Cos'è?

Un portale dedicato alla pubblicazione e diffusione di comunicati stampa online

Chi scrive i comunicati stampa?

Il servizio è rivolto a privati, aziende ed associazioni che intendono dare visibilità ai loro progetti, eventi, prodotti o servizi mediante notizie qualificate. A scrivere siete Voi! o potete richiedere che sia la nostra redazione a farlo per voi.

Come funziona?

è sufficiente registrarsi ed attendere la validazione del proprio profilo per poter iniziare a pubblicare i comunicati stampa. La validazione NON è automatica ed accettiamo SOLO fonti attendibili, questo per tutelare i membri già iscritti.

Costi?

Il servizio è completamente gratuito, se lo ritenete utile e lo usate per il vostro business considerate la possibilità di supportarci!

E’ ora di cambiare arredamento?

Scritto da POSIZIONAMENTO il . Pubblicato in Affari, Aziende, Casa e Giardino

Se guardi la tua abitazione e ti sembra di guardare un luogo oscuro, ricco di ombre e un pò troppo triste, un luogo in cui la tua personalità non riesce a mettersi in mostra e in cui tu sentite come un estraneo, forse è davvero arrivato il momento di cambiare finalmente l’arredamento interni della tua  casa.

Certamente devi scegliere uno stile di  arredamento che ti consente il massimo della libertà possibile e che sia anche di grande tendenza. L’arredamento presente su Importforme.it è quello che fa per te, il sito no-profit che in questo preciso momento sta solcando la cresta dell’onda della moda.

Perché Importforme.it è di tendenza? Perché è l’unico sito rivolto ai gruppi di acquisto collettivi online no-profit, si acquista direttamente dal costruttore, senza intermediari, con un risparmio fino al 50% dai normali negozi tradizionali, inoltre puoi riempire la tua abitazione di pezzi di grande design realizzati in una qualità veramente molto elevata e con forme davvero stravaganti, possiamo in conclusione dare libero sfogo a tutta la nostra immaginazione e alla nostra personalità senza per questo rinunciare alla bellezza  alla qualità.

Seovenezia.it gestisce la campagne web marketing di Importforme.it

Arzenton Mario presente su Bibenda 2013 e Gambero Rosso 2013

Scritto da POSIZIONAMENTO il . Pubblicato in Alimentari e Bevande

L’azienda agricola Arzenton Mario, situata a Cividale del Friuli e precisamente nei Colli Orientali del Friuli, per la primo volta viene recensita dalle rinomate guide Bibenda 2013 e Gambero Rosso 2013.

Da segnalare che nella Guida Bibenda 2013, tre vini, il Picolit, il Friulano e il Sauvignon si sono aggiudicati i 4 grappoli (vino di grande livello e spiccato pregio).

Il vitivinicoltore friulano Arzenton, ad oggi ancora poco conosciuto ai più, dal 2010 collabora con Enotecalecantinedeidogi.com per commercializzare i suoi vini online, sia a privati che aziende.

Gli utenti che desiderano provare i vini di Arzenton Mario, posso collegarsi al sito Enotecalecantinedeidogi.com e nella ricerca delle aziende selezionare arzenton mario, nel catalogo si possono visionare i 13 vini che produce. Con pochi click si effettua l’ordine e lo si riceverà in 24-48 ore.

Posizionamentosugoogle.net gestisce la campagna web marketing di Enotecalecantinedeidogi.com

Cucine country artigianali del Mobilificio Ferrari

Scritto da lorenzo_bianchetti il . Pubblicato in Casa e Giardino

Il mobilificio Ferrari con oltre trent’anni di esperienza alle spalle soddisfa tutte le esigenze dei suoi clienti e grazie al suo staff efficiente saprà aiutarvi nella progettazione della vostra cucina consigliandovi sui colori, sugli accostamenti e sui materiali da utilizzare.

Propone cucine accoglienti e confortevoli e cucine country su misura tutte realizzate artigianalmente.

Offrono quindi progetti personalizzati per realizzare i vostri desideri.

Oltre alla produzione di cucine, il mobilificio Ferrari, progetta anche oggetti di bellezza per l’arredamento interno di cucine quali sedie, tavoli e accessori indispensabili come le greche, marmi, pomoli e i piani di lavoro.

Creazione di cucine esclusive, belle esteticamente ma soprattutto comode sono il successo del mobilificio che negli anni, grazie alla sua esperienza, ha come unico obiettivo realizzare i sogni del cliente.

