Archivio per 2 maggio 2018

Strass per i tuoi accessori

Scritto da letizia wd il . Pubblicato in Aziende, Lifestyle

Strass per i tuoi accessori di primavera!

Strass per i tuoi accessori

Volete ridare nuova luce a capi di abbigliamento e accessori oramai in disuso?

Volete renderli chic, unici e scintillanti?

Bene, perché in questa nuova stagione non servirà necessariamente darsi allo shopping selvaggio per inseguire mode e tendenze del momento. Ma semplicemente, basterà  disporre di una buona quantità di pazienza per decorare con punti luce, strass e pietre da cucire tutti gli accessori, le borse, t-shirt e vestitini che oramai non usavate più!

Nello shop online de langolodellostrass.it troverete tantissimi prodotti, ideali per personalizzare un capo un po’ banale o per ridare nuova luce ad un capo oramai in disuso. Strass, pietre da cucire, di ogni dimensione e colore…  Applicati su giubbotti, jeans, scarpe col tacco, sneakers, borse e pochette, renderanno tutto più scintillante e glamour.

Ogni vostro outfit potrà essere reso facilmente più prezioso ma anche più luminoso e divertente con  i nostri prodotti.

Provate a pensare alle forme floreali che è possibile realizzare con le nostre pietre da cucire… Ed è subito primavera, ed è subito un new look originale!

Gli strass poi consentono di creare, da soli, capi d’abbigliamento unici e personalizzati. Ad esempio utilizzando gli strass termoadesivi. Sicuri, pratici e facili da applicare! O ancora gli stencil e le dime prestampate. Che vi permetteranno di realizzare disegni, scritte e tutto ciò che viene suggerito dalla fantasia.

Ma se volete ancor di più facilitarvi l’applicazione, basterà ordinare anche il comodissimo applicatore termico. Et voilà… il vostro capo rinascerà in un batter d’occhio!

Non vi resta che visitare lo shop, procedere all’acquisto e dare via libera alla vostra creatività!

I produttori russi alla scoperta del vivaismo di Geoplant

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Italia

L’8 maggio una delegazione di frutticoltori del sud della Russia farà visita all’azienda per studiare i processi produttivi dei suoi campi sperimentali ed entrare in contatto con il suo network di esportatori e distributori.

Per Geoplant Vivai – società agricola nata nel 2007 sulle solide fondamenta della Geoplant Vivai di Danesi Secondo – si prospetta un mese di maggio intenso e ricco di soddisfazioni.

Non sarà infatti solo Macfrut ad attirare in Italia una nutrita rappresentanza dei produttori ortofrutticoli russi: circa 50 membri di un’associazione proveniente dalla regione del Mar Nero raggiungeranno l’8 maggio l’azienda di Savarna, nel ravennate, per visitare i vivai e i campi sperimentali di piante da fragola, a quella data ancora all’inizio del loro periodo di sviluppo. Non mancherà una sosta ai campi madre delle piante da frutto, soggetti ai rigidi protocolli di controllo previsti dall’ordinamento italiano e per questo particolarmente interessanti per la delegazione.

A guidarli lungo questo percorso conoscitivo saranno: Lucilla Danesi, responsabile commerciale estero per il comparto fragola; Secondo Danesi, fondatore dell’impresa semplice del 1982 e amministratore unico dell’attuale Geoplant Vivai; Enrico Marchetti, responsabile del campo di breeding; Michele Montanari, tecnico commerciale e breeder per il settore fragola; Gianluca Pasi, responsabile commerciale e responsabile del miglioramento genetico per le piante da frutto.

Oltre ad aver intrecciato dei solidi rapporti con i distributori, importanti traits d’union con gli agricoltori locali, in Russia Geoplant Vivai ha stabilito anche una collaborazione con Alecsandr Bota, Presidente dell’associazione dei produttori di frutta e berries di una regione del sud della Russia e licenziatario del marchio Geoplant per la coltivazione e la vendita delle sue varietà (Alba e Roxana) nel territorio che circonda il Mar Nero: una zona preziosa principalmente per via delle condizioni climatiche, molto simili a quelle italiane.

