Archivio per 21 Novembre 2019

Innovazione: le osservazioni del Presidente di Iterchimica Vito Gamberale sul Gipave

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Il Gipave è un nuovo additivo supermodificante a base di grafene creato per rendere l’asfalto ecosostenibile: ne parla Vito Gamberale, Presidente di Iterchimica che ha brevettato sia il prodotto (l’additivo Gipave) che il processo produttivo.

Vito Gamberale

Iterchimica, il brevetto Gipave: le considerazioni del Presidente Vito Gamberale

“Voglio esprimere l’orgoglio di tutta l’azienda per questa innovazione straordinaria nel campo degli additivi per asfalti che ci permette di immaginare un futuro più sostenibile e tecnologico per le infrastrutture stradali”: è nelle parole del Presidente di Iterchimica Vito Gamberale il valore del Gipave, il nuovo supermodificante a base di grafene realizzato e brevettato dall’azienda bergamasca. High-tech e green si fondono nel prodotto, pensato per realizzare pavimentazioni ecosostenibili e 100% riciclabili senza pesare eccessivamente sui costi: l’incremento oscilla infatti solamente tra il 10 e il 15 per cento. Sperimentato su strade extraurbane a Roma e Milano, a inizio ottobre è stato impiegato per la prima volta nel centro abitato di Bergamo, su un tratto della circonvallazione Fabriciano di circa 800 metri. Non a caso Vito Gamberale, presente durante i lavori, ha ringraziato il Sindaco Giorgio Gori che “ancora una volta si dimostra sempre attento a conciliare la sicurezza e i servizi per i cittadini con l’ausilio delle tecnologie più avanzate”.

Vito Gamberale: Gipave, un’innovazione targata Iterchimica

Iterchimica, guidata dal 2015 dall’Ing. Vito Gamberale, ha brevettato sia il prodotto (l’additivo Gipave) che il processo produttivo. I risultati delle sperimentazioni saranno analizzati da un laboratorio indipendente. L’obiettivo è ultimare entro l’anno i test di laboratorio e sul campo e arrivare nel 2020 alla commercializzazione del prodotto. Ma la società bergamasca, leader nel settore della produzione di additivi per asfalto, è ottimista. Come sottolineato dal Presidente Vito Gamberale infatti, i “risultati ottenuti finora ci fanno ben sperare in termini di maggior durata e resilienza delle strade grazie a questa innovazione tutta italiana”.

“Sinfonia, di Rose, di Cera”, il nuovo romanzo dello scrittore Edoardo Francesco Taurino

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Libri

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Sinfonia, di Rose, di Cera di Edoardo Francesco Taurino

Edoardo Francesco Taurino presenta “Sinfonia, di Rose, di Cera”, il suo libro d’esordio in cui racconta la storia d’amore tra un uomo e una donna, i genitori del protagonista, e lo fa quando ormai colui che parla è adulto e ha deciso di affrontare il passato. Con questo romanzo, il narratore protagonista prova a “guardare negli occhi” la madre e il padre, ormai scomparsi. Con questo racconto l’autore racconta la bellezza dell’universo, un vero e proprio trionfo della vita. Inoltre, vuole denunciare ciò che è successo e succede tuttora in Tibet, facendosi in qualche modo portavoce delle 137 persone che si sono date fuoco in segno di protesta a partire dal 2009.

Titolo: Sinfonia, di Rose, di Cera

Autore: Edoardo Francesco Taurino

Genere: Narrativa moderna e contemporanea

Casa Editrice: Schena Editore

Pagine: 145

Prezzo: 15,00 € Prezzo online: 12,75 €

Codice ISBN: 9788868062187

«Abbiamo aperto gli occhi nell’infinito e in esso ci siamo addormentati,

richiudendoli nella paura. Nell’inconscio del trasporto di questo

sogno, mossi dai flussi che dominano i cuori del mondo, ci siamo risvegliati

l’uno accanto all’altra. Così ti ho incontrata, mia amata, subito

dopo averti sognata. Abbiamo chiuso gli occhi nella paura, li abbiamo

riaperti nell’amore. […]».

