Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

“Paura della pittura”, personale di Giovanni Blanco da Lo Magno Arte Contemporanea

Scritto da inpress il . Pubblicato in Arte, Cultura

Modica (RG) – Dal 14 dicembre all’11 gennaio Lo Magno Arte Contemporanea di via Risorgimento 91-93 ospiterà la personale di Giovanni Blanco “Paura della pittura” a cura di Gabriele Salvaterra (inaugurazione: sabato ore 19; visite: tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00).
Giovanni Blanco (Ragusa, 1980) vive e lavora a Modica e Bologna, dove è stato allievo di Massimo Pulini all’Accademia di Belle Arti.
“Paura della pittura” è il titolo di un testo dello scrittore e pittore Carlo Levi che, già nel 1942, metteva in discussione pratiche e stili pittorici, notando un allontanamento dalle ragioni e dalle problematiche dell’essere umano (“Il domani non si prepara con i pennelli, ma nel cuore degli uomini”). Dalle suggestioni e dagli stimoli offerti da quelle pagine ancora attuali prende le mosse l’idea della presente mostra.

In un’epoca in cui la pittura sconfina dagli spazi espositivi in modo quasi pervasivo e riafferma il proprio diritto di comunicare, l’artista contemporaneo avverte la necessità di riflettere sulla natura del fare pittorico che continua a essere fonte di inquietudine, qualcosa di molto semplice e molto complesso, naturale e assurdo allo stesso tempo.

Il percorso ideato da Giovanni Blanco – comprendente una serie di opere a olio, di piccole e medie dimensioni – si presenta come un’operazione analitica che, imitando le forme del display espositivo e dei generi tradizionali, interroga se stessa e l’osservatore sulla validità dell’esperienza estetica veicolata dalla pittura, in un’affascinante ricerca di nuovi significati e valori.

La mostra è accompagnata da una pubblicazione in cui le immagini dell’autore, i testi critici del curatore e altre referenze d’archivio si rincorrono tra loro per restituire il clima, le riflessioni e la genesi che hanno portato alla realizzazione delle opere esposte. L’evento è realizzato con il contributo dell’Antica Dolceria Bonajuto di Modica e Ghibli general contractor di Ragusa.

Info e contatti
LO MAGNO ARTE CONTEMPORANEA
via Risorgimento 91/93 – Modica (RG)
Tel. 0932 763165
info@gallerialomagno.it

4 modi per trovare perdite nell’impianto idraulico

Scritto da Okseo il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Una perdita di un tubo , se non riparata in tempo , può aumentare la bolletta dell’acqua e causare gravi danni materiali. Mentre alcune perdite possono essere facili da trovare, un buon idraulico urgente ,utilizza alcuni trucchi del settore per individuare le perdite dell’impianto idraulico in modo che possano effettuare le riparazioni necessarie in modo rapido ed efficace.

Se hai notato un aumento del consumo dell’acqua e non riesci a capire perché stai pagando di più per le tue utenze, questi idraulici professionisti possono ispezionare attentamente i tubi per rilevare eventuali perdite e ripararli.

Se sospetti di avere una perdita da un tubo del bagno o cucina , usa alcuni di questi suggerimenti degli idraulici esperti per individuare la fonte:

  • Verifica dei danni causati dall’acqua:  anche le perdite lente possono causare seri danni a pareti, soffitti e pavimenti. Apri gli armadietti sotto il lavandino e verifica la presenza di vernice scrostata, legno marcio o altri segni di umidità.
  • Ascolta i rumori:  quando il tuo bagno perde, di solito puoi rilevare la perdita rimuovendo la parte superiore del serbatoio. Se senti dei sibili, è probabile che coli.
  • Ispeziona la crescita della muffa:  se c’è una perdita dal tubo dietro un muro o nel soffitto, noterai la muffa. L’umidità che perde crea le condizioni ideali per la crescita dei funghi. Identificare la muffa è il primo passo per trovare l’origine della perdita.
  • monitora il contatore dell’acqua : una perdita del tubo che non si trova all’interno della tua casa. Dopo aver controllato gli impianti idrici e le tubazioni esposte all’interno, fai una passeggiata verso il tuo contatore dell’acqua e cerca lo sporco bagnato , potrebbe essere segno di una perdita nella linea principale.

