Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Inail, “Click Day 2017”: le recensioni di Cogefim S.r.l

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

Sicurezza sul lavoro: oltre 20 mila aziende hanno presentato lo scorso 19 giugno, nell’ambito del “Click Day”, la domanda per accedere ai contributi a fondo perduto erogati da Inail. Nelle recensioni di Cogefim S.r.l. i dettagli e le principali novità dell’iniziativa giunta quest’anno alla settima edizione.

Cogefim S.r.l., leader nell'intermediazione aziendale e immobiliare

Inail, bandi Isi e Isi agricoltura: gli esiti del “Click Day” nelle recensioni di Cogefim S.r.l.

Leader nel settore dell’intermediazione aziendale e immobiliare, Cogefim S.r.l. evidenzia nelle sue recensioni l’esito del “Click Day” 2017 sui bandi Isi e Isi agricoltura di Inail. Nata sette anni fa, l’iniziativa si propone di incentivare le aziende ad adottare maggiori misure di prevenzione e sicurezza. Attraverso il bando Isi 2016 l’Inail ha stanziato contributi a fondo perduto per un totale di oltre 244 milioni di euro di cui possono beneficiare imprese, anche individuali, iscritte alla Camera di commercio, artigianato, industria. Questi andranno a finanziare tre aree di progetti: la prima dedicata all’investimento e all’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale, la seconda alla bonifica da materiali contenenti amianto e la terza (novità dell’ultima edizione) al sostegno di iniziative promosse da micro e piccole imprese attive in specifici settori di attività. Non solo: con il bando Isi agricoltura, indetto per la prima volta lo scorso anno, anche le aziende agricole potranno usufruire di incentivi: per loro a disposizione altri 45 milioni (5 di questi destinati ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria). I finanziamenti serviranno a sostenere il noleggio con patto di acquisto o l’acquisto diretto di trattori e/o mezzi agricoli o forestali dotati di soluzioni innovative come la riduzione del rischio rumore e l’abbattimento delle emissioni inquinanti, mirate a migliorare il rendimento e l’indice di sostenibilità globale delle imprese agricole. Per presentare domanda è bastato un click: Cogefim S.r.l. riporta nelle sue recensioni che lo scorso 19 giugno, questa la giornata scelta per il “Click Day” 2017, le domande inoltrate nei trenta minuti di apertura dello sportello telematico sono state oltre 20 mila. Ora le aziende hanno trenta giorni di tempo per perfezionare la loro richiesta di contributo, allegando la documentazione indicata negli avvisi pubblici: verificati i requisiti, si procederà con l’erogazione dei finanziamenti fino a esaurimento e in base all’ordine cronologico di arrivo delle domande. I progetti scelti per essere coperti dai bandi Isi e Isi Agricoltura dovranno essere completati entro 12 mesi se prevedono la forma del noleggio con patto di acquisto: il limite temporale scende a 180 giorni per quelli finalizzati all’acquisto in un’unica soluzione di trattori e/o mezzi agricoli o forestali.

Intermediazione aziendale: le recensioni e le opinioni di Cogefim S.r.l.

In oltre trent’anni di attività nel settore dell’intermediazione aziendale e immobiliare, Cogefim S.r.l. ha acquisito una serie di competenze che oggi mette a frutto anche nella formulazione di opinioni e recensioni su tematiche legate all’andamento del proprio mercato di riferimento. Pubblicate su diversi portali tematici e testate come “Il Sole 24 Ore” e “Affari&Finanza”, riguardano anche bandi e altre iniziative mirati a supportare attività aziendali: la società seleziona quali segnalare, a dimostrazione dell’attenzione che rivolge alla clientela. Cogefim S.r.l. lavora infatti con imprenditori e proprietari di immobili, fornendo loro assistenza nell’ambito di compravendite o creazioni di partnership e joint-venture anche con importanti realtà estere. Per farlo si avvale di professionisti qualificati che seguono il cliente in ogni fase dell’operazione, dall’individuazione della soluzione più consona alle sue necessità in termini di costi, realizzo e tempistiche fino alla stesura dell’atto notarile. Il modus operandi della società milanese le ha permesso di affermarsi su scala nazionale.

