Kikus.it – Ogni donna ha diritto alla sua “vibrazione” sessuale

Scritto da kikus il . Pubblicato in Aziende, Beauty & Wellness, Comunicati Stampa, Dal Mondo, Notizie Strane, Nuovo Sito Web

ll vibratore, l’agognato oggetto dei desideri di tantissime donne e non solo, ha una storia lunga più di cento anni.

Questi comparvero in campo medico verso la fine  dell’800 e vennero utilizzati come rimedio scientifico contro l’isteria, patologia all’epoca curata a “suon di orgasmi”. Il vibratore visse un periodo di grande prosperità durante tutto l’800, ma quando ci si rese conto delle caratteristiche sessuali di questo oggetto, queste venne  proibito per poi ritornare in circolazione solo vero la metà del 900.

L’idea stessa di piacere sessuale femminile e che le donne potessero avere lo stesso diritto al piacere sessuale come gli uomini, era all’epoca un’idea sconcertante, ma fortunatamente l’evoluzione culturale della società ha generalmente accettato l’idea che anche alle donne piaccia il sesso e che anch’esse abbiano diritto a soddisfare le loro esigenze sessuali, diritto che è stato per secoli ad esclusivo uso e consumo degli uomini.

Complice l’avvento di internet, nell’ultimo decennio i vibratori sono entrati nella vita sessuale di milioni di persone e vivono una grande diffusione fra generazioni di donne di età più diverse, le quali sono giustamente allettate dal poter raggiungere l’orgasmo con il semplice tocco di un dito. Nonostante la loro grandissima diffusione i vibratori ed i giochi erotici in generale restano ancora un tabù, tanto che in diversi stati degli Stati Uniti d’America vige ancora un forte proibizionismo per ciò che concerne la vendita di questi oggetti dalle caratteristiche affascinanti. Basti pensare che in Stati quali:  Texas, Georgia, Alabama, Mississippi, Indiana, Virginia, Lousiana, Massachusetts ecc.. , la vendita di articoli per la stimolazione sessuale è fortemente proibità al punto da essere considerata un reato.

LA CRISI E L’INGEGNO: IN ITALIA LA DISOCCUPAZIONE SI COMBATTE CON SFINZ

Scritto da sfinz il . Pubblicato in Affari, Aziende, Beauty & Wellness, Casa e Giardino, Comunicati Stampa, Cultura, Economia, Industria, Informatica, Internet, Istruzione, Lifestyle, Locale, Mercati, Nuovo Sito Web, Tecnologia

Dopo il successo di iscritti e di lavori conclusi a Roma, SFINZ.com apre le porte ai cittadini di Milano e a breve in altre grandi città italiane. Dai 7.500 iscritti attuali è prevista una crescita a doppie cifre per il 2013.

ROMA, 19 Dicembre 2012 – Crisi, disoccupazione e recessione: una congiuntura negativa che però non lascia tutti gli italiani con le mani in mano. Negli ultimi tempi, infatti, numerose sono le iniziative web per la ricerca di lavoro come il caso di successo di SFINZ.com.

SFINZ.com è un‘innovativa piattaforma tutta italiana per la ricerca e l’offerta di servizi, con la quale è possibile interagire tra persone e società e mettere il proprio know-how – anche non specializzato – a servizio di chi ne ha bisogno, il tutto in modo facile, trasparente e sicuro.

Nata per la città di Roma solo pochi mesi fa, a seguito del grande successo ottenuto con oltre 7.000 utenti iscritti e alcune centinaia di collaborazioni concluse, da oggi anche la città di Milano entrerà a far parte della comunità SFINZ.com. Infatti, SFINZ.com è pronto per “aggredire” una nuova grande realtà metropolitana come Milano, le più sensibili alle problematiche di mancanza di tempo e le più bisognose di un supporto al tessuto sociale di collaborazione e solidarietà tra le persone per risolvere piccole esigenze e impegni quotidiani.

La comunità di SFINZ.com è composta da uomini e donne di tutte le età: la domanda e l’offerta di servizi sono eterogenee e trovano su SFINZ.com un sicuro punto d’incontro: potatura di piante, piccoli lavori edili o casalinghi, traduzioni, ripetizioni, servizi fotografici, dog-sitting, artigianato e tanto altro.

