Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Milano: La rinomata consulente del lavoro Nicoletta Fiorese ospite all’incontro con il Prof. Flavio Caroli, Alessandro Quasimodo e al manager Salvo Nugnes presso l’Istituto di Reclusione di Opera

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Italia

Nicoletta Fiorese, rinomata consulente del lavoro, che svolge la sua professione a Cassola, in provincia di Vicenza, Martedì 13 Maggio 2014 è stata ospite dell’incontro con il Prof. Flavio Caroli e Alessandro Quasimodo, tenutosi presso l’Istituto di Reclusione di Opera, a Milano. 

Caroli, storico dell’arte e noto volto televisivo della trasmissione Rai “Che tempo che fa”, si è raccontato in chiave autobiografica, dagli esordi ai giorni nostri ed ha presentato inoltre, il suo ultimo libro di successo dal titolo “Voyeur” (Mondadori) assieme al manager Salvo Nugnes, in qualità di relatore e all’attore Alessandro Quasimodo, figlio del celeberrimo Maestro poeta Salvatore Quasimodo, che ha letto alcuni estratti dell’intenso romanzo.

La Fiorese, iscritta all’ordine dei Consulenti del Lavoro di Vicenza e conosciuta per la sua professionalità e competenza, si è dichiarata molto compiaciuta di aver partecipato all’importante evento benefico-solidale, organizzato appositamente per i detenuti della casa penitenziaria.

Ville e casali dell’Umbria

Scritto da umbria domus il . Pubblicato in Casa e Giardino, Italia, Viaggi

Cosa c’è di più emozionante di una villa in Umbria, nel cuore d’Italia? Immaginatevi di vivere in posti unici, che solo il paesaggio dell’Umbria può regalarvi, con i suoi colori intensi come non troverete in nessun altro luogo e panorami mozzafiato su tutte le grandi o piccole valli su questa terra, che si perdono a vista d’occhio. Potrete vivere in strutture storicamente importantissime per questi luoghi, come le vecchie fattorie e i casali che verranno poi ristrutturati rimodernati con tutte le moderne tecnologie e comfort come ville pur rispettando sempre lo stile architettonico umbro, infatti queste due tipologie costruttive sono state i centri nevralgici della vita dei contadini di queste terre per secoli, dal lavoro nei campi alla vita sociale. E una delle caratteristiche di questi luoghi, è che è possibile disporre di tutte le comodità della vita moderna pur rimanendo isolati se si ama la pace e la tranquillità che questi posti garantiscono, si può serenamente vivere in una villa su una piccola collina fuori da qualsiasi centro abitato e circondati dal verde, pur avendo per esempio piscina, il wi-fi o la vicinanza ai vari piccoli centri abitati forniti di piccoli minimarket e altri piccoli negozi con tutto il necessario per vivere senza essere costretti ad andare nelle cittadine più vicine distanti chilometri e chilometri. Inoltre, l’Umbria è una delle “regine” in Italia e forse nel Mondo, del vero olio extra-vergine d’oliva e del buon vino! Qui, se siete appassionati di questi prodotti, potrete per esempio affiancare alla vostra villa un meraviglioso oliveto o un bellissimo vigneto per la produzione di questi prodotti simbolo di questa regione e iniziare questa affascinante attività, magari aiutati dalla gente del posto che, anche solo per hobby, porta avanti con passione la produzione di olio e vino da generazioni. Tutte queste cose potrete trovare nella Verde Umbria, immersi in una incredibile tranquillità lontani dallo smog e dalle rumorose città e in paesaggi unici, dove potrete scegliere e creare la vostra villa in Umbria seguendo il vostro sogno, proprio qui.

http://www.umbriadomus.it/villa-in-umbria/

Profezia divina e scienza – tutto è Spirito?

Scritto da Vita Universale il . Pubblicato in Libri, Religione

Il mondo che ci circonda, ciò che percepiamo come materia, è realtà o apparenza? Qual è la vera realtà e qual è il senso della nostra esistenza?

