Alla Fiera TSW di Varsavia le eccellenze made in Geoplant

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

L’azienda vivaistica romagnola sceglie la nona edizione della celebre fiera internazionale per presentare agli operatori del settore le cultivar di punta del suo comparto fragolicolo.

Aprono oggi, 9 gennaio, al Ptak Warsaw Expo i lavori della due giorni di manifestazione fieristica TSW – Salone del settore ortofrutticolo dell’Europa centrale e orientale giunta quest’anno alla sua nona edizione – attestatasi nella precedente tornata su un bilancio di 16.000 visitatori e 330 espositori provenienti da tutto il mondo.

Accanto alle aziende produttrici di macchinari e trattori e alle realtà leader nello smistamento, nel confezionamento e nello stoccaggio, giocheranno un ruolo fondamentale le imprese vivaistiche, parte integrante dell’Esposizione e sinonimo di ricerca e innovazione nel panorama dell’industria dell’ortofrutta.

Tra queste ultime vi sarà in prima linea (presso lo stand B11) Geoplant Vivai, player italiano di punta nel campo dell’innovazione varietale e del miglioramento genetico con sede a Savarna, nel ravennate. Ai visitatori giunti da ogni angolo d’Europa e non solo (Polonia, Bielorussia, Ucraina, Estornia, Paesi Bassi, Germania, Gran Bretagna, Austria e Italia sono solo alcuni dei principali esempi), la Società agricola romagnola illustrerà le plusvalenze delle sue storiche varietà di fragola, come Alba, Asia, Roxana e Syria, ma anche le eccellenti caratteristiche sensoriali e organolettiche delle più recenti Tea, Olympia, Fragolaurea, Malga e Scala, abbondantemente richieste in ragione dell’elevato standard qualitativo dei loro frutti, ma anche della considerevole resistenza alle malattie e alla notevole capacità produttiva delle rispettive piante. A riscuotere l’interesse dei produttori concorrono poi le elevate pezzature e il colore rosso brillante, in particolare di Tea e Olympia, riconoscibili per l’aspetto conico e la significativa consistenza.

Un’attenzione particolare verrà riservata da Michele Montanari – tecnico commerciale e breeder della Geoplant Vivai – e dal team presente in stand agli aspetti connessi alla lavorazione e al confezionamento delle piante di fragola, grazie alla disponibilità in fiera di campioni di piantine frigoconservate.

Come fu in primavera per Tea, varietà tardiva che vanta già ottimi riscontri non solo in Italia, ma anche negli areali di Bordeaux e della Nuova Aquitania, la TSW rappresenta per Geoplant Vivai l’occasione ideale per incontrare gli stakeholders dell’Europa centro-orientale e indagare le esigenze di questo mercato in rapida e costante ascesa, così da proporre cultivar di fragola adatte alle condizioni climatiche e commerciali dei Paesi interlocutori.

www.geoplantvivai.com

Meccanica agricola: il futuro di Deutz-Fahr è sempre più Eco-friendly

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende

Rispetto dell’ambiente ma anche della salute di operatori e animali: in altre parole, Eco-friendly. È questa la politica aziendale che nei prossimi anni caratterizzerà gran parte della produzione di Deutz-Fahr, il colosso mondiale delle macchine per agricoltura di cui Cordini Srl è fiero di essere rivenditore in tutta Italia, anche online.

L’occasione per svelare le strategie future della casa di produzione tedesca è stata l’ultima edizione di Eima International 2018 di Bologna, dove ad essere presentate sono state le ultimissime soluzioni di meccanica agricola all’insegna dell’innovazione e dell’ecosostenibilità.

Cominciamo dai motori E-Deutz, ovvero i sistemi di propulsione ibridi e interamente elettrici in grado di garantire un aumento dell’efficienza ma con costi di gestione ottimizzati, in virtù di consumi ed emissioni contenuti. Vantaggi che diventano ancora più evidenti se si opta per l’utilizzo della versione elettrica, perché al minor impatto ambientale dovuto all’abbattimento della soglia dei gas di scarico, si aggiunge l’assenza di inquinamento acustico.

