Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Bienal de Canarias, la grande mostra internazionale: svelati i nomi dei premiati

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Una meraviglia di location per un evento sorprendente: lo scorso sabato 13 aprile Spoleto Arte ha inaugurato il Premio Bienal de Canarias all’Hotel Reina Isabel a Las Palmas, nelle Canarie. Nella città in cui ha soggiornato Colombo, il presidente di Spoleto Arte Salvo Nugnes ha presentato a un pubblico internazionale e attento le opere degli artisti a cui è stato conferito l’autorevole riconoscimento. La qualità tecnica dei loro lavori e la loro capacità di far sì che le emozioni scaturiscano dalla loro creatività e arrivino dirette all’osservatore non sono passate infatti inosservate. Entrambe queste caratteristiche, comuni ai differenti artisti, sono state messe in risalto durante l’apertura della videoesposizione.

L’appuntamento di Spoleto Arte a cura di Sgarbi ha voluto portare all’estero alcune delle eccellenze italiane in ambito artistico, dando il via a un incontro a cadenza biennale. Questo prestigioso rendez-vous, il cui simbolico posizionamento sulla carta geografica ha un valore tanto storico quanto futuristico, combina il ruolo che l’arte ha oggi a una direzione precisa: quella dell’apertura verso “nuovi mondi”. Spoleto Arte auspica così che l’arte si trovi come base di lancio per una comunicazione a 360°, che coinvolga esperti, appassionati e turisti, che costituisca tanto un porto sicuro quanto la partenza per una rotta da definirsi.

Il premio, firmato dall’artista José Dalì, figlio del grande Salvador Dalì, dalla giornalista della RAI Antonietta Di Vizia, dal prof. Alberto D’Atanasio, direttore del Premio Modigliani, e da Salvo Nugnes, è stato conferito a: Manuela Andreoli, Raoul Bendinelli (in arte Raoul Blu), Giuseppe Bossa, Alessandra Candriella, Rosanna Cecchet, Francesca D’Alessio, Lina De Demo, Daniele Digiuni, Giusy Cristina Ferrante, Matteo Fieno, Gabriella Galli, Margaretha Gubernale, Pinella Imbesi, Mariarita Ioannacci, Giovanni Mangia, Angiolina Marchese, Mauro Martin, Silvana Mascioli, Patrizia Matera, Graziella Modanese, Pietro Olivieri, Silvano Ottaviani, Luciana Palmerini, Antea Pirondini, Giulia Quaranta Provenzano, Anna Sticco e Federico Tamburri.

COMELINCHIOSTRO “ZENZERO E NOCI” è il nuovo singolo del cantautore del montefeltro estratto dal disco “Di che cosa hai paura?”

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

Un pop cantautorale, ormai marchio di fabbrica dell’intero progetto, accoglie il racconto di una ragazza che, facendo i conti con la propria fragilità, cerca di trovare il proprio posto nel mondo.

Lav, diminutivo di Lavinia, è una ragazza fragile e sincera. Sospesa tra il mondo reale e un mondo che esiste soltanto nella sua mente, si dimena per trovare la forza e il modo di far coesistere le due dimensioni senza venirne risucchiata. Così cerca di orientarsi nella complessità dei rapporti con gli altri, ma tutto si trasforma in indolenza e in smania.

È fragile, come sono fragili tutti, loro malgrado, ma rispetto agli altri sembra aver perso la forza di nascondere la sua fragilità, sa di avere una spada affilata, ma combatte senza scudo, e questo la fa sentire nuda e indifesa. Una parte di lei vorrebbe averlo, uno scudo, vorrebbe essere come gli altri, ma nella tentazione di conformarsi vede più vigliaccheria che coraggio. Di fatto il suo è un esilio, una scelta di purezza, nonostante tutto.

Il brano è tratto da “DI CHE COSA HAI PAURA?”, il disco d’esordio del cantautore del Montefeltro. Un album contaminato dal folk, dall’elettro-pop di matrice Nord Europea e dall’indie-pop italiano.

