La visita dei produttori albanesi e delle Istituzioni ai campi sperimentali di Geoplant Vivai

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Agricoltura, Aziende, Dal Mondo

L’11 maggio l’azienda vivaistica ha accolto una delegazione albanese, interessata all’eccellenza delle sue piante da frutto, e incontrato il Prof. Paolo De Castro, economista, politico e agronomo, per parlare di internazionalizzazione, lotta alla contraffazione e centralità della ricerca. 

Giornata ricca di confronti per la Società Agricola Geoplant Vivai, eccellenza romagnola fondata nei primi anni Ottanta da Secondo Danesi e Adriana Siboni e specializzata nella produzione e nel miglioramento genetico delle piante da frutto e di fragola. L’11 maggio i campi sperimentali dell’azienda vivaistica con sede a Savarna, nel ravennate, hanno ospitato una nutrita delegazione di produttori albanesi, guidati dal Dr. Hafuz Domi, Direttore dell’Associazione di sviluppo agricolo dei Distretti di montagna.

Ad accompagnare i visitatori – accanto alla rappresentanza aziendale di Geoplant Vivai e al Presidente di AGIA (Associazione Giovani Imprenditori Agricoli) e di Condifesa Stefano Francia – la Direttrice dell’Associazione “Agricoltura è Vita” Cristina Chirico, impegnata nell’ambito di numerosi progetti di formazione, ricerca e innovazione per lo sviluppo di areali come quello albanese, attraverso l’esportazione di tecniche, contatti, novità procedurali e di prodotto, resa possibile dalla cooperazione sinergica tra aziende.

L’interesse principale dei produttori si è focalizzato sulle cultivar di melo e sulle drupacee, con particolare riferimento al ciliegio in ragione della volontà di inserire questa coltura all’interno della propria offerta sul territorio albanese. La prima parte della visita, atto inziale di una futura e proficua collaborazione, si è svolta nei vivai di melo situati nella frazione di Mandriole, caratterizzati dall’innesto su portainnesto M9, con astoni normali e Knip. I farmers albanesi, avvezzi alla coltivazione della cultivare Red Delicious, si trovano ora a fronteggiare una non semplice situazione causata dalle restrizioni di provenienza russa e sono orientati, dunque, verso una crescente diversificazione della produzione. Teatro dell’ultima parte della visita sono stati invece i campi sperimentali di fragola di Borgo Masotti, dove si sono tenute la presentazione e la degustazione di alcune varietà made in Geoplant, tra cui Asia, Malga e FragolAurea.

Congedati gli interlocutori, la giornata è proseguita nel segno dell’internazionalizzazione arrivando a toccare tematiche di grande attualità e inevitabile urgenza per l’evoluzione delle politiche agricole europee.

Alla presenza del Sindaco di Bagnacavallo Eleonora Proni, l’azienda ha ricevuto Paolo De Castro, politico, economista e agronomo italiano di comprovata esperienza. Grazie alla sua carriera come professore ordinario di Economia e Politica Agraria presso l’Università di Bologna e agli svariati ruoli istituzionali ricoperti (tre volte Ministro dell’Agricoltura, oltre che Vice Presidente della Commissione per l’agricoltura e la produzione agroalimentare del Senato della Repubblica Italiana), dal 2009 siede al Parlamento Europeo per occuparsi di politiche agricole e sviluppo rurale.

Di fronte a una platea multiforme, composta tra gli altri dai lavoratori dell’azienda Geoplant Vivai, Paolo De Castro ha ascoltato e condiviso in veste istituzionale le posizioni del titolare Secondo Danesi e le visioni strategiche da mettere in campo per contrastare la moltiplicazione abusiva delle piante di fragola e la contraffazione in materia di diritto d’autore varietale (causa primaria nel danneggiamento dei costitutori), molto diffusa in buona parte della Comunità Europea con picchi in Paesi quali Polonia e Ungheria, ma che tocca frange dell’Extra-UE, in modo particolare Serbia e Ucraina.

Si è passati poi a trattare l’importanza della ricerca e dell’introduzione di innovative tecnologie applicate all’agricoltura per portare, infine, all’attenzione la necessità di un’Europa unita che sappia fronteggiare con forza, competenza e carattere le pressioni commerciali delle grandi potenze mondiali (Cina e USA tra tutti) e salvaguardare la produzione e l’agricoltura comunitaria e certo anche quella made in Italy, eccellenza da sempre riconosciuta dentro e fuori confine.

www.geoplantvivai.com

TECMA: Norblast sbarca in Messico

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo

L’azienda bolognese è tra i protagonisti della kermesse messicana, dal 1991 punto di riferimento internazionale nell’ambito delle macchine utensili e della tecnologia applicata alla produzione.

