Stefano Nesti: le esperienze professionali, dal real estate al gaming online

Scritto da web officesn il . Pubblicato in Affari, Aziende

A lungo attivo nel real estate come dirigente, Stefano Nesti oggi nel ruolo di Chief Operating Officer sovrintende a tutte le opreazioni di Logispin

Stefano Nesti: prime esperienze professionali e formazione

Manager di origini toscane, Stefano Nesti nasce in provincia di Pistoia, nel piccolo comune di Montale. Passata qui l’infanzia, si trasferisce a Milano dove si forma e consegue il diploma in ragioneria. Dopo la fine degli studi, comincia il suo percorso professionale nel real estate e collabora con diverse realtà attive nel settore, assumendo ben presto ruoli di rilievo. Al termine della prima metà degli anni ’90 torna in Toscana, regione dove è incaricato nel 1994 di guidare con l’incarico di Amministratore Delegato le attività di Teorema S.r.l., società di Montecatini Terme, assumendo otto anni più tardi lo stesso ruolo per SOVIC S.r.l. Nel 2009 ha inizio una nuova avventura professionale: Stefano Nesti investe infatti in GB Invest Holding AG, gruppo proprietario del 100% delle quote di GoldBet Sportwetten GmbH, divenendone azionista di minoranza. Concluso l’acquisto dell’intero capitale societario, si trasferisce a Innsbruck, città austriaca dove si occupa del processo di ristrutturazione aziendale e contribuisce all’espansione sui mercati esteri delle attività. In questo periodo porta a termine sia la fusione con Logispin Uk Limited (2014), sia lo sbarco nel sistema concessorio italiano. Successi che valgono a GoldBet un ruolo da protagonista nel settore del gaming, capace di raggiungere in pochi anni lo storico player Snaitech al primo posto per volume di raccolta.

Logispin, il contributo professionale di Stefano Nesti

Lasciato al figlio il controllo del gruppo nato dalla fusione di Goldbet e Logispin Uk Limited, Stefano Nesti si trasferisce nella capitale inglese dove risiede e lavora attualmente. Inizialmente attivo come International Development Director, il professionista di origini toscane ha assunto nel 2017 il ruolo di COO, Chief Chief Operating Officer,vedi sopra. Fondata nel 2009 con sede a West Byfleet, Logispin è specializzata nello sviluppo di software e prodotti nel settore del gaming & entertainment per società terze. Grazie alla profonda preparazione e competenza dei suoi tecnici è pronta a fornire un’ampia gamma di servizi e prodotti che spaziano dall’elaborazione di piattaforme software agli innovativi virtual games, fino all’ottimizzazione ed alla customizzazione dei software di terze parti ed alla loro integrazione in ogni tipo di piattaforma, ed alla gestione dei servizi di marketing e back office,, assicurando al contempo una customer experience sempre tesa al raggiungimento delle migliori performance in termini di velocità, ottimizzazione e accessibilità. Controllato dalla holding Sports & Entertainment Invest Gmbh, il Gruppo Logispin vanta oggi al suo interno 10 società, con una presenza estesa a numerosi Paesi, Italia, Regno Unito, Austria, Malta e Serbiae vanta clienti non solo in Europa ma anche in Africa e nel continente americano.

Conto Termico 2.0: Carlo Malinconico al lavoro per le istruttorie

Scritto da weboffice cm il . Pubblicato in Affari, Aziende

L’apporto dello Studio Legale Malinconico all’accordo quadro stipulato insieme a realtà del settore energetico per l’affidamento delle attività di istruttoria circa gli incentivi del Conto Termico 2.0: un ulteriore incarico di rilievo per l’avvocato Carlo Malinconico.

