Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Forfetari ed ex minimi esclusi dal nuovo Spesometro

Scritto da GBsoftware S.p.A. il . Pubblicato in Economia

Il nuovo Spesometro è stato introdotto con lo scopo di prevenire gli illeciti Iva e monitorare le operazioni rilevanti per l’imposta. Comprende i dati di tutte le fatture emesse, ricevute e registrate nel periodo di riferimento, cioè il trimestre.

Tutti i soggetti passivi dell’IVA sono tenuti all’adempimento e l’unica eccezione dichiarata inizialmente riguardava i produttori agricoli marginali operanti nelle zone montane.

Ora un documento in arrivo dall’Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni aspetti del decreto 193/2016.

I contribuenti che si avvolgono del regime forfetario o del regime di vantaggio (ex-minimi) non sono tenuti a trasmettere i dati delle fatture emesse e ricevute. Viene così dissipato questo dubbio che ruotava attorno alla nuova normativa.

La comunicazione dell’Agenzia confermerà anche l’insussistenza dell’obbligo di trasmissione delle operazioni documentate con scontrini e ricevute fiscali, in quanto l’oggetto da comunicare è rappresentato solo dai dati delle fatture (indipendentemente dall’importo).

Studi e imprese si stanno preparando ai cambiamenti seguendo con attenzione le precisazioni sul decreto legge 193/2016 e scegliendo software per commercialisti che siano aggiornati alle novità normative e pronti a semplificare il lavoro in questo lungo anno fiscale.

Business a 5 stelle con i corsi di Etiquette Italy

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Cultura, Italia, Lifestyle

Al via il 9 febbraio i nuovi corsi di Business Etiquette promossi dalla Etiquette Academy Italy. Il prestigioso Grand Hotel Majestic “già Baglioni” accoglie nel suo storico palazzo manager e professionisti di successo interessati all’arte del galateo applicata al business.

