Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Preventivi per finestre e porte: come ottenerne uno valido? Come confrontare prezzi e tipologie? Ecco alcuni consigli

Scritto da V8 Serramenti e Infissi Brescia il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Ormai molte persone sanno che sostituire gli infissi nella propria abitazione è un investimento vincente: esso, infatti, non solo dà un valore aggiunto alla casa, ma costituisce una spesa facilmente recuperabile nel giro di pochi anni grazie all’inevitabile risparmio sulle spese di riscaldamento (le stime sono intorno ai 500 Euro annui) e agli incentivi fiscali (detrazione 65%); senza contare il momento contingente di mercato che favorisce gli sconti, da parte dei serramentisti, sulle offerte ai potenziali clienti.

Tuttavia – come sempre – c’è anche il rovescio della medaglia: ditte che pur di accaparrarsi lavori promettono mari e monti a “prezzi stracciati” salvo poi trovarsi costretti a chiedere (se non proprio inventare) ulteriori addebiti a fine lavori non riuscendo ad essere di parola; aziende di grande distribuzione e produttori che tentano di sovrapporsi a installatori e piccoli serramentisti/rivenditori senza però avere una competenza adeguata per poter gestire lavori presso privati o cantieri di dimensioni più esigue; piccoli artigiani di settore non abbastanza qualificati per poter fornire un’offerta sufficientemente ampia e quindi portati a criticare certi tipi di serramento per tirare acqua al proprio mulino: venditori di infissi in PVC che parlano male di quelli in legno dando a intendere che “non durano”, chi vende l’alluminio e parla male del PVC con fumosi accenni a problemi di inquinamento, chi propone il legno come “unico materiale di provata efficacia” e vede come fumo degli occhi tutto il resto, ecc.

Quando si tratta di chiedere un preventivo per sostituire le finestre di casa o per installare i serramenti di una nuova costruzione o di una ristrutturazione, il panorama di scelte possibili è vastissimo e – soprattutto per chi non è del settore – ci si può trovare di fronte a una “giungla” di aziende, modelli, prezzi, caratteristiche, ecc.

Per fortuna, in mezzo alla confusione, c’è sempre un lumicino che indica il sentiero.

Primo passo. Il modo migliore per ottenere un preventivo, piuttosto che perdersi nel mare di informazioni che si possono reperire in Internet, è contattare direttamente un’azienda. Certamente la Rete è di grande aiuto nell’individuare qualche ditta a cui chiedere un’offerta, ma una volta esaurito il primo approccio tramite e-mail o per telefono, è consigliabile richiedere un sopralluogo (appurando che sia gratuito e senza impegno) oppure un appuntamento presso l’azienda prescelta.

Secondo passo. È indispensabile e di capitale importanza valutare la persona che ci si trova di fronte, per capire se sia realmente degna di fiducia o meno. Questo aspetto vale ben più di banali luoghi comuni, ormai pressoché inservibili, come “siete produttori o rivenditori” piuttosto che “da quanti anni esiste l’azienda” o “quanti dipendenti ha”, ecc. Le vere domande da porsi, invece, sono altre. Ad esempio: il discorso del venditore è improntato ad informare il potenziale acquirente e a istruirlo sulle caratteristiche e gli aspetti importanti del serramento (specie per chi non se ne intende)? oppure a stordirlo con termini tecnici o paroloni scientifici sulle orme del manzoniano Don Abbondio? Il venditore cerca di fare pressione per avere un contratto firmato? oppure si impegna a studiare la risposta migliore all’esigenza particolare del potenziale acquirente? È sobrio ed equilibrato o è un avvoltoio in cerca di preda?