Dal 5 all’8 marzo il Gruppo Norblast, azienda specializzata nelle tecnologie per i trattamenti superficiali di precisione che trovano applicazione in tutti i settori dell’industria meccanica, ha partecipato insieme alla propria agenzia di rappresentanza Coniex a TECMA México 2019, importante appuntamento giunto alla sua 18esima edizione dedicato ai fornitori di soluzioni tecnologiche e innovative che migliorano i processi produttivi. Accanto alle aziende dedicate all’automazione, al controllo di qualità, alla stampa 3D, alle micro lavorazioni e alla robotica, hanno giocato un ruolo di primo piano anche le realtà punto di riferimento nel trattamento di superfici, come il Gruppo Norblast.

L’azienda ha presentato le ultime novità sviluppate e i progetti in corso di realizzazione accanto a più di 300 espositori nazionali e internazionali e a oltre 12.000 visitatori in arrivo principalmente da Germania, Giappone, Cina, Stati Uniti, Taiwan e Messico. In occasione di conferenze tecniche e tavole rotonde, esperti autorevoli nel mondo della produzione hanno condiviso le loro migliori soluzioni, dando così un aggiornamento completo sull’innovazione a 360° e sulle tematiche più attuali dei vari segmenti di mercato. Particolare attenzione per Stefano Norelli, Sales Manager del Gruppo Norblast, che ha presentato una conferenza sui trattamenti superficiali e i processi di sabbiatura a un pubblico di operatori internazionali dall’alto target professionale.

All’interno di una vetrina prestigiosa – ideale per incontrare gli stakeholders di tutto il mondo e indagare le esigenze di questo settore in rapida e costante ascesa – Norblast ha ricevuto un ottimo feedback, raccogliendo oltre 80 contatti tra aziende locali e internazionali, tra cui interessanti realtà dell’automotive, della meccanica generale e dell’additive manufacturing, ramo che conferma una considerevole crescita con diversi espositori di soluzioni per la stampa 3D.

Nei 4 giorni della kermesse, l’azienda ha esposto un impianto manuale e riprodotto filmati inerenti alle proprie soluzioni customizzate, mostrando alla platea di visitatori e addetti le best practice made in Norblast.

TECMA ha rappresentato l’occasione per intrecciare rapporti e confrontarsi con realtà altamente specializzate, favorendo in particolare il consolidamento dei rapporti con la svizzera Borer, leader nelle soluzioni di lavaggio, le cui soluzioni tecniche sono estremamente complementari a quelle offerte da Norblast.

Il Gruppo Norblast porta oltre oceano la propria eccellenza, dimostrandosi ancora una volta un’azienda attenta a recepire le innovazioni applicate alle attività produttive e confermando il proprio impegno nella ricerca di soluzioni altamente specializzate e vincenti per l’industria del nuovo millennio.

www.norblast.it

Intervista a Francesco Barone, a cui il premio Nobel 2018 per la pace, Denis Mukwege, ha affidato un importante messaggio di aiuto

Scritto da Redazione i404 il . Pubblicato in Dal Mondo

Francesco Barone è un docente universitario abruzzese che insegna Pedagogia della Cooperazione sociale e internazionale all’Università dell’Aquila, che dalla prima volta in cui si è recato in Africa, per un progetto educativo, 21 anni fa, non ha più smesso di tornarci, fornendo il suo aiuto in 51 missioni umanitarie.

Denis Mukwege è un medico attivista congolese, che è stato insignito del premio Nobel per la pace nel 2018. Che nell’ospedale del suo paese ha curato più di 50 mila donne stuprate.

I due uomini si sono incontrati a gennaio 2019.
Il grido di aiuto di Mukwege e la sua ferma volontà di chiedere alla Comunità internazionale di prendere seriamente in considerazione la tragica situazione del suo paese hanno investito Barone del ruolo di ambasciatore di questo messaggio nel mondo.

Perché, scrive il premio Nobel per la pace Mukwege, “Non sono solo gli autori delle violenze i responsabili dei loro crimini ma anche coloro che scelgono di voltare lo sguardo dall’altra parte”.

i404 si fa portavoce di questo messaggio, per contribuire alla sua diffusione.
Online un’intervista a Francesco Barone, con la pubblicazione del messaggio e la narrazione di scatti di violenze subite.
Perché se sapere è un diritto, far finta di non sapere non dovrebbe esserlo.
E non si può essere indulgenti con chi si copre gli occhi.

Link all’articolo: https://i404.it/attualita/cronaca/congo-barone-mukwege/

Enogastronomia e agricoltura per rivalutare le Comunità rurali

Scritto da Fausto Faggioli il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Istruzione

Si sta svolgendo sul territorio romagnolo, un’esperienza formativa totalmente “made in Italy” nell’ambito di due progetti Erasmus+ per due gruppi di futuri tecnici provenienti dalla Turchia.

