Archivio per 7 Maggio 2019

Realizzazione di siti web vincenti sui motori di ricerca

Scritto da gioxtom il . Pubblicato in Aziende, Internet

Realizzazionesito.com è una web agency leader in Italia nei servizi di web design e web marketing, specializzata in consulenza web, progettazione e realizzazione di siti web ottimizzati per un buon posizionamento sui motori di ricerca.

Lo sviluppo di siti internet non è la sola attività, grazie alla collaborazione di un gruppo di professionisti, che opera da oltre 10 anni su Internet, si realizzano pagine web per qualsiasi settore ed esigenza aziendale: creazione di minisiti, programmazione e messa online di siti web e-commerce per vendere i tuoi prodotti con pagamenti con carta di credito, realizzazione di blog aziendali ottimizzati per i motori di ricerca, promozione aziende, promozione hotel e di strutture turistiche, pubblicità online, traduzioni siti web, registrazione domini.

Posizionamento sui motori di ricerca

Il nostro staff specializzato in grafica e comunicazione realizza restyling di siti web migliorandone la grafica, la comunicazione e i risultati in termini di guadagno.

Dopo la realizzazione di siti internet accessibili, si può puntare a una corretta indicizzazione sui motori di ricerca come Google, Yahoo!, MSN Live e scegliere uno dei nostri servizi di posizionamento nelle prime pagine dei principali motori di ricerca.

Oggi è fondamentale promuovere le strutture turistiche e far conoscere il tuo hotel, agriturismo o B&B su Internet per aumentare i contatti. Promuovere il turismo Internet offrendo garanzia di massima visibilità sui principali motori di ricerca è il nostro lavoro.

Promozione strutture turistiche: soluzioni per il turismo on line e la sua promozione sui motori di ricerca.

Su Internet c’è posto per tutti, ma le prime posizioni (entro le prime 3 pagine) sono privilegio di poche strutture che hanno investito per uscire nelle prime pagine dei motori e questo porta un risultato verificabile.

Desideri trovare nuovi clienti che cercano i tuoi prodotti?

Oggi, avere un sito web non basta più perchè ci sono milioni di pagine come le tue su Internet e molte di queste sono di tuoi concorrenti !

Contattaci per un preventivo gratuito

Bel Canto al Castello per il Maggio dei Monumenti 2019 a Napoli

Scritto da Noi per Napoli il . Pubblicato in Arte, Cultura, Italia, Musica, Spettacolo, Teatro

Bel Canto al Castello per il Maggio dei Monumenti 2019 a Napoli al Maschio Angioino

L’ Associazione Culturale Noi per Napoli presenta per Il format “ Luoghi Storici e Musica “con Patrociniodell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli per il Maggio dei Monumenti presenta l’evento il 17 maggio 2019 presso lo Storico Castello del Maschio Angioino di Napoli il recital dal titolo

“BEL CANTO AL CASTELLO”Con il

soprano Olga De Maio

tenore Luca Lupoli
tenore Lucio Lupoli
pianista Nataliya Apolenskaja
note storiche del giornalista Giuseppe Giorgio
Il  binomio Napoli e musica evoca immediatamente l’inestimabile patrimonio della grande canzone napoletana la quale, attraverso i suoi “topoi” letterari, la sensualità delle sue melodie, ha contribuito a rendere Napoli celebre nel mondo
Tra le iniziative dedicate alle celebrazioni del clima culturale del settecentesco illuminismo napoletano nel quale il grande giurista Gaetano Filangieri(1753-1788) elaborò la celebre teoria del “diritto alla felicità “,come base per la realizzazione dello sviluppo socio-economico degli Stati, della pace e della “pubblica felicità, ottimamente si colloca un recital lirico dedicato al repertorio del Bel Canto napoletano ed italiano che,qualificandosi sempre piu come Patrimonio dell’Unesco e come uno di quei valori ed ideali ispiratori che della civiltà musicale ‘ dell ‘700 della rinomata scuola napoletana di Pergolesi,Paisiello,CimarosaScarlatti, arriva fino all’epoca tardottocentesca primo novecento della Belle époque, con le piu’ belle romanze da Salotto, duetti, le pagine immortali dell’operetta e dell’opera che a Napoli ebbe tanta eco e risonanza con i riferimenti e radici nella tradizione culturale partenopea della canzone classica napoletana.

