Archivio per 7 giugno 2018

Libertà, coraggio e amore: Ritrovarsi, il nuovo romanzo di Raffaele Messina

Scritto da blob agency il . Pubblicato in Cultura, Libri

Il Taccuino Ufficio Stampa

Presenta

Ritrovarsi di Raffaele Messina

Un romanzo ambientato tra Capri e Napoli durante i dolorosi anni della Seconda guerra mondiale. Il racconto dell’iniziazione del giovane Francesco alla vita, ai suoi piaceri e ai suoi affanni, in un’epoca e in una società difficili, in cui non era possibile manifestare il proprio credo e i propri valori. È anche la storia di un amore che vince il tempo e lo spazio, e del sogno di un’esistenza vissuta nella pace e nel rispetto degli esseri umani. Ritrovarsi è un inno alla libertà e al coraggio di agire e di amare nonostante le difficoltà che purtroppo fanno parte del cammino dell’uomo. Un romanzo a volte duro, che racconta senza ingentilirli gli aspetti più cruenti dell’occupazione tedesca nel napoletano, riservando un posto particolare alle “Quattro giornate di Napoli” e alle disastrose conseguenze sulla città e sul destino del protagonista.

Titolo: Ritrovarsi

Autore: Raffaele Messina

Genere: Romanzo di formazione

Casa Editrice: Guida Editori

Pagine: 176

Codice ISBN: 978-88-6866-390-2

«[…] Era come un sovrapporsi di più presenze, misteriosamente esalate, scomparse, trasformate tutte in assenze. Ne restavano tracce evidenti, ma non c’erano più l’imperatore Tiberio e la sua corte, i suoi servi; non c’erano più gli archeologi e i loro operai. Non c’era neanche un custode. C’era lui, Francesco. Intruso, furtivo, e, come tale, anch’egli una presenza-assenza, partecipe dello stesso mistero».

Ritrovarsi di Raffaele Messina è un romanzo che accoglie in sé tanti temi importanti, dalla guerra e le sue terribili conseguenze alla difficoltà della crescita e degli anni dell’adolescenza. Attraverso il racconto della vita del protagonista Francesco Nastasi, si ripercorre un pezzo della storia di Napoli durante l’occupazione tedesca nella Seconda guerra mondiale, e della guerriglia urbana portata avanti da coraggiosi cittadini stanchi di essere asserviti a un padrone straniero e violento. Si parla delle dure leggi razziali, dell’illogica persecuzione degli ebrei, della falsità della propaganda fascista e del duro risveglio del popolo italiano dall’illusione di una guerra “giusta”. Nel racconto dei bombardamenti su Napoli si ha una delle immagini più intense del romanzo: quando Francesco e sua madre raggiungono il rifugio antiaereo, una discesa all’inferno per salvarsi la vita, vedono sul muro un graffito in cui è rappresentata una casa circondata da alberi e sotto di essa tanti fili d’erba, che si scoprono poi essere il metodo per contare i giorni di chiusura forzata nel bunker. Un’immagine che contiene in sé la critica a una guerra che ha distrutto vite e identità, e che ha privato gli uomini della sicurezza della casa e quindi della famiglia. Ritrovarsi pone l’accento sulla forza che ognuno trova dentro di sé quando si deve lottare per ciò che è davvero importante. Nel racconto delle “Quattro giornate di Napoli” si assiste alla fedele ricostruzione storica della resistenza dei napoletani, gente normale che ha deciso di non arrendersi e di sfidare un nemico più grande e potente, in nome della libertà. Parallelamente alle vicende storiche, Messina segue da vicino la storia del protagonista Francesco nei suoi tormentati anni dell’adolescenza, raccontandone la maturazione affettiva, sociale, sessuale e politica. Il ragazzo vive il difficile periodo storico che sta distruggendo ogni certezza con un unico, grande punto fermo nel cuore: l’amore per Patrizia. Un rapporto osteggiato dal destino, un amore vissuto a distanza, senza la sicurezza che l’altra stia ancora pensando a lui, senza la sicurezza che ella, di famiglia ebrea, sia ancora viva. Un altro rapporto è ben indagato dallo scrittore: quello pieno di incomprensioni di Francesco con il padre Salvatore. Due caratteri che sembrano opposti e che troveranno un punto di incontro solo quando riusciranno ad andare al di là delle apparenze. È qui che risiede il significato del titolo del romanzo, quel ritrovarsi di due anime, siano esse legate dall’amore tra un uomo e una donna, o dall’amore tra un padre e suo figlio.