Le professoresse Birgul Citil Simsek e Oya Cetinkaya Akcan coordinano gli studenti del percorso “QUALITY TRANSFER IN TOURISM FROM EUROPE” provenienti dall’Istituto KUMLUCA MESLEKI VE TEKNIK ANADOLU LISESI e il professor Mustafa Aydin coordina gli studenti del progetto “NEW GENERATION METHODS IN AGRICULTURE” provenienti dall’Istituto GOKCEYAZI COK PROGRAMLI ANADOLU LISESI.

In una giornata full immersion alle Fattorie Faggioli di Cusercoli (FC), i giovani futuri tecnici  scoprono che il messaggio per una miglior qualità della vita può essere trasmesso anche attraverso i valori “turistici” di una gastronomia mediterranea proposta con innovativi accorgimenti.

“Nuove tecnologie – sottolinea Fausto Faggioli delle omonime Fattorie – stanno cambiando non solo il settore agricolo ma anche e soprattutto quello turistico e per essere al passo coi tempi “l’anagrafe conta”. In futuro, ma già oggi, i giovani devono essere capaci di commercializzare il loro prodotto e devono essere consapevoli del proprio ruolo per mantenere gli ecosistemi. La cooperazione quindi, è un importante strumento a disposizione delle Comunità rurali  per potenziare e conferire valore aggiunto alla loro strategia, utile a realizzare progetti concreti per rafforzare relazioni e reti tra i soggetti interessati, scambiare buone prassi, sviluppare esperienze innovative.”

Dopo l’esperienza in Fattoria, i gruppi hanno incontrato Alessio Orlandi, responsabile commerciale  della serra idroponica Fri-El Greenhouse. Una “piccola Olanda” di 11 ettari a Ostellato (FE).

“L’uso sostenibile e rispettoso delle risorse naturali – rileva Alessio Orlandi, responsabile commerciale di Fri-El Grennhouse – rappresenta per gli abitanti del luogo un vero e proprio stile di vita e per la nostra azienda una vocazione. Da quando c’è la serra,  si nota un nuovo fermento, dimostrando come l’agricoltura, affrontata con specializzazione e un piano operativo ben saldo, sia in grado di portare benefici a tutto il territorio, oltre che a tutta l’economia. Il futuro è già presente: questa la sfida competitiva lanciata con il resto d’Europa.”

“Le Comunità rurali – terminano Faruk Sayan, Ali Dogan Adar e Omar Sayan, coordinatori dei due gruppi – devono vedere nell’agricoltura e nel turismo, un’opportunità per diversificare l’economia delle aree rurali e rivitalizzare i territori altrimenti non più competitivi a fronte delle dinamiche dei mercati e dell’evoluzione delle politiche agricole.”

Festival nel Festival: vernissage alla vigilia di Sanremo per Spoleto Arte di Sgarbi

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Dal Mondo

Mentre tutta Italia sta per incollarsi al televisore per seguire il 69° Festival della canzone italiana e Sanremo si prepara a diventare il cuore della nazione per una settimana, Spoleto Arte dà il via all’attesissimo appuntamento artistico proprio nel mezzo di questo fermento. La città ha infatti accolto ieri, lunedì 4 febbraio, il Festival dell’Arte. L’esposizione ha trovato casa alla galleria Bonbonniére, sede sanremese della Milano Art Gallery in corso degli Inglesi 3, di fronte al casinò.

Il tempo e il luogo della kermesse, pensati e organizzati dal manager di noti vip e direttore delle Milano Art Gallery Salvo Nugnes, sono stati il teatro di una splendida presentazione di un selezionato gruppo di artisti di arte contemporanea. Presenti all’inaugurazione anche l’assessore alla Cultura Eugenio Nocita e il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo. Al vernissage l’intervento musicale del maestro Vitaliano Gallo, dell’orchestra sinfonica di Sanremo, ha introdotto la serata con un repertorio di canzoni popolari. Il momento è stato particolarmente apprezzato, segno di come a Sanremo musica e arte siano un connubio spontaneo e imprescindibile. È passato poi a vedere la mostra anche l’attore e regista Rocco Papaleo, intrattenendosi con gli artisti.

All’evento si annoverano inoltre i contributi di Al Bano, Katia Ricciarelli, del presidente della regione Giovanni Toti, del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, di Vittorio Sgarbi, dello stilista Alviero Martini, noto per la linea 1ª Classe, e di Radio 105.

Il Festival dell’Arte metterà in primo piano, fino a domenica 3 marzo 2019 le opere di Franca Balla, Claudia Crestani, Anna Di Francesco, Daniele Digiuni, Mario Mattei, Giulia Quaranta Provenzano, Gisella Rosmini, Claudia Salvadori, Gino Sambucco ed Elisa Scuccimarra.

Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, il 388 7338297, scrivere a org@spoletoarte.it oppure visitare il sito www.spoletoarte.it.

I 9 programmi del Governo di Dubai: ne parliamo con i consulenti di Trinity Corporate Services

Scritto da TrinityCorporateServices il . Pubblicato in Dal Mondo, Economia

Sheikh Al Maktoum ha annunciato 9 Programmi, che sono parte della sua iniziativa ‘Fifty Year Charter’, con l’obiettivo di migliorare la vita a Dubai: dalla Zona Commerciale Virtuale, alla Silk Road, ecco le novità per il futuro spiegate dagli esperti di Trinity Corporate Services.