Carlo Malinconico

Carlo Malinconico: il ruolo dello Studio Legale Malinconico nelle istruttorie del Conto Termico 2.0

È stata affidata allo Studio Legale di Carlo Malinconico la gestione degli aspetti legali dell’accordo quadro stipulato con Gse – Gestore dei Servizi Energetici insieme a Rea – Reliable Energy Advisors e Nrg.it per le attività di istruttoria tecnico-amministrativa finalizzate a regolamentare le richieste di ammissione agli incentivi previsti dal Conto Termico 2.0. Il nuovo sistema di incentivazione riconosce l’impegno in materia di energia sostenibile: premia infatti gli interventi di incremento dell’efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti rinnovabili effettuati in impianti di piccole dimensioni. I principali beneficiari sono le Pubbliche amministrazioni, ma anche imprese e privati che possono accedere a fondi per 900 milioni di euro annui: di questi 200 vengono destinati alle PA. L’accordo stipulato anche dallo Studio Legale Malinconico prevede inoltre lo svolgimento di approfondimenti e ricognizioni di normativa tecnico specialistica. A occuparsi delle istruttorie tecniche sarà invece un team paritetico tra la società di advisory Rea e la ESCo Nrg.it. In passato Carlo Malinconico aveva già avuto modo di collaborare in più occasioni con Gse: in veste di difensore ha supportato la realtà nella risoluzione di diversi contenziosi amministrativi.

Carlo Malinconico: il profilo professionale del titolare dello Studio Legale Malinconico

Con una carriera quarantennale alle spalle maturata in ambito giuridico, accademico e istituzionale, Carlo Malinconico è oggi tra i legali più conosciuti del Paese. Si laurea nel 1972 in Giurisprudenza all’Università “Statale” di Milano e, dopo il superamento dei concorsi pubblici in magistratura e a Procuratore dello Stato, comincia a lavorare presso l’Avvocatura dello Stato occupandosi di casi di spessore internazionale. Nel 1985 arriva primo in graduatoria nel concorso che lo porterà a diventare Consigliere di Stato. Nel 2003 fonda lo Studio Legale Malinconico, vincitore per ben due volte del Premio internazionale “Le Fonti”. L’anno precedente aveva cominciato a svolgere attività di docenza presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Udine: un incarico che continuerà a svolgere in seguito anche in quella di Roma “Tor Vergata”. Carlo Malinconico annovera diverse esperienze anche in campo istituzionale: è stato Capo del Dipartimento degli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei Ministri (1996 – 2001), Direttore generale dell’Autorità dell’energia elettrica e del gas (2002), Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel Governo Prodi II (2006 – 2008). Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’editoria, agli affari regionali e al coordinamento amministrativo durante il Governo Monti, tra il 2008 e il 2011 ha ricoperto la posizione di Presidente della Federazione Italiana Editori Giornali. Nel 2016 gli è stato consegnato il Premio “Le Fonti” come Avvocato dell’anno nel settore del diritto amministrativo.

Acquisto e vendita case? A Busto Arsizio c’è Top Casa, agenzia immobiliare con oltre 20 anni di esperienza

Scritto da mybookmarkservice il . Pubblicato in Affari, Aziende, Casa e Giardino

Top Casa si offre come supporto esperto nell’acquisto e vendita di case a Busto Arsizio, Gallarate, Legnano e comuni limitrofi nelle provincie di Varese e Milano e garantisce un servizio completo con gestione di pratiche e aste.

Vuoi cambiare casa? Non entrare nel panico!
Vendere e acquistare casa oggi sembrano operazioni molto complicate, ed effettivamente bisogna prestare molta attenzione se si vogliono evitare truffe e problemi con acquirenti e venditori.
E’ sempre meglio affidarsi ad un’agenzia seria e affidabile, con oltre 20 anni d’esperienza, che segua ogni pratica con dedizione e professionalità e che offra un servizio a 360 gradi… Dove trovarla?
Per acquisto, affitto e vendita di case, a Busto Arsizio c’è Top Casa, l’agenzia immobiliare che ti segue passo passo e realizza i tuoi sogni!

affitto case busto arsizio

Dalla ricerca dell’acquirente, alla firma del contratto: per vendita case a Busto Arsizio scegli Top Casa