Brave Models, modelle e modelli scelti da Dolce & Gabbana per la sfilata a Palermo

Scritto da Maria Anne Masci il . Pubblicato in Moda

Brave Models continua la sua straordinaria crescita, sei  delle sue modelle e tre dei suoi modelli sono stati scelti dal  Dolce & Gabbana per la sfilata di alta moda tenutasi a  Palermo, in uno show in cui arte e alta moda si sono uniti, dando vita a uno spettacolo senza precedenti.

Brave Models continua il suo straordinario percorso di successo, l’agenzia di moda e spettacolo di fama internazionale, eccellenza del settore, era presente con le sue modelle ed i suoi modelli alle   sfilate di Dolce e Gabbana che hanno avuto come palcoscenico Palermo e Monreale.

All’interno di queste  cornici, i meravigliosi abiti da sogno, creati con estrema precisione e destrezza dagli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana, hanno ricreato un quadro unico e magico  attraverso i colori, i disegni e i tessuti tipici della tradizione, in un carillon di racconti siciliani.

Brave Models è intervenuta con le sue  modelle: Alicia Holtz, Dasha Khlynova, Gaelle Groff, Imade Ogbewi, Kate King, Lia Pavlovaper  tra le statue di marmo  di piazza Pretoria hanno interpretato i sei  look completamente differenti creati da Dolce e Gabbana.

Brave Models sempre per Dolce e Gabbana, questa volta al maschile con i sui modelli: Alexander Satsuta, David Lundin, Ryu Usuda hanno indossato abiti realizzati su misura, ispirati alle bellezze arabo normanne, sfilando nel pieno centro di Monreale, con il duomo illuminato d’oro a fare da scenografia.

Brave Models ha partecipato così a due eventi che hanno lasciato senza fiato i presenti, famosi e non, che sicuramente non scorderanno tanto facilmente quest’esperienza.

RAI padre Dall’Oglio lo speciale a quattro anni dal rapimento

Scritto da Elena Todisco il . Pubblicato in Religione, TV

A quattro anni dal rapimento di padre Paolo Dall’Oglio in Siria (entrato nel Paese il 27 luglio del 2013 è scomparso due giorni dopo), la Rai dedica una speciale programmazione alla sua figura con un progetto curato dalla Direzione comunicazione.

A quattro anni dal rapimento di padre Paolo, il servizio pubblico rievoca la figura del gesuita. Evento oggi anche a Milano. Venerdì e sabato nei programmi, nei telegiornali e nei giornali radio saranno presenti servizi, speciali e approfondimenti sull’opera del gesuita portatore di pace e sulla sua attività nel teatro del conflitto siriano. Un’iniziativa che il servizio pubblico mette in campo per tenere accesi i riflettori sulla sua scomparsa e contribuire a mantenere vivo il filo della speranza.

Nella giornata di venerdì su Rai1 “Uno Mattina estate” (con uno spazio a cura del Tg1 dalle 7.10) e “La vita in diretta estate”, dalle 15.40, riserveranno ampie finestre di approfondimento alla vicenda di Padre Dall’Oglio.

All’interno del programma pomeridiano saranno ospiti Riccardo Cristiano, presidente dell’«Associazione giornalisti amici di padre Dall’Oglio»; Padre Giulio Albanese, missionario comboniano; Lucia Goracci, corrispondente da Istanbul e inviata Rai.

Questa sera, a Milano, la Fondazione culturale San Fedele e le Edizioni San Paolo presentano il libro “Paolo Dall’Oglio, la profezia messa a tacere”, libro a più voci curato da Riccardo Cristiano. L’appuntamento è a Piazza San Fedele 4, alle 20.45.

