Archivio per 16 Ottobre 2019

Campagnola si colora di viola con lo scuotitore Starberry MD1

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Agricoltura, Aziende

L’azienda emiliana giunta al traguardo di 60 anni di attività guarda al futuro e affronta le nuove sfide del mercato lanciando un nuovo prodotto di particolare rilevanza per il mondo agricolo: Starberry MD1, scuotitore elettrico in speciale anteprima per l’Italia.

Dopo il successo riscosso dalla proposta multipla dei prodotti lanciati lo scorso anno adatti a vigneti, frutteti, agrumenti, piante ornamentali e sempre verdi, stavolta l’attenzione si rivolge tutta ad un piccolo frutto molto pregiato: il mirtillo. Alle porte dell’autunno si fa sentire l’esigenza della raccolta delle diverse varietà di mirtilli: Starberry MD1 è lo scuotitore elettrico dedicato a questa bacca che nasce per agevolare il lavoro dei professionisti che operano nel settore.

Il kit di Starberry è composto da una batteria al litio, caricabatteria e valigetta per il trasporto e infine uno zainetto ergonomico portabatteria utilizzabile per tutti gli attrezzi made in Campagnola.
Le caratteristiche tecniche del modello dimostrano la cura e l’attenzione dedicata a questo prodotto da parte di Campagnola: con il suo peso di 1 kg unito a 1,2 kg di batteria, Starberry permette la lavorazione in autonomia per 8/9 ore; inoltre è dotato di un’impugnatura ergonomica e il suo raggio d’azione adatta a tutte le cultivar di mirtillo.

60 anni e non sentirli: l’emiliana Campagnola rinconferma la propria eccellenza e la propria concentrazione su ricerca e innovazione tecnologica grazie a questo nuovo progetto sviluppato nell’intento di fornire una soluzione pratica ad un’attuale richiesta degli utilizzatori finali. Dopo quest’anteprima di Starberry MD1, si prevede la grande produzione nel 2020.

https://campagnola.it

Cuccia doppia: una pratica soluzione per la vita dei tuoi cani

Scritto da sonia il . Pubblicato in Casa e Giardino

Molto spesso gli amanti dei cani non si accontentano e vogliono donare affetto e attenzioni varie a più di un esemplare. Magari perché possono disporre di un ampio spazio all’aperto dove gli amici a quattro zampe possono scorrazzare liberamente.

Acquistare una cuccia singola per ogni cagnolino, è un’operazione sconveniente in termini di costo e spazio. È sicuramente indicato scegliere una cuccia doppia per cani, che permette di tenere al riparo e far riposare due animali in un’unica soluzione.

In commercio sono presenti vari modelli, in diversi materiali, che possono essere personalizzati in base alle proprie esigenze: per esempio è possibile aggiungere il save food, la porta basculante o delle targhe con il nome o con la scritta “attenti al cane”.

Al di là di questo aspetto, è fondamentale selezionare la giusta dimensione in modo che le creature al loro interno possano godere del massimo confort e soprattutto assicurarsi che la qualità sia elevata.

Mai sottovalutare la qualità della cuccia

Al momento dell’acquisto di una cuccia, è essenziale tenere sempre in considerazione la qualità: gli animali, sempre affettuosi nei confronti dei propri padroni, meritano un posto dove poter riposare, che sia confortevole e abbia la giusta temperatura.

È conveniente scegliere gli accessori migliori, facendo un investimento iniziale maggiore, ma avendo la garanzia che la cuccia duri a lungo nel tempo, senza il bisogno di doverla cambiare, andando a spendere ulteriori soldi in seguito.

Per prima cosa è importante che il materiale sia assolutamente resistente agli agenti termici e a prova di graffi e morsi: è decisamente raccomandabile evitare la plastica, poiché non deve alterarsi con temperature estreme o con la pioggia; inoltre il prodotto deve essere ignifugo e antistatico, cosicché la cuccia non venga intaccata da termiti o parassiti.

Le favolose caratteristiche sopraelencate le possiede l’hpl multistrato, il quale è indistruttibile agli shock termici e all’irruenza degli amici a quattro zampe e non necessita di una copertura in caso di acquazzoni. Inoltre si può facilmente lavare con semplici detergenti per la casa e non assorbe i liquidi e gli odori del cane, il che garantisce un elevato livello di igiene.

