Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

Infracom Italia orgogliosa di Panthera ERP certificato IBM Ready for PureSystems

Scritto da IQandPartners il . Pubblicato in Tecnologia

Infracom orgogliosa di Panthera, eccellenza italiana in ambito gestionale, primo ERP in Italia ad ottenere la prestigiosa certificazione IBM “Ready for PureSystems”. “In qualità di partner IBM certificati PureSystems non solo siamo in grado di offrire una soluzione integrata progettata per affrontare le sfide più complesse dei nostri clienti – afferma Massimo Lippi, Direttore Generale di Infracom Italia – ma offriremo loro anche l’opportunità di aumentare il ROI, riducendo i tempi e i costi di sviluppo e di crescita del business e sfruttando il 70% del budget IT attualmente dedicato alla manutenzione degli attuali sistemi per l’innovazione.”

Panthera ERP, simbolo dell’eccellenza italiana in ambito gestionale, è il primo ERP in Italia a poter esibire la prestigiosa certificazione IBM “Ready for PureSystems”.

Pure Systems è la nuova piattaforma IBM di sistemi integrati che concretizza e mette in pratica le logiche cloud computing, già strategiche per Infracom Italia S.p.A proprietaria di Panthera ERP.

Questo risultato è il naturale riconoscimento delle capacità di innovare e anticipare le tendenze di mercato di Panthera, a cui si aggiunge la sua dimensione transnazionale che gli consente di servire i propri clienti in tutto il mondo, qualità queste che hanno soddisfatto i criteri valutativi di IBM nell’assegnazione del certificato.

“In qualità di partner IBM certificati PureSystems non solo siamo in grado di offrire una soluzione integrata progettata per affrontare le sfide più complesse dei nostri clienti – afferma Massimo Lippi, direttore generale di Infracom Italia – ma offriremo loro anche l’opportunità di aumentare il ROI, riducendo i tempi e i costi di sviluppo e di crescita del business e sfruttando il 70% del budget IT attualmente dedicato alla manutenzione degli attuali sistemi per l’innovazione.”

Dopo aver completato un’impegnativa fase di test delle performance, Panthera può ora esibire la certificazione “Ready for PureSystems”. I sistemi Pure Systems integrano nodi di elaborazione, storage, networking e funzioni di virtualizzazione e gestione in un unico sistema infrastrutturale, capace di identificare tempestivamente le risorse necessarie all’ottimizzazione del data center: ben si adattano così alla strategia Cloud di Infracom.

***

Infracom Italia Operatore italiano di telecomunicazioni, data center e ICT outsourcing, ha la propria sede principale a Verona ed è presente, con 500 professionisti, in 14 città italiane, con centri di competenza a Milano, Firenze, Roma ed Imola. Infracom Italia offre un’ampia gamma di servizi, coniugando competenze, asset e capacità di innovare con soluzioni che vanno dagli aspetti infrastrutturali ai servizi gestiti di rete e di data center, dalle soluzioni di comunicazione integrata voce e dati alle soluzioni di cloud computing, dalle soluzioni di outsourcing per i sistemi e le architetture informatiche delle aziende fino al full ICT outsourcing. Infracom Italia possiede e gestisce autonomamente 9.000 Km di rete in fibra ottica con copertura nazionale e 4 data center a Milano, Verona, Imola e Brindisi, per oltre 5.000 m2 di superficie totale disponibile.

FONTE: Infracom

La Federazione Italiana Gioco Bridge organizza nella sua sede di Milano un corso gratuito per giovani under 30

Scritto da Redazione il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Sport

Logo federazione italiana gioco bridgeIl Bridge è nato come gioco di carte, ma nel 1993 il CONI lo ha riconosciuto come disciplina associata, annoverandolo fra gli sport della mente.
Infatti, il bridge, proprio come gli sport, oltre a divertire chi lo pratica, produce grandi vantaggi.
Studi scientifici hanno dimostrato che giocare a Bridge:
– aiuta a sviluppare il pensiero critico e il pensiero creativo
– aumenta la memoria
– aumenta la capacità di concentrazione
– aumenta la capacità di problem solving
– sviluppa le abilità logiche
– sviluppa l’attitudine al lavoro di squadra