FONTEwww.avvenire.it

Le attività dell’imprenditore Andrea Agostinone

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

Grazie all’esperienza maturata in ambito finanziario a livello internazionale (Estonia, Emirati Arabi Uniti, Monaco e Malta), Andrea Agostinone è oggi un imprenditore e venture capitalist di successo, cofondatore di diverse realtà come INBANK As.

Andrea Agostinone - Profilo Xing

Il successo di Andrea Agostinone in ambito imprenditoriale

Il conseguimento della laurea in economia, ottenuta da Andrea Agostinone nel 1992, è il primo passo dell’imprenditore e venture capitalist verso il mondo della finanza. Nello stesso anno entra infatti in DAFISA EUROTRUST, società maltese per la quale ricopre il ruolo di Junior Consultant. Lo step successivo, una volta cresciuto all’interno dell’azienda, tanto da esserne divenuto Partner e Responsabile dell’International Tax Planning Department, è la fondazione nel 2002 di un’azienda londinese specializzata in Corporate Finance e M&A: CMP & Partners. Andrea Agostinone diventa così un imprenditore: qualifica che mette a frutto anche cinque anni dopo quando dà vita nel 2007 a Jasis Brokers and Consultants, e nel periodo 2009-2013 a Cofi A/S, Vantage Plus Diversifié, Colonna Group e The Shoreline Charter. Grazie alla capacità di operare con successo in comparti differenti, Andrea Agostinone diventa, nel 2014, Merchand des biens immobiliers nella città di Montecarlo, attivo nel contempo per la società MESEN Associated DWC LLC, in veste di Managing Directors e occupandosi per quest’ultima di consulenza, trading e tecnologie per le commodities. L’anno successivo collabora alla fondazione del gruppo bancario estone INBANK As, di cui è attualmente azionista.

Andrea Agostinone: interessi e successi sportivi

Andrea Agostinone, oltre ad aver dimostrato una grande versatilità in ambito professionale, si è distinto ampiamente per meriti sportivi. Detentore di importanti record a livello europeo e nazionale nel nuoto e specialista nei 50 metri a rana, è stato per due volte campione del mondo master: dopo il successo a Stanford In USA, nel 2006, ha replicato due anni dopo a Perth, Australia, nella staffetta 4×50 mista. Oltre ad essere pilota commerciale FAA ed EASA di aereo e di elicottero, è appassionato di guida e sci. A fianco delle attività sportive e imprenditoriali, la professione di scrittore: Andrea Agostinone ha scritto oltre 100 articoli in campo finanziario, pubblicati da diverse testate come Milano Finanza, Ipsoai, Italia Oggi, Il Sole 24 ore, Class Editori, e di diversi saggi in materia economica: Trust e fondazioni, Luna Rossa in campo bianco e il bilancio in forma abbreviata.

Mutui prima casa: in Italia servono in media 134 giorni

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Casa e Giardino, Economia

Quanto tempo occorre per ottenere l’erogazione di un mutuo prima casa in Italia? Molto, ma non moltissimo; secondo Facile.it e Mutui.it, che hanno seguito l’iter di un campione di quasi 1.800 pratiche concluse fra il 01 gennaio 2016 ed il 30 giugno 2017, dalla prima richiesta di informazioni fino all’effettiva erogazione il sole sorge e tramonta 134 volte, ovvero servono circa 4 mesi e mezzo.

L’analisi ha evidenziato che esistono differenze importanti nei tempi sia in base alla tipologia di mutuo richiesto – si oscilla fra i 115 giorni del finanziamento per liquidità ai 140 di quello legato alla surroga, in assoluto il più lento – sia in base alla regione in cui si presenta la richiesta di mutuo.

«Nel leggere questi dati», ha commentato Ivano Cresto, responsabile mutui di Facile.it, «non si può non tenere conto anche di altri fattori importanti; in primis il tempo necessario all’acquirente per concludere la trattativa d’acquisto dell’immobile e, in secundis quello necessario a raccogliere tutti i documenti indispensabili alla finalizzazione della pratica».