La città della Sirena Partenope,il canto, la musica erano evidentemente nel codice genetico sin dalla sua origine mitologica, tanto che dal XVI secolo in poi Napoli è un punto di riferimento in Europa per lo sviluppo dell’arte musicale e del Bel Canto con l’istituzione di ben quattro Conservatori e la fioritura di molteplici teatri.Musica piena di sole“ fu definita quella del musicista Cimarosa, icastica immagine di quella che era la vitalità, la soavita’ delle melodie che esprimevano il sole di Napoli e del meridione italiano, quella che indiscutibilmente ed inequivocabilmente si definiva come una delle capitali mondiali della musica dall’epoca aurea della settecentesca scuola napoletana, che esaurì la sua forza propulsiva soltanto ai primi del Novecento, imponendosi quindi come una delle più longeve nella storia musicale d’Italia.Valga l’ esempio dell’universalità della canzone ‘O sole mio per testimoniare il successo planetario delle melodie napoletane, amate ed interpretate dai più grandi cantanti lirici della storia, in primis quell’Enrico Caruso nei confronti del quale la sua città natale fu ingiustamente avara di successi.

L’evento prevede la visita guidata delle aree accessibili del Maschio Angioino curata dalle guidedell’Associazione Vivere Napoli ed il Concerto presso la Loggia dei Baroni e una degustazione di vini curata dall’azienda Vitivinicola ” Iovino” Montespina.È richiesto un contributo di partecipazione di 15€ ,finalizzato anche a contribuire alla fornitura di generi di prima necessità alla Mensa dei senzatetto di Piazza del Gesù di Napoli.

Infoline e prenotazioni 3394545044/3277589936

Tickets point Edicola Piazza del Gesù di Napoli

info online Associazione Culturale Noi per Napoli

Perché gli orologi Rolex sono solitamente status symbol

Scritto da gioxtom il . Pubblicato in Aziende, Moda

Gli orologi Rolex sono ottimi prodotti che parlano del proprio status dalla società principalmente per l’affidabilità, le caratteristiche prestigiose e il costo. Gli orologi da polso meccanici costruiti in Svizzera hanno un prezzo compreso tra alcune migliaia e più di centomila dollari. Gli orologi Rolex rappresentano la ricca tradizione di qualsiasi marchio leader nel settore del lusso, le cui entrate stimate nel 2003 ammontavano a circa 3 miliardi di dollari USA. Nel 2007, la rivista BusinessWeek ha classificato Rolex uno dei primi 100 marchi internazionali. Vai su orologiodapolso.org e scopri le linee Rolex.

Al momento il marchio Rolex ha diverse linee ciascuno con diversi orologi. I principali esempi di prodotti Rolex includono Rolex Oyster, Cellini e Professional. Esempi comuni di orologi di lusso della gamma Rolex Oyster includono Air-King, Night out, Explorer, Perpetual, Yatch-Master, per non parlare di Daytona, un orologio di lusso molto ricercato. Ci sono vari clienti che pagano fino a $ 15.000 per possedere semplicemente qualsiasi Daytona.

Per apprezzare il motivo per cui gli orologi Rolex sono diventati i privilegi più ricercati sulla terra per quanto riguarda la moda, il tipo e lo stato, può essere fondamentale comprendere innanzitutto l’ambientazione e la storia dell’azienda. Rolex Watches è stato fondato nel 1908 semplicemente da Hans Wildorf e registrato in Svizzera. In quell’occasione Wildorf era impiegato in una società di orologeria a Londra con suo cognato Alfred Davis.
L’attività è stata semplicemente riconosciuta dalle iniziali D & W del cognome. Oggi sta diventando il produttore di orologi di lusso più importante al mondo. Mr. Wildorf sarebbe orgoglioso di capire che l’organizzazione che ha iniziato sembra essere classificata negli attuali 100 migliori marchi in tutto il mondo ogni anno.
Tuttavia, farebbe la differenza anche per diffidare di marchi contraffatti venduti in strada illegalmente e in alcuni casi online mentre si desidera un orologio Rolex che migliora lo stato. Le contraffazioni sono prodotte principalmente in paesi asiatici. Si consiglia di evitare il mercato asiatico mentre si cerca un prodotto o un servizio autentico da Rolex Wristwatches.