Il documento, che descrive in dettaglio i 9 Programmi, è stato pubblicato su Twitter da Sheikh Mohammed Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Ruler di Dubai.

“È un documento annuale che ho intitolato “The Fifty Year Charter” per celebrare il 50° anniversario del mio primo incarico ufficiale nel servire il mio Paese e nella speranza di altri 50 anni durante i quali guideremo una città governata dalla legge e vincolata allo spirito di compassione, armonia d’amore e tolleranza” ha detto il leader.

Ecco le 9 iniziative

  1. Dubai Silk Road

Dubai è un crocevia tra est e ovest e tra nord e sud, grazie, anche, al più grande aeroporto internazionale del mondo che collega più di 200 città. Nei prossimi 10 anni, oltre un miliardo di passeggeri transiterà attraverso i suoi aeroporti. Il prossimo obiettivo è quello di costruire una Silk Road in collaborazione con i paesi vicini che condividono la visione degli UAE.

  1. Una mappa geo-economica per Dubai

Si lavorerà per sviluppare una mappa geo-economica per Dubai e creare zone economiche specializzate e integrate in tutta la città. Ogni settore geografico avrà i propri obiettivi economici e di investimento.

  1. Prima città commerciale virtuale

Dubai guiderà la creazione della prima città commerciale virtuale nella regione, concedendo licenze commerciali senza dover risiedere a Dubai. La città permetterà agli investitori di aprire conti bancari e di ottenere residenze elettroniche secondo le leggi e normative internazionali, avendo come obiettivo 100.000 aziende nella città virtuale.

  1. Una banca dati centralizzata della formazione per ogni cittadino

Si svilupperà una banca dati centralizzata per documentare tutti i titoli accademici conseguiti da ogni cittadino, le lezioni e la formazione sostenute e le conferenze frequentate. Questo aiuterà l’Amministrazione a progettare piani educativi personalizzati che si adattino alle capacità specifiche di ogni cittadino.

  1. Un medico per ogni abitante

L’obiettivo è quello di fornire ai cittadini consultazioni mediche 24 ore su 24, tramite centinaia di migliaia di medici, specialisti e consulenti medici in tutto il mondo, attraverso un’applicazione governativa intelligente.

  1. Free Zones economiche e creative nelle Università

Le fondamenta di Dubai sono radicate nel commercio, per questo le Università pubbliche e private diventeranno Free Zones che consentiranno agli studenti di svolgere attività commerciali e creative.

  1. Abitazioni autosufficienti

Si svilupperà un programma integrato per realizzare un sistema completo che consenta ad almeno un decimo delle case dei cittadini di Dubai di essere autosufficienti in termini di acqua, cibo ed energia. Il raggiungimento di questo obiettivo contribuirà a cambiare lo stile di vita e alla preservazione dell’ambiente.

  1. Società cooperative in vari settori

Mira a fornire nuove fonti di reddito ai cittadini, migliorare la qualità di alcuni servizi attraverso la privatizzazione e istituire società cooperative di proprietà dei cittadini in una serie di settori vitali.

  1. Sviluppo della filantropia

Le attività e i progetti quotidiani non dovrebbero far dimenticare di dare a coloro che hanno bisogno di aiuto. Il Governo di Dubai si impegna ad aumentare le iniziative filantropiche ogni anno e a farle crescere almeno in misura uguale alla crescita economica annuale.

Questo documento programmatico dimostra come Dubai e la sua Amministrazione siano volti sempre più al benessere e al miglioramento della propria società e dell’economia.

Registrare un’azienda in questo Paese è una delle possibilità concrete per cambiare vita in meglio e costruire la propria fortuna economica. In questi anni lo sviluppo socio-economico è in assoluta espansione e molto favorevole per chi vuole aprire una nuova azienda a Dubai, semplicemente e in tempi brevi e migliorare la propria qualità di vita. I consulenti di Trinity Corporate Services sono i migliori professionisti a cui rivolgersi per internazionalizzare la propria attività a Dubai e negli Emirati Arabi Uniti.

Da gennaio 2019 Trinity Corporate Services ha aperto un nuovo ufficio a Lugano, in Svizzera, per fornire informazioni e consulenza a chi risiede in Europa e sia interessato al mercato degli UAE.

Trinity Corporate Services

Guarda il video!!

Press Office
321 Group – Patrizia Landini

Fonte: trinitycorporateservices.ch

Sicurezza informatica e la corsa alla raccolta dei dati

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Tecnologia

Ad oggi è impossibile prevedere se i big data e l’intelligenza artificiale (IA) avranno un impatto duraturo sulle dinamiche del potere nella cybersecurity. Gli hacker e i loro potenziali bersagli tentano di guadagnarsi il primato dell’utilizzo dei dati raccolti – e siamo solo all’inizio di un gioco che assomiglia sempre più a quello del gatto col topo.