Le più veloci e le più lente

Secondo i dati elaborati da Facile.it e Mutui.it, se si osservano le sole pratiche legate all’acquisto della prima casa, la regione in cui gli aspiranti mutuatari devono aspettare più a lungo è l’Umbria con un tempo medio, fra la prima richiesta di informazioni e l’effettiva erogazione, di ben 153 giorni. Appena sotto la soglia dei 5 mesi la Sardegna ed il Piemonte (entrambe 147 giorni); sopra la media italiana anche Calabria (143 giorni), Puglia (139), Campania (138) e Lombardia (135).

Curiosamente, però, la maglia nera in ambito provinciale è conquistata da Pisa che, con ben 204 giorni di media, è il posto in cui è stato necessario il tempo maggiore per arrivare alla conclusione dell’acquisto immobiliare tramite mutuo.

Osservando la classifica in senso opposto, i mutuatari più fortunati sembrano essere quelli residenti nel Friuli Venezia Giulia, “costretti” ad attendere solo 94 giorni prima di entrare nella loro nuova casa.

Alle loro spalle i richiedenti del Trentino Alto Adige (112 giorni), della Liguria (115) e del Veneto (120 giorni).

Il primato del Friuli Venezia Giulia si conferma anche a livello provinciale con Udine e Gorizia ai primi due posti della classifica delle province più rapide (82 ed 83 giorni in media).

Valori richiesti ed LTV

«Anche in Italia» continua Cresto, «i consumatori cominciano ad informarsi molto tempo prima e, secondo il nostro osservatorio, se si stratta di prima casa quasi il 50% cerca di capire quali siano le sue reali possibilità di finanziamento prima ancora di aver individuato l’immobile. Nel fare questo l’aiuto di un consulente super partes ed il confronto fra le offerte diventano fondamentali».

L’analisi dei due portali ha indagato anche le cifre richieste in media per acquistare la prima casa ed il rapporto fra valore dell’immobile ed importo del mutuo erogato.

In base al primo parametro le richieste di importo maggiore sono state presentate in Trentino Alto Adige con valori appena inferiori ai 151.000 euro; a seguire nel Lazio (145.600 euro) e in Lombardia (134.750 euro), ma sono Sicilia e Campania le regioni in cui pare i mutuatari abbiamo maggiore necessità dell’aiuto della banca dal momento che la cifra che si richiede servirà a finanziare, rispettivamente, il 73% ed il 71% del valore dell’immobile.

I cittadini stranieri in Italia

Gli stranieri che richiedono un mutuo per comprare casa nel nostro Paese sono sempre di più e, per questo motivo, Facile.it e Mutui.it hanno indagato anche se ci siano variazioni nei tempi a seconda della nazionalità del richiedente.

Se per un italiano i tempi medi per concludere un acquisto con mutuo prima casa sono pari a 134 giorni, questo valore si abbassa a 117 se il richiedente ha nazionalità di uno stato europeo non aderente alla moneta unica né facente parte dell’Unione e a 104 se la sua nazionalità è extra europea.

Non bisogna, però, farsi prendere da facili moralismi; il dato va considerato alla luce di forti differenze culturali; un cittadino straniero che sceglie di acquistare casa in Italia tenderà a rivolgersi all’Istituto di credito solo dopo aver effettivamente individuato l’immobile e questo, come abbiamo visto, riduce notevolmente i tempi.

Anche per quello che riguarda le cifre richieste, si evidenziano forti differenze; per un italiano in media 130.000 euro, 107.000 per un europeo “non comunitario” e 102.000 per un extra europeo.

«Come avvenuto negli anni precedenti alla crisi economica del 2007» ha concluso Cresto, «la ripresa del mercato passa anche dall’acquisto di immobili da parte di cittadini stranieri. I loro acquisti consentono un miglioramento abitativo ai precedenti proprietari e ciò innesca un meccanismo positivo di cui tutti beneficiano. Sarà curioso vedere, fra qualche tempo, se l’effetto della Brexit spingerà i sudditi della Regina Elisabetta ad acquistare casa all’estero, magari in Italia, nazione dove storicamente amano investire».

