Sculture greche Roma: il Pugilatore a riposo in Mostra con Eni

Scritto da UfficioStampaEni il . Pubblicato in Arte

Sculture greche a Roma, il Pugilatore a riposo torna a incantare la capitale. Dopo il successo di New York, il capolavoro, esposto per la prima volta negli Stati Uniti, ritorna a Roma pressi il Museo Nazionale Romano. Sono stati oltre 90 mila i visitatori che hanno ammirato l’opera d’arte greca al Metropolitan Museum of Art.

Pugilatore a Riposo

Altro che divi di Hollywood a Roma. A rubare letteralmente la scena alle star del jet-set, è stata la statua in bronzo del “Pugilatore a riposo”, capolavoro sommo dell’antichità rientrato in Italia dopo due mesi di esposizione oltreoceano, ospite illustre del Metropolitan Museum di New York per l’anno della cultura italiana negli Stati Uniti. Al posto del red carpet, la sala VII al piano terra del Museo nazionale romano di Palazzo Massimo, dove l’opera – per il cui autore gli studiosi scomodano addirittura Lisippo o la sua cerchia – è stata accolta da un bagno di flash, paparazzi e telecamere.

IL VIAGGIO
Concluso il soggiorno sulla Fifth Avenue, organizzato dai ministeri degli Esteri e dei Beni culturali con la sponsorizzazione dell’Eni, la statua è atterrata a Milano lunedì mattina dove ha svolto le pratiche della dogana, per poi rientrare a Roma martedì sera. Un viaggio che il vip dell’archeologia ha affrontato nella sua cassa hi-tech speciale, studiata ad hoc dai restauratori della Soprintendenza ai beni archeologici di Roma. Una cassa che ieri mattina è stata riaperta davanti alla stampa, con tanto di custodia sigillata a parte per la base della scultura, un piedistallo in pietra alto un metro, da 150 chili. Lo stesso peso del “Pugilatore”, la cui intensità plastica, condensata nella posa seduta dopo le fatiche titaniche, è cominciata a rivelarsi quando è stato svitato il primo pannello laterale della cassa alta quasi due metri. E il suo volto rigirato, consumato dal sangue e dalle ferite, è riemerso attraverso gli imballaggi sagomati e imbottiti di materiale tecnico.

LA DEDICA A GRIFFITH
Lo smontaggio è durato una ventina di minuti circa, e il “Pugilatore a riposo” è tornato a riposare nella sua stanza, accanto al “Principe ellenistico”. Un rientro che la direttrice del museo Rita Paris, visibilmente emozionata, ha voluto dedicare idealmente a Emile Griffith, il pugile americano storico rivale e amico del nostro Nino Benvenuti, morto martedì: «Mi è venuto spontaneo pensare a un altro grande pugile che ha combattuto tutta la vita, che ha conquistato vittorie storiche, ma che alla fine è morto solo, povero e abbandonato. Va dedicato a lui il rientro del nostro Eroe», dichiara la Paris. Come un figliol prodigo, la scultura, la cui datazione oscilla tra il IV e il I secolo a.C., tra primo e tardo ellenismo, ha riempito il vuoto lasciato a Palazzo Massimo per sei settimane.

IL SEGRETO DEL SUCCESSO
La sua importanza è assoluta. Val la pena ribattezzarlo «il bronzo di Roma», senza nulla togliere ai Bronzi di Riace, che con lui hanno in comune solo l’eccezionale fattura bronzea: «E’ uno dei rari bronzi originali pervenutoci integro, con una storia lunga e complessa – racconta la Paris – E’ stato realizzato in Grecia per essere esposto in un luogo di indubbio prestigio, anche se non sappiamo quale. E poi è arrivato a Roma per decorare le Terme Costantiniane sul Quirinale. E’ stato, quindi, visto, ammirato, toccato da tanti popoli diversi». Che nel rispetto della sua bellezza l’hanno voluto preservare per i posteri dopo la demolizione delle terme imperiali. Ed è così che nel 1885 Rodolfo Lanciani l’ha ritrovato in un profondo interro. «Il segreto del suo successo è la posa della figura – riflette la Paris – Seduto, rilassato, col sangue delle ferite, ma con lo sguardo rivolto verso qualcosa, forse un presagio, forse un verdetto finale». E oggi guarda il visitatore che può entrare in contatto visivo con quegli occhi intensi e ipnotici: «Esprime sofferenza, ma anche un sottile senso di soddisfazione per un successo conquistato a duro prezzo», sottolinea la Paris. Gli americani avranno apprezzato, rendendogli onore con oltre 90mila visite in sei settimane. «La cosa che più mi ha fatto effetto – ricorda la Paris – è stato vedere la pubblicità del Pugilatore a Time Square. Sembrava un’icona Pop».

FONTE: Il Messaggero

Tags: , , ,

UfficioStampaEni

eni è un’impresa integrata nell’energia, impegnata a crescere nell’attività di ricerca, produzione, trasporto, trasformazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale. Tutti gli uomini e le donne di eni hanno una passione per le sfide, il miglioramento continuo, l’eccellenza e attribuiscono un valore fondamentale alla persona, all’ambiente e all’integrità.