Come Iniziare la Tua Migliore Campagna di Google Adwords Grant per Onlus

Scritto da rgtreg il . Pubblicato in Economia, Internet

Lavorare nel campo del No-Profit significa affrontare difficoltà giornaliere, questo perchè è estremamente difficile cercare di emergere tra la miriade di onlus in cerca, anche loro, di farsi conoscere ed attirare nuovi donatori e volontari. Tuttavia il mondo del marketing viene incontro a questo tipo di associazioni e mette a loro disposizione alcuni strumenti molto importanti per trovare donatori online. Gli strumenti a disposizione per farsi notare e ottenere un buon posizionamento (sinonimo di visibilità) sul web sono gli stessi che vengono utilizzati dalle aziende commerciali. Infatti la vera forza di queste strategie è che non vengono pensate in maniera particolare rispetto alle altre, ma sono le stesse che utilizzano le migliori aziende di successo. Lo strumento per antonomasia per promuovere la propria Onlus in modo completamente gratuito è senza dubbio Google Ad Grants. Il metodo è efficace soprattutto perché permette di farsi conoscere su internet proprio come una normale azienda commerciale e quindi avere risultati estremamente positivi. Molte aziende utilizzano Adwords come servizio per il posizionamento e dà infatti risultati estremamente convincenti. Tuttavia per organizzare una buona campagna di adwords non è semplice e servono conoscenze specifiche , per questo è sempre meglio affidarsi ad esperte agenzie di digital marketing che studino una campagna fatta bene e  che porti effettivamente risultati.

Google Adwords Grant: Ecco Come Trovare Donatori Online

Non ci credete? È proprio così: andiamo a vedere nel dettaglio come funziona questa strategia e come le aziende di digital marketing possono implementarla per una onlus. Ma come funziona questa risorsa? Google Ad Grants è un programma pubblicitario di Google Adwords nato appositamente con l’intento di sostenere le associazioni No-profit. Nella sostanza Google dà alla associazioni No-profit un budget di 10000 dollari al mese, credito che può essere investito in campagne PPC (Pay Per Click), ovvero il genere di inserzioni che si pagano soltanto nel caso in cui qualcuno clicchi nell-inserzione e apra effettivamente il link. Vi sono tuttavia alcune differenze con il normale servizio di Google  Adwords? La prima è certamente il costo delle keyword, infatti non si possono offrire più di 2 dollari per keyword. Un’altra riguarda la scelta delle keyword, infatti Google non mette a disposizione keyword eccessivamente richieste. Le inserzioni verranno posizionate sotto le inserzioni a pagamento di Google. Ovviamente lo scopo è No-profit, il che significa che non è possibile utilizzare Ad Grant per scopi commerciali. È assolutamente vietato infatti farne un utilizzo commerciale e quindi per esempio usarlo per la vendita diretta dei prodotti.

Le Strategie Vincenti Per Trovare Donatori Online

Altro elemento molto importante è la gestione dell’account. Infatti il budget deve essere costantemente speso e l’account utilizzato altrimenti dopo 30 giorni di inattività, Google lo metterà in pausa di default. Appare quindi chiaro come uno strumento del genere offre delle enoprmi opportunit’ in termini di crescita alle associazioni e alle organizzazioni che basano la loro rendita soltanto sui volontari e le donazioni. Oggi investire una parte del proprio budget non è più una scelta opzionale, tutti coloro che vogliono avere rilevanza online devono essere coscienti che investire in questi strumenti è ormai diventato fondamentale. L’equazione del successo online è piuttosto semplice ma deve essere studiata da appositi esperti per rendere i benefici desiderati. Migliore posizionamento = maggiore visibilità = + visitatori = + donazioni. Ovviamente una campagna di Adword va accompagnata ad un sito web chiaro e funzionale altrimenti si perde gran parte dell’efficacia. Se gli interessativ vedono il vostro annuncio e ci cliccano ma vengono riportati ad un sito web fatto male che potrebbe quasi apparire come farlocco, allora i 10000 dollari di budget saranno stati sprecati, perchè nessuno donerà senza la certezza che quei soldi vadano nelle mani giuste.