Cybercrime e marketing – stesso principio?

In molti casi di hackeraggio illecito le tecniche tradizionali sono state modificate tenendo conto dell’uso dei big data. “Per fissare il prezzo del riscatto per un attacco ransomware i cybercriminali ragionano come  marketer”, afferma Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer di Stormshield: pur tentando sempre di massimizzare il proprio profitto, l’hacker non può non considerare che se il prezzo del riscatto è troppo alto, la vittima si rifiuterà probabilmente di pagare o, in alcuni casi, informerà la polizia.

Inoltre, “più è elevata la mole di dati sul bersaglio di cui dispone l’hacker, maggiore è la probabilità che l’attacco vada a buon fine”, aggiunge il CMO. Per raccogliere tali dati i cybercriminali si avvalgono sia di tecniche di ingegneria sociale, sia di applicazioni dedicate all’analisi di informazioni sul bersaglio liberamente accessibili. I social network diventano una miniera d’oro e le informazioni personali condivise una vulnerabilità. Chi può dire di non aver mai utilizzato la data di compleanno, il nome di un gatto, cane o dei propri cari come ispirazione per la propria password?

L’ingegneria sociale è anche usata per lo spear phishing. Utilizzando i dati personali dell’utente, i cybercriminali sono in grado di profilare il soggetto e di inviargli messaggi personalizzati – proprio come farebbe un buon programma di marketing. “L’intelligenza artificiale identifica collegamenti tra i dati che l’essere umano non vedrebbe ed è in grado di verificare più combinazioni (p.es. per determinare la composizione di una password) ad una velocità molto più elevata” spiega Matthieu Bonenfant.

                                                               Matthieu Bonenfant, Chief Marketing Officer – ‎Stormshield

A fronte del crescente impiego di chatbots nel marketing, gli esperti hanno già rilevato in che modo l’AI può essere impiegata in modo fraudolento: “Ci vuole poco a implementare chatbot fasulli e, attraverso essi, a instaurare conversazioni fittizie con il bersaglio al fine di ridurne il livello di attenzione rispetto a potenziali minacce”. Senza parlare del rischio che i veri robot vengano attaccati e che le loro conversazioni vengano intercettate. Per evitare tutto ciò sarebbe opportuno cifrare e archiviare in maniera sicura eventuali messaggi, prima che siano cancellati in un lasso di tempo predefinito.

Intelligenza artificiale: buzzword o opportunità reale?

Oltre a queste pratiche, apparentemente ispirate al mondo del marketing, l’intelligenza artificiale è fonte di grande interesse e discussione sul web. È arrivato però il momento di sfatare un mito: quello del malware ultrapotente, pilotato esclusivamente dall’intelligenza artificiale e capace di contrastare qualsiasi sistema di protezione che vi si opponga. “Per ora non ci risulta l’esistenza di alcun malware basato esclusivamente sull’IA” assicura Paul Fariello, Security Researcher di Stormshield.

Gli unici episodi conosciuti di attacchi ai sistemi informativi condotti tramite applicazioni IA sono da collocarsi in ambito accademico. Ne è l’esempio la DARPA Cyber Grand Challenge di Las Vegas nel 2016, dove, per la prima volta, sette sistemi di intelligenza artificiale si sono sfidati.

Per il momento, “le tattiche convenzionali funzionano fin troppo bene”, fa notare Paul Fariello. “I singoli cadono ancora in trappole basate su tecniche elementari, come il phishing – un processo simile al  teleshopping, bastano soltanto uno o due “acquirenti” per risultare proficuo. Per quale motivo gli hacker dovrebbero sviluppare costosi software basati interamente sull’IA?” La miglior strategia di difesa è ancora la formazione di team specializzati. E forse un giorno saranno i governi ad investire massicciamente in programmi di attacco alimentati dall’intelligenza artificiale, chi può dirlo.

L’intelligenza artificiale gioca meglio in difesa

Se parliamo di difesa dei computer, l’intelligenza artificiale ha un impatto più diretto. Combinata ai big data, l’IA può essere utilizzata per analizzare un grande numero di file dal comportamento sospetto e per identificare in maniera chiara quelli dalla natura malevola. “L’obiettivo è di contribuire alla capacità di elaborazione di un cospicuo numero di analisti che processano in continuazione una quantità di dati che aumenta esponenzialmente” spiega Paul Fariello. Queste analisi dettagliate possono contribuire alla produzione di patch e aggiornamenti che impediscono agli hacker di cogliere di sorpresa il Responsabile della Sicurezza delle Informazioni (CISO) e di ridurre il rischio rappresentato dagli attacchi zero-day.