Che effetto ha il nostro modo di pensare sul nostro corpo e sul nostro cervello e in seguito anche sulla nostra anima?

Domande alle quali la filosofia e la scienza cercano da secoli di dare risposte; nella nostra epoca stiamo sperimentando una svolta nel modo di considerare la realtà, alla quale ha contribuito in particolare la fisica quantistica.

E nei nostri tempi esiste una fonte di verità: lo Spirito di Dio che si rivela di nuovo tramite la parola profetica, dando risposte chiare e profonde alle domande che da sempre occupano l’uomo, offrendoci la possibilità di gettare uno sguardo sulle correlazioni spirituali che sono alla base del mondo materiale.

Qualcuno forse pensa che la profezia sia qualcosa di antiquato e arcaico, e che la scienza conduca ad una visione più avanzata e quindi più corretta del mondo. Ma è esattamente il contrario: ciò che Gabriele, la profetessa e messaggera di Dio per la nostra epoca, riceve come Parola interiore tramite il linguaggio di luce del mondo spirituale e trasmette poi nel nostro linguaggio umano conferma in parte le scoperte fatte da fisici come Max Planck, Werner Heisenberg e Hans-Peter Dürr, tutti fisici quantistici prestigiosi concordi nel ritenere che i quanti siano portatori di informazioni e di ordine e i mediatori dell’unità della natura. Essi “agiscono al di là dello spazio tridimensionale con cui abbiamo dimestichezza … in un campo puramente informativo … che si estende anche attraverso l’intero Universo.”

La scienza moderna, in particolare la fisica quantistica, ha scoperto che la dimensione materiale non rappresenta la realtà, ma soltanto l’apparenza esteriore. Essa è come “una minuscola goccia di fronte a uno sfondo immenso”. Ciò si ricollega alle spiegazioni date tramite lo Spirito di Dio nella nostra epoca, secondo le quali la materia, che noi percepiamo come mondo corporeo e materiale, in realtà non esiste; si tratta piuttosto di un campo di forza di natura spirituale, in cui tutto è collegato con tutto.

Che cosa comporta questo per la nostra vita, per il nostro modo di pensare? E sotto questa luce, qual è il senso della nostra esistenza?

Si parla inoltre dell’importanza del campo magnetico della Terra per l’uomo e per gli animali, degli effetti che le nostre emozioni e i nostri pensieri provocano sulla nostra anima e sul nostro corpo tramite il sistema nervoso.

Infine viene affrontata la questione dell’esistenza di una vita dopo la morte, mettendo a confronto le esperienze pre-morte raccolte da molti ricercatori con le spiegazioni date dal mondo spirituale divino su questo tema, affrontando in particolare le domande: cos’è l’anima? L’anima è immortale? Esiste una vita dopo la morte? Cosa succede mentre una persona muore?

Profezia divina e scienza si confrontano su questi temi in un dialogo avvincente e in un linguaggio comprensibile a tutti, dal quale risulta che tutto è collegato in una grandiosa unità e che noi stessi portiamo in noi l’essenza di tutto il creato, lo Spirito.

Profezia divina e scienza – tutto è Spirito?

Pagg. 96, Euro 9,90

ISBN 978-88-96860-11-3

Lo studio dei ricercatori Unifarco al 14° Meeting Europeo sui Fluidi Supercirici

Scritto da UfficioStampaUnifarco il . Pubblicato in Aziende, Comunicati Stampa, Salute

Lo “Studio dell’estrazione con fluidi supercritici degli acidi grassi polinsaturi dai semi di perilla“ condotto dai ricercatori Unifarco in collaborazione con l’Università di Trieste e l’Università di Padova verrà presentato dal 18 al 21 maggio al 14° Meeting Europeo sui Fluidi Supercritici a Marsiglia

Uno studio che rivela tutte le proprietà dell’olio di perilla porta i ricercatori Unifarco e quelli delle Università di Trieste e di Padova al 14° Meeting Europeo sui Fluidi Supercritici che si terrà dal 18 al 21 maggio al Palais du Pharo a Marsiglia.

