Archivio per 3 Aprile 2019

La carriera dell’avvocato Carlo Malinconico in ambito istituzionale

Scritto da weboffice cm il . Pubblicato in Aziende, Legale

Carlo Malinconico, uno dei massimi esponenti del Diritto in Italia, presiederà all’apertura dei lavori dell’edizione numero dieci del Salone della Giustizia di Roma, in calendario dal 9 all’11 aprile 2019.

Carlo Malinconico

Carlo Malinconico presiede la decima edizione del Salone della Giustizia

Il Salone della Giustizia, che nel 2019 festeggia il decimo anno di vita e che sarà presieduto in questa edizione da Carlo Malinconico, è una importante occasione per intavolare ogni dodici mesi un dibattito pubblico a tutto tondo tra magistrati, avvocati, politici e professionisti della giustizia sul topic legalità. È, inoltre, un’opportunità unica per portare sotto gli occhi della cittadinanza attiva le tematiche, le questioni aperte e le relative possibili risposte afferenti a un ambito solitamente ostico ai non addetti ai lavori. La tre giorni di questa edizione, che si svilupperà affrontando 6 convegni maggiori e 18 laboratori minori, verrà inaugurata martedì 9 aprile 2019 alle ore 10 dal Presidente Carlo Malinconico, il quale avrà il compito di avviare i lavori e di comunicare i numerosi messaggi di augurio pervenuti dall’autorità nazionali ed internazionali. A seguire interverrà il Premier Giuseppe Conte. Seguirà il primo convegno sul ruolo e l’attualità della nostra Costituzione, che sarà preceduto dall’introduzione del Presidente della Corte costituzionale, Giorgio Lattanzi. Nella sessione pomeridiana della prima giornata di lavori saranno al centro del dibattito diverse tematiche di forte aderenza al vissuto quotidiano degli italiani come lavoro, redistribuzione e giustizia sociale. Il 10 aprile sarà dedicato, invece, a un importante convegno con partecipanti da tutto il mondo sulla condizione della donna. Il terzo e ultimo giorno, l’11 aprile 2019, sarà invece incentrato sui vantaggi che un sistema giudiziario celere e pienamente funzionante potrebbe apportare sulla forza attrattiva di investimenti esteri. Il convegno è disponibile su www.salonegiustizia.it

Carlo Malinconico: percorso professionale e riconoscimenti pubblici

Carlo Malinconico nasce a Roma. Terminato il liceo classico a Trieste, si laurea a 22 anni in Diritto Penale all’Università degli Studi di Milano. A 25 anni supera, in sequenza, l’esame di Stato per l’accesso alla professione di avvocato presso la Corte d’Appello di Milano, il concorso nell’avvocatura dello Stato e nella Magistratura. Esercita l’attività di avvocato dello Stato a Milano per nove anni, fino a quando vince il concorso per Consigliere di Stato, risultando il primo in graduatoria, ruolo che rivestirà fino al 2002. A partire da luglio 1990 e fino alla cancellazione del dicastero in seguito a quesito referendario, è Capo Ufficio Legislativo per il Ministero delle Partecipazioni Statali, e successivamente, fino al 1996 riveste la stessa carica nel il Ministero del Tesoro (governo Dini). Nel 1992 e fino al 1997 è altresì Consigliere Giuridico presso l’Antitrust. Per quanto riguarda la carriera istituzionale, di particolare rilievo sono la sua nomina a capo del Dipartimento degli Affari Giuridici e Legislativi della Presidenza del Consiglio tra il 1996 e il 2001. In seguito è Segretario Generale del Presidente del Consiglio Romano Prodi (2006-2008). Nel 2011, con l’avvento dell’esecutivo Monti, è Sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri, con deleghe a Editoria, Affari Regionali e Coordinamento Amministrativo. In oltre quattro decenni di carriera Carlo Malinconico ha prestato consulenza negli ambiti del Diritto Amministrativo, Pubblico dell’Economia, dell’UE, degli appalti pubblici e dell’Ambiente. Come professore universitario, ha insegnato nella Scuola superiore dell’economia e delle finanze, nelle facoltà di giurisprudenza dell’Università di Udine e di Roma – Tor vergata ed è autore di varie pubblicazioni carattere scientifico e di svariati interventi a margine di workshop e incontri pubblici. Per l’alto contributo alle Istituzioni, il 21 marzo 2005 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi dell’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Massimo Santilli presenta il libro-inchiesta Il sangue di Francesco

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Libri

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Il sangue di Francesco

Le reliquie di sangue di San Francesco d’Assisi e il prodigio della liquefazione di Massimo Santilli Il sangue di Francesco” è il titolo di un’inchiesta condotta da Massimo Santilli che va alla ricerca della verità attorno ai resti sacri di San Francesco d’Assisi. Un viaggio tra città francescane da La Verna ad Assisi, da Roma a Napoli e ancora a Castelvecchio Subequo in provincia dell’Aquila per analizzare capolavori d’arte, in cui trova sede la potenza spirituale del divino e dell’umano che si attesta nell’esistenza, nella presenza e nella manifestazione di figure della cristianità, come quella del frate, in grado di compiere opere taumaturgiche a sostegno dei fedeli. I cimeli hanno sempre una loro attualità, poiché il loro significato è quello di attualizzare il passato veicolando il messaggio cristiano e, in questo caso, la presenza di Dio attraverso la reviviscenza del sangue del Poverello. Il prossimo 5 Aprile è prevista la prima presentazione del libro a Roma presso il Sodalizio degli Abbruzzesi “S.Camillo De Lellis”