Anche se possono essere difficili da individuare, un idraulico professionista può facilmente trovare e riparare eventuali perdite di tubi dentro o fuori casa.

“DICO LA MIA” format/web ideato dal Management Vip/tv Salvo de Vita nuova edizione.

Scritto da Elisa.M il . Pubblicato in Internet, Spettacolo

DICO LA MIA” format/web ideato dal Management Vip/tv Salvo de Vita trasmesso in diretta streaming su Facebook, a breve scenderà nelle piazze e, se vorrai, il protagonista potresti essere proprio tu.

Dopo il successo riscontrato “DICO LA MIA” format/web ideato dal Management Vip/tv Salvo de Vita trasmesso in diretta streaming su Facebook, con l’intento di offrire un’ulteriore fonte d’informazione facilmente fruibile, con una peculiarità, la possibilità di interagire direttamente da casa su temi attuali quali il bullismo, la violenza sulle donne e la violenza sugli animali. A breve scenderà nelle piazze con una nuova edizione totalmente rivisitata, che ha un unico intento, dare, a chiunque ne senta la necessità, la possibilità di essere protagonista assoluto davanti ad una telecamera e portare alla luce realtà e problematiche che la società sembra ignorare oppure, semplicemente, raccontare la propria storia.

Il tutto verrà registrato e trasmesso su  Professional TV-Radio Social e sarà visibile su Facebook e YouTube, a patire dal mese di Febbraio 2020.

Se senti il bisogno di “dire la tua”, contatta lo staff e uno dei protagonisti, di questa nuova edizione, potresti essere proprio tu.

UFFICIO STAMPA: MP Impresa Dello Spettacolo

Continua l’impegno di Danieli S.p.A. a Udine: Gianpietro Benedetti commenta il restauro del Castello

Scritto da gpnewsoffice il . Pubblicato in Aziende

Un restauro che si inserisce in un più ampio progetto di restyling e valorizzazione di elementi simbolo della città di Udine, dall’Angelo a Piazza Libertà: questa volta Danieli S.p.A., guidata da Gianpietro Benedetti, si appresta a finanziare i rifacimenti del Castello.

Gianpietro Benedetti

Gianpietro Benedetti: i lavori di Danieli a Udine

“Con questa opera si conclude un percorso che la Danieli ha iniziato nel 2011 con il restauro del campanile e dell’Angelo che è continuato nel corso di questi anni con i vari beni artistici e architettonici in Piazza Libertà”: Gianpietro Benedetti, Presidente e Amministratore Delegato di Danieli, ha commentato così la cerimonia d’inizio dei lavori al Castello di Udine, che verrà restaurato entro la primavera 2020 grazie al contributo dell’azienda di Buttrio. Si lavorerà sugli intonaci, sulle superfici lapidee, sui serramenti di legno e sugli elementi metallici. Il costo dell’opera, 850 mila euro, è a carico di Danieli S.p.A. grazie all’Art Bonus. Questo tipo di riqualificazione si inserisce in un più ampio progetto di sistemazione che ha coinvolto la Danieli anche per il restauro dell’Angelo e di Piazza Libertà. “Egoisticamente”, ha commentato Gianpietro Benedetti, “è bello che anche chi fa transazioni con la nostra azienda possa passeggiare in una città bella, ordinata, che abbia etica e metodo”. Così viene consolidato anche il legame tra impresa e valorizzazione dei beni culturali.

Gianpietro Benedetti: la carriera in Danieli S.p.A.

Presidente e Amministratore Delegato di Danieli S.p.A., multinazionale con sede a Buttrio attiva nel settore della produzione di impianti siderurgici, Gianpietro Benedetti è inoltre Presidente della Fondazione “ITS – Istituto Superiore nuove tecnologie per il Made in Italy, indirizzo per l’Industria meccanica ed aeronautica” (Udine). Diplomatosi presso l’Istituto Tecnico “A. Malignani” di Udine, inizia la sua carriera in Danieli & C. nel 1961 con l’incarico di ingegnere progettista. Viene promosso nel 1968 alla direzione dell’Ufficio Tecnologie e Processo di Laminazione: inizia così una carriera di successo che lo porta ai vertici dell’azienda e agli incarichi attuali nel 2003. Dirige diversi Uffici, diventando Co-Amministratore Delegato nel 1986, Direttore Generale nel 1991 e AD dal 1999. Da settembre 2017 Gianpietro Benedetti svolge l’incarico di Presidente del Consiglio di Amministrazione e dell’Executive Board in Danieli.