«Otto tracce prodotte insieme a Livio Boccioni che conducono ad un viaggio dentro il cuore dell’essere umano, alla ricerca di se stessi e degli altri, senza alcuna certezza di poter tornare con delle risposte». COMELINCHIOSTRO

Autoproduzione

Radio date: 15 febbraio 2019

BIO

Comelinchiostro (al secolo Giorgio Bravi) è un cantautore di Sant’Angelo in Vado, una piccola cittadina del Montefeltro. Influenzato dal Teatro Canzone di Giorgio Gaber e Sandro Luporini, dal Folk e dal cantautorato italiano ma fortemente contaminato dal pop elettronico del nord Europa. Inizia a scrivere all’età di 14 anni (canzoni, racconti e poesie) ma nel frattempo si appassiona al teatro di strada e alla commedia dell’arte maturando esperienze da attore e da regista. Nel 2006 il suo primo racconto viene pubblicato nel volume “500 e lode”, redatto per festeggiare il cinquecentenario della fondazione dell’università di Urbino.

Sempre nel 2006 dirige e recita “Musicando le Parole” uno spettacolo tratto da “Novecento” di Alessandro Baricco con il quale gira piazze e teatri del centro Italia.

Nel 2010, 2011 e 2012 interpreta “il Cantastorie” nello Spettacolo itinerante di teatro di strada “Viaggio Sentimentale” con la Compagnia dei “Poliedrici” di Urbino.

Dal 2012 collabora in maniera saltuaria come attore di commedia dell’arte con la “la resistenza della Poesia” embrione di quello che poi diventerà il CTU (Centro Teatrale Universitario) di Urbino.

Con “La Bottega del Rumore Nobile” di cui era il Front Man, mette in fila più di 700 live, un disco (“L’isola dei Conigli”, 2010) e un singolo (“Il Baule”, presentato nel 2015 al Mamamia di Senigallia).

Alla fine del 2017 esce il primo singolo da solista (Chissà) e all’inizio del 2018 il secondo (Facile) tratti entrambi dall’album “Di che cosa hai paura?” (uscito il 9 Marzo 2018). Otto tracce prodotte insieme a “Livio Boccioni” che conducono ad un viaggio dentro il cuore dell’essere umano, senza la certezza di poter tornare con delle risposte.

I due singoli (Facile e Chissà) entrano tra i 60 semifinalisti delle audizioni live di Musicultura 2018. Facile è stato in classifica MEI (Indie Music Like) per 11 settimane, disco della settimana su “Radio 675” (26 Febbraio), tra i 40 lavori selezionati da “L’isola che non c’era, tra i 28 Selezionati per le audizioni live del contest “Premio Musicale Note D’Autore”.

Attualmente è al lavoro sulla produzione del suo secondo disco.

Contatti e social

Facebook: www.facebook.com/Comelinchiostro/

Canale Youtube: www.youtube.com/channel/UC05zZ9zLNTIHi3JtlBvhlFQ?view_as=subscriber
Instagram www.instagram.com/comelinchiostro/

Spotify: https://open.spotify.com/artist/43ZtSYtx7tpqyy8BudKsFE?si=-vnJviCRQ6mVh4T75Vck0Q

Assumere personale nel mondo della cybersecurity: una sfida sociale ambiziosa e motivante per gli anni a venire

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Di fronte alla carenza di competenze digitali il mercato sta cominciando a reagire, riorganizzandosi. Tuttavia, le iniziative sono ancora troppo spesso una tantum e si sono rivelate difficili da attuare su larga scala. Ciononostante, assumere personale nel mondo della cybersecurity è una grande sfida per le società oggi come in futuro. Una sfida che va affrontata immediatamente. Come identificare e attirare i giusti candidati è una domanda molto importante, che richiede soluzioni multiple e trasversali.

Qualifiche altamente specializzate e poco note che stanno cambiando a ritmi sempre più elevati

Oggi assistiamo ad una carente consapevolezza delle carriere in ambito digitale sia tra gli studenti, sia tra i genitori, come tra gli insegnanti e i consulenti del lavoro. L’immagine del “geek” o “nerd” è oggetto di cliché talmente radicati nella nostra società da essere difficili da rimuovere o rivalutare, nonostante le numerose iniziative volte ad incrementare la notorietà delle carriere nel digitale, presentate con un’immagine totalmente differente. Sempre più spesso ad esempio, si fa in modo di far avvicinare i bambini alle tecnologie digitali sin dalla tenera età, invitandoli poi a programmare applicazioni già durante l’età adolescenziale. È davvero essenziale iniziare ad accrescere l’interesse verso queste occupazioni, rendendole più concrete e specifiche e infine incoraggiare le persone a candidarsi per tali opportunità lavorative.