Titolo: Il sangue di Francesco. Le reliquie di sangue di San Francesco d’Assisi e il prodigio della liquefazione

Autore: Massimo Santilli

Prefazione: Grado Giovanni Merlo

Genere: Saggistica / Storico / Religione e Spiritualità

Edizioni: ATS – Archivio Tradizioni Subequane

Pagine: 256

Codice ISBN: 9791220045216

Prezzo: 18,37 € – scontato 15,00 Euro

<<Tra le reliquie della sacrestia, insigne più di ogni altra è la pezzetta di tela bianca macchiata del Sangue uscito dal costato ferito del P. S. Francesco, gelosamente custodita in un reliquiario di argento e difesa con cristallo. Ogni anno ai vespri del 17 settembre, solennità delle S. Stimate in mezzo ad un popolo numerosissimo e devoto, vien portata processionalmente. Alla cappella delle Stimate, sostando la processione, quel sangue di un singolare vermiglio abituale, qualche anno si accende ancor di più in un vivo rubicondo, come allora uscito dalla piaga del Santo. Quei pochi fortunati, che possono da vicino contemplare il prodigioso spettacolo, ne rimangono profondamente commossi. L’effetto straordinario, nell’agosto dell’anno 1901, si ripeté nel modo che vengo narrando con le parole medesime del Vescovo, il quale ne stese autentica relazione>>.

Massimo Santilli offre una copiosa documentazione per seguire le tracce del materiale che porta i segni del fenomeno legato all’impressione delle stimmate nel corpo di frate Francesco, avvenuto nell’estate del 1224 sul monte della Vernia. Una preziosa Mappa delle reliquie di sangue che ha come punto più settentrionale la basilica di Sant’Antonio di Padova e punto più meridionale il Museo del Tesoro di San Gennaro di Napoli. Merito del libro è di aver sottolineato la virtù memorativa delle “reliquie francescane” in quanto tali, al di là di una loro reale o immaginaria autenticità accertabile a livello empirico. Questa caratteristica, che ha reso presenti e attivi il Santo e la sua santità, ha effetti di coesione nella società e di rafforzamento delle istituzioni ecclesiastiche. È importante sottolineare poi lo scopo della ricerca che non è quello di incoraggiare forme di devozionalismo, ma riportare alcune importanti manifestazioni di storia e di fede, di religiosità e di arte vissute intorno alla figura del mendicante umbro.

Trama. Il saggio svela uno studio che, colmando alcune ricerche precedenti, ha consentito di raccogliere materiale interessante, anche inedito, sul sangue stimmatizzato del Patrono d’Italia. Si tratta di un viaggio lungo un percorso, tracciabile sulla mappa delle reliquie ematiche di San Francesco d’Assisi, che include importanti centri come La Verna, Assisi, Roma, Napoli, Bologna, Padova, Ascoli Piceno, Piedimonte Matese in provincia di Caserta, Castel Bolognese in provincia di Ravenna e Castel Vecchio Subequo in provincia dell’Aquila. Il volume è un’analisi storico-religiosa e socio-antropologica che indaga l’evento mistico della liquefazione e ripercorre i lasciti di un personaggio, il Gloriosus Franciscus, meritevole di aver superato il tentativo di costruzione di una forma di santità, orientata e controllata. La forza del Santo risiede nella sua spontanea capacità di attrarre gli animi, complice il suo entusiasmo e coraggio di fronte alle avversità della vita. A San Francesco si deve l’accostamento al sacro di una pletora di uomini e donne appartenenti a ogni classe sociale, con facoltà intellettive diverse e per di più di diverse confessioni religiose.

L’AUTORE E’ DISPONIBILE A RILASCIARE INTERVISTE

Biografia. Massimo Santilli frequenta la Facoltà di Magistero dell’Università degli studi di L’Aquila e inizia la sua proficua attività di ricerca in ambito storico e antropologico con particolare riguardo alla Valle Subequana e all’Abruzzo montano. Ha collaborato con vari Enti pubblici e autorevoli istituti culturali privati. È autore di vari volumi e saggi riguardanti la ricerca storica, demologica ed etnografica. Ha svolto e svolge attività didattica a progetto presso istituti di scuola primaria e superiore. Ha realizzato diversi audiovisivi e mostre fotografiche – documentarie che hanno goduto del Patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero dell’Ambiente e del Ministero delle Risorse Agricole e Forestali. Nell’agosto del 2008 gli è stato conferito il Premio “Lo storico del villaggio” dal Prof. Umberto Dante, Presidente dell’Istituto per la Storia della Resistenza Abruzzese e dell’Italia Contemporanea e Docente di Storia Moderna presso l’Università degli Studi di L’Aquila, e dal Dott. Giustino Parisse, Centro Culturale “Il Cespo” e Caporedattore de “Il Centro”. Il 25 novembre del 2014 ha ricevuto il “Premio Regionale Saturnino” per la sezione “Storia locale e tradizioni popolari”. È ideatore e curatore del “Premio Nazionale P. Mario Di Pasquale” giunto alla XXVIII edizione.