«E’ evidente come SFINZ.com, in un contesto lavorativo-economico particolare come questo, rappresenti uno strumento di utilità sociale, un punto di incontro tra domanda e offerta di lavoro generica e specializzata – ha dichiarato Maurizio Martinoli, co-founder di SFINZ-. Inoltre, è stato sviluppato come un sistema premiante e meritocratico, in tutta sicurezza per chi riceverà il lavoro. La nostra speranza è che questa iniziativa possa essere di supporto in questo periodo di crisi e che stimoli un senso di ottimismo e fiducia da cui ripartire».

SFINZ.COM – COME FUNZIONA

SFINZ.com  è una piattaforma di servizi che aiuta le persone a realizzare attività di ogni tipo mettendole in comunicazione tra loro. Un utente che inserisce un annuncio chiedendo aiuto per svolgere qualunque tipo di servizio, riceverà offerte economiche da più persone – SFINZER –  che offrono il proprio supporto. L’utente potrà quindi scegliere la migliore offerta anche in base alla reputazione dello SFINZER grazie alla consultazione dei feedback a lui associati.

CONTATTI:

www.sfinz.com

info@sfinz.com

ufficiostampa@sfinz.com

www.facebook.com/sfinz

www.twitter.com/sfinz_com

Nuova home page Poste.it. Più semplice la navigazione con tablet e smartphone

Scritto da PosteItaliane il . Pubblicato in Economia

Il sito di Poste Italiane si rinnova per offrire agli utenti un’interfaccia semplice e intuitiva che si adatta ai diversi dispositivi di ultima generazione, come tablet e smartphone e favorisce l’accesso più semplice e veloce alle informazioni e ai servizi anche in mobilità. La homepage diventa un hub interattivo unificato per accedere ai siti dedicati ai privati, ai professionisti, alle imprese e alla PA e per usufruire di numerosi servizi online.

Poste Italiane, nuova home page per il sito Poste.it

Il sito di Poste Italiane www.poste.it si rinnova. La nuova home page nasce con l’idea di offrire agli utenti un’interfaccia semplice e intuitiva che, in linea con le tendenze derivate dall’impiego di tablet e smartphone, si adatta ai diversi dispositivi di ultima generazione e favorisce l’accesso più semplice e veloce alle informazioni e ai servizi anche in mobilità.

La nuova home page diventa un hub interattivo in grado di offrire agli utenti la possibilità di individuare con immediatezza i contenuti e gli strumenti di cui hanno bisogno. Ogni target (Privati, professionisti e PMI, Aziende top e Pubblica Amministrazione) ha ora a disposizione un sito dedicato, studiato per rispondere alle sue specifiche esigenze di operatività e di consultazione. Una barra di navigazione comune e trasversale consente lo spostamento tra i siti target in modo semplice e intuitivo.

La home page principale di poste.it resta dedicata al target “Privati”, ma acquisisce una nuova modalità di interazione: attraverso un sistema di scroll innovativo e stimolante è possibile accedere alle informazioni sull’ampia offerta di servizi. Seguendo percorsi di navigazione basati sulle esigenze, oppure sulle diverse famiglie di prodotto (online, postali, finanziari, assicurativi, telefonici, filatelici e altri servizi).

In grande evidenza anche i servizi online del sito, sfogliabili già dalla home e facilmente riconoscibili attraverso icone in stile smartphone. Tra le novità la possibilità di fissare un appuntamento in ufficio postale dal sito e l’acquisto di numerosi servizi direttamente via web.

Il nuovo design offre, inoltre, uno spazio più ampio agli strumenti di contatto e interazione, sia in funzione delle esigenze di assistenza, sia attraverso i canali social (Facebook, Youtube, Twitter e Pinterest).

Ridisegnati anche i nuovi siti verticali dedicati alla clientela business e ai servizi per la Pubblica Amministrazione con l’intento di rendere più semplice la consultazione delle proposizioni commerciali, profilate in base ad aree specifiche di business e attività. In evidenza le offerte e le soluzioni per l’e-commerce, la gestione di pagamenti e incassi, la pianificazione delle comunicazioni, l’organizzazione delle proprie spedizioni. Tutto quello che serve per far crescere il proprio business o, nel caso delle pubbliche amministrazioni, per facilitare la relazione con i cittadini.

logoPosteItaliane_380
FONTE: Poste Italiane

20 MW di energia verde in rete dal parco eolico Villa Castelli: pronta la nuova stazione elettrica di Terna, guidata da Flavio Cattaneo

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

A Villa Castelli è entrata in funzione la nuova stazione elettrica lungo l’elettrodotto Brindisi-Taranto, che sarà in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Un investimento da 7 milioni di euro per Terna, guidata da Flavio Cattaneo, che con questa infrastruttura offrirà una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete.