SIA FATTA GIUSTIZIA: BAMBINI USATI PER ACCUSARE I GENITORI

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

Articolo tratto dalla rivista “DIRITTI DELL’UOMO” – informazioni ed inchieste di interesse pubblico edite dalla Chiesa di Scientology dal 1968.

Secondo Panorama (n. 47 del 19 novembre 2009) oltre 32.000 bambini sono nelle mani degli assistenti sociali e quei bambini costano allo stato 200 euro al giorno.

Per la Senatrice Giuliana Carlino, che il 22 febbraio scorso ha inoltrato un’interrogazione al Ministro della Salute, ogni bambino costa giornalmente dai 70 ai 300 euro. Moltiplicando quelle diarie per 32.000 ne consegue che ogni giorno lo stato starebbe spendendo da 2.240.000 a 9.600.000 euro. In un anno, la spesa varierebbe da più di 817 milioni a oltre 3 miliardi di euro! Alla faccia delle famiglie povere che per ricevere aiuto devono rivolgersi ai santi in paradiso.

E’ logico sospettare che qualcuno stia lucrando sulle disgrazie delle famiglie italiane.

Sebbene non sia un mistero che le parcelle per gli psicologi e gli psichiatri che stendono le loro poco scientifiche perizie, pesino sui contribuenti italiani, il teorema del lucro immorale e criminale non siamo in grado di provarlo. Siamo invece in grado di dire che le loro perizie causano enormi danni al sistema giudiziario ed enormi danni alle persone che di volta in volta ne sono coinvolte.

Per parlarne, vogliamo ricordare il drammatico caso di cui fu ingiustamente vittima Don Giorgio Govoni, sacerdote cattolico di Finale Emilia.

Don Giovanni morì di crepacuore nello studio del suo avvocato il 19 maggio 2000, alla vigilia della sentenza di primo grado del Tribunale di Modena che, pur prosciogliendolo per morte sopraggiunta, lo condannò a 14 anni di carcere per pedofilia.

Don Giovanni fu il bersaglio di accuse istigate da un’assistente sociale e “provate” dai racconti di alcuni bambini – presunte vittime – e dalla teoria del “disvelamento progressivo”, come gli psicologi del Tribunale di Modena definirono il fenomeno dei ricordi che man mano affioravano alla mente dei bimbi, grazie alla psicologa che li aiutava a “ricordare”.

L’accusa su cui si basò il processo di primo grado, che causò l’allontanamento di 13 bambini dalle loro famiglie, vedeva Don Giovanni a capo di una banda di pedofili che agivano in pieno giorno in un cimitero della bassa modenese, violentando ragazzine, decapitando animali ed esseri umani per compiere demoniaci rituali durante i quali il sacerdote addirittura si proclamava il demonio in persona, gettando poi le carcasse e i cadaveri nel fiume. Non fa nulla se quel cimitero e i cadaveri non furono mai trovati.

Un anno dopo, la Corte D’Appello di Bologna riconobbe che i racconti dei bambini erano frutto di fantasia. Don Giovanni venne scagionato da ogni accusa, ma ormai era troppo tardi.

La pseudo-scientifica teoria psicologico-psichiatrica sul “disvelamento progressivo” fece deragliare il treno della giustizia modenese, e quando la polvere sollevata nell’incidente si ridepositò, sul terreno si vide la catastrofe: bambini sottratti di notte alle famiglie o mentre erano a scuola; persone innocenti messe in carcere; gente per bene esposta al pubblico disprezzo; famiglie distrutte, anche finanziariamente e, infine, tre morti: due di crepacuore (oltre a Don Giovanni anche un fotografo) ed una madre che si tolse la vita per la disperazione.

Il 12 luglio 2001, Giorgio Ferrari sull’Avvenire scrisse: “Un grazie di cuore, dunque, a questi sceriffi dell’infanzia: quale che sia l’esito del processo hanno distrutto quattro o cinque famiglie e fatto morire un sacerdote che aveva avuto torto di istruire un centro per il recupero degli immigrati non in sintonia con quello delle giunte e delle ASL che governano il suo territorio.

Grazie davvero. Loro in fondo hanno rischiato e rischiano poco. Una pessima figura la fa semmai la teoria del “disvelamento progressivo” e gli imbecilli che se ne servono. Forse occorrerebbe un progressivo disvelarsi della loro incapacità e una serena seduta di autocoscienza che li conduca all’unica possibile redenzione: quella di dedicarsi ad attività meno lesive della persona. L’apicoltura, per esempio, o la raccolta di rifiuti, o basterebbe solo che smettessero di convocarli nelle aule di giustizia; in nome di tutto quel disastro di cui sono corresponsabili”.