RC auto: Genova è la città ligure dove la prima classe costa di più

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it*, a luglio 2019 la media delle offerte disponibili online per assicurare un veicolo in Liguria era pari a 594,08 euro (-1,3% rispetto a luglio 2018). Ma come cambiano le tariffe per gli automobilisti più virtuosi? A giudicare dalle offerte non tutti i conducenti in prima classe sono uguali e, a parità di profilo, nella regione i prezzi possono variare fino al 47,9% a seconda della città di residenza.

Per effettuare l’analisi Facile.it ha preso come riferimento** un automobilista di 40 anni, in prima classe di merito da più di un anno, proprietario di una station wagon 1.4, unica vettura del nucleo familiare e assicurata con guida esperta (ovvero al cui volante non si siede mai un conducente con meno di 26 anni).

Confrontando i premi offerti dalle compagnie assicurative esaminate da Facile.it è emerso che, tra le principali città liguri, Genova è quella con il prezzo più alto per assicurare un’auto nonostante si sia in prima classe di merito; qui la miglior tariffa è pari a 298,79 euro, vale a dire il 47,9% in più rispetto a quella rilevata per gli automobilisti più virtuosi residenti a Imperia (202,00 euro).

Alle spalle di Genova si trova La Spezia, dove la migliore offerta disponibile per gli automobilisti in prima classe di merito che vogliono assicurare la propria vettura è pari a 272,04 euro, anche se nella città il miglior premio può variare a seconda del CAP di residenza e, in alcuni casi, salire sino a 284,00 euro.

Al terzo posto si posiziona Savona, dove il premio più basso disponibile per assicurare un veicolo in prima classe è pari a 241,58 euro. Ultima in classifica è Imperia, città ligure più economica per chi guida in prima classe, con una miglior offerta disponibile pari a 202 euro.

«Il premio che paghiamo per assicurare la nostra auto è determinato da diversi fattori.», spiega Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it. «La classe di merito è uno, ma non l’unico. Bisogna anche considerare che le compagnie assicurative possono applicare tabelle di sconto diverse e cercare di premiare maggiormente i clienti che, pur residenti in aree con alti tassi di sinistrosità media, si comportano in maniera irreprensibile. A conti fatti, gli sconti ottenibili da chi è in prima classe di merito in quelle province sono superiori rispetto a quelli ottenibili in aree diverse del Paese».

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 162.452 preventivi effettuati in Liguria dai suoi utenti tra il 1 luglio 2018 e il 31 luglio 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

** Migliori quotazioni disponibili su Facile.it in data 7 agosto 2019 relative al seguente profilo: uomo, 40 anni, impiegato, laureato, coniugato, con figli minorenni, anno acquisto del veicolo 2014, guida una Station Wagon 1.4, percorre 10.000 chilometri in un anno, non ha causato alcun incidente nei precedenti 6 anni, non ha mai avuto sospensioni della patente nei precedenti 5 anni, ha 20 o più punti sulla patente, guida con prima classe di merito da più di un anno, non ha usufruito in passato della legge Bersani per il veicolo oggetto di polizza  assicura la vettura con formula guida esperta.

Come scegliere tra tanti spremiagrumi professionali

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Utilissimi per preparare degli ottimi succhi in pochissimo tempo e soddisfare qualsiasi tipo di clientela, gli spremiagrumi professionali sono oggetti economici e alla portata di tutti. Manuali o elettrici, gli spremiagrumi professionali sono di qualità e durano nel tempo grazie ai loro materiali e alla loro struttura, pratica e compatta che consente di posizionarli facilmente in qualsiasi luogo.

Su Internet avete il grande vantaggio di trovare moltissime occasioni di scelta, tutte valide e ben funzionanti ma l’importante è capire le vostre esigenze. Quindi stilate subito un elenco delle vostre priorità per capire quale scelta fare in base alle necessità. Tra gli aspetti da considerare ci sono: dimensioni, peso, design, eventuali accessori ma molto importante è la tipologia. Se avete particolari esigenze in termini di efficienza optate per modelli più sofisticati, mentre se vi basta un modello standard scegliete confrontando qualità e prezzo dei modelli più appetibili. Un criterio di scelta molto utile può essere quello di leggere i pareri e le esperienze, sotto forma di recensioni, di chi usa il prodotto e vi può consigliare al meglio. Scegliere il modello ad hoc tra tanti spremiagrumi professionali non è difficile soprattutto se un po’ ve intendete!