Vai col vento. E’ entrata in funzione a Villa Castelli, nel brindisino una nuova stazione elettrica in grado di raccogliere e immettere nella rete di trasmissione nazionale 20 MegaWatt di energia “verde” prodotta dall’omonimo parco eolico. Come riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia, Terna, guidata da Flavio Cattaneo, ha investito nella nuova infrastruttura circa 7 milioni di euro, per un totale di circa 15 mesi di lavori che hanno interessato il coinvolgimento di 18 imprese locali. Si trova lungo l’elettrodotto “Brindisi-Taranto Nord” e collega alla rete l’energia rinnovabile generata dalle 10 torri eoliche dell’impianto Villa Castelli Wind.

Con questa nuova stazione Terna è in grado di offrire, oltre a favorire ovviamente il transito di energia pulita in rete, una maggior sicurezza e affidabilità al sistema elettrico locale. Infine con la sua entrata a regime contribuirà ad alimentare le utenze civili e industriali presenti tra le province di Brindisi e Taranto. Dal punto di vista ambientale, va ricordato che la scelta del sito per la costruzione della stazione elettrica ha tenuto conto non solo delle favorevoli condizioni di ventosità dell’area, ma anche della lontananza dai centri abitati. Favorendo così un impatto visivo ed ambientale ridotto ai minimi termini per tutti gli edifici circostanti.

FONTE:Terna

Classifica 2012 IDC: Infracom è al primo posto della Classifica

Scritto da IQandPartners il . Pubblicato in Economia

Infracom Italia, società che opera sul mercato nazionale dei servizi di telecomunicazione e data center, è al primo posto della Classifica IDC 2012 tra le Società Diversificate per risultati software e servizi IT in Italia. La classifica 2012 delle principali società specializzate nel software e nei servizi IT è stata elaborata da IDC Italia con l’obiettivo di evidenziare i principali attori operanti sul mercato italiano.

1° INFRACOM ITALIA SPA

Infracom Italia opera dal 1999 sul mercato nazionale dei servizi di telecomunicazione e data center. L’headquarter è a Verona ed è presente, con oltre 500 professionisti, in 14 città italiane, con centri di competenza a Milano, Firenze e Roma e un centro di ricerca e sviluppo a Imola. La rete proprietaria con copertura nazionale di oltre 9mila km di cavo ottico, 4 data center per un totale di seimila e 500 metri quadrati interconnessi in alta capacità e affidabilità, la Infracom Telehouse, la più grande telehouse italiana con accesso privilegiato al MIX, il peering point italiano e la chiave per accedere al backbone internazionale, fanno di Infracom Italia un interlocutore unico in grado di proporre soluzioni su misura con standard di qualità elevati e misurabili.

Data Center

Infracom Italia offre un’ampia gamma di servizi, coniugando know-how, asset e capacità di innovare con soluzioni, che vanno dagli aspetti infrastrutturali ai servizi gestiti di rete e di data center, dalle soluzioni di telecomunicazioni integrate voce e dati alle soluzioni di outsourcing per i sistemi e le architetture informatiche delle aziende, dalle soluzioni di multimedia content delivery alle soluzioni di cloud privato e di cloud pubblico, fino al full ICT outsourcing.

FONTE:Datamanager

Cattaneo Flavio: Per Terna, solida crescita organica

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

Terna, guidata da Flavio Cattaneo, entra nelle selected list di Cheuvreux. La società ha appena subìto la revisione della regolamentazione e gode di piena visibilità fino al 2015, è quindi pronta ad accogliere una solida crescita organica nei prossimi anni guidata dagli investimenti. Gli analisti hanno alzato il target price da 3,3 a 3,4 euro per azione in quanto credono sia una delle scommesse più sicure in Italia e nel settore.

Terna, guidata da Flavio Cattaneo, entra nella selected list di Cheuvreux (da outperform) e il titolo festeggia a Piazza Affari con un rialzo del 2,11% a 2,91 euro. Gli analisti hanno anche alzato il target price da 3,3 a 3,4 euro per azione in quanto credono sia una delle scommesse più sicure in Italia e nel settore.