Crediamo nella perilla – dice Alessandro Portolan, Direttore tecnico Unifarco –, per questo abbiamo deciso di coltivarla nella nostra provincia e in altre aree adatte della Regione Veneto al fine di studiare la migliore tecnica di estrazione del suo olio. Abbiamo ottenuto risultati interessanti che ci permettono di garantire un prodotto di qualità e allo stesso tempo rispettoso dell’ambiente”.

La perilla (Perilla frutescens var. frutescens) è una pianta erbacea originaria dell’Asia. Oggi i semi di questa pianta vengono utilizzati come fonte particolarmente ricca di acidi grassi essenziali Omega-3 grazie alla disponibilità di acido α-linolenico (ALA). Studi dimostrano l’effetto protettivo dell’Omega-3 in svariate patologie quali cardiopatia, diabete e cancro.

I semi di perilla usati per lo studio provengono, infatti, da coltivazioni della provincia di Belluno. Sono stati valutati scientificamente due metodi green di estrazione dell’olio di perilla: la spremitura a freddo e l’estrazione con fluidi supercritici.

Questo studio ha riunito i ricercatori del Nord Est – dice il dott. Nicola De Zordi dell’Università di Trieste –. Siamo riusciti a stabilire scientificamente che i risultati dei due metodi sono pressoché equivalenti anche se i fluidi supercritici hanno delle caratteristiche interessanti soprattutto per produzioni su vasta scala.

La tecnica dei fluidi supercritici permette di evitare l’uso di solventi organici. L’estrazione avviene a temperature minori e in eccesso di CO2, il che limita la possibilità di ossidazione permettendo all’olio di perilla di mantenere meglio le sue proprietà organolettiche e i valori di Omega-3”.

Uno studio che permette di sfruttare implementare e valorizzare il territorio locale che è una risorsa importante per la provincia, con coltivazioni di piante ad interesse officinale, quali la perilla, e di riunire la ricerca a favore di fonti alternative e valide di acidi grassi essenziali come gli Omega-3 e Omega-6.

UNIFARCO S.p.A.

Situata ai piedi del Parco nazionale delle Dolomiti Bellunesi, a Santa Giustina Bellunese, Unifarco è un’Unione di farmacisti preparatori che condividono filosofia e valori, deontologia professionale e attenzione al benessere delle persone, rispetto per l’ambiente, ricerca scientifica, qualità e sicurezza del prodotto normativamente certificato.
Un progetto nato nel 1982 e che dopo più di trent’anni coinvolge un numero crescente di farmacie in Italia ed è presente in Austria, Svizzera, Germania, Spagna e Francia. Unifarco sposa la tradizione galenica delle preparazioni farmaceutiche a formulazioni innovative e ricerca scientifica d’alto livello, grazie anche alla collaborazione tra il laboratorio interno di Ricerca e Sviluppo e i Dipartimenti di Scienze Farmaceutiche degli atenei di Padova, Ferrara, Pavia e Trieste; il Dipartimento di Chimica Fisica dell’Università di Milano; l’Istituto di Chimica Avanzata dell’Università di Barcellona; il Dipartimento di Dermatologia, Venereologia, Allergologia, Fisiologia cutanea dell’Università di Berlino e Istituti d’eccellenza italiani e internazionali.

Ispirato dalle potenzialità della natura e dalla spinta innovatrice della ricerca applicata, Unifarco ha ideato tre linee, formulate per ridurre i rischi di allergie: la linea personalizzata di cosmesi, igiene e integratori, la linea di cosmesi dermatologica Ceramol e la linea di make up Dolomia.

www.unifarco.it

Direct Line si interroga: quanta educazione c’è sulle strade italiane?