Ma Eima 2018 è stata anche l’occasione per Deutz Italy di presentare i motori diesel omologati Stage V, riuscendo ad adottare i motori ai nuovi standard di emissione senza apportare alcuna modifica strutturale del mezzo. Ad occupare la scena tra i propulsori diesel è stato il modello Deutz TCD 9.0, che si è aggiudicato il prestigioso premio “Diesel of the Year 2018”. Ma a far parlare bene di sé in questo 2019 saranno anche i modelli a 6 cilindri TCD 12.0, 13.5 e 18.0 con potenza massima erogata fino a 620 Kw.

In attesa di conoscere tutte le altre novità 2019 del gruppo tedesco, Cordini Srl vi invita a scoprire la vasta gamma di trattori agricoli e cingolati targati Deutz-Fahr presenti all’interno della sua area espositiva e visibili anche sul suo e-commerce, adatti ad ogni tipo di esigenza dei produttori del settore primario.

Il Programmatic Advertising cos’è? Sicuramente non più un segreto

Scritto da rgtreg il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

In tutti i lavori vi è bisogno di un costante aggiornamento, anche – e forse soprattutto – coloro che lavorano nell’ambito del Digital Marketing devono rimanere al passo con i tempi e con le novità. Infatti quello delle ICT è un settore in continua espansione, il nuovo diventa subito vecchio e trend e tendenze si inseguono a velocità di click. Differenziarsi ed essere al passo con i tempi sono imperativi necessari alla sopravvivenza nel mondo digital. Uno dei settori più dinamici dell’ultimo periodo è sicuramente quello delle pubblicità. È davvero così importante fare pubblicità online? Pensate di saperne abbastanza? Qualche dubbio vi è rimasto? O è un modo totalmente oscuro per voi? Nel caso la risposta fosse l’ultima opzione allora il consiglio è quello di recuperare, alla svelta, partendo dalle basi delle campagne pubblicitarie, soprattutto quelle a pagamento! Qui però parleremo di una delle ultime tendenze: il Programmatic advertising cos’è? Potrebbe sembrarvi un mondo sconosciuto, ma è molto più semplice di quello che sembra: la pubblicità programmatica, questo nuovo concetto, cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni e in continua esponsione sul mercato delle pubblicità, diventerà un gioco da ragazzi, senza più segreti per voi.

Il programmatic advertising come funzione? Molto semplice!

La pubblicità programmatica non è altro che uno strumento per generare traffico di qualità, si tratta perciò di un canale di acquisizione pratico e veloce. Esistono colossi in questo settore, ma non ne parleremo in questa sede. In parole povere il programmatic advertising cos’è? Un computer adibito all’acquisizione di spazi pubblicitari, la pubblicità programmatica altro non è che una pubblicità computerizzata. Questa rivoluzione in campo pubblicitario è davvero la via migliore? Che cosa la rende così attraente, da meritarsi un ruolo centrale nel mondo del digital marketing e dell’advertising? Nel programmatic advertising tutto parte dai dati e dall’analisi di questi da parte di specifici software. Le parole d’ordine sono posizionamento ed ottimizzazione. Il programmatic advertising come funziona alla fine dei conti: gestisce in maniera intelligente l’incontro fra sito il cui scopo è quello di monetizzare, il gestore del traffico ed il rivenditore alla continua ricerca di nuovi spazi dove mostrare le proprie campagne pubblicitarie a pagamento ottimizzando al massimo il proprio investimento. La pubblicità programmatica, perciò, altro non è che l’incontro fra domanda e offerta di spazi pubblicitari, chiaramento il procedimento interno è molto più specifico, ma partiamo dalle basi. Aldilà di tecnicismi particolari,  il programmatic adevertising come funziona: partendo dalla raccolta dati, la personalizzazione e precisione nella definizione del prorpio target, avviene un’ottimizzazione in real time degli interessi e bisogni dell’utente. I software di programmatic advertising permettono di differenziare i canali di acquisizione. Questi programmi prevedoni l’utilizzo di spazi pubblicitari online, banner e diverse tecnologie e formati su siti e piattaforme Internet. La pubblicità programmatica partendo da una lettura e analisi di questi dati ottimizza la campagna in tempo reale.