Terzo passo. Una volta determinata la possibilità di tributare fiducia al venditore, occorre fornirgli più dettagli possibile affinché il preventivo sia realistico e adeguato alle circostanze. In questa fase, è meglio spendere una parola in più o anche un quarto d’ora in più a valutare caratteristiche, modelli e combinazioni, piuttosto che economizzare sul tempo e sperare che l’addetto operi le selezioni più consone (anche in questa fase possono emergere l’esperienza e la competenza della ditta a cui ci si rivolge). Un’altra sfumatura di professionalità riguarda le certificazioni e gli incentivi fiscali: il venditore cerca di evitare l’argomento o – peggio ancora – ha la tendenza a proporre sistemi non trasparenti? Oppure fa tesoro delle opportunità messe a disposizione dalla legge per fornire un servizio migliore e più completo?

Quarto passo. È buona norma chiedere delle referenze o anche solo un elenco dei lavori realizzati dalla ditta, per poterne appurare la validità sul territorio e il tasso di soddisfazione da parte della clientela. Può sembrare poco ortodosso fare una capatina al tal indirizzo e lanciare un’occhiata a una portafinestra qui e a un’anta là, oppure addirittura scambiare due parole con un cliente per saggiarne la reazione… eppure di tanto in tanto può essere necessario.

Quinto passo. Valutare i prezzi di più preventivi non è mai cosa facile, specie in un settore specialistico come quello dei serramenti. Limitarsi a confrontare la cifra finale non è sempre il procedimento più logico. Meglio, come prima cosa, paragonare le caratteristiche degli infissi per capire se il prodotto è dello stesso tipo e soprattutto se ha gli stessi parametri di isolamento termico e acustico, e quindi fare una media del costo al metro quadro o al metro lineare. In generale, però, è meglio valutare il preventivo nella sua interezza, piuttosto che per ogni singola voce. Un altro capitolo importante è la posa in opera: meglio prevedere qualche ora di lavoro in più e affidarsi a professionisti che curino ogni dettaglio e rifiniscano adeguatamente le opere, piuttosto che tirare sul prezzo per poi ritrovarsi con serramenti non montati ad arte.

Sesto e ultimo passo. Fatta la scelta dell’offerta più conveniente, si può tentare la trattativa finale per cercare di abbassare il prezzo. In questa fase, se proprio si trattava di “ultimo prezzo” e quindi l’azienda non ha modo di applicare ulteriori sconti, si può quanto meno provare a chiedere una qualche agevolazione sulle modalità di pagamento: normalmente un acconto (di solito 20% o 30%) è indispensabile per ogni ditta, ma può essere saggio tenere un 10/20% come pagamento a 30 giorni dalla consegna, a mo’ di garanzia che il serramentista “righi diritto” qualunque cosa accada. Se la ditta è seria e fiduciosa delle proprie capacità, non avrà remore a concedere tale condizione.

Seguendo queste semplici norme di buon senso, sarà possibile garantirsi degli ottimi risultati.

V8 Serramenti opera in tutta la Lombardia e oltre, con opere realizzate non solo a Brescia e limitrofi, ma fino a Piacenza, Mantova, Verona e Bergamo. Sul sito Internet di V8 è possibile visionare alcuni dei lavori consegnati ai clienti.

Il noto Avv. Marco Carra, Consigliere Regionale Lombardia, commenta straordinaria la mostra “Cezanne e gli artisti italiani del ‘900”

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Opinioni / Editoriale

Il Vittoriano, monumento nazionale a Roma, ha accolto la strepitosa mostra “Cezanne e gli artisti italiani del 900”, ricco percorso attraverso le opere di numerosi artisti legati a Cezanne, figura cardine dell’esposizione. L’Avvocato mantovano Marco Carra, Consigliere Regionale della Lombardia, ha dichiarato: “Cezanne rappresenta, senza ombra di dubbio, uno degli artisti centrali nella storia dell’arte, il cui contributo è stato indispensabile alle successive sperimentazioni e anche alle questioni concettuali di cui il 900, come sappiamo, è stato simbolo.”