Vendere il tuo immobile è una responsabilità, scegli di affidarti solo a professionisti.
Con Top Casa avrai la garanzia di massimo impegno e serietà nella vendita di case a Gallarate, Busto Arsizio, Legnano e comuni limitrofi nelle provincie di Varese e Milano.
Il sito di Top Casa è strutturato in modo da mettere in evidenza nel migliore dei modi gli immobili in vendita con tutte le loro caratteristiche. Top Casa collabora inoltre con tutti i siti immobiliari più popolari per dare ancora più visibilità agli immobili e garantire le migliori condizioni per una vendita veloce e soddisfacente.
Sarai seguito fin dalle prime fasi per valutare insieme il prezzo più adatto, con consultazione di ogni documento per individuare criticità e loro risoluzione, fino alle fasi successive al rogito di vendita.

Top Casa, il top per affitto di case a Busto Arsizio, Gallarate, Legnano

Top Casa garantisce un numero di problemi pari a… Zero!
Per l’affitto di case a Busto Arsizio e limitrofi vengono effettuati controlli sugli inquilini e sui redditi a garanzia: se il team di Top Casa non è convinto, il contratto di affitto non viene stipulato.
L’agenzia di Busto Arsizio ha abbracciato la filosofia secondo cui è meglio un contratto firmato in meno che un problema in più su un contratto stipulato in modo superficiale.
Stipula di contratti di locazione e registrazione telematica dei contratti vengono eseguiti senza costi aggiuntivi, cosa aspetti, per l’affitto, l’acquisto o la vendita dei tuoi immobili, affidati a Top Casa!

Immobiliare Cambio Casa: vendita appartamento Taranto uso ufficio

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Affari, Casa e Giardino, Economia

Versatilità e qualità: si potrebbe sintetizzare con questi due aggettivi la strepitosa proposta che l’agenzia immobiliare a Taranto Cambio Casa ha riservato ai suoi visitatori. E sì perché l’offerta di cui parleremo in questo articolo merita davvero di essere valutata con massima attenzione, soprattutto per chi a Taranto è alla ricerca di un appartamento spazioso che si adatti ad ogni tipo di esigenza.

La proposta riguarda la vendita di un quadrilocale in stabile signorile situato in zona Solito Corvisera, precisamente in Via Dante angolo Via Solito (ex Hotel Principe). Recentemente ristrutturato, questo appartamento è adibito ad uso ufficio, ma è facilmente trasformabile in abitazione. I suoi 110 mq di grandezza sono suddivisi in un ingresso con sala d’attesa, un ampio salone, 2 camere e cucina (che attualmente rappresentano rispettivamente uffici e accettazione), un bagno e un antibagno.

L’abitazione, che presenta un elegante affaccio esterno angolare, oltre a presentarsi in perfetto stato è dotata di una serie di comfort molto utili dal punto di vista della funzionalità e della sicurezza, grazie alla presenza di infissi in vetro camera, tapparelle elettriche, aria condizionata caldo/freddo, porta blindata e nuovissimo impianto d’allarme. A ciò si aggiunge la presenza nello stabile di ascensore e riscaldamento autonomo.

Insomma, questa proposta immobiliare rappresenta indubbiamente la soluzione ideale non solo per le famiglie, ma anche per i liberi professionisti che stanno valutando di acquistare un appartamento a Taranto da adibire ad ufficio per poter esercitare la propria professione in tutta comodità.

Luigi Ferraris: Terna “best improver” in Europa per la comunicazione web

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

I risultati dell’edizione 2017-2018 di Webranking Europe, la ricerca europea sulla trasparenza della comunicazione corporate attraverso i canali digitali, riconosce l’impegno di Terna, il player di riferimento del settore energetico che Luigi Ferraris guida dall’aprile 2017.