Scritto da PromozioneWeb il . Pubblicato in Automobili, Aziende, Comunicati Stampa

Da sempre sostenitrice della cultura della guida sicura e responsabile, Direct Line – la più grande compagnia di assicurazione auto auto on line – ha svolto un’indagine itinerante mettendo a confronto le opinioni di tutti i protagonisti della strada – dagli automobilisti ai motociclisti, dai ciclisti ai pedoni – per sapere quanta educazione c’è nelle strade italiane, con lo scopo di creare consapevolezza su una “strada di tutti”.

Dal 12 aprile all’11 maggio 2014 una Mini rossa Direct Line – guidata da un team composto da intervistatore, fotografo e videomaker – ha infatti attraversato lo stivale grazie al tour Share the Road, l’innovativo progetto di Direct Line nato per valorizzare la convivenza civile e promuovere l’educazione stradale intesa come rispetto delle regole, ma, soprattutto, come rispetto delle persone.

Rigore e disciplina

Come se la cavano dunque gli “italiani on the road”? A guadagnarsi il poco lodevole premio di più indisciplinati della strada sono proprio gli automobilisti: soprattutto a detta di pedoni e ciclisti, con percentuali consistenti rispettivamente del 34% e 41%. Gli automobilisti però sembrano scagionarsi dall’accusa, indicando come più indomiti, con il 46% dei voti, i motociclisti che, a loro volta, accusano i ciclisti (38%). Ce n’è per tutti insomma, stupisce però che solo il 25% degli automobilisti intervistati abbia riconosciuto nei ciclisti gli animi più ribelli, che si stia superando l’eterna lotta tra auto e biciclette sulle strade italiane?

A diplomarsi con il massimo dei voti sono invece i pedoni che nella classifica dei più indisciplinati secondo automobilisti, ciclisti e motociclisti, occupano sempre l’ultimo posto, con percentuali di pericolosità che oscillano tra il 3% e il 6%. Un chiaro riconoscimento all’educazione “su due piedi”, nonostante gli innegabili soprusi con i quali essi devono fare i conti passeggiando per le città italiane: il primo e più fastidioso dei quali risulta essere la mancata precedenza della auto e delle moto in prossimità delle strisce pedonali (59%); seguito dalle auto parcheggiate sul marciapiede (25%).

Pericoli e paure su strada

La strada, si sa, se non è affrontata con la giusta cura ed attenzione, può essere pericolosa. Le paure più grandi degli italiani? I pedoni non hanno dubbi, l’aspetto più pericoloso della vita su strada è l’eccesso di velocità di auto e moto (43%), mentre gli automobilisti riconoscono il pericolo nel tanto odiato zigzagare dei motorini nel traffico (38%). Bestia nera dei ciclisti sono invece gli automobilisti che aprono gli sportelli senza guardare (38%), mentre la maggioranza dei motociclisti (46%) afferma invece di temere più di ogni altra cosa le manovre delle auto non segnalate dagli indicatori di direzione.

Dal sondaggio Direct Line emerge anche una fotografia delle nostre strade decisamente poco incoraggiante. Tutte le tipologie di fruitori della strada intervistate (automobilisti, ciclisti, motociclisti e pedoni) hanno valutato come insufficienti le condizioni delle strade delle città italiane, con percentuali superiori al 50%. La sufficienza non supera mai il 44%. Non è certo un caso, dunque, che la grande maggioranza degli intervistati indichi la copertura delle buche come iniziativa principale che il comune di residenza dovrebbe mettere in atto per migliorare la sicurezza stradale.

Pregi, difetti e… ammissioni di colpa

Convivere pacificamente non è mai facile, sembrano saperlo bene i motociclisti, che tra le categorie intervistate, risultano essere i più rissosi: con il 67% registrano infatti la percentuale più alta di coloro che affermano di aver litigato in strada per motivi legati alla viabilità almeno una volta. A seguire gli automobilisti, con il 52% di discussioni. Decisamente più cauti i ciclisti e i pedoni, rispettivamente con il 69% e il 65% di intervistati che dichiarano di non aver mai dato adito a litigi in strada.