Sito ufficiale: https://www.ilsanguedifrancesco.org/

Social: “Il sangue di Francesco” su Facebook e Instagram

Presentazione

Evento 5 aprile ore 17.30

Sede del Sodalizio degli Abbruzzesi “S.Camillo De Lellis” a Roma, in Via di S.Costanza, 7. L’evento è organizzato insieme all’Associazione Abbruzzese di Roma. Alla presentazione interverranno: il Prof. Giuseppe Santeusanio, Presidente del Sodalizio degli Abruzzesi “San Camillo De Lellis”; il Dott. Giuliano Sciocchetti, Segretario Generale dell’Associazione Abruzzese di Roma; S. E. Rev.ma il Cardinale Francesco Coccopalmerio, Alto Patrono del Sodalizio degli Abruzzesi “S. Camillo De Lellis”; P.Giulio Cesareo, Responsabile della Libreria Editrice Vaticana; il Dott. Walter Capezzali, Presidente della Deputazione Abruzzese di Storia Patria; il Prof. Ernesto Di Renzo, Docente di Antropologia all’Università di Roma – Tor Vergata e il Dott. Antonio Ranalli, Giornalista RAI in veste di moderatore.

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna –

Phone:+393396038451

www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Serenissima Ristorazione: i consigli per un approccio sostenibile nella vita quotidiana

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, Serenissima Ristorazione rinnova il suo impegno per sensibilizzare e informare in merito ai temi legati alla sostenibilità: sulle tovagliette illustrative distribuite presso il “Caffè Muse” tanti suggerimenti utili a ridurre gli sprechi.

Serenissima Ristorazione

Serenissima Ristorazione per un consumo responsabile dell’acqua

Il 22 marzo si festeggia l’annuale “World Water Day”, la Giornata Mondiale dell’Acqua: istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, si pone come un momento di importante riflessione e dialogo tra gli Stati facenti parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sui problemi legati all’accesso all’acqua dolce e alla sostenibilità degli habitat acquatici. Tra gli obiettivi del “World Water Day” rientra la promozione di attività concrete per preservare questo elemento primario, fonte di vita e di benessere. Anche Serenissima Ristorazione si impegna a sensibilizzare l’attenzione del pubblico sulle questioni legate all’acqua nella nostra era, con un occhio di riguardo per la riduzione degli sprechi: la scarsità di acqua a livello globale è una delle più pericolose minacce silenziose, per questo la realtà guidata da Mario Putin non può esimersi dall’agire. L’attenzione per l’ambiente e la sostenibilità sono tra i valori aggiunti dell’azienda, che ha avviato nei propri centri una politica finalizzata al risparmio dell’acqua. Serenissima Ristorazione si impegna inoltre a trasmettere questo messaggio di vitale importanza ai consumatori attraverso la tovaglietta distribuita presso il “Caffè Muse” di Trento.

Serenissima Ristorazione: i contenuti della tovaglietta illustrativa

Serenissima Ristorazione utilizza nei propri centri cottura una serie di accorgimenti utili alla riduzione dello spreco di acqua: l’azienda vicentina sfrutta rubinetti dotati di riduttori di flusso idrico, che consentono di razionalizzare i consumi grazie al flusso controllato totalmente dall’erogatore. Le più comuni attività quotidiane comportano infatti un notevole spreco d’acqua: tra queste rientra anche il lavaggio delle stoviglie. Per questo la realtà guidata da Mario Putin si è premunita di attrezzature per il lavaggio che ottimizzano il consumo. La tovaglietta illustrativa distribuita presso il “Caffè Muse”, situato all’interno del Museo delle Scienze di Trento, è un’ottima iniziativa per coinvolgere i consumatori e suggerire utili accorgimenti per vivere mantenendo un approccio sostenibile. La tovaglietta propone l’utilizzo di riduttori di flusso idrico e incentiva a richiedere acqua di rete microfiltrata, che non comporta trasporti inquinanti e non produce rifiuti da imballaggio. Per dare il buon esempio, Serenissima Ristorazione sottolinea che nei menù non sono utilizzati alimenti e bevande di lontana provenienza, inoltre c’è la possibilità di portare a casa cibo e bevande avanzate per contribuire a ridurre lo spreco alimentare. Sulla tovaglietta illustrativa infine è consigliato l’utilizzo di prodotti per le pulizie alla spina ed ecologici.

Un Vinitaly dal gusto esotico con Bioagrotech

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Agricoltura, Aziende

Una viticoltura sempre più bio, quella proposta dalla sammarinese Bioagrotech alla manifestazione internazionale dedicata alla filiera del vino con il corroborante naturale Zeolite Cubana e la propria gamma di fertilizzanti. 

Bioagrotech srl, azienda della Repubblica di San Marino specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, la prima a presentare al mercato italiano i vantaggi della Zeolite Cubana, espone a Vinitaly, a Verona dal 7 al 10 aprile, i risultati dei trattamenti. Allo Stand C6- Padiglione F, offrirà una campionatura di prodotto per testare direttamente a casa i risultati garantiti dalla Zeolite Cubana una roccia sedimentaria di origine vulcanica formatasi milioni di anni fa dall’incontro della lava incandescente con l’acqua di mare. Bioagrotech ne propone una varietà pura al 100% (clinoptilolite al 67,5% e mordenite al 32,5%).

È un prodotto completamente ecologico che fortifica le difese delle piante e il cui utilizzo è consentito nell’agricoltura biologica. L’efficacia di questo corroborante di origine vulcanica sulla vite è certificata dalle numerose prove presso centri di saggio. Ha ottenuto ottimi riscontri nel trattamento della Botrytis Cinerea ed è molto efficace contro la tignoletta e le cocciniglie. In sinergia con altri trattamenti, ne esalta gli effetti come avviene per l’Oidio nella vite o per nella ticchiolatura del melo. In generale la Zeolite Cubana Bioagrotech mostra sempre un’attività utile contro i funghi della vite e contribuisce a rendere l’ambiente meno ospitale per i microrganismi dannosi. Aiuta a potenziare l’effetto di altri trattamenti, è efficace contro le scottature e permette di asciugare e cicatrizzare le ferite sugli acini. Non lascia residui e permette di utilizzare gli altri trattamenti in dosi minori.