Luigi Ferraris, AD Terna

Luigi Ferraris: Terna “best improver” nella Webranking Europe 500 sulla comunicazione digitale

Come si raccontano sul web le grandi aziende del Paese? Promuovendo trasparenza e competenze. È quanto emerge dal Webranking Europe 500, la ricerca di Lundquist che ogni anno valuta qualità ed efficacia della comunicazione aziendale sui canali digital. Tra le 500 aziende quotate in Europa che sono state prese in esame, 29 sono italiane e di queste ben quattro rientrano nella top ten. Terna, tra i principali operatori di reti per la trasmissione dell’energia, guadagna 85 punti su 100 salendo al sesto posto. Il gruppo guidato da Luigi Ferraris registra la miglior performance di crescita su base annua: è infatti la società che ha visto aumentare di più il proprio punteggio (+18,8) tra le 500 europee analizzate dall’agenzia svedese Comprend, specializzata nella comunicazione corporate digitale. Ma Terna non si configura solo come best improver: l’azienda conquista anche il podio tra le top performer sulla sostenibilità. Un traguardo rilevante, considerando l’importanza che il tema riveste anche per la società guidata dall’AD Luigi Ferraris e che, come attesta l’indagine, trova sempre più spazio sui canali web del gruppo.

Luigi Ferraris: il profilo professionale dell’AD di Terna

Da aprile 2017 Amministratore Delegato e Direttore Generale di Terna, Luigi Ferraris inizia la propria carriera nel settore auditing di PriceWaterhouse e successivamente viene chiamato a ricoprire posizioni manageriali in importanti aziende attive anche all’estero come Piaggio VE, Agusta e Sasib Beverage. Nel 1998 diventa Chief Financial Officer (CFO) in Elsacom, società del Gruppo Finmeccanica. L’anno seguente entra in Gruppo Enel, dove resta per quindici anni circa svolgendo diversi incarichi in ambito finanziario e gestionale: Amministratore Unico e Presidente, con delega, di Enel Servizi, Responsabile della Pianificazione e Controllo e Direttore della Funzione Amministrazione, Pianificazione e Controllo delle attività del Gruppo, nonché Chief Financial Officer. Nominato inoltre Presidente di Enel Green Power S.p.A., ha operato come Consigliere d’Amministrazione in Endesa S.A., Wind Telecomunicazioni S.p.A., Enel Produzione S.p.A., Enel Distribuzione S.p.A. ed Enel Investment Holding BV. Tra il 2009 e il 2014 Presidente di Enel Factor S.p.A., viene poi nominato CFO di Poste italiane prima di approdare a Terna. Luigi Ferraris tiene corsi di “Energy management” nell’ambito del Master in Business Administration, “Strategie d’impresa”, “Planning and Control” e “Sistemi di controllo di Gestione”. È laureato in Economia Politica presso l’Università di Genova.

l’Importanza dell’Oro nell’Economia Reale e nella Finanza Moderna

Scritto da comproorofirenze il . Pubblicato in Affari, Aziende

La finanza moderna è caratterizzata da un gran numero di prodotti finanziari evoluti e innovativi, nonostante anche in questo ambito di estrema volatilità esiste una costante antica che anche oggi si impone al di là del tempo e degli eventi.
Questa costante si chiama oro, fin dalla notte dei tempi questo metallo prezioso ha determinato scelte e destini di interi popoli ed oggi continua ad avere un ruolo importante se non decisivo anche nelle economie moderne.
L’oro ha la caratteristica che riesce ad essere importante sia nella finanza moderna fatta dai mercati azionari sia nell’economia reale fatta di compra vendita di beni quotidiani.
A testimonianza di quanto sia reale l’importanza dell’oro anche nell’economia reale ci sono molti esempi, uno di questi sono i compro oro pisa, roma, milano e di tutte le altre città e non solo italiane.
Questo bene può essere venduto e acquistato in modo molto semplice anche quando si tratta di semplici oggetti e gioielli, per questo motivo l’oro ha un valore così importante anche nell’economia reale nessun bene è così facilmente monetizzabile.
Praticamente avere oro equivale quasi ad avere denaro contante con il vantaggio che questo bene prezioso ha la capacità di mantenere il suo valore anche durante i periodi di crisi economica più gravi.
Ciò che rende universale l’importanza dell’oro è che il suo valore è uguale in tutto il pianeta ed è stabilito in modo credibile da un meccanismo di valutazione ufficiale denominato Fixing dell’Oro, questo sistema consiste in una riunione delle più importanti banche del mondo che in base all’andamento della compra vendita quotidiana dell’oro ne stabiliscono il prezzo.
La credibilità dell’oro come bene di investimento è indiscussa a tutti i livelli basti pensare che ad assicurare parte delle proprie riserve finanziarie con l’oro sono addirittura gli stati sovrano che per mezzo delle proprie banche accumulano riserve auree di ingente valore.
La forza dell’oro nel mantenere il proprio valore è stata capace di resistere non solo alla più profonde crisi finanziarie mondiali ma anche alla distruzione e alle difficoltà delle guerre mondiali più devastanti quando il commercio di materie prime tra i diversi stati avveniva per mezzo di pagamenti in oro, l’unico che anche in quel periodo riusciva a mantenere credibilità come forma di pagamento.