Strutture modulari di facile montaggio

Scritto da antoniomoret il . Pubblicato in Aziende

Easystand è un’azienda popolare con più di 20 anni di esperienza. L’azienda fornisce un gran numero di prodotti che comprende stand, diverse tipologie di soluzioni espositive per eventi, fiere e punti vendita. In questo marchio è presente una grande famiglia di strutture modulari, che hanno dato vita ad una nuova rivoluzione nel mondo degli stand, adatti ad essere utilizzati in eventi promozionali e fieristici.

Easystand o stand modulari per eventi promozionali e fiere offre tre diversi tipi di strutture modulari. Queste strutture possono essere assemblate facilmente e aiutano a realizzare allestimenti adatti a gazebo, stand, vetrine, vetrine, scenografie, eventi e fiere, ma anche oggetti e strutture di design. Le strutture modulari che fanno parte integrante della famiglia Easystand sono molto versatili. Questi possono essere montati in molti modi diversi. Questo dipende dallo spazio in cui verrà assemblato.

Le strutture modulari offerte da Easystand sono perfette per chi ha la necessità di adattare di volta in volta il proprio stand ad un nuovo spazio. E’ perfetto anche per coloro che desiderano allestire gli stand in modo indipendente e hanno bisogno di avere una cabina modulare, che si presenta sempre nuova. E’ un buon modo per dimostrare che ogni volta c’è uno stand diverso.

Ecco alcuni degli usi più diffusi delle strutture modulari Easystand.

  • Stand espositivi – Questi sono utilizzati in diverse esposizioni per esporre informazioni sull’evento.
  • Stand per riunioni e congressi – Questi stand sono utilizzati nelle riunioni. Informazioni e avvisi importanti sono affissi su questi stand.
  • Preparativi per musei e mostre – Questi stand sono ampiamente utilizzati nei musei dove mostrano fatti e informazioni vitali.
  • Eventi sportivi – Sono utilizzati in diversi eventi sportivi come allestimento e spesso come elemento decorativo.
  • Attrezzature e vetrine – Questi si trovano spesso a esporre vestiti o altri prodotti nei negozi.
  • Stand portatili DIY – Poiché gli stand sono portatili, possono essere facilmente spostati da un luogo all’altro. Sono leggeri in natura e facili da usare per qualsiasi scopo.

Per saperne di più sui prodotti offerti da Easystand, visitate il sito https://easystand.it/

Dell’azienda:
Easystand è un nome popolare che offre un’ampia gamma di prodotti che comprende strutture e stand modulari. L’azienda offre una serie di prodotti che includono stand fieristici, stand fieristici e anche stand portatili. Il vantaggio principale di questi stand è che sono economici e duraturi nel tempo.

Contatto:
LL. Little and Large Solutions
via Sandigliano, 46/A – 13878 Candelo (BI)
Italia

Tel: 015.2499012
Fax: 015.2530682
E-mail: info@llsolutions.it

Riabilita Sport di Bra è una realtà in continua crescita, offre un servizio completo e di qualità

Scritto da areastampa360 il . Pubblicato in Aziende, Salute, Sport

Riabilita Sport è uno studio di eccellenza nel braidese, per recupero post-infortunio, rieducazione posturale, riatletizzazione, lavori coordinativi, personal training e allenamento funzionale.

L’opportunità di aprire Riabilita Sport e per Federico Decostanzi e Mauro Stassio si è presentata in maniera quasi inaspettata, e si è concretizzata nel gennaio del 2018; tutto è nato da un progetto precedentemente creato nelle sue basi da Lino De Risi e successivamente proposto da Marco Bergese e Pier Paolo Longo, fisioterapisti dello Studio Riabilita ***, con il quale ha il piacere di collaborare dal settembre del 2017.