Grazie alla collaborazione di numerosi Enti nazionali, critici e Musei da tutto il mondo, è stato possibile ricostruire chiaramente un frammento storico-artistico che ha coinvolto una grande quantità di artisti italiani: Morandi, Carrà, Boccioni, Severini, Sironi, Capogrossi, De Pisis, Casorati, Venturi, Pirandello. Risulta chiara l’eterogeneità dei protagonisti dell’esposizione; l’intento infatti non è quello di raggruppare gli esponenti di uno stesso gruppo artistico o di uno stesso linguaggio pittorico, bensì cercare di definire a ritroso le eredità di Cezanne ai singoli differenti artisti.

L’Avv. Carra aggiunge: “A Cezanne deve essere riconosciuto il merito di aver intrapreso un’arte non indirizzata al raggiungimento della bellezza ma piuttosto alla ricerca inesorabile della realtà delle cose, e della rappresentatività nei suoi termini essenziali. La sua sperimentazione è esemplare della difficoltà che si incontra nell’inseguire la verità e dell’opporsi agli schemi e ai canoni classici. È interessante vedere come la sua esperienza abbia tanto influenzato un intero Secolo successivo.”

Villa in Umbria, tra panorami incredibili e buon mangiare

Scritto da umbria domus il . Pubblicato in Casa e Giardino, Gastronomia e Cucina, Viaggi

Cosa c’è di più emozionante di una villa in Umbria, nel cuore d’Italia? Immaginatevi di vivere in posti unici, che solo il paesaggio dell’Umbria può regalarvi, con i suoi colori intensi come non troverete in nessun altro luogo e panorami mozzafiato su tutte le grandi o piccole valli su questa terra, che si perdono a vista d’occhio. Potrete vivere in strutture storicamente importantissime per questi luoghi, come le vecchie fattorie e i casali che verranno poi ristrutturati rimodernati con tutte le moderne tecnologie e comfort come ville pur rispettando sempre lo stile architettonico umbro, infatti queste due tipologie costruttive sono state i centri nevralgici della vita dei contadini di queste terre per secoli, dal lavoro nei campi alla vita sociale. E una delle caratteristiche di questi luoghi, è che è possibile disporre di tutte le comodità della vita moderna pur rimanendo isolati se si ama la pace e la tranquillità che questi posti garantiscono, si può serenamente vivere in una villa su una piccola collina fuori da qualsiasi centro abitato e circondati dal verde, pur avendo per esempio piscina, il wi-fi o la vicinanza ai vari piccoli centri abitati forniti di piccoli minimarket e altri piccoli negozi con tutto il necessario per vivere senza essere costretti ad andare nelle cittadine più vicine distanti chilometri e chilometri. Inoltre, l’Umbria è una delle “regine” in Italia e forse nel Mondo, del vero olio extra-vergine d’oliva e del buon vino! Qui, se siete appassionati di questi prodotti, potrete per esempio affiancare alla vostra villa un meraviglioso oliveto o un bellissimo vigneto per la produzione di questi prodotti simbolo di questa regione e iniziare questa affascinante attività, magari aiutati dalla gente del posto che, anche solo per hobby, porta avanti con passione la produzione di olio e vino da generazioni. Tutte queste cose potrete trovare nella Verde Umbria, immersi in una incredibile tranquillità lontani dallo smog e dalle rumorose città e in paesaggi unici, dove potrete scegliere e creare la vostra villa in Umbria seguendo il vostro sogno, proprio qui.

http://www.umbriadomus.it/villa-in-umbria/

3 marzo 2014 ore 16.00 – Assemblea del Comitato ARVU presso la Sala del Carroccio – Palazzo Senatorio – ROMA

Scritto da Claudio Fratini il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Italia