Per quanto facilitante, l’IA non può operare nell’ambito della sicurezza informatica senza l’ausilio dell’essere umano, dando vita ad un paradosso: la sua utilità nell’ambito della sicurezza IT dipende pesantemente dalla sua interazione con gli umani oltre che dalla mole di file sospetti con cui va alimentata immediatamente tramite soluzioni di sicurezza di nuova generazione. In altri ambiti invece, come ad esempio nella guida autonoma o nel gaming, l’intelligenza artificiale è molto più indipendente.

L’intelligenza artificiale non garantisce comunque un risultato esatto” spiega Paul Fariello. “Basandosi su criteri predefiniti dagli esseri umani, essa analizza il comportamento dei file, calcolando la probabilità che siano legittimi o sospetti, e a volte non riesce ad indentificare le differenze. Prendiamo l’esempio di un malware che sfrutta la velocità di calcolo di un processore per minare criptovalute. Il suo comportamento è molto simile a quello di un programma legittimo, progettato dagli umani allo stesso scopo (minare criptovalute)”. In un contesto completamente diverso, ma comunque importante per capire la limitata capacità di discernimento dell’IA, si può citare l’esempio di Amazon, costretta a mettere fine a un programma interno sviluppato per facilitare il processo di reclutamento del personale. Il motivo? Il sistema si basava su modelli di curricula presentati alla società negli ultimi 10 anni. La maggior parte di essi inviati da uomini: le candidature femminili venivano penalizzate automaticamente dal programma, che aveva “imparato” che i profili maschili erano preferibili rispetto a quelli femminili. Ne derivava quindi una discriminazione di genere, che ha portato l’azienda ad abbandonare il progetto.

E quindi evidente che, come per gli strumenti impiegati dagli hacker, disporre di grandi quantitativi di dati risulta essenziale anche per la protezione delle potenziali vittime. Per il gatto, come per il topo, la corsa alla raccolta dei dati non è che all’inizio.


Stormshield

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza end-to-end innovative per la tutela di reti (Stormshield Network Security), workstation (Stormshield Endpoint Security), e dati (Stormshield Data Security). Certificate ai più alti livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione assicurano la massima protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni Stormshield sono commercializzate attraverso una rete commerciale costituita da distributori, integratori e operatori di canale o telco e sono implementate presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni preposte alla difesa in tutto il mondo

La neo associazione AfricaNoLimits vola in Senegal

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Dal Mondo, Società

Una cena benefica rivolta a tutti gli amici dell’associazione è la prima iniziativa solidale di AfricaNoLimits all’indomani dell’iscrizione nel registro delle associazioni regionali dell’Emilia Romagna: premi, condivisione e atmosfera natalizia per portare a Ndawene cure, igiene e prevenzione.

Il 12 dicembre, negli ampi locali del Circolo bolognese “Amici del Portogallo” di via Antolini 7, AfricaNoLimits ha scelto di anticipare il Natale per mostrare a soci e nuovi amici i lavori in corso in Senegal, nel villaggio di Ndawene, per la ristrutturazione di un Ospedaletto destinato alla cura e all’assistenza degli abitanti del piccolo centro abitato.

L’obiettivo si stringe: dal Continente africano si passa al vero cuore del Senegal, la regione di Louga, dove si trovano il Comune di Mbediene e il piccolo villaggio di Ndawenw Dethialaw, abitato da agricoltori e allevatori e distante diverse decine di chilometri dalla civiltà. La parziale inaccessibilità del villaggio e la sua lontananza dai grandi centri hanno comportato negli anni un enorme rischio per i malati, le donne, gli anziani e i bambini bisognosi di un intervento medico tempestivo.

Il progetto di AfricaNoLimits è stato avviato sul finire dell’estate e riguarda una struttura preesistente, che ad oggi costituisce l’unico punto di riferimento sanitario e di primo soccorso per Ndawene e tutti i 18 villaggi circostanti. Il dato attuale parla di 5400 persone che si rivolgono a questo dispensario, ricevendone cure ambulatoriali e medicinali. Grazie all’impegno e alla presenza in loco dell’associazione – coadiuvata da un referente locale capace di penetrare nelle maglie della società rurale di Ndawene e di ottenerne il sostegno concreto nei lavori – i locali interni della struttura ospedaliera possono oggi contare su infissi, porte e finestre indispensabili per garantire la degenza e riparare i pazienti dalle infezioni. I prossimi step riguardano il risanamento del dispensario medico, nel rispetto dei requisiti di igiene, la ristrutturazione totale degli edifici già esistenti (tra cui il reparto maternità) e la dotazione delle strumentazioni necessarie ai piccoli interventi e alle analisi. Non mancheranno la formazione e l’aggiornamento del personale medico-sanitario, al fine di renderlo autonomo ed efficace nel minor tempo possibile.