Staff

Decostanzi federico, ha 27 anni ed è cresciuto a Racconigi frequentando prima il Liceo Scientifico Arimondi- Eula e poi intraprendendo, l’Università Scienze motorie a Torino. Percorso universitario, triennale e magistrale in scienze e tecniche avanzate dello sport. Da gennaio inizierà un master della durata di 3 anni in Postuologia.

Mauro Stassio, ha 28 anni, è cresciuto a Carmagnola; ha frequentato il Liceo Scientifico per poi scegliere l’Università Scienze motorie a Torino, concludendo prima il percorso triennale e poi quello magistrale in scienze e tecniche avanzate dello sport. Da gennaio inizierà un master della durata di 3 anni in Postuologia.

Lino De Risi, ha 42 anni, è diplomato all’Istituto Magistrale come istituto superiore, mentre per quanto riguarda l’università si è diplomato in un primo momento all’Isef di Torino, e poi successivamente, nel momento del passaggio da laurea breve a laurea magistrale si è laureato all’Univeristà Scienze motorie di Torino. Inoltre ha frequentato e ottenuto il master per preparatore atletico professionista tenutosi a Coverciano (FI).

RIABILITA SPORT
P.zza G. Arpino, 7
12042 Bra (Cuneo)
Tel. 333 4170139
E-Mail: info.riabilitasport@gmail.com

*** Poliambulatori RIABILITA – Bra
Il Poliambulatorio fornisce visite fisioterapiche e consulenze mediche specialistiche. Tel. 0172 439067

Mauro Maisel: arte subliminale e vigore espressivo

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte

Goethe nel Faust dice: “Come tutto s’intesse nel gran tutto ed ogni cosa nell’altra opera e vive”. Questa frase sintetizza il messaggio subliminale che Mauro Maisel ci consegna attraverso le forme e i colori della sua produzione. Artista di moderne vedute, dallo spirito innovativo, dal talento versatile e dalla personalità solare, energica e spirituale che esprime e manifesta nel tripudio brillante e acceso delle colorazioni. L’ordinanza delle sfumature tonali calde, vivaci e permeanti conferisce alle rappresentazioni un potente vigore espressivo dando corpo a anima ai significati sottesi inseriti dentro lo scenario.

Come ha sottolineato la dottoressa Elena Gollini: “La luce e gli effetti luminosi affiorano e si diffondono con movimento plastico e fluire dinamico, si espandono e si dilatano in una fluida mescolanza fino ad amalgamarsi in perfetta fusione. L’immagine appare eterea, fuoriesce dallo spazio delimitante e rivela quel senso pieno di libertà e quel limite sconfinato e atemporale che supera le superfici imposte. È un’arte che custodisce importanti elementi e componenti simbolisti e diffonde un linguaggio comunicativo di felice connubio tra arti visive e percezioni psichiche con un accento delicato di poesia e fantasia. Le opere sono scrigni di emozioni e di segreti intimi che si aprono nella consapevolezza di volerli condividere con il fruitore. Come davanti ad uno specchio riflesso Mauro guarda e osserva il mondo interiore ed esteriore e lo trasferisce dentro le composizioni con accorata e attenta sensibilità. Attraverso il segno, la forma e il colore esalta la gioia di vivere e la cerca nella dimensione immaginifica e fantastica, nei ricordi del vissuto, nella speranza per l’avvenire, nel donare tutto se stesso con il fare artistico. Lo stile comunicativo ritrae e rivela la sua anima limpida, capace di gestire molto bene gli stati e i moti dell’anima senza nascondersi mai. Le opere descrivono il progetto artistico che è anche esistenziale, fatto di amore e passione e formano un cammino concepito come opportunità di rinnovamento e di rigenerazione. Le proiezioni rievocate vengono improntate non come realtà oggettiva, ma come realtà emotiva. Per Mauro l’arte è un viaggio in cui l’immaginario e la realtà condividono lo stesso spazio, valorizzandosi a vicenda tra spensieratezza e riflessione”.

Evelina Manna: la carriera della modella, attrice e produttrice

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Lifestyle

Affascinata fin da bambina dal mondo del balletto, Evelina Manna studia prima danza, poi recitazione. Viene notata per la sua bellezza ed entra nel mondo della moda, che la accompagnerà durante tutta la sua carriera. Successivamente, diventerà anche attrice e produttrice.