Il Candidato Fantasma invita iscritti e simpatizzanti all’assemblea del Comitato ARVU – Concorsisti Polizia Locale.
Il Comitato si è distinto in questi mesi come anima e cuore pulsante delle iniziative tenute in rappresentanza delle quasi tremila persone le quali, dal 2010, inseguono il sogno di vestire con onore e dignità la divisa del Corpo della Polizia Locale di Roma.
L’incontro promosso dalla Presidenza dell’ ARVU Europea ( l’ Associazione più rappresentativa da oltre quarant’anni della categoria ),nasce dall’esigenza di ratificare una petizione a supporto della rapida conclusione delle procedure concorsuali: vogliamo con voce ferma e decisa testimoniare i lunghissimi anni di attesa!
Giorni fa abbiamo avuto un incontro con il Vicesindaco di Roma Capitale On.Nieri; lo ringraziamo per l’ attenzione e la sensibilità dimostrata ma non possiamo essere sereni: un piano assunzionale che si fermi alle 300 unità è assolutamente insufficiente e andrebbe a ricoprire solo per poco più di un decimo il cronico deficit di personale in cui versa la Polizia Locale di Roma.
Sono stati invitati a partecipare i componenti dell’ Assemblea Capitolina e confidiamo nella loro sensibilità verso la nostra richiesta: dare dignità alla Polizia Locale di Roma Capitale mettendoci in grado di operare per la città ed i suoi cittadini!

La Presidenza ARVU Europea
Elisa ROCCA e Giacomo CELENTANO

Dott. Claudio FRATINI
Dirigente ARVU Europea – Responsabile Comunicazione
mail: claudio.fratini@arvueropea.it
tel: 328/3981275

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Mauro CORDOVA
Presidente ARVU Europea Polizie Locali
335/6155888
www.arvueuropea.it
ARVU EUROPEA – Sede Legale Via di San Teodoro – 00186 ROMA –
Sede Operativa: Via Prospero Alpino, 69 – 00154 ROMA
Tel. 06 5740866 – Fax 06 5745454 e-mail info@arvueuropea.it
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La rinomata “Milano Art Gallery” propone a Fiera Arte Genova diversi artisti del calibro di Amanda Lear, Luigi Galligani, Massimo Mariano

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura, Opinioni / Editoriale

Nel prestigioso contesto della mostra mercato d’arte moderna e contemporanea “Arte Genova” è prevista la partecipazione straordinaria della rinomata galleria milanese “Milano Art Gallery” sita in via Alessi 11, con importanti sedi affiliate a Bassano Del Grappa e a Siena. L’organizzazione è del noto manager Salvo Nugnes, agente dei vip e produttore di importanti eventi in campo artistico-culturale, che porterà come ospite speciale per l’occasione il sociologo di fama internazionale Francesco Alberoni, esperto studioso e conoscitore di educazione sentimentale e movimenti collettivi, per tenere una conferenza a tema sull’arte di amare e sul concetto di grande amore erotico, che dura nel tempo.

Saranno presenti all’interno dello stand della galleria numerose opere di artisti di elevato calibro, tra cui gli originali dipinti della vulcanica e camaleontica Amanda Lear, star di acclarata popolarità, le raffinate creazioni scultoree di ispirazione mitologica di Luigi Galligani, le tele di Massimo Mariano, definito da Vittorio Sgarbi “Il Ligabue delle Marche”, i quadri di eclettico trasformismo materico di Alessandra Turolli e quelli di Anna Sticco, realizzati in omaggio celebrativo alla divina della lirica Maria Callas.

Salvo Nugnes dichiara “Arte Fiera Genova è un’ottima vetrina, un’interessante opportunità per dare visibilità agli artisti e creare anche situazioni commerciali appetibili. E’ fondamentale mantenere sempre viva e costante l’attenzione sul mondo dell’arte non solo da parte degli addetti e operatori di settore, ma dell’intera opinione pubblica. Queste manifestazioni meritano certamente di essere sostenute e valorizzate al meglio, per le positive e vantaggiose finalità a cui sono orientate”.