Luigi Ferraris: Terna collabora con Luiss per investire sui giovani talenti

Scritto da pressreleaself releaself il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

In occasione della presentazione delle iniziative Future Project Leaders e International Training Program, l’AD di Terna Luigi Ferraris è intervenuto per evidenziare le finalità dei due progetti e per sottolineare l’attenzione della società verso la formazione dei giovani talenti.

Luigi Ferraris, CEO Terna

Luigi Ferraris alla presentazione delle iniziative di Terna e Luiss

Valorizzare la crescita dei talenti ad alto potenziale attraverso il reclutamento e lo sviluppo del capitale umano: questo l’obiettivo principale delle iniziative Future Project Leaders e International Training Program, sostenute in collaborazione da Terna e dall’Università Luiss. Sono intervenuti alla presentazione della partnership Luigi Ferraris, AD della società leader nel comparto energetico, Paola Severino, rettore dell’Ateneo, Giovanni Lo Storto, Direttore Generale della Luiss, e Andrea Prencipe, prorettore vicario della Luiss. Una collaborazione che “nasce dalla consapevolezza che investire sulla formazione rappresenti un tassello fondamentale nel percorso di generazione di valore per l’intero sistema Paese”, come sottolineato dallo stesso Luigi Ferraris . Le iniziative sono state avviate con l’obiettivo di formare future professionalità di eccellenza nel settore dell’energia. Quello delle risorse umane è infatti un aspetto verso cui Terna presta da sempre la massima attenzione, già in partnership con l’Università Luiss. Attraverso programmi didattici all’avanguardia, i giovani professionisti del futuro avranno la possibilità di esprimere la loro creatività con un’attenzione molto forte al tema della sostenibilità.

Terna e Luiss: finalità e caratteristiche delle iniziative

Sono due le iniziative nate dalla collaborazione tra Terna e l’Università Luiss. Il Future Project Leaders promosso dalla società guidata dall’AD Luigi Ferraris si rivolge a giovani talenti che già operano in ambito aziendale e ha l’obiettivo di individuarne i più brillanti, indirizzandoli verso specifici programmi di formazione. Attraverso la Business School della Luiss, i futuri Project CEO seguiranno un percorso manageriale competitivo che li porterà anche a conseguire, grazie a Terna, le certificazioni riconosciute a livello mondiale. La seconda iniziativa, l’International Training Program, è destinata invece a studenti di Ingegneria e/o Economia che frequentano università internazionali. Ogni anno alcuni fra i migliori studenti dei Paesi extra-europei, in particolare del Sud America, verranno selezionati per partecipare a un programma di alto livello teso al rafforzamento delle potenzialità di leadership e all’acquisizione di nuove competenze fondamentali per il mercato energetico. Anche in questo caso, il supporto formativo sarà fornito dall’Università Luiss e, a seguito del completamento della prima fase di apprendimento, i neolaureati avranno l’opportunità di portare la loro esperienza all’interno dell’azienda.