Sarà proprio Alecsandr Bota, accompagnato da una cospicua rappresentanza dell’associazione, a calarsi nell’ambientazione agricola emiliano-romagnola per carpire i segreti delle tecniche produttive e studiare i processi di immagazzinamento e conservazione. Dopo una prima tappa presso il quartier generale di Geoplant Vivai, i partner commerciali si dirigeranno a Cesena per incontrare l’Az. Agricola Corbara, di proprietà di un eccellente produttore di fragola da tempo cliente di Geoplant. Concluderà la giornata la visita alla Coop. Agrintesa di Gambettola Cesena, società leader nella lavorazione, nel confezionamento e nell’export della frutta.

Un momento di incontro importante, segno del forte richiamo che esercitano la tradizione, la professionalità e la qualità rigorosamente made in Italy di Geoplant.

www.geoplantvivai.com

RC auto: nella stessa città può variare fino al 36,4% in base al Cap

Scritto da Andrea Polo il . Pubblicato in Automobili, Economia, Italia

Stesso assicurato, stessa automobile, stesso attestato di rischio, stessa città di residenza, ma tariffa RC notevolmente diversa; come mai? La ragione, spesso, si traduce in 3 lettere: Cap. Già perché secondo un’analisi fatta ad aprile 2018 da Facile.it, il principale sito di comparazione del settore, in alcune grandi città italiane vivere in un quartiere piuttosto che in un altro può far aumentare anche del 36,4% l’importo del miglior premio disponibile. *

Simulando la richiesta di assicurazione di un profilo tipo (uomo, 42 anni, impiegato, coniugato, prima classe di merito da meno di un anno, che guida una station wagon 1.4, unica vettura del nucleo familiare), il sito ha evidenziato come risiedere in una zona o nell’altra della città, a volte anche solo da un lato o dall’altro della stessa strada, possa incidere sensibilmente su quanto si paga di assicurazione; se a Firenze la differenza di prezzo massima è tutto sommato contenuta (+2,15% fra chi risiede nell’area a migliore e quella a peggiore tariffazione), nelle altre città campione le diversità incidono sensibilmente sul premio.

Restano sotto la soglia psicologica della doppia cifra, magra consolazione, solo Genova (+8,25%) e, per meno di un soffio, Milano (+9,99%); la superano invece Roma (+10,73%), Torino (+11,90%), Bari (+18,60%) e, soprattutto, Napoli dove la migliore offerta disponibile per i Cap 80127, 80128 e 80129 è inferiore del 36,4% rispetto a quella disponibile per il Cap 80139.

È sempre così? No; alcune assicurazioni scelgono di mantenere in tutto il territorio urbano la medesima tariffa, ma questa, sempre secondo la simulazione fatta da Facile.it, è spesso maggiore rispetto alle migliori offerte di altre compagnie. Fanno eccezione, tra i capoluoghi presi in esame dal comparatore, Bologna, Venezia, Cagliari e Palermo dove, nonostante la differenza di Cap, la migliore offerta disponibile per gli automobilisti è identica.

 *tariffe relative alle migliori offerte disponibili su Facile.it, per il profilo indicato, nei giorni 19, 20, 23, 24 aprile 2018.

La Partita Mundial darà centomila euro in beneficenza

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Calcio, Sport

Si terrà giovedì 3 maggio alle ore 11:30 presso il Palazzo delle Federazioni di Roma la conferenza stampa di chiusura de “La Partita Mundial” con la distribuzione dell’incasso raggiunto di centomila euro che sarà devoluto alle associazioni partecipanti.

“La Partita Mundial” è un evento di calcio spettacolo, ideato e organizzato da Fabrizio Rocca e Olivio Lozzi e con la direzione della comunicazione affidata alla Tiziana Rocca Production.

Come di consueto sono state coinvolte numerose Onlus e associazioni benefiche che si occupano sul territorio italiano della lotta alla violenza contro le donne, tra questo spicca l’aiuto fondamentale della Croce Rossa Italiana.

Tra le altre associazioni che riceveranno l’assegno ci sono:

“Salva bebè Salva Mamme”, “WeWorld Onlus”, “#Odiolodio”, “Ti amo da morire Onlus” e “Solarialab”, A.g.o.p Onlus, A.n.d.o.s onlus comitato Velletri, A.n.d.o.s. onlus comitato Roma. A.v.v.i.s., A.i.s.l.a. onlus, Alzheimer Roma Onlus, Amici del Montenegro Onlus, Argos Associazione Forze di Polizia, Associazione Amare il Teatro, Associazione Confraternita Maria Ss.ma delle Grazie, Associazione Culturale Gruppo Idee, Associazione Donatori Sangue PCM, Associazione Favole e Sogni Onlus, Associazione Nazionale Polizia di Stato gruppo Roma 1, Centro Recupero Fauna Selvatica Lipu Roma, Centro Sportivo Italiano Comitato Roma, Croce Rossa Italiana, Destinazione Minori Onlus, Equipe del Cuore Onlus, Fiaba Onlus, Fondazione Biomedica Foscama, Il Caprifoglio Onlus, Io Domani, Tutti insieme per Ludovica, U.g.d.a. onlus, Unione Italiana Rett Onlus, Virtus Italia Onlus, Vitalba Onlus, Zipaolo Team.