Booktrailer del romanzo Ritrovarsi

TRAMA. Ritrovarsi è ambientato tra il 1938 e il 1946 sull’isola di Capri e successivamente a Napoli, intrecciandosi con le dinamiche della città nei primi anni della Seconda guerra mondiale e durante la rivolta popolare delle “Quattro Giornate”. Protagonista del romanzo è Francesco Nastasi, adolescente irrequieto preda di un amore incrollabile per una ragazzina ebrea, Patrizia, che scompare con la famiglia per sfuggire alle vessazioni del Podestà di Capri. Messina segue il protagonista negli anni della maturazione, nel contrasto con la figura paterna, maresciallo dei Reali Carabinieri, costretto per servizio a trasferirsi a Napoli, nelle difficoltà d’inserimento in una nuova realtà inasprita dalla guerra, nella stima ritrovata per il padre perduto sulle barricate e nella tenacia del primo amore che non muore mai.

BIOGRAFIA. Raffaele Messina (Catania, 1959) è docente, autore di testi scolastici, saggista e critico letterario. Dottore di ricerca in Italianistica, ha ricoperto gli incarichi di professore a contratto di Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli Studi di Salerno e di Supervisore di Tirocinio presso la S.I.C.S.I – Università degli Studi “Federico II” di Napoli. Attualmente insegna presso il Liceo linguistico “Mario Pagano” e collabora con la rivista L’Espresso Napoli. Ha pubblicato i saggi Il continuo e il discreto nella scrittura di Pirandello (Loffredo, 2009); Letti d’un fiato. Frammenti di produzione narrativa a Napoli e nel Mezzogiorno 2000-2012 (Homo Scrivens, 2013); L’educazione letteraria nella scuola riformata (Loffredo, 2003). Ha curato il recupero di novelle pirandelliane (Alla zappa! Una storia di prete pedofilo, Savarese) e delle opere giovanili di Luigi Compagnone (Gli ultimi paladini e altri racconti, Le avventure della famiglia De Gregorio). Ha esordito nella narrativa con i racconti Prestami la penna! (Premio Rolando 2010) e Muschillo al tempo della crisi (Premio Megaris 2012) ai quali hanno fatto seguito altri racconti apparsi in volumi collettanei. Ha curato le raccolte di racconti Scrittori per la pace (Guida editori, 2017), Le donne di Napoli (Homo Scrivens, 2017), Vecchio sarai tu! (Homo Scrivens, 2018) e ha pubblicato il romanzo Ritrovarsi (Guida editori, 2018).

Contatti

https://www.facebook.com/raffaele.messina.94

Link di vendita

http://www.guidaeditori.it/ritrovarsi.html

https://www.ibs.it/ritrovarsi-libro-raffaele-messina/e/9788868663902

https://www.amazon.it/Ritrovarsi-Raffaele-Messina/dp/8868663902

IL TACCUINO UFFICIO STAMPA

Via Silvagni 29 – 401387 Bologna – Phone:+393396038451

Sito: iltaccuinoufficiostampablog.wordpress.com

Facebook: www.facebook.com/iltaccuino.ufficiostampa/

Mail: iltaccuinoufficiostampa@gmail.com

Dalla natura un aiuto concreto nella lotta contro gli insetti della vite

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Ambiente, Aziende, Scienze

La Zeolite Cubana di Bioagrotech è la soluzione più efficace per potenziare le difese naturali della vite e proteggerla in ogni fase dello sviluppo.