Le grandi potenzialità della pubblicità programmatica

Il programmatic advertising permette il potenziamento delle campagne pubblicitarie a pagamento della propria attività, attraverso campagne ottimizzate in tempo reale. Tutto questo avviene attraverso software di pubblicità programmatica che permettono ai clienti di ricevere solo determinati contenuti a cui sono effettivamente interessati. Una grande potenzialità del programmatic advertising è quella di mostrare un contenuti all’utente nel momento in cui questo vuole vederlo. I benefici quali sono? Dalla maggiore precisione nella targettizzazione dei propri clienti ed utenti, all’efficienza e raccolta dati, sino a – ultimo ma non per importanza – stare al passo con i tempi. Risparmio a livello economico e meno errori sono i concetti base su cui si fonda l’idea di pubblicità programmatica.

Il programmatic advertising cos’è, quindi? Il futuro della pubblicità a portata di presente.

Adesivi murali animali, per un tuffo in nuovi mondi

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

La nascita di un figlio è un evento sicuramente felice, ma senza dubbio porta a rivoluzioni, non solo nella propria vita quotidiana, nella famiglia, ma anche nella propria casa. La cameretta, i mobili, le stanze, tutto diventa a misura di bambino. La sua stanzetta diventerà un luogo di riposo, ma anche – e forse soprattutto – di gioco. Catapultatevi in mondi fantastici: magari nella foresta, in un bosco incantato, oppure nel mare blu con gli adesivi murali animali. Oltre la praticità anche l’estetica vuole la sua parte! Gli sticker sulle pareti renderanno la cameretta dei vostri bambini un rifugio in cui sentirsi protetti, un luogo dove la realtà lascerà spazio alla fantasia. Chiudi gli occhi e pensa: ti ricordi ancora la tua cameretta di quando eri bambino? I mondi che racchiudeva? Le avventure fantastiche vissute tra quelle pareti? A stimolare la fantasia di tuo figlio oggi ci pensano gli adesivi per bambini. Fantastici stickers che potrai applicare ovunque: pesciolini vicino al lettino, per sentirsi “in fondo al mar”, oppure dinosauri sui muri, perché in fondo anche il feroce T-rex non fa così paura. Questi stickers scateneranno la fantasia di grandi e piccini, catapultatevi verso nuovi mondi e viaggi nel tempo.

Adesivi murali animali: qualunque gioco a portata di parete

Immaginate un dinosauro correre sulla cassettiera dei vostri figli, giratevi, li vedete quei gufetti proprio là? Vicino alla porta, appollaiati sul loro ramo. Ma non solo, dei pesciolini nuotano allegri a fianco al letto del vostro bambino. Ogni mondo è a portata di idee grazie a questi adesivi murali fantastici animali.

I salti sul letto diventeranno tuffi direttamente nel mare, salti nel tempo e in mondi mervaigliosi creati dalla fantasia. Quando i vostri figli saranno adulti e ripenseranno alla loro infanzia e alla loro casa, sicuramente si ricorderanno di questi stickers e rivivranno le mille avventure che hanno vissuto in quella stanza grazie a questo meraviglioso regalo. Aiuta i tuoi figli a coltivare le loro passioni, assecondali nei loro giochi, è importante stimolare le loro menti con avventure sempre nuove, nuovi giochi. E Quale migliore idea se non attraverso sticker per le pareti, immergetevi così direttamente nel gioco, ancora meglio se questi adesivi murali animali! Aiuteranno i vostri figli ad imparare a riconoscere i diversi animali, perciò all’attività ludica si unirà quella diidattica. Gli stickers murali animali possono perciò diventare un gioco costruttivo.

La praticità è fatta da adesivi murali

Non siete dei maghi del fai-da-te? Nessun problema! Non preoccupatevi perché l’applicazione di questi adesivi è un gioco da bambini! Basta rimuovere la pellicola protettiva e applicarli su qualunque superficie della casa, trasforma quando e come vuoi cassettiera, lettino, la parete o il porta giochi! Non è solo facile mettere questi adesivi murali, ma anche toglierli, se non siete soddisfatti della posizione, volete dare una nuova aria alla cameretta, una nuova avventura o semplicemente vostro figlio è cresciuto, potrete staccarlie riattaccarli – con estrema facilità. Questi sticker fantasia sono l’idea perfetta per decorare in modo semplice, veloce e in assoluta libertà. La scelta è ampia e così anche le misure, nessuno spazio è troppo grande o troppo piccolo e ogni bambino è accontentato. Una nota molto importante è che ogni adesivo murale è creato con materiali più che sicuri, proprio per renderli adatti a qualunque età, potrete perciò applicarli con i vostri figli, per un momento in più di condivisione e di gioco insieme. Questi stickers fantasia non lasceranno tracce sulla vostra parete, potrete attaccarli e staccarli a vostro piacimento senza preccuparvi. Scegliete i vostri adesivi murali animali: il colore, il tema, la posizione e la fantasia e il gioco faranno il resto!