Questo prodotto, che l’azienda Bioagrotech per prima ha lanciato sul mercato, risponde a tutte le esigenze di chi sceglie di portare avanti progetti di agricoltura biologica, all’insegna della sostenibilità e del rispetto delle risorse naturali.

Grazie alla presenza del management aziendale e di un team di tecnici specializzati, Bioagrotech presenterà l’ampia gamma di prodotti premium a base di Zeolite Cubana, oltre alla propria gamma di fertilizzanti dedicati all’agricoltura sostenibile e alle loro applicazioni nella viticoltura.

Presso lo stand C6 del Padiglione F, Bioagrotech offrirà consulenze sulle caratteristiche e l’utilizzo dei formulati Agrofito ed Ergostart nella cura della vite e non solo, oltre agli straordinari risultati della Zeolite Cubana che continua a dimostrare grande efficacia in tutte le sperimentazioni e le prove in campo.

Agrofito ed Ergostart sono le due linee di concimi organici Bioagrotech che, insieme alle sostanze necessarie per rispondere alle esigenze specifiche delle piante, veicolano un microma che contiene la stessa flora microbiologica presente in una rizosfera ricca di humus e sostanze organiche, in grado di creare l’equilibrio ideale tra pianta e terreno, favorendo la crescita sana e florida della coltivazione.

Bioagrotech srl è un’azienda della Repubblica di San Marino specializzata nello studio, nella lavorazione e nella commercializzazione di fertilizzanti e substrati organici e minerali ideali per le esigenze dell’agricoltura biologica, biodinamica e a lotta integrata. Dal 2011 propone trattamenti innovativi per un’agricoltura all’insegna del rispetto dell’ambiente e della biodiversità. I prodotti Bioagrotech potenziano le difese naturali delle piante e arricchiscono il suolo: in tal modo permettono di ridurre notevolmente l’uso di fitofarmaci, riducendo anche la loro presenza residuale.

www.bioagrotech.com

David Barzazi: l’importanza di investire in Gruppo Green Power

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

Tenutosi a Palazzo Mezzanotte, l’Investor Day è stata un’ottima occasione di confronto tra tutte le società quotate Aim. Anche David Barzazi, in qualità di Amministratore Delegato di Gruppo Green Power, ha partecipato illustrando tutte le potenzialità dell’azienda attiva nel settore dell’efficientamento energetico.

Gruppo Green Power

Investor Day: Gruppo Green Power tra i partecipanti

Grande successo per la prima edizione dell’Aim Investor Day. L’evento ideato e organizzato da IR Top a Milano, con il patrocinio di Borsa Italiana, ha visto la presenza di 18 società partecipanti e oltre 150 investitori nella sala del Palazzo Mezzanotte. Tra queste c’era anche Gruppo Green Power con il suo Amministratore Delegato David Barzazi. L’imprenditore ha commentato così la manifestazione: “Una splendida opportunità per conoscere tutte le società quotate Aim e per capire le dinamiche di ciò che succede intorno a noi”. Nel corso dell’intervista, l’AD di Gruppo Green Power ha inoltre illustrato le strategie di crescita della propria azienda, che sono distinte tra linee interne ed esterne. Nel primo caso si mira a potenziare l’operato sul territorio italiano, aumentando la propria rete vendita; mentre nel secondo l’obiettivo è quello di acquisire realtà minori attive nel medesimo settore per poi inglobarle nel sistema organizzato del Gruppo.

Gruppo Green Power: un leader nel mercato dell’efficientamento energetico

Fondato nel 2010, da dieci anni Gruppo Green Power opera nel settore delle rinnovabili e dell’efficienza energetica e si rivolge a famiglie e piccole e medie imprese che desiderano prodotti di alta qualità, realizzati secondo un’ottica di sostenibilità, in modo da tutelare il più possibile l’ambiente e le risorse a disposizione. In occasione dell’evento Aim Investor Day, l’AD del Gruppo, David Barzazi, si è soffermato sull’importanza di un approccio sostenibile e sull’alto potenziale di crescita delle fonti di energia rinnovabile, nelle quali è bene investire: “Oggi vengono sfruttate solo al 5%. Ci sono studi di Confindustria ed Enel che prevedono decine di miliardi di euro all’anno, punti importanti di Prodotto Interno Lordo riferiti a questo mercato, assolutamente in crescita”. In Italia, infatti, Gruppo Green Power mira a diventare un riferimento per l’efficientamento energetico, attraverso la vendita di impianti a energia solare fotovoltaica, sistemi di accumulo, sistemi ibridi, pompe di calore ACS, sistemi di illuminazione a LED, dispositivi automatizzati (domotica) e mobilità elettrica.

Francesco Curci: “Il sorriso di una sposa” è il singolo che anticipa il primo album di inediti

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

Il delicato tema della violenza sulle donne viene filtrato dallo sguardo di una sposa in bilico fra certezze e speranza.