Elevare il profilo di carriere gratificanti che richiedono un’ampia varietà di competenze

Riguardo a questo punto in particolare, bisogna ammettere che non ci si sta impegnando a sufficienza. Invece risulta di vitale importanza operare un dovuto approfondimento conoscitivo migliore per evitare che eventuali studenti e i datori di lavoro stessi si concentrino solo sugli aspetti puramente tecnici. In effetti, una carriera nel mondo della cybersecurity non dovrebbe essere riservata esclusivamente ad una ristretta cerchia di persone. Al contrario, è importante per le aziende poter attingere a numerosi profili complementari, in grado di svolgere un ruolo decisivo nello sviluppo, nella creazione e nella commercializzazione di innovazioni che consentano di creare un cyberspazio sicuro e affidabile. Queste carriere sono creative, collaborative e davvero significative. Lavorare nella sicurezza informatica significa proteggere infrastrutture, organizzazioni e persone. Questa dovrebbe essere una motivazione chiave per la scelta di una simile occupazione.

Sylvie Blondel, Human Resources Director – Stormshield

Collaborare con scuole, università e istituti di formazione

Oltre a sviluppare e commercializzare i rispettivi prodotti e soluzioni, i vari attori del mondo della cybersecurity devono anche prepararsi per il futuro stringendo partnership con professionisti della formazione, per poter proporre corsi attraverso cui formare su larga scala futuri potenziali candidati. Collaborare con scuole, università e istituti di formazione è di fondamentale importanza per poter cambiare l’attuale situazione e garantire che ai temi relativi alla sicurezza IT sia assegnata una rilevanza centrale all’interno dei programmi scolastici. In Francia ad esempio le autorità pubbliche sembrano aver preso coscienza di questa esigenza di formazione, introducendo a partire dal 2020 il diploma di insegnamento IT della scuola secondaria e menzionando l’intenzione di aggiungere ore di programmazione ai programmi scolastici. Queste sono buone iniziative, ma sono ancora insufficienti.

La femminilizzazione dell’industria digitale

Nonostante il problema legato all’offerta formativa, da diversi anni assistiamo con entusiasmo all’incremento della quota rosa nell’industria digitale. Seppur in quota modesta, grazie a questo trend beneficiamo dell’influenza di personale femminile altamente motivato in molteplici ambiti professionali a qualsiasi livello organizzativo. Portando con sé una nuova visione e un nuovo approccio al mondo della sicurezza informatica, le donne hanno indubbiamente un ruolo strategico da svolgere in questo settore. Per trasformare una tendenza in una solida realtà è necessario continuare a guardare oltre gli stereotipi, incrementare la consapevolezza delle giovani donne rispetto alle professioni digitali, soprattutto quando ricevono informazioni da parte dei consulenti del lavoro, che dovrebbero essere in grado di trasmettere l’immagine di un’industria diversificata e accogliente, priva di pregiudizi. Le donne possono avere successo e realizzarsi nell’industria digitale: è necessario far sì che lo sappiano.

Conclusioni

Formare e poi assumere personale qualificato nel settore IT rappresenta oggi una sfida ardua per le società, destinata ad acuirsi nei prossimi anni. Ci confrontiamo già oggi con una perniciosa carenza di candidati. In un momento in cui la trasformazione digitale è ben avviata e le aziende di tutti i settori cercano in tutti i modi di reclutare i talenti di cui hanno bisogno per sostenere i loro cambiamenti, tale penuria di personale competente non fa che incrementare quotidianamente la superficie di attacco di organizzazioni e infrastrutture. La tutela può essere garantita solo adottando strumenti e soluzioni affidabili: implementare buone strategie di sicurezza informatica presso le organizzazioni pubbliche e private è una priorità che richiede il coinvolgimento di numerosi esperti perché abbia successo. Non possiamo quindi limitarci ad accettare lo status quo, perché le condizioni per il nostro successo futuro si costruiscono qui e ora. La portata della carenza di professionisti del digitale coinvolge l’intero ecosistema e sarebbe un errore limitarsi a un approccio meramente educativo alla risoluzione di un problema che va invece affrontato a 360 gradi, altrimenti non ne usciremo.