“La Pellicola d’oro” debutta alla 74.Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Film

“La Pellicola d’Oro” di Enzo De Camillis sbarca per la prima volta alla Biennale di Venezia durante la 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica tra i Premi Collaterali.

Saranno il “Migliore direttore di Produzione Italiano de La Biennale di Venezia” e il “Migliore direttore di Produzione Internazionale de La Biennale di Venezia” i due riconoscimenti de “La Pellicola d’Oro”, che saranno consegnati a due film in concorso, durante la 74. Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica La Biennale di Venezia, tra i premi collaterali.

Il prestigioso premio cinematografico è promosso ed organizzato dall’Ass.ne Cult.le “Articolo 9 Cultura e Spettacolo” e dalla “Sas Cinema” di cui è Presidente lo scenografo e regista Enzo De Camillis.

La Pellicola d’Oro” è un riconoscimento, giunto alla sua VII edizione, che ha come obiettivo portare alla ribalta quei “mestieri” il cui ruolo è fondamentale per la realizzazione di un film ma che, allo stesso tempo, sono praticamente “sconosciuti” o non correttamente valutati dal pubblico che frequenta le sale cinematografiche o guarda i film sui canali televisivi. Accanto a questi riconoscimenti però, non mancano premi speciali che vengono assegnati ad altri esponenti del cinema, dello spettacolo e della cultura, che si sono particolarmente distinti nella loro carriera anche in relazione al positivo rapporto instaurato con le maestranze, tecnici e artigiani che operano sul set.

Dallo scorso anno, inoltre, “La Pellicola d’oro, ha varcato i nostri confini con due appuntamenti importanti a Lisbona (Portogallo) e a Sofia (Bulgaria) in cui si è tenuta la prima edizione del Premio Cinematografico.

La presenza di questo premio alla 74. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica La Biennale di Venezia segna un grande traguardo per far conoscere ancora di più al pubblico un premio dedicato a chi fa il cinema ma lavora sempre dietro le quinte.

Ferraris Terna valuta miglioramento politica di dividendi

Scritto da DailyFocus il . Pubblicato in Aziende, Economia

L’AD di Terna Luigi Ferraris, nel commentare i conti del primo semestre (utile +8,2%, ebitda +2,3% e ricavi +0,7%), migliori delle attese del consenso, ha confermato che la società intende accelerare il piano di investimenti soprattutto in Italia e che proseguirà la ricerca di opportunità di crescita all’estero.

luigi-ferraris-terna

Conti semestrali sopra le attese per Terna. I ricavi, pari a 1.046,9 milioni di euro, sono aumentati di 7 milioni di euro (+0,7%) rispetto al primo semestre del 2016, oltre le previsioni del consenso a 1.041 milioni. A fronte di costi operativi calati del 4,1% a 252,1 milioni di euro, l’ebitda del periodo è aumentato del 2,3% a 794,8 milioni di euro. Il consenso si aspettava un dato a 788 milioni.

Anche gli ammortamenti e svalutazioni, pari a 260,8 milioni di euro, si sono ridotti di 6,4 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2016, principalmente per i minori ammortamenti dovuti alla rivisitazione della vita utile delle linee elettriche, parzialmente compensati dall’entrata in esercizio di nuovi impianti. Mentre l’ebit è cresciuto del 4,7% a 534 milioni di euro.

Gli oneri finanziari netti sono risultati pari a 39,6 milioni di euro, in aumento di 3,4 milioni di euro rispetto al primo semestre 2016, viceversa le imposte sul reddito sono calate di 6,8 milioni (-4,5%) a 143,9 milioni di euro per effetto della riduzione dell’aliquota Ires dal 27,5% al 24%. Pertanto, il tax rate è sceso al 29,1% dal 31,8% del primo semestre del 2016.