PH: Simone Scalisi

Arriva in radio e negli store digitali nel giorno della festa della donna Il sorriso di una sposa, il nuovo singolo di Francesco Curci, primo estratto dal suo album di inediti di debutto. Scritto e composto dallo stesso artista, il brano affronta il delicato tema della violenza sulle donne attraverso lo sguardo di una sposa che nel giorno più bello della sua vita si trova a fare i conti con dubbi, incertezze e speranze. Registrato e missato presso il Mad Studio di Genova dal maestro Andrea Maddalone (Renato Zero, Zucchero, Mario Biondi e molti altri) che firma l’arrangiamento, Il sorriso di una sposa si caratterizza per un sound raffinato, potente.

Una grande prova cantautorale per l’artista che oltre alla sua penna lucida e tagliente, colpisce per le sue straordinarie doti vocali e per il suo timbro inconfondibile.

Ad accompagnare il brano, un videoclip diretto da Nicola Bozzo: la splendida cornice di Villa Porticciolo, in Liguria, fa da sfondo alla storia tormentata di due sposi che, per fortuna, presenta un lieto fine.

«Questo brano è nato in viaggio, su un treno» spiega l’artista «ho appuntato sul mio taccuino i primi versi, avevo già in testa la melodia. Appena rientrato a casa, in piena notte, senza neanche disfare le valigie, mi sono seduto al piano e ho trascritto tutto. In poco tempo il brano era pronto e sentivo che imprimeva una nuova direzione alla mia musica rispetto al passato». Emerge infatti chiaro, netto il distacco dalle precedenti produzioni dell’artista e la volontà di esprimersi con una rinnovata libertà creativa.

Atmosfere vintage, quasi d’epoca, riecheggiano inoltre sulla copertina del singolo che fissa l’artista in uno scatto autentico realizzato presso il Grand Hotel Miramare di Santa Margherita Ligure.

Del singolo sarà disponibile anche un’edizione limitata in cd autografato acquistabile direttamente sul sito ufficiale dell’artista (www.francescocurcofficial.com).

Etichetta: Show in Action

Radio date: 8 marzo2019

BIO

Cantautore e scrittore, Francesco Curci si affaccia al mondo della musica sin da bambino. Studia canto e pianoforte e partecipa e numerose kermesse nazionali. Nel 2013 vince il Premio della Critica “Miglior brano radiofonico” al Festival Estivo di Piombino con il brano Capirai, che resta stabile per un mese nella top ten della Absolute Beginners Radio Airplay Chart, la classifica dei brani più trasmessi dalle emittenti radiofoniche degli artisti emergenti italiani. Pubblica il romanzo La vita tra le dita e nel 2014 vince il Premio Letterario Internazionale città di Arona G.V.O.Z. con il racconto Volare. Si laurea in Lettere Moderne e si specializza in Informazione, Editoria e Giornalismo. A gennaio 2018 pubblica il suo nuovo singolo, La gente che piace, e nell’estate firma un contratto di esclusiva discografica ed editoriale con Show in Action. L’8 dicembre pubblica a sorpresa l’inedito Non lasciarmi, un regalo di Natale per il pubblico che ottiene in un mese oltre 20.000 stream su Spotify. Il sorriso di una sposa è il suo nuovo singolo, primo estratto dal suo album di inediti di debutto.

Contatti e social

Sito ufficiale: www.francescocurciofficial.com

Facebook: https://www.facebook.com/francescocurciofficial/

Instagram: https://www.instagram.com/francescocurciofficial/

Canale VEVO (in attivazione): https://www.youtube.com/channel/UCMlmusp1JgUfJpKm758yt7A

Apple Music: https://apple.co/2ScS5DE

Spotify: https://spoti.fi/2NtyF7J

Daiichi Sankyo e AstraZeneca: accordo su trastuzumab deruxtecan

Scritto da Mario Mauri il . Pubblicato in Aziende, Salute

Daiichi Sankyo ha siglato un accordo con AstraZeneca per lo sviluppo e la commercializzazione globale del nuovo farmaco anticorpo-coniugato trastuzumab deruxtecan in monoterapia e in associazione per diversi tumori HER2 positivi


Roma, 1 aprile 2019 – Daiichi Sankyo Company ha stipulato con AstraZeneca un accordo di sviluppo e commercializzazione a livello globale per il suo maggiore farmaco anticorpo-coniugato (ADC) [fam-] trastuzumab deruxtecan (DS-8201), attualmente in una fase di sviluppo cruciale per più tumori HER2-positivi, inclusi cancro mammario e gastrico, e in ulteriore sviluppo per il carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) e nel cancro colorettale.
Daiichi Sankyo e AstraZeneca svilupperanno e venderanno congiuntamente [fam-] trastuzumab deruxtecan in monoterapia o in associazione, in tutto il mondo, tranne che in Giappone, dove Daiichi Sankyo manterrà i diritti esclusivi. Daiichi Sankyo sarà l’unica responsabile per la produzione e la fornitura di [fam-] trastuzumab deruxtecan.

Come annunciato separatamente da Daiichi Sankyo, sarà anticipata alla prima metà dell’anno fiscale 2019, la richiesta di approvazione all’FDA per la concessione della Licenza Biologica (BLA) di [fam-] trastuzumab deruxtecan nel carcinoma mammario metastatico HER2-positivo precedentemente trattato con ado-trastuzumab emtansina (T-DM1).

Realizzato con l’impiego della DXi, la tecnologia ADC proprietaria di Daiichi Sankyo, [fam-] trastuzumab deruxtecan è composto da un anticorpo anti HER2 umanizzato, a cui è legato, tramite un legante a base tetrapeptidica, un carico citotossico, cioè un nuovo inibitore della topoisomerasi I. È progettato per portare in modo mirato, e somministrare, la chemioterapia all’interno delle cellule tumorali, e ridurre così, rispetto ai meccanismi della comune terapia, l’esposizione sistemica al carico citotossico.