Personalizza il tuo spazio con adesivi murali

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Dai un tocco di colore, personalizza, cambia il look degli ambienti interni della tua casa. Grazie a delle fantastiche decorazioni murali sarà molto facile! Ne esitono di tutti i tipi e forma: dalle scritte ai disegni potrai anche progettare il tuo adesivo e crearlo su misura con i tuoi gusti. Quante volte hai sognato di disegnare o scrivere sulle tue pareti quello che volevi ma la paura ti ha frenato? Ora puoi farlo senza che nessuno che ti blocchi. Potrai decorare qualsiasi spazio dalle pareti, alle piastrelle passando per porte, vetrine di negozi e di macchine e camerette per i bambini. Per gli amanti delle avventure, date un tocco animal o natural ai vostri muri per sperimentare nuove sensazioni, decorate con fantasie arabe il vostro bagno oppure viaggiate con la mente in giro per il mondo con le stampe trompe-l’oeil. L’alternativa c’è anche per le persone più classiche amanti dello stile vintage o neoclassico. E perché no, anche uno stile moderno ,più in voga in questi ultimi tempi, con fantasie e frasi che renderanno il vostro ambiente esattamente come voi desiderate. In poche parole, in questo modo chiunque può in maniera economica decorare con semplicità qualsiasi spazio gli venga in mente; è comodo, semplice e sicuramente molto più economico della normale pittura.

Rendere il tuo ambiente unico con le decorazioni murali

Perché voler ripiegare nella comune parete dipinta in tinta unita quando si può personalizzare in maniera efficiente e veloce il proprio spazio rendendolo unico e autentico? Diamo spazio alla creatività. Con gli adesivi murali possiamo ricreare l’atmosfera che più ci piace con la possibilità di poter scegliere con comodità tra una vasta gamma di opzioni per decorare le stanze che vogliamo. Gli stickers decorativi a muro calzeranno perfettamente a pennello con i gusti dei clienti: dai bambini agli adulti, tutti gli ambienti saranno personalizzabili. Il vostro bambino potrà viaggiare con la fantasia semplicemente guardando il muro della sua cameretta mentre voi potrete rilassarvi un un ambiente che vi siete creati e che vi sta particolarmente a cuore.  Questa unicità renderà la vostra abitazione un luogo interessante e curioso oppure affascinante e intrigante per tutte le persone che verranno a farvi visita. Cogliete l’attimo e iniziate a crearvi il vostro mondo nelle solite e banali quattro mura di casa!

Rimodernizzare una vecchia casa si può grazie alle decorazioni murali

Sentiamo molte volte in giro, magari da parenti e amici, che persone hanno avuto dei dubbi nell’acquisto di una vecchia casa data la carenza di estetica e allo stato di decadimento delle pareti. La soluzione non sta nel cercare una casa nuova appena sfornata nel mercato immobiliare ma nel ricercare le soluzioni adatte. Ecco qui che gli adesivi per parete ricoprono un’efficiente soluzione! Provare per credere: eliminiamo quella brutta carta da parati che ha rivestito i muri di questa bella e anziana casa per anni e scopriamo che ora possiamo inventare un nuovo stile. Che questo sia moderno o retrò, gli adesivi murali sono un vero e proprio oggetto di design perché grazie ad essi potremo rimodernizzare questa nostra vecchia casa e renderla perfettamente complementare con il mobilio che più ci piace.

Jabra porta al CES 2019 tutto il suo know-how nel settore audio

Scritto da Giorgio il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia Personale

Al Consumer Electronics Show di Las Vegas (CES) Jabra consolida la sua posizione come società esperta di dispositivi audio presentando un ampliamento della gamma di cuffie Elite e un aggiornamento di uno dei prodotti più premiati dal mercato.