Corso Bridge Ragazzi

In Italia il Bridge è attualmente praticato da circa 30.000 tesserati.
Per quanto riguarda il settore agonistico, la storia dimostra che la Scuola Italiana di Bridge è fra le migliori del mondo. La nazionale italiana, infatti, ha vinto 14 titoli mondiali, 25 titoli europei e 7 medaglie d’oro ai World Mind Sport Games. Inoltre, i giocatori attualmente al primo e secondo posto della classifica mondiale, Fulvio Fantoni e Claudio Nunes, sono entrambi italiani.
Oltre ai Campioni nominati, fra i bridgisti ci sono altri personaggi illustri. Fra questi, i giocatori di Bridge hanno spesso modo di incontrare ai tornei Maria Teresa Lavazza e Francesco Angelini, Bill Gates e Omar Sharif.
Romain Zaleski, imprenditore e finanziere che da solo ha costruito un impero straordinario, ha ammesso che conoscere il bridge è stato fondamentale nella sua carriera, proprio perché il bridge sviluppa il pensiero strategico.
La Federazione Italiana Gioco Bridge organizza un corso gratuito riservato ai giovani under 30.
Tutti i ragazzi interessati a provare il Bridge sono invitati a partecipare senza impegno al Corso, che si terrà a partire da Lunedì 22 Ottobre 2012 presso la sede della Federazione Italiana Gioco Bridge, a Milano, in via Washington 33 alle ore 21:15.
Locandina del Corso: http://www.federbridge.it/home.asp?actype=corso
Per informazioni e iscrizioni:

 02 70000333
 329 5609993
www.federbridge.it

On.Daniele Galli: esortazione Ministro Grilli è un’iniziativa meritoria

Scritto da IQandPartners il . Pubblicato in Politica

On. Daniele Galli (FLI): dal Ministro Grilli parole chiare e perentorie, esempio da seguire, via subito manager e amministratori indagati o condannati, attendiamo immediate ricadute su SITAF.

L’esortazione inviata dal Ministro dell’Economia ai propri dirigenti del Tesoro e della Ragioneria dello Stato, in cui auspica le dimissioni di quei manager coinvolti in “fatti penalmente rilevanti”, e consiglia di far valere i poteri dei soci delle aziende più o meno pubbliche nell’indagare e provvedere opportunamente per garantire efficienza e immagine delle aziende, è un’iniziativa meritoria che, per il deputato Daniele Galli, merita di essere estesa in ogni ambito in cui vi sia capitale pubblico. Il deputato finiano ha infatti depositato un’interrogazione al riguardo, ha inviato una lettera a Sindaci, Presidenti di Provincia e Presidente della Regione Piemonte, e annuncia un Ordine del giorno nella prossima discussione del decreto anti corruzione. “Esprimo il plauso di Fli all’azione del Ministro Grilli, e ricordo che siamo stati il primo e unico partito ad aver dato inizio alla campagna “fuori i corrotti dalla pubblica amministrazione”.

Mi auguro che tale linea di azione venga rapidamente applicata per ricaduta diretta dal Commissario pro tempore di ANAS come azionista di SITAF Spa insieme alla Provincia di Torino, che in quanto soci possono chiedere le dimissioni e ogni altro atto di tutela nei confronti dell’ AD e del Presidente On. Giuseppe Cerutti, condannati in primo grado per abuso di ufficio in concorso con terzi nel processo per turbativa di pubblico incanto.