Rolex può essere eccezionale quando si parla del grado di movimento e della durata. Gli orologi Rolex sono costosi, lussureggianti, nobili e anche antichi. E gli orologi Submariner Rolex sono la scelta migliore per gli amanti delle immersioni. Gli orologi da sottomarino saranno i migliori compagni nell’erba e sott’acqua. Quindi, sono felice di presentare i dettagli di diversi orologi Submariner Rolex.
Questo può essere il modello degli orologi Rolex submariner reali. Il tuo background etnico esterno a senso unico può accedere al periodo in sicurezza. Il puntatore funziona utilizzando le tecnologie di Traser. La lavorazione è a posto. Il movimento è preciso e può fornire una resistenza duratura. È il materiale più popolare. Il vibrante blu splende. La caratteristica più attraente per i tuoi amanti delle immersioni è la profondità di questo impermeabile in grado di raggiungere 1000 piedi. Le prestazioni dell’orologio non sono influenzate sotto il lago.
Il verde è utilizzato raramente sugli orologi. La cassa esterna con l’orologio è naturale. La squisita fattura e il design superiore conquistano i più caldi complimenti dei clienti, specialmente gli appassionati di immersioni. L’intero materiale è acciaio. Lo specchio da tavolo è di cristallo blu e il cerchio del tavolo è solitamente nero. Inoltre, questo tipo di orologio è resistente all’acqua, antiurto e antipolvere. La tua profondità di acqua resistente può raggiungere 1000 gambe.

Il produttore Rolex ha permeato la società in modo così profondo che è quasi visibile ovunque dai polsi degli attuali ricchi e famosi verso i sistemi di cronometraggio che coinvolgono le principali situazioni del mondo, inclusi gli sport. I ricavi della tua azienda superano i 3 miliardidi dollari oltre ad essere il detentore del tempo più affidabile e affidabile in eventi importanti come Wimbledon e gli Australian Open che giocano tornei di golf. Questo è il motivo per cui gli orologi Rolex sono, infatti, oggi simboli di status.

Incrementare le prestazioni delle trasmissioni cardaniche tramite lo shot peening

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende

Lo shot peening realizzato da Norblast e Peen Service consente una pallinatura in grado di allungare la vita persino di grandi componenti per trasmissioni cardaniche ad alta potenza in ambito siderurgico

I grandi impianti siderurgici hanno dimensioni immense, eppure si nascondono punti deboli capaci di arrecare gravi danni. I componenti per trasmissioni cardaniche di alta potenza, infatti, possono essere messi a dura prova e rischiare la rottura. Un danno, questo, davvero oneroso in un mercato che richiede sempre più prestazioni e affidabilità elevate. La rottura di organi di trasmissione nel campo della siderurgia pesante implica arresti della produzione con incalcolabili effetti legati alla mancata produzione.

A risolvere il problema è riuscito il Gruppo Norblast, realtà specializzata nella progettazione e costruzione di macchine per la finitura della superficie di componenti, attraverso trattamenti di sabbiatura e pallinatura ad alta tecnologia.

La soluzione è stata trovata realizzando un impianto robotizzato in grado di effettuare il trattamento di shot peening su componenti fino a 3 tonnellate di peso. L’introduzione in cabina del particolare da pallinare avviene automaticamente, così come tutto il trattamento di pallinatura e l’estrazione a fine processo.

L’impianto realizzato è in grado di essere allacciato al sistema intranet aziendale per un’integrazione completa della gestione dei dati di produzione. Questa soluzione è predisposta per essere integrata in una logica produttiva 4.0.

Determinante è stata la più che quarantennale esperienza di Norblast e il fondamentale contributo di Peen Service, divisione ultra specializzata nei processi di pallinatura attraverso un know-how in continua evoluzione, grazie a importanti collaborazioni con poli universitari internazionali. Gli effetti di questo intervento sono stati immediati e hanno poi dato forti plusvalenze nel corso del tempo: il rafforzamento dei componenti ha permesso alla committenza di poter realizzare più cicli con un’accresciuta sicurezza e un carico anche superiore rispetto ai precedenti, con una conseguente ricaduta economica ampiamente accresciuta.

Più sicurezza, maggior potenziale e minori rischi sono il risultato di un intervento risolutivo made in Norblast.

Norblast srl nasce nel 1976 dall’esperienza nel mondo della meccanica del Cavalier Remo Norelli. Le sperimentazioni e le collaborazioni con centri di ricerca e università, unite alla non comune capacità di trovare soluzioni innovative alle problematiche evidenziate dalla clientela, portano in breve l’azienda a diventare il punto di riferimento in Italia e nel mondo nella costruzione di macchinari anche personalizzati e nei processi di sabbiatura e pallinatura. Negli anni ’90 nascono Peen Service, divisione specializzata di ricerca e applicazione di nuove tecnologie, oltre alla consociata spagnola Ipar Blast. Norblast vanta prestigiose collaborazioni nei più svariati settore: additive manufacturing aeronautica e aerospaziale, automotive, biomedicale, energia, fonderia, inox leghe, meccanica, stampi, utensili. www.norblast.it

Arredare il bagno con gusto e stile

Scritto da gioxtom il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Arredare il bagno di casa con gusto e stile significa prestare attenzione ad ogni singolo dettaglio cercando di trovare il giusto equilibro tra eleganza e funzionalità, questo è quello che consiglia vestocasa.it.