RC auto: Foggia è la città pugliese dove la prima classe costa di più

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it*, a luglio 2019 la media delle offerte disponibili online per assicurare un veicolo in Puglia era pari a 639,46 euro. Ma come cambiano le tariffe per gli automobilisti più virtuosi? A giudicare dalle offerte non tutti i conducenti in prima classe sono uguali e, a parità di profilo, nella regione i prezzi proposti possono variare fino al 12,8% a seconda della città di residenza.

Per effettuare l’analisi Facile.it ha preso come riferimento** un automobilista di 40 anni, in prima classe di merito da più di un anno, proprietario di una station wagon 1.4, unica vettura del nucleo familiare e assicurata con guida esperta (ovvero al cui volante non si siede mai un conducente con meno di 26 anni).

Confrontando i premi offerti dalle compagnie assicurative esaminate da Facile.it è emerso che, tra le principali città pugliesi, Foggia è quella con il prezzo più alto per assicurare un’auto nonostante si sia in prima classe di merito; qui la miglior tariffa è pari a 317,11 euro, vale a dire il 12,8% in più rispetto a quella rilevata per gli automobilisti più virtuosi residenti a Lecce e Barletta (281,11 euro).

Alle spalle di Foggia si trova Bari, dove la migliore offerta disponibile per gli automobilisti in prima classe di merito è pari a 294,69 euro.

Al terzo posto si posiziona Taranto (287,32 euro), che batte solo di un soffio Brindisi, dove il miglior prezzo disponibile per un automobilista in prima classe di merito è pari a 287,25 euro.

Chiudono la graduatoria, a pari merito con Lecce e Barletta, Andria e Trani, città dove l’offerta più bassa per un automobilista in prima classe di merito che vuole assicurare la propria vettura è pari a 281,11 euro.

«Il premio che paghiamo per assicurare la nostra auto è determinato da diversi fattori.», spiega Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it. «La classe di merito è uno, ma non l’unico. Bisogna anche considerare che le compagnie assicurative possono applicare tabelle di sconto diverse e cercare di premiare maggiormente i clienti che, pur residenti in aree con alti tassi di sinistrosità media, si comportano in maniera irreprensibile. A conti fatti, gli sconti ottenibili da chi è in prima classe di merito in quelle province sono superiori rispetto a quelli ottenibili in aree diverse del Paese».

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 270.284 preventivi effettuati in Puglia dai suoi utenti tra il 1 luglio 2018 e il 31 luglio 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

** Migliori quotazioni disponibili su Facile.it in data 7 agosto 2019 relative al seguente profilo: uomo, 40 anni, impiegato, laureato, coniugato, con figli minorenni, anno acquisto del veicolo 2014, guida una Station Wagon 1.4, percorre 10.000 chilometri in un anno, non ha causato alcun incidente nei precedenti 6 anni, non ha mai avuto sospensioni della patente nei precedenti 5 anni, ha 20 o più punti sulla patente, guida con prima classe di merito da più di un anno, non ha usufruito in passato della legge Bersani per il veicolo oggetto di polizza  assicura la vettura con formula guida esperta.

Sul web tante centrifughe per alimenti per il vostro benessere quotidiano!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Casa e Giardino

Se siete attenti alla vostra salute e vi piace tutto il gusto della frutta fresca (meglio se di stagione!), è il momento di dotarsi di una buona centrifuga! Ad uso domestico se ne trovano tantissime, tutte valide e pronte all’uso. Il vantaggio di avere una centrifuga in casa è notevole: potete preparare con facilità qualsiasi succo. La maneggevolezza delle centrifughe è notevole così come il lavaggio, semplice e pratico. Un’ottima centrifuga è un mix tra funzionalità, materiali, design, accessori. Se avete particolari esigenze fate una accurata ricerca sul web che vi permette di trovare il modello ad hoc.

Se invece cercate un modello standard avete davvero una vasta gamma di centrifughe. Un confronto qualità-prezzo intanto vi può aiutare a capire quali modelli risultano migliori e più vicini alle vostre esigenze. In plastica o in acciaio sono funzionali e resistenti al tempo, da usare tutti i giorni anche più volte con moderazione per non riscaldare troppo il motore, dispongono di una caraffa ampia con capacità in litri. Lasciate una recensione dopo aver utilizzato il prodotto da un po’, potrà essere utile a chi sta cercando un buon modello tra tante centrifughe.