Bioagrotech srl, azienda della Repubblica di San Marino specializzata nella produzione e commercializzazione di fertilizzanti e trattamenti organici per l’agricoltura biologica, è stata la prima a presentare al mercato italiano i vantaggi della Zeolite Cubana e continua a studiarne i benefici. Sono davvero molto rilevanti i risultati positivi dell’utilizzo di questa polvere di roccia sulla vite in tutte le fasi fenologiche.

Nella viticoltura giugno è un mese di cruciale importanza: il risveglio primaverile della natura è ormai in uno stadio avanzato, la vite è nel pieno dello sviluppo e i problemi della pianta tipici della bella stagione cominciano ad accumularsi. Sono numerosi gli insetti che in questo periodo prendono di mira la vite: tignola, afidi, ragnetti, tripidi, cocciniglie e tignoletta.

Il livello di pericolosità dei loro attacchi per la coltura dipende dalle condizioni climatiche dell’anno in corso e dal numero di generazioni che riescono a svilupparsi nel periodo: gli effetti possono essere l’insorgere di marciumi, la comparsa di virosi, il manifestarsi di ingiallimenti, ma anche un decremento della produttività o addirittura la morte della pianta.

Per contrastare in modo naturale lo sviluppo e l’attività di questi infestanti, la soluzione ideale è la Zeolite Cubana® di Bioagrotech, un prodotto brevettato e ammesso nell’agricoltura biologica, unico sul mercato. L’azienda di San Marino ne utilizza una varietà pura al 100%, costituita da due zeolititi (clinoptilolite-heulandite al 67,5% e mordenite al 32,5%), senza l’aggiunta di zeolititi inutili, sostanze inquinanti o vetro vulcanico.

Zeolite Cubana® è un prodotto ad azione fisica: i cristalli di Zeolite possono produrre lacerazioni letali sulla superficie dell’insetto che ne viene a contatto o disidratarlo, portandolo quindi alla morte. L’attività di questa polvere è efficace anche per disidratare le uova degli insetti impedendo alle larve all’interno di crescere e schiudere: in questo modo se ne impedisce lo sviluppo e la proliferazione.

L’efficacia dei trattamenti con Zeolite Cubana® contro le uova di tignoletta è del 54%, percentuale che è stata verificata e dimostrata dalle prove presso i centri di saggio.

Questa polvere di roccia, corroborante naturale, deve essere usata preventivamente sulle colture, coprendo in maniera completa e uniforme la superficie delle piante. Dosi e modalità di utilizzo variano da coltura a coltura e da una fase fenologica all’altra. È importante quindi affidarsi a un agronomo o un rivenditore specializzato.

Per qualunque informazione su Zeolite Cubana®, Bioagrotech è sempre a disposizione e può contare su una rete di tecnici di fiducia costantemente aggiornati durante le numerose riunioni tecniche organizzate nel corso dell’anno in collaborazione con i centri di saggio.

www.bioagrotech.com

Come usare il blog per fare business online

Scritto da Sara Mohamed il . Pubblicato in Affari, Internet

Con un semplice blog è possibile far crescere la reputazione di un marchio e attrarre nuovi potenziali clienti. La giusta comunicazione, attraverso contenuti di qualità pubblicati regolarmente sul blog, aiuta a trasmettere un’immagine autorevole dell’azienda.

Per scrivere, modificare e gestire un digital magazine, che altro non è che un blog strutturato con un vero e proprio piano editoriale e contenuti organizzati in categorie, non bisogna essere esperti programmatori; ci sono piattaforme a buon mercato (come WordPress, ma non solo) che gestiscono i contenuti e offrono valide opzioni di personalizzazione. Se sfruttato in modo intelligente, il blog/digital magazine consente di “creare” un pubblico affezionato, anche nei settori di nicchia, e di entrare in contatto con nuovi potenziali clienti.

