In giro felici col trasportino per gatti

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle

Per qualsiasi spostamento il trasportino per gatti è un oggetto indispensabile per chi ha necessità di trasportare il proprio gatto. Pratici, facili da pulire e pronti all’uso questi oggetti sono economici e molto resistenti nel tempo. Una volta scelto il modello più utile per voi potete allestire lo spazio come più vi piace, con cuscini o abbellimenti vari per rendere super confortevole l’ambiente. Se avete dubbi su quale modello optare leggete pure le recensioni e i pareri di chi già utilizza il modello che vi sembra più interessante, vi aiuterà a capire se state facendo la scelta giusta. Online si trovano moltissime opportunità di scelta: dai colori ai materiali, dalla struttura al peso e così via. La scelta può essere fatta con calma, senza fretta in modo da valutare con attenzione. Molto importanti sono gli accessori che possono essere già presenti nella confezione o meno. È dunque molto importante sapere subito di cosa si ha bisogno per non trovarsi poi sprovvisti di ciò che serve. Alcuni modelli sono provvisti di sistemi di areazione in modo da consentire al gatto di respirare adeguatamente. Oltre al materiale (plastica, tessuto, ferro, etc …) considerate il design e verificate la presenza di una garanzia sul prodotto.

60 anni di Gruppo PAM: il tram decorato e le altre iniziative

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Gruppo PAM, guidato da Arturo Bastianello, festeggia i suoi 60 anni di attività: per l’occasione, il Pam tram ha rallegrato le vie di Milano, offrendo degustazioni e la possibilità di scattare foto con alcune figuranti vestite in stile anni ’60.

Gruppo Pam

Gruppo PAM: l’iniziativa del tram circolante a Milano

“Pam Tram” è l’iniziativa di Pam Panorama per festeggiare i 60 anni di attività di Gruppo Pam con i cittadini milanesi: la vettura ha attraversato le vie centrali di Milano a ottobre, offrendo un’esperienza ricca di divertimento e degustazioni. Realizzata in collaborazione con le Creative Solutions di IGPDecaux ha ospitato due figuranti vestite in stile anni ’60 che hanno invitato i passanti a salire sul tram, coinvolgendoli nei festeggiamenti. Ogni passeggero ha avuto la possibilità di scattare foto, degustare prodotti a marchio Pam Panorama e partecipare a un aperitivo serale. Ogni partecipante ha inoltre ricevuto un buono sconto e una shopper dedicata al PamTram limited edition. Il tram è soltanto una delle iniziative che il Gruppo PAM, guidato da Arturo Bastianello, ha proposto ai clienti per festeggiare l’occasione. Oltre a IGPDecaux, l’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con l’agenzia Rapport, specializzata in out of home e media buying & planning, e con l’agenzia creativa McCann.

I 60 anni di Gruppo PAM: una storia di qualità, italianità e convenienza

Le iniziative di Gruppo PAM hanno coinvolto le principali piazze italiane nei festeggiamenti per i 60 anni dall’apertura del primo punto vendita, a Padova. La storia del Gruppo guidato da Arturo Bastianello parte dal Veneto e da un’iniziativa vincente di tre imprenditori, alla fine degli anni ’50: in seguito al boom economico nasce l’idea di riunire in un unico luogo i banchi di vendita dei mercati rionali veneziani, seguendo il modello americano di supermarket e dando così vita a un servizio che unisca qualità e prezzi convenienti. È da qui che nasce “Pam”, acronimo di “Più A Meno”. Negli anni Gruppo PAM è cresciuto ed è cambiato seguendo le esigenze dei propri clienti, mantenendo però come obiettivo costante la qualità dei prodotti, la varietà dell’offerta e l’eccellenza della “customer experience” all’interno dei punti vendita, che deve sempre garantire una spesa facile e veloce.

Un futuro senza chiavette USB?

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Tecnologia

In termini di cybersecurity le chiavette USB sono un vero e proprio spauracchio e sono cadute in disgrazia presso numerose aziende. Tuttavia, sbarazzarsene completamente significherebbe utilizzare la rete IT dell’impresa come unico canale per lo scambio di documenti. Un approccio che prevede l’archiviazione delle informazioni all’interno della rete o nel cloud senza alcuna possibilità di trasferimento dall’una all’altra postazione di lavoro tramite dispositivi fisici. Qual è la strategia migliore?

La chiavetta USB: va vietata? 