Inoltre nei vari negozi specializzati è possibile trovare modelli che sono molto facili da montare senza l’utilizzo di alcun attrezzo grazie al meccanismo ad incastro e/o hanno il tetto apribile, in virtù del quale è decisamente agevole pulire al loro interno.

Cucce doppie coibentate

Per avere una assoluta garanzia sulla salute dei cani, quando si decide di lasciarli principalmente all’esterno della propria abitazione, è raccomandabile optare per una cuccia coppia doppia coibentata, ovvero rivestita da un materiale isolante.

Essa è l’ideale per proteggere gli animali in caso di temperature molto rigide, visto che il calore corporeo può non essere sufficiente oppure quando il clima è rovente ed evitare di conseguenza che abbiano colpi di calore o insolazioni.

È altamente consigliata per i cani con una età avanzata dato che sono caratterizzati da un metabolismo lento e una forma fisica generalmente debole. È perfetta anche per cagnoline in attesa del parto; in modo da donare un caldo e accogliente riparo ai cuccioli appena nati.

ABBI CURA DI TE Una storia vera

Scritto da luisanda dell'aria il . Pubblicato in Libri, Salute

Il cancro all’ovaio colpisce 5200 donne l’anno, pari al 4%, e non se ne parla. Non c’è una adeguata sensibilizzazione, non c’è una adeguata informazione. Le donne non sanno!

Non si parla mai dei sintomi perché comuni a molte patologie e potrebbero creare ingiustificati allarmi ma costituiscono il primo campanello d’allarme al quale, noi donne, dobbiamo stare attente. Eppure il silenzio è assordante!! Ho scritto Abbi Cura Di Te Una storia vera, la mia storia, perché ho sentito un bisogno irrefrenabile di informare quante più donne possibile su questo brutto cancro e soprattutto sui suoi sintomi. È il più brutto, il più insidioso, il più nefasto tra le neoplasie femminili… eppure non se ne parla!

L’ho dedicato Alle donne sane perché vi restino tutta la vita. Ho immaginato di parlare con ognuna scrivendo una lunga lettera ad una donna che ho chiamato Donna e quella Donna puoi essere tu. Abbi Cura Di Te è stato pubblicato il 19 luglio 2019, è scaricabile gratuitamente dal sito http://luisanda.dellaria.weebly.com, già più di mille donne lo hanno letto. Leggilo anche tu e racconta a quante più donne possibile cosa stai leggendo. Parliamo di cancro all’ovaio. Parliamo dei suoi sintomi. Non perdere l’occasione di essere tu a sapere e far sapere!

Acronis presenta le innovative soluzioni di protezione informatica che relegano al passato il backup e la protezione dei dati tradizionali

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Acronis, leader globale della protezione informatica, ha presentato oggi Acronis Cyber Protect, Acronis Cyber Platform e Acronis Cyber Infrastructure, le nuove soluzioni di protezione informatica che rivoluzioneranno il modo in cui il settore affronta la cybersicurezza e la protezione dei dati.

Lanciate durante l’evento inaugurale dell’Acronis Global Cyber Summit attualmente in corso a Miami, in Florida, le nuove soluzioni di Acronis offrono capacità di protezione informatica innovative, e vanno a sostituire le soluzioni preesistenti che non sono più in grado di affrontare le problematiche attuali dell’IT.

Nell’odierno mondo digitale la piena fiducia nelle informazioni disponibili è imprescindibile per poter prendere decisioni basate sui dati. L’adozione sempre più diffusa delle tecnologie di machine learning e di intelligenza artificiale consente alle aziende di gestire in modo rapido ed efficiente il processo decisionale, ma richiede al contempo l’acquisizione, lo storage e l’impiego di dati che devono poter essere considerati attendibili. La proliferazione dei dispositivi e della distribuzione di dati tra più sistemi, ubicazioni e servizi cloud rende più complessa l’infrastruttura, che, ormai decentralizzata, diventa più vulnerabile agli attacchi informatici. Acronis la difende, mettendo a frutto la propria esperienza nella protezione di oltre 500.000 clienti aziendali e 5,5 milioni di utenti privati che utilizzano Acronis Active Protection, la tecnologia che nel solo 2018 ha bloccato oltre 400.000 attacchi ransomware, con un risparmio di centinaia di milioni di dollari per aziende e consumatori.