L’utile netto di Terna  è così cresciuto dell’8,2% a 351,3 milioni di euro, oltre le attese del consenso a 344 milioni. A fronte, poi, di investimenti complessivi nei primi sei mesi dell’anno, pari a 325,7 milioni di euro, in linea con la guidance 2017 del piano strategico (346,9 milioni nel primo semestre dell’esercizio precedente), l’indebitamento finanziario netto è diminuito più del previsto a 7.941,7 milioni di euro (7.958,9 milioni di euro a fine 2016), grazie alla forte generazione di cassa operativa. Gli analisti si aspettavano un indebitamento finanziario netto a 7.971 milioni.

“I risultati conseguiti nel semestre confermano la solidità economico-finanziaria del gruppo e costituiscono solide basi per poter accelerare il nostro piano di investimenti soprattutto in Italia e valutare nel contempo un miglioramento dell’attuale politica di dividendi”, ha dichiarato l’ad, Luigi Ferraris. “Proseguiremo anche nella ricerca di opportunità di crescita all’estero, rispettando sempre una severa disciplina finanziaria e con un limitato assorbimento di capitale”. La guidance della società prevede per fine anno un ebitda di 1,58 miliardi di euro, pressoché in linea con l’attuale stima del consenso Bloomberg.

Nel secondo semestre Terna continuerà nel perseguimento dei propri obiettivi strategici con il focus sullo sviluppo della rete per favorire l’integrazione delle fonti rinnovabili e migliorare la sicurezza del sistema e, al tempo stesso, accelerare il rinnovo dei propri asset. Con specifico riferimento agli investimenti sulla rete di trasmissione nazionale, la società ha previsto un valore a fine anno di circa 0,9 miliardi di euro.

Tra le principali infrastrutture elettriche in corso di realizzazione figurano le interconnessioni con il Montenegro e la Francia, le cui entrate in esercizio sono previste nel 2019. Nella seconda parte dell’anno è poi prevista l’entrata in esercizio dell’elettrodotto a 380 kV Udine Ovest-Redipuglia, in grado di garantire il potenziamento del sistema elettrico friulano, con un beneficio anche in termini di minore rischio di energia non fornita e una maggiore sicurezza negli scambi transfrontalieri con l’Est Europa. Inoltre, il gruppo punta al completamento delle attività nell’area metropolitana di Palermo.

Mentre, per quanto riguarda le attività non regolate e internazionali, Terna vuole posizionarsi sempre più come un Energy Solution Provider e il focus è sulla creazione di valore attraverso le attività per terzi nell’ambito dell’ingegneria, della realizzazione e dei servizi di manutenzione prevalentemente per il settore elettrico e per il business delle telecomunicazioni.

Invece, per le attività all’estero, nel corso del secondo semestre, è previsto l’avvio dei lavori per la costruzione delle linee in Uruguay, Brasile e Perù per una lunghezza complessiva superiore a 850 km e un capitale investito nel periodo 2017-2019 di circa 260 milioni di euro. Proseguiranno anche le attività di scouting per l’individuazione di ulteriori opportunità all’estero che potranno essere sviluppate anche in partnership e che saranno selezionate attraverso processi di valutazione che garantiscano un basso profilo di rischio.

A Piazza Affari al momento il titolo Terna avanza dello 0,49% a quota 4,914 euro.

FONTEMilanofinanza.it

54 NUOVI BATTEZZATI AL CONGRESSO DEI TESTIMONI DI GEOVA CIOCIARI DAL TEMA “NON TI ARRENDERE!”

Scritto da Manuel Savone il . Pubblicato in Religione

(ROMA)  –  Secondo giorno del congresso “Non ti arrendere” al Palalottomatica di Roma, dove oltre 8.200 Testimoni di Geova provenienti da tutto il Lazio e l’Abruzzo si sono radunati da ieri e lo saranno fino a domenica. Momento più atteso della giornata è stato il battesimo di 54 nuovi aderenti, di età compresa fra i 12 e gli 85 anni.