Sfortunatamente, le chiavette USB sono ancora uno degli strumenti più utilizzati per diffondere virus, a dispetto della costante sensibilizzazione degli utenti sulle più elementari regole di protezione. L’ultimo report di Honeywell offre una panoramica alquanto inquietante per ogni esperto di sicurezza informatica: il 40% delle chiavette USB conterrebbero almeno un file malevolo, di cui il 26% darebbe luogo a problematiche operative. Di fronte agli evidenti rischi di uno strumento ambiguo, è comprensibile perché IBM abbia preso la –controversa – decisione di vietare l’utilizzo delle chiavette USB. Divieto realizzabile? Utile?

Come implementare un tale divieto in un’azienda in cui non è possibile sostituire con dispositivi privi di porte USB l’intero parco PC schioccando le dita? Perquisiamo i dipendenti all’ingresso? Ostruiamo le porte USB con il chewing gum? Mettiamo i desktop formato tower sottochiave? “Nessuno è in grado di tenere sotto controllo tutti i dispositivi USB impiegati in azienda, a meno di monitorare o bloccare in tempo reale qualsiasi macchina connessa alla rete aziendale” afferma Marco Genovese, Network Security Product Manager di Stormshield. Non possiamo neanche rinnegare i nostri istinti: se l’alternativa all’uso delle chiavette risultasse limitante, i dipendenti tornerebbero ad avvalersi dell’opzione più semplice, che sia autorizzata o meno. Utilizzeranno quindi dispositivi USB all’insaputa del reparto IT, intensificando la piaga della “Shadow IT”. Finché comunque la chiavetta non esce dall’azienda di regola va tutto bene. Il problema è che non è quasi mai così. Potrebbe sembrare irrilevante, ma trasferire su un’unità USB delle foto dal proprio computer personale, di solito meno protetto dei PC aziendali, per poterle mostrare ai colleghi è un atto imprudente. Per fare un esempio: Stuxnet, infiltratosi nel 2010 in una centrale nucleare iraniana, proveniva da una chiavetta USB utilizzata privatamente da uno degli ingegneri.

L’alternativa, ossia implementare una rete aperta che garantisca un accesso generalizzato a qualunque risorsa di rete disponendo delle giuste credenziali, permetterebbe ad eventuali cyberattacchi di diffondersi più rapidamente una volta abbattuta la prima linea di difesa. Nonostante i problemi di sicurezza correlati, è oggettivamente difficile evitare del tutto le chiavette USB e aprire la rete o affidarsi esclusivamente al cloud si rivela rischioso, sebbene questa strada risulti particolarmente comoda.

Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi?

Per Adrien Brochot, Endpoint Security Product Leader di Stormshield, vietare l’utilizzo delle chiavette USB non è una buona idea. Oltre a privare i dipendenti di un comodo mezzo per scambiare dati all’interno di aziende con reti frammentate e risorse non sempre accessibili direttamente “la chiavetta USB può fungere da allarme”, spiega Brochot. Qualora un’applicazione per il monitoraggio dei sistemi rilevasse che l’unità USB non è più affidabile, tale indicazione potrebbe essere indice di una potenziale minaccia informatica o di un attacco in corso.

Una potenziale soluzione consiste nel dotare i sistemi di un software che tracci i movimenti di una chiavetta USB all’interno di un parco di computer. La chiavetta viene inserita in primo acchito in un terminale antivirus, completamente separato dalla rete, e viene analizzata approfonditamente. Se risulta affidabile può essere liberamente utilizzata all’interno della rete e l’utente può controllare che nessun file sia stato modificato. Tuttavia, non appena vengono trasferiti dati provenienti da un computer non dotato dell’applicazione di monitoraggio, il meccanismo si blocca e l’unità deve essere rianalizzata dal terminale con l’antivirus. Il software di tracking può essere facilmente installato su qualsiasi PC, quindi l’approccio non sarebbe così limitante come potrebbe sembrare.

Il ruolo dell’analisi comportamentale

Un’altra forma di difesa dei terminali degli utenti consiste nell’impiego di soluzioni HIPS (Host Intrusion Prevention System) tra cui Stormshield Endpoint Security. Questa tecnologia è in grado di rilevare qualsiasi tentativo da parte di file o applicazioni malevole di sfruttare vulnerabilità o risorse in modo illecito. Attraverso regole di controllo delle risorse è quindi in grado di bloccare processi dal comportamento anomalo o che risultino alterati. Un sistema molto promettente ma ancora in fase di perfezionamento: alcuni HIPS talvolta non riconoscono attività malevole se queste constano di una successione di azioni multiple che, individualmente, risultano legittime. Le nuove tecnologie EDR (Endpoint Detection and Response) ampliano e affinano la rilevazione di questo tipo di attacchi. “In futuro ci aspettiamo un impiego combinato di HIPS e EDR, grazie a cui non sarà più necessario vietare le chiavette USB”, aggiunge Genovese, “l’idea di IBM di vietare i dispositivi USB è più legata a fattori reputazionali, piuttosto che alla sicurezza informatica. Se qualcuno trovasse una chiavetta USB contenente dati sensibili di un’azienda che fa della cybersicurezza il suo business il danno sarebbe incalcolabile”.