Il romanzo di Edoardo Francesco Taurino è una lunga riflessione in cui la parola, che si fa poesia, ha una importanza fondamentale. Essa è il mezzo essenziale per comprendere l’universo, la sua bellezza e l’amore. Dinanzi ad un cielo infinito si propaga una dolce poesia per tutto ciò che poteva essere e non è stato, per coloro che hanno guardato nell’oblio di ciò che è perduto e ne sono rimasti schiavi. In quell’oblio fa eco un suono di liberazione, propagandosi nel vento. Fuochi risplendono nel cielo della notte, cuori donano la loro vita per donare ad altri la vita. L’impeto del fuoco fa riferimento al sacrificio di centotrentasette monaci tibetani che si diedero fuoco per protestare contro la politica oppressiva cinese. In questo contesto di tragedia è possibile ascoltare una sinfonia che racconta la verità dell’anima di quei cuori puri, poiché l’infinito si ricorda di coloro che hanno curato le rose dell’eternità. Oltre a questo omaggio alla tragica condizione tibetana, l’autore racconta una storia d’amore tra un uomo e una donna dal proprio punto di vista. Racconta la storia di un uomo e di una donna nel cui legame prende corpo la bellezza, in cui in un equilibrio perfetto convivono verità, energia, nascita e morte, bene e male, il passato, il presente e il futuro, il caso e il destino, il caos e la perfezione, il visibile e l’invisibile, la paura e la gioia. In definitiva: la vita. Perché di vita e del mondo parla Sinfonia, di Rose, di Cera: «Ma chi ben sa mi chiederà di quale mondo io stia parlando; gli risponderò allora che si tratta del mondo costruito nel cuore degli uomini». Questo romanzo racconta così una storia particolare e una storia più grande e attraverso un flusso continuo di parole dense e cariche di significati comunicano un messaggio fondamentale, ovvero che in ogni anima c’è qualcosa di vivo, di importante e che è possibile scoprire se solo si sa andare oltre la carnalità dell’essere. In questo romanzo Taurino innalza un vero e proprio inno alla vita, che va vissuta e difesa a tutti i costi.

TRAMA. Il libro narra la storia d’amore tra un uomo e una donna raccontata dal figlio che molti anni dopo decide di riaffrontare il suo passato. Sceglie di farlo provando a guardare negli “occhi” la madre e il padre che non ci sono più. Lo scritto è uno stendardo alla bellezza dell’universo, un vero e proprio trionfo della vita. Esso vuole denunciare ciò che è successo e succede tuttora in Tibet, facendosi portavoce delle 137 persone che si sono date fuoco in segno di protesta. Il libro raffigura la solitudine che si può trovare all’interno di ognuno di noi in questo universo. Vuole far vedere che all’interno di ogni animo vi è qualcosa di veramente vivo oltre alla pura materia carnale. Nel suo interno si trovano le idee sviluppatesi nel corso della storia dai più grandi uomini passati su questa terra (Cristo, Buddha, Dalai lama, Platone, Shakespeare, Seneca e via dicendo). Il tutto è tenuto insieme da poesia e molto amore, ciò a cui ambisce ognuno e ciò in cui si trova immerso ognuno di noi senza rendersene conto. Denuncia lo spreco di vita e affronta la paura che si trova in ogni uomo. Un vero e proprio elogio alla vita e alla bellezza.

BIOGRAFIA. Edoardo Francesco Taurino viene al mondo sotto le stelle del 18 aprile 1997. Nato da madre francese e padre italiano, è uno tra i più giovani scrittori del nostro tempo. Custodisce nell’animo il romanticismo della cultura francese e il coraggio della cultura italiana. Di scuola Shakespeariana studia sin da piccolo i classici della letteratura greca e latina ed i maggiori esponenti della letteratura inglese, francese ed italiana. Amante della scultura e della pittura, innamorato dei grandi e della verità, aspira all’infinito e la sua bellezza.

