Le lauree che offrono maggiori possibilità di lavoro

Scritto da giorgiaminozzi il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Economia, Istruzione

In una fase molto complicata come quella attuale la scelta del percorso universitario può rivelarsi di fondamentale importanza per avere un futuro lavorativo più sicuro. Ma quali sono nello specifico i corsi di laurea che danno più garanzie da questo punto di vista? Innanzitutto bisogna ricordare che senza dubbio i profili tecnologici avranno più possibilità di lavoro mentre i lavori di routine perderanno gradualmente importanza: in sostanza ci saranno più figure “trasversali” con competenze di vario genere e meno impiegati. In particolare, quindi, crescerà la richiesta di figure di alto profilo ed innovative ma anche di figure professionali più “elementari” legate al mondo dei servizi alle imprese.

Secondo un recente studio di Isfol (Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori) tra il 2013 e il 2016 ci sarà un aumento del 3,5 % di occupati che equivale a circa 800.000 nuovi addetti. Secondo la ricerca saranno privilegiati i profili che prevedono un titolo di laurea: nel 2016, infatti le aziende avranno assunto circa il 10% in più di lavoratori laureati rispetto al 2011 mentre, per quanto riguarda i diplomati il tasso di crescita sarà del 4% mentre i profili di “basso livello” registreranno un trend negativo.

Entro il 2014 il numero di occupati con titolo di laurea dovrebbe aumentare di circa 390.000 unità; beneficeranno di questo trend positivo in particolare profili più specializzati e tecnici nonché le professioni di “alto livello” e più intellettuali. Nel futuro, insomma, le aziende tenderanno ad assumere figure qualificate in grado di sostituire lavoratori in pensione oppure per ricoprire nuove posizione nate a grazie a investimenti organizzativi. Saranno soprattutto gli ingegneri a godere dei benefici di questo andamento del mercato; in particolare tra loro saranno molto richiesti gli ingegneri delle telecomunicazioni,chimici, elettronici e ingegneri meccanici che verranno impiegati soprattutto nel campo oleodinamico (settore rivolto alla realizzazione di pompe idrauliche e di elettrovalvole).