Acronis True Image 2020 automatizza i backup 3-2-1 come l’unica soluzione personale per la replica dei backup locali nel cloud

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Informatica

Acronis, leader mondiale nel campo della protezione informatica, ha rilasciato oggi Acronis True Image 2020, la nuova versione della sua premiata soluzione di protezione informatica personale. Nell’ambito dell’annuncio, l’azienda ha rivelato che la nuova versione consente agli utenti di replicare automaticamente i backup locali nel cloud, un’opzione che ne fa la prima soluzione personale capace di automatizzare la strategia di backup basata sulla regola del 3-2-1 universalmente consigliata dagli esperti di protezione dati.

Inoltre, la funzione di replica a doppia protezione è soltanto uno degli oltre 100 miglioramenti e delle nuove funzionalità integrati in Acronis True Image 2020 e progettati per migliorarne ulteriormente le prestazioni, il controllo e la sicurezza.

“Se pensiamo all’affidamento che facciamo oggigiorno sui dati, si può dire che i nostri beni digitali non sono mai stati così preziosi. Ma l’uso dei dati significa anche che oggi abbiamo a che fare con più dati e dispositivi di quanti ne siano mai esistiti. Proteggerli dal rischio crescente delle minacce informatiche presenta vari ostacoli, tra cui una maggiore preoccupazione in termini di complessità, sicurezza e costi”, ha dichiarato Serguei “SB” Beloussov, fondatore e CEO di Acronis. “Rendendo la protezione informatica completa semplice, efficiente e sicura, Acronis può aiutare le persone a fare in modo che tutti i loro dati siano protetti.”

La release è la più recente soluzione dell’azienda a dare vita alla sua visione di protezione informatica e fonde protezione dati tradizionale e sicurezza informatica in un’unica soluzione. Grazie all’approccio adottato, Acronis True Image 2020 è l’unica soluzione personale a rispondere a tutti i cinque vettori della sicurezza informatica, garantendo così la salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza dei dati (SAPAS).

Questo esclusivo approccio significa che Acronis True Image 2020 assicura una protezione informatica semplice, efficiente e protetta a utenti privati, prosumer e piccoli uffici.

Backup semplici e affidabili

Come innovatore riconosciuto nel settore, Acronis ha già registrato più volte il “primato” nelle soluzioni destinate a proteggere i dati degli utenti. Tali progressi includono l’essere stata la prima azienda a fornire backup dell’immagine completa ai privati e a garantire il primo backup capace di clonare un disco di sistema, sia Windows che Mac, quando esso è in uso. Inoltre, resta ancora l’unica soluzione di backup personale a includere una difesa anti-malware integrata alimentata dall’intelligenza artificiale, oltre alla certificazione e alla verifica dell’autenticità dei dati basata su blockchain. Abilitare la replica automatica dei backup locali nel cloud è l’ultima tappa nel cammino di innovazione dell’azienda.

Inoltre, Acronis True Image 2020 facilita agli utenti la protezione di dati, applicazioni e sistemi. Se da un lato laboratori indipendenti hanno già concluso che Acronis True Image è fino a 10 volte più veloce della concorrenza, la release 2020 si prepara a introdurre un nuovo formato di backup che assicura migliori prestazioni complessive, tra cui velocità di backup e ripristino ancora più rapide. Consente inoltre agli utenti di sfogliare i file nei backup del cloud ancora più rapidamente.

Un nuovo Tray Notifications Center fornisce agli utenti aggiornamenti iperrecenti sullo stato dei backup affinché possano risolvere rapidamente i problemi. Gli utenti ricevono inoltre le ultime notizie per migliorare la loro protezione informatica.

Grazie all’impegno dell’azienda volto a garantire la sicurezza dei dati con backup affidabili, leader del settore quali Tech Data raccomandano regolarmente ai loro clienti di affidarsi ad Acronis True Image.

“Di anno in anno, la richiesta di soluzioni di protezione informatica dei partner Tech Data aumenta esponenzialmente e Acronis è il marchio dalla crescita più rapida in questo segmento di mercato con oltre 1 petabyte di dati che sono finalmente CyberFit grazie alle loro soluzioni”, ha dichiarato Daniel Isidro, Commercial Product Manager, ESD, Tech Data. “Con Acronis True Image 2020, possiamo fornire una protezione informatica semplice, efficace e sicura ai nostri clienti prosumer e possiamo garantire loro tranquillità a prescindere dal fatto che i loro dati siano archiviati in locale o nel cloud. Osserviamo una crescita costante con la nostra piattaforma ESD Digital On-Demand e una crescita da un anno all’altro di più del 50%.”

