L’anima oltre il tempo: mostra d’arte della pittrice Graziella Schenetti organizzata da Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte

La talentuosa artista reggiana Graziella Schenetti sarà protagonista di una prestigiosa mostra pittorica dal titolo “L’anima oltre il tempo” che si terrà dal 12 al 27 Gennaio 2014 nell’esclusiva galleria milanese “Milano Art Gallery” in via Alessi 11. L’esposizione organizzata dal manager Salvo Nugnes agente di nomi di spicco, verrà inaugurata Domenica 12 Gennaio alle ore 18.00 ed è visitabile ad ingresso libero.

La Schenetti, che nel 2011 è stata selezionata direttamente dal Prof. Vittorio Sgarbi per partecipare alla Biennale di Venezia, ha una formazione da autodidatta e fin dall’infanzia ama disegnare e dipingere. L’accorata passione per il mondo dell’arte la stimola ad intraprendere un cammino vivace e dinamico e a crearsi uno stile personalizzato, con un approccio peculiare ispirato da una matrice onirica di poetico lirismo. In questo percorso la musica diventa fonte primaria da cui attingere, un elemento indispensabile, che l’accompagna durante le fasi di lavorazione come una guida virtuale. Le opere sono frutto di una perfetta alchimia di abilità strumentale e innata fantasia creativa. Regalano al fruitore interessanti prospettive di interpretazione e una visione d’insieme di notevole impatto coreografico. Sembrano avvolte da una soave melodia composta da una delicata e raffinata sonorità e immerse in una dimensione di fiabesco romanticismo.

La Schenetti dichiara “Io trovo, che l’arte sia la parte del sublime della vita, in tutti i suoi aspetti dal cinema alla pittura, dall’architettura alla musica. Credo che sia come Baudelaire la definiva nei suoi scritti affermando che -l’arte è necessaria all’uomo per trasportare la ragione ad altre altezze-. Credo, che sia anche un grandissimo dono, con il quale però bisogna avere molta responsabilità nei confronti anche delle persone a cui mostri le tue opere“. E spiega “A volte, c’è purtroppo un concetto un po’ superficiale dell’arte, si pensa che si fa una mostra per esporre se stessi, per il proprio ego, ma in realtà la responsabilità e il compito di chi fa arte è anche quello di trasmettere e risvegliare la sensibilità e le emozioni dell’essere umano. Soprattutto in un periodo come questo, in cui ci sono valori traballanti generali e laddove la cultura sia considerata di nicchia, e’ invece fondamentale, perché forma le persone, l’anima delle persone“.

Tags: , , ,