Jabra, infatti, lancia l’aggiunta più recente alla gamma di cuffie Elite: le Jabra Elite 85h con tecnologia SmartSound; esclusiva Intelligenza Artificiale per ambienti audio adattivi. Queste cuffie all’avanguardia stabiliscono nuovi standard con la massima durata della batteria, altoparlanti personalizzati da 40 mm e suono cristallino con tecnologia avanzata a 6 microfoni. Al tempo stesso Jabra lancia la nuova Move Style Edition, una versione aggiornata delle cuffie wireless Jabra Move.

Quest’anno, GN (casa madre di Jabra) celebra 150 anni di innovazione audio. Da quando ha creato la prima cuffia Bluetooth per uso consumer – con oltre due mesi di anticipo rispetto alla concorrenza e aprendo la strada alle comunicazioni wireless sia nell’ambito aziendale che in quello consumer – Jabra continua a trovare soluzioni audio progettate appositamente per ogni scopo. Al CES saranno dunque presentate le ultime innovazioni degli esperti del suono della società danese.

Jabra Elite 85h con tecnologia IA per audio adattivo intelligente

La funzione SmartSound delle Elite 85h è stata sviluppata sulla base della tecnologia Soundscape della società audEERING. Questa funzione garantisce che l’audio delle cuffie si adatti automaticamente all’ambiente circostante. Sia che ci si trovi in una stanza affollata o ci si debba concentrare a bordo di un treno, la funzione SmartSound assicurerà la qualità migliore per chiamate ed esperienza musicale.

Le cuffie Elite 85h stabiliscono nuovi standard su tutta la linea, con autonomia della batteria di 32 ore (con funzione ANC attivata), suono cristallino con tecnologia avanzata a 6 microfoni, altoparlanti personalizzati da 40 mm per un’esperienza acustica di alta qualità e longevità da leader del settore.

Grazie alle caratteristiche SmartSound e al controllo Voice Assistant in modalità “mani libere” – che consente un accesso più veloce e più facile durante l’utilizzo dell’assistente vocale – le Elite 85h si presentano come le più intelligenti cuffie con funzione ANC attualmente sul mercato.

Al 100% in modalità “mani libere” con Alexa

La soluzione del microfono combinata con l’app Jabra Sound crea un’esperienza di accesso a Voice Assistant in modalità “mani libere”. Gli utenti non dovranno più toccare un pulsante sulle cuffie per interagire con Alexa, Siri® o Google Assistant™; tutto quello che dovranno fare è parlare per essere immediatamente connessi. Jabra è tra le prime società a presentare questa caratteristica, consentendo agli utenti di accedere ad Alexa invocando la parola “sveglia”.

Jabra Move Style Edition

Progettata per la fruizione wireless della musica in movimento, la cuffia Move Style Edition offre una durata della batteria aumentata fino a 14 ore, offrendo allo stesso tempo un suono eccezionale, comfort e peso leggero. È disponibile in tre nuovi eleganti colori, Titanium Black, Gold Beige e Navy.

Dall’esordio sul mercato nel 2014, le Jabra Move sono state ampiamente premiate nella categoria di costo inferiore ai 100 dollari per il loro eccellente suono wireless e l’esperienza musicale di alta qualità.

René Svendsen-Tune, CEO di Jabra, ha dichiarato: “L’innovazione è al centro di tutto ciò che facciamo. Ci spingiamo costantemente a esplorare nuovi territori creando partnership con marchi importanti come Amazon, audEERING, Microsoft e Red Bull. Questo per essere certi che stiamo fornendo ai nostri utenti solo le migliori soluzioni. La funzione SmartSound è la testimonianza del nostro impegno a essere i leader nello sviluppo del settore audio, dopo 150 anni nel business del suono.”

Al CES Jabra presenterà inoltre un’espansione della gamma Elite Active, per uso sportivo: gli Elite Active 45e. Questi auricolari impermeabili offrono un design migliorato del gancio auricolare che non solo promette una vestibilità sicura, ma garantisce anche un comfort a lungo termine. La durata della batteria fino a nove ore offre agli utenti la possibilità di fare una settimana di allenamenti fisici con una singola carica. Il lancio degli auricolari è previsto per il primo trimestre del 2019.

Voice Activation in Cina

Jabra è poi in procinto di annunciare l’integrazione completa della funzione Voice Activation (VA) con i giganti della tecnologia cinese Baidu, Tmall, Tencent e iFlytek. L’integrazione vocale sta cambiando completamente il modo in cui interagiamo con i dispositivi migliorando le nostre esperienze quotidiane, e con queste nuove integrazioni Jabra dimostra il suo impegno nell’esplorare soluzioni pionieristiche in Cina e nel rendere l’esperienza VA uguale in tutto il mondo.