La cultura delle buone maniere è uno strumento indispensabile per promuovere e consolidare la propria figura professionale. All’interno dell’evocativa ambientazione del Grand Hotel Majestic “già Baglioni”, ottocentesca location con un prestigioso retaggio storico di eleganza ed esclusività, riprendono a grande richiesta, dal 9 febbraio e fino all’8 giugno, gli incontri di Etiquette Italy la prima scuola italiana di Galateo, Business Etiquette e Immagine Professionale. Dopo il successo delle precedenti edizioni, Etiquette Italy riporta in aula gli esponenti del mondo degli affari, per trasmettere preziose indicazioni volte a incrementare l’efficacia della propria web reputation, l’incidenza della leadership e l’efficacia delle strategie di comunicazione, acquisendo quella sicurezza e quelle capacità relazionali indispensabili per la perfetta riuscita della propria attività in un mondo sempre più globalizzato ed attento non soltanto ai contenuti, ma anche alla forma.
L’esperienza nel mondo della comunicazione e delle pubbliche relazioni di Simona Artanidi, fondatrice di Etiquette Italy e una delle massime esperte di Business Etiquette in Italia, ha permesso di intrecciare l’arte del buon vivere con il personal branding, suggerendo ad imprenditori e manager la strada migliore per raggiungere i propri obiettivi grazie ad un alto standard di autostima, sicurezza, presentazione di sé e del proprio operato. Tantissimi gli aspetti presi in esame, con attenzione agli effetti ed ai significati sottesi ad ogni singolo gesto: atteggiamenti da prediligere nel relazionarsi con il pubblico, pianificazione e gestione delle conversazioni nel corso di un pranzo d’affari, messaggio veicolato dall’abbigliamento, scelta accurata del registro linguistico e delle modalità di espressione sono infatti solo alcune delle tematiche analizzate nel corso degli incontri.
Il modulo d’apertura, il 9 e il 23 febbraio 2017, prevede la disamina di una tra le questioni più delicate per chi opera nel mondo degli affari e delle pubbliche relazioni, così come in ambito istituzionale: il contatto con il pubblico, spesso fonte di timore, incertezza e difficoltà di esposizione. La sessione formativa, dal titolo “Speak with Etiquette”, ha lo scopo di fornire agli iscritti gli elementi per un’efficace presentazione di sé, mediante il potere della disinvoltura: sicurezza e determinazione annullano il rischio di un’errata comunicazione, rendendo il proprio messaggio incisivo e persuasivo, decretandone l’entusiastica comprensione e conseguentemente la piena affermazione del relatore. La seconda tappa del percorso formativo è rappresentata dal corso “Dress for success”, programmato in data 9 marzo 2017. Un argomento, questo, che merita approfondimento e che si dimostra determinante nella creazione della propria immagine personale quanto aziendale. Tanti gli aspetti correlati, tra cui la postura e il linguaggio del corpo, veicoli funzionali per esprimersi e fornire informazioni anche in modo non convenzionale. In cattedra, il 6 e il 20 aprile 2017, l’accoglienza: un’arte antica e irrinunciabile per relazionarsi con clienti ed interlocutori. “Bon ton, accoglienza e savoir faire”, questo il titolo della sessione, è il focus per svelare la strategia vincente nel modo di porsi, risultando cortesi ed appropriati nel confronto e nello scambio quotidiano sul posto di lavoro, piuttosto che a meeting, convention ed altre circostanze. Il 13 maggio vede protagonista una situazione ricorrente e spesso determinante nel mondo del business, ovvero “Il pranzo d’affari”, come suggerisce il titolo del corso. La colazione di lavoro è spesso la modalità prescelta per la chiusura di un accordo o per la definizione di una collaborazione. Ecco quindi che si dimostra davvero utile non solo la presenza, ma anche l’acquisizione dei modi più appropriati per rapportarsi al proprio interlocutore, preparando un’accurata pianificazione delle conversazioni. Chiude il ciclo di corsi di Business Etiquette, nella giornata dell’8 giugno, la trattazione della “Web & Etiquette Reputation”, argomento di grande attualità e di significativa utilità per il personal branding on line. Tecnologia e modernità possono essere un alleato vincente nel business, a patto di sfuggire alla netiquette e all’eccesso di disinvoltura che talvolta rischia di far ottenere l’effetto contrario.
La cura dell’immagine, della persona e della relazione con gli altri sono alla base di una competitività positiva e virtuosa, sia in azienda che nelle sue interazioni con l’esterno, clienti, fornitori, istituzioni e più in generale tutti gli stakeholder.
I corsi di Business Etiquette di Etiquette Italy, focalizzati proprio su questi aspetti, sono quindi quanto mai utili, non solo a livello individuale ma anche per l’intero management nella sua molteplicità di ruoli, per affrontare al meglio un panorama professionale sempre più internazionale e complesso. Un’opportunità unica per non lasciare mai nulla affidato al caso e conseguire il miglior risultato.

Etiquette Academy of Italy® – Lo stile nelle relazioni d’affari Galleria Ugo Bassi, 1 – 40100 Bologna – T. +39.051.269190 www.etiquetteitaly.com
Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200 – Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Mauro Moretti: la tradizione di Leonardo nel Regno Unito

Scritto da news mmonline il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia

Leonardo investirà nel Regno Unito per far crescere le sue attività: lo ha confermato Mauro Moretti alla conferenza di presentazione di Leonardo Mw, il nuovo pilastro britannico che nasce dalla grande tradizione industriale e tecnologica sul territorio.

Mauro Moretti, Amministratore Delegato di Leonardo

Mauro Moretti interviene alla conferenza di presentazione di Leonardo Mw

Partenariati innovativi a lungo termine: è questo l’obiettivo principale dietro alla nascita di Leonardo Mw, nuova, singola entità all’interno della quale sono confluite le attività britanniche di Leonardo. L’Amministratore Delegato Mauro Moretti ha sottolineato l’importanza di tale operazione che, con il sostegno del governo del Regno Unito, garantirà un’ulteriore crescita degli investimenti in un polo strategico e di grande tradizione industriale e tecnologica. Con 7.100 dipendenti, Leonardo Mw diventa una delle società britanniche leader nel settore delle alte tecnologie e un punto di riferimento per attività di ricerca, progettazione, produzione e supporto a prodotti e sistemi high tech. La confluenza in un’unica entità è un buon preludio allo sviluppo del business sia nel mercato domestico britannico sia nell’export.