Stormshield

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza end-to-end innovative per la tutela di reti (Stormshield Network Security), workstation (Stormshield Endpoint Security), e dati (Stormshield Data Security). Certificate ai più alti livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione assicurano la massima protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni Stormshield sono commercializzate attraverso una rete commerciale costituita da distributori, integratori e operatori di canale o telco e sono implementate presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni preposte alla difesa in tutto il mondo.
Per ulteriori informazioni: www.stormshield.com

JOHN NASSA: “LUCI AL NEON” il nuovo singolo dell’artista bresciano nato dalla collaborazione con il produttore Ory Spencill, in radio dal 22 febbraio

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

Un brano dalle contaminazioni trap/hip hop e dal mondo dance, ma con una voce graffiante che canta di un’esperienza di vita vissuta, accompagnato da un video emozionante.

ETICHETTA: HDS REVOLUTION

Ispirato ad un’esperienza passata, il brano parla di quanto sia difficile credere nei propri sogni, rinunciando a volte a relazioni importanti e superando momenti difficili; questo accade quando l’amore per la musica supera tutto, “e tutto il resto” non esiste più. La musica porta con sé diverse influenze nate dalla contaminazione tra l’artista John Nassa e il produttore Ory Spencill. Nonostante i diversi mondi musicali, i due hanno trovato il giusto compromesso, unendo una voce “graffiante” e “rock” con arrangiamenti pop/hip hop e varie contaminazioni provenienti dal mondo dance.

BIO

Fabio Nassa, in arte John Nassa è un rapper e cantante classe 1993 proveniente dalla provincia di Brescia.

Il suo percorso musicale è caratterizzato da un background come batterista sin dall’età di 9 anni.

Dopo qualche anno forma la sua prima Rock-band, i “Blackmail of Murder”. Per circa sei anni la band ha suonato in tutta Italia con all’attivo tre album ed un tour estero in Inghilterra. Dopo lo scioglimento della band, Fabio decide di avvicinarsi al mondo hip hop / rap iniziando a scrivere i primi brani.

Lo scorso anno, grazie alla stretta collaborazione con Oreste Spagnuolo aka Ory Spencill da vita al progetto John Nassa, un misto di contaminazioni tra Pop – Hip Hop e Trap melodico.

Nel 2019 è prevista l’uscita dei primi singoli e la pianificazione di un album.

Contatti e social

Instagram: www.instagram.com/johnnassa/

Facebook:  www.facebook.com/johnnassafn/

Youtube: www.youtube.com/channel/UCVUJrW_bf3nmEJvpUemMy9g

Spotify: open.spotify.com/artist/55vevc6rGA6dmKmIB8yFLm?si=mZAReA8RRsyWv5uOxM3E6w

NuovoVolantino, programma i tuoi acquisti al supermercato

Scritto da nuovovolantino il . Pubblicato in Aziende, Nuovo Sito Web

NuovoVolantino è una web-app rivolta al business 2 consumer. Lo scopo dell’applicazione è quello di pubblicare i migliori volantini disponibili nel mercato italiano ed aiutare gli acquirenti nella loro guida agli acquisti.

Grazie alla sua tecnologia NuovoVolantino fornisce una delle migliori esperienze di navigazione sia da desktop che da mobile, semplificando sia lo sfoglio dei flyers e permettendo di godere di una buona visuale dello stesso, grazie al nostro SuperZoom©.

Molti siti, anche se di ottima caratura infatti, difficilmente permettono di mantenere intatta la qualità dell’immagine e la lettura sia dei testi che dei prezzi, per questo NuovoVolantino ha concentrato le proprie risorse sul rendering, senza dimenticare la velocità di navigazione: sia da 3G che da 4G, il nostro è tra i primi siti web del settore più veloci a disposizione dell’utente, provare per credere. Dati alla mano, NuovoVolantino è, con i suoi appena 1,7 secondi di caricamento, il più veloce di tutti i competitors della sua nicchia e grazie al suo design responsive puoi goderti i tuoi volantini in qualsiasi condizione di luce ed in ogni luogo senza rallentamenti, anche dove la rete del tuo cellulare scarseggia.

Il suo sliding orizzontale è veramente una roccia: grazie ai pulsanti azzurri posti a lato dei volantini, potrai sfogliare il volantino senza mai ricaricare la pagina sfruttando il LazyLoading©, che permette di richiamare le risorse solo quando effettivamente vanno utilizzate, facendoti risparmiare anche megabyte, soprattutto se sei fuori casa. Lo zoom, poi, è veramente efficace e permette di leggere qualsiasi testo posto all’interno di un volantino, per non farti arrivare impreparato davanti ai tuoi acquisti.