Evelina Manna

Evelina Manna: l’infanzia, l’esordio come modella e come attrice di teatro

Nata a Roma da genitori pugliesi, Evelina Manna già in tenera età aspira a entrare nel mondo dello spettacolo: affascinata in particolare dalla figura di Carla Fracci, inizia a studiare danza classica a sei anni, per poi aggiungere a questa passione anche quella per la recitazione. Frequenta il piccolo teatro delle scuole dell’Ordine Francescano e inizia la sua carriera da modella durante l’ultimo anno delle scuole magistrali. Posa per la pubblicità di L’Orèal, per poi venire introdotta alla rivista Harper’s Bazaar da Gianmarco Chierigato: realizza così il servizio Alta Moda Valentino. La carriera nel mondo della moda prosegue a Parigi, dove Evelina Manna posa per alcuni tra i più importanti fotografi come Francesco Scavullo, Andre Rau, Patrick Demarchelier, Ellen Von Unwerth e altri. Lavora per importanti testate come L’Officiel e Vogue France. Trasferitasi a Londra, conosce Susan Strasberg che la invita a frequentare il suo stage all’Actor’s Studio. Avviene così il debutto a teatro con “Io e Annie”, tratto dal film di Woody Allen. in Italia recita per il teatro Off, ma l’esordio televisivo è alle porte.

Evelina Manna attrice e l’impegno per il sociale

Evelina Manna debutta sul piccolo schermo con il film “Padre Pio”, per Rai Uno. Segue “La Guerra è finita”. Arriva al cinema con il film “Casomai”, di Alessandro d’Alatri, e “Una Bellissima Bambina” di Mimmo Calopresti, presentato alla 61esima Mostra del Cinema di Venezia. Ottiene il ruolo della principessa Simin per “Alexander”, di Oliver Stone. Tra il 2007 e il 2008 Evelina Manna fonda, con un gruppo di giovani professionisti, la “Moodyproduction”, società di produzione per opere legate al mondo della cultura, della musica e dell’arte. Nel 2014 presenta nei cinema il primo film “Vinodentro”, commedia noir tratta dall’omonimo romanzo di Fabio Marcotto. Si interessa in particolare al sociale, come testimoniato dallo spot “Breaking the Silence” per la Comunità Europa, del quale è stata protagonista. Nel 2010 è figura centrale nel remake televisivo Mediaset “La Donna Velata”. Nel 2011 ha presentato il corto “A Day & a Minute” al Taormina Film Fest, sul tema dell’Immigrazione. “Let’s Fall in Love” invece, è lo spot contro l’Omofobia presentato a Venezia.

Frabemar Srl tra globalizzazione e innovazione tecnologica

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

L’esperienza di Frabemar Srl si basa in particolare sulle zone dell’Africa Occidentale, sull’ottimizzazione degli approvvigionamenti e sul costante aggiornamento degli strumenti tecnologici. I trasporti navali e il continuo ammodernamento dei processi sono al centro del fenomeno della globalizzazione.

Frabemar

Frabemar Srl: globalizzazione, tecnologia e innovazione nel settore dei trasporti navali

Alla base dell’interazione tra popoli c’è da sempre la necessità di trasferire agilmente beni e servizi da un’area geografica all’altra. È su questo principio che si basa la mission aziendale di Frabemar Srl, attiva nel settore del trasporto marittimo con particolare focus sulle zone dell’Africa Occidentale. Le sue attività si concentrano infatti sul fornire servizi per l’ottimizzazione degli approvvigionamenti, grazie all’opera dei vari Dipartimenti di cui è dotata. I trasporti marittimi sono il fulcro, il cuore pulsante del processo di globalizzazione avvenuto negli ultimi anni. Attualmente il 90% dei beni consumati nei Paesi occidentali viene trasportato su navi: il commercio via mare è aumentato esponenzialmente grazie all’abbattimento dei costi di trasporto, alla riduzione dei tempi su scala globale e grazie all’evoluzione tecnica che garantisce navi sempre più sicure. Quest’ultimo aspetto è confermato anche dall’attenzione di Frabemar Srl, che ha avviato il Dipartimento di nuove tecnologie per mantenere le strumentazioni sempre aggiornate ed efficienti. Il numero delle navi è aumentato, insieme alla loro taglia. Nel 1956 la vera rivoluzione è stata attuata grazie all’invenzione del container, brevetto che tutt’oggi consente di caricare e scaricare decine di migliaia di tonnellate di prodotti in un solo giorno.