L’AUTORE È DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Per richiedere e/o prenotare intervista

iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

CASA EDITRICE. «Nel lontano 1947, a Fasano, prende forma nei locali di via Egnazia la prima azienda delle “Arti Grafiche Nunzio Schena” (in seguito “Grafischena”). Di pari passo, oltre alla passione per la carta stampata (e stampata bene), cresce in Nunzio Schena sempre più forte l’amore per il libro. I primi volumi, realizzati interamente nella sua tipografia, datano alla fine degli anni Cinquanta, e da quel momento l’attenzione per la produzione editoriale diviene sempre maggiore. È però all’inizio degli anni Settanta che l’edizione di libri si fa più organica e continua. L’attenzione per i testi di argomento prima fasanese, e poi pugliese, diviene preponderante nella produzione bibliografica della fucina editoriale di Nunzio Schena. Il 1972 segna l’ampliamento delle officine grafiche col trasferimento nel nuovo, grande stabilimento di viale Stazione, con il marchio “Schena Editore”. Numerose le collaborazioni con le Università italiane: la casa editrice Schena annovera pubblicazioni realizzate con le Università pugliesi, ma anche con l’Università “La Sapienza” di Roma e con l’Università di Pavia. Anche dopo la dipartita del suo fondatore nel 2003, la casa editrice ha continuato, a perseguire il progetto culturale di Nunzio Schena e ad arricchire il suo prestigioso catalogo con circa 80 pubblicazioni annue. La passione per la cultura e l’amore per il libro persistono e si tramandano tra gli eredi di Nunzio Schena, che mantengono il carattere familiare di questa azienda. Nel 1998 è stato istituito il Premio Nazionale di Narrativa Valerio Gentile, riservato a giovani di età inferiore a 30 anni: consiste nella pubblicazione dell’opera vincitrice nella collana Pochepagine.

Contatti

https://www.sweetsoul.it/

Pagina Facebook: Edoardo Francesco / @edoardofrancescoo

Link di vendita

http://www.schenaeditore.it/catalogo/

https://www.amazon.it/Sinfonia-rose-Edoardo-Francesco-Taurino/

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna – Phone:+393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Partnership rinnovata tra PFE S.p.A. e Orlandina Basket: il commento di Salvatore Navarra

Scritto da snpressnews il . Pubblicato in Aziende, Basket

PFE S.p.A. è Top Partner del Club Orlandina Basket per la stagione 2019/2020: l’intesa, che prosegue per il terzo anno, garantirà un servizio di qualità per il Cleaning del PalaFantozzi, rendendolo ancor più accogliente e funzionale alle necessità del Club.

PFE Spa

PFE S.p.A.: l’intesa con Orlandina Basket

“Siamo fieri di essere ancora insieme all’Orlandina Basket, il nostro percorso con il Club guidato dalla famiglia Sindoni è iniziato ben tre anni addietro e possiamo dire che ormai è consolidato e sempre più produttivo”: è la dichiarazione di Salvatore Navarra, Presidente del CdA di PFE S.p.A. L’azienda di Cleaning e Facility Management ha rinnovato l’intesa con la squadra dell’Orlandina Basket, confermandosi come Top Partner del Club per la stagione 2019/2020. I vertici della squadra si sono mostrati entusiasti di avere ormai da diversi anni come partner la prestigiosa azienda, che rappresenta una vera e propria impresa d’eccellenza. “Per noi, che siamo presenti ed operiamo nei mercati nazionali ed esteri, abbinare il nostro brand a quello dell’Orlandina Basket rappresenta quell’Orgoglio Siciliano che quest’anno è anche l’hashtag valoriale della stagione e di cui anche voi avete issato una bandiera con i tanti anni di stagioni sportive disputate tra la seria A e la serie A2 che danno lustro alla Sicilia in Italia e nel mondo”, ha commentato Salvatore Navarra. Grazie alla partnership, PFE S.p.A. si occuperà dei servizi di Cleaning all’interno dell’impianto sportivo PalaFantozzi, rendendolo ancora più accogliente e funzionale.