I mobili di un bagno per potersi davvero dire perfetti devono essere mobili in linea l’uno con l’altro, deve cioè vigere un’omogeneità tale tra i mobili presenti da riuscire a creare un ambiente che sia anche rilassante e quindi ideale per i nostri momenti di intimità, per i momenti in cui ci prendiamo cura di noi stessi e del nostro corpo. Ovviamente i mobili devono essere scelti in base al nostro gusto personale, mobili quindi classici o antichi per coloro che vogliono il massimo dell’eleganza possibile, mobili in stile country per coloro che amano gli arredi rustici e vogliono semplicità e sobrietà, mobili etnici per coloro che amano le atmosfere dei paesi lontani dal nostro e mobili infine moderni per coloro che amano il minimalismo e l’essenzialità.

Lo stile di arredamento del bagno deve essere scelto in base ai propri gusti personali ma ci sono delle semplici regole che valgono per ogni tipologia di stile e quindi per ogni tipologia di mobile. I mobili del bagno non dovrebbero mai essere eccessivi, non dovrebbero mai essere cioè troppo stravaganti o colorati, troppo ricchi di decorazioni e troppo possenti. Cercate di mantenere sempre un profilo piuttosto basso optando per mobili quanto più semplici e lineari possibile, in questo modo il bagno si trasformerà in un luogo davvero tranquillo dove nessuna distrazione può entrare per disturbare il relax che state cercando di ottenere.

Come abbiamo affermato in precedenza affinché un bagno sia arredato con stile e gusto è necessario anche che sia funzionale. I mobili semplici, raffinati ed eleganti sono i mobili perfetti per il nostro bagno solo se sono in grado di ottimizzare nel miglior modo possibile infatti lo spazio che abbiamo a disposizione e solo se sono in grado di contenere tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Ecco allora che le ultime innovazioni in fatto di arredamento ci vengono incontro in quanto ci offrono numerose soluzioni d’arredo ampie e spaziose ma che allo stesso tempo sfruttano anche gli angoli più nascosti del bagno per lasciare quanta più superficie scoperta e fare in modo che l’ambiente possa respirare, che possa apparire molto più grande di quanto in realtà non sia.
Le soluzioni salvaspazio per il bagno mirano infatti ad occupare lo spazio sotto al lavandino e sopra di esso, mirano ad occupare soprattutto le pareti e quasi mai il pavimento e a sfruttare gli angoli ma anche lo spazio situato dietro alla porta. Pensili quindi e mobiletti con accessori ed illuminazione integrata che rendono questo ambiente di casa razionale e ci permettono anche di tenerlo sempre in ordine in modo davvero molto semplice.

Snom potenzia il team di canale: Nuove assunzioni nell’area germanofona, in Spagna e Benelux

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Economia, Tecnologia

Snom, pioniere tedesco del VoIP e noto produttore di telefoni IP per le aziende, rafforza il proprio team commerciale con l’assunzione di due nuovi responsabili di canale in Spagna e nell’area germanofona. Insieme al nuovo Channel Director per il Benelux, Stefan Fuchs, le nuove assunzioni operate dal vendor tra marzo e aprile ne confermano la strategia incentrata sul principio del management locale.

Una posizione creata ad hoc per il Benelux

Stephan Fuchs, tedesco d’origine ma olandese d’adozione, ricopre dall’inizio di aprile il ruolo del Channel Director di Snom per il Benelux. Il suo compito consiste nello sviluppo di partnership commerciali con gli operatori di canale dei tre Paesi. Questa posizione non esisteva in precedenza nella regione. Con la nuova nomina, Snom ribadisce la sua volontà di assicurare ai partner un punto di contatto locale, in grado di rispondere tempestivamente a qualsiasi richiesta. Fuchs è quindi il punto di riferimento per distributori, carrier ITSPs e rivenditori in quest’area economicamente forte.

Il nuovo Channel Director Benelux dispone di una lunga esperienza nell’industria delle telecomunicazioni. Ha collaborato con Tomtelecom ed è stato Business Consultant presso Yorus, azienda rinominata di recente in Connectivity Factory.

