Pasta Shirataki: una ricetta per la salute

Scritto da valerio il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Gastronomia e Cucina

Shirataki è un nome dal sapore esotico e misterioso. In Italia sono ancora in molti a non sapere che si tratta di una pasta di origine giapponese che ha notevoli effetti benefici per l’organismo umano. E’ indicata per le diete di chi ha bisogno di dimagrire (e questo aspetto al rende interessante per molti) ed è indicata per chi, come i diabetici, ha bisogno di diminuire drasticamente l’apporto di zuccheri e carboidrati.  Chi ha il diabete e magari non sa resistere a un bel piatto di spaghetti o di tagliatelle, sa di cosa stiamo parlando. La pasta shirataki consente di non rinunciare al piatto di spaghetti e di avere effetti benefici sulla glicemia e sul colesterolo.

Non stiamo parlando di qualcosa di miracoloso. La pasta shirataki è fatta con una farina ricavata dalla radice di Konjac, una pianta erbacea della varietà Konjac Amorphophallus, diffusa e raccolta in tutto l’Est asiatico. Come fanno i giapponesi a rimanere in forma e a vincere l’obesità? La risposta è semplice: mangiano pasta shirataki. La pasta shirataki contiene una fibra naturale, il Glucomannano, che ha la proprietà di fornire immediatamente una sensazione di sazietà e di aiuta l’attività gastrointestinale. Esistono qualificati studi scientifici a livello internazionale che hanno provato queste caratteristiche.

La domanda che in molti si fanno è: ma è buona? Sì, è buona, anche se il sapore è diverso da quella tradizionale anche se si sposa benissimo con tutti i condimenti tipici della cucina italiana.

Dove la si trova? Può essere richiesta sul sito italiano di Miracle Noodle: la spedizione è gratuita in tutta Italia.

Tags: ,