“L’odierna dipendenza dai dati crea sfide mai affrontate prima d’ora dalle aziende, che dispongono di soluzioni non progettate per gestirle”, ha sottolineato Serguei Beloussov, fondatore e CEO di Acronis. “Per superare questi nuovi ostacoli è imperativo un approccio totalmente nuovo alla gestione e alla protezione dei dati, che deve coprire salvaguardia, accessibilità, privacy, autenticità e sicurezza dei dati, i cinque vettori SAPAS della protezione informatica. La nostra suite di soluzioni è progettata specificamente per coprire tutti questi aspetti.”

Disponibili tramite un ecosistema internazionale costituito da oltre 50.000 partner, le soluzioni, nuove e aggiornate, includono:

  • Acronis Cyber Protect, che integra in un’unica soluzione di facile impiego sette funzionalità chiave per la protezione informatica: backup, disaster recovery, difesa dal malware basata su IA, certificazione e convalida dell’autenticità dei dati, valutazione della vulnerabilità, gestione delle patch, monitoraggio e gestione da remoto.
  • Acronis Cyber Platform, che permette agli sviluppatori e agli ISV di personalizzare, estendere e integrare le soluzioni Acronis Cyber Protection.
  • Acronis Cyber Infrastructure, un’infrastruttura iperconvergente conveniente, facile da usare e affidabile, ottimizzata per l’implementazione della protezione informatica.

“Fino ad oggi la sicurezza informatica e la protezione dei dati sono state considerate discipline distinte, ma la richiesta crescente di dati e analisi da parte delle aziende rende questa demarcazione sempre più evanescente. Invitiamo le organizzazioni a intraprendere il cambiamento e a vedere nella crescita dei dati e nelle iniziative di trasformazione digitale un’opportunità per adottare i principi della protezione digitale” ha affermato Andrew Smith, responsabile ricerca, Enterprise Infrastructure di IDC. “Le organizzazioni che si avvalgono di un programma di protezione informatica a 360° risulteranno più protette da perdite, furti e manomissioni dei dati.”

Le nuove soluzioni annunciate da Acronis offrono una protezione digitale facile, efficiente e sicura grazie alla completa integrazione a livello aziendale, di interfaccia utente, di gestione, di prodotto e di tecnologia. I clienti si avvantaggiano quindi della protezione avanzata, della maggiore disponibilità dei sistemi e di costi di gestione significativamente ridotti rispetto a qualsiasi altra soluzione non integrata.

Acronis Cyber Protect

Acronis Cyber Protect è la prima soluzione di protezione informatica totale che copre tutti i fattori previsti dal framework per la cybersecurity promosso dal NIST: identificazione, protezione, rilevamento, reazione e ripristino. Tutte le funzionalità di Acronis Cyber Protect sono disponibili tramite un unico agente leggero e amministrate con una console di gestione moderna che offre un’esperienza web ottimizzata per i dispositivi mobili.

Acronis Cyber Platform

È la piattaforma su cui si basano tutti i servizi Acronis e include una serie di API supportate da SDK (kit di sviluppo software) e codici di esempio. L’accesso alla piattaforma consente ai partner di differenziarsi dai competitor proteggendo nuove origini dati, supportando nuove posizioni di storage, implementando funzionalità di gestione dei dati innovative e migliorando le applicazioni con la protezione digitale.

“Acronis è un partner strategico e un leader del mercato” ha affermato Jeff Bishop, responsabile prodotto di ConnectWise. “L’azienda è come sempre tra i pionieri dell’innovazione, anche in questa fase di rapida convergenza tra protezione dei dati e sicurezza informatica. Abbiamo collaborato con entusiasmo ad Acronis Cyber Platform, apportando integrazioni reciproche finalizzate a migliorare l’esperienza dell’utente finale. L’intero ecosistema trarrà vantaggio dalla protezione informatica mirata e dall’approccio aperto alla nuova Acronis Cyber Platform.”