La redazione di NuovoVolantino, giovane e determinata, scansiona ogni settimana centinaia di volantini, creando una sezione (soprattutto quella tecnologica) che ti permetterà di confrontare i migliori prezzi del mercato e di poter scegliere il tuo nuovo smartphone – ad esempio – facendoti risparmiare tempo e chilometri, creando un’unica pagina in cui sono elencate le offerte di ciascuna catena di negozi ed il centro più vicino a te: basterà utilizzare i contatti del negozio che la nostra redazione mette a disposizione nella pagina apposita e, perché no, chiamare e prenotare il tuo acquisto o recandoti direttamente in negozio.

Molti siti, anche se di ottima caratura infatti, difficilmente permettono di mantenere intatta la qualità dell’immagine e la lettura sia dei testi che dei prezzi, per questo NuovoVolantino ha concentrato le proprie risorse sul rendering, senza dimenticare la velocità di navigazione: sia da 3G che da 4G, il nostro è tra i primi 4 siti web del settore più veloci a disposizione dell’utente, provare per credere.

Come funziona il nostro portale? Ogni martedì ed ogni giovedì pubblichiamo – ad esempio – rispettivamente in anteprima le offerte del gruppo Conad e quelle di Lidl con giorni di anticipo, riuscendo ad indirizzare anche le scelte future sui piccoli acquisti e, grazie alle numerose collaborazioni possiamo fornire più di 1000 volantini a settimana, sempre aggiornati. Con le offerte che pubblichiamo puoi confrontare più di 10,000 prezzi distribuiti sui vari volantini e scoprire quali sono le più vicine a te. Da nuovovolantino.it

Visita ora il sito web www.nuovovolantino.it e scopri quali sono le offerte più vicine a te.

Il profilo di Fabio Mazzeo, giornalista e scrittore

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Cultura, Libri

Giornalista di Messina, Fabio Mazzeo è coordinatore presso l’ufficio stampa e comunicazione di AIFA e consulente del Direttore Generale dell’ufficio stampa di Agenas. Di recente ha pubblicato il suo primo romanzo, “La solitudine degli amanti”.

Fabio Mazzeo

Fabio Mazzeo: le prime tappe del suo percorso professionale

Nato a Messina nel 1967, Fabio Mazzeo consegue la maturità scientifica nel 1986. A 19 anni inizia la sua carriera presso l’emittente messinese Telespazio. Lavora come Redattore presso Radio Studio 55, per poi diventare corrispondente da Messina di Telecolor – Video 3. Scrive per il Corriere dello Sport e diventa ideatore e conduttore di trasmissioni giornalistiche di cronaca e sport, aggiudicandosi numerosi premi giornalistici. Contribuisce alla realizzazione del primo TG interamente sul web. Dal 1992 al 1995 collabora con contributi dalla Sicilia alla trasmissione “Mixer”, condotta per la Rai da Giovanni Minoli. Dal 1998 al 2008 è Direttore Responsabile di Tremedia – VIP TV: fonda uno dei primi esempi di televisione “all news” che offre continue edizioni del TG intervallate da programmi di approfondimento. Collabora con numerose testate giornalistiche nazionali. Dal 2003 al 2008 Fabio Mazzeo è inviato per Il Giornale di Sicilia, mentre dal 2008 al 2013 è capo ufficio stampa del gruppo parlamentare del PDL alla Camera dei Deputati. Dal 2013, per tre anni è capo ufficio stampa presso il Ministero della Salute.

Fabio Mazzeo: gli incarichi attuali e il primo romanzo

Da dicembre 2016 Fabio Mazzeo svolge attività di coordinamento presso l’ufficio stampa e comunicazione di AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Dal 2014 è consulente del Direttore Generale presso l’ufficio stampa di Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali). Nel 1999 si aggiudica, tra gli altri, il Premio per il Giornalismo della Presidenza della Repubblica. Di recente Fabio Mazzeo ha pubblicato il suo primo romanzo, “La solitudine degli amanti”: ambientato interamente a Roma, racconta le intricate vicende di femminicidi. Ad accomunare i delitti vengono ritrovati alcuni elementi chiave, in particolare delle scritte verdi su foglietti bianchi tra gli effetti personali delle vittime. Si tratta di alcuni versi della canzone “L’amante”, di Ivano Fossati. A indagare sulle complesse vicende Liliana Cannata, magistrato ostinato, donna affascinante ma dal privato oscuro, e l’ispettore di polizia Andrea Giannini, che soffre la tragica fine della sua compagna e annega nella musica l’insopportabile dolore. Il romanzo è in libreria dal 7 marzo.