Emozionati e commossi tutti i battezzati. Salvatore, 60 anni, dice: “Ero un oppositore, cioè ero contro i Testimoni di Geova, che avevo peraltro accanto a me. Mia moglie, infatti, è Testimone di Geova da 30 anni.  Ho iniziato a studiare le Scritture e ad interessarmi della verità della Bibbia; così son riuscito a vedere tutte le cose belle che prima non riuscivo a vedere. Avevo questa fortuna vicino e non l’avevo mai scoperta”.

I Testimoni di Geova compiono la loro opera di insegnamento biblico in tutto il mondo. Tra i battezzati c’è Anastasia originaria della Georgia, ed ha commentato: “Anche in Georgia ho avuto contatti con i Testimoni, ma non ho avuto possibilità di approfondire. Qui in Italia un giorno ero al telefono con mio nipote che vive in Georgia. Mi stava incoraggiando a studiare la Bibbia quando, all’improvviso, bussarono alla porta, ed erano proprio i Testimoni! Capii ciò che dovevo fare!”

Grazie all’attività di insegnamento biblico che i ministri di culto dei Testimoni di Geova svolgono negli stabilimenti di pena, Marco che ha 46 anni, in passato ospite del penitenziario di Velletri, è recuperato socialmente e oggi si è battezzato. Ha commentato: “Pensavo di essere onnipotente e di poter fare quello che volevo, ma conosciuto Dio mi sono sottomesso piacevolmente alla sua volontà”.

Oggi è stata proiettata anche la seconda parte del film prodotto dai Testimoni di Geova dal titolo “Ricordate la moglie di Lot”. Domani la terza ed ultima parte verrà proiettata alle ore 13:50. Sempre domani alle ore 11:20 momento atteso del programma sarà il Discorso Pubblico dal tema “Non perdete mai la speranza”.

Sul sito ufficiale www.jw.org si può trovare il programma completo con gli orari e  i temi dei vari interventi, orari delle proiezioni nonché ulteriori informazioni sui loro grandi raduni.

CRM sistema di gestione integrato dei clienti

Scritto da ictadmin il . Pubblicato in Aziende, Internet

Tutti oggi parlano e forniscono servizi CRM … ma di cosa parliamo davvero? Approfondiamo insieme questo argomento con una serie di articoli che serviranno per aiutare tutti ad avere le idee più chiare e a non perdersi nella foresta di offerte più o meno buone presenti sul mercato.

Si parla di CRM per applicazioni che hanno la funzione di raccolta e gestione dei dati e delle informazioni aziendali ottimizzando i processi e rendendole fruibili senza passaggi ulteriori come telefonate o perdite di tempo, l’accessibilità al CRM è a 360 gradi tutte le informazioni saranno visibili ovviamente protette da password tramite pc tablet o telefoni.

Un CRM gestisce l’intera customer relationship e quindi i rapporti con il cliente, in prevendita tramite procacciamento analisi e classificazione dei lead, insieme a strumenti per la gestione della fase di vendita e post vendita, potenziando anche l’analisi sui risultati.

Ma dal punto di vista pratico di cosa parliamo? Si parla di una metodologia di business applicata a un software, con la finalità di mettere al centro i clienti e non l’impresa o il prodotto, rendendo le informazioni di base fruibili immediatamente al ruolo che le richiede.

Tutte le imprese prima o poi affrontano il nodo dello sviluppo di nuove o più solide relazioni con la clientela, e per far ciò si rivolgono al Customer Relationship Management e ad un consulente aziendale Monza e Brianza che profili il prodotto. Dunque il CRM può definirsi l’insieme delle procedure, strumenti e database che l’impresa mette in campo per gestire e coordinare le informazioni relative a ciascun cliente studiando i punti di contatto, approfondendo la conoscenza dei clienti, capendo le loro necessità e i loro desideri così da soddisfarli e ottenere la massima fedeltà

I consumatori orientano le loro scelte fondamentalmente in base al valore percepito, quindi basandosi su una personale valutazione costi/benefici dell’offerta a loro proposta. Il CRM aiuta quindi ad aumentare la propria fetta di clientela e quindi la percentuale di clienti che scelgono la nostra offerta rispetto a quelle dei competitor.