“[Fam-] trastuzumab deruxtecan è il fiore all’occhiello della nostra pipeline oncologica creata dalla continua ricerca in campo scientifico e tecnologico, i più importanti punti di forza della nostra azienda – ha dichiarato George Nakayama, Presidente e CEO di Daiichi Sankyo – “Attraverso la collaborazione strategica con AstraZeneca, una società con vasta esperienza globale e competenza in oncologia, uniremo le nostre risorse per massimizzare il valore di [fam-] trastuzumab deruxtecan e accelerare la crescita della nostra attività globale in oncologia. Puntiamo a fornire nuove opzioni di trattamento in un’ampia gamma di tumori il prima possibile, e potenziare così il nostro contributo ai pazienti oncologici e alle loro famiglie in tutto il mondo”.

“Riteniamo che [fam-] trastuzumab deruxtecan possa rappresentare una nuova opzione terapeutica per il trattamento dei carcinomi mammari e gastrici HER2-positivi – ha affermato Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca– Inoltre, questo ADC ha il potenziale per ridefinire il trattamento di prima linea del carcinoma mammario a bassa espressione di HER2, e per trattare altri tumori con mutazione o sovraespressione di HER2, compresi i tumori del polmone e del colon-retto. Siamo orgogliosi di lavorare con Daiichi Sankyo, che collabora da lungo tempo con AstraZeneca in altre aree terapeutiche”.

Termini finanziari dell’accordo
Secondo i termini dell’accordo, AstraZeneca pagherà a Daiichi Sankyo un anticipo di 1,35 miliardi di dollari. Ulteriori potenziali pagamenti fino a 5,55 miliardi comprendono 3,8 miliardi al raggiungimento di futuri traguardi regolatori, e fino a 1,75 miliardi per il raggiungimento degli obiettivi di vendita. L’ammontare totale previsto dall’accordo potrebbe arrivare fino a 6,90 miliardi di dollari.
Daiichi Sankyo e AstraZeneca condivideranno equamente i costi di sviluppo e commercializzazione del farmaco, così come i profitti in tutto il mondo, mentre i diritti esclusivi del farmaco in Giappone resteranno appannaggio di Daiichi Sankyo. Daiichi Sankyo commercializzerà il prodotto negli Stati Uniti, in alcuni Paesi europei e in altri mercati in cui Daiichi Sankyo ha filiali, mentre AstraZeneca curerà la commercializzazione in tutti gli altri mercati, tra cui Cina, Australia, Canada e Russia.
L’impatto sui risultati consolidati di Daiichi Sankyo per l’anno fiscale che termina il 31 marzo 2019 è irrilevante, in quanto il pagamento anticipato sarà contabilizzato tra le entrate del periodo in cui Daiichi Sankyo avrà obblighi contrattuali nell’ambito della collaborazione. Si prevede che questa partnership con AstraZeneca contribuirà ad elevare la capitalizzazione di Daiichi Sankyo nel medio-lungo periodo.

[Fam-] Trastuzumab Deruxtecan
[Fam-] trastuzumab deruxtecan (DS-8201) è il prodotto leader del franchise sperimentale sugli ADC di Daiichi Sankyo Cancer Enterprise. Gli ADC sono medicinali antineoplastici mirati che forniscono una chemioterapia citotossica (“carico farmacologico”) alle cellule neoplastiche mediante un legante attaccato a un anticorpo monoclonale che si lega a uno specifico bersaglio espresso sulle cellule neoplastiche.

Un ampio e completo programma di sviluppo con [fam-] trastuzumab deruxtecan è attualmente in corso in Nord America, Europa e Asia, e include cinque studi. [Fam-] trastuzumab deruxtecan si trova in fase III di sviluppo per il carcinoma mammario metastatico a bassa espressione HER2 precedentemente trattato (confrontato con la terapia scelta dallo sperimentatore; DESTINY-Breast04); in fase III di sviluppo per il carcinoma mammario metastatico HER2 positivo (confrontato con ado-trastuzumab emtansina (T-DM1); DESTINY-Breast03); e in fase III di sviluppo per il carcinoma mammario metastatico HER2 positivo (confrontato con la terapia scelta dallo sperimentatore post T-DM1; DESTINY-Breast02). Il farmaco: sta concludendo la fase II di sviluppo clinico per il carcinoma mammario metastatico HER2-positivo resistente o refrattario alla ado-trastuzumab emtansina (DESTINY-Breast01); è in studio in fase II di nel carcinoma gastrico in stadio avanzato HER2-positivo resistente o refrattario al trastuzumab (DESTINY-Gastric01), nel carcinoma colorettale in stadio avanzato con espressione di HER2 e nel NSCLC non squamoso metastatico, con sovraespressione di HER2 o mutazione HER2; infine è in sperimentazione di fase I in associazione con nivolumab per il carcinoma mammario e vescicale metastatico con espressione di HER2.

[Fam-] trastuzumab deruxtecan ha ottenuto dalla statunitense Food and Drug Administration (FDA) la designazione di Breakthrough Therapy per il trattamento dei pazienti con carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico HER2-positivo, trattati con trastuzumab e pertuzumab e con progressione della malattia dopo ado-trastuzumab emtansina (T-DM1), e la designazione di Fast Track per il trattamento del carcinoma mammario HER2-positivo non operabile e/o metastatico nei pazienti con progressione dopo precedente trattamento con terapie anti-HER2, compresa la T-DM1. Il farmaco ha inoltre ottenuto, dal Ministero della Salute, del Lavoro e della Previdenza giapponese, la designazione di SAKIGAKE per il trattamento del carcinoma gastrico o della giunzione gastro-esofagea HER2-positivo in stadio avanzato.
[Fam-] trastuzumab deruxtecan è una molecola in fase di sperimentazione non ancora approvata per alcuna indicazione in alcun Paese. La sicurezza e l’efficacia non sono state ancora determinate.