Estrarre Oro senza Inquinamento

Scritto da comproorofirenze il . Pubblicato in Affari, Aziende

Estrarre oro ed altri metalli è un’attività complessa che implica un alto tasso d’inquinamento per le zone circostanti alla zone di estrazione aurifere, almeno fino ad oggi, sembra infatti che rivoluzionarie scoperte in ambito scientifico potrebbero permettere di mettere a punto un metodo ecologico che potrebbe portare ad avere un impatto ambientale minimo e non solo per quanto riguarda l’estrazione di oro nuovo dal terreno ma anche per quanto riguarda il recupero dell’oro usato presente rifiuti tecnologici che rischiano di divenire un problema di livello mondiale vista la diffusione di dispositivi elettronici.

Fino a quando il metodo ecologico per estrarre oro non sarà accettato dalle grandi società minerarie l’unico metodo di riciclo dell’oro funzionante sono le attività compro oro firenze, roma ma ,milano e di qualsiasi altra città o paese, perpetrando l’inquinamento di ambienti anche bellissimi e pieni di natura.

Attualmente per il recupero e la separazione dell’oro dagli altri metalli naturali o lavorati viene usato niente di meno del cianuro, questo pericoloso veleno potrebbe però essere sostituito dall’amido di mais una sostanza naturale totalmente innocua e anche molto più molto economica non solo solo per il valore intrinseco della sostanza ma anche per l’eliminazione dei complicati metodi di sicurezza necessariamente introdotti per gestire un veleno come il cianuro.

La scoperta, che come accade spesso è stata fatta casualmente durante alcuni esperimenti con altre finalità, potrebbe davvero cambiare il modo di affrontare il recupero e l’estrazione dell’oro portandolo ad essere non solo un’attività redditizia ma anche con interessanti risvolti positivi da un punto di vista ambientale, favorendo così il corretto smaltimento di tonnellate di rifiuti elettronici.

Fino a quando il metodo ecologico per estrarre oro non sarà accettato dalle grandi società minerarie l’unico metodo di riciclo dell’oro funzionante sono le attività compro oro firenze, roma ,milano e di qualsiasi altra città o paese, perpetrando l’inquinamento di ambienti anche bellissimi e pieni di natura.

Eni: gli incarichi svolti dal manager Roberto Casula

Scritto da newsrconline newsrconline il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

Manager e ingegnere con esperienza pluridecennale nel campo dell’Oil&Gas, Roberto Casula è stato nominato nel 2014 Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni.

Roberto Casula

Roberto Casula, l’esperienza in Agip

Nato nel 1962, Roberto Casula si forma in Sardegna dove ha conseguito, nel 1988, la laurea in Ingegneria Mineraria presso l’Università degli Studi di Cagliari. Superato l’esame di abilitazione alla professione di Ingegnere, entra in Agip come Reservoir Engineer, ovvero ingegnere di giacimento. Ruolo grazie al quale sviluppa una profonda conoscenza e specializzazione in materia di prove di produzione, comportamento dinamico dei giacimenti di idrocarburi e acquisizione dati sui pozzi. L’anno seguente si trasferisce nella capitale dell’Angola, Luanda, per seguire con l’incarico di Reservoir Engineer, Petroleum Engineer e Chief Development Engineer (a partire dal 1994) le attività della consociata Agip Angola Ltd. Fatto ritorno in Italia, nel 1997 Roberto Casula inizia a ricoprire presso la sede di San Donato Milanese l’incarico di Development and Production di Eni S.p.A., responsabile del coordinamento delle attività operative all’interno dei Paesi nelle zone dell’Africa occidentale e centro-asiatiche. Il nuovo ruolo assunto segna per il professionista cagliaritano l’ingresso ufficiale nel Cane a sei zampe e l’inizio di una crescita professionale che lo porterà diversi anni dopo ai vertici del colosso energetico.