Mauro Moretti: la tradizione di Leonardo nel Regno Unito

Il nuovo nome, Leonardo Mw, si ispira ai due prestigiosi brand nel Regno Unito, ovvero Marconi per l’elettronica e Westland per gli elicotteri. Mauro Moretti ha posto l’accento sulla forte tradizione industriale e tecnologica di Leonardo proprio grazie a questi due marchi, un aspetto consolidante e che fa presagire a una collaborazione sempre più proficua con le Forze Armate britanniche, anche in conseguenza dell’avvio della società unica. Leonardo può infatti contare su una posizione privilegiata nel Regno Unito: all’interno del territorio è infatti in grado di offrire un’ampia gamma di capacità su ogni piattaforma e una serie di sistemi, sensori e soluzioni integrate da poter utilizzare nei comparti aeronautico, terrestre, marittimo e cyber.

La sindrome di Kessler: la cruda realtà quotidiana nel nuovo video La prossima infezione

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Musica

Ad un anno dall’esordio la band romana si prepara all’uscita del secondo disco, anticipato dalla promozione del nuovo singolo-videoclip: uno spaccato crudo e diretto della macabra realtà che ci circonda.

Genere: indie rock / grunge / alternative rock / garage

Etichetta: Autoproduzione

Dopo l’anteprima esclusiva su Shiver Webzine, esce ufficialmente La prossima infezione, il nuovo video de La sindrome di Kessler.

La tematica affrontata nel video riguarda il rapporto umanità/disumanità, un gioco di specchi che serve a ricordarci come siamo e con chi abbiamo a che fare: noi stessi e i nostri simili, i contorti meccanismi sociali, gli input/obblighi offerti/imposti dalla modernità, la schiavitù tecnologica, spesso autoinflitta, orrori e meraviglie e tutto quanto possa far cadere in un vortice di disorientamento e annichilimento. Recinzioni e barriere da cui dobbiamo liberarci per ritrovare una più equilibrata dimensione umana, di cui, lentamente, pare ci stiamo dimenticando.

Così recita la canzone nel suo incipit: “Ed ora che hai scoperto che è tutta una finzione, ammirerai la posa di un’altra recinzione?”

Interpretato da Mark Zao – protagonista estremo e distorto che incarna la “folle voracità” del presente facendosi simbolo del rutilante mondo in cui viviamo – questo videoclip, crudo e diretto come solo la realtà sa essere, consolida ormai la collaborazione e l’amicizia con il regista Idio, siglando il terzo lavoro consecutivo con la band dal 2015.

La sindrome di Kessler è tornata dal vivo a Roma il 14 gennaio in una data split con la band capitolina La salamandra presso il locale Defrag.

Band:

Antonio Buomprisco: Voce-chitarra
Canio Giordano: Chitarra-voce
Sancio: Basso
Luca Mucciolo: Batteria

Credits

Regia, fotografia, montaggio: Idio
Sceneggiatura: Idio e Lsdk
Protagonista: Mark Zao

Contatti:

Mail: lsdkessler@gmail.com
Fb: La sindrome di kessler
YouTube: La sindrome di Kessler
www.facebook.com/BlobAgency
antipop.project@gmail.com

Cresce del 18% in un anno la ricerca di assicurazioni sulla casa

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino, Economia

Gli italiani hanno ormai capito che conviene tutelare i propri beni e, a giudicare dai numeri, al primo posto nei loro pensieri c’è la casa. Secondo un’indagine compiuta da  Facile.it (https://www.facile.it/assicurazioni-casa.html), il più importante comparatore italiano di prodotti assicurativi, su un campione di oltre 85.000 utenti unici, la ricerca di assicurazioni a tutela degli immobili è aumentata, in un anno, del 18%.