Terna ha appena subìto la revisione della regolamentazione e gode di piena visibilità fino al 2015 e di un basso costo del debito. La società è quindi pronta ad accogliere una solida crescita organica nei prossimi anni (tasso di crescita composto annuo della rab, ovvero della remunerazione del capitale investito netto ai fini regolatori, del 7% fino al 2015) guidata dagli investimenti. Questa, accompagnata da un accattivante dividend yield, offre un buon rendimento per gli azionisti.

Il dividend yield del 6,7%, infatti, è interessante soprattutto rispetto al rendimento dei bond. Non solo, Terna ha un basso costo del capitale, con un costo del debito inferiore al 3% quest’anno e al 3,5% circa per tutto il periodo coperto dal business plan e non si rifinanzierà fino al 2015.

Il rapporto debito/rab è destinato a rimanere sotto il 60% per l’intero periodo del business plan. Sulla base della politica dei dividendi, che gli analisti considerano solida (pay-out ratio pari all’85-90%), Terna offre un rendimento del 6,6%, che è molto attraente all’interno del settore delle utility.

Il titolo non ha catalizzatori di breve termine, ma Cheuvreux pensa che il nuovo piano energetico italiano e lo sviluppo delle attività di stoccaggio (fino a 1 miliardo di euro di investimenti non ancora inclusi nelle stime del broker) potrebbero aumentare il piano di investimenti della società.

Secondo gli esperti, il rischio principale è l’estensione della Robin Hood tax (che dovrebbe scendere dal 10,5% al 6,5%) dopo il 2013 (rischio di ribasso del 5%/6% per le stime di eps in questo caso). Le azioni stanno trattando sostanzialmente in linea con le stime rab 2013, mentre per Cheuvreux Terna meriterebbe un premio superiore al 10%.

FONTE: Milano Finanza

Cattaneo Flavio: Puglia, Terna nuova tecnologia presto su larga scala

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

Terna, guidata da Flavio Cattaneo, ha terminato un intervento sperimentale sull’elettrodotto “Troia-Lucera” per sostituire i vecchi conduttori con una tipologia più moderna, che renderà la linea ad alta tensione più sicura ed efficiente per le esigenze del sistema elettrico locale. Presto l’utilizzo di questa nuova tipologia di conduttori su larga scala.

Terna, Flavio Cattaneo.
A Foggia la rete elettrica del futuro è già il presente. Sull’elettrodotto a 150 kV “Troia-Lucera”, infatti, Terna ha da poco terminato un intervento sperimentale per sostituire i vecchi conduttori con una tipologia più moderna, che renderà la linea ad alta tensione più sicura ed efficiente per le esigenze del sistema elettrico locale.

La sperimentazione, la prima in Italia su un elettrodotto della rete di trasmissione nazionale, ha interessato 35 sostegni lungo i 12,4 km di linea che si snoda tra Troia e Lucera, risalente agli anni settanta del secolo scorso.

I lavori, durati una decina di giorni, hanno permesso ai tecnici delle due ditte coinvolte, la Cantamessa e la Roda, di sostituire i cavi originari con nuovi conduttori ad elevate prestazioni e con performance migliori, tali da garantire maggior affidabilità al servizio elettrico della zona. Si tratta di conduttori in alluminio con portante in acciaio ad altissima resistenza, in gergo tecnico cosiddetti Acss.

Tutto questo a vantaggio di un risparmio economico sostanziale: in caso di ammodernamento di nuovi elettrodotti, infatti, questi particolari conduttori consentiranno di ridurre i costi dei materiali rispetto a quelli sostenuti attualmente in casi analoghi. L’intervento è costato circa 800 mila euro e, visti i risultati, presto permetterà l’utilizzo di questa nuova tipologia di conduttori su larga scala.

FONTE: Terna

Simeon Gala Niaf: 37° edizione, sempre più forte il legame Italia-USA

Scritto da Phinet il . Pubblicato in Economia

Washington, alla 37° edizione del Galà NIAF il riconoscimento “International Media Relation” è stato conferito a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della RAI. Il NIAF è l’annuale convention italoamericana organizzata dalla National Italian American Foundation per consegnare i riconoscimenti a preminenti italiani e americani di origine italiana per meriti speciali. Secondo il Ministro degli Esteri Giulio Terzi questi riconoscimenti sono l’esempio dei forti rapporti che legano l’Italia agli Stati Uniti.