Prezzo e disponibilità

Per maggiori informazioni su Jabra Elite 85h, Jabra Move Style and Elite Active 45e: www.it.jabra.com.

  • Le Jabra Elite 85h saranno disponibili da aprile 2019 presso rivenditori selezionati, al prezzo di vendita suggerito di 299 euro.
  • Le Jabra Move Style saranno disponibili da metà gennaio 2019 presso rivenditori selezionati, al prezzo di vendita suggerito di 99 euro.

Come scegliere quadri per arredamento: consigli

Scritto da Danilo De Luca il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

In un arredamento, i quadri sono senza dubbio una componente importante e che può fare la differenza. Questo perché arricchiscono un arredo, lo rendono più vissuto e soprattutto eliminano quella fastidiosa sensazione di vuoto al muro.
Ma come fare a scegliere i quadri perfetti per una casa di design? Lo sappiamo, può risultare alquanto difficile, soprattutto se non si hanno grandi conoscenze in materia. Tuttavia nulla è impossibile. Potete, ad esempio, affidarvi a degli specialisti del settore, che vi aiutino nella scelta oppure fare direttamente da soli.
In questo ultimo caso, ecco una guida utile per capire quali quadri scegliere per il proprio arredamento casalingo e non.

Attenzione allo stile prescelto

Ogni casa detiene un proprio stile. C’è chi sceglie di arredare appoggiando un design minimal, quindi lineare, essenziale e molto ordinato e chi sceglie invece qualcosa di più caloroso come il vintage, lo shabby chic o l’industria. Ebbene, quando si scelgono i quadri per il proprio arredamento, non si può assolutamente ignorare il fattore stile. Se, ad esempio, la vostra casa è minimal, dei quadri con cornice in argento acquistati da dei grossisti argento potrebbero fare al caso vostro. Di contro, se il vostro è uno stile un po’ più retrò, spaziate con i colori e le fantasie per una casa ancor più calorosa.

Che tema scegliere?

Per quanto concerne il tema, anche qui potete spaziare. Esiste il tema astratto, la natura morta, il minimal e qualsiasi altra tipologia di tema. Anche in questo caso non si può ignorare lo stile prescelto per quanto riguarda l’arredamento della vostra casa. Per quanto concerne il tema e le colorazioni, in linea di massima si segue la teoria degli opposti, in modo da staccare e creare dei piacevoli contrasti alla vista. Ma come detto, tutto dipende sempre da che tipo di design e abitazione avete scelto e possedete.
Un esempio? Se la vostra casa è arredata con uno stile vintage, sarebbe bene preferire quadri retrò come con natura morta o paesaggi più notturni e naturalistici. Di contro, se siete tipi un po’ più moderni, meglio optare per quadri più astratti e dalle forme uniche ed incomparabili.

Chatbot ecommerce, il canale di comunicazione preferito dall’84% dei clienti

Scritto da Massimo Tegon il . Pubblicato in Aziende, Internet

Il cliente deve avere delle risposte rapide: a volte basta solo mezz’ora di attesa per far sfumare la vendita. Ma come è possibile rispondere tutti i giorni, a tutte le ore, in tempo reale, a tutti i clienti? Facendosi aiutare da un chatbot ecommerce, un vero e proprio personal shopper virtuale.

Chatbot ecommerce il personal shopper virtuale che risponde in tempo reale ai clienti

Usciamo per andare a comprare qualcosa, entriamo in un negozio e ci aggiriamo tra la merce esposta sugli scaffali. E se avessimo bisogno di suggerimenti, consigli o maggiori informazioni sui prodotti da acquistare a chi chiederemmo? A una commessa, aspettando che finisca di aiutare il cliente entrato prima di noi.

Cosa succede, invece, se “entriamo” in negozio online, in caso di bisogno? A chi possiamo chiedere aiuto nella scelta dei prodotti o informazioni sulla spedizione? Esiste qualcuno in grado di risponderci immediatamente, anche se nel frattempo sta aiutando altri clienti?