Stormshield

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza end-to-end innovative per la tutela di reti (Stormshield Network Security), workstation (Stormshield Endpoint Security), e dati (Stormshield Data Security). Certificate ai più alti livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione assicurano la massima protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni Stormshield sono commercializzate attraverso una rete commerciale costituita da distributori, integratori e operatori di canale o telco e sono implementate presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni preposte alla difesa in tutto il mondo

Il percorso professionale di David Barzazi, Presidente ed AD di Gruppo Green Power S.p.A.

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Professionista che si è formato in diversi settori di mercato, David Barzazi nel 2011 passa a quello energetico e imprime una svolta alla sua carriera, assumendo la carica di Amministratore Delegato di Gruppo Green Power S.p.A.

Davide Barzazi

David Barzazi: il curriculum vitae dell’AD di Gruppo Green Power S.p.A.

Classe 1978, David Barzazi nasce a Venezia e si diploma come tecnico aeronautico. Nonostante la sua formazione sia in ambiti diversi, si interessa da subito ai settori dell’energia e delle telecomunicazioni, mostrando una propensione naturale alla gestione aziendale. Nella prima parte della sua carriera, lavora come Consulente in attività di intermediazione finanziaria e assicurativa, occupandosi delle organizzazioni di vendita. Successivamente, viene nominato Presidente di Cell Shop S.r.l. e di One S.r.l., realtà attive nel comparto della telefonia mobile. Questi anni sono importanti per la definizione di una serie di competenze che gli torneranno utili per il salto professionale. Nel 2011, infatti, viene coinvolto nel progetto Gruppo Green Power S.p.A., diventando il punto di riferimento sia nel contesto amministrativo e finanziario che in quello della gestione tecnica. Come Amministratore Delegato e Consigliere di Amministrazione del Gruppo, David Barzazi guida la giovane realtà nell’AIM della Borsa Italiana. Sotto la sua gestione, la società consegue risultati positivi anche in un momento di forte contrazione economica, viatico alla riconferma nel 2014 come Amministratore Delegato e per la nomina a Presidente nel 2018.

David Barzazi e le tappe della crescita di Gruppo Green Power S.p.A.

Con sede a Mirano, in provincia di Venezia, Gruppo Green Power S.p.A. opera nel comparto della commercializzazione di servizi nel settore delle energie rinnovabili, specializzandosi allo stesso tempo nell’efficientamento energetico indirizzato al mercato domestico italiano. Tra i player più fidati del settore, la società si è distinta negli anni per l’impegno nella salvaguardia ambientale. Dal 2011 passato sotto la guida dei fratelli Christian e David Barzazi, Gruppo Green Power S.p.A. diventa un anno più tardi società per azioni e avvia nel 2013 il call center di telemarketing Bluepower Connecetion S.r.l. Riconosciuta nel 2015 come facente parte dell’Associazione nazionale censimento efficienza energetica (A.N.C.E.E.), costituisce il consorzio GGP, una rete di installatori e fornitori nata per soddisfare le alte aspettative della clientela. Del 2017, invece, è la nascita di Soluzioni Green S.r.l., realtà che ha il suo core business prevalentemente nel comparto dell’efficientamento energetico. Sono gli impianti a energia solare fotovoltaica, i sistemi ibridi, gli accumulatori di energia, le pompe di calore ACS e i sistemi di illuminazione a LED i principali servizi offerti da Gruppo Green Power S.p.A.

Allarme Doxing, ovvero imparare dagli errori

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Preoccupa e crea confusione l’attualissima pubblicazione di dati sensibili di politici e celebrità. Gli esperti di sicurezza G DATA analizzano quanto accaduto e illustrano come proteggersi al meglio da tali divulgazioni.

0rbit è lo pseudonimo dello youtuber che per settimane ha pubblicato in rete dati privati di politici di quasi tutti i gruppi parlamentari, della stessa cancelliera federale oltre a quelli di varie celebrità. Attualmente non sono chiare né le motivazioni di un simile gesto nè le effettive modalità di acquisizione delle informazioni sensibili.