Stephan Fuchs: Nuovo Channel Director di Snom per il Benelux

Il team DACH cresce

L’austriaco Michael Hengl è il nuovo Channel Director per l’Austria, la Svizzera e il Liechtenstein. Residente nelle vicinanze di Vienna, Hengl supporterà il team tedesco nella cura dei partner commerciali esistenti e nell’acquisizione di nuovi rivenditori oltre ad essere responsabile della gestione dei partner strategici a livello globale. In precedenza, Hengl ricopriva il ruolo di Focus Sales Manager UCC presso il distributore ALSO. Beneficia quindi nella nuova posizione delle eccellenti competenze di settore acquisite.

Michael Hengl: Nuovo Channel Director di Snom per Austria, Svizzera e Liechtenstein

Nuovo ingresso nel team spagnolo

Lo spagnolo Miguel Anillo ricopre il ruolo di Channel Manager Iberia da inizio marzo. Residente a Malaga, Anillo è responsabile della gestione del canale in Spagna e Portogallo. Anillo dispone di una lunga esperienza professionale presso Avanzada 7, un distributore madrileno specializzato in soluzioni VoIP. Quale nuovo Channel Manager Anillo lavorerà a stretto contatto con il team spagnolo focalizzandosi sull’intensificazione dei contatti con gli operatori di canale della penisola iberica.

Miguel Anillo é il nuovo Channel Manager di Snom per Spagna e Portogallo

„Il contatto personale con i nostri partner è una delle chiavi del nostro successo a lungo termine, di conseguenza la presenza in loco dei nuovi colleghi di prim’ordine e le rispettive solide conoscenze del mercato hanno un enorme valore per Snom. Siamo estremamente lieti di poter contare su nuovi membri del team commerciale in ben tre regioni e di supportare così, concretamente, la stretta collaborazione con i nostri partner e la crescita sul territorio“, commenta Fabio Albanini, Head of Sales South Europe e UK e General Manager Snom Italia.


Snom Technology

Snom, produttore internazionale di terminali IP premium per l’uso professionale, nasce come pioniere della tecnologia Voice-over-IP (VoIP) a Berlino, Germania, nel 1997. Nell’arco di vent’anni, il marchio Snom, noto a livello internazionale, è diventato sinonimo di soluzioni innovative per la telefonia.
Il successo dell’azienda poggia su due pilastri: tecnologia di prima classe e know-how locale. Snom crede fortemente nella gestione locale delle attività commerciali e dispone attualmente di filiali in otto Paesi. Le divisioni deputate allo sviluppo di hardware e software, alla gestione della qualità, all’interoperabilità e al marketing sono invece dislocate presso la sede centrale a Berlino.
Un altro fattore essenziale del successo dell’azienda è l’intento di offrire prodotti e soluzioni su misura. Dai display e telefoni dotati di caratteri ebraici fino alla personalizzazione dei terminali per grandi operatori come Vodafone, i prodotti Snom si adattano alle esigenze delle più varie tipologie di clientela.
L’imponente portafoglio prodotti di Snom è interamente conforme agli attuali standard di sicurezza europei. I telefoni IP da tavolo, da conferenza e cordless DECT di Snom sono dotati di una pletora di funzionalità e di una qualità audio di alto livello, oltre a integrare fino a 27 lingue a seconda del modello. A completamento della propria gamma di terminali, Snom offre un’ampia scelta di accessori, tra cui headset e moduli di espansione. Tutti i device sono forniti con una garanzia di tre anni.
I clienti e partner Snom beneficiano di programmi di fidelizzazione particolarmente interessanti e di diverse tipologie di servizi, elementi che hanno consentito all’azienda di costruire rapporti di stretta collaborazione e fiducia con la propria clientela, che contribuiscono all’immagine positiva che Snom si è guadagnata negli anni tanto quanto l’assistenza personalizzata erogata e le tecnologie allo stato dell’arte offerte.
Dal 2016 Snom è parte del gruppo Vtech, produttore leader mondiale di telefoni cordless.
Per ulteriori informazioni pregasi consultare il sito www.snom.com

Grande successo per la mostra Pro Biennale di Vittorio Sgarbi inaugurata a Venezia con tanti amici vip e talentuosi artisti internazionali