La storia e i servizi offerti da Frabemar Srl

Costituita dall’esperienza e dall’iniziativa di Franco Bernardini nel 1995, Frabemar Srl nasce come Agenzia Marittima di diversi Armamenti di Stato nel West Africa. In seguito alla liberalizzazione dei diritti marittimi in quelle aree, ha spostato il suo raggio d’azione sulle spedizioni internazionali e sulla rappresentanza di diversi enti nazionali dei Consigli dei caricatori. Su richiesta di molteplici clienti, Frabemar Srl ha dato vita ai dipartimenti di Trading internazionale e Chartering di M/N. Per rispondere invece alle necessità di settore legate allo sviluppo e all’innovazione tecnologica, l’azienda ha avviato il Dipartimento di nuove tecnologie, particolarmente attivo nel campo della connessione satellitare in Africa. Il Dipartimento di formazione invece si occupa degli aspetti tecnologici e tecnici legati alle diverse fasi della catena logistica africana, con moduli di formazione professionali studiati ad hoc per gli operatori. Le attività di Frabemar Srl sono certificate da organismi accreditati, in modo da rispecchiare le norme internazionali di qualità.

Matteo Fieno inaugura la sua personale a Milano con ospiti di spicco

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte

Matteo Fieno protagonista in mostra personale alla storica Milano Art Gallery in via Alessi 11 a Milano, ha inaugurato l’esposizione prestigiosa lo scorso 22 Novembre con un parterre di ospiti davvero importanti, figure di spicco che hanno espresso grande consenso per le opere pittoriche. Tra i presenti anche Paolo Boeri Roi e Sergio Capaldo, due industriali che portano avanti l’eccellenza del Made in Italy con successo e il grande cantante autore internazionale Mauro Pagani. Fieno è stato affiancato da Salvo Nugnes manager della cultura e presidente di Spoleto Arte e dal noto fotografo di fama Roberto Villa. Entrambi hanno manifestato sincero apprezzamento per l’arte di Fieno accostandolo anche al pittore Fausto Pirandello, figlio di Luigi. Inoltre, hanno tenuto a elogiare Fieno per il suo messaggio sociale significativo che mette la donna al centro e la custodisce con grande rispetto e ammirazione.

Fieno con la sua pittura muove verso la celebrazione solenne del mondo femminile e di rimando lancia un vessillo a difesa contro la violenza e i femminicidi. Questo certamente è un grande plus valore alla sua pregevole pittura. La dottoressa Elena Gollini ha espresso delle intense riflessioni affermando: “L’arte pittorica di Matteo è di tendenza verista figurativa con impostazione tradizionale, ma al contempo rivisitata in chiave moderna e aggiornata in forma personalizzata. Il tema prediletto nelle immagini è la donna nelle sue misure e proiezioni esistenziali reali o immaginarie. I quadri hanno forte carica vitale raggiunta tramite una decisa finitezza del segno e una stesura cromatica fatta con campiture tonali raffinate ed eleganti che risulta ben definita ed efficace nella resa d’impatto scenico. Per Matteo la realtà circostante è un brulichio e un pullulare continuo di stimoli e sollecitazioni, sensazioni introspettive che trasferisce dentro le composizioni con ritmi cromatici sempre cadenzati e bilanciati. Ogni opera ha una propria sequenza narrativa ben compiuta e autonoma. La sua pittura scorre sulle tele con purezza e passione, senso di linearità essenziale e garbata e ricercata compostezza, con un ordine strutturato di scorrevole e fluida articolazione che facilita l’approccio visivo. Matteo osserva la realtà, ne fruga i meandri più celati, ne mette a nudo i tratti e gli aspetti ancora inespressi e inesplorati esaltando i sentimenti dell’anima nel luminoso flusso cromatico. Dipinge all’insegna della piena esternazione del proprio essere, del proprio modo di concepire il mondo circostante calandosi dentro una dimensione quotidiana in continuo movimento ed evoluzione“.

VISUALIZZA IL VIDEO DEL VERNISSAGE DELLA MOSTRA