I protocolli più utilizzati nel campo della domotica: l’ascesa di ULE

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Internet, Tecnologia, Tecnologia Personale

UA_Logo_AllianceSecondo un recente studio dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, il mercato della smart home in Italia è cresciuto del 35% nel 2017, con un volume di 250 milioni di euro. Un mercato in piena crescita anche a fronte del numero considerevole di produttori che nel corso degli ultimi anni hanno adottato le più diverse strategie e i più diversi protocolli sia per integrare i propri prodotti smart nella rete domestica dei consumatori sia per assicurare agli utenti accesso remoto a dispositivi e applicazioni domotiche.

IoT tra le mura domestiche: un’infinità di protocolli

Ancora troppi, in alcuni casi poco performanti o troppo “chiusi” i protocolli con cui si confronta l’utente quando decide di implementare dispositivi intelligenti per automatizzare i processi quotidiani. Tra questi sei i più comuni in ambito residenziale:

Il Bluetooth è uno tra i protocolli più comuni per le tecnologie di comunicazione a distanza ravvicinata nell’automazione domestica. La progressiva evoluzione del protocollo, a fronte dell’impiego con soluzioni e dispositivi IoT, ha dato vita ad una variante denominata Bluetooth Low-Energy (BLE) o “Bluetooth Smart”. Si tratta di un protocollo di rete wireless che, paragonato al Bluetooth tradizionale, presenta consumi energetici ridotti e un costo inferiore, ma non è concepito per distanze superiori ai dieci metri tra i dispositivi.

domotica

Nato nel 1990, KNX è oggi ritenuto di fatto lo standard mondiale per la building automation, aperto e conforme alle principali normative europee ed internazionali. Uno dei grandi vantaggi di KNX è l’interoperabilità tra prodotti e applicazioni di diversi produttori, tuttavia per garantire la continuità del servizio anche in caso di guasto di un dispositivo KNX si avvale di un sistema a “intelligenza distribuita” che richiede l’installazione di un’unità domotica per ogni funzione, creando problemi in termini di spazi installativi. Inoltre, l’architettura delle soluzioni basate su KNX è complessa, rendendone quasi impossibile l’installazione senza l’ausilio di uno specialista, un fatto che pare confermato anche dallo studio dell’Osservatorio IoT secondo cui quasi un italiano su quattro dispone di dispositivi smart e di questi il 74% ha richiesto un professionista per l’installazione.

Lanciato nel 2015, Thread è un protocollo IP wireless molto promettente per la domotica, creato da Google/Nest in collaborazione con Samsung, Freescale e Arm, che mira a unire i prodotti della domotica in un solo protocollo d’avanguardia capace di operare su un hardware già esistente. Diversamente da Z-Wave e ZigBee, i dispositivi Thread sono indirizzabili tramite IP, assegnando a ciascun dispositivo Thread il proprio indirizzo IPv6. Questo consente di collegare con molta facilità le reti Thread a Internet e semplifica l’integrazione con le applicazioni Cloud. Un limite alla sua diffusione è la scarsa base installata e il fatto che comunque la tecnologia Thread non ha alle spalle un’organizzazione articolata ma è di Google/Nest, con tutti gli svantaggi comportati da un’architettura il cui sviluppo dipende esclusivamente da un’azienda.

Il WiFi è utilizzato da molti produttori di soluzioni domotiche (cfr. Wemo di Belkin) come strumento per connettere dispositivi smart alla rete domestica. Grazie alla sua onnipresenza all’interno degli ambienti domestici, l’uso del WiFi consente di appoggiare i dispositivi ad una infrastruttura preesistente, offre un throughput sufficientemente elevato ma ha uno svantaggio: oltre ad occupare la banda eventualmente necessaria ad applicazioni di rete in tempo reale come lo streaming video o la telefonia via IP, consuma troppa energia.