Alcune delle migliori agenzie che si occupano di posizionamento SEO a Milano, la capitale italiana del marketing digitale, sviluppano piani editoriali SEO oriented, con gli argomenti di settore più interessanti (e quindi più cliccati) per gli utenti. Tramite link in uscita, un digital magazine di qualità riesce a indirizzare verso il sito “madre” un buon volume di traffico e valore, due fattori di ranking preziosi per ottenere un buon posizionamento su Google e gli altri motori di ricerca.

Attenzione, però, perché buona parte del successo (o dell’insuccesso) del blog aziendale dipende dai contenuti pubblicati. Articoli testuali, immagini, filmati, infografiche, documenti; tutti gli elementi devono essere ottimizzati secondo i principi della SEO per essere riconosciuti dall’algoritmo di Google come realmente utili, attinenti e rilevanti per gli utenti.

È utile usare il magazine aziendale per spiegare chi sei e cosa fai, senza però utilizzare un linguaggio autocelebrativo o eccessivamente markettaro. Il blog non è un e-commerce; più che vendere, deve informare. Il tone of voice varia a seconda del target: se ti rivolgi ad un pubblico giovane puoi usare un linguaggio informale, se il tuo audience invece è costituito da manager è meglio impostare la comunicazione più tecnica e istituzionale.

Infine, è importante pubblicare notizie e approfondimenti sul settore di riferimento, anche se non sono legati direttamente ai propri prodotti o servizi, per mostrarsi informati su tutto il panorama che ruota intorno alla propria attività. In questo modo gli utenti, col tempo, tenderanno a riconoscere il magazine come un punto di riferimento nel settore: imparziale, autentico e affidabile. Pubblicare periodicamente permette di creare engagement intorno ai contenuti; gli articoli vanno divisi in due o più categorie, per aiutare il lettore a trovare subito l’informazione che gli interessa, senza perdersi nei meandri del sito.

Scelte di classe per il tuo living: Talo parete, Artemide

Scritto da ElisaRossi il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Appassionati di arredamento e non, tutti sappiamo quanto sia importante un’illuminazione di qualità per gli ambienti di tutta la casa. È sempre più importante dare la giusta attenzione al design e alla qualità delle modalità con le quali abbiamo intenzione di portare la luce all’interno di sala, soggiorno o comere da letto per creare un’armonia perfetta tra stile e arredamento. Uno stile che sicuramente sta diventando molto popolare per la scelta di lampade da interni tanto tra i professionisti e esperti di interior design che gli amatori del buon home decor è indubbiamente lo stile moderno. Più nello specifico una lampada che perfettamente si adatta moltissimi stili è la Artemide talo da parete: una lampada da parete in un modello dal carattere moderno e raffinato, dal design di classe e con stile, adatta a numerosi ambienti da caratteristiche diverse. Sicuramente costituisce una scelta strategica per l’arredamento degli interni, garantendo un vantaggioso rapporto tra qualità e prezzo per un pezzo di design dall’aspetto originale ed elegante costruito in materiali davvero eccezionali.

Artemide Talo, in perfetta armonia con il tuo living

Il Talo da parete di Artemide è studiato e progettato per garentire una perfetta armonia di forme all’interno dell’arredamento del tuo soggiorno, delle sale, della cucina o delle camere da letto grazie al suo design dalle forme minimali e di ispirazione moderna. La struttura della lampada da parete e progettata per garantire un’eccezionale diffusione della luce all’interno degli ambienti, tanto direttamente quanto indirettamente, offrendo una performance altamente efficace ed un’elevata soddisfazione del cliente per i risultati. Tra gli ambienti più adatti per questo tipo di lampada figurano certamente quelli in stile minimale e ricercato, rendendo questa lampada non solo un ottimo mezzo per garantire la perfetta illuminazione degli spazi, ma anche un fantstico complemento d’arredo in armonia con il resto della mobilia.  La sua estetica però le permette anche di creare dei contrasti interessanti all’interno di altri stili, come, per esempio, quello scandinavo , dove la lampada con le sue strutture metalliche e il design pulito crea degli affascinanti giochi visivi tra le tonalità bianche e l’utilizzo del legno caretteristico di questo stile.