Se già il dato annuale è notevole, diventa sbalorditivo quello registrato ad agosto: +52%, chiaramente influenzato  dai  fatti di  Amatrice – anche se, curiosamente, non sempre il danno causato dai terremoti  è  rimborsato dalle polizze.

«Quando si decide di sottoscrivere una polizza che tuteli la nostra abitazione – precisa Giordano Gala, Responsabile BU assicurazioni casa di Facile.it – bisogna fare molta attenzione. Le polizze sono di due tipi: uno è relativo ai beni contenuti nella casa, l’altro ai danni alla struttura. Il secondo è quello che contempla anche i problemi causati dagli eventi naturali, ma non tutti i contratti includono i danni da alluvione o terremoto e, anche se lo fanno, hanno sotto clausole specifiche – come quella che esclude dalla copertura gli edifici costruiti entro i 25 metri dai campanili delle chiese o quella che tutela lo stabile precedentemente danneggiato da un sisma solo e soltanto se è stato completamente ristrutturato».

A dimostrare il maggiore interesse  verso la tutela  assicurativa della propria casa sono gli italiani con un’età compresa fra  i 35 ed i 44 anni (39% del totale) e i residenti in Lombardia, Friuli   Venezia Giulia, Lazio ed Emilia Romagna, tutte regioni che nella loro storia più o meno recente hanno dovuto fare i conti con i danni causati da eventi naturali.

Guardando ai costi, Facile.it ha fatto una simulazione legata ad un immobile di 100 metri quadrati sito a Milano;  per garantirlo con una polizza assicurativa i prezzi variano dai 240 ai 320 euro annui a seconda che la casa in questione sia un appartamento, una villetta singola o una villetta a schiera. Requisito fondamentale per vedersi garantite queste tariffe è che l’immobile sia anche abitazione principale; nel caso in cui si tratti invece di una seconda casa o comunque di un’immobile ad uso saltuario il costo aumenta anche del  25%.

«Un altro aspetto da considerare attentamente – ha continuato Gala – è legato al valore reale degli oggetti custoditi nella casa e che copriamo con l’assicurazione. Tanto il massimale quanto il premio che paghiamo alla compagnia è legato proprio a questo valore ed è bene sia corretto: sopravvalutare un oggetto per questioni affettive potrebbe trasformarsi in un danno economico, così come il sottovalutarne alcuni per pagare un premio inferiore. Consideriamo quindi i valori reali e, ove possibile, manteniamo anche i documenti di spesa in un luogo che non sia la casa: in caso di danno sarebbe molto difficile recuperare quei fogli così importanti ai fini del risarcimento.»

In ultimo una curiosità: le assicurazioni per la casa non sono necessariamente legate alla proprietà, a stipularla possono essere anche gli affittuari nella formula detta “uso locativo”. Scegliendo questa tutela gli inquilini possono proteggere sia i loro beni contenuti della casa, sia se stessi, dai contraccolpi economici che potrebbe causargli la richiesta di un risarcimento economico, per un danno all’appartamento da loro causato.

Salvo Nugnes porta le foto di Maria Pia Severi alla Milano Art Gallery sanremese

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Fotografia

Maria Pia Severi, talentuosa artista modenese, sta continuando con successo il suo percorso nel mondo dell’arte contemporanea, esponendo le sue originali fotografie artistiche in mostre di prestigio a livello internazionale e ricevendo ottimi riscontri di apprezzamento. Da Miami a New York, da Rio de Janeiro a Praga, da Londra a Spoleto e Biennale di Venezia, i suoi scatti d’autore riscuotono sempre interesse e curiosità. Le sue opere saranno esposte nella mostra organizzata dal manager Salvo Nugnes alla Milano Art Gallery di Sanremo, in concomitanza con il Festival della Canzone, dal 10 al 24 febbraio. La Severi ha trovato una formula espressiva sua propria davvero inedita e sui generis, che le permette di realizzare immagini fotografiche con una cornice di misteriosa e intrigante evanescenza e di ricavarsi uno stile inconfondibile. La sua vivace vena creativa e l’acuto spirito d’inventiva completano e rafforzano le innate capacità strumentali. La sua fotografia è libera da accademismi, ricca di richiami e rimandi fantasiosi e pregnante di emozioni e sentimenti, alimentando anche il sogno e la componente onirica.

