Scarpe, nate dai sogni di qualcuno

Scritto da paginiroger il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle

Tutti i grandi marchi storici sono nati da un sogni di giovani che ad un certo punto hanno ben pensato di sfidare tutto e tutti e realizzare i loro sogni. Per poi vedere i loro sogni realizzati e amati sempre di più, in principio infatti quando nel 1966 nasceva il marchio Vans chi pensava che sarebbe esploso nel successo.

E di fatto già dieci anni dopo nel 1976 gli skateboarder iniziarono ad utilizzare solo ed esclusivamente scarpe Vans. Un tempo, inoltre pare che fossero solo rosse e blu e se in principio la loro caratteristica era quella della vendita al dettaglio, proprio come sognava il loro realizzatore, oggi con la fama che si è creato si possono trovare scarpe Vans distribuite in ben 190 aziende diverse e con oltre 60 stili diversi.

Ma di preciso le scarpe sportive, dove e in che periodo sono nate? Bisogna scavare un po’ nella storia per arrivare a concludere che il primo esemplare di calzatura sportiva lo troviamo in Sudamerica nel XVI secolo. Simpatico però è scoprire come è nata questa esigenza. Pare infatti che gli indiani avessero la strana usanza di spalmarsi il lattice raccolto sugli alberi da caucciù sotto la pianta del piede, in modo da isolarla.

Questo di certo non si è mai visto nei western di John Wayne. In seguito poi verso il XIX secolo questa usanza viene colta per abbinarla alla produzione di scarpe in feltro. Ma nel momento in cui si capì che poteva essere sciolta e pressata in stampi di argilla, riuscendo così a dargli una forma, il gioco era fatto.

Di fatto le scarpe da ginnastica riuscirono ad essere fabbricate in seri già dal 1825, quando un negoziante di ferramenta americano Goodyear riuscì a perfezionare il processo di vulcanizzazione del caucciù. Ma come tutti i modelli nella storia delle scarpe, anche queste in principio non erano utilizzate da tutti ma solo da pochi che facevano sport d’elite, come il tennis.

Oggi nel 2013 sembra quasi assurdo pensare che le scarpe sportive ebbero il loro primo grande bum già con le Olimpiadi di Atene nel 1896 e che ormai tutti possono comprarle, oggi si possono addirittura assistere alla vendita di scarpe online. Fatto sta che quello fu il trampolino di lancio per tutte le generazioni future di scarpe sportive.

Al 1919 risalgono invece le prima scarpe da basket, ed erano le mitiche Converse All Star. L’anno seguente nel 1920 alle Olimpiadi a Berlino compare per la prima volta sulla scena Adi Dassler il fondatore di Adidas, fratello del fondatore del marchio Puma nato nel 1948. Nel 1950 ad indossare scarpe sportive non sono solo coloro che praticano sport ma le grandi star dello spettacolo.

Di fatto tutti vogliono somigliare a lor e il fatto che indossino scarpe da ginnastica contribuirà al loro lancio sul mercato. Ancora oggi le scarpe da ginnastica non sono realizzate solo per quello scopo, ci sono infatti molti che indossano scarpe da ginnastica dal sapore elegante anche sotto abiti classici e non lo fanno solo i nostri giovani ma anche le star di Hollywood sul red carpet come Robert Downey J.