La risposta è sì, esiste. È DigiBot, il bot per ecommerce dotato di Intelligenza Artificiale che risponde autonomamente alle domande dei clienti, invia offerte, vende prodotti e si fa pagare. Un vero e proprio personal shopper virtuale.

Nato da un’intuizione di Marketing Informatico, web agency che si occupa di marketing da 11 anni, DigiBot è un chatbot ecommerce che non solo si occupa della vendita diretta del prodotto ma ascolta le domande dei clienti, li consiglia e li aiuta nell’acquisto, raccoglie informazioni sulle preferenze e sui dati personali dell’acquirente. Tutti i giorni. A tutte le ore. In tempo reale.

Digibot di professione fa il personal shopper ecommerce ed è, per deformazione professionale, molto sociale. È in grado, infatti, di integrare un e-commerce con Facebook e Messenger.
E, dati alla mano, è anche questoil suo valore aggiunto: associare le piattaforme social al sito e-commerce. Infatti, ben 900 MILIONI di persone in tutto il mondo utilizzano la messaggistica di Facebook, 50 MILIONI sono le società che usano la chat di Facebook per motivi lavorativi e sono 60 MILIARDI i messaggi inviati tramite Messaggistica Facebook e similari.

Ma perché scegliere di installare un bot per ecommerce?
Ben 82% dei clienti vuole risposte rapide, il 74% vuole trovare facilmente informazioni quali indirizzo e orario di apertura e il 61% vuole un’area contatti intuitiva e responsive.
E come funziona Digibot, il personal shopper virtuale?
Il cliente pone un quesito sulla pagina Facebook o su Messenger, il chatbot ecommerce sceglie la migliore delle risposte da dare a partire da un dizionario di parole precedentemente settate, che gli permettono di capire la domanda e articolare una risposta pertinente. Il cliente riceve così una risposta intelligente in tempo reale. Utilizzare un bot per ecommerce rende possibile impostare, quindi, un’interazione automatica della messaggistica per un customer service efficace e always-on.

Inoltre, Digibot non va mai nel panico, non è permaloso, non si arrabbia mai e non dice parolacce. È un personal shopper per ecommerce calmo e accondiscendente. E se non riesce a rispondere non perde tempo: passa la conversazione al collega umano. Non stupisce quindi che i chatbot ecommerce sono il canale di comunicazione preferito dall’84% dei consumatori.

I bot ecommerce sono uno strumento promozionale e di marketing davvero all’avanguardia, capace di offrire alle aziende un nuovo servizio social oriented, che produce incassi e guadagni aggiuntivi risparmiando tempo e denaro, ma, soprattutto, accontentando il cliente.

Fonte: marketinginformatico.it

Decenni di servizio nel settore energetico: Roberto Casula

Scritto da newsrconline newsrconline il . Pubblicato in Affari, Aziende

Dopo aver completato gli studi nella natìa Sardegna, ha vissuto e lavorato tra Asia e Africa arrivando infine ai vertici di Eni S.p.A. La vicenda di Roberto Casula è paradigmatica di come l’esperienza concreta sul campo sia fondamentale per l’avanzamento di carriera.

Roberto Casula

Roberto Casula: le prime esperienze professionali

Roberto Casula nasce a Cagliari nel 1962, laureandosi come ingegnere minerario nel 1988 presso l’Università della città. Terminato il percorso di studi, trova impiego presso Agip S.p.A., dove resta fino al 1991. In questi anni ha il compito di amministrare le prove di produzione e acquisizione dei dati sui pozzi e della verifica del comportamento dinamico dei giacimenti petroliferi, àmbiti nei quali si specializza nel corso del tempo e che diventano quindi il focus primario della sua attività. Nel 1992 viene spostato nella consociata del gruppo Agip Angola Ltd, la quale ha la propria sede a Luanda, città capitale dell’omonimo stato dell’Africa Centro-Occidentale, e al cui interno è incaricato delle operazioni di mantenimento e sviluppo. Nel 1997 Roberto Casula ha l’occasione di ritornare a lavorare in Italia e inizia quindi a occuparsi di un progetto di coordinamento produzione e sviluppo sempre all’interno di Eni S.p.A.: questa novità a livello di posizione professionale è un modo per lui utile per impegnarsi nuovamente nei processi relativi ai Paesi dell’Africa Occidentale, insieme a quelli del Medio Oriente, soprattutto per quello che concerne commercio e operatività.

