Diventare avvocato in Spagna

Scritto da stemas72 il . Pubblicato in Aziende, Dal Mondo, Legale

Fino al 30 Ottobre 2011 in Spagna non era necessario sottoporsi a nessun esame di stato per ottenere la licenza di avvocato; era difatti sufficiente possedere la “Licenciatura en Derecho” (ovvero la laurea in diritto) per potersi iscrivere all’ordine.
Dal 30 Ottobre 2011 questo non sarebbe stato più possibile teoricamente, dato che furono cambiate alcune cose in ambito legislativo, creando così non poca confusione.
In primis, è stato emanato il Real Decreto 775/2011, introducendo un iter per l’esame di avvocato in Spagna; in sintesi era obbligatoria la frequenza di un Màster en Abogacia (master in diritto) e il superamento di una prova di tipo attitudinale.

Successivamente si sono aggiunti degli altri decreti, i quali hanno creato un po’ di confusione. La prima legge è stata la Ley 5/2012, che stabiliva che coloro che avessero avviato la domanda di omologazione entro il 30 Ottobre 2011 potevano beneficiare di due anni di tempo per potersi laureare senza dover possedere il master; gli altri, invece, dovevano possedere anche quest’ultimo. Anche se, nel Novembre 2012, alcuni Ordini spagnoli hanno consentito a chi avesse fatto richiesta dopo il 30 Novembre 2011 di poter avere il diritto di entrare nell’albo degli avvocati anche solo con la “credencial de homologaciòn”.

Contro però questa pratica, il 7 Marzo 2013, il CNF spagnolo ha emanato una circolare in merito al criterio unico da adottare per la collegiazione degli stranieri. Attualmente, quindi, coloro che desiderano possedere l’abilitazione di avvocato in Spagna hanno a disposizione due alternative: seguire un master online comodamente seduti in casa oppure la “Via della prueba de aptitud” con un test a crocette.
Se anche tu desideri diventare un avvocato spagnolo e vuoi avere maggiori informazioni sul master oppure sulla “via della prueba de aptitud” visita il sito societaconsulenzaeuropea.com