C’è un grande numero di manager di società pubbliche in odore di illecito. Ci sono condannati per abusi d’ufficio, corruzione e simili che continuano a rimanere al loro posto e percepire stipendi talvolta neppure immaginati dai comuni cittadini. Tutte situazioni che danneggiano il pubblico, danneggiano i cittadini – veri azionisti di queste società – e danneggiano l’immagine di tutto l’apparato statale. Bene quindi che i consigli del Ministro Grilli vengano seguiti da tutti: chi è indagato o peggio già condannato anche solo in primo grado dovrebbe dimettersi, e gli azionisti e gli organi societari devono usare ogni mezzo per tutelare le aziende e i soci, fino alla revoca cautelativa degli amministratori coinvolti. Nell’interrogazione chiedo che tali indicazioni vengano recepite e rese attive in ogni settore pubblico, dai Ministeri ai Consorzi di grandi e piccoli Comuni, anche con leggi ad hoc. Lo stesso chiederò con l’ordine del giorno che presenterò nella discussione del decreto anti corruzione. Certi abusi, certe corruttele, sono nocivi per tutto il Paese, e vanno combattuti sia nel pubblico che nel privato..”

Ufficio di Comunicazione On. Daniele Galli – Camera dei Deputati

Marco Simeon, Rai Vaticano: figura Cardinale Schuster straordinariamente attuale

Scritto da Phinet il . Pubblicato in Religione

Rai Vaticano presenta lo speciale “Ildefonso Schuster: scommettere sull’Italia”, dedicato alla vita del monaco e cardinale Ildefonso Schuster, che Papa Pio XI volle alla guida della Chiesa Ambrosiana subito dopo il Concordato del 1929. “La figura del Cardinale Schuster è simbolo di quell’Italia umile e vincente che nel secondo dopoguerra seppe difendere ciò che rimase per far ripartire il Paese”, ha dichiarato Marco Simeon, responsabile di Rai Vaticano. Lo speciale andrà in onda domenica 14 ottobre su Rai1 nello spazio di ‘Speciale Tg1’ delle 23.30.

“La figura del Cardinale Schuster è straordinariamente attuale perchè, come De Gasperi, è simbolo di quell’Italia umile e vincente che nel secondo dopoguerra seppe difendere ciò che rimase per far ripartire il Paese. Ringrazio tutte le strutture RAI che hanno collaborato alla riuscita di questo progetto e, in particolare, il Cardinale Angelo Scola per il suo intervento all’interno dello speciale, un messaggio che fa bene al Paese e rinnova lo spirito costruttore del Cardinale Schuster”.

Lo ha dichiarato Marco Simeon, responsabile di Rai Vaticano, in occasione della presentazione che si è tenuta a Milano dello speciale ‘Ildefonso Schuster: scommettere sull’Italia‘, ideato da Rai Vaticano con la collaborazione di ‘La grande storia’ di Rai3, Tgr e Tg1.

Lo speciale, che andrà in onda domenica 14 ottobre nello spazio di ‘Speciale Tg1’ delle 23.30 su Rai1, è dedicato alla vita del monaco e cardinale Ildefonso Schuster, l’uomo che Pio XI volle alla guida della Chiesa Ambrosiana subito dopo il Concordato del 1929.

FONTE: Libero Quotidiano

Facciamo chiarezza sul mercato dei diritti d’autore

Scritto da comunicatiseo il . Pubblicato in Comunicati Stampa

Facciamo chiarezza sul mercato dei diritti d’autore, dei diritti connessi, sulle liberalizzazioni e sulle licenze Creative Commons. L’avv. Angelo Greco, esperto in diritto d’autore e amministratore del portale di informazione giuridica per il cittadino www.laleggepertutti.it risponde alle domande della radio lussemburghese ARA, nel corso della trasmissione “Passaparola”.

Troverete il podcast a questo indirizzo http://www.passaparola.info/2012/09/30/voicesbypassaparola-diritti-autore-avvocato-greco/

Lega: Dagli Stati Generali 12 progetti concreti per far ripartire il Nord

Scritto da PrimailNord il . Pubblicato in Politica

Lega, la rivoluzione parte dal Nord. Dopo la due giorni di confronto del 28 e 29 settembre al Lingotto di Torino, gli Stati Generali del Nord individuano 12 progetti concreti per far ripartire il Nord. 1. L’euroregione Nord: locomotiva per l’Europa delle regioni. 2. La ricchezza del Nord deve far crescere il Nord. 3. No all’accanimento terapeutico sulle imprese decotte. 4. Imprese più forti nel Nord. 5. Per il Nord solo banche vere. 6. Meno stato, meno sprechi, più federalismo. 7. Burocrazia zero. 8. Nuove infrastrutture globali. 9. Più futuro per i giovani. 10. Lavoro e previdenza: modello Nord. 11. Alta velocità dalla scuola al lavoro. 12. Politica a costo zero. Prima il Nord!