Un altro notissimo protocollo è Z-Wave, che a differenza del Bluetooth, non si collega direttamente allo smartphone. Per gestire i dispositivi Z-Wave tramite cellulare o altro dispositivo è infatti necessario uno hub compatibile (come SmartThings di Samsung o Wink Hub), svantaggio principale di questo protocollo oltre al ridotto raggio d’azione circa 35 metri, estensibile con fino a massimo quattro dispositivi aggiuntivi a circa 180 metri nominali, salvo pareti, porte o altri ostacoli. Tra i vantaggi di Z-Wave figurano invece la cifratura simmetrica AES a 128 bit e il fatto che l’utilizzo del dispositivo “smart home” non richieda l’installazione di una app dedicata, poiché lo stesso è accessibile tramite hub.

Estremamente simile a Z-Wave, ma non identico, è Zigbee, protocollo di rete wireless-mesh che abbina una buona durata della batteria alla garanzia di sicurezza, grazie alla crittografia integrata a 128 bit. Queste qualità però sono compensate in negativo da una bassa velocità massima di trasmissione dei dati (comunque superiore a quella di Z-Wave) e dall’altrettanto scarsa portata. Nonostante la somiglianza tra Z-Wave e Zigbee i due protocolli non sono compatibili l’uno con l’altro, nonostante siano svariati gli hub, come Iris di Lowe, Wink hub di Quirky e Staples Connect di Lynksys, in grado di supportare entrambi.

Conclusioni

Il principale vantaggio della domotica, specie in ambito residenziale, è la comodità di gestire da remoto di diversi apparecchi per mezzo di un singolo dispositivo, idealmente mobile o di uso quotidiano, come ad esempio il telefono cordless di casa. Semplificare l’adozione della domotica rendendola appetibile anche per l’utente meno tecnoaffine è da sempre una delle missioni della ULE Alliance. La tecnologia ULE è la soluzione di rete wireless più sicura, di maggior portata e più stabile attualmente disponibile sul mercato. Supporta comunicazioni vocali e video a due vie integrate e permette soluzioni domestiche complete per mezzo di una configurazione semplice e a basso costo. Molti i produttori che ritengono ULE lo stato dell’arte della connettività IoT e un asset per il futuro dell’industria della domotica residenziale. Giganti del settore come Panasonic, Crow, Gigaset e Sercomm hanno sviluppato diversi sensori e dispositivi in grado di sfruttare tutti i vantaggi di ULE per le proprie soluzioni smart, una tecnologia supportata anche da diversi produttori di router domestici, tra cui AVM, il più noto in Italia. A partire dalla frequenza utilizzata per la trasmissione (1,9 GHz) priva di interferenze perché di uso esclusivo della telefonia cordless domestica, e dalla non dipendenza dal wifi per lo scambio di informazioni tra la centrale di comando e il dispositivo, fino alla trasmissione punto punto cifrata (128 bit) e non hackerabile per la massima tutela della privacy. Quest’ultima, fattore essenziale, secondo l’Osservatorio IoT, per oltre la metà dei consumatori italiani che si sono dotati di soluzioni e dispositivi domotici. Infine, l’interoperabilità tra dispositivi di più vendor grazie a HAN FUN è garanzia di un’esperienza utente scevra dai vincoli e dai costi che caratterizzano sistemi proprietari o architetture chiuse.

ULE Alliance

La ULE Alliance, con sede in Svizzera, promuove da tempo l’adozione dello standard DECT ULE e conta già su numerosi produttori di chip, dispositivi domotici e operatori internet in tutto il mondo. Tra i membri attuali della ULE Alliance figurano tra gli altri Aastra, AVM, Crow, Dialog Semiconductor, DSP Group, DT, Cisco, Ericsson, Gigaset, Huawei, IntelIntel, Netgear, Ooma NEC, Panasonic, Sercomm, SGW Global, Quby, VTech, Zyxel.