Maggiore controllo

Oltre alla tecnologia migliorata alle spalle dei backup, Acronis True Image 2020 assicura che gli utenti possano mantenere i loro dati al sicuro ovunque essi siano. La nuova release consente agli utenti di selezionare su quale rete Wi-Fi consentire l’esecuzione dei backup, il che permette loro di evitare le connessioni a pagamento e le reti pubbliche non protette che possono mettere i loro dati a rischio.

Gli utenti desiderano anche garantire che i loro backup non interferiscano con l’uso normale dei computer, come quando un backup esaurisce la batteria del loro laptop mentre lo stanno utilizzando. Con Acronis True Image 2020, gli utenti controllano quando i backup sono in esecuzione mentre il laptop è in funzione alimentato a batteria. Possono evitare i backup quando l’alimentazione è completamente a batteria o stabilire un livello di alimentazione minimo affinché, se la batteria scende sotto una capacità del 40%, il backup non venga eseguito.

Maggiore sicurezza contro le minacce informatiche

Nel corso degli ultimi tre anni, Acronis True Image è stata l’unica soluzione di backup personale con una difesa anti-malware incorporata alimentata dall’intelligenza artificiale. La tecnologia integrata, chiamata Acronis Active Protection, blocca gli attacchi di ransomware e di cryptojacking in tempo reale, ripristinando automaticamente i file danneggiati.

Anziché analizzare i sistemi alla ricerca di firme del malware note, la tecnologia monitora il sistema nel tentativo di individuare comportamenti che segnalano attacchi. Grazie a questo approccio, la tecnologia risulta estremamente efficace nel rilevare e contrastare qualsiasi tipo di attacco, inclusi i ceppi di ransomware mai visti prima. E, di fatto, lo scorso anno ha bloccato oltre 400.000 attacchi di ransomware.

Benché chiaramente efficace, l’azienda ha potenziato questa difesa alimentata dall’intelligenza artificiale per il lancio di Acronis True Image 2020. La nuova versione include modelli avanzati di machine learning per rendere Acronis True Image 2020 ancora più efficace nel bloccare le minacce informatiche di tutti i tipi.

“La maggior parte dei privati comprende il valore e l’esigenza di eseguire il backup delle proprie informazioni digitali per evitare la perdita di dati. Molti sono tuttavia inconsapevoli della crescente portata e complessità degli attacchi dannosi come il ransomware. Acronis ha sviluppato un approccio completo alla protezione informatica che unisce le caratteristiche di sicurezza informatica e di backup in un’unica piattaforma integrata nel cloud per uso personale”, ha dichiarato Andrew Smith, Research Manager, Infrastructure Systems, Platforms and Technologies Group presso IDC. “Gli aggiornamenti di True Image consentiranno agli utenti di garantire che i loro backup siano automatici e sicuri mentre potenzieranno al contempo la capacità degli utenti di rilevare e prevenire altre minacce informatiche.”

Prezzi e disponibilità

Sono disponibili tre versioni di Acronis True Image:

  • Standard è una licenza perpetua progettata per i clienti che memorizzano i propri dati solo su unità locali. Non sono incluse funzioni di archiviazione o basate su cloud. Include il backup locale di un numero illimitato di dispositivi mobili. La tariffa base è di 49,99 € per un computer.
  • Advanced (l’opzione più popolare) è un abbonamento di un anno che include 250 GB di Acronis Cloud Storage e l’accesso a tutte le funzionalità cloud, compresi i backup locali e cloud di un numero illimitato di dispositivi mobili. La tariffa base è di 49,99 € all’anno per un computer.
  • Premium è un abbonamento di un anno che include funzionalità di certificazione dei dati e firma elettronica basate su blockchain e 1 TB di Acronis Cloud Storage. La tariffa base è di 99,99 € all’anno per un computer.

Tutte le versioni includono Acronis Active Protection, la difesa anti-malware alimentata da intelligenza artificiale, e coprono un numero illimitato di dispositivi mobili. I clienti abbonati possono acquistare uno storage cloud aggiuntivo a seconda delle necessità.