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Giornata memorabile quella tenutasi ieri, domenica 5 maggio, a Venezia. La mostra Pro Biennale presentata dal prof. Vittorio Sgarbi si è aperta con enorme successo e riscontro di pubblico. Le intemperie a dir poco invernali non ne hanno ostacolato lo svolgimento, a dimostrazione del grande affetto del pubblico nei confronti di questo appuntamento e, come da programma, lo Spoleto Pavilion in calle dei Cerchieri 1270 ha aperto le sue porte alle 13. In questa sede, situata vicino al Museo Leonardo da Vinci, sono giunti per l’inaugurazione l’artista José Dalí, figlio di Salvador Dalí, la giornalista Antonietta Di Vizia della RAI, il direttore d’orchestra Silvia Casarin Rizzolo che collabora con il Teatro La Fenice, il fotografo Roberto Villa, amico di Pier Paolo Pasolini e di Dario Fo, la communication manager Daniela Testori, mons. Mapelli, arcivescovo della Chiesa Ortodossa e Patrick di Striscia La Notizia. Pro Biennale ha visto inoltre il contributo di personalità del calibro dell’assessore al Turismo Paola Mar, del soprano Katia Ricciarelli, della scrittrice e psicoterapeuta Maria Rita Parsi e della giornalista Silvana Giacobini, già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna», che il 26 maggio presenterà il suo ultimo libro in questa splendida cornice artistica. Assieme all’organizzatore dell’evento, il manager dei vip Salvo Nugnes, gli ospiti illustri hanno conferito agli artisti che più si sono distinti dei prestigiosi riconoscimenti.

Il Premio Caravaggio è stato consegnato a: Lina De Demo, Matteo Fieno, Silvana Landolfi, Angiolina Marchese, Graziella Modanese, Salvatore Natale e Antonella Rollo. A Patrizia Almonti, Luigi Lucernini, Oliviero Passera, Oreste Polidori e Giulia Quaranta Provenzano è stato assegnato il Premio Mostra Miami Milano Art Basel, mentre il Premio Milano Art Gallery è andato a Maria Beatrice Coppi, Fabiana Macaluso, Mantegazza da Magenta, Alessandro Negrini e Cesare Triaca. Stefano Bellettato, Francesca D’Alessio e Fiorenzo Vaccaretti sono stati insigniti del Premio Modigliani e Anna Actis Caporale, Franco Carletti, Maria Cavaggioni, Claudia Crestani, Gino Dalle Luche, Gloria De Marco, Mirta Diminić, Tiziano Lucchesi, Luciana Palmerini ed Elettra Spalla Pizzorno del Premio TV. Il Premio Biennale Sgarbi 2019 è stato conferito infine ad Anna Actis Caporale, Renata Bertolini, Franco Carletti, Francesca D’Alessio, Gino Dalle Luche, Paola de Gregorio, Daniele Digiuni, Jacqueline Gallicot Madar, Gioia Lolli, Mantegazza da Magenta, Massimo Mariano, Milo, Alessandro Negrini, Giulia Quaranta Provenzano, Ruggero Rotondi, Rolando Rovati, Gino maria Sambucco, Maria Pia Severi, Elettra Spalla Pizzorno, Emel Vardar, Gabriella Ventavoli e Toni Zarpellon.

Il vernissage è proseguito quindi nella storica Scuola Grande di San Teodoro, a pochi passi dal Ponte di Rialto (San Marco, 4810), seconda sede espositiva della Pro Biennale. Qui sono intervenuti l’assessore Paola Mar e, successivamente, il prof. Vittorio Sgarbi che ha così definito il messaggio di Pro Biennale: «Se io fossi stato un critico della prima metà del Novecento avrei voluto avere una pianta con tutti gli artisti regione per regione, perché essere artisti voleva dire qualcosa di distinguibile. Non c’era ad esempio il mondo femminile, era del tutto esterno all’arte fino alla seconda metà del secolo scorso. Quindi un critico poteva dominare l’Italia diciamo con un panorama di mille artisti conoscendoli tutti. Io come faccio? Come fa un critico a conoscere tutti voi? […] C’è un mondo nuovo che si affaccia di cui la parte femminile è molto importante; ebbene, quello si chiama diritto alla creatività, indipendentemente dalla qualità, è un diritto. […] La creatività non è più per pochi, ma è per molti. Ora, cosa deriva da questo? Un progresso per tutti voi e una difficoltà per noi, che oggi […] c’è sostanzialmente un eccesso di creatività, ma è bene che ci sia. […]La prima metà del secolo avrebbe scelto quello che c’era. Il mio maestro Arcangeli sceglieva fra quelli che c’erano, non è che c’era di più, erano quelli lì, gli altri o erano analfabeti o inesistenti, le donne non c’erano. E nel ’48 fare la scelta della Biennale ti consentiva di scegliere fra questi. Oggi non posso più scegliere perché non so quanti siete. […] Voi siete qui quindi, nell’unica Biennale vera che è la Biennale della libertà e della creatività della proposta».