Manola Aramini presenta il romanzo giallo Noi che ci stiamo perdendo

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Cultura, Libri

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Noi che ci stiamo perdendo di Manola Aramini

Manola Aramini presenta il romanzo giallo “Noi che ci stiamo perdendo”, una storia di brucianti sensi di colpa, di segreti inconfessabili e di pericolose passioni. Il Commissario Fermi deve indagare su due misteriosi omicidi avvenuti in una calda e luminosa Fregene, che si contrappone all’oscurità che avvinceva la prima vittima, Tatiana, e che si ritrova tra le pagine della sua controversa e a tratti delirante autobiografia. Manola Aramini esplora le relazioni amorose scoprendone i lati più nascosti, e mostrando quanto dolore può nascere da un sentimento d’amore, e fino a che punto può logorare un’anima fragile. Un romanzo che appassiona per la sua trama gialla e per la sua acuta analisi della psicologia umana.

Titolo: Noi che ci stiamo perdendo

Autore: Manola Aramini

Genere: Giallo

Casa Editrice: Officina Milena

Pagine: 192

Prezzo: 13 euro

Codice ISBN: 9788832101072

«[…] Dovrei apprendere l’arte di vivere, il lasciarsi gradualmente andare agli avvenimenti, senza imporsi, come essere trascinata da un fiume. Non vuol dire essere inetti, neppure passivi, neppure dipendenti, vuol dire semplicemente smettere di gareggiare con il mondo».

Noi che ci stiamo perdendo di Manola Aramini è un giallo intrigante, caratterizzato da un’attenta cura nel trattare le complesse e a volte contraddittorie sfumature della mente umana. Un romanzo che da una parte omaggia la bellezza in tutte le sue forme, dalla descrizione dello splendido litorale di Fregene all’avvenenza delle sue protagoniste, in particolare il fascino esotico di Alma e l’algida presenza di Tatiana, e dall’altra mostra l’oscurità che può abitare anche negli individui meno sospetti, e che può portare al tradimento, così come all’omicidio. I violenti delitti di Tatiana e in seguito di Samanta provocano nei personaggi del romanzo reazioni imprevedibili e catartiche, e riescono a far cadere le maschere sotto cui nascondevano la loro vera natura. Nessuno è totalmente innocente, e tutti possono essere colpevoli dei due omicidi; un caso intricato che non fa dormire il Commissario Oliviero Fermi, uomo tutto d’un pezzo, estremamente genuino e quindi distante dall’ambiguità che contraddistingue gli altri personaggi. Alma, giovane cantante e un tempo amante del famoso musicista Arthur Cortes, marito della prima vittima, dovrà ritornare con la mente e il cuore in una storia che credeva chiusa per sempre, e in questo modo rivedere le proprie scelte, spesso autodistruttive, e affrontare le proprie debolezze. Arthur, uomo arrogante ed egoista, dovrà scoprire suo malgrado di non essere un carismatico seduttore senza vergogna, e sarà costretto a guardarsi allo specchio e ad ammettere la propria fragilità. Anche tutti gli altri personaggi, dal gelido Augusto alla passiva Odette al tormentato Alfio, dovranno riconsiderare la propria identità, consci di essere sul punto di perdersi, di svanire nel grigio di un’esistenza vissuta senza slanci, senza passione. È proprio il terribile evento di un omicidio a scuoterli dal torpore, a portare a galla verità agghiaccianti, a mettere ognuno di fronte alle proprie colpe. “Delle piccole scie di veleno percorrono le nostre vite, Arthur. Non pensi?”, afferma Alma; scie che si possono trasformare in sottili fili rossi, quelli con cui Tatiana è stata legata, quelli che il Commissario Fermi districa senza sosta nella speranza di giungere alla verità, quelli che stringono insieme i destini dei personaggi di questa storia dura, a tratti morbosa, profondamente umana.