AfricaNoLimits ha messo in campo svariati progetti e differenti modalità di adesione e raccolta fondi. All’indomani della registrazione ufficiale nel novero delle associazioni della Regione Emilia Romagna (con riferimento al “servizio politiche per l’integrazione sociale, il contrasto alla povertà e terzo settore”) la sera del 12 dicembre è stata la volta di una cena solidale – fatta di momenti di convivialità alternati all’informazione sulle attività in essere e sui progressi dei lavori – e animata da una lotteria di beneficenza, particolarmente indicata per il periodo natalizio.

Ogni giorno l’associazione AfricaNoLimits si avvale della collaborazione di guide locali per dar forma alle iniziative di raccolta delle risorse necessarie all’avanzamento del progetto, come l’organizzazione di sopralluoghi sul posto, preziosi per constatare la situazione e per intervenire direttamente a sostegno della popolazione autoctona.

Sito web: https://www.facebook.com/africanolimits/

Frabemar per l’Africa: l’inaugurazione del complesso scolastico Lukunga

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Istruzione

Un nuovo complesso scolastico per gli studenti di Lukunga, quartiere di Kinshasa: è stato possibile grazie all’impegno di Frabemar Srl e della Commissione Comunitaria Francese del Belgio.

Frabemar

Frabemar Srl: i dettagli dell’inaugurazione del complesso scolastico Lukunga

La cerimonia d’inaugurazione del Complesso Scolastico Lukunga, nel quartiere popolare di Kinshasa, è avvenuta in un clima di grande festa e partecipazione: il taglio del nastro è stato effettuato dal Governatore della città di Kinshasa. La nascita del nuovo edificio è stata possibile grazie all’impegno e al finanziamento di Frabemar Srl, da sempre attiva per il Continente africano sia dal punto di vista commerciale sia in ambito umanitario e solidale. Il complesso scolastico è stato finanziato dalla società navale con la partecipazione della Commissione Comunitaria Francese del Belgio: l’iniziativa è partita dal Presidente Onorario di Frabemar Srl Franco Bernardini, per dar seguito alla costruzione di una classe nella Scuola di Tshiseleka, a Mbudi. In occasione dell’inaugurazione, la società ha anche finanziato un corso di formazione dedicato al corpo docenti che insegnerà nel nuovo complesso: il corso è tenuto da personale italiano ed è finalizzato a fornire ai partecipanti le informazioni di base per intervenire con le prime cure in casi di urgenze sanitarie che coinvolgano gli alunni. La formazione è stata offerta con il contributo della Onlus Millenium di Genova.

Le iniziative di Frabemar Srl per l’Africa

Il complesso scolastico di Lukunga, a Kinshasa comprende 550 alunni ed è gestito dal Ministero provinciale di Kinshasa per l’Educazione. L’iniziativa non è la prima intrapresa da Frabemar Srl per migliorare le condizioni degli studenti della zona: in precedenza la società ha finanziato la riabilitazione del Gruppo Scolastico Tshiseleka (GST), nella periferia di Kinshasa. Le classi, frequentate da oltre 500 studenti, erano fatiscenti e per lo più inagibili prima dell’intervento. Per questo Frabemar Srl ha deciso di finanziare la costruzione di un nuovo edificio e la ristrutturazione di quello vecchio, per aumentare la capacità didattica del sito e permettere agli alunni di frequentare le lezioni in una struttura sicura e attrezzata. Il nuovo edificio è stato inaugurato sotto l’alto patrocinio di Sua Eccellenza Sig.ra Thérèse Olenga Kalonda, Ministro provinciale dell’istruzione, formazione, condizioni delle Donne, Famiglia e Ambiente. Alla cerimonia erano presenti anche il fondatore e Presidente Onorario Franco Bernardini, le autorità locali, gli insegnanti e gli studenti.

Video Trinity Corporate Services: Come ottenere il Residence Visa negli UAE?

Scritto da TrinityCorporateServices il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Economia

Come ottenere il Residence Visa negli Emirati Arabi Uniti? Si possono avere fino a 2 – 3 anni di residenza semplicemente registrando una nuova Azienda; il visto può essere richiesto sia per gli investitori sia per gli impiegati. Ecco la guida degli esperti di Trinity Corporate Services.

View Video

La crisi del 2008, ormai lasciata alle spalle e superata con capacità e senso di responsabilità, ha indubbiamente portato negli Emirati Arabi una serie di regole e di cambiamenti positivi che garantiscono investitori e imprenditori nelle loro attività.
A dieci anni di distanza i settori dell’economia, turismo e servizi, settore commerciale e manifatturiero si sono rafforzati. Certo è che i nuovi cambiamenti legislativi aprono un’ulteriore e interessante opportunità per gli investitori stranieri e per chi voglia registrare un’Azienda a Dubai e negli UAE o aprire una Start Up o, ancora, una Filiale della propria attività in un Paese con una burocrazia semplice, snella e zero tasse.

Oltre alla posizione geografica, che vede Dubai rappresentare un business hubche permette lo sviluppo di scambi e interessi economici tra Europa, Medio oriente e Asia, un investitore o un’Azienda sono soggetti a misure meno rigorose, trovando una legislazione favorevole nei confronti della concessione della residenza agli stranieri.

