I MEDICI LEGALI SOSTENGONO GLI ORTOPEDICI

Scritto da Roberta Spinelli il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Salute

IL SEGRETARIO NAZIONALE SISMLA ZINNO: “ OCCORRE PROPORRE UNA NORMA CHE PARTENDO DALLA TUTELA DEL PAZIENTE, GARANTISCA E TUTELI ANCHE I MEDICI”.

Anche il SISMLA, Sindacato Italiano Specialisti di Medicina Legale e delle Assicurazioni, sostiene gli ortopedici del Sistema Nazionale, condividendo le motivazioni che hanno spinto l’ANPO – ASCOTI – FIALS MEDICI, ad indire lo sciopero del 1° luglio 2013.

<La legge Balduzzi che, per come attualmente formulata presenta delle criticità, non riesce a rispondere alle esigenze del personale sanitario in materia di responsabilità professionale>. Ad affermarlo il Segretario Nazionale Sismla, dr. Raffaele Zinno, che ha spiegato la convergenza della medicina legale con le ragioni dello sciopero. <Ciò che motiva anche il Sindacato degli Specialisti di Medicina Legale e delle Assicurazioni, è il voler ristabilire un clima di serenità nei luoghi di lavoro e dunque tra gli stessi operatori sanitari, ai quali attualmente viene negato il paritario diritto di poter bene e tranquillamente operare nello svolgimento della propria attività, lontano dall’ottica di una medicina difensiva.

Le strutture sanitarie devono sì vigilare sul corretto funzionamento della propria organizzazione, gestendone gli eventuali rischi, ma contemporaneamente dovrebbero tutelare gli operatori sanitari, ricordando che la qualità del servizio sanitario offerto, passa dalla serenità e dalla sicurezza del medico.

Riavvicinare il medico al paziente, passando dall’attuale clima conflittuale ad un sereno clima di fiducia, è ciò che da tempo cerca di ottenere il SISMLA, al fine di far emergere l’uomo medico in un rapporto dialettico con l’uomo paziente, entrambi detentori di diritti inviolabili e doveri inderogabili. Per garantire la tutela e la salute del paziente occorrerebbe formulare una norma che possa finalmente permettere la completa attuazione dell’art. 32 della Costituzione, mediante un bilanciamento dei diritti del medico con quelli del paziente>.

Il SISMLA, il cui ruolo è quello di garantire la tutela della salute del paziente anche attraverso la tutela della serenità del medico chiede al Ministro della Salute Lorenzin, l’istituzione di un tavolo tecnico con tutti gli attori coinvolti nella filiera della responsabilità, al fine di mettere mano a una norma costituzionalmente orientata in grado di affrontare e risolvere il problema creando le basi per un nuovo modello di sanità pubblica che possa guardare all’Europa.

 

Tags: ,