Acronis Cyber Infrastructure

Una soluzione di infrastruttura software-defined universale che impiega hardware standard di largo consumo e combina carichi di lavoro di elaborazione, di rete software-defined e di storage di blocchi, file e oggetti. Progettata specificamente per la protezione dei carichi di lavoro, Acronis Cyber Infrastructure offre il costo più basso sul mercato per la gestione e lo storage dei dati secondari, oltre a un ambiente affidabile e sicuro per l’esecuzione di Acronis Cyber Platform e delle soluzioni basate sulla piattaforma.

Biennale Milano presentata da Sgarbi: tutti gli ospiti illustri e gli eventi speciali

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

È arrivato il momento di trarre le conclusioni anche per Biennale Milano, conclusasi ieri. L’International Art Meeting, presentato dal prof. Vittorio Sgarbi, si è tenuto presso il Brera Site (via delle Erbe 2, Milano) dal 10 al 14 ottobre e ha riscosso successo oltre ogni dire. Organizzato dal curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes, l’evento ha visto in esposizione ben 230 artisti italiani e stranieri con 502 opere.

Ma diamo ancora un po’ di numeri: con una media di oltre mille visitatori al giorno, la mostra ha registrato tutta una serie di eventi pensati ad hoc per le cinque giornate. Nel solo giorno dell’apertura, giovedì 10 ottobre, la conferenza stampa ha visto il picco d’interesse di pubblico e stampa. Presenti, tra gli ospiti illustri, il sociologo Francesco Alberoni, Morgan, il direttore di Tgcom 24 Paolo Liguori, la già direttrice di «Chi» e «Diva e Donna» Silvana Giacobini, Jo Squillo, Dalila Di Lazzaro, Massimo Giletti e lo stilista Alviero Martini. Ma l’interesse era elevato ancora prima: nei giorni precedenti l’inaugurazione, hanno infatti visitato l’esposizione l’ex calciatore Marco Borriello, la conduttrice Melba Ruffo e il critico d’arte Luca Beatrice, a cui è stato concesso un tour in anteprima.

Il secondo giorno, venerdì 11 ottobre, ha dimostrato una nuova ondata d’interesse per gli appuntamenti con Paolo Liguori ed Edoardo Bennato, presente all’interno della Biennale di Milano con la sua serie di opere intitolate “In cammino”.

Attesissima poi la giornata di sabato 12 ottobre, che, apertasi con un’incursione del giornalista Giuseppe Cruciani, noto conduttore del programma radiofonico “La Zanzara”, è culminata con un Vittorio Sgarbi attento alle necessità di un paese che ancora trascura il suo patrimonio culturale: «In Italia ci può essere la mafia a Milano o Palermo, ma sicuramente c’è la mafia nel mondo dell’arte che apre le Biennali e le Triennali solo a pochi artisti, quelli che hanno un rapporto con il mercato».

Domenica 13 ottobre, infine, l’atmosfera si è fatta più frizzante con gli interventi della psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi, Morgan, Katia Ricciarelli e Carolyn Smith.

A quella che è stata pensata come una biennale all’insegna di un’Ars democratica, hanno contribuito inoltre molti altri personaggi di spicco, tra cui il direttore della Triennale di Fotografia Luigi Gattinara, il fotografo Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e Dario Fo, l’artista José Dalì, figlio di Salvador Dalì, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia, il direttore dell’Ansa Vincenzo Di Vincenzo e la curatrice d’arte Nicoletta Rossotti. In visita anche i consoli di Albania, Tunisia, Egitto e Polonia. «In tutte le grandi città artistiche del mondo ‒ ha spiegato Nugnes ‒ c’è una biennale d’arte. Non ho mai capito perché solo Milano, con la sua storia e la sua tradizione legata all’arte, non avesse un appuntamento di questo tipo». La terza edizione di questa grandiosa kermesse rende onore all’impegno di portare arte e cultura a portata di tutti.

Realizzazioni in ceramica Toscana

Scritto da letizia wd il . Pubblicato in Arte, Aziende

Realizzazioni in ceramica Toscana: Chianti Arte Ceramica.