Sebbene la AfD allo stato attuale risulta essere l’unico partito rappresentato in Parlamento non colpito da tali divulgazioni, è chiaro che non si tratta di una reiterazione dell’attacco alla rete del Parlamento tedesco che ha avuto luogo all’inizio del 2018.
Soprattutto la scelta operata dallo youtuber di divulgare le informazioni tramite un falso account Twitter non dà l’impressione di una campagna mirata secondo gli esperti G DATA, tant’è che le informazioni pubblicate non sono state notate da quasi nessuno per ben un mese. Il giovane youtuber si è più verosimilmente limitato ad un “doxing” mirato delle persone colpite, termine che definisce la raccolta e divulgazione in rete, contro la volontà dei soggetti coinvolti, di dati privati tra cui l’indirizzo di casa, recapiti telefonici personali, indicazioni sui figli, numeri di carte di credito, persino copie dei documenti d’identità: informazioni il cui potenziale di abuso risulta particolarmente elevato, ma facilmente reperibili attraverso ricerche dettagliate, senza richiedere attacchi specifici. Si specula in altri casi sulla raccolta di dati presenti sugli account online dei soggetti colpiti a cui lo youtuber può essersi procurato accesso grazie a leaks già noti, favorito dall’uso dei malcapitati di password insicure o reiterate su più piattaforme.

Come proteggersi dal doxing?

1)  Autenticazione a due fattori: al giorno d’oggi, accontentarsi di un login basato su una sola password è davvero vecchio stile oltre che rischioso: accade infatti ripetutamente che password presumibilmente segrete vengano “smarrite” da operatori poco attenti o mal protetti. Ad esempio, in rete circolano ancora milioni di password derivanti dall’attacco hacker che colpì Dropbox del 2012: è in pericolo quindi chi utilizza la stessa password su più piattaforme o chi, da allora, non ha provveduto a crearne una nuova. L’autenticazione a due fattori richiede, oltre alla singola password, l’inserimento di un codice temporaneo che appare sullo smartphone o di uno speciale dispositivo collegato al computer.

2)  Verificare l’integrità della password: sono diversi i servizi che aiutano a verificare se un account è stato soggetto ad attacchi e divulgazione di dati. Tra questi HaveIBeenPwned o Identity Leak Checker sono i più gettonati. Da qualche tempo chi utilizza il browser Firefox può venire informato riguardo a eventuali problemi.

3)  Googlare regolarmente il proprio nome: in questo modo, è possibile capire quali sono le informazioni personali condivise in rete, verificarne la correttezza e constatare se l’eventuale presenza di dettagli sia voluta o meno.

4)  Beneficiare del GDPR: il regolamento generale sulla protezione dei dati personali prevede, in base a precise condizioni, il diritto di richiedere la cancellazione dei dati o di predisporre correzioni, qualora fornitori di servizi online pubblicassero informazioni false o obsolete sulla propria persona.

5)  Disattivare i cookies di terzi: sul web i cookies sono uno strumento utile, per salvare ad esempio impostazioni su un sito web come la dimensione del carattere utilizzata. Tuttavia, i cookies di terzi, come quelli delle reti pubblicitarie, possono raccogliere numerose informazioni sull’utente in merito a siti consultati o precisi interessi. Molti siti web offrono la possibilità di adattare le impostazioni dei cookies in modo specifico, in alternativa è possibile cancellarli regolarmente.

6)  Verificare le autorizzazioni delle app: Sono ormai numerose le autorizzazioni richieste dalle app per smartphone e dare il consenso in effetti presenta spesso diversi vantaggi. Basti pensare a Whatsapp, dove caricando la rubrica è possibile identificare i contatti dotati della stessa applicazione – pratica discussa a livello di legislazione sulla protezione dei dati. Vale la pena comunque prestare attenzione quando si installano nuove applicazioni. Perché ad esempio una app “torcia” dovrebbe poter accedere alla mia posizione?

Per proteggersi da software dannosi e amministrare le autorizzazioni delle app è opportuno dotarsi di soluzioni per la sicurezza mobile, come G DATA Internet Security per Android

7)  Attenzione alle mail: molti utenti sanno che non si dovrebbero aprire gli allegati provenienti da mittenti sconosciuti. La posta elettronica però presenta ulteriori pericoli: i cybercriminali possono infatti nascondere software dannosi o pixel di monitoraggio, anche nelle immagini integrate in mail recapitate in formato HTML, entrambi consentono loro di reperire informazioni sugli utenti. Sarebbe quindi consigliabile inviare e ricevere mail solo in formato testo e disattivare il caricamento automatico delle immagini.