MWC 2017: sicurezza mobile componente basilare della rivoluzione digitale

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

logo-claim-2015-3c-highresG DATA presenta al Mobile World Congress 2017 di Barcellona le proprie soluzioni di sicurezza completa per smartphone e tablet. Padiglione 6, stand 6B40.

Il leitmotiv del Mobile World Congress 2017 è “basilare” (elemental), uno slogan che simbolizza egregiamente il grado di integrazione dei dispositivi mobili nel nostro quotidiano. Nella nostra penisola il 70% dei consumatori è connesso a Internet unicamente attraverso smartphone e tablet o attraverso device mobili in combinazione con dispositivi desktop. Gli Italiani inoltre trascorrono più tempo su mobile che su desktop, al mobile fa capo infatti il 64% della durata totale delle connessioni (fonte:comScore, analisi 2016). Altrettanto rapidamente cresce il numero di minacce ai danni dei device mobili: con 3.246.284 nuove istanze di malware per Android nel 2016, corrispondente ad un aumento del 40% anno su anno, i cybercriminali hanno messo a segno un nuovo record. A fronte della sua redditività, questo mercato è di forte interesse per i cybercriminali che escogitano metodi sempre più creativi per attirare utenti ignari nella propria trappola.

gdata-infographic-mmwr-h2-16-new-android-malware-per-year-en-rgb

G DATA illustrerà come gli utenti possono rendere sicuri i propri dispositivi mobili con sistema operativo Android e iOS e salvaguardare la propria identità digitale, e come le aziende possano mettere in atto efficaci misure di Mobile Device Management dal 27 febbraio al 2 marzo in occasione del Mobile World Congress di Barcellona, padiglione 6 – stand 6B40.

Highlight di G DATA al Mobile World Congress

  • Secure Chat per iOS e Android
    L’applicazione G DATA Secure Chat consente di condurre chat temporizzate, protette attraverso una crittografia multipla che garantisce anche lo scambio sicuro di file multimediali. Già inclusa nella suite G DATA Mobile Internet Security per Android, l’applicazione sarà disponibile a breve anche per dispositivi iOS.
  • Modulo VPN integrato
    Anche gli utenti iOS potranno beneficiare di questa funzionalità integrata nel G DATA Mobile Internet Security. Non sarà quindi più necessario installare ulteriori soluzioni per la protezione del traffico dati nelle reti pubbliche di hotel, bar, ristoranti, aeroporti. Il modulo VPN integrato può essere posto automaticamente in background quando l’utente mobile naviga in Internet, controlla le e-mail o effettua le proprie transazioni bancarie.
  • Status del livello di insicurezza mobile
    Le 3.246.284 nuove istanze di malware per Android identificate nel corso del 2016 rappresentano un nuovo record negativo, corrispondente ad un incremento del 40 percento rispetto al 2015 ai danni di una componente ormai basilare per la nostra quotidianità. Oltre a svolgere attività di online-banking, spedire messaggi o navigare in internet tramite smartphone, gli utenti impiegano questi tuttofare sempre più spesso come telecomando per dispositivi IoT. A Barcellona gli esperti di sicurezza di G DATA presenteranno i più recenti attacchi perpetrati contro utenti privati e aziende. Come si possono affrontare in modo efficace le sfide del mondo mobile?

mwc2017

Chi è G DATA

La sicurezza IT è nata in Germania: G DATA Software AG viene considerata a pieno titolo l’inventore dei software antivirus. L’azienda, fondata nel 1985 a Bochum, più di 28 anni fa sviluppò il primo programma contro la diffusione dei virus informatici. Oggi, G DATA è uno dei principali fornitori al mondo di soluzioni per la sicurezza IT.