La rivoluzione parte dal Nord. 12 progetti concreti per far ripartire il Nord.

Ecco i 12 progetti, frutto del lavoro dei gruppi tematici degli Stati Generali del Nord, presentati dal Segretario Federale della Lega Nord, Roberto Maroni al Lingotto:

  1. L’euroregione Nord: locomotiva per l’Europa delle regioni. Istituire l’Euroregione Nord, costituzionalmente autodeterminata, che definisce le proprie politiche e opera con regole certe per rilanciare efficienza e sviluppo.
  2. La ricchezza del Nord deve far crescere il Nord. Trattenere a livello regionale il 75% delle tasse pagate dai cittadini e dalle imprese dell’Euroregione per investire nello sviluppo
  3. No all’accanimento terapeutico sulle imprese decotte. Eliminare i sussidi alle imprese senza futuro per incentivare l’innovazione, le esportazioni e la ricerca
  4. Imprese più forti nel Nord. Introdurre subito una fiscalità di vantaggio per i territori del Nord, per contrastare la delocalizzazione delle imprese
  5. Per il Nord solo banche vere. Commissariare le banche che non sostengono le imprese produttive del Nord nell’accesso al credito
  6. Meno stato, meno sprechi, più federalismo. Tagliare un milione di dipendenti pubblici delle regioni non virtuose, in base al rapporto con il Pil regionale e con il numero di abitanti
  7. Burocrazia zero. Azzerare la burocrazia significa prima di tutto rispetto rigoroso dei termini di pagamento da parte del pubblico
  8. Nuove infrastrutture globali. Realizzare infrastrutture integrate attraverso regole semplici, tempi certi e appalti a KM Zero, assicurando il libero accesso alle reti infrastrutturali a tutti gli operatori: dai treni alla banda larga
  9. Più futuro per i giovani. Dare futuro ai giovani: zero IRPEF per l’assunzione di giovani sotto i 35 anni per i primi tre anni di lavoro
  10. Lavoro e previdenza: modello Nord. Passare da contratti collettivi nazionali a contratti territoriali e riformare il sistema pensionistico su base regionale
  11. Alta velocità dalla scuola al lavoro. Introdurre un nuovo sistema scolastico su base regionale, collegato al mondo delle imprese, che premi economicamente il merito e si basi sulla valutazione degli insegnanti anche da parte dei cittadini
  12. Politica a costo zero. Drastico taglio ai costi della politica:
  • – Dimezzare i parlamentari
  • – Ridurre i consiglieri regionali con le macroregioni
  • – Senato federale a costo zero

FONTE: Prima il Nord

Rivoluzione nella flessografia: metà spessore e doppi vantaggi, ecco il fotopolimero del futuro

Scritto da faberrimo il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Economia, Industria, Tecnologia

flexo

Tra i vari incontri ed eventi organizzati al ProFlex 20212 di Stoccarda, di certo questo sarà stato uno dei più interessanti, viste le ricadute che potrebbe avere sul futuro di ogni produzione flessografica.

Dalla ricerca del Professor M. Dreher e del suo team nasce “Planoflex” la lastra polimerica che costa meno, migliora in qualità e nitidezza di stampa, ha ridotti tempi di esposizione e ottimizza le fasi di lavaggio, settaggio e consumi delle attuali macchine di stampa. Ora la parola passa hai produttori: chi sarà il primo a produrle? Sta per iniziare una nuova corsa all’oro?

Ecco una delle vere novità tecnologiche del 2012 per il settore flexo. Progettata grazie Prof. Dr. Martin Dreher, Direttore del Flexo Technology Center TZ della Università Stampa e Media di Stoccarda, e al suo team, è una lastra che presenta uno spessore decisamente ridotto e può essere teoricamente realizzata da qualsiasi produttore di lastre polimeriche solide, oltre ad essere sviluppata con i dispositivi attualmente presenti sul mercato. I formati di questo fotopolimero saranno i classici lastra o sleeve endless/neatless. Per l’utilizzo nei sistemi da stampa esistenti, una semplice regolazione sarà più che sufficiente.