GDATA

Fondata nel 1985 a Bochum, G DATA vanta una storia di oltre trent’anni nella lotta e prevenzione contro le minacce informatiche ed è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT, insignite di numerosi riconoscimenti per la qualità della protezione fornita e l’intuitività d’uso.
G DATA produce e commercializza soluzioni di sicurezza totalmente aderenti alle normative europee sulla protezione dei dati. Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza per le imprese, dalle micro alle grandi aziende, e applicazioni rivolte all’utenza consumer.
Particolarmente legata al territorio la sede italiana si trova a Bologna e patrocina il Teatro Comunale di Bologna oltre a diversi eventi volti all’accrescimento culturale e all’aggregazione sociale tra cui mostre e corsi presso istituti scolastici per favorire un uso consapevole del web e dei social media.
Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

RC Auto: 42.000 marchigiani pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 42.000 marchigiani; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno aumentare la propria classe di merito e, insieme ad essa, il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 11.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti nelle Marche, ha evidenziato come il 4,87% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018 che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta addirittura superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti marchigiani che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 5,06%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto nelle Marche, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 539,96 euro, valore in aumento dell’1,49% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Fermo (6,77%). Seguono in classifica gli automobilisti di Ascoli Piceno (5,64%) e Ancona (5,37%). L’area con i valori più bassi è invece quella di Pesaro e Urbino, dove solo il 2,64% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa, seconda fra le province virtuose, sebbene distanziata, Macerata (4,88%).

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione marchigiano, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 4,41% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 5,55%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i pensionati sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 7,09% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica, ma con valori sensibilmente inferiori, i liberi professionisti (6,39%) e gli impiegati (5,22%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono le casalinghe e i medici ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente il 2,99% e il 3,07%.

Di seguito le classifiche regionali e provinciali degli automobilisti che hanno denunciato un sinistro con colpa nel periodo di tempo considerato.

L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra l’1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda le Marche, la ricerca è basata su 178.604 preventivi effettuati nelle Marche su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

DISTRIBUTION tech con Orange Electronics Europe

Scritto da Zagor il . Pubblicato in Automobili, Aziende

DISTRIBUTION tech, sito di accessori auto ed attrezzatura officina, ha iniziato nel 2015 una collaborazione con Orange Electronics con i primi sensori TPMS messi in vendita sul sito, alla fine del 2018 i prodotti a catalogo sono più di 500  tra sensori singoli e kit.

Orange Electronics Europe supporta in modo preciso efficiente e rapido il nostro lavoro fornendo prodotti di ottima qualità, un supporto tecnico di prim’ordine ed una disponibilità e cortesia senza eguali che si riflette anche sul cliente finale.

Per il 2019 vogliamo continuare e rafforzare questa collaborazione sia commerciale che tecnica. Collaborazione  che ci sta portando a fornire ai nostri clienti sempre più prodotti di casa Orange, sensori e kit TPMS equivalenti agli originali sia per automobili che per alcune moto ed i nuovi kit retrofit che permettono il montaggio di questo utilissimo dispositivo per la Vostra sicurezza su vetture, camper, 4×4, mezzi commerciali leggere ed anche alle moto.

Per qualunque esigenza sui sensori TPMS avete la nostra completa disponibilità, vi forniremo sia un supporto tecnico (possiamo codificare e clonare sensori di tutte le vetture)  che commerciale, fornendo il sensore Orange più adatto alle Vostre esigenze.

DISTRIBUTION tech sempre presente sulla sicurezza e sulle nuove tecnologie.