Per ulteriori informazioni: http://www.ulealliance.org

Ultimo appuntamento a Pescara con la rassegna “il giovedì… DOCUDÌ”

Scritto da Muni CYTRON il . Pubblicato in Arte, Cultura, Film, Locale

Giovedì 10 maggio 2018, ore 18.00
“LET’S GO” di Antonietta De Lillo
Anteprima regionale
Museo d’arte moderna Vittoria Colonna, via Gramsci, Pescara
INGRESSO LIBERO

Sarà presente l’autore – protagonista: Luca Musella

COMUNICATO STAMPA alla pagina
http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/2018_05_01_Com_Stampa_10.pdf
ARTICOLO alla pagina http://www.webacma.it/lets-go-di-antonietta-de-lillo-pescara-10-05-2018/

Siamo così giunti all’ultimo appuntamento, per questa edizione 2017-2018, della rassegna “il giovedì… DOCUDI’” cinema documentario al museo Colonna organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Pescara e dall’associazione A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese), in collaborazione con il Festival del documentario d’Abruzzo – Premio internazionale Emilio Lopez.

La Rassegna, iniziata nel dicembre 2017 ha avuto dieci appuntamenti e si è svolta presso il Museo d’arte moderna Vittoria Colonna tenuta a Pescara.
Le opere presentate sono state selezionate tenendo conto non solo delle tematiche affrontate ma anche delle loro caratteristiche strettamente cinematografiche.
Si è cercato di scegliere opere di qualità, rivolgendo un’attenzione particolare – di volta in volta – alle tematiche diverse che spaziano dall’arte al sociale, dalle problematiche ambientali alla multicultura, al documentario d’inchiesta.
Tutte le proiezioni sono state introdotte dall’Associazione A.C.M.A. e al termine si è sempre svolto un dibattito con la presenza di esperti e dei registi e autori delle opere. Tutte le proiezioni sono state gratuite.

Giovedì 10 maggio 2018 alle ore 18.00 proiezione del film “LET’S GO” di Antonietta De Lillo
Sarà presente l’autore – protagonista Luca Musella

Let’s go è la storia di un esodato, professionalmente ed emotivamente: Luca Musella, fotografo, operatore, scrittore, oggi ha perso tutto. O forse no. Il protagonista ripercorre la propria vita in un testo-lettera da lui scritto e in un viaggio reale e ideale attraverso l’Italia, da Napoli, sua città natale, a Milano, il luogo della sua nuova esistenza. Insieme alle persone che popolano il suo mondo, Luca Musella diventa portavoce di una condizione universale, specchio del nostro Paese nell’era della crisi

Antonietta De Lillo regista, fotografa, giornalista pubblicista, nasce a Napoli il 6 marzo 1960. Attualmente vive e lavora a Roma, dove è impegnata con la sua nuova società di produzione Marechiaro Film a proseguire idealmente l’esperienza maturata in venticinque anni di attività. Consegue la laurea in Spettacolo al D.A.M.S. di Bologna. Lavora come giornalista pubblicista e fotografa per importanti quotidiani e settimanali. Poi si trasferisce a Roma dove presta la sua attività, in qualità di assistente operatore, a varie produzioni televisive e cinematografiche.

INFO
Web http://www.webacma.it/docudi-2017
Facebook http://www.facebook.com/AssociazioneACMA

descrizione evento goo.gl/tamGDC (http://www.webacma.it/lets-go-di-antonietta-de-lillo-pescara-10-05-2018)
evento su Facebook goo.gl/Dbfmcu (http://www.facebook.com/events/164980390833285)

#ACMA #Docudì #AbruzzoDocFest #AssociazioneACMA #LetsGo #AntoniettaDeLillo

L’ A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese) nata nel dicembre 2000, è una associazione culturale senza scopo di lucro, costituita esclusivamente da volontari.

Persegue la finalità di promuovere la cultura cinematografica e multimediale attraverso la sua fruizione a vantaggio dei propri associati e dell’intera collettività.
Tra i suoi scopi: coordinare, organizzare e pianificare attività culturali in generale; anche attraverso l’organizzazione di festival, rassegne, cineforum o singole proiezioni.

Nel sito www.webacma.it è possibile avere tutte le informazioni sulle attività ed i progetti dell’Associazione, su come iscriversi e contattarci. Attiva anche la pagina facebook /AssociazioneACMA dove trovate segnalazioni, appuntamenti, informazioni notizie su Rassegne e Film d’autore, avvenimenti regionali e nazionali.

ASSOCIATI
Puoi sostenere le nostre iniziative, per partecipare in maniera sempre più attiva alla vita e alle iniziative dell’Associazione, con la tua iscrizione (www.webacma.it/iscrizioni/).

L’iscrizione all’associazione è annuale e ai soci viene consegnata una Card plastificata personalizzata che gli consentirà di accedere alle convenzioni che l’Associazione ha stipulato con i Cinema dell’area metropolitana e gli esercizi commerciali (http://www.webacma.it/convenzioni).