La giornata s’è poi conclusa al culmine dei festeggiamenti presso il ristorante “Le Maschere” Starhotels.

Alla Scuola Grande di San Teodoro sono esposti: Patrizia Almonti, Angela Augelli, Stefano Bellettato, Ronnie Brogi, Pasquale Bruno, Dario Calì, Gian Luigi Castelli, Maria Cavaggioni, Raffaella Cavallini, Bruno Colla, Beatrice Coppi, Claudia Crestani, Giovanna Da Por, Francesca D’Alessio, Antonio D’amico, Desiré D’Angelo, Lina De Demo, Gloria De Marco, Paolo De Polo, Raffaella Di Benedetto, Anna Di Francesco, Mirta Diminic, Francesca Dolzani, Davide Favaro, Matteo Fieno, Francesca Fiore, Amedeo Fiorese, Oscar Fontanesi, Giuseppe Fratantonio, Cristina Giovannucci, Silvana Landolfi, Gabriella Legno, Tiziano Lucchesi, Luigi Lucernini, Alfredo Lucifero, Fabiana Macaluso, Angiolina Marchese, Marilena Memmi, Graziella Modanese, Oliviero Passera, Mario Pepe, Amelia Perrone, Francesca Pezzola, Oreste Polidori, Silvia Polizzi, Giulia Provenzano Quaranta, Antonella Rollo, Orlando Rosa, Ruggero Rotondi, Glenda Safonte, Ionela Scripnic, Elisa Scuccimarra, Stefania Simanschi, Elettra Spalla, Fedora Spinelli, Cesare Triaca, Anna Trzuskolas, Fiorenzo Vaccaretti, Maria Velardi, Gabriella Ventavoli, Emmanuela Zavattaro e Antonio Zuccon.

Allo Spoleto Pavilion: Anna Actis Caporale, Renata Bertolini, Giuseppe Bossa, Franco Carletti, Venanzo Crocetti, Francesca D’Alessio, Gino Dalle Luche, Paola De Gregorio, Daniele Digiuni, Giusy Cristina Ferrante, Elisa Fossati, Gabriella Galli, Jacqueline Gallicot Madar, Gioia Lolli, Giovanni Mangia, Mantegazza da Magenta, Silvana Mascioli, Milo, Salvatore Natale, Alessandro Negrini, Pietro Olivieri, Luciana Palmerini, Giuseppe Pasqualetto, Giulia Quaranta Provenzano, Ruggero Rotondi, Rolando Rovati, Gino Sambucco, Elettra Spalla, Anna Sticco, Federico Tamburri, Emel Vardar e Gabriella Ventavoli.

Éric Chapelle nuovo Chief Financial Officer di Stormshield

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Affari, Aziende, Economia, Industria, Tecnologia

Stormshield, produttore europeo di rilievo nel mercato della cybersecurity e azienda di proprietà del Gruppo Airbus potenzia il proprio esecutivo annunciando la promozione di Eric Chapelle a CFO.

Quale membro del comitato esecutivo, la missione di Chapelle é di analizzare e anticipare gli sviluppi di Stormshield e le relative implicazioni finanziarie al fine di fornire a tutti i membri della direzione una visione chiara e indicatori affidabili, essenziali per prendere qualsivoglia decisione strategica. Più in generale il nuovo CFO supervisionerà l’intera gestione finanziaria dell’azienda e sarà responsabile per il rispetto e la conformità alle linee guida etiche in vigore presso il Gruppo Airbus. Oltre a guidare l’intero dipartimento Finance, Chapelle è a capo delle equipe deputate alla revisione dei conti e all’amministrazione vendite.

eric-chapelle-w-1

Éric Chapelle, CFO, Stormshield

Il Dottore Commercialista (DESCF) Éric Chapelle annovera una lunga esperienza oltre che una conoscenza approfondita di Stormshield, del modo di operare dell’azienda e dell’intero organico. Dopo oltre vent’anni trascorsi in qualità di Senior Manager presso società di revisione contabile, Chapelle si è unito a Stormshield nel 2015, dove ha ricoperto il ruolo di direttore finanziario e amministrativo. La nomina a CFO é un tributo sia all’impegno che Chapelle ha dimostrato verso l’azienda sia ai risultati ottenuti negli ultimi anni.