Per info: info@distributiontech.it

Assistenza tecnica: assistenza@distributiontech.it

Graffiatoio per gatti: costruirne uno è facile!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Se avete voglia e un po’ di tempo per costruire un tiragraffi per il vostro amato gatto dotatevi della giusta attrezzatura e di tanta buona volontà per creare il modello ad hoc. Con pochi materiali riciclati potete realizzare un bellissimo graffiatoio per gatti e far felice il vostro animale. In più evitate danni e pericolo ai vostri mobili o oggetti personali. Il gatto si abituerà al suo nuovo spazio e potrà giocare e divertirsi in un ambiente tutto suo. Cosa serve? Oltre al tempo e alla buona volontà servono alcuni strumenti: forbici, viti, tessuti, gomitoli, martello, colla, ripiani e tutto il materiale che pensate possa essere utile per realizzare il vostro modello. Riflettete bene prima di cominciare i lavori. Cominciate con il considerare le misure; poi preparate le colonne (scegliete voi quante!) e fissate la colla, rivestite il tutto e unite le colonne fissandole. Rivestite il primo piano di gommapiuma e fissate al meglio le colonne allineando bene la base. Anche l’idea di una vera e propria casetta non è male! Anche in questo caso potete farlo con materiali riciclati (tessuti, gomitoli, ripiani di vecchi mobili e così via …). Risulta molto importante che la vostra “costruzione” sia solida e robusta. Se avete dubbi su quale modello optare leggete recensioni e pareri di chi già ha provato a realizzarlo. Se riscontrate difficoltà considerate l’opportunità di acquistarne uno nuovo, i costi sono davvero irrisori.

RC Auto: 28.000 abruzzesi pagheranno di più nel 2019

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 28.000 abruzzesi; tanti sono gli automobilisti che, secondo l’analisi fatta da Facile.it, avendo denunciato alle assicurazioni un sinistro con colpa avvenuto nel 2018, vedranno peggiorare la propria classe di merito e, insieme ad essa, aumentare il costo dell’RC auto.

Il dato è stato calcolato da Facile.it che, esaminando oltre 10.000 preventivi di rinnovo RC auto richiesti tramite il sito da automobilisti residenti in Abruzzo, ha evidenziato come il 3,99% degli utenti della regione abbia dichiarato di essere stato responsabile di un incidente nel corso del 2018 che farà scattare l’aumento del costo dell’assicurazione. Il dato risulta leggermente superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all’anno precedente, quando la percentuale di automobilisti abruzzesi che erano ricorsi all’assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 4,30%.

Guardando all’andamento del premio medio* RC auto in Abruzzo, emerge che a dicembre 2018 per assicurare un veicolo in regione occorrevano, in media, 507,49 euro, valore in aumento del 3,61% rispetto allo stesso mese del 2017.

L’andamento provinciale dei sinistri denunciati

Facile.it ha poi analizzato i dati su base territoriale scoprendo che, in regione, la provincia che ha registrato la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all’assicurazione un sinistro con colpa è quella di Chieti (4,50%); oltre a questo primato, la provincia risulta essere quella della regione dove la percentuale è cresciuta maggiormente rispetto all’anno precedente (quando era pari a 3,25%). Seguono in classifica gli automobilisti di Teramo (4,44%) e Pescara (3,65%). L’area con i valori più bassi è invece L’Aquila, dove solo il 3,35% degli automobilisti ha denunciato un incidente con colpa.

Chi cambierà classe

Guardando alle caratteristiche sociodemografiche del campione abruzzese, emerge che fra gli uomini hanno denunciato sinistri con colpa il 3,93% del campione, mentre tra le donne la percentuale è più alta, pari al 4,15%.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; i dirigenti sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 7,43% vedrà un peggioramento della classe di merito. Seguono nella classifica, ma con valori sensibilmente inferiori, gli impiegati (4,82%) e i pensionati (4,38%). Guardando la graduatoria regionale nel senso opposto, invece, sono le forze armate e i disoccupati ad aver denunciato, in percentuale, meno sinistri con colpa, rispettivamente l’1,80% e il 2,55%.

Di seguito le classifiche regionali e provinciali degli automobilisti che hanno denunciato un sinistro con colpa nel periodo di tempo considerato.

L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio a livello nazionale, regionale e provinciale e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 7.449.494 preventivi effettuati in Italia dai suoi utenti tra il 1 dicembre 2017 e il 31 dicembre 2018. Per quanto riguarda l’Abruzzo, la ricerca è basata su 142.536 preventivi effettuati in Abruzzo su Facile.it nel medesimo periodo. Le tariffe indicate nell’Osservatorio sui costi RC auto di Facile.it prendono in considerazione come campione tutti i preventivi effettuati sul sito e relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

Daiichi Sankyo Europe: accordo per la commercializzazione in Europa di acido bempedoico/ezetimibe

Scritto da Mario Mauri il . Pubblicato in Aziende, Salute

Daiichi Sankyo Europe commercializzerà le formulazioni orali di acido bempedoico e della associazione acido bempedoico/ezetimibe in Europa e Svizzera.