PFE S.p.A.: la storia dell’azienda e il metodo “Clever Job”

Attiva da oltre trent’anni nel settore del Cleaning e del Facility Management, PFE S.p.A. è un’azienda la cui spinta verso l’innovazione tecnologica ha portato alla nascita del nuovo metodo di lavoro “Clever Job”, brevettato e presentato alla fiera “Pulire 2.0 di Verona” nel 2013. Il metodo, che è tuttora in continua evoluzione, garantisce notevoli vantaggi e riduzione delle tempistiche, rappresentando un valore aggiunto che contraddistingue l’operato altamente innovativo di PFE S.p.A. L’azienda, ben strutturata, dedica particolare attenzione ai propri lavoratori e alle tematiche legate al sostegno delle donne. Salvatore Navarra, l’attuale Presidente del CdA, è entrato nell’azienda di famiglia nel 1994, diventandone General Manager nel 2004 e Amministratore Delegato nel 2009. Ha contribuito in prima persona al processo di internazionalizzazione, tutt’ora in atto.

Adesivi Murali per la Cameretta dei Vostri Bimbi

Scritto da Erica Bezze il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle

Che siate in dolce attesa o che abbiate già dei figli arriva il momento di arredare o rinnovare gli spazi dedicati ai più piccoli, sbizzarrendosi con decorazioni per camerette! E quale metodo migliore dell’utilizzo di stickers? Questi stickers infatti sono realizzati con materiali di alta qualità, ignifughi, atossici e resistenti all’umidità, ma soprattutto lavabili. Facili e simpatici risultano il compromesso migliore per decorare la cameretta in modo creativo e facile grazie anche alle diverse tipologie  ideali anche per la nursery. Sono presenti moltissime tipologie di adesivi murali per le camerette, reperibili sia online che nei negozi di arredamento. Per dar sfogo alla creatività anche dei bambini sono disponibili stickers lavagna a forma di animali simpatici su cui poter scrivere  tutto ciò che passa per la mente. I vostri bambini avranno l’imbarazzo della scelta tra il toro, la mucca, l’ippopotamo, la pecorella e il gattone innamorato e molti altri. Ad ogni loro utilizzo si puliscono in maniera perfetta e sono molto resistenti, potendole applicare su qualsiasi superficie.

Decorazioni camerette: fantasiose e semplici da applicare

L’utilizzo di stickers per decorare o rinnovare la cameretta dei propri bimbi, rappresenta la scelta ideale sia per il proprio budget che per l’atmosfera singolare e creativa che ne scaturisce. La loro semplicità di applicazione e manutenzione attribuisce a questi stickers un interesse ulteriore. Inoltre sono presenti adesivi murali che proiettano chiunque in luoghi incantati, semplicemente posizionandosi sulla parete e trasmettendo emozioni positive ai bambini. Si presentano funzionali e artistici con un incredibile rapidità e facilità di applicazione. Grazie al loro utilizzo permettono sicuramente di risparmiare tempo e dar sfogo alla creatività dei più piccoli. L’applicazione di questi stickers risulta davvero semplice e divertente: Prima di tutto basterà pulire la superficie su cui si desidera posizionare questi adesivi per il bagno, poi si potrà procedere con la loro applicazione con mano ferma e precisione, applicando un po’ di pressione finale per ottimizzare la presa sulla superficie. In questo modo si potrà regalare ai più piccoli l’emozione di avere luoghi incantati e animaletti simpatici direttamente in camera. Se si vorrà poi spostare lo sticker, si potrà rimuovere e riapplicare su un’altra superficie senza problemi, effettuando lo stesso procedimento.

