancanza di tempo e le più bisognose di un supporto al tessuto sociale di collaborazione e solidarietà tra le persone per risolvere piccole esigenze e impegni quotidiani.

La comunità di SFINZ.com è composta da uomini e donne di tutte le età: la domanda e l’offerta di servizi sono eterogenee e trovano su SFINZ.com un sicuro punto d’incontro: potatura di piante, piccoli lavori edili o casalinghi, traduzioni, ripetizioni, servizi fotografici, dog-sitting, artigianato e tanto altro.

«E’ evidente come SFINZ.com, in un contesto lavorativo-economico particolare come questo, rappresenti uno strumento di utilità sociale, un punto di incontro tra domanda e offerta di lavoro generica e specializzata – ha dichiarato Maurizio Martinoli, co-founder di SFINZ-. Inoltre, è stato sviluppato come un sistema premiante e meritocratico, in tutta sicurezza per chi riceverà il lavoro. La nostra speranza è che questa iniziativa possa essere di supporto in questo periodo di crisi e che stimoli un senso di ottimismo e fiducia da cui ripartire».

SFINZ.COM – COME FUNZIONA

SFINZ.com  è una piattaforma di servizi che aiuta le persone a realizzare attività di ogni tipo mettendole in comunicazione tra loro. Un utente che inserisce un annuncio chiedendo aiuto per svolgere qualunque tipo di servizio, riceverà offerte economiche da più persone – SFINZER –  che offrono il proprio supporto. L’utente potrà quindi scegliere la migliore offerta anche in base alla reputazione dello SFINZER grazie alla consultazione dei feedback a lui associati.

CONTATTI:

www.sfinz.com

info@sfinz.com

ufficiostampa@sfinz.com

www.facebook.com/sfinz

www.twitter.com/sfinz_com

Nuova home page Poste.it. Più semplice la navigazione con tablet e smartphone

Scritto da PosteItaliane il . Pubblicato in Economia

Il sito di Poste Italiane si rinnova per offrire agli utenti un’interfaccia semplice e intuitiva che si adatta ai diversi dispositivi di ultima generazione, come tablet e smartphone e favorisce l’accesso più semplice e veloce alle informazioni e ai servizi anche in mobilità. La homepage diventa un hub interattivo unificato per accedere ai siti dedicati ai privati, ai professionisti, alle imprese e alla PA e per usufruire di numerosi servizi online.

Poste Italiane, nuova home page per il sito Poste.it

Il sito di Poste Italiane www.poste.it si rinnova. La nuova home page nasce con l’idea di offrire agli utenti un’interfaccia semplice e intuitiva che, in linea con le tendenze derivate dall’impiego di tablet e smartphone, si adatta ai diversi dispositivi di ultima generazione e favorisce l’accesso più semplice e veloce alle informazioni e ai servizi anche in mobilità.

La nuova home page diventa un hub interattivo in grado di offrire agli utenti la possibilità di individuare con immediatezza i contenuti e gli strumenti di cui hanno bisogno. Ogni target (Privati, professionisti e PMI, Aziende top e Pubblica Amministrazione) ha ora a disposizione un sito dedicato, studiato per rispondere alle sue specifiche esigenze di operatività e di consultazione. Una barra di navigazione comune e trasversale consente lo spostamento tra i siti target in modo semplice e intuitivo.

La home page principale di poste.it resta dedicata al target “Privati”, ma acquisisce una nuova modalità di interazione: attraverso un sistema di scroll innovativo e stimolante è possibile accedere alle informazioni sull’ampia offerta di servizi. Seguendo percorsi di navigazione basati sulle esigenze, oppure sulle diverse famiglie di prodotto (online, postali, finanziari, assicurativi, telefonici, filatelici e altri servizi).

In grande evidenza anche i servizi online del sito, sfogliabili già dalla home e facilmente riconoscibili attraverso icone in stile smartphone. Tra le novità la possibilità di fissare un appuntamento in ufficio postale dal sito e l’acquisto di numerosi servizi direttamente via web.

Il nuovo design offre, inoltre, uno spazio più ampio agli strumenti di contatto e interazione, sia in funzione delle esigenze di assistenza, sia attraverso i canali social (Facebook, Youtube, Twitter e Pinterest).

Ridisegnati anche i nuovi siti verticali dedicati alla clientela business e ai servizi per la Pubblica Amministrazione con l’intento di rendere più semplice la consultazione delle proposizioni commerciali, profilate in base ad aree specifiche di business e attività. In evidenza le offerte e le soluzioni per l’e-commerce, la gestione di pagamenti e incassi, la pianificazione delle comunicazioni, l’organizzazione delle proprie spedizioni. Tutto quello che serve per far crescere il proprio business o, nel caso delle pubbliche amministrazioni, per facilitare la relazione con i cittadini.

logoPosteItaliane_380
FONTE: Poste Italiane

20 MW di energia verde in rete dal parco eolico Villa Castelli: pronta la nuova stazione elettrica di Terna, guidata da Flavio Cattaneo

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

A Villa Castelli è entrata in funzione la nuova stazione elettrica lungo l’elettrodotto Brindisi-Taranto, che sarà in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Un investimento da 7 milioni di euro per Terna, guidata da Flavio Cattaneo, che con questa infrastruttura offrirà una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete.

Vai col vento. E’ entrata in funzione a Villa Castelli, nel brindisino una nuova stazione elettrica in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Come riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia, Terna, guidata da Flavio Cattaneo, ha investito nella nuova infrastruttura circa 7 milioni di euro, per un totale di circa 15 mesi di lavori che hanno interessato il coinvolgimento di 18 imprese locali. Si trova lungo l’elettrodotto “Brindisi-Taranto Nord” e collega alla rete l’energia rinnovabile generata dalle 10 torri eoliche dell’impianto Villa Castelli Wind.

Con questa nuova stazione Terna è in grado di offrire, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete, una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale. Infine con la sua entrata a regime contribuirà ad alimentare le utenze civili e industriali presenti tra le province di Brindisi e Taranto. Dal punto di vista ambientale, va ricordato che la scelta del sito per la costruzione della stazione elettrica ha tenuto conto non solo delle favorevoli condizioni di ventosità dell’area, ma anche della lontananza dai centri abitati. Favorendo così un impatto visivo ed ambientale ridotto ai minimi termini per tutti gli edifici circostanti.

FONTE:Terna