Roma, 8 gennaio 2019 – Daiichi Sankyo Europe ha stretto un accordo di licenza esclusiva con Esperion Therapeutics (NASDAQ: ESPR) per la commercializzazione delle compresse di acido bempedoico e della associazione fissa acido bempedoico/ezetimibe, nell’area economica europea e in Svizzera. Daiichi Sankyo Europe si occuperà della commercializzazione in questi territori, mentre Esperion sarà responsabile della produzione e dello sviluppo di questo inibitore orale dell’adenosina trifosfato (ATP) citrato liasi (ACL) in monosomministrazione giornaliera che riduce il colesterolo e la sintesi degli acidi grassi nel fegato. L’accordo rafforzerà il portfolio cardiovascolare di Daiichi Sankyo in Europa e sfrutterà le sinergie create nella commercializzazione dell’anticoagulante orale in monosomministrazione giornaliera LIXIANA® (edoxaban) e dell’antiaggregante in monosomministrazione giornaliera Efient® (prasugrel).

Vi è una significativa necessità di ulteriori opzioni di trattamento per l’elevato numero di pazienti in Europa con ipercolesterolemia che non raggiungono il livello ottimale di colesterolo LDL. Anche nei pazienti ad altissimo rischio, solo il 32% raggiunge il livello target di C-LDL, e ciò è particolarmente vero per i pazienti che sperimentano reazioni avverse ai farmaci a base di statine e sono così costretti ad assumerne solo alla massima dose tollerata o addirittura a non prenderne affatto. L’acido bempedoico è un profarmaco che richiede l’attivazione da parte della acil-CoA sintetasi-1, enzima assente nel tessuto muscolare, e quindi non presenta il rischio potenziale di reazioni avverse a carico dei muscoli associato alla terapia con statine. L’acido bempedoico può essere usato in associazione con altri farmaci ipolipemizzanti e offrirà un’opzione orale, in monosomministrazione giornaliera, per i pazienti che non raggiungono il target di C-LDL.

Il robusto programma di sviluppo che ha valutato l’efficacia e la sicurezza dell’acido bempedoico è stato completato nell’ottobre 2018. Gli studi di fase 2 e di fase 3 sono stati condotti su quasi 4.800 pazienti; circa 3.100 sono stati trattati con acido bempedoico e hanno ottenuto una riduzione di C-LDL fino al 30% se utilizzato in monoterapia e fino al 48% se in associazione con ezetimibe. I risultati dimostrano che l’acido bempedoico è ben tollerato e ne confermano l’efficacia su un lungo periodo di tempo. La frequenza di eventi avversi osservati durante il trattamento, di eventi avversi a carico dei muscoli e di interruzioni della terapia, è risultata sovrapponibile nel gruppo trattato con acido bempedoico e in quello trattato con placebo.

“Siamo molto lieti di annunciare questo accordo di licenza commerciale per l’acido bempedoico, un trattamento innovativo che affronterà un importante bisogno insoddisfatto per i pazienti che non raggiungono il livello ottimale di colesterolo LDL ed hanno opzioni terapeutiche limitate” dichiara Rodney Smith, ricercatore e capo del Medical Affairs di Daiichi Sankyo Europe. “Il team di Esperion ha condotto un programma di sviluppo robusto e di alta qualità su 4.000 pazienti dimostrando che l’acido bempedoico è un’opzione terapeutica efficace e ben tollerata. Ciò supporta la nostra grande fiducia in questo prodotto che completa e rafforza il nostro attuale portfolio cardiovascolare, costruito sul successo di LIXIANA®”, aggiunge Benoit Creveau, capo del dipartimento del Marketing Cardiovascolare di Daiichi Sankyo Europe.

Secondo i termini dell’accordo, Daiichi Sankyo Europe verserà a Esperion un anticipo di 150 milioni di dollari, a cui aggiungerà versamenti successivi, inclusi 150 milioni di dollari sulle prime vendite commerciali e royalties. Il totale di queste tranche potrebbe potenzialmente arrivare fino a 900 milioni di dollari.

“Siamo molto felici di collaborare con Daiichi Sankyo Europe per rendere l’acido bempedoico l’opzione di trattamento ipolipemizzante preferita dopo le statine, sia per i pazienti che per i medici europei. Daiichi Sankyo Europe, con la sua organizzazione commerciale composta da 1000 dipendenti dedicati all’area cardiovascolare, vanta una serie di successi nella vendita di farmaci, incluso quello del suo anticoagulante orale LIXIANA®, che hanno come target gli stessi specialisti a cui è rivolto l’acido bempedoico”, dichiara Tim Mayleben, presidente e CEO di Esperion. “Questo accordo rappresenta il primo passo nell’evoluzione di Esperion, da pioniera ad azienda commerciale di successo”.