La pressione? Al bacio!
Nel corso delle sue, il Professor Dreher e il suo team, hanno rilevato che le lastre polimeriche danno un risultato di stampa migliore se la pressione tra l’anilox e la lastra stessa è non è troppo alta, anche se l’opinione degli stampatori flexo “Old School” è che l’anilox deve trasmettere una pressione consistente contro il cilindro della lastra, in modo da sostenere la stessa durante la stampa, ritenendo che questo porti a una migliore qualità del risultato finale. Ma la sperimentazione sul campo del Prof. Martin Dreher ha dimostrato che è vero il contrario.
Una pressione elevata comporta una sovra inchiostrazione, le celle del rullo anilox trasferiscono troppo inchiostro che dopo poco tempo, depositandosi, va a riempire i vuoti dando un risultato di stampa inaccettabile, comportando frequenti stop per effettuare dei lavaggi per eliminare i residui, inficiando quindi sulla redditività della produzione in modo consistente.

Alta redditività se lo spessore è la metà!
I punti di forza fondamentali di questa nuova tipologia di lastre si può riassumere così:
– Costi lastra probabilmente inferiori in quanto c’è meno polimero, dato che su una lastra spessa 1,14 mm c’è uno strato di polimero da 0,85 a 0,95 mm.
– Possibilità di raddoppiare la produzione di lastre di stampa nello stesso intervallo di tempo, visto che il tempo di produzione della matrice è ridotto del 50% e che il tempo di esposizione è decisamente inferiore.
– Minor consumo di detergente e compressione dei tempi di lavaggio, visto che c’è meno polimero da rimuovere.
– Tempo di asciugatura ridotto del 70% e conseguente risparmio di energia.
– Il registro tra le singole lastre colore è migliore, con conseguente riduzione dei tempi di settaggio macchina.
Per le prove vengono utilizzati fotopolimeri dello spessore totale di 1,14 mm e il basso rilievo è ottenuto con una esposizione dal retro più lunga, il che implica che solo il 50% del polimero sulla lastra viene utilizzato.  Lo spessore totale dei supporti si può ridurre, conservando la stessa qualità, a 0,4 o 0,5 mm. Al momento sono già state effettuate prove con lastre da 0,7 mm.

E di contro?
Il problema maggiore riscontrato è quello degli angoli della lastra che non si fissano con il nastro adesivo agli sleeve, problema che non c’è, naturalmente, con l’uso di sleeve continui – (seamless/neatless) . Il sistema è stato testato senza problemi su stampa di film oppure carta patinata. Sono in programma prove su cartone, ma non ci si aspetta problemi. Infine non sono ancora stati fatti test sulle lunghe tirature e sull’uso quotidiano in produzione su tre turni di lavoro.

La Flessografia del futuro!

Nelle prove fatte fino a oggi i risultati di stampa sono stati di ottima qualità per quel che riguarda gli standard della stampa flessografica. Se questa nuova famiglia di fotopolimeri a spessore ridotto sarà prodotto massicciamente i vantaggi saranno per tutti: per chi li stampa, per le aziende che lo usano e per l’ambiente. Detto questo chi è che non vorrebbe offrire una birra al Professor Dreher?

Fabrizio Morrone
(Flessografia.it

Argan OmiaLab, dalla produzione ai vantaggi nella cosmesi!

Scritto da mgacosmetici il . Pubblicato in Salute

L’argan, o Argania spinosa, è un albero che cresce in Marocco. L’olio di Argan, che deriva dalla spremitura a freddo dei frutti della pianta di Argan, gode di proprietà benefiche, conosciute da millenni, che le donne berbere sfruttano da sempre per la bellezza del proprio corpo e dei propri capelli, rallentando il manifestarsi dei tradizionali segni dell’ invecchiamento.