Numerosi test mirati condotti sia in Germania sia da organizzazioni rinomate a livello internazionale oltre che test comparativi condotti da riviste specialistiche indipendenti hanno dimostrato che la IT security “Made in Germany” offre agli utenti di Internet la miglior protezione possibile.

In Italia la soluzione G DATA Internet Security è stata insignita nel 2016 per il quarto anno consecutivo del bollino “Miglior Acquisto” di Altroconsumo. Inoltre, per il secondo anno consecutivo, G DATA è partner tecnico di Ducati Corse per la MotoGP ed ha il compito di proteggere i sistemi IT di pista del team Ducati

Il portafoglio prodotti G DATA comprende soluzioni di sicurezza sia per privati, sia per le aziende, dalle PMI alle grandi imprese. Le soluzioni di sicurezza di G DATA sono disponibili in oltre 90 Paesi di tutto il mondo.

Ulteriori informazioni su G DATA e sulle soluzioni di sicurezza sono consultabili sul sito www.gdata.it

Seo e la consulenza seo

Scritto da semseo il . Pubblicato in Aziende, Internet

Il consulente seo è un professionista che opera nel settore del web marekting. Solitamente un consulente seo si occupa di:

Ottimizzare il sito in chiave seo

l’ottimizzazione del sito in chiave seo significa molte cose. Inizialmente il consulente seo dovrà capire il mercato di riferimento dell’azienda, individuare i competitors, trovare le keywords più performanti per un dato target di utenti. A secona del budget il consulente seo si può concetrare su keyword di prestigio o long tail keywords, o una strategia che le contenga entrambe. Una volta individuate le keywords il consulente seo dovrà creare un documento che permetta agli sviluppatori di modificare l’html cosi da renderlo semanticamente corretto a livello di titoli e utilizzo di meta title e metadescription. Poi un altro documento che permetta ai copy di ottimizzare i contenuti in chiave seo. Questa procedura si rende necessaria affinche le pagine acquistino valore per il cliente e per i motori di ricerca.
Il consulente seo si dovrà occupare di scrivere o rivedere i metatitle e le meta description affinchè siano ottimizzate per salire nelle serp.

Link building:

La fase successiva all’ottimizzazione del sito web è quella di migliorare la link building introducendo link di alto valore. Questa pratica consente al sito di incrementare il proprio valore dal punto di vista seo e di posizionare il sito prima e meglio. Il consulente seo deve avere molta esperienza perché a seconda del settore, del tipo di serp, e dei competitors questa pratica può cambiare moltissimo e far variare il budget della campagna seo.

Mantenimento:

Il sito web deve essere costantemente migliorato per raggiungere le prime posizioni. In collaborazione con i vari reparti il consulente seo cercherà nuove strade per rendere più appetibile ai motori di ricerca le pagine del sito, quelle destinate alla ricerca naturale. In contemporanea continuerà la fase di link building che non deve essere inferiore all’anno per conseguire  risultati significativi. Il consulente seo, farà un attento monitoraggio producendo report esaustivi con lo scopo di sottoporre al cliente quali sono i miglioramenti e i punti critici raggiunti.

Moon Marketing collabora con diversi consulenti seo, in grado di migliorare l’indicizzazione sui motori di ricerca per ecommerce e siti internet. Moon Marketing offre consulenze seo per grandi aziende o aziende di prestigio che vogliono migliorare il loro posizionamento seo e trarne beneficio in termini di roi e di brand image.

Il blog di Moon Marketing riassume alcune delle più importanti tecniche seo, e suggerisce le procedure più indicate per una corretta indicizzazione.

Disinfestazione tarli, incentivi fiscali anche nel 2017

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Effettuare un intervento di conservazione delle strutture in legno della propria casa è un’operazione doppiamente conveniente, non solo in quanto utile a preservarne la loro qualità e integrità, ma anche per i vantaggi fiscali che ne conseguono. Anche quest’anno, infatti, optare per un trattamento antitarlo conviene grazie alle detrazioni di cui è possibile beneficiare.