Articolo tratto dalla rivista “DIRITTI DELL’UOMO” (Informazioni ed inchieste di interesse pubblico edite dalla Chiesa di Scientology dal 1968) pag. 8-9.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.ccdu.it

COSA FANNO I MINISTRI VOLONTARI DI SCIENTOLOGY NEL MONDO

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

Ci sono oltre 200.000 Ministri Volontari di Scientology e questo li rende una delle più grandi organizzazioni di soccorso nel mondo. Solo negli ultimi dieci anni, hanno aiutato più di dieci milioni di persone.

Sono addestrati a rispondere in tempi di catastrofe e di problemi personali. Sono esperti nella tecnologia di L. Ron Hubbard e hanno soluzioni per 19 soggetti: dalla consulenza matrimoniale alla risoluzione dei conflitti, fino all’attenuazione di traumi emotivi. Fornendo un’assistenza immediata ed efficace nell’assistere vittime ed operatori di emergenze, dopo le conseguenze di un terremoto, o aiutare uno studente che ha difficoltà ad imparare a leggere, l’unica soddisfazione dei Ministri Volontari è di sapere che hanno aiutato.

Ci sono diciotto gruppi di Ministri Volontari (padiglioni a tende gialle) che hanno girato per più di 100 paesi macinando centinaia di migliaia di chilometri, compresa una chiatta che ha viaggiato lungo il Rio delle Amazzoni, dei gruppi che hanno viaggiato per tutta l’Africa occidentale e centrale ed anche un gruppo che ha viaggiato nell’entroterra australiano.

I nostri 135 gruppi regionali itineranti di Ministri Volontari (tende gialle), gestiti da ogni Chiesa di Scientology centrale nel mondo, hanno toccato tutte le loro città, aiutando ogni anno centinaia di migliaia di persone.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.scientology.it/activity/volunteer-ministers/vms-around-the-world.html

IMPARARE COME STUDIARE: LA TECNOLOGIA DI STUDIO DI SCIENTOLOGY

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

C’è un corso gratuito on-line che può aiutarti ad acquisire un metodo di studio funzionale per studiare.

In questo corso apprenderai:
* La prima barriera da superare per poter imparare qualsiasi cosa con successo.
* Le tre barriere allo studio che possono impedire la comprensione di un argomento, e gli esatti strumento per superare queste barriere.
* Come imparare e comprendere completamente qualsiasi argomento.

Pensateci un attimo: in tutto il tempo che avete trascorso a scuola, qualcuno vi ha mai insegnato come studiare qualcosa?

Al giorno d’oggi ci sono persone che, quando finiscono la scuola, non sono neanche capaci di leggere o scrivere ad un livello adeguato per mantenere un lavoro o affrontare la vita con successo. È un problema enorme. Non è che sia impossibile imparare le materie di studio; il fatto è che a scuola non insegnano il modo in cui impararle. Questa è la fase mancante di tutta l’istruzione.

L. Ron Hubbard ha colmato questa lacuna con la prima e unica tecnologia che insegna come studiare. Egli ha scoperto le leggi dell’apprendimento e ha ideato metodi efficaci che chiunque può mettere in pratica. Ha chiamato questa sua scoperta “Tecnologia di Studio”.

Questa tecnologia insegna le basi dell’apprendimento e fornisce metodi precisi per superare tutte le insidie che si possono incontrare durante lo studio.

La tecnologia di studio non ha niente a che vedere con la cosiddetta “lettura veloce” o con altri trucchetti mnemonici [relativi alla memoria]. Tali metodi si sono dimostrati inefficaci nell’aumentare la capacità di capire l’argomento studiato o la capacità di leggere e scrivere. La Tecnologia di Studio spiega in che modo si deve studiare per capire una materia e metterla in pratica.

Questo capitolo descrive soltanto una piccola parte della tecnologia di studio ideata da L. Ron Hubbard. Tuttavia questa breve panoramica offre i principi fondamentali che vi permetteranno di studiare con più efficacia. Con questa tecnologia, puoi imparare qualsiasi soggetto, e così pure chiunque altro lo può fare.

Visita il sito: http://www.scientology.it/courses/study

PERCHE’ UNA PERSONA FA USO DI STUPEFACENTI

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

Questa è una semplice domanda. Conoscere l’esatta risposta a questa domanda è fondamentale per aiutare un tossicodipendente o un alcolista a risolvere la situazione.