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Pagina Fb ufficiale del film https://www.facebook.com/LetsGoFilm/
Bio – filmografia regista http://www.marechiarofilm.it/it/antonietta-de-lillo/

Trailer 1 https://youtu.be/9wAWgmjdfU4
Trailer 2 con commento autore https://youtu.be/_oE4slfAlP8

Press Kit http://www.webacma.it/wp-content/uploads/2017/03/Press_Kit_Lets-Go.pdf

Articoli
Cinematografo.it https://stagingcinematografo.glauco.it/cinedatabase/film/let-s-go/59510/
Panorama.it https://www.panorama.it/cinema/lets-go-antonietta-de-lillo-documentario/
Mymovies.it https://www.mymovies.it/film/2014/letsgo/
Movieplayer.it https://movieplayer.it/articoli/torino-2014-antonietta-de-lillo-e-il-combattente-gentile-di-lets-go_13805/

Video
regista intervistata da Paolo Virzì https://youtu.be/Lj6yTuucXdE
Intervista https://youtu.be/ucZZYfQlS30

INFO http://www.webacma.it/docudi-2017 / Facebook http://www.facebook.com/AssociazioneACMA

ACMA – Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese
Via Firenze 99 – 65122 Pescara – Telefono: +39 085 4210031
email: info@webacma.it
ACMA in internet: www.webacma.it
Festival in internet: www.abruzzodocfest.org
Festival su Twitter: https://twitter.com/Klaris66

ACMA su Facebook: www.facebook.com/AssociazioneACMA
Festival su Facebook: www.facebook.com/Abruzzodocfest

“Una Saga Medioevale” di Alessia Ferrari Dream (a cura di Gioia Lomasti)

Scritto da Alessia il . Pubblicato in Cultura, Libri

“Una Saga Medioevale” è il primo romanzo di Alessia Ferrari Dream, a cura di Gioia Lomasti.

Si tratta di un libro a dir poco emozionante, coinvolgente, prende fin dalla prima pagina, trascinando il lettore nel mondo interiore dell’autrice, davvero talentuosa. Non manca nulla per renderlo avvincente, commovente, palpitante di vere emozioni: amori struggenti, losche trame per rovesciare il potere, pulsioni proibite, segreti inconfessabili, passioni travolgenti, lotte e battaglie. All’interno si trovano splendide illustrazioni dell’artista Simona Cipollina Martorella, che ritraggono vari protagonisti delle vicende narrate, rendendoli assolutamente vivi, veri. Anche i nomi sono particolari, in questo romanzo: essi sono i ruoli stessi che ricoprono i personaggi, oppure nomi di animali o l’aspetto più spiccato del loro carattere. Non si può dunque perdere questo libro, che sicuramente sarà amato da un vasto pubblico!

Link di riferimento: https://www.facebook.com/alessiaferraridream/?ref=br_tf

Grande successo per il primo appuntamento di Luoghi Storici e musica

Scritto da Noi per Napoli il . Pubblicato in Arte, Musica, Spettacolo, Turismo

Il Borgo di Chiaia il 25 aprile scorso è diventato lo scenario del primo appuntamento di “Luoghi Storici e Musica” 2018, ad opera dell’associazione Culturale Noi per Napoli con una “Passeggiata guidata tra i Palazzi liberty del Borgo di Chiaia ed il Concerto aperitivo del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli al Teatro Sancarluccio,sito nel primo Palazzo liberty di Napoli,Acquaviva Coppola.

Gli artisti ,in abito bella epoque,hanno sfilato in “carrozza” per le vie di Chiaia, incontrando più volte in corrispondenza di più palazzi il nutrito gruppo di visitatori spettatori, intervenuti per la passeggiata guidata, curata dalla esperta e competente guida Alessandro Ricciardi,esibendosi anche nell’inciso delle arie che sono state parte del programma del recital tenutosi poi al Teatro Sancarluccio, accompagnati al pianoforte dalla pianista Natalyia Apolenskaja e raccontati storicamente dal giornalista Giuseppe Giorgio : tutti i protagonisti del Concerto erano in abito “liberty” ed hanno dato vita quindi ad un duplice spettacolo dentro e fuori al Teatro.