Si sono spenti i riflettori sulla annuale convention italoamericana organizzata dalla National Italian American Foundation all’hotel Hilton della capitale dove si è svolto il gala della 37esima edizione che sarà ricordata come quella colpita in pieno dalla crisi economica globale che ha prodotto la vistosa assenza di circa un migliaio dei consueti tre mila partecipanti.

Sul palco della International Ballroom c’erano, tra gli altri, il ministro degli Esteri Giulio Terzi, l’ambasciatore a Washington Claudio Bisogniero, il giudice della Corte Suprema Samuel Alito, l’on. Amato Berardi, l’ex numero uno dell’Fbi Louis Freeh, Letizia Moratti presidente della San Patrignano Foundation, il presidente della Niaf Joseph Del Raso, il segretario della Niaf John Calvelli e Marco Simeon della Rai.

Al podio, in veste di maestro di cerimonie, il campione di baseball Mike Piazza che ha consegnato i consueti riconoscimenti che la Niaf assegna a preminenti italiani e americani di origine italiana per meriti speciali.
Quest’anno i premi sono andati a Geno Auriemma, allenatore della Nazionale statunitense di basketball medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra (Special Achievement Award in Sport); Mark Del Rosso, Ceo di Audi of America (Special Achievement Award in Business); Giovanni Ferrero, Ceo del Ferrero Group (Special Achievement Award in International Business). Il premio è stato ritirato dall’ambasciatore Paolo Fulci a nome dalla famiglia Ferrero.

Altri premi sono stati consegnati a Ralph Izzo, Ceo e presidente del Public Service Enterprise Group (Special Achievement Award in Science and Technology) e Letizia Moratti, presidente della fondazione Friends of San Patrignano (Special Achievement Award in Philantropy). Un riconoscimento speciale per contributi accademici è andato alla Accademia dei Lincei nella persona del presidente Lamberto Maffei e un altro per “International Media Relation” è andato a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della RAI e Responsabile della struttura RAI Vaticano.

Quest’anno la “Region of Honor” al gala avrebbe dovuto essere la Calabria rappresentata dal presidente Giuseppe Scopelliti che però all’ultimo momento ha dato forfait. Così la Regione si è trovata a dovere versare nelle casse della Niaf una cifra per ricevere in cambio solo una telegrafica menzione durante la serata e un diffuso chiacchiericcio sulle solite brutte figure.
All’indomani del gala fra la gente che lasciava l’Hilton erano in molti a chiedersi se la vistosa mancanza di partecipanti la sera prima sia da attribuire alla crisi, oppure se piuttosto sia un segnale della crisi di identità, la mancanza insomma di una strategia precisa della Niaf nell’affrontare il futuro.

La domanda ricorrente è stata: finito il tempo delle rimembranze di un passato glorioso e dopo essersi assopita sugli allori, possibile che la Fondazione non riesca ad individuare la via giusta per affrontare il futuro di questa grande organizzazione che dovrebbe rappresentare oltre 20 milioni di italiani d’America, in un momento in cui è palese il diffuso disinteresse delle giovani generazioni.
Il ministro degli Esteri Giulio Terzi, in rappresentanza del governo, ha detto che gli italiani e italoamericani che hanno ricevuto riconoscimenti dalla Niaf sono l’esempio dei forti rapporti che legano l’Italia agli Stati Uniti. “Questo legame – ha sottolineato Terzi – si rafforza ogni anno sempre più e ci aiuta a superare la peggiore crisi finanziaria. Il governo italiano non ha perso tempo nell’attuare riforme strutturali per alleviare il debito pubblico, rendere più liberi i mercati e favorire la crescita. L’Italia ha rinnovato la sua leadership nel grande progetto dell’integrazione europea. La confidenza sul ruolo dell’Italia in Europa si traduce in una maggiore considerazione del ruolo dell’Italia nella partnership transatlantica”. Entrando nel merito dei rapporti tra i due Paesi il capo della Farnesina ha aggiunto che “l’America adesso può guardare all’Italia non solo come il miglior Paese alleato, ma anche come un amico molto influente in Europa”. Il ministro è quindi passato a parlare dell’argomento di attualità negli Stati Uniti: la promozione della lingua e cultura italiana. “Quando ho saputo di essere stato invitato dalla Niaf a rappresentare il governo, mi sono sentito particolarmente felice perché deve avere a che fare con il mio impegno nella promozione della lingua e cultura italiana negli Stati Uniti. In questa impresa, naturalmente, non sono solo. Lasciatemi ringraziare i tanti amici presenti, le tante organizzazioni e la Niaf in particolare che ha sostenuto meravigliosamente questo impegno”.