Luoghi incantati e animaletti nella propria cameretta

Grazie a queste splendide decorazioni per camerette chiunque può rinnovare con facilità la stanza dei propri bimbi con moltissime soluzioni diverse. Sono infatti presenti sui siti online specializzati, stickers che trasportano i bimbi in luoghi incantati, celi stellati o fattorie con simpatici animaletti. Se si ama la creatività sicuramente ci si divertirà molto a decorare la stanza con fatine, alberi fioriti, lavagnette a forma di animali, applicando simpatici stickers anche sulla porta della stanza. Unicorni volanti, gufetti che tengono compagnia ai propri bimbi e scritte che rallegrano le proprie giornate, insomma davvero una vasta scelta per decorare la cameretta dei propri figli. In questo modo sarà anche più facile facile e divertente dare sempre una nuova personalità agli interni di casa propria e stimolare la creatività dei propri figli mano a mano che questi crescono.

L’artista delle donne Matteo Fieno omaggia Belen Frau, amministratore delegato di Ikea Italia

Scritto da Elena Gollini Art Blogger il . Pubblicato in Arte

L’artista Matteo Fieno ha recentemente voluto omaggiare con una sua opera pittorica Belen Frau, amministratore delegato di Ikea Italia, che ricopre questa prestigiosa carica con successo dal 2015 ed è considerata una delle figure femminili di punta del grande colosso mondiale dell’arredamento. Con questo dono simbolico Fieno ha voluto dimostrare la sua stima e la sua ammirazione verso questa donna di valore, che si è fatta strada con determinazione, intraprendenza e meritocrazia e ha raggiunto una posizione di rilievo indiscussa nel panorama internazionale. La consegna del quadro è avvenuta in data 8 Novembre 2019, nel contesto della storica Fondazione Mirafiore di Fontanafredda, che ha inaugurato la decima stagione annuale del suo calendario di eventi con la presenza d’eccezione della Frau, protagonista di una stimolante e coinvolgente conferenza in stile lectio magistralis dal titolo emblematico “Siamo fatti per cambiare”.

Fieno nel suo rievocare la figura muliebre e nell’infoderle intensa enfasi celebrativa, è come un poeta dell’universo femminile che lo decanta e lo esalta proprio attraverso i suoi versi aulici. Alla stessa stregua Matteo usando la forza e l’energia delle sue raffigurazioni che sprigionano una potente carica di virtuosa e ammaliante seduzione, compone una metafora poetica di profondo significato e traccia un componimento pittorico che trasporta con sé un tripudio di sentimenti e amplifica a tutto tondo la sublimazione assoluta del senso di essere donna ed esistere in quanto tale con piena consapevolezza del proprio ruolo.

Miami meets Milano al TG2: una scommessa vinta per i talenti italiani

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Puntata speciale per Spoleto Arte quella di oggi, martedì 19 novembre. La rubrica Costumi & società del TG2 ha infatti dato largo spazio al tema del talento artistico italiano. Presente all’appello un’ampia panoramica che ha dato risalto alla mostra che a breve si terrà in Ocean Drive, la Miami meets Milano. Dal 4 all’8 dicembre, presso il Victor Hotel di Miami Beach l’esposizione porterà infatti agli occhi di un pubblico internazionale una rosa di artisti contemporanei.

Si dice orgoglioso il curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, presidente di Spoleto Arte. Afferma così: «Il talento italiano deve emergere, soprattutto questi straordinari artisti che abbiamo in Italia, che creano con molta fantasia, passione e dedizione. Loro devono venire fuori». Un’impresa divenuta possibile anche con la rassegna Miami meets Milano, appuntamento irrinunciabile che da anni si svolge durante la fiera d’arte più importante del mondo, Art Basel. Lo scopo principale dell’esposizione è quello di promuovere quella che è la forza latente dell’arte italiana per lanciarla sul mercato mondiale dandole in questo modo il giusto palcoscenico per esprimersi. E per farlo nel migliore dei modi è presente il contributo di numerose personalità del mondo istituzionale, della cultura e dello spettacolo. Tra questi nomi figurano infatti il prof. Vittorio Sgarbi, l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, il Direttore Generale del Ministero, il Console generale d’Italia, il Presidente della Regione Lombardia, il Sindaco di Milano, il Sindaco di Miami, Roberto Villa di Casa della Fotografia e la giornalista RAI Antonietta Di Vizia. A completare il tutto, il catalogo Editoriale Giorgio Mondadori.