TRAMA. La scomparsa di Tatiana, la moglie di un noto pianista di origine portoghese, Arthur Cortes, avviene improvvisamente senza una ragione apparente. La vicenda si svolge a Fregene, nel litorale romano, dove Tatiana conduce una vita agiata e all’apparenza imperturbabile. Arthur Cortes sarà costretto a ripercorrere tutta la sua vita e ricorderà la sua storia d’amore con l’amante Alma, una giovane cantante di origine indiana, che vive ad Asti. Nel romanzo si susseguono personaggi ambigui, che metteranno a dura prova l’infallibile intuito del Commissario Fermi. Oltre all’apparenza di una normale vita borghese, inizieranno a comparire le ombre nella vita di Tatiana. Gli eventi ad un certo punto sconvolgeranno il Commissario che si troverà a lottare contro il tempo per salvare altre vittime, legate alla vita di Tatiana. Il romanzo è un giallo, con una forte connotazione psicologica che indaga le ragioni dell’amore e del tradimento. Noi che ci stiamo perdendo racconta gli amori ritenuti sbagliati e le fragilità dell’animo umano.

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

BIOGRAFIA. Manola Aramini è nata a Nizza Monferrato in provincia di Asti. Laureata in Scienze Politiche a Torino, ha conseguito un Master nella Dirigenza Scolastica a Roma. Ha inoltre frequentato un corso sulle tecniche editoriali a Milano. Nel 2013 ha pubblicato il romanzo Gabbiani luminosi- Le donne fantasma di Mussolini (Milena edizioni) con il quale si è classificata terza al Concorso internazionale di letteratura “La finestra eterea” nel 2015. Si dedica all’insegnamento nella provincia di Asti, dove attualmente vive.

Contatti                                                                                     

https://www.facebook.com/scrittricemanola.aramini

https://www.officinamilena.com/

Link di vendita

https://www.amazon.it/Noi-che-ci-stiamo-perdendo/dp/8832101076/

https://www.officinamilena.com/noi-che-ci-stiamo-perdendo

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna

Phone:+393396038451

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

La tua passione è il fai da te? Scopri Diytools.it

Scritto da WriteLab.it il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle, Nuovo Sito Web

Il fai da te è molto popolare perché diverse persone trovano divertente fare dei piccoli lavori in casa in completa autonomia, quindi il fai da te diventa un vero e proprio hobby. Oppure c’è chi ricorre al fai da te per risparmiare. Tuttavia è importante trovare le giuste guide e i gusti consigli online, per questo è nato Diytools.it un nuovo sito web ricco di dritte per fare lavori in casa tra le quali: costruire un gazebo, arredare terrazzi e giardini, ma anche quale decespugliatore scegliere, come togliere la ruggine e tante altre guide.

Come si fa e cosa usare?

Alcune delle domande più frequenti nel campo dei fai da te sono: come si fa a fare quella determinata cosa? Oppure: cosa usare per realizzare quel lavoro? Grazie a questo nuovissimo e sempre aggiornato sito web puoi trovare le risposte a queste e a molte altre domande. Sul blog, infatti, è possibile leggere tutorial e guide su come effettuare in modo corretto tante operazioni e lavori fai da te. Molta attenzione viene anche data ai consigli per gli acquisti, cioè alla scelta dei migliori utensili e attrezzature per il fai da te: come trapani, livelle, decespugliatori, seghe da banco e molto altro.

Consigli e acquisti su un solo sito web.

Per dare un ulteriore servizio ai sui utenti, lo staff di Diytools.it seleziona i migliori prodotti per il fai da te su Amazon e ti permette di acquistarli direttamente nello shop integrato, mantenendo ovviamente le stesse condizioni di Amazon (pagamenti, spedizioni, garanzie). Insomma, non ti resta che visitare questo nuovo sito per scoprire tutto quello che vuoi sapere sul mondo del fai-da-te.

Brand News Sharing: Nasce Ingredienti Magazine dedicata alle eccellenze del territorio

Scritto da 20TaskForceItaly il . Pubblicato in Nuovo Sito Web, Opinioni / Editoriale

Aprile 2019 nasce un nuova Riviste online: Ingredienti Magazine che vuole raccontare le eccellenze del territorio nazionale, dedicato ad artigiani, imprenditori, agricoltori, creativi e innovatori che ogni giorno coltivano l’armonia fra ciò che fanno e il luogo in cui lavorano.

