I volontari in stile Vintage al Summer Jamboree con La Via della Felicità

Scritto da Tiziana Bonazza il . Pubblicato in Religione

Non solo il costume ma anche  l’opuscolo  La Via della  Felicità in versione Vintage.

Più felicità non solo per un attimo ma per tutta la vita!

Un po’ di buon senso in più può cambiare la nostra vita in meglio può renderci più felici.

In mezzo ad auto d’epoca, moda vintage e tanta musica arrivano anche i volontari “La via della felicità” che domenica 4 agosto, a Senigallia, in occasione del Summer Jamboree,  si sono dedicati a una vasta distribuzione dell’opuscolo  La Via della  Felicità, in versione Jamboree. Molti i commenti positivi da coloro che hanno ricevuto la copia dell’opuscolo  e che curiosamente si son messi a leggerli.

“Chi non vorrebbe essere felice? Ognuno di noi ricerca da lungo tempo questa meta; ma finora in pochi sono riusciti a raggiungerla. – dice Marianna, coordinatrice dell’iniziativa – Eventi come questi sono spettacolari per portare le persone su di morale e sentirsi felici. Musica eccezionale, energica e coinvolgente …. E un pizzico di buon senso in più con La via della felicità, pensiamo siano gli ingredienti perfetti per condurre ad uno stile di vita molto positivo.”

La via della felicità è opuscolo con semplici consigli che possono guidare un individuo  fuori dalla confusione e può eliminare  abitudini scorrette  al fine di conseguire la felicità.

Questa guida scritta dal filosofo umanitario L. Ron Hubbard contiene 21  punti per avere una vita felice, è un codice di valori basati sul buon  senso, offre un mezzo per comprendere  se stessi e per capire ciò che è  giusto e sbagliato e che, in quanto tale, fornisce una vera  possibilità  di diffondere pace e tolleranza.

Dove sono finiti quei valori morali legati al comportamento umano  razionale che sono stati da sempre alla base della creazione delle più  grandi civiltà?

La Via della Felicità colma il vuoto morale di una società sempre più  materialista, e ripristina la serenità nelle persone.

Scopri di più al sito: www.laviadellafelicita.it