Una lampada da parete moderna e di design per un’illuminazione con stile

Il Talo Parete di Artemide viene offerto in vari colori, dal bianco al cromo lucido, passando per il rame satinato e il Silver, fornendogli l’abilità di adattarsi al contesto di diverse scelte stilistiche e prevalenze cromatiche negli ambienti ai quali è destinato. Le possibilità di gioco su questi colori diventano davvero infinite, garantendo la possibilità di creare tanto armonie di classe, quanto contrasti dal carattere forte, originale e deciso, per dare alle proprie mura domestiche un aspetto più in linea con la personalità dell’arredamento che si desidera proiettare. Oltre alla varietà delle tonalità in cui viene offerta, la potenza del faro e la tipologia della lampadina sono disponibili in diversi formati, per garantire una maggiore adattabilità alle necessità di luce dell’ambiente. Talo Parete di Artemide è quindi non solo un’eccelente lampada, ma anche un investimento infallibile d’arredamento.

Da Snom rimborsi a cinque cifre a sole 9 settimane dal lancio del nuovo programma partner

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Italia, Tecnologia

I rivenditori specializzati hanno accolto con entusiasmo il nuovo programma partner Snom. A poco meno di 100 giorni di distanza dall’annuncio, il vendor ha già rimborsato al canale bonus addizionali post-vendita sui telefoni IP nell’ordine delle cinque cifre. 

Berlino – Con il nuovo programma partner, lanciato di recente, il produttore di soluzioni VoIP professionali che spaziano dai telefoni IP da tavolo, ai cordless IP DECT e terminali per conferenze telefoniche, è riuscito con successo ad entusiasmare i propri partner in tutta Europa. Questo quanto emerge dall’impressionante bilancio dei primi 100 giorni di attività. Il produttore berlinese ha già deliberato il pagamento di bonus post-vendita nell’ordine delle cinque cifre. Questi sconti aggiuntivi sono appannaggio di partner Silver e Gold certificati e vengono erogati per ogni dispositivo acquistato presso un distributore Snom ufficiale.

Gernot Sagl, Amministratore Delegato di Snom Technology GmbH:
Il programma di canale con l’erogazione di bonus post-vendita interpreta appieno le esigenze dei rivenditori specializzati. “

Gernot Sagl, CEO di Snom

“Come dimostrato dall’elevato importo che, peraltro con sommo piacere, abbiamo già versato ai nostri partner in tutta Europa, il canale a valore ha capito che il nostro nuovo programma partner assicura vantaggi economici tangibili”, conferma Gernot Sagl, amministratore delegato di Snom. “L’importo saldato mostra la proattività di Snom nella partnership con i rivenditori specializzati.”

I rivenditori interessati possono registrarsi su partner.snom.com e beneficiare dei numerosi benefici della partnership una volta conclusa l’attivazione.

I rivenditori possono incontrare Snom al CeBIT

In occasione del CeBIT con concept rivisitato e nuova data, i VAR e i partner avranno modo di interfacciarsi personalmente con Snom. Lo specialista berlinese della telefonia IP presenterà ad Hannover, nel padiglione 13, Stand C84, numerose novità. Oltre agli highlight di prodotto della marca premium, il vendor condividerà con gli interessati tutti i dettagli del nuovo partner program e formule commerciali innovative.

Nuove proposte della linea “I Granripieni” Fini

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Alla linea “I Granripieni” Fini si aggiungono due ricette all’insegna dell’esaltazione del gusto e del connubio tra tradizione e innovazione.