Andiamo a cercare le loro storie nelle botteghe, nelle fabbriche, nelle cantine e nella bellezza di ambienti naturali. Sono storie da raccontare per far conoscere un Italia produttiva, che svolgono con amore e passione il proprio mestiere, tenendo viva la tradizione, trasmettendo un patrimonio di cultura e conoscenza.

Con articoli, immagini e docuweb, per scoprire un Italia in modo diverso, attraverso gli occhi di chi si sente a casa nel proprio territorio e ne racconta la bellezza nel suo intero.

Ingredienti Magazine è una azienda di comunicazione di Padova che opera in tutto il territorio nazionale e fin da subito si è rivelata partner efficace e strategico per prestigiose realtà del territorio e non solo.

Nato per soddisfare le esigenze nei vari settori merceologi e offrire soluzioni di comunicazione integrata per tutti i budget, l’agenzia è specializzata nella creazione di contenuti per il web (copywriting, foto, video), Press Office & Digital PR, Relazioni Pubbliche.

La bontà della reputazione online di un’azienda (Brand Reputation) dipende anche dai suoi risultati sui motori di ricerca, i quali influiscono pesantemente sul potere commerciale della medesima.

“Se cerco il mio nome+cognome o il nome della mia azienda, quali sono i risultati? Recensioni o informazioni negative, concorrenza, o semplicemente sono quasi inesistente sul web?”

E’ possibile cambiare questa tendenza?

Una strada da seguire passa per la content dissemination, distribuzione di contenuti ottimizzati (brand, personaggio pubblico, prodotto) del soggetto in questione, con l’obiettivo di promuoverne un’immagine positiva, nei risultati dei principali motori di ricerca, Google, Bing e Yahoo!

Nell’ottica di Digital Transformation l’intervento di una digital agency è vantaggioso anche sotto il punto di vista dell’ottimizzazione SEO di immagini e contenuti, al fine di dare il massimo della visibilità ai tuoi comunicati stampa sui motori di ricerca.

A questo proposito Ingredienti Magazine ha affidato i Servizi di Comunicazione alla Digital Agency WebConsulting SMPRESS, agenzia esperta nella Distribuzione delle Notizie Online (Brand News Sharing), il cui obiettivo è quello di dare maggiore VISIBILITA’ al BRAND in RETE.

FonteIngredienti Magazine

Milano Art Gallery proroga la personale della fotografa Elisa Fossati visto il successo

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È un periodo fortunato per la Milano Art Gallery che, nel pieno di una primavera capricciosa, trova forza e colore negli scatti di Elisa Fossati. Al colmo del successo di pubblico e stampa, la fotografa milanese proroga la sua personale We Are The World, che posticipa la chiusura al 17 aprile 2019.

Elogiata dalla critica, Elisa Fossati è stata presentata al suo primo vernissage da grandi personalità del mondo dello spettacolo e della cultura: il noto sociologo Francesco Alberoni, il direttore delle Milano Art Gallery Salvo Nugnes, il direttore della Triennale di fotografia Luigi Gattinara, Stefano Renga, manager di Francesco Renga, Vincenzo Di Vincenzo, direttore dell’Ansa di Milano e il fotografo di fama internazionale Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo. Niente male nemmeno il portfolio dell’artista, che con le sue esclusive collaborazioni ‒ quella con Spoleto Arte di Vittorio Sgarbi e con il MOMA di New York, per citarne solo alcune ‒ si lancia in una nuova avventura che la vede finalmente protagonista: We Are The World.

L’esposizione ha portato un’aria frizzante e positiva nella galleria, e le sue particolari immagini autografate in maniera molto personale hanno fin da subito incuriosito i visitatori. La fotografa ha infatti voluto aggiungere a ciascuno scatto un pensiero su ciò che aveva visto prima di imprimerlo fisicamente e nella memoria, sovrascrivendolo sotto forma di frasi poetiche all’interno dell’inquadratura.

Fino al 17 aprile per tutti sarà dunque possibile viaggiare liberi da qualsiasi preoccupazione in via Ampère 102. La sede della Milano Art Gallery è aperta dal lunedì al sabato a partire dalle 14.30 fino alle 19. Per maggiori informazioni è possibile chiamare lo 0424 525190, il 388 7338297, scrivere a info@milanoartgallery.it oppure visitare il sito www.milanoartgallery.it.