Archivio per 3 Dicembre 2019

Mezzalibbra, Cometa 


Scritto da Giulio Berghella il . Pubblicato in Musica

in radio e sulle principali piattaforme digitali il singolo d’esordio del cantautore Davide Corneli in arte Mezzalibbra

Un brano che viaggia su sonorità fresche che definiscono il personaggio.
Testo dalla poetica moderna, parole semplici e belle con riferimenti efficaci ed un ritornello incisivo.

Cometa è una canzone che ha come scopo quello di ricordare che nonostante tutte le avversità che la vita ci riserva, bisogna rialzarsi rendendosi conto che ogni giorno è unico proprio come ognuno di noi.
Tutti noi siamo come delle stelle, ed ogni stella ha il diritto di splendere anche quando cade, senza preoccuparsi di chi o come la stia guardando.
Le stelle sono semplicemente lì nel cielo che splendono indipendentemente da tutto.
Anche se intorno è tutto buio… bisogna continuare a brillare!

Davide Corneli, in arte Mezzalibbra, inizia gli studi di canto da bambino per poi appassionarsi al basso e infine anche alla chitarra. Nel corso degli anni ha suonato in vari gruppi, festival e club per poi iniziare ad avvicinarsi alla scrittura delle proprie canzoni all’età di 18 anni, appassionandosi anche alla poesia. Il nome d’arte Mezzalibbra ha un significato profondo che rimanda al suo legame con la natura e le sue origini in cui trova massima ispirazione per le sue composizioni.

La sua musica si accosta al Soul nel quale inserisce anche elementi Rock creando un mix che esprime appieno le sue sensazioni, ricordi, emozioni e storie vissute.

Attualmente al lavoro sul suo primo Ep in cui sarà accompagnato da una solida band di amici (Ciò che resta-CCR), continua con i live in giro per lo stivale, avventurandosi per la prima volta nella discografia italiana.

https://www.facebook.com/mezzalibbra/
https://www.instagram.com/_mezzalibbra_/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcodcommunication.it

Il Presidente Ernesto Pellegrini: un 2019 in continua crescita per il Gruppo

Scritto da epofficenews il . Pubblicato in Aziende

Ernesto Pellegrini ha creato nel 1965 l’Organizzazione Mense Pellegrini, oggi diventato un Gruppo internazionale che nel 2018 ha registrato un fatturato di 590 milioni di euro.

Ernesto Pellegrini, Presidente Gruppo Pellegrini Spa

Ernesto Pellegrini: nascita e affermazione del Gruppo Pellegrini

La crescita del Gruppo fondato da Ernesto Pellegrini comincia nel 1965 quando l’allora venticinquenne dà vita all’Organizzazione Mense Pellegrini, un’azienda che si occupa inizialmente di ristorazione collettiva. I risultati non tardano ad arrivare e dopo dieci anni di attività l’azienda diventa “Pellegrini S.p.A.”, così com’è conosciuta attualmente. Espande le proprie attività anche al settore dei servizi per le aziende (buoni pasto, pulizie e servizi integrati, distribuzione automatica, welfare aziendale) arrivando anche sui mercati esteri con la costituzione della “Pellegrini Catering Overseas SA”. Dopo circa 55 anni di attività e una costante crescita sia nei fatturati che nei servizi offerti, il Gruppo attualmente presieduto da Ernesto Pellegrini annovera nel 2018 un fatturato di 590 milioni: quest’anno si prevede una crescita ulteriore fino a 630 milioni di euro, soprattutto anche per effetto dell’ottenimento di 60 nuovi appalti.

Fondazione Ernesto Pellegrini ONLUS: l’impegno nel sociale dell’imprenditore

La sostenibilità sociale rappresenta un valore fondamentale per Ernesto Pellegrini e il Gruppo che presiede: non a caso il Presidente non ha esitato a definirla un “faro che guida tutte le scelte del Gruppo”. Risale al 2013 la nascita di “Fondazione Ernesto Pellegrini ONLUS”: tra le diverse attività spicca il ristorante solidale Ruben, che ha come mission quella di offrire quotidianamente la cena a 350 persone in temporanea difficoltà al prezzo simbolico di un euro. Il nome è stato scelto proprio da Ernesto Pellegrini, che ha voluto chiamare il ristorante come un suo aiutante che in passato aveva lavorato in campagna nella cascina dei genitori, ritrovandosi poi in condizioni di miseria. Ora è anche grazie a lui che la Fondazione, nel 2018, ha servito quasi 51.000 cene a persone in difficoltà.