RC auto: Padova è la città veneta dove la prima classe costa di più

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia

Secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it*, a luglio 2019 la media delle offerte disponibili online per assicurare un veicolo a quattro ruote in Veneto era pari a 465,66 euro. Ma come cambiano le tariffe per gli automobilisti più virtuosi? A giudicare dalle offerte non tutti i conducenti in prima classe sono uguali e, a parità di profilo, nella regione i prezzi proposti possono variare fino al 31% a seconda della città di residenza.

Per effettuare l’analisi Facile.it ha preso come riferimento** un automobilista di 40 anni, in prima classe di merito da più di un anno, proprietario di una station wagon 1.4, unica vettura del nucleo familiare e assicurata con guida esperta (ovvero al cui volante non si siede mai un conducente con meno di 26 anni).

Confrontando i premi offerti dalle compagnie assicurative esaminate da Facile.it è emerso che, tra le principali città venete, Padova è quella con il prezzo più alto per assicurare un’auto nonostante si sia in prima classe di merito; qui la miglior tariffa è pari a 244,33 euro, vale a dire il 31,2% in più rispetto a quella rilevata per gli automobilisti più virtuosi residenti a Belluno e Verona (186,17 euro).

Alle spalle di Padova si trova Venezia, dove la migliore offerta disponibile per gli automobilisti in prima classe di merito che vogliono assicurare la propria vettura è pari a 226,23 euro.

Al terzo posto si posiziona Treviso (218,78 euro), seguita da Vicenza, città dove il premio più basso disponibile per un automobilista in prima classe è pari a 200,92 euro.

Sotto la soglia psicologica dei 200 euro si trova Rovigo; qui l’offerta più bassa dedicata agli automobilisti più virtuosi è risultata pari a 193,65 euro.

«Il premio che paghiamo per assicurare la nostra auto è determinato da diversi fattori.», spiega Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it. «La classe di merito è uno, ma non l’unico. Bisogna anche considerare che le compagnie assicurative possono applicare tabelle di sconto diverse e cercare di premiare maggiormente i clienti che, pur residenti in aree con alti tassi di sinistrosità media, si comportano in maniera irreprensibile. A conti fatti, gli sconti ottenibili da chi è in prima classe di merito in quelle province sono superiori rispetto a quelli ottenibili in aree diverse del Paese».

*L’Osservatorio auto di Facile.it calcola il premio di assicurazione RC auto medio e le sue variazioni negli ultimi 12 mesi. Per calcolare tali dati, Facile.it si è avvalso di un campione di 667.240 preventivi effettuati in Veneto dai suoi utenti tra il 1 luglio 2018 e il 31 luglio 2019 e i relativi risultati di quotazione prodotti. Facile.it confronta le compagnie assicurative elencate a questa pagina: https://www.facile.it/come-funziona.html#compagnie_confrontate

** Migliori quotazioni disponibili su Facile.it in data 1 agosto 2019 relative al seguente profilo: uomo, 40 anni, impiegato, laureato, coniugato, con figli minorenni, anno acquisto del veicolo 2014, guida una Station Wagon 1.4, percorre 10.000 chilometri in un anno, non ha causato alcun incidente nei precedenti 6 anni, non ha mai avuto sospensioni della patente nei precedenti 5 anni, ha 20 o più punti sulla patente, guida con prima classe di merito da più di un anno, non ha usufruito in passato della legge Bersani per il veicolo oggetto di polizza  assicura la vettura con formula guida esperta.

Come usare un’affettatrice professionale

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Gastronomia e Cucina

Molto utile sia in ambito professionale che domestico l’affettatrice è uno strumento che consente di tagliare minuziosamente e con precisione vari tipi di cibo. L’utilizzo dell’affettatrice è molto semplice e alla portata di tutti anche sul lavoro. Dispongono di una lama circolare che viene installata sul corpo macchina ruotando a diverse velocità in base alla potenza del motore. Il cibo può essere posizionato sulla superficie di taglio, che in genere è molto ampia e spaziosa, e con l’apposita maniglia e il carrello si può eseguire facilmente il taglio. Una volta presa la mano la potete utilizzare in qualsiasi momento col vantaggio di avere sempre a disposizione uno strumento efficace e valido.