La mostra verrà inaugurata alle 18 di mercoledì 4 dicembre (ora locale) e porterà, oltre alle opere di più di cinquanta artisti contemporanei, anche quelle di alcuni storicizzati, tra cui: Afro, Alighiero Boetti, Antonio Canova, Eugenio Carmi, Gino De Dominicis, Filippo De Pisis, Renato Guttuso, Marco Lodola e Pier Paolo Pasolini.

Per info è possibile chiamare lo 0424 525190, il 388 7338297, scrivere a org@spoletoarte.it o visitare il sito www.spoletoarte.it.

Guarda il video.

DT Swiss sfreccia ancora più lontano con Norblast

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Controllo sul processo di pallinatura e introduzione dello shot peening: sono queste le plusvalenze con cui Norblast ha ottimizzato l’attività di DT Swiss, azienda svizzera leader nella realizzazione di componenti per bici da corsa e mountain bike

Nel panorama industriale moderno, abituato a lavorare su grandi volumi, la presenza di un controllo qualificato sull’intero ciclo produttivo, rappresenta un nuovo fattore di competizione, capace di incidere tanto sulla qualità quanto sul prezzo del prodotto finale. Una gestione attenta e oculata dell’intero processo, infatti, permette di individuare punti deboli e criticità, eliminare sprechi e, soprattutto, mantenere standard elevati per ogni singola lavorazione.
Lo sa bene DT Swiss, azienda svizzera, leader nella realizzazione di componenti per bici da corsa e mountain bike, che ha trovato in Norblast, player indiscusso nella progettazione e costruzione di macchine per i trattamenti superficiali, un partner ideale per ottimizzare e potenziare la propria attività, già riconosciuta nel settore come un’eccellenza, soprattutto in relazione alla realizzazione di cerchi in alluminio, apprezzati dal mercato per una particolare rugosità superficiale.
Ed è stato proprio quest’ultimo l’ambito di intervento che ha caratterizzato l’operato di Norblast. Nello specifico DT Swiss ha consegnato all’azienda bolognese una duplice sfida: da una parte fornire gli strumenti per controllare le performance della pallinatura superficiale sui cerchi in alluminio – trattamento che DT Swiss già realizzava in autonomia -, dall’altra parte introdurre i benefici derivanti dallo shot peening, trattamento di cui, il Gruppo Norblast vanta una specializzazione a livello mondiale attraverso il know how della consociata Peen Service.
Attraverso un metodo lavorativo consolidato e orientato alle esigenze del cliente, Norblast ha raccolto e vinto questa sfida. Analizzando il processo produttivo di DT Swiss, la più che quarantennale esperienza di Norblast ha permesso di individuare alcuni elementi volti a potenziare il processo e il risultato, introducendo la tecnica dello shot peening. È stato così realizzato un impianto su misura, valido per tutta la gamma di taglie cerchio che DT Swiss produce, dalla mountain bike alle bicicletta da corsa, in grado di superare le aspettative iniziali del cliente. Sotto la soglia del minuto, la macchina garantisce la lavorazione di due cerchi, mantenendo invariati i requisiti di tensione benefiche, l’effetto superficiale caratteristico dei prodotti DT Swiss e, infine, permette un importante risparmio di graniglia, tra i costi più elevati del processo. Con questa soluzione Norblast si conferma come partner privilegiato, in grado di operare in qualsiasi settore industriale, forte del know how acquisito nell’ambito dei trattamenti superficiali e della capacità di interpretare le esigenze specifiche del cliente e trasformarle in soluzioni customizzate di alto valore tecnologico.

https://norblast.it/