INDETTA LA RACCOLTA FIRME PER REGOLAMENTARE LE NORME PER L’ISCIRZIONE NEL REGISTRO DEGLI ATTI DI FETI NATI MORTI.

Scritto da PENSIERO CELESTE il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Legale, Politica, Salute

A seguito ottenimento del diritto di iscrizione all’anagrafe della propria figlia nata morta sotto le 28 settimane di età gestazionale, regolamentato in Italia da una legge poco chiara (v. allegati, primo caso in Italia), i fondatori dell’Associazione Pensiero Celeste hanno ottenuto, grazie alla sensibilità ed al supporto politico di MIR Italia, gruppo politico rappresentato dal Prof.Avv. Gianpiero Samori’, di portare avanti la loro battaglia per riconoscere i diritti dei bimbi mai nati.

Pensiero Celeste e Mir hanno indetto una raccolta firme nazionale che ha lo scopo di introdurre nell’ordinamento una norma espressa al fine di poter dare un’identità giuridica ai bimbi nati morti sotto le 28 settimane di età gestazionale intrauterina, cosi’ come recentemente fatto da Francia e Germania.

Ricordiamo che in Italia il fenomeno della natimortalità colpisce 180.000 famiglie all’anno, e che non essendoci una normativa chiara le famiglie devono ricorrere ai Tribunali per richiedere l’iscrizione all’anagrafe dei propri figli.

La raccolta firme verrà ufficialmente presentata ed iniziata:

Sabato 20 Luglio alle ore 11.00
c/o Centro Congressi Roma
via Alibert 5/a Roma (Piazza di Spagna)
in occasione del convegno nazionale di MIR Italia.

Saranno presenti:
Sig. Andrea Napoli, Pres. Ass. Pensiero Celeste
Sig. Umberto Coccia, Vice Pres. Ass. Pensiero Celeste
Ing. Walter Ferrazza, Sottosegretario di Stato alle autonomie locale e regionali
On. Denis Verdini, Coordinatore Nazionale PDL
Prof. Avv. Giampiero Samori’, Presidente MIR Italia
Dott. Gerardo Meridio, Coordinatore Nazionale Mir
Dott. Antonio Nervegna, Vice responsabile Nazionale Organizzazione

Resp. Ufficio Stampa Ass. Pensiero Celeste
Sara Patron 340 9167092
sara@pensieroceleste.it

Tags: , ,