Gala Niaf: Riconoscimento Speciale a Marco Simeon (Rai) per Rapporti Media Italia USA

Scritto da Phinet il . Pubblicato in Spettacolo, TV

Washington, al 37° Galà Niaf Patricia de Stacy Harrison, vice presidente della National Italian American Foundation, consegna a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della Rai, il riconoscimento speciale Niaf per aver favorito i rapporti internazionali tra l’Italia e gli Stati Uniti attraverso i media. Fra i presenti al gala anche il ministro degli Esteri Giulio Terzi e l’ambasciatore italiano negli Stati Uniti Claudio Bisogniero.

Un ponte fra l’Italia e gli Stati Uniti per rafforzare i legami tra i due Paesi. E’ la mission della Niaf (National Italian American Foundation), alla base anche del tradizionale Gala che la principale associazione italoamericana organizza ogni anno a Washington e la cui edizione 2012 si è svolta fra venerdì 12 e sabato 13 ottobre scorsi.

A fare da prologo alla trentasettesima edizione dell’evento è stata una conferenza scientifica su un tema di forte attualità: “Breast Cancer, Bridging Research and Clinical Medicine” (Tumore del seno, un ponte fra ricerca e medicina clinica).

Al centro dell’attenzione le più recenti strategie terapeutiche preventive del cancro al seno e gli studi sulla relazione tra obesità e tale tipologia di tumore unita all’importanza della dieta quotidiana come strumento di benessere.

Presenti all’iniziativa, promossa da Niaf, Sbarro Institute for Cancer Research, gruppo Il Denaro e Oleifici Mataluni, il presidente e fondatore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine presso la Temple University di Philadelphia Antonio Giordano; Massimo Cristofanilli, primario del Dipartimento di Oncologia al Fox Chase Cancer Center di Philadelphia; Biagio Mataluni presidente degli Oleifici Mataluni e presidente di Confindustria Benevento; Alfonso Ruffo, vicepresidente Niaf per il Sud Italia; Fabiana Perna, ricercatore dello Sloan-Kettering Center di New York; Giuseppe Russo, ricercatore presso lo Sbarro Institute; Marie L. Garibaldi, vicepresidente Niaf e Marco Siclari, delegato del sindaco di Roma Gianni Alemanno.
Giordano spiega nel corso del seminario che l’idea dell’incontro è nata tre anni fa, quando lo scienziato napoletano è stato nominato consigliere di amministrazione della Niaf. I temi della buona alimentazione a tavola e degli effetti benefici dell’olio extravergine d’oliva caratterizzano l’intervento e la presenza di Biagio Mataluni, che rimarca la necessità di riscoprire la qualità del vero olio “100 per cento made in Italy”. “Siamo riusciti a ‘comporre’ l’olio Dante – spiega l’imprenditore – con l’idea di un prodotto altamente innovativo arricchito con vitamina D per risolvere il problema così diffuso della carenza di tale vitamina”.

Elena De Marco, del centro di ricerca degli Oleifici Mataluni, sottolinea a riguardo come le evidenze scientifiche dimostrino in maniera sempre più eclatante che la prevenzione è una delle armi più efficaci per contrastare il dilagare di numerose malattie. Lo stile di vita, e in particolare le abitudini alimentari, incidono fortemente sullo stato di salute complessivo e sull’insorgenza di diverse patologie. Per il tumore al seno, così come per numerose altre malattie, sono certamente importanti la diagnosi precoce e lo sviluppo di tecniche di cura sempre più efficaci e meno invasive, ma anche una sana alimentazione può fare molto in tal senso. “Una ragione in più – spiega De Marco – per portare in tavola un buon olio extra vergine, ricco non solo di acidi grassi monoinsaturi, alleati del sistema cardiovascolare, ma anche di numerosi componenti minori ad attività biologica con evidenti proprietà salutistiche, primi tra tutti i polifenoli”.
Giordano, alla fine dell’incontro, conferisce a Cristofanilli un riconoscimento in memoria del padre, anch’egli illustre scienziato, il “Giovan Giacomo Giordano Award for Ethics and Creativity in Medical Research”, una scultura creata dall’artista napoletano Lello Esposito.