Daiichi Sankyo Cancer Enterprise
La vision di Daiichi Sankyo Cancer Enterprise consiste nell’applicazione di conoscenze e capacità innovative guidate da un pensiero non convenzionale per sviluppare trattamenti significativi per i pazienti affetti da cancro. L’azienda è impegnata a trasformare la scienza in valore per il paziente, e questo impegno è presente in tutte le sue attività.
L’ obiettivo è quello di mettere a disposizione dei pazienti sette nuove molecole nei prossimi otto anni, dal 2018 al 2025, avvalendosi dei risultati dei suoi tre pilastri: il Franchise di Farmaci Anticorpo-Coniugati, quello dedicato alla Leucemia Mieloide Acuta e quello di ricerca focalizzato sullo sviluppo delle nuove molecole.
I Centri di ricerca della Daiichi Sankyo Cancer Enterprise includono due laboratori di bio/immuno-oncologia e “small molecules” in Giappone e Plexxikon Inc. a Berkeley (California), e il centro di R&S sulla struttura delle “small molecules”. Tra i composti che si trovano nella fase cruciale di sviluppo figurano: [fam-] trastuzumab deruxtecan, un farmaco anticorpo-coniugato (ADC) per i carcinomi HER2-positivi della mammella, dello stomaco ed altri, il quizartinib, un inibitore orale selettivo di FLT3 per la leucemia mieloide acuta (AML) con mutazioni di FLT3-ITD di nuova diagnosi e recidivante/refrattaria, e il pexidartinib, un inibitore orale di CSF-1R per il tumore tenosinoviale a cellule giganti (TGCT). Per maggiori informazioni, consultare http://www.DSCancerEnterprise.com

FonteDaiichi Sankyo

————————————–

Contatti

Daiichi Sankyo
Elisa Porchetti
Tel.+39 0685255-202
elisa.porchetti@daiichi-sankyo.it

Valeria Carbone Basile
Tel: +39 339 1704748
valeria.carbonebasile@gmail.com

Bernardo Bertoldi riflette sulla valenza del Consiglio di Amministrazione

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Bernardo Bertoldi ha all’attivo una collaborazione con il maggior quotidiano di economia e finanza italiano, Il Sole 24 Ore. Gli articoli da lui firmati trattano, principalmente, di temi relativi all’imprenditorialità e al capitalismo familiare. In uno di questi ha riflettuto sull’importanza e il valore del Consiglio di Amministrazione per il futuro delle aziende.

Bernardo Bertoldi

Bernardo Bertoldi: il CdA, assolutamente necessario

Se Oscar Wilde affermava che nulla è più necessario del superfluo, Bernardo Bertoldi lo conferma. Sicuramente lo scrittore irlandese non si riferiva alla funzione di un organo quale il Consiglio di Amministrazione, ma il docente torinese si rifà al suo aforisma per sottolinearne il valore. Dall’analisi dei risultati di una ricerca, condotta dalla Harvard Business School sui CdA per le famiglie imprenditoriali, è emerso che queste imprese non superano le altre in nessuno degli indicatori. Sembra quasi, a volte, che il Consiglio di Amministrazione sia ritenuto un “inutile orpello del diritto commerciale, superfluo alla missione imprenditoriale dell’azienda”. Bernardo Bertoldi, a tal proposito, ha ripreso i due economisti Bainbridge ed Henderson, che al loro tempo sottolinearono l’importanza di istituire società specializzate nei servizi di “consigliere di amministrazione”. Il docente, infatti, ritiene che se utilizzato bene, il CdA può essere uno dei migliori punti di partenza per delineare una buona strategia aziendale.

Bernardo Bertoldi: formazione e carriera

Classe 1973, Bernardo Bertoldi consegue la laurea in Economia presso l’Università degli Studi di Torino. Dopo aver completato la formazione con il dottorato, matura la prime esperienze professionali in qualità di revisore dei conti e commercialista. Nel 2004 avvia la propria carriera accademica, affiancandola a quella di libero professionista, lavorando come Professore Aggregato presso il Dipartimento di Management dell’Università di Torino e co-fondando una società di consulenza strategica e finanziaria, 3H Partners, che oggi conta più di 100 collaboratori. Ha inoltre contribuito alla fondazione del campus di Torino dell’ESCP Europa, Grand Ecole francese. Tra le altre attività degne di nota, spicca la collaborazione con il maggior quotidiano di economia e finanza italiano, Il Sole 24 Ore, che ha pubblicato anche alcuni tra i suoi casi di studio. Bernardo Bertoldi ha recentemente lanciato il master “Family Business Management” della LUISS ed è l’attuale Vicepresidente del “Club degli Investitori”, il primo club di business angel sorto in Italia.

Le soluzioni di Norblast al MECSPE di Parma

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

L’azienda bolognese tra gli espositori della 18° edizione di MECSPE, la fiera di riferimento del manifatturiero 4.0.

Dal 28 al 30 marzo il Gruppo Norblast, azienda specializzata nelle tecnologie per i trattamenti superficiali di precisione che trovano applicazione in tutti i settori dell’industria meccanica, ha partecipato al MECSPE, la fiera che dal 2001 riunisce i principali leader di tecnologie a supporto dell’industria manifatturiera.