Il manager di Agenzia Promoter agente dei vip Salvo Nugnes, produttore di grandi eventi in ambito artistico-culturale, intervistato sul rivoluzionario modello americano Netflix alla conquista del mondo dell’editoria

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Cultura, Dal Mondo, Libri, Opinioni / Editoriale

1) Che idea si è fatto su questo modello del gruppo americano Netflix, improntato per conquistare anche il mondo editoriale?

Premetto, che l’avvento di internet ha già di per se’ rivoluzionato il modo di accedere ai contenuti culturali in generale, apportando un approccio diverso per tutti noi. Di rimando risulta plausibile, che il modello del gruppo americano Netflix, utilizzato da varie start up, che permettono ai propri utenti di accedere a una libreria on line sempre aggiornata con migliaia di titoli a scelta libera di lettura, possa ottenere un ampio riscontro di consenso da un target crescente di fruitori nel mondo. Teniamo conto, che Netflix in USA ha 31 milioni di abbonati e nelle ore di punta occupa fino al 32% di traffico nella rete del Nord America, il doppio di quello di You Tube.

2) Quali vantaggi ritiene possano derivare da questo sistema rivoluzionario applicato all’editoria?

Potrebbe offrire un modello di business commerciale, orientato a fare risparmiare il lettore a livello economico nell’acquisto dei libri cartacei, garantendo un costo d’abbonamento in rete modico, ma restando comunque vantaggioso per tutelare gli interessi degli editori e degli autori dei testi pubblicati on line. In tale prospettiva, sarebbe un equilibrio di reciproca convenienza tra -consumatore e fornitore- positivamente congeniato.

3) Quali invece potrebbero essere i rischi di mercato innescati da questo modello?

Potrebbe intaccare negativamente il mercato cartaceo dei libri, già duramente colpito dalla crisi finanziaria globale e provocarne un tracollo ulteriore. Poi nell’evoluzione dell’industria libraria i grandi editori temono, che un abbonamento mensile troppo a basso costo possa fare precipitare il prezzo di copertina degli ebook, causando un grave danno all’intero comparto.

Arrampicata Sportiva: recensita la L. Ron Hubbard Route da UP 2014

Scritto da renatoongania il . Pubblicato in Italia, Sport

Resia (Udine) – 27 febbraio 2014. La rivista UP Annuario di Alpinismo Europeo, edizioni Versante Sud, ha immortalato con l’uscita di febbraio, la L. Ron Hubbard Mulaz Climbing Route, descrivendola in ogni suo dettaglio e pubblicandone la fotografia con i due tiri di corda attrezzati lo scorso ottobre dagli Amici di L. Ron Hubbard.

Nella rivista UP 2014 la via d’arrampicata dedicata all’esploratore americano Lafayette Ron Hubbard compare tra le 15 vie lunghe aperte in Italia nel corso del 2013, unica nella Regione Friuli-Venezia Giulia.

Nella recensione di due pagine, una speciale sottolineatura viene posta alla cura ed ai criteri di sicurezza usati nella fase di chiodatura.

“Questa via”, afferma Renato Ongania, direttore dell’ufficio di rappresentanza per l’Italia della Fondazione degli Amici di Ron, “è certamente la prima via d’arrampicata al mondo che porta il nome di L. Ron Hubbard. Contiamo di farla conoscere così da valorizzare ulteriormente l’arrampicata sportiva e la Val Resia”.

So bene che l’avventura è nel cuore, non negli occhi.” – L. Ron Hubbard

 

Il dinamico mondo dei monitor digital signage

Scritto da LauraMusig il . Pubblicato in Informatica, Tecnologia

Tra le varie forme di comunicazione in uso negli ultimi anni, i monitor digital signage sono tra i più richiesti in quanto permettono la visualizzazione di contenuti multimediali, informazioni e messaggi promozionali all’interno di qualsiasi luogo privato o pubblico.

La tecnologia dei monitor digital signage oltre ad essere originale è anche più economica, difatti potendo svolgere tutte le attività di comunicazione con il monitor non c’è bisogno di altro supplemento.  Un unico schermo sarà la soluzione completa per ogni tipo di scopo, dalle attività promozionali alla diffusione di diversi contenuti multimediali.