L’affettatrice professionale ha costi accessibili ma certamente più elevati rispetto a quelle utilizzare in ambito domestico. Se avete dubbi sulla scelta di un buon modello consultate le recensioni online che vi possono aiutare a capire quale modello si adatta più alle vostre esigenze.

Immobili: qual è stato l’effetto Morandi su Genova

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

È passato un anno esatto dal crollo del Ponte Morandi di Genova, ma cosa è accaduto ai cittadini che in seguito a quella tragedia dello scorso agosto si sono trovati, da un giorno all’altro a non poter più entrare nella loro casa su cui, magari, gravava un mutuo? E che ripercussioni ha avuto il crollo del ponte sul mercato immobiliare genovese? Mutui.it e Facile.it, in collaborazione con Franco Canevesio, se lo sono chiesti e hanno scoperto delle cose interessanti; 12 mesi dopo quel drammatico 14 agosto, finalmente arriva qualche buona notizia, a cominciare dal risarcimento riconosciuto; circa 2.000 euro a metro quadro.

Mutui, indennizzi da 2.000 euro al metro quadro.

L’ultima data importante di questa storia è, in ordine di tempo, il 6 agosto 2019 quando è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale il decreto del ministero dell’Interno relativo al rimborso al Comune di Genova del minor gettito dell’IMU e della TASI, riferito alle annualità 2019 e 2020. Il provvedimento si è reso necessario per l’esenzione applicata ai fabbricati “oggetto di ordinanze sindacali di sgombero adottate a seguito dell’evento del crollo di un tratto del viadotto Polcevera dell’autostrada A10”. Al Comune, dunque, viene assegnato un contributo di 210 mila euro per ciascuna annualità 2019 e 2020.

«Entro febbraio 2019 sono stati indennizzati tutti gli aventi diritto; ossia gli abitanti di via Porro dal numero 5 al 16 e di via del Campasso 39 e 41», spiega Franco Ravera, presidente del comitato Quelli del ponte Morandi. Il Decreto Genova ha previsto gli indennizzi allargando agli sfollati del ponte Morandi il Pris, Pogramma regionale di intervento strategico, inizialmente previsto per gli espropriati dalla gronda.

Ogni proprietario ha ricevuto 2.025,50 euro di indennizzo per ogni metro quadro di casa; le voci principali che formano la cifra complessiva sono il risarcimento del valore venale dell’immobile (calcolato in circa 1.500 euro a metro quadro) e le spese di riacquisto degli arredi e di ogni altra spesa accessoria per la ricollocazione abitativa (circa 450 euro). A questi importi è stato aggiunto, per ogni unità abitativa, un indennizzo forfettario di importo pari a 45.000 euro secondo quanto previsto dalla legge della Regione Liguria 3 dicembre 2007 n. 39, che disciplina i Programmi regionali di intervento strategico (PRIS) e un ulteriore risarcimento, di 36.000 euro, per l’improvviso sgombero.

Ad essere indennizzate sono state 260 famiglie; 200 proprietarie residenti e 60 in affitto (con i relativi 60 proprietari non residenti). «Tutto è filato liscio, anche se con qualche ritardo» – sottolinea Ravera – «le pratiche sono state inoltrate tramite notai: gli indennizzi avrebbero dovuto arrivare entro fine dicembre 2018, ma per via di qualche professionista che ha allungato i tempi la questione si è conclusa a febbraio 2019».

Il mercato immobiliare di Genova. Quale è oggi la situazione immobiliare del comune di Genova? Un buon metro per comprenderlo è la richiesta di mutui per l’acquisto della casa presentati alle banche. «Nel primo semestre del 2018, quando il ponte era ancora in piedi» afferma Ivano Cresto, responsabile BU mutui di Facile.it«secondo i dati del nostro portale, a Genova faceva capo l’1,37% delle domande di finanziamento presentate in Italia. Un anno dopo, nel primo semestre del 2019, il valore rilevato tramite il nostro osservatorio è sceso allo 0,98% e non si può escludere che un calo di questo tipo possa anche essere stato generato dall’incertezza che il crollo del ponte ha diffuso in merito all’opportunità di un investimento nella città della Lanterna; nell’ultimo periodo, però, stiamo assistendo ad una leggera inversione di tendenza e questo fa ben sperare».