Ma non è tutto oro ciò che luccica. Nonostante la capacità di mantenersi fuori dai guai con gli altri attori della strada, i ciclisti non sono proprio privi di macchia: ben il 59% degli intervistati ammette infatti di fare zig zag tra le auto frequentemente. Presto spiegata, dunque, la classifica dei consigli degli automobilisti ai ciclisti, che vede sul podio proprio il suggerimento di non fare zig zag nel traffico (23%).

Il 43% dei pedoni, invece, ammette di attraversare sulle strisce pedonali solo quando sono vicine, mentre il comportamento scorretto più in voga tra gli automobilisti è l’uso del cellulare senza auricolari (21%).

Grande merito ai motociclisti che, dall’indagine, risultano essere molto ligi all’utilizzo del casco: ben l’88% degli intervistati afferma infatti senza esitazione di indossare il casco in ogni circostanza, consapevole del fatto che l’uso corretto di questa protezione può salvare la vita.

“Share the Road è stata un’esperienza estremamente stimolante che ha portato Direct Line ancora più vicino agli italiani consolidando ancora una volta la sua natura di assicurazione diretta e attenta alle esigenze degli automobilisti e non solo – commenta Barbara Panzeri, Direttore Marketing Ascoltare e raccogliere le opinioni degli attori della strada direttamente dalla loro voce, ci ha permesso di elaborare un quadro fedele su un tema fondamentale come quello della sicurezza stradale. Siamo molto soddisfatti del risultato e dell’entusiasmo con cui gli italiani hanno accolto questo progetto e siamo certi che i frutti di questa iniziativa saranno un punto di partenza per un cambiamento utile e profondo nella fruizione della strada. Numerosi sono infatti gli spunti di riflessione, primo fra tutti il dato di inadeguatezza delle nostre strade che emerge chiaramente dalla voce degli intervistati”.

Fonte della ricerca:

L’indagine ha coinvolto 500 individui di età compresa tra i 18 e i 64 anni su popolazione italiana e 500 casi su alcuni centri urbani specifici. È stata condotta con metodologia CAWI (computer-assisted web interviewing), attraverso il panel proprietario di Duepuntozero Doxa. Le interviste sono avvenute a fine aprile 2014.

Tecnocupole Pancaldi: evacuatori fumo brevettati e lucernari certificati

Scritto da seodmlogica il . Pubblicato in Aziende

Per donare agli ambienti una perfetta luce e ventilazione naturali, una finestra a lucernario rappresenta la soluzione architettonica più idonea a creare un perfetto comfort abitativo.
Alle tradizionali caratteristiche del lucernario, quali la luminosità e la trasparenza, Tecnocupole Pancaldi aggiunge elevate prestazioni energetiche, di ventilazione naturale e di isolamento termico, nonché un design innovativo ottenuto grazie alle più avanzate tecniche di termoformatura impiegate in fase di produzione.
Tale impiego di tecnologie avanzate unito alla ricerca sui nuovi materiali e all’innovazione in ambito progettistico, rendono il lucernario di Tecnocupole Pancaldi un prodotto di eccellenza in grado di rispondere alle richieste del cliente più esigente e alle più recenti direttive in materia di efficienza energetica e sostenibilità ambientale.
In oltre 50 anni di attività Tecnocupole Pancaldi ha saputo investire in modo vincente nello sviluppo di nuove tecnologie e nell’impiego di macchinari di ultima generazione per la produzione di soluzioni ad hoc per coperture di tetti, in particolare lucernari termoformati e cupole emisferiche di grandi dimensioni i quali, insieme alla vasta gamma di sistemi antincendio, costituiscono il principale core business dell’Azienda.
Alla sperimentazione della tecnica della termoformatura con l’impiego di macchinari tecnologicamente avanzati per la trasformazione delle materie prime si aggiungono i test di conformità alle normative vigenti effettuate presso il laboratorio tecnico: tutto ciò permette a Tecnocupole Pancaldi di assicurare la massima affidabilità dei propri prodotti e la certificazione CE per i lucernari monolitici e continui.
Dal 1958 leader nel settore delle coperture industriali e civili e punto di riferimento sul mercato europeo per la commercializzazione di lucernari e cupole circolari, Tecnocupole Pancaldi è inoltre titolare di quattro brevetti per la fabbricazione di evacuatori naturali di fumo e calore e fornisce servizi assistenza qualificata per l’ottenimento del certificato di prevenzione incendi e servizi di consulenza sulle norme uni 9494 e uni 12101.
Una gamma di prodotti e servizi in costante evoluzione messi a disposizione del cliente da un’Azienda con 50 anni di esperienza, capace di garantire il massimo della qualità e dell’efficienza delle soluzioni proposte.