La vera innovazione dei monitor digital signage non è solo l’ estetica ma soprattutto la semplicità di utilizzo e l’ organizzazione dei contenuti. Ogni minimo dettaglio può essere modificato secondo le esigenze del momento e del luogo.

Gli schermi della tecnologia monitor digital signage possono essere semplici oppure touchscreen.

Il primo sistema, quello di sola visualizzazione, consente di trasmettere dei contenuti multimediali sui monitor digital signage senza interattività da parte di chi lo guarda. Gli schermi possono essere di qualsiasi dimensione ed anche i contenuti possono essere i più disparati, dal semplice testo o foto ai più complessi video filmati.

L’altro sistema è quello touchscreen, un vero gioiellino che stuzzica la curiosità di qualsiasi cliente o visitatore con vari approfondimenti, promozioni e disponibilità. Il contatto con l’oggetto e la possibilità di poter gestire alcune azioni rappresenta la nuova frontiera della tecnologia. Rendere partecipe il cliente e osservare la sua soddisfazione nello scoprire nuove informazioni riguardo un capo o un oggetto rende tutto questo  unico nel suo genere.

Grandi offerte sulle finestre pvc Roma

Scritto da Staff il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Se quello che cercate è un mix tra eleganza e grande rendimento di isolamento acustico e termico, le finestre pvc Roma marchiate Finstral sono la scelta ideale.

Con l’accurata combinazione tra funzionale tecnologia e ampia raffinatezza ad un prezzo veramente vantaggioso, le finestre in pvc Finstral non temono rivali sul mercato; la vasta gamma prodotti offre un efficace protezione dal sole e un ottimo isolamento termico, garantendo, inoltre, un alto livello di sicurezza antieffrazione.
La varietà di sistemi di finestre in pvc Finstral consente di soddisfare ogni esigenza di forma e stile, offrendo molteplici soluzioni di applicazione in base alle caratteristiche locali.
Lady Porta Punto Arancio Finstral a Roma, vi aspetta nei suoi show-room per farvi visionare tutti i modelli disponibili, guidandovi accuratamente nella scelta dell’acquisto grazie al suo personale altamente qualificato, completamente a vostra disposizione per consigliarvi solo il meglio.

DAL FRIULI VENEZIA GIULIA UN FORMAT DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA PER RIPORTARE LE CITTÀ NEGLI EX OSPEDALI PSICHIATRICI

Scritto da Associazione culturale ETRARTE il . Pubblicato in Arte, Cultura, Italia

Giovani e creatività al servizio dell’integrazione sociale e della riqualificazione urbana: dopo l’esperienza di Palazzo ConTemporaneo, l’Associazione culturale ETRARTE lancia il progetto “Osvaldo Parco Progetti Creativi”, in corsa per la finale del bando “Che Fare”.

Galeotta fu la mostra “Fermità mentale” in un palazzo inutilizzato nel centro di Udine: così Etrarte conobbe CipArt e iniziò l’amore reciproco. Ora, dalla regione dove venne concepita la legge Basaglia, arriva un progetto che usa l’arte come traino per rigenerare gli spazi degli ex ospedali psichiatrici. Candidato al Bando Che Fare, Osvaldo Parco Progetti Creativi vuole abbattere con l’invenzione artistica il muro invisibile che ancora separa il Dipartimento di Salute Mentale dalla città di Udine. Come raccontato oggi in conferenza stampa, è il solo progetto del Friuli Venezia Giulia fra i semifinalisti del concorso nazionale e l’unico fra i 40 che tratta il tema della salute mentale.