12 banche per gli sfollati del Polcevera. Per ciò che riguarda i mutui che gravavano sulle case ubicate nella zona del crollo ci sono buone notizie e, a detta dei diretti interessati, le banche hanno risposto bene all’appello degli sfollati con ben 12 istituti che hanno firmato l’accordo quadro tra ABI Liguria e associazioni dei Consumatori. Questo prevede la sospensione delle rate dei mutui e di eventuali prestiti personali non solo ai danneggiati residenti o lavoratori nella cosiddetta “zona rossa” o aree limitrofe, ma anche tutti coloro che a causa del crollo hanno perso il posto di lavoro o lo hanno dovuto sospendere per almeno 30 giorni. A firmare sono stati: Carige; Banca di Caraglio, del Cuneese e della Riviera dei Fiori; Banca di credito cooperativo di Cherasco; Banca Passadore; Popolare Sondrio; Banco di Desio e della Brianza; Banco di Sardegna; la sede italiana della Barclays Bank; Intesa Sanpaolo; Ubi Banca; Unicredit e Unipol Banca.

Assicurazioni mutui sospese. Note positive arrivano anche dal ramo assicurativo visto che Ania ha tenuto fede a quanto garantito firmando, a febbraio 2019, un protocollo con le associazioni dei consumatori. Tra i benefici previsti dal documento, la proroga dei termini per il pagamento dei premi o delle rate di premio di tutte le polizze in essere se l’assicurato coincide con chi ha subito il danno.

L’intesa garantisce inoltre che, in caso di sospensione del pagamento delle rate del mutuo, l’abbinata polizza assicurativa sulla vita verrà gratuitamente estesa fino alla nuova scadenza del finanziamento e che in caso di mutui estinti verrà restituita agli assicurati la quota di premio versata e non goduta relativa alle polizze abbinate.

Vendite in aumento e nuova vita a Certosa. Solo qualche proprietario non residente, pare, è ricorso al Tar pretendendo di ottenere un rimborso maggiore. Il resto è la voglia di tornare a vivere. Spiega Bruno Fraternale, broker owner di Re/Max«Sul crollo del Morandi le autorità competenti hanno rimborsato gli sfollati con importi due e anche tre volte superiori ai valori immobiliari di vendita del periodo. Risarcimenti doverosi visti i gravi disagi. Le famiglie hanno in gran parte ricomprato generando un ritrovato interesse per la zona di Certosa, con un aumento medio delle transazioni. Di fatto – prosegue Fraternale – non abbiamo registrato alcun effetto Morandi: la nostra agenzia ha aumentato le vendite del 23% rispetto all’anno precedente, con oltre 400 transazioni, di cui il 20% nella zona Valpolcevera. Dico di più: la costruzione del nuovo ponte, con una complessiva riqualifica delle aree interessate, fa prevedere in aumento dei prezzi tra Sampierdarena, Cornigliano, Area Fiumara, Campi».

Friggitrice professionale: modelli e opportunità si trovano sul web!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende, Casa e Giardino

La rete offre moltissime opportunità di scelta di modelli di friggitrici per tutte le tasche ed esigenze. Avere una buona friggitrice in ambito professionale è fondamentale e poter soddisfare qualsiasi tipo di clientela è una priorità. Oggi le richieste sono sempre più particolari ed è indispensabile dotarsi di strumenti ad hoc. Cucinare patatine fritta senza olio o con poco olio, per esempio, è una esigenza sempre più forte. Occorre dotarsi di macchine ad hoc e ben fatte che durino nel tempo. Pronte all’uso e resistenti cucinano in modo veloce ed efficace. Nella scelta di un modello professionale considerate tanti aspetti e fate sempre un confronto qualità e costo tra i modelli più appetibili per voi. Le friggitrici possono essere tradizionali, a cestello rotante o statico o ad aria e così via.
Molto importante è la potenza così come la capacità in litri. Scegliete, dunque, in base alle vostre esigenze. Il display che indica informazioni e dati deve essere chiaro e leggibile. I materiali resistenti, gli accessori utili al corretto funzionamento. La friggitrice professionale deve essere di facile utilizzo, lavaggio e manutenzione. Il design varia in base ai gusti. Se avete dubbi consultate attentamente le recensioni sul prodotto o fate domande specifiche soprattutto se avete esigenze particolari.