La droga viene considerata “preziosa”, dalle persone che ne fanno uso, nella misura in cui produce alcuni “effetti indesiderabili”. I consumatori di droga di solito sono turbati da qualche cosa che li ha spinti verso la droga. Si è sentito parecchie volte dire che il motivo per cui una persona ha iniziato a fare uso di droghe è perchè queste sono “buone” o “mi piace lo sballo che mi danno”.

Il motivo vero per cui una persona usa droghe è sempre perchè la persona è così scesa di condizione che non è stata capace o non ha voluto risolvere problemi o situazioni che le si erano presentate, e ha cercato “rifugio” nella droga, nel tentativo di sfuggire la realtà che non stava più vivendo bene.

Un individuo che abitualmente usa droghe, le assume a causa di dolori, sensazioni o emozioni indesiderate. Costui vede la droga come una cura per tali sensazioni. Probabilmente…

Potrebbe aver avuto qualche problema fisico che procurava dolore …
Potrebbe aver cercato di rilassarsi un pò …
Forse non riusciva a dormire …
Voleva essere più felice …
Si stava annoiando …
Voleva essere accettato da una nuova compagnia …
Si credeva migliore sotto l’effetto di droghe …
Era timido e con le droghe diventava più disinibito …
Ecc. ecc. ecc …

Le droghe sono una soluzione temporanea a dolori e sensazioni indesiderate. Per riuscire ad ottenere una soluzione vera, si dovrebbe risolvere il problema all’origine.

Il Programma Narconon (che significa “nessuna droga”) mira proprio a queste cause e aiuta l’individuo a risolvere queste situazioni mediante lo sviluppo delle sue abilità.

Questo programma di riabilitazione e prevenzione dalla droga è stato fondato nel 1966 sulla base delle scoperte di L. Ron Hubbard.

Se conosci qualcuno che usa droghe o alcool CHIAMA SUBITO IL NUMERO 349 4466098.

Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.scientology.it/activity/narconon/narconon-drug-prevention-and-rehab.html

BRESCIA: CIRCO MEDRANO E PREVENZIONE ALLA DROGA CON “LA VERITA’ SULLE DROGHE”

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

La città di Brescia ha ospitato dal 9 al 18 novembre il circo Medrano.

Questo circo, famoso in tutto il mondo, è stato fondato dalla dinastia dei Casartelli, una dinastia di artisti le cui radici affondano al 1873.

Come sappiamo gli artisti del Circo studiano e si esercitano alacremente per potersi esibire in modo ineccepibile davanti agli spettatori e si astengono dall’uso di sostanze stupefacenti che diminuendo la concentrazione, annebbiando la mente e creando effetti indesiderati, impedirebbero loro di eseguire performance eccezionali.

Per questa ragione anche il Circo Medrano ha deciso di sostenere la campagna di prevenzione contro la droga ospitando all’interno dei suoi tendoni i volontari del “Dico no alla droga, dico si alla vita” che hanno distribuito i libretti “La verità sulle droghe” a centinaia di spettatori.

Il motto della campagna è: “Le droghe privano la vita delle gioie e delle sensazioni che sono comunque l’unica ragione di vivere” (L.Ron Hubbard). Queste parole sembrano adattarsi perfettamente all’attività del circo che è una delle più antiche forme di divertimento e di esibizioni artistiche.

Un grato riconoscimento va rivolto alla Chiesa di Scientology che sponsorizza la campagna.
Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.noalladroga.it.

COME AIUTARE I BAMBINI – CORSO GRATUITO ON-LINE

Scritto da gabri.casella il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Religione

In questo corso apprenderai:

Ciò di cui i bambini hanno più bisogno da parte dei propri genitori.
Perché un bambino si arrabbia, e come risolvere agevolmente i turbamenti.
Gli esatti strumenti da usare per crescere bambini felici, sani, intelligenti e che hanno fiducia in se stessi.

DESCRIZIONE DEL CORSO
Alla maggior parte dei genitori non viene insegnato come crescere un figlio sano e felice. Molti di loro, infatti, benché mossi dalle migliori intenzioni, commettono degli errori nel corso dell’intero processo educativo. Di conseguenza, è sin troppo comune trovare situazioni familiari infelici, dove la tensione fra genitori e figli è continua.