Gli incarichi ricoperti da Roberto Casula in Eni

Entrato a far parte della compagnia petrolifera di San Donato, a termine della lunga esperienza in Agip, dopo aver svolto la mansione di Development and Production per Eni, Roberto Casula diventa, nel 2000, Responsabile dei Servizi Tecnici di Progetto per l’Iran. Paese dove in quel periodo si va sviluppando il progetto Giant South Pars Gas fasi 4-5 e di cui è, sino al 2004, Project Director. Nello stesso anno assume l’incarico di Managing Director di una consociata del Gruppo Eni, Eni Mediterranea Idrocarburi S.p.A., e per la quale dirige le attività di esplorazione e produzione che hanno luogo in Sicilia. Trasferitosi l’anno successivo in Libia per seguire, nel medesimo incarico, Eni Nord Africa BV, torna nuovamente nel Belpaese nel 2007. Qui viene nominato Senior Vice President per l’area della Regione Sub-Sahariana, dove è chiamato, presso la sede di Abuja, Nigeria, a rivestire in seguito anche la funzione di Presidente delle consociate presenti sul territorio. Executive Vice President, dal 2011, con responsabilità sull’Africa e il Medio Oriente, conduce le trattative con le autorità di Paesi come Congo, Angola, Sud Africa e Libia. Infine, nel 2014, Roberto Casula viene nominato Chief Development, Operations & Technology Officer di Eni S.p.A., con l’incarico di riportare direttamente all’AD e di guidare in Italia le attività di Direzione Tecnica, R&S e progetto.

Comprare Oro per Essere al Sicuro

Scritto da comproorotoscana il . Pubblicato in Affari, Aziende

Comprare oro oggi equivale a mettere i propri soldi al sicuro come poteva essere mettere i soldi in banca qualche anno fa, in un periodo così burrascoso per l’economia e la finanza, il prezioso metallo giallo non solo è riuscito a salire di prezzo e stabilizzarsi su un valore di molto superiore a quello che aveva pochi anni addietro ma è riuscito ad imporsi costantemente come asset primario anche nelle politiche monetarie delle banche centrali di tutti i paesi più importanti e delle nuove super potenze economiche.

Che sia inflazione o svalutazione comprare oro ha i giusti antidoti e le giuste risposte nella difesa del valore dei capitali contro ogni evenienza anche se sembra impossibile che un materiale praticamente sostituibile in quasi ogni suo utilizzo e relativamente poco diffuso possa aver acquisito tanto valore e tanta importanza anche per il mondo finanziario sempre estremamente razionale e calcolatore, se domani improvvisamente tutto l’oro del mondo sparisse di colpo la vita sulla terra continuerebbe tranquillamente senza nessun particolare contraccolpo sulle persone, ciò non sarebbe altrettanto vero se sparissero; petrolio, cereali, acqua, ecc.

Perché allora l’oro ha assunto un importanza così elevata nel settore economico finanziario tanto da portare meno di 50 anni fa i paesi più importanti a cercare di adottare una politica che ne imbrigliasse il valore e poi una volta liberalizzato a continuare a comprare ?

E’ Forse proprio nella scarsa importanza dei suoi utilizzi che si cela il segreto della forza dell’oro anche nell’economia moderna, un metallo utilizzato per lo più per accumulare ricchezza e adatto a rimanere stabile nel tempo proprio perché al di fuori della battaglia quotidiana della quale sono protagonisti i beni necessari per la vita dell’uomo.

Certo è che un aumento eccessivo del prezzo di beni necessari provocherebbe grossi dissesti sociali e politici mentre un rialzo anche eccessivo del prezzo dell’oro riguarderebbero pochissime persone una minoranza assoluta, proprio questa potrebbe essere una chiave di lettura che giustificherebbe la grossa importanza che questo metallo da sempre presente nell’immaginario collettivo come simbolo di ricchezza sia riuscito ad arrivare ai giorni nostri conquistando un posto d’onore come asset sicuro anche nella finanza e nell’economia moderna, una sorta di porto sicuro o di territorio neutrale un luogo non condizionato dalla frenesia quotidiana della finanza, una sorta di punto fermo dove il mondo finanziario si possa appoggiare per compiere tutte le sue a volte spericolate acrobazie.