Esperion ha completato il suo programma di sviluppo di Fase III di acido bempedoico in monosomministrazione ed associato ad ezetimibe nell’ottobre 2018. La società prevede di presentare le domande di autorizzazione all’immissione in commercio alla Food and Drug Administration (FDA) durante il primo trimestre del 2019 e all’Agenzia europea per i medicinali (EMA) durante il secondo trimestre del 2019. Le decisioni sull’ approvazione da parte della FDA e dell’EMA sono attese nella prima metà del 2020. CLEAR Outcomes, il trial globale sull’acido bempedoico e gli eventi cardiovascolari, è attualmente in corso e i dati sulla riduzione del rischio cardiovascolare sono attesi nel 2022.

————————————————-

Associazione Acido Bempedoico / Ezetimibe
L’associazione di acido bempedoico e ezetimibe è una terapia non-statinica, disponibile per via orale (compresse), in monosomministrazione giornaliera, per ridurre i livelli di C-LDL, mediante i meccanismi di azione complementari di inibizione della sintesi del colesterolo (acido bempedoico) e inibizione dell’assorbimento del colesterolo (ezetimibe). L’inibizione dell’adenosina trifosfato (ATP) citrato liasi (ACL) da parte dell’acido bempedoico riduce la biosintesi del colesterolo e riduce il C-LDL agendo sul recettore LDL. L’inibizione del gene NPC1L1 (Niemann-Pick C1-Like 1), grazie a ezetimibe, si traduce in un ridotto assorbimento del colesterolo dal tratto gastrointestinale che, di conseguenza, riduce l’apporto di colesterolo al fegato, con effetti conseguenti sui recettori LDL. I dati di Fase III hanno dimostrato che questa associazione ben tollerata determina una riduzione del 35% del C-LDL quando utilizzato con statine alla massima dose tollerata, una riduzione del 43% del C-LDL quando usato in monoterapia, e una riduzione del 34% della proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hsCRP). La frequenza di eventi avversi osservati durante il trattamento, di eventi avversi a carico dei muscoli e di interruzioni del trattamento, è risultata sovrapponibile nel gruppo trattato con acido bempedoico e in quello trattato con placebo.

Acido Bempedoico
Con un meccanismo d’azione mirato, l’acido bempedoico è il primo farmaco appartenente alla classe degli inibitori dell’(ATP) citrato liasi (ACL), orale, in monosomministrazione giornaliera, che riduce la biosintesi del colesterolo e degli acidi grassi e riduce il C-LDL agendo sul recettore LDL. Come le statine, l’acido bempedoico riduce anche la proteina C-reattiva ad alta sensibilità (hs-CRP), un marcatore chiave dell’infiammazione associato alla malattia cardiovascolare.5 L’acido bempedoico è un profarmaco che è attivato dalla acil-CoA sintetasi a catena molto lunga-1 (ACSVL1). Inoltre, è stato dimostrato che l’assenza di ACSVL1 nel muscolo scheletrico permette all’acido bempedoico di non provocare la miotossicità associata alla terapia con le statine.Destinazione non trovata! Gli studi di fase II e di fase III condotti su quasi 4.800 pazienti, con circa 3.100 pazienti trattati con acido bempedoico, hanno messo in evidenza una ulteriore riduzione del colesterolo LDL del 20% quando utilizzato con statine alla massima dose tollerata, fino al 30% quando utilizzato in monoterapia, e una riduzione del 35% in associazione ad ezetimibe se usato con statine alla massima dose tollerata, e fino al 48% di C-LDL in associazione ad ezetimibe senza somministrazione concomitante di statine.5

L’effetto dell’acido bempedoico sulla morbilità e mortalità cardiovascolare non è stato ancora determinato. Esperion ha avviato uno studio globale sugli eventi cardiovascolari, al fine di valutare gli effetti dell’acido bempedoico sulla frequenza di eventi cardiovascolari maggiori in pazienti con malattia cardiovascolare o ad alto rischio, che non tollerano neanche la più bassa dose giornaliera di statine approvata, e dunque sono considerati “statino-intolleranti”. Il trial – noto come CLEAR Outcomes – è uno studio event-driven, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo che prevede l’arruolamento di circa 12.600 pazienti con ipercolesterolemia ad elevato rischio di malattia cardiovascolare, in oltre 1.000 centri distribuiti in circa 30 Paesi.

FonteDaiichi Sankyo Europe