Il 2013 sarà l’anno dedicato alla cultura italiana negli Stati Uniti e a tale proposito il ministro ha detto che durante il suo incontro con Hillary Clinton di venerdì scorso, il segretario di Stato ha detto che la cultura italiana non viene celebrata solo l’anno prossimo, perché ogni anno è l’anno della cultura italiana in America.

Il ministro Terzi ha anticipato che si tratterà di un programma grandioso con eventi che comprenderanno arti, letteratura e scienze. “Pensate alla cultura italiana come un meraviglioso, maestoso albero. Le sue radici affondano nel terreno fertile dell’Illuminismo che ha influenzato anche i padri fondatori dell’America. E’ nutrito dalle antiche tradizioni della nostra penisola, è ispirato dagli ideali del Rinascimento, dal coraggio e dalla visione di uomini come Garibaldi e Mazzini”. Non poteva mancare un accenno alla crisi economica globale ed in particolare alla situazione nel Bel Paese. “In qualità di cittadino italiano e come ministro degli Esteri, spero vivamente di poterci lasciare alle spalle l’attuale crisi economica che ha colpito pesantemente molte persone. Non ci sono dubbi nella mia mente che attraverso sagge decisioni, spirito di sacrificio e duro lavoro, possiamo farcela”.

FONTE: America Oggi

Pier Domenico Garrone, l’Italia politica nell’era di internet

Scritto da Phinet il . Pubblicato in Economia

Nell’Italia politica il Partito vincente è quello che accoglie consensi e che si confronta sul web. Un’innovazione a favore della democrazia, senza le intermediazioni dei media analogici. La reputazione trova credibilità nel web ed in internet il luogo della verità. Il punto di Pier Domenico Garrone, co-fondatore del think-tank blog Il Comunicatore Italiano.

Pier Domenico Garrone - Reputazione Web Politica

Pier Domenico Garrone – Il Comunicatore Italiano

Beppe Grillo vince perché incardina il Partito della Reputazione e perché rappresenta la prima organizzazione di Partito ad accesso e gestione popolare con la Rete internet. 2 ragioni semplici, efficaci che fanno piazza pulita delle intermediazioni costose e non più sopportate dai Cittadini presenti nell’organizzazione dei Partiti tradizionali.
Non sono comparabili queste 2 esperienze ed è un “fazioso” errore chi li confronta.

IlComunicatoreItaliano_240
I Partiti tradizionali in un confronto sul ” modello di rappresentanza dei Cittadini” sono percepiti come la moneta “lira/£” quando è in vigore la moneta “Euro/€”. Come tutte le innovazioni si consolidano gli effetti solo con i risultati concreti prodotti e 4 elezioni regionali prima del voto per l’elezione del nuovo Parlamento possono costituire una grande opportunità o una insuperabile difficoltà.

Il 24 ottobre 2010 al teatro Smeraldo di Milano Beppe Grillo aveva spiegato che la Reputazione credibile trova in internet il luogo della verità. La Web Reputation applicata alla Politica in Italia sostituisce i sondaggi, storicizzati al 1994 con l’ingresso di Silvio Berlusconi.

I sondaggi rappresentano la fotografia di un’opinione, la web reputation il film in 3D. Preso sottogamba dal tradizionale sistema dei Partiti e proseguendo senza distrazione, oggi, Beppe Grillo appare vincente per il metodo di concreto innovatore, tanto evidente quanto trasparente.

Beppe Grillo è tecnicamente corretto quando “dispone” il divieto per gli eletti del Partito Movimento 5 Stelle perché chi cerca ed aderisce al Partito Movimento 5 Stelle cerca un “unicum” differente nei comportamenti a tutti i livelli che si fonda sul rapporto diretto e non mediato con i Cittadini. Internet è il “socio di riferimento” perché ha evitato al Partito Movimento 5 Stelle di dover trovare compromessi con i media analogici e di proprietà di interessi economici già rappresentati in Parlamento e al Governo.