La kermesse promossa da Senaf e ospitata dal polo avanguardistico di Fiere Parma ha offerto, attraverso 12 saloni tematici, una panoramica completa e aggiornata delle principali soluzioni tecnologiche del settore e dato ampio spazio a iniziative legate a Sostenibilità e Formazione. Quest’ultima, infatti, rappresenta per le aziende un’esigenza urgente che si traduce nella ricerca di nuove professionalità, in grado di rispondere alle sfide dell’industria 4.0.

In questo contesto innovativo, che ha riunito le eccellenze del manifatturiero made in Italy, il Gruppo Norblast (espositore presso il Pad. 2, Stand J14) ha presentato le proprie soluzioni: in particolare, un impianto manuale e una soluzione semiautomatica dedicata ai particolari di piccole/medie dimensioni, riproducendo contestualmente vari filmati capaci di mostrare alla platea di visitatori le proprie eccellenze: soluzioni customizzate, frutto di 40 anni di know how ed esperienza.

Ma Mecspe ha rappresentato anche la cornice ideale per rafforzare relazioni commerciali già avviate ed intrecciarne di nuove. Durante la tre giorni, dedicata al manifatturiero 4.0, il Gruppo Norblast è stato rappresentato da alcune delle sue figure chiave: in prima linea il Presidente Cav. Remo Norelli, affiancato dal Sales Manager Stefano Norelli, dal Sales Engineer Fabio Gilli, dal Commerciale Italia Daniela Nigro e dal Process Engineer Gerardo Telesca.

La delegazione è riuscita a intercettare 109 aziende italiane specializzate in meccanica di precisione, stampa 3D, trattamenti galvanici, utensili e automotive, geograficamente collocate tra l’Emilia Romagna, la Lombardia, il Veneto, il Friuli Venezia Giulia, il Piemonte, la Toscana, le Marche e buona parte del Centro-Sud. Di questo folto gruppo – coinvolto, a seconda del settore industriale di appartenenza, in relazione ai processi di sbavatura, finitura, pulizia, preparazione superficiale, preparazione PVD, pulizia dopo saldobrasatura, honing sul tagliente, rugosità per trattamenti successivi e shot peening – 68 rappresentano nuovi contatti, 32 sono clienti che hanno sottoposto all’azienda una nuova richiesta, mentre i rimanenti 9 corrispondono ad aziende che i rappresentanti del Gruppo Norblast hanno avuto modo di incontrare all’interno della fiera, visitando i padiglioni adiacenti.

L’evento che ha tracciato la strada per il futuro della fabbrica intelligente è stato anche l’occasione per nutrire partnership con aziende specializzate nel commercio in Italia di stampanti HP per il 3D.

“Mutant Year Zero”: Giampaolo Sutto svela i segreti per vincere

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Giochi, Videogame

All’interno del suo blog dedicato al mondo del gaming, Giampaolo Sutto ha analizzato il videogioco Mutant Year Zero con soluzioni e trucchi per chi si sta avvicinando per la prima volta a questo titolo.

Giampaolo Sutto: la guida strategica di “Mutant Year Zero”

Rilasciato nel dicembre del 2018, Mutant Year Zero: Road to Eden è uno di quei titoli indie capace di farti capire come il futuro del gaming per pc, ma non solo, non deve per forza passare dalle grandi case di sviluppo come Microsoft, Ubisoft o EA. Strategico – tattico ambientato in un non troppo lontano futuro, dove l’uomo è sull’orlo dell’estinzione a causa di una non precisata pandemia globale, aggiunge alle dinamiche di X – Com la possibilità di esplorare liberamente la mappa di gioco. La storia, sebbene non fenomenale da un punto di vista narrativo, non ha nulla da invidiare rispetto a prodotti ben più blasonati. Altro punto da non sottovalutare è il livello di sfida: decisamente alto per chi non ha molta confidenza col genere. Per venire incontro a questa tipologia di videogiocatori, Giampaolo Sutto ha realizzato sul suo blog una guida strategica dedicata proprio a chi è in cerca di preziosi consigli per finire il gioco, senza spingersi nel contempo troppo nel dettaglio per evitare troppi spoiler.

I consigli di Giampaolo Sutto per finire il gioco

Mutant Year Zero: Road to Eden è un videogioco che non va sottovalutato, nemmeno da chi ha abbastanza dimestichezza con questo genere. Come afferma lo stesso Giampaolo Sutto: “Mutant Year Zero non è un titolo da prendere alla leggera. Non esistono “livelli semplici”. Sin dall’inizio sarete chiamati a usare il cervello”. Come per ogni generale che si rispetti, occorre studiare con attenzione la forza dei nemici e la loro disposizione sul campo di battaglia, pianificando le proprie mosse nel dettaglio. Se è vero che “nessun piano di battaglia sopravvive al contatto col nemico”, partire col piede sbagliato di certo non vi aiuterà. Per questo motivo, spiega sempre Giampaolo Sutto, “la strategia ideale è quella di separare le forze rivali ed affrontarle singolarmente” come dei novelli Napoleone, sfoltendo il più possibile il numero di nemici in modalità stealth. Ogni turno concesso al nemico, implica la possibilità di essere colpiti. Vista la scarsità di medikit, un’eventualità da evitare il più possibile. Per tale motivo un’altra delle tattiche da preferire è quella di eliminare il maggior numero di nemici nel minor numero di turni possibile.