Questo non è lo stato naturale. In realtà può essere completamente evitato. L. Ron Hubbard ha sviluppato molti metodi per portare alla luce la parte migliore di un bambino… e dei suoi genitori. In questo corso e nell’opuscolo corrispondente, troverete alcuni di questi metodi e scoprirete come crescere un bambino senza distruggerne la personalità, come fare in modo che sia disposto a dare il proprio contributo alla famiglia, e come aiutarlo a superare velocemente i turbamenti quotidiani e le sofferenze della vita.

Crescere i bambini dovrebbe essere una gioia e lo è. In effetti può essere una delle esperienze umane più appaganti. L’applicazione dei principi di Scientology nell’educazione dei bambini può garantire che essi siano felici, affettuosi, produttivi e che diventino membri preziosi della società nella quale vivono.

Inizia ora!
Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.scientology.it/courses/children

Pierpaolo Cristofori: Nuove alleanze e servizi alle Pmi Infracom riparte

Scritto da IQandPartners il . Pubblicato in Economia

Infracom presenta il nuovo Amministratore Delegato Pierpaolo Cristofori. L’AD: «Negli ultimi 18 mesi sono state smontate attività non funzionali al progetto. Ora puntare ai ricavi».


Il nuovo corso di Infracom spa ha il volto di Pierpaolo Cristofori, amministratore delegato del rinnovato cda della società di telecomunicazione e data center con base operativa a Verona. Infracom spa, con 500 dipendenti, è presente in 14 città italiane; copre una rete nazionale di oltre 9 mila chilometri di cavo ottico per complessivi 6.500 metri quadri interconnessi di alta capacità e gestisce centri-dati. Cristofori, 56 anni, uno dei fondatori di Omnitel Italia, passato poi in Wind Telecomunicazioni, quindi in British Telecom Italia, è stato scelto per rilanciare la società veronese dopo la cessione di asset (come Infracom It divenuta Corvallis) ritenuti non più strategici per la nuova mission aziendale. Che quindi, quali obiettivi avrà ora?

Abbiamo deciso di focalizzarci sulle telecomunicazioni – risponde il nuovo amministratore delegato – ci sono ancora delle “code” da smaltire, ma nel corso degli ultimi 18 mesi sono già state smontate molte attività non funzionali al nuovo percorso. Adesso dobbiamo concentrarci non tanto sull’abbattimento dei costi, quanto sull’aumentare i ricavi. E questo può avvenire solo grazie a una presenza diretta sul mercato. Ovvero?

Abbiamo già come clienti tutti i più grandi operatori presenti nel panorama delle telecomunicazioni a livello nazionale e internazionale; ora si tratta di intercettare anche i privati, le piccole e medie imprese del nostro territorio e magari anche le pubbliche amministrazioni locali, un settore che ci vede quasi totalmente assenti. Pensa che le nostre pmi siano “mature” per aprirsi al mondo informatico della rete? Credo non abbiano molte alternative, e che saranno obbligate a farlo. Chi è predisposto alle nuove tecnologie è anche più forte sul mercato.

La nostra bravura sarà nel saper intercettare i bisogni di queste aziende e saper offrire loro i servizi adeguati per farle crescere. Altro nostro obiettivo sarà quello di creare anche delle partnership. Con chi? Beh, l’idea è quella di stabilire reti e alleanze con altre imprese per integrare i nostri servizi e stabilirsi così con forza e maggior presenza sul territorio. Inoltre penso al mondo universitario; aprirsi alla collaborazione con gli atenei della regione ed essere presenti nei progetti di start up. Il nome di Infracom, soprattutto nel recente passato, è stato accostato a problemi finanziari: deficit, bilanci in rosso. Tutti problemi definitivamente superati? Il grosso è stato superato. L’indebitamento è sceso: da 259 a 110 milioni di euro. Non vogliamo andare a tagliare altri pezzi. Non serve solo intervenire sui costi, occorre anche andare sul mercato. E questo, per noi, è il momento di farlo. Non abbiamo la bacchetta magica, bisogna diventare credibili per i clienti.

Ho accettato questo incarico perché Infracom ha un progetto, perché ho trovato una società solida con azionisti dalle spalle robuste. Insomma la porta sul passato è chiusa… Sì, qui ho capito che c’era la volontà di chiudere una storia e cominciare qualcosa di nuovo. E questo coincide con quanto voglio fare anch’io. È iniziata una fase che accompagna un progetto di rilancio preciso. Gestiamo i più grandi operatori delle telecomunicazioni, adesso è arrivato il momento di tornare sul territorio. Ora Infracom è un progetto che ha una prospettiva.

FONTE: Il Giornale di Vicenza