Ci siamo affidati a una fonte autorevole, Trinity Corporate Services e, grazie alle loro indicazioni, possiamo affermare che:

  • Si ha il diritto di richiedere una residenza che varia dai 2 ai 3 anni, a seconda dell’emirato/free trade zone, quando si registra una nuova Società negli UAE;
  • I costi di registrazione sono estremamente attrattivi e partono da 10,000 USD
  • Negli Emirati Arabi Uniti non esiste alcuna imposta sul reddito delle persone fisiche o sulle Aziende.
  • La licenza va rinnovata ogni anno, il Visto di Residenza ogni 2/3 anni, mentre per mantenere la residenza è sufficiente recarsi negli Emirati Arabi Uniti due volte l’anno.

Quindi, dopo aver registrato la Società, sia se si ha intenzione di trasferirsi negli Emirati o anche se si effettuerà periodicamente una visita, si procede con la richiesta del visto, procedura semplice e rapida, se effettuata sotto la guida di consulenti esperti.
Se si possiede un Visto di Residenza, si ha diritto, appunto, alla residenza negli UAE ed è possibile ottenerlo anche per i componenti del nucleo familiare: moglie, marito e minori di 18 anni.

In pratica, il Residence Visa negli Emirati Arabi Uniti è un adesivo applicato sul passaporto. Dopo il rilascio del Residence Visa, si ottiene anche la carta d’identità degli Emirati, che viene emessa in aggiunta al suddetto visto, sulla quale sono annotate informazioni generali sul suo titolare. Questa carta è valida in tutti gli Emirati e viene utilizzata come documento identificativo all’interno del Paese. La carta di identità è necessaria per aprire un conto in banca, affittare un immobile, ottenere un numero telefonico.
Al fine di mantenere valido il Visto per Residenti, è necessario entrare negli Emirati almeno una volta ogni sei mesi. Nel caso in cui si trascorresse al di fuori degli Emirati più di sei mesi, il visto va riattivato/richiesto nuovamente; la procedura dipenderà da tipo di visto e emirato/free trade zone.

Il Visto di Residenza può essere ottenuto secondo le seguenti regole:

  • Registrazione della propria Società negli Emirati Arabi Uniti. Questa è l’opzione più conveniente ed efficiente per ottenere visti commerciali negli Emirati Arabi Uniti per sviluppare il proprio volume d’affari e creare un’azienda in poche mosse.
  • Alla stipula di un contratto di lavoro. Al momento dell’assunzione da parte di una Società con sede negli Emirati; tutte le formalità relative all’ottenimento del visto devono essere eseguite dal datore di lavoro. In media ci vogliono 2-3 settimane per ricevere tale visto.
  • All’acquisto di beni immobili. In caso di acquisto di immobili residenziali completati (non in fase di costruzione), a Dubai o in qualsiasi altro Emirato, con valore superiore a un milione di dirham (272,255 USD). La validità del visto varia a seconda degli Emirati; a Dubai la validità del visto di residenza è di 2 anni e rinnovabile ogni 2 anni.

Da poco il Governo di Dubai ha annunciato l’entrata in vigore, a partire da gennaio 2019, di una nuova normativa che prevede un visto rinnovabile di cinque anni per i pensionati di età superiore ai 55 anni.
In base a quanto annunciato, per poter richiedere tale visto, il richiedente dovrà effettuare un investimento immobiliare del valore di 544,510 USD, oppure dimostrare di avere su un conto bancario almeno 272,255 USD, oppure una prova di reddito superiore a 5,445 USD al mese. Al momento si è in attesa di ulteriori dettagli in merito.

Le prerogative per spostare la propria attività negli UAE sono davvero molte; il Governo ha la volontà di attrarre investitori, imprenditori e persone intraprendenti che vogliano realizzare la loro visione da oggi ai prossimi decenni.
Il piano di sviluppo dell’Amministrazione di Dubai è già fissato, con grande lungimiranza, fino al 2070.
Dubai, quindi, si attesta come meta preferita di chi voglia assicurarsi, oltre che un notevole sbocco nel lavoro, anche una qualità della vita molto alta.
Sicurezza, pulizia, leggi che funzionano, volontà di creare una società culturalmente attiva e che vede oltre 200 nazioni convivere pacificamente, sono solo alcuni degli obiettivi perseguiti dal Governo, insieme a tolleranza e felicità. Gli UAE stanno tracciando, nell’ultimo decennio, una rotta sicura e affidabile che ha creato un forte indotto commerciale e socio-culturale. Registrare una Società in questi luoghi e ottenere un Residence Visa, diventa un cambiamento positivo della propria attività lavorativa e dell’aspettativa di una migliore qualità della vita.

Trinity Corporate Services
Press Office
321 Group – Patrizia Landini

Fontewww.trinitycorporateservices.com