Pierre-Yves Hentzen, CEO di Stormshield commenta: “Éric Chapelle dispone delle competenze necessarie per gestire le nostre finanze e supportare al meglio il nostro sviluppo. Migliorare l’analisi e incrementare le performance delle nostre attività sono le sfide principali con cui ci confrontiamo nel 2019. Il nostro obiettivo è ottimizzare la gestione aziendale e aumentare la nostra produttività in un contesto di forte crescita, al fine di garantire un servizio di elevatissima qualità ai nostri clienti. Chapelle svolgerà quindi un ruolo chiave nell’implementazione di nuovi strumenti e processi che ci permetteranno di semplificare la gestione operativa dell’azienda. Le sue capacità analitiche, il suo rigore e la profonda conoscenza del nostro mercato gli permetteranno di raggiungere gli obiettivi con successo.”


Stormshield

Stormshield sviluppa soluzioni di sicurezza end-to-end innovative per la tutela di reti (Stormshield Network Security), workstation (Stormshield Endpoint Security), e dati (Stormshield Data Security). Certificate ai più alti livelli in Europa (EU RESTRICTED, NATO, e ANSSI EAL4+), queste soluzioni affidabili di nuova generazione assicurano la massima protezione delle informazioni strategiche. Le soluzioni Stormshield sono commercializzate attraverso una rete commerciale costituita da distributori, integratori e operatori di canale o telco e sono implementate presso aziende di qualsiasi dimensione, istituzioni governative e organizzazioni preposte alla difesa in tutto il mondo.
Per ulteriori informazioni: www.stormshield.com

Presentato al TuttoFood lo “Sgombro Skinny”, il nuovo prodotto di “Drago Conserve”

Scritto da Drago Conserve il . Pubblicato in Aziende, Gastronomia e Cucina

Una storia lunga 90 anni e una tradizione che va sempre a braccetto con l’innovazione: questa è l’essenza di “Drago Conserve” che da quattro generazioni rappresenta un’eccellenza nella produzione artigianale di conserve ittiche.

La storia di Drago è un percorso affascinante, un preciso modo di essere, legata a concetti che sembrerebbero fuori dal tempo e che non è mai scesa a compromessi scegliendo sempre la strada dell’eccellenza: scelta accurata delle materie prime, lavorazioni accuratissime, artigianali e rigorosamente a mano e cottura in acqua e sale come vuole la tradizione, per mantenere integre le proprietà organolettiche. “I nostri prodotti sono realizzati esclusivamente con prodotti naturali, senza l’aggiunta di additivi, conservanti o esaltatori di sapidità, spiega Giuseppe Drago, Amministratore Unico dell’Azienda”. Un valore, questo, che da sempre contraddistingue “Drago conserve” e che è stato ben assimilato dai consumatori, che chiedono solo prodotti di alta qualità.

In occasione di Tutto Food, la fiera internazionale del B2B del settore Food & Beverage, “Drago Conserve” oggi ha presentato presso il proprio stand (Padiglione 3, stand H11 K14), lo “Sgombro Skinny”, il nuovo prodotto innovativo dell’azienda, ideato per venire incontro alle esigenze soprattutto degli chef e di chi vuole un piatto pronto e facile da servire.

Lo “Sgombro Skinny”, primo sgombro cotto e messo sotto vuoto lanciato sul mercato, è un prodotto facile da servire e con un gusto naturale come appena cotto. Lo sgombro, come tutte le referenze dell’azienda, viene cotto in acqua e sale, pulito a mano e poi messo sotto vuoto, in modo da poter essere conservato, mantenendo inalterate tutte le sue caratteristiche, fino a 90 giorni dalla produzione, senza la necessità di essere riposto in frigorifero. Una volta aperto il prodotto è pronto per essere condito e consumato. Una vera innovazione per il mondo della ristorazione perché è un prodotto più maneggevole, facile da servire e permette di ridurre completamente gli sprechi.

Con un formato studiato e realizzato ad hoc, lo “Sgombro Skinny” si colloca in una fascia di qualità alta e, dopo test di prova sul consumo, è proposto in vendita in confezioni di circa 150 grammi, adatto sia per il mondo della ristorazione che per un consumo familiare. 

Madrina di eccezione per il lancio del nuovo prodotto è stata Nerina Di Nunzio, autrice e presentatrice Tv, founder dell’agenzia di comunicazione e casa editrice “Food Confidential”, docente all’Università Roma Tre nel corso di laurea in “Scienza Gastronomiche” e coordinatrice del Master in “Food Design Prokect Experience”. Ad affiancarla nella presentazione del prodotto Andrea Cresci, ex direttore generale di Bikkembergs, passato dalla moda alla ristorazione e fondatore di Synbiofood, il primo franchising  che abbina le proprietà dei probiotici a cibi di massima qualità, selezionati sul territorio da esperti gastronomi, per offrire pasti veloci, sani e di qualità.