L’associazione Etrarte, che ha il pregio di saper coinvolgere in maniera diretta un pubblico molto eterogeneo (10mila presenze nella sede ex-Upim), sogna di fare da cassa di risonanza alle molte esperienze di riabilitazione ed integrazione sociale – fra cui il Gruppo di arte informale CipArt – che da 20 anni crescono nel Parco di Sant’Osvaldo. E lo vuole fare con una progettazione partecipativa guidata dal partner Kallipolis, associazione non profit per uno sviluppo urbano sostenibile con sede a Trieste e Torino, realtà che dal 2006 progetta interventi per rendere più vivibili, sicure e inclusive le città.

Osvaldo”- già divenuto un argomento caldo nella città friulana – prevede una serie di azioni per portare la città “dentro” il Parco. Coinvolgendo associazioni culturali, istituti di formazione, giovani artisti e artigiani verrà creato un laboratorio di ricerca per residenze ed esperienze di scambio internazionale.

Udine - che in questi anni si è distinta positivamente, fra le altre cose, per la partecipazione al progetto europeo WHO di Healthy Ageing e Healthy Cities, per essere la città in Italia che utilizza di più la piattaforma E-Part per l’e-goverment 2.0 e per il “Premio Oscar Green” – ambisce ora, grazie al consenso dell’Azienda Socio Sanitari n.4 Medio Friuli e del Comune, a fare dell’ex o.p.p una zona vitale, seguendo alcuni esempi virtuosi italiani, Trieste prima di tutti.

#VOTAOSVALDO www.che-fare.com/progetti-approvati/osvaldo-parco-progetti-creativi/

OSVALDO PARCO PROGETTI CREATIVI ha l’obiettivo di creare un legame significativo tra la cittadinanza udinese ed il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Sant’Osvaldo a Udine, sede del locale Dipartimento di Salute Mentale e già da 20 anni teatro di importanti esperienze di riabilitazione ed integrazione sociale. Osvaldo è un progetto di riqualificazione inclusiva e creativa del parco, con cui si intende continuare il percorso di inclusione di quest’area all’interno del tessuto urbano e sociale della città friulana e valorizzare le esperienze ivi residenti condividendole con la comunità. Nella precedente esperienza di Palazzo conTemporaneo, Etrarte ha collaborato con Cipart, gruppo artistico operante presso la Comunità Nove, centro diurno del D.S.M. Ora, anche assieme a Kallipolis, l’associazione intende attrarre gli abitanti della città e gli attori culturali del territorio in un processo partecipato che utilizza l’arte come mezzo per il coinvolgimento delle persone a rischio di emarginazione sociale. Vivere il parco e farlo vivere con una progettualità partecipata, condivisa e continuativa, usando arte e cultura come strumento di costruzione di ponti invisibili fra un passato importante che va ricordato e un futuro che lo integra in un processo di rigenerazione creativa. Gli obiettivi prevedono progetti indirizzati alle associazioni culturali del territorio, agli istituti di formazione, ai giovani artisti e makers, al fine di creare un laboratorio di ricerca per residenze ed esperienze di scambio internazionale. I workshop e gli eventi organizzati andranno a rispondere alle esigenze emerse dal processo decisionale e progettuale che si vuole innescare coinvolgendo le varie componenti della società civile. Il sogno è rendere Sant’Osvaldo il nuovo parco creativo della città di Udine.

L’Associazione Culturale ETRAR.T.E. (Rinascita Territoriale Espressiva), fondata nel 2006, si occupa della promozione e del sostegno alla ricerca artistica in ambito Contemporaneo. Nel 2013 il gruppo si è arricchito unendosi al Comitato U.P.I.M. dopo l’esperienza comune di Palazzo conTemporaneo. Sviluppando collaborazioni e sinergie con enti pubblici e privati, come Kallipolis (associazione non profit di sviluppo urbano sostenibile) e CIPART (gruppo di creativi della Comunità Nove), entrambi partner di questo progetto, l’associazione ha coinvolto, nell’arco di sette anni, più di centocinquanta artisti e oltre trenta associazioni in Friuli Venezia Giulia.