L’olio di Argan è un prodotto naturale che si ottiene da una specie arborea, l’Argania spinosa, originaria del Nord Africa, detta in lingua locale berbera, Argan, ossia olio.
L’Argania spinosa, come si può desumere, è un albero che presenta rami ricoperti di spine, la cui chioma ampia e tondeggiante, è sostenuta da un tronco generalmente tozzo e nodoso con frequenti intrecci. E’ una specie tipica delle zone climaticamente aride e siccitose e infatti viene coltivata anche in altre zone mediterranee.
Il frutto che produce è una bacca di colore verdastro, simile ad un oliva ma di dimensioni maggiori. Al suo interno contiene una nocciolo particolarmente duro che a sua volta racchiude due o più mandorle, da cui si estrae il famoso olio d’Argan.
Per la maturazione del frutto è necessario un lungo periodo di tempo, oltre un anno: ciò significa che i frutti compaiono verso il mese di giugno-luglio dell’anno successivo alla fioritura, che avviene verso la fine di aprile.


PhotoCredits: Aleksasfi

Produzione Olio di Argan
La produzione di questo olio richiede un processo laborioso che fino a poco tempo fa veniva interamente realizzato a mano.
La raccolta è tutt’oggi manuale e, come da tradizione, viene effettuata da donne Berbere autoctone della stessa area geografica riunite in cooperative di lavoro.

Ci sono due metodi di estrazione e lavorazione, quello tradizionale e quello meccanico.
I frutti di Argan vengono raccolti e privati della polpa che avvolge la noce centrale; lo scarto viene utilizzato come alimento per il bestiame. La noce viene rotta a mano, servendosi di pietre per far rimuovere il seme o i semi in essa contenuti. Per ottener l’olio di argan per uso alimentare questi semi vengono fatti tostare, e questa operazione determina il tipico sapore dell’olio di Argan torrefatto, che ricorda quello delle arachidi. Successivamente i semi vengono tritati, insieme ad un po’ di acqua, all’interno di una macina di pietra sino ad ottenere una sorta di pasta; questa viene prelevata e strizzata con le mani sino a farne fuoriuscire l’olio, che viene raccolto.
Con questo metodo tradizionale la resa sul peso dei noccioli varia dal 30% al 35%, quindi da circa 100kg di frutto secco, si ottengono circa 7,2Kg di noccioli da cui derivano 6,5Kg di mandorle, da cui si ricavano circa 2 Kg di olio di argan

Da quando è cresciuto l’interesse commerciale verso l’olio di Argan sono state introdotte presse meccaniche che accelerano il processo produttivo, migliorando anche la conservazione e la qualità del prodotto (si evita così l’aggiunta di acqua durante la macinatura). Il prodotto ottenuto da queste lavorazioni industriali, e dunque privo di contaminazioni, può essere conservato molto più a lungo: sino a 12-18 mesi. Le iniziali operazioni di scorticamento e successiva frantumazione della noce continuano invece ad essere realizzate manualmente.
Attraverso il metodo moderno la resa sul peso del noccioli varia dal 40 al 45%, pertanto, da circa 100Kg di frutto secco si ottengono circa 7,2Kg di noccioli da cui derivano circa 6,5Kg di mandorle, da cui si ricavano circa 3,25Kg di olio di argan.

Usi e Proprietà
Nella Cosmesi l’olio di Argan ha molti vantaggi.
E’ uno degli oli più importanti per il ringiovanimento cutaneo con elevato contenuto di vitamina E, di acido linoleico e vitamina A.
Possiede proprietà cicatrizzanti e protegge la pelle dalle aggressioni esterne neutralizzando i radicali liberi. Consigliato per sciogliere le contratture muscolari e nutrire le pelli molto secche e facilmente irritabili, è anche ideale per i massaggi e per nutrire la pelle dopo il bagno o la doccia.
E’ inoltre un ottimo rimedio contro le smagliature, anche in gravidanza, perché penetra molto facilmente e viene assorbito lasciando una sensazione setosa sulla pelle.
L’olio di Argan è indicato anche per i capelli e le unghie.
Per i capelli, il cui utilizzo consigliato è la sua applicazione trenta minuti prima dello shampoo, è buonissimo per gli effetti disidratanti del sole, del mare e del cloro. Rende i capelli più morbidi e rivitalizzati, rafforzando le fibre.
Anche per le unghie l’olio di Argan è un ottimo rinforzante.
Può migliorare inoltre la salute dell’apparato digerente e aiuta a minimizzare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue.