Sabato 13 ottobre è il giorno del Gala: il chairman Giovanni Scarpa accoglie i numerosi ospiti provenienti dagli Stati Uniti e dall’Italia. A presentare la serata è Mike Piazza, star del baseball Usa, che, assieme al presidente Niaf Joseph V. Del Raso e al direttore della Fondazione John M. Viola ricorda la mission dell’organizzazione: il costante impegno nel servire la comunità italoamericana.
Tante, come ogni anno, le personalità presenti: dal ministro degli Esteri Giulio Terzi di Sant’Agata all’ambasciatore italiano negli Stati Uniti Claudio Bisogniero; dalla principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie al giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Samuel A. Alito Jr e a Louis Freeh, ex direttore del Federal Bureau of Investigation (FBI) e vice presidente della Niaf.
Il segretario della Niaf John F. Calvelli introduce un video sulle eccellenze della Calabria, Region of Honor Niaf 2012, dando un caloroso benvenuto a Giuseppe Galati, presidente della Fondazione Calabresi nel Mondo.

Letizia Moratti, presidente degli Amici di San Patrignano, riceve il premio “Niaf Special Achievement in Philanthropy”. Importanti i risultati raggiunti e celebrati: sotto la guida di Letizia Moratti, San Patrignano – il più grande centro di riabilitazione di tossicodipendenti in Italia – ha cambiato la vita di oltre 18 mila persone, offrendo loro una casa, assistenza sanitaria, assistenza legale, posti di lavoro e la possibilità di migliorare la propria istruzione.
Lamberto Maffei, presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei (l’Accademia della scienza più antica del mondo) riceve invece il riconoscimento speciale Niaf per i contributi accademici, mentre a Mark Del Rosso, direttore generale e vice presidente esecutivo di Audi America, viene attribuito il premio Niaf Special Achievement in Business.

Il Niaf Special Achievement Award in International Business va a Giovanni Ferrero, amministratore delegato del Gruppo Ferrero, uno dei più grandi gruppi dolciari del mondo e produttore della famosa crema di nocciole, la Nutella; Geno Auriemma, coach della squadra Usa femminile di basket medaglia d’oro ai Giochi Olimpici 2012 di Londra e della squadra dell’Università del Connecticut, riceve invece lo Special Achievement Award Niaf per lo sport.
Un premio speciale per le Scienze e Tecnologie viene assegnato a Ralph Izzo, presidente e amministratore delegato di Public Service Enterprise Group Incorporated (Pseg)
Patricia de Stacy Harrison, vice presidente Niaf e presidente e amministratore delegato della Corporation for Public Broadcasting consegna a Marco Simeon, Direttore delle Relazioni Istituzionali e Internazionali della RAI e responsabile della struttura RAI Vaticano, il riconoscimento speciale Niaf per aver favorito i rapporti internazionali tra l’Italia e gli Stati Uniti attraverso i media. Suggestivo il momento degli inni nazionali, con Giada Valenti a interpretare quello di Mameli e Christina Carlucci l’inno americano.

Fra gli eventi collegati al Gala, un altro dibattito questa volta dedicato al tema “Scienza e partenariati per l’economia, l’università e le aziende nel Ventunesimo secolo”, moderato da Mel Schiavelli, vice presidente esecutivo presso il Northern Virginia Community College. Fra i relatori Lamberto Maffei dell’Accademia dei Lincei, Emilio Bizzi, docente al Mit (Massachusetts Institute of Technology) e Iris Palmer, esperto di politica educativa. E poi ancore tavole rotonde e dibattiti sugli italo-americani e la filantropia in Italia, sul restauro del patrimonio culturale,presentazioni e degustazioni dedicate alla Calabria e ai prodotti tipici di questa regione con il sommelier Luigi Diotaiuti, proprietario e chef di “Al Tiramisu” a Washington. Vetrina anche per “My Calabria”, di Rosetta Costantino, chefornisce una panoramica dei prodotti alimentari della regione e per il film “Passione” del regista John Turturro, sulle radici musicali e sulle tradizioni napoletane.
Da segnalare infine la presenza di Tony Reali del canale Tv ESPN e delle campionesse olimpiche Hope Solo (calcio femminile) e Brittany A. Viola (tuffi).

FONTE: Denaro

Tags: , , ,

Phinet

PhiNet nasce con l'obiettivo di garantire ai propri clienti le migliori performance di business in ambito digitale, dalla progettazione all'implementazione e gestione di piattaforme online e mobile. Questo obiettivo è perseguito attraverso la convergenza, l'interazione e la continua innovazione dei diversi canali telematici, e facendo uso di tutte le principali tecniche di comunicazione online 1.0 e 2.0. L'organizzazione è dislocata su Roma e Milano, anche se PhiNet è parte di un Network Internazionale attivo in Gran Bretagna, Stati Uniti e Sudamerica. A Roma risiedono gli Uffici direzionali, il team editoriale e quello di sviluppo IT, mentre nelle altre località (Milano, Londra, Boston, Rio de Janeiro) sono dislocate unità manageriali (Project Manager) e di accounting commerciale.