Chianti Arte Ceramica mette a vostra disposizione un catalogo online con tanti prodotti in ceramica come tavoli, sedie, panchine e tanto altro. Gli articoli proposti vengono realizzati con una  una base in ferro battuto e l’aggiunta decorativa della ceramica, che va ad arricchire il tutto.

La nota ditta non solo permette l’acquisto online di numerosi prodotti, anche in pronta consegna, presenti nel catalogo; ma anche è possibile personalizzare ogni articolo a proprio piacimento. Possono infatti realizzare il decoro che desiderate sulla forma che vi attrae maggiormente.

Tutti gli oggetti vengono realizzati con tecniche moderne di lavorazione e materiali di elevata qualità, che sono garanzia di un articolo di pregevole manifattura e spessore artistico.
Non a caso Chianti Arte Ceramica è conosciuta e apprezzata per la competenza, la professionalità del suo team e per il design e la qualità dei suoi prodotti tutti rigorosamente Made in Italy.

Dietro ogni realizzazione di Chianti Arte Ceramica vi è una storia da raccontare, fatta di passione e dedizione verso il proprio lavoro, che è ben distante dalla produzione di massa e standardizzata.
Infine le tecniche di produzione del tutto artigianali fanno sì che ogni oggetto non trovi mai una replica esatta ma rimanga sempre unico.

Tutto questo è Chianti Arte Ceramica. L’arte che prende forma.

Una bontà destinata a crescere

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Pieno successo per Le Conserve della Nonna che dopo il Quality Award 2019 si prepara a un ulteriore ampliamento di gamma: con sola frutta italiana e zucchero di filiera nazionale, lo storico marchio del Gruppo Fini si conferma protagonista nella categoria nel segmento delle confetture extra.

In attesa di nuove referenze già in fase di studio, ulteriore valore aggiunto arriva per le confetture di Le Conserve della Nonna, brand fondato nel 1973 a Ravarino (MO) e oggi in forza al Gruppo Fini.
Già a marzo l’azienda modenese si era aggiudicata il prestigioso Quality Award 2019 per le confetture, disponibili nelle varianti di gusto ciliegia dell’Emilia, fichi, amarene dell’Emilia, pesca, albicocca, fragole, arancia, more, frutti di bosco e sapore.

Il premio è il risultato di una valutazione diretta da parte di 300 consumatori chiamati a giudicare vari componenti del prodotto nel suo complesso (gli ingredienti, l’aspetto, il sapore, la consistenza, il profumo, ecc…) nel corso di rigorosi blind test che avvengono in laboratori indipendenti specializzati nell’analisi sensoriale. Un importante riconoscimento a garanzia della bontà dei prodotti, attribuito direttamente dai consumatori che dimostrano di riconoscerne l’estrema qualità.

Caratteristica distintiva della gamma è la proposta di confetture realizzate con solo 2 ingredienti 100% italiani: frutta italiana fresca di stagione lavorata appena raccolta e zucchero grezzo di barbabietola italiano da filiera certificata, grazie alla partnership siglata con Italia Zuccheri.
A questi fattori si aggiungono le altissime percentuali di frutta, tra le più alte del mercato, arrivando a superare in alcune referenze il 150% in quanto viene utilizzato il tradizionale procedimento di concentrazione per evaporazione termica, ovvero una lunga cottura del frutto che consente di eliminare l’acqua contenuta nella frutta, per ottenere una consistenza ricca e cremosa, non gelificata, senza l’utilizzo di pectina aggiunta, esattamente come una buona confettura fatta in casa!

Per quanto riguarda il trend più importante in questo mercato, ovvero quello delle confetture healthy e a basso contenuto di zuccheri, Le Conserve della Nonna è stato tra i primi brand, già nel 2015, a lanciare sul mercato una linea di composte realizzate con zucchero d’uva e arricchite con ingredienti funzionali come la curcuma, lo zenzero e le fave di cacao. L’azienda è attualmente impegnata in ulteriori ricerche e progetti per arricchire la linea con nuove referenze seguendo i gusti di maggiore richiamo.

http://gruppofini.it/