IL MERCATO FLOROVIVAISTICO: Un settore sempre più sottovalutato

Scritto da Danilo De Luca il . Pubblicato in Aziende, Economia

Settore che vede in Italia come punta di diamante Sanremo, ma che ha circa 100 000 addetti tra Puglia, Sicilia, Calabria , Lazio e Lombardia.

Un mercato in Italia che non viene mai menzionato ma che è vivo e “vegeto” e che ha un fatturato di circa 2,5 miliardi di euro all’anno e rappresenta il 14% della produzione Europea, seconda solo all’Olanda che detiene il 30%.

Cambiamenti climatici

Il 2013 a causa dell’andamento climatico sfavorevole che ha protratto l’inverno sino a primavera inoltrato ha danneggiato sia la produzione che la vendita dei prodotti floreali spingendo così un investimento importante in termini di ettari di territori destinati al vivaismo.

Si parla di circa un 1 milione e mezzo di ettari. Ora il vivaismo, a causa dei cambiamenti climatici e dell’innalzamento delle temperature sta vivendo un periodo di transizione poiché non è ancora chiaro su quali specie investire.

L’e-commerce.

Il lato della vendita online di fiori a domicilio  registra un’importante crescita e secondo l’ Euromonitor international, si conta un fatturato mondiale di circa 100 miliardi di dollari.

Queste aziende prevedono l’accorciamento della filiera tra raccoglitore e conservatore garantendo la consegna ad un massimo di 24 ore dalla raccolta.

Molte di queste startup europee investono in Italia, sottolineando un trend positivo nonostante il BelPaese segnali un saldo negativo in cui le importazioni superano le esportazioni.

Alcune aziende si sono attrezzate in modo anche da ricevere pagamenti in bitcoin e stanno predisponendo dei fondi per migliorare le piattaforme online per poter continuare ad acquisire da fioristi privati, scuole floreali e dai grossisti, aumentando notevolmente il proprio fatturato.

Svariate aziende puntano anche su servizi aggiuntivi come prodotti di pasticceria o di beverage oppure attivano delle convenzioni con wedding planner del luogo in modo tale da creare un vero e proprio franchising.

Insomma un mercato tutto nuovo su cui investire e di cui non sappiamo nemmeno l’esistenza!

Tags: , ,

Danilo De Luca

Copywriter appassionato di calcio, cinema, tecnologia, arte e mass media.