Si può quindi parlare di CRM quando un’azienda si dota di una struttura informativa organizzata che registra i contatti avuti con i clienti e i potenziali clienti, con la finalità di acquisirli ma anche mantenerli, generando un valore aggiunto ritagliando per ognuno offerte mirate alle esigenze espresse nel tempo. Lo sviluppo di questo valore (customer equity) è l’obiettivo finale del Crm, ossia l’ipotetico valore complessivo di tutti i clienti attuali e potenziali dell’impresa per l’intero ciclo di vita, al netto dei costi di acquisizione.

She falls like rain è il singolo estratto da Priceless il primo album di Gianni De Berardinis

Scritto da Giulio Berghella il . Pubblicato in Musica

In radio il brano che lancia il raffinato disco del famoso conduttore

Un brano che ci trasporta, ci rilassa, ci fa volare con l’immaginazione, questo è She falls like rain.
“…Una canzone di un amore grande che mi rinnova ogni giorno, dedicata all’amore e alla pioggia che purifica”. Il singolo fa parte del primo album di Gianni De Berardinis dal titolo Priceless.
…ad un certo punto mi sono accorto che avevo parlato tanto nella mia vita professionale e allora perchè non cantare? In fondo avevo fatto quasi tutto nel mio mestiere e realizzare un solo album era sempre stato un sogno.”
Così è nato Priceless, un’esperienza nuova e stimolante. Gianni ha cantato e suonato tutte le canzoni del disco rendendo omaggio a chi, in 40 anni di musica alla radio e alla tv, gli ha lasciato un segno indelebile.
Da Bowie agli Airplane, dai Blind Faith fino ai Velvet Underground cantando, passando per una volta dalla parte dell’interprete. Queste canzoni sono diventate fondamentali per tutti e per Gianni, in particolare, rappresentano un punto fermo da cui partire per la realizzazione dell’album.
Priceless è un disco nato con Andrea Rabuffetti, un sapiente musicista underground che suona tutto il suonabile, uomo di grande cultura musicale che sa ricreare il sapore di certi suoni leggendari.
E’ un disco acustico senza batterie, registrato in home sessions allo Studio Scandaglio  durante gli ultimi mesi del 2015. Tutti, o quasi, gli strumenti suonati in Priceless sono a corda e passano dal sitar, alla mandola, dal banjo alla 12 corde fino ad arrivare all’oud arabo.
Un disco folk che guarda al Mediterraneo e anche a certe atmosfere psichedeliche degli anni 70.
Priceless contiene anche brani scritti da Gianni De Berardinis e che parlano di lui molto più di un programma televisivo o radiofonico.

Gianni De Berardinis, pescarese da decenni trapiantato a Milano, è un conduttore radiofonico e televisivo che ha fatto la storia della comunicazione musicale.
Dagli esordi su Radio Luna al grande salto in Rai (Discoring) e poi all’estero con la fantastica esperienza di Radio Monte Carlo (quando Rmc era un faro per tutta l’Europa) e di nuovo in un grande network con Popcorn nell’allora nascente Canale 5. E poi tutte le radio oggi fondamentali che Gianni ha visto nascere e di cui è stato un pilastro: da Rtl (di cui è stato il primo direttore artistico) a Radio 101, da Rds Radio Dimensione Suono, a Radio 24. In mezzo tantissima musica, tanti incontri (Frank Sinatra, B.B. King, David Bowie, David Gilmour dei Pink Floyd, Manhattan Transfer, Mick Hucknall per fare qualche nome).
Tante sarebbero le cose da scrivere sulla carriera di Gianni de Berardinis, la cui professionalità gli ha fatto vivere esperienze importanti ed incontri incancellabili, professionalità che invitiamo a riconoscere anche attraverso l’ascolto di Pricelless che dal 30 Giugno, per l’appunto, è disponibile sulle principali piattaforme digitali.

https://www.facebook.com/giannideberardinis
https://open.spotify.com/artist/1xx6KyEd7RUITul4wXeAfl

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcocommunication.it