Casa Tra Noi Hotel Roma Vaticano: “L’arte del comando. L’eredità di Augusto”

Scritto da Staff il . Pubblicato in Arte, Italia, Viaggi

Casa Tra Noi Hotel Roma Vaticano è lieto di presentare la mostra “L’arte del comando. L’eredità di Augusto” in esposizione all’Ara Pacis.

Un’imperdibile mostra che approfondisce le principali politiche culturali e di propaganda messe in atto da Augusto nel suo principato e replicate nei secoli per il loro carattere esemplare.
La mostra, divisa per temi ed epoche storiche differenti, illustra in che modo imperatori come ad esempio Carlo Magno, Federico II, Carlo V o Napoleone, nel corso della storia abbiano reinterpretato l’arte del comando di Augusto a volte con formule molto vicine o addirittura identiche.

“L’arte del comando. L’eredità di Augusto” in mostra all’Ara Pacis dal 25 aprile al 7 settembre 2014.

Sosteniamo l’arte locale

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Varvel SpA , azienda meccanica bolognese che da sessant’anni produce e commercializza riduttori e variatori di velocità, da sempre coniuga la spinta all’internazionalizzazione, insita nella mission aziendale, con un impegno concreto a favore del territorio di appartenenza, facendosi apprezzare come una realtà socialmente responsabile.
A testimoniare ulteriormente tale impegno, l’impresa ha scelto di sponsorizzare la mostra del pittore Germano Pessarelli, allestita dal 18 Aprile al 18 Maggio a palazzo Garagnani, a Crespellano in Valsamoggia, comune in cui Varvel ha sede.
L’artista bolognese, nato nel 1929 a Aix-Les-Bains, in Francia, da genitori bolognesi emigrati, è stato allievo del grande Giorgio Morandi all’Accademia Di Belle Arti bolognese, in cui egli stesso ha insegnato fino al 1998, spegnendosi a Bologna nel 2007, all’età di 79 anni.
Le opere di Pessarelli, caratterizzate da uno stile figurativo fortemente influenzato dalla cultura francese, sono state esposte nelle gallerie più prestigiose e sintetizzate da Romeo Forni, critico della Galleria d’arte di Bologna, in una pittura che scaturisce “…da un’altalena di emozioni profonde che si offrono al proprio sentimento. Un voler “godere” di tanti elementi che contribuiscono a scoprire i misteri delle cose e della natura che lo circondano, restituendoli in forma esauriente, in adesione ad un personale discorso di gusto intimistico”.
Questa sponsorizzazione, ultima di una lunga serie di iniziative a favore delle diverse realtà locali, è l’espressione della volontà, da parte di Varvel SpA, di valorizzare e supportare il proprio territorio di appartenenza, sia, come in questo caso, a livello culturale che sociale.
“Favorire le realtà e le eccellenze locali è da sempre prerogativa fondamentale della nostra politica aziendale – afferma Francesco Berselli, Presidente di Varvel SpA – ed il nostro impegno è concreto, lo stiamo dimostrando oggi e continueremo a farlo in futuro”. A confermarlo, anche Mauro Cominoli, Direttore Generale di Varvel SpA: “Le aziende devono vivere il territorio in cui sono inserite, relazionandosi ad esso in maniera integrata e concreta”.
Varvel SpA – Via 2 Agosto 1980 n. 9 – 40056 Crespellano BO – Italy – Tel. +39 051 6721811 – Fax +39 0516721825 – varvel@varvel.com
Ufficio stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna Tel. 051 4450204 Fax 051 6237200
Communication Manager & P.R Matteo Barboni – 349 6172546 m.barboni@borderlineagency.com

