Le porte scorrevoli: le caratteristiche principali

Scritto da giorgiaminozzi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Ad oggi nel mercato delle porte e degli infissi è possibile trovare un’offerta molto ampia di prodotti e soluzioni. Per quanto riguarda le porte, oltre al classico sistema a battente, le tipologie in assoluto più vendute sono senza dubbio quelle scorrevoli. Queste porte, infatti, rappresentano la soluzione perfetta per coloro che non dispongono di spazi molto ampi e quindi vogliono ottimizzarli al massimo.

Le porte scorrevoli, a differenza delle classiche porte a battente, possono essere utilizzati anche in ambienti molto piccoli in quanto non occupano alcuno spazio ma scorrono nell’intelaiatura posta all’interno della parete. In questo modo la parete rimane libera e può essere utilizzata per ulteriori scopi ad esempio per porre dei mobili oppure uno specchio in corrispondenza del vano della porta. Con il termine porte scorrevoli si fa riferimento a diverse tipologie di porte.

Le principali tipologie di porte scorrevoli sono: le porte esterno muro e quelle a scomparsa (anche detto a scrigno). Ovviamente coloro che dispongono di spazio internamente al muro e di un budget a sufficienza potranno sicuramente optare per le porte a scrigno; queste porte infatti sono molto funzionali dato che permettono di ottimizzare gli spazi al massimo. Ovviamente interamente al muro dovrà essere posto un apposito controtelaio che consenta alla porta di scorrere. Le porte scorrevoli esterne anche dette a raso muro sono invece una soluzione ottimale per coloro che dispongono di ambienti più ampi e non hanno necessità di sfruttarli al massimo.