“I Granripieni” di Fini, linea premium che raccoglie i formati e i ripieni più gustosi proposti dalla storica azienda emiliana nata nel 1912 a Modena specializzata nella pasta fresca ripiena, nel 2017 ha raccolto importanti successi. Tutti gli indicatori di performance hanno indicato una crescita a doppia cifra per la linea: +25% di distribuzione numerica e +18% di ponderata a dicembre 2017, aumenta il referenziamento medio della categoria a scaffale e cresce la rotazione di base dei prodotti (+13%). La referenza più classica di Fini, i Tortellini Antica Ricetta 1912, rappresentativa di tutta la gamma, è quella che ha avuto la migliore performance distributiva nel segmento della pasta fresca con ripieni a base di prosciutto crudo: un’ulteriore testimonianza della riconosciuta esperienza dello storico marchio emiliano nel formato della tradizione per eccellenza.

Da questo successo nascono nuove proposte: Fini, che studia costantemente il mercato e i consumatori, ha scelto di ampliare ulteriormente la linea de “I Granripieni di Sapore” con due nuove proposte all’insegna del gusto.

I nuovi Ravioli Salsiccia e Funghi, disponibili da marzo nel banco frigo, sono mezzelune di sfoglia che racchiudono un ripieno saporito e speziato che celebra l’abbinamento tra la salsiccia e i funghi porcini, tipico di tante ricette della gastronomia italiana.

Ravioli Patate e Rosmarino, presentati in anteprima a Cibus 2018, sono la prima proposta di pasta fresca ripiena realizzata con semola integrale di grano antico Senatore Cappelli, senza uova. La sfoglia, integrale, biologica, 100% italiana ha un’ottima tenuta in cottura. Il ripieno vegetale è morbido e gustoso. Il risultato è una proposta di pasta fresca integrale all’insegna dell’italianità, del sapore e del benessere, adatta a chiunque cerca novità e qualità.

Queste nuove referenze si aggiungono alle altre sei della gamma, che nel 2017 hanno registrato una crescita del volume di vendita di oltre il 20%: segno che la ricerca di qualità e di appagamento da parte del consumatore ha trovato risposta in questa linea composta da ricette fortemente incentrate sul gusto, sulla scelta delle materie prime e sui formati di pasta.

I Granripieni sono anche protagonisti del progetto di comunicazione web e social #ilpranzodelladomenica, realizzato in collaborazione con 20 food blogger selezionate in tutta Italia: da maggio a ottobre, ogni domenica una food blogger pubblicherà una ricetta personalizzata con un prodotto Fini abbinato a ingredienti tipici del suo territorio, condividendola sui social e stimolando la partecipazione dei follower. Al termine delle 20 settimane, la giuria Fini selezionerà le tre ricette più originali e le blogger selezionate, con il supporto tre follower, saranno protagoniste di un live cooking show presso FICO a Bologna. Verrà infine scelta una ricetta che verrà stampata su un’edizione speciale della confezione del prodotto impiegato.

www.nonsolobuono.it

Ecco come trovare il portabiciclette per auto adatto alla vostra auto!

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Lifestyle, Sport

Pratici, essenziali e sicuri. I portabiciclette per auto sono comodi oggetti per chi ama lo sport e il divertimento all’aria aperta. Si montano facilmente e si richiudono all’occorrenza. Economici e alla portata di tutti si trovano in forme, colori, materiali e tipologie diversi. Per scegliere il modello più adatto è importante capire le proprie esigenze e poi stilare un elenco delle priorità. Posteriori, a gancio o a tetto, i portabiciclette per auto sono indispensabili per chi vuole trasportare le propri bici con facilità e sicurezza. Prima di acquistare il modello che vi sembra più adatto a voi verificate alcuni aspetti come per esempio la compatibilità con la vostra auto e anche che il modello scelto non copra le luci e la targa che impedirebbero il movimento. I costi di un portabicilette per auto sono accessibili e variano in base al modello. Tuttavia risultano molto economici rispetto alla loro qualità e all’utilizzo. Se avete dubbi sul modello da scegliere non esitate a fare domande a chi già utilizza il modello e può consigliarvi. Recensioni e pareri si trovano facilmente online insieme a feedback pratici e utili sulla qualità del prodotto e sulla sua sicurezza. Quest’ultima è fondamentale per avere un prodotto certo. Garanzia e certificazioni confermano l’affidabilità.