Online il portale Teco Group srl

Scritto da Alessandro Vezzani il . Pubblicato in Aziende, Nuovo Sito Web

Teco Group srl a Cesano Maderno offre soluzioni innovative per un’acqua sana e pura. Siamo specializzati in depuratori d’acqua civili e industriali e osmosi inversa.

Online troverete il portale di Teco Group srl, azienda offre soluzioni per la depurazione dell’acqua e dell’aria.

Teco Group a Cesano Maderno installa strumenti di depurazione e trattamento delle acque per ogni settore: dall’agricoltura, alla farmaceutica, alla ristorazione, fino agli strumenti per la casa.

Sul sito potrete trovare il catalogo completo dei suoi prodotti corredati di descrizione e scheda tecnica.

Inoltre potrete rimanere informati sulle sue offerte tramite le news , scoprire i punti vendita e gli showroom più vicini al vostro domicilio e contattare l’azienda per chiedere delucidazioni o preventivi tramite l’apposito form contatti.

Produzione e installazione di erogatori, miscelatori e refrigeratori di design per l’abitazione o l’azienda.

Beatrice Lorenzin in visita nelle regioni del Centro Italia per presentare la sua candidatura in vista delle elezioni europee

Scritto da newufficio stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Italia, Politica

L’attuale Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha recentemente visitato una serie di strutture ospedaliere presenti nelle regioni del Centro Italia, in particolare in Umbria, nelle Marche e in Toscana. Questi viaggi sono stati anche l’occasione per incontrare gli altri candidati del Nuovo Centro Destra in vista delle elezioni europee del prossimo 25 maggio, per le quali si presenterà come capolista del partito.

Beatrice Lorenzin, Ministro della Salute

Beatrice Lorenzin in visita nella regione Toscana

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, nelle giornate di domenica 11 e lunedì 12 maggio, ha visitato alcune strutture ospedaliere presenti sul territorio toscano. Più nel dettaglio, l’attuale candidato capolista per il Nuovo Centro Destra è intervenuta all’inaugurazione del reparto neonatale dell’ospedale Santo Stefano di Prato, alla presenza dei vertici dell’Asl e degli operatori della struttura. La visita, proseguita in altre città toscane, ha permesso al Ministro della Salute di esporre il proprio pensiero su alcune tematiche presenti all’interno del programma europeo e di incontrare alcuni esponenti del partito. La tappa conclusiva, tenutasi presso Piazza del Campo a Siena, ha offerto a Beatrice Lorenzin l’occasione di presentare ufficialmente la propria candidatura, evidenziando i dettagli del proprio piano d’intervento sulle tematiche della Sanità.

Il programma politico di Beatrice Lorenzin e gli incontri istituzionali

Incontri con alcuni esponenti del Nuovo Centro Destra, visite alle strutture sanitarie del Centro Italia: questi gli impegni politici del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, candidata capolista alle prossime elezioni europee del 25 maggio. Sul suo profilo Facebook è disponibile un resoconto delle principali tappe del tour elettorale: dalla Toscana all’Umbria, passando per le Marche.

Per avere maggiori informazioni sui prossimi impegni di Beatrice Lorenzin, candidata capolista per il Nuovo Centro Destra alle elezioni europee del 25 maggio, visita il suo profilo Facebook.