Il decreto “Milleproroghe” approvato dal Consiglio dei Ministri ha di fatto esteso questa possibilità a tutto il 2017, rinnovando quanto già stabilito negli anni precedenti, a conferma di un indirizzo politico favorevole al rilancio degli investimenti che riguardano gli immobili. Insieme al bonus mobili, a quelli per gli interventi di risparmio energetico e, soprattutto, agli incentivi per gli interventi antisismici, che possono arrivare fino al 65% nel caso di prime case e attività produttive collocate in zone ad alto rischio sismico, anche quest’anno gli italiani potranno continuare a beneficiare di considerevoli detrazioni fiscali nel caso si decidesse di effettuare ristrutturazioni strutturali di carattere conservativo.

La misura, contenuta nella Legge di Stabilità 2017, prevede che i lavori per i quali è possibile richiedere l’agevolazione racchiudono interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo, nonché ristrutturazione edilizia, effettuati su tutte le parti comuni degli edifici residenziali o sulle singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze. Il vantaggio di questo provvedimento, inoltre, è che estende il diritto della detrazione non solo al proprietario, ma anche all’inquilino e al comodatario.

Trattamentoantitarlo.net coglie ancora una volta l’occasione per ricordare ai suoi visitatori l’opportunità di ottenere una detrazione di imposta del 50% per le spese sostenute per qualsiasi intervento di trattamento antitarlo a microonde, che può riguardare un parquet o un rivestimento in legno, o semplicemente, le travi che costituiscono il soffitto di una struttura, che necessitano di una manutenzione indispensabile: un’operazione vantaggiosa non solo per il portafogli ma soprattutto per l’ambiente e la salute degli inquilini!

Arriva Road Alliance, nel segno di un’Europa unita nell’autotrasporto

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Mercati

Un’alleanza tra i principali Paesi europei per contrastare efficacemente dumping sociale e cabotaggio illegale nell’autotrasporto. È questo, in sostanza, la Road Alliance siglata alcuni giorni fa a Parigi da nove Paesi Europei, ovvero un memorandum finalizzato a promuovere una politica a sostegno dei diritti dei lavoratori e della sicurezza stradale. Un accordo storico sottoscritto da otto Stati membri Ue (Italia, Francia, Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Lussemburgo e Svezia) e dalla Norvegia, che come sappiamo non aderisce all’Unione Europea.

Non è un caso che a firmarlo siano stati i Paesi in lotta da tempo contro la concorrenza sleale, un fenomeno che ha ostacolato pesantemente in questi anni la crescita di competitività delle imprese del settore non solo italiane. Il memorandum stabilisce un indirizzo politico comune mirato ad armonizzare la legislazione sociale dei Paesi aderenti uniformando i tempi di guida e di riposo dei lavoratori, consolidare la cooperazione per combattere le frodi mediante uno scambio continuo di informazioni, rafforzare la lotta contro il cabotaggio stradale aumentando i controlli, ed infine, snellire oneri e procedure amministrative attraverso l’adozione della versione elettronica della lettera di vettura internazionale (CMR).

Un altro punto di notevole importanza inserito nel memorandum è quella concernente i veicoli leggeri fino a 3,5 tonnellate,  ancora oggi esentati a livello europeo dalle regole per l’accesso alla professione: obiettivo, adottare per essi una nuova regolamentazione.

Insomma, la Road Alliance (provvedimento che coinvolge ovviamente anche il trasporto con bisarca) è l’espressione della volontà dei principali Paesi europei di creare un fronte comune contro le annose problematiche che attanagliano l’autotrasporto europeo. Uno sforzo indispensabile perché, oltre a favorire una liberalizzazione legale del trasporto su strada, scongiura iniziative privatistiche dei diversi Paesi europei, come ad esempio nel caso dell’adozione del salario minimo in Francia, Germania e Austria.