I traguardi raggiunti negli ultimi decenni da Roberto Casula

Agli inizi del 2000 Roberto Casula cambia nuovamente ruolo all’interno di Eni, avanzando di livello: prima è infatti Responsabile dei Servizi Tecnici di progetto nella Repubblica Islamica d’Iran e successivamente Manager delle fasi 4 e 5 del progetto Giant South Pars Gas. Per lavorare al meglio in questa seconda nuova funzione, si trasferisce a vivere nella capitale iraniana Teheran. Ritornato brevemente in Italia nel 2004, poco dopo parte per la Libia, precisamente a Tripoli, dove è prima impiegato come Managing Director per il Nord Africa e poi come Senior Vice President della Regione Sub-Sahariana. A corredo di questo secondo e ultimo ruolo, Roberto Casula colleziona a partire dal 2011 per conto di Eni la chiusura di molteplici e importanti contratti commerciali in varie nazioni africane. Il premio per il lungo impegno sul campo in Eni arriva nel luglio 2014, quando diventa Chief Development Operations & Technology Officer e riporta così sulle attività tecniche, operative, project e di R&D direttamente all’Amministratore Delegato. Negli ultimi anni il nome Roberto Casula è stato associato alla nomina ai vertici di Assomineraria.

Corte costituzionale: la carriera del Giudice Nicolò Zanon

Scritto da nzprnews il . Pubblicato in Aziende

Nicolò Zanon si laurea in Giurisprudenza a Torino con una tesi in Diritto pubblico comparato: la sua carriera inizia negli anni ’90 e lo porta a insegnare in prestigiose università italiane, fino a ricoprire l’incarico di Giudice della Corte costituzionale su nomina del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Nicolò Zanon

Nicolò Zanon: la formazione e l’attività di docente

Originario di Torino, Nicolò Zanon si laurea a piani voti in Giurisprudenza, presentando una tesi in Diritto Pubblico comparato. Dopo aver ottenuto il titolo di dottore di ricerca in Diritto comparato presso l’Università di Firenze, inizia a lavorare nel 1996 come Assistente di studio del giudice costituzionale prof. Valerio Onida e, al contempo, termina gli studi approfondendo le proprie conoscenze anche all’estero, in Francia e in Germania. La sua carriera accademica inizia come professore a contratto di Istituzioni di diritto pubblico presso l’Università Bocconi di Milano. Nicolò Zanon insegna, inoltre, presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Padova e presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università Milano-Bicocca. Attualmente prosegue il suo impegno accademico come Professore Ordinario (fuori ruolo, per l’incarico alla Corte costituzionale) di Diritto costituzionale nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Milano, dedicandosi inoltre alla produzione scientifica: si occupa principalmente di tematiche legate alla posizione costituzionale dei parlamentari e alla loro tradizionale libertà da vincoli di mandato. Si interessa di giustizia costituzionale e di problemi inerenti alla difesa dei diritti fondamentali, nell’ordinamento italiano così come in quelli esteri.

Nicolò Zanon: la produzione scientifica e gli incarichi attuali

Oltre alla sua attività di docente, Nicolò Zanon è attualmente Giudice della Corte costituzionale su nomina del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ricopre questo incarico dal 18 ottobre 2014. Nel 2017 ha ricevuto il titolo di Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Dall’ottobre del 2000 a luglio 2010 è stato membro del Comitato Legislativo della Regione Lombardia. Ha collaborato con la Commissione parlamentare per le questioni regionali in qualità di consulente, oltre a far parte del board “Riforme e garanzie” della Fondazione Magna Carta. Per dieci anni, a partire dal 2001 Nicolò Zanon è stato membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Italiana per la ricerca contro il cancro (FIRC). Nel 2013 entra a far parte della Commissione dei cd. “saggi” per la revisione della parte seconda della Costituzione. La produzione scientifica del giurista e docente è ricca ed articolata: autore di numerosi articoli per riviste giuridiche italiane e straniere, ha fatto parte del comitato di redazione di “Ideazione”, del comitato scientifico di “Giurisprudenza costituzionale” e della direzione di “Quaderni costituzionali”. Ha svolto l’attività di editorialista per importanti quotidiani italiani quali “Il Sole 24 Ore”, “Il Giornale” e “Libero”.