Se abbia ragione o no diventa una valutazione politico-sociale soggettiva tra chi aderisce e chi non aderisce al Partito Movimento 5 Stelle dove le regole sono quelle. Soprattutto Beppe Grillo è molto attento a non essere un “taxi”. Tutto ciò non significa condividerlo ma per chi aderisce al Partito Movimento 5 Stelle significa accettarlo.

Perché Il voto della Sicilia è la svolta e vale doppio? Perché è avvenuto dopo quello di Parma e il risultato, realizzato in una Regione a bassissima penetrazione di banda larga, ha reso il voto al Partito Movimento 5 Stelle un consolidato voto utile proiettabile nelle elezioni regionali di Lazio, Lombardia, Molise e quindi nella sfida finale al Parlamento.

Nella classifica dell’Unione Europea, per l’Italia, nessuna ragione è purtroppo “innovation leader”. Sette appartengono al gruppo degli “innovation followers” (Piemonte, Lombardia, Provincia Autonoma di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Lazio), 12 a quello dei “moderate innovators” (Valle d’Aosta, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia, Sardegna) e 2, Calabria e Molise, sono fanalino di coda in quanto fanno parte dei “modest innovator”.

Lo sviluppo della democrazia del consenso è direttamente proporzionale alla presenza dell’infrastruttura banda larga e per l’ONU l’Inghilterra è al 9° posto della classifica, l’Italia è in caduta libera al 29° posto su 155.
Il World Economic Forum (Wef), Global Information Technology Report, rileva inoltre che va sempre peggio per l’Italia, nella classifica che analizza 138 Paesi mondiali. Quest’anno il “Belpaese” si piazza 51esimo, dalla posizione 38 del 2006. L’Italia dietro a paesi come India, Tunisia, Malesia. Abbiamo perso tre posizioni solo nell’ultimo anno. Il podio dell’innovazione spetta invece a Svezia, Singapore e Danimarca. Al quinto posto gli Stati Uniti, I Cittadini d’Italia sono “armati” con oltre 2,5 milioni di tablet ed oltre 8,5 milioni di smartphone ed ogni giorno anche col computer visitano in oltre 21 milioni Facebook, producono informazione multimediale e documentale.

I Cittadini hanno ridotto il rapporto con la carta stampata perché lenti, faziosi e specchio di una Politica in sofferenza di credibilità.
La Politica troppe volte è stata scoperta “a dire” solo le cose che era interessata a far sapere non accorgendosi invece che i Cittadini trovano in internet molte risposte e documenti. I social network ed i forum di discussione, già oggi, sono in grado di formare l’opinione influenzando circa il 25% della popolazione orientando.

I Partiti tradizionali, impreparati culturalmente ed appesantiti da un’organizzazione che si fonda ancora sulla invenzione dell’altro secolo, “la segreteria particolare”, reagiscono con primarie e disponibilità a “cambiare nome/marchio”. Ma è questa la risposta attesa dai Cittadini?

FONTE: Il Comunicatore Italiano

Cattaneo Flavio: Cheuvreux alza il Rating di Terna a Select List

Scritto da TheEnergyNews il . Pubblicato in Economia

Gli analisti della società francese Cheuvreux hanno alzato a Select List il Rating di Terna, la società guidata da Flavio Cattaneo. Il target price rimane inalterato.

Terna: Cheuvreux alza il Rating a Select List, target price inalterato
Cheuvreux sul titolo Terna alza il Rating da Outperform a Select List, target price invariato
Su Terna, Cheuvreux cambia il proprio rating da Outperform a Select List. Il Target Price di Terna rimane anch’esso inalterato.
Terna riceve la raccomandazione di acquisto da parte dell’emittente francese Cheuvreux

FONTE: Investire Oggi

Terna (+0,6%): Cheuvreux migliora giudizio
Cheuvreux ha migliorato il giudizio su Terna da “outperform” (farà meglio del mercato) a “selective list” (lista titoli selezionati).

FONTE: La Stampa

Terna (+0,6%): Cheuvreux migliora giudizio
Cheuvreux ha migliorato il giudizio su Terna da “outperform” (farà meglio del mercato) a “selective list” (lista titoli selezionati).

FONTE: Trend Online