In cucina viene utilizzato come condimento in alcuni piatti tipici delle terre di origine, il cous cous o i piatti di carne e pesce. Inoltre, l’olio di Argan può essere utilizzato anche come ingrediente base di un particolare condimento, chiamato amlou, che si ricava lavorando assieme all’olio di arachidi e di mandorle. La salsa che ne viene fuori può essere resa dolce grazie all’aggiunta di zucchero o miele, e rappresenta l’equivalente berbero del burro di arachidi.
Oggi questo prodotto riscuote l’attenzione da parte degli chef dell’alta cucina internazionale.

Fonte: Omia Laboratoires

BIRRASPECIALE.IT PRESENTA: BUSH AMBREE 12° – BIRRA AMBRATA BELGA

Scritto da Birraspeciale il . Pubblicato in Alimentari e Bevande

BirraSpeciale, negozio specializzato nella vendita birra online,  aggiunge un’altra birra nel proprio catalogo, la Bush Ambree. Si tratta di una birra artigianale Belga ambrata, ad alta gradazione, ritenuta dagli esperti del settore, una delle birre ambrate più buone del Belgio. Per farla conoscere al grande pubblico, presentiamo la storia della Bush Ambree 12°.Ci sono diversi tipi di Bush, ma la Bush  più famosa è la birra ambrata ad alta fermentazione aromatizzata con una forte sentore di malto.  Bush è anche soprannominata 12, il suo nome ufficiale ora è Bush Ambree.  La sua gradazione alcolica è di 12% che la rende una delle più forti birre, si può anche leggere in etichetta che è la più forte del Belgio (“La più forte birra belga “).  Questa birra è stata creata  e prodotta da Dubuisson Brewery , che si trova Pipaix in Belgio .

Nel 1933, un anno dopo Amédée Dubuisson e Alfred hanno ereditato il birrificio dai loro genitori, ed hanno deciso di competere con gli inglesi nel già consolidato mercato birre ad alto contenuto di alcool, con 6, 7 e l’8% di alcool.  Così, i fratelli Dubuisson Bush hanno creato la famosa birra ambrata  il cui contenuto di alcol è pari al 12%.  Per competere con gli inglesi, darà un nome inglese alla birra.  Tuttavia, negli Stati Uniti, la birra Bush è venduta sotto il nome di “Scaldis” (nome latino della Schelda).

Venite a trovarci nel nostro negozio di birra online, troverete la birra belga ambrata più famosa. Vi aspettiamo!!

La Legge per Tutti: ciò di cui avevano bisogno gli italiani

Scritto da comunicatiseo il . Pubblicato in Comunicati Stampa

I numeri con cui cresce il portale www.laleggepertutti.it confermano quanto bisogno di chiarezza e di semplicità ci fosse tra gli italiani in materia di legge e di interpretazioni giurisprudenziali. Con picchi che sfiorano le 10.000 visite al giorno, in meno di un anno dalla nascita, il portale di informazione giuridica “che parla il linguaggio del cittadino” sta diventando un “best seller” editoriale per il web.

Banditi i tecnicismi e i barocchismi del legalese: Laleggepertutti spiega gratuitamente i diritti e i doveri degli italiani: e lo fa in modo chiaro, rispondendo anche ai quesiti dei lettori.

Gestito da avvocati e dottori in legge, diretto dall’avv. Angelo Greco (www.avvangelogreco.it) esperto in diritto dei nuovi media e in consulenza aziendale, il portale sta peraltro rinnovandosi, aprendo il canale Business, diretto al mondo delle imprese e delle società commerciali.

Il portale ha anche una pagina facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/laleggepertutti anche se, il modo per rimanere sempre aggiornati con gli articoli quotidiani è di iscriversi alla newsletter a questo indirizzo http://www.laleggepertutti.it/newsletter