Il liquore limoncello di Casa Barone

Scritto da Gourmet Italy il . Pubblicato in Alimentari e Bevande

Il Parco Nazionale del Vesuvio, dal 1997 Riserva Mondiale della Biosfera MAB Unesco,  racchiude bellezze archeologiche e tesori naturali nascosti. Il particolare suolo vulcanico, ricco di minerali (potassio, ferro e silice), sabbie scure e la vicinanza del mare rendono fertili e “speciali” le zone circostanti. Per questo motivo vengono coltivate pesche, albicocche, limoni, gelsi e soprattutto i famosi pomodorini del piennolo.

L’azienda agricola Casa Barone, alle pendici del Monte Somma, sfrutta la peculiarità di questi terreni per creare prodotti agricoli biologici unici, utilizzando antiche ricette familiari. L’obiettivo principale di questa azienda è di fare agricoltura rispettando e proteggendo la biodiversità del luogo, valorizzandola e preservandola.

Tra i prodotti offerti dall’azienda agricola non poteva mancare uno dei liquori tipici campani: il limoncello.

Le bucce dei limoni locali, grazie al terroir del Parco, sono caratterizzate da un’alta concentrazione di olii essenziali, e quindi da un profumo intenso che si trasmette al limoncello che tradizionalmente se ne ricava.

Casa Barone rispetta i metodi di preparazione tipici del limoncello (che in questo caso è certificato come proveniente da agricoltura biologica) utilizzando solamente alcool, zucchero e acqua per la macerazione delle bucce di limoni Sfusato amalfitano ed Ovale di Sorrento, senza aggiunta di additivi e coloranti.

Il limoncello, servito freddo, è ottimo per stimolare la digestione dopo lunghi pranzi estivi; può essere utilizzato in aggiunta a sorbetti o gelati per arricchirne la personalità in modo unico. E perché no, può diventare ingrediente di piatti creativi: che ne direste di un sorprendente tiramisù al limoncello?

Per maggiori informazioni clicca qui

Tags: , , ,