Hanno spaziato in un repertorio dalla romanza da Salotto di Leoncavallo con la celebre Mattinata, dal nostalgico ” Non ti scordar di me “, Musica Proibita, poi l’operetta con brani da La Vedova Allegra, Il Pipistrello, Il Paese del sorriso, brani napoletani da Salotto quali À vucchella e Marchiare, con un’escursione fino a Verdi nel Libiam Nel lieti calici…

Gli spettatori,prima visitatori, hanno apprezzato con lunghi applausi ed ovazioni le eccellenti esecuzioni degli artisti che nella cornice ideale del grazioso Teatro liberty Sancarluccio hanno fatto rivivere le emozioni e il clima dell’epoca .

L’evento è stato realizzato in partnership con Inscena Nuovo Teatro Sancarluccio Napoli e con l’associazione Amici di Skinny e con il contributo anche di ” Acierno autoservizi”.

Sul sito www.noipernapoli.it e sulla pagina fb Associazione Culturale Noi per Napoli è possibile tenersi aggiornati sui prossimi eventi .

Numerosi i progetti futuri di Luca Avallone

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Film

Luca Avallone, occhi cristallini come il mare e un sorriso che sa conquistare grandi e piccini è campano d’origine, milanese di nascita e romano d’adozione.

Classe 1990, inizia la sua carriera giovanissimo ne La Melevisione, programma per bambini trasmesso da Rai Yoyo dove interpreta un principe 2.0: divertente, simpatico e un po’ goffo. L’esordio in prima serata avviene con la regia di Cinzia TH Torrini in “Un’altra vita”, la serie tv di 6 puntate record di ascolti in onda su Rai 1, dove come coprotagonista interpreta il bell’aviere Riccardo Raimondi, ruolo che gli conferisce il premio Oscar dei Giovani 2015 in Campidoglio. Nello stesso anno, insieme alla sua compagnia, è vincitore del premio Attilio Corsini presso il teatro Vittoria di Roma per lo spettacolo Coriolano, diretto da Simone Ruggiero, nel ruolo di Coriolano. Nell’ambito cinematografico, Luca Avallone ha partecipato al film italofrancese Hannah di Andrea Pallaoro, presentato in concorso ufficiale a Venezia 74, accanto a Charlotte Rampling vincitrice della Coppa Volpi e nel film di Ridley Scott “Tutti i soldi del mondo”.

Numerosi sono i progetti che Avallone ha in cantiere. Prossimamente, infatti, sarà nelle sale cinematografiche con due film Un fiore perEnne di Tonino Abballe ed Erika Marconi e Le grida del silenzio diretto da Alessandra Carlesi (dal 10 maggio).

Ma i progetti non finiscono qua. A breve, infatti, sarà tra i protagonisti del cortometraggio “L’Albero delle scarpe”, di Sebastian Maulucci selezionato al Festival di Cannes nella sezione  Short Film Corner.

Filippo Ferrante “A testa in giù” il nuovo singolo

Scritto da Giulio Berghella il . Pubblicato in Musica

in radio e sui digital store il nuovo brano del cantautore pugliese

“A testa in giù” tratta il tema del distacco doloroso che affrontano coloro che lasciano il proprio Paese ed i propri affetti nell’Odisseico viaggio tra le acque della speranza per approdare su rive fertili su cui costruire un futuro più sereno.
Ispirata al vero viaggio di un immigrato arrivato in Italia nel non troppo lontano 1990 che, integratosi nel nostro Paese con l’umiltà e determinazione, ha dato vita ad un’impresa con la quale oggi da speranza e lavoro a tanti altri “viaggiatori” che si rimboccano le maniche, italiani e stranieri. Il testo vuole dare la voce al tema dell’immigrazione, molto twittato ma poco realmente conosciuto.
E’ un mondo con pochi riflettori quello sui migranti, nella nostra Italia tra cui ci sono anche le assistenti familiari più comunemente chiamate badanti, che si occupano di accudire con dedizione e devozione i nostri anziani formando un esercito di eroi invisibili che migliorano le vite di tante famiglie. Dentro i loro occhi brilla l’arcobaleno delle loro esperienze: il dolore del distacco, la speranza di avere un’opportunità, la perseveranza e la determinazione con cui non mollano, la vittoria di avercela fatta.

Filippo Ferrante è un cantautore pugliese, ex frontman della band 61 Cygni, attivo già da diversi anni nel panorama musicale italiano. Proviene da differenti esperienze artistiche legate tutte da una grande passione per la musica e dalla voglia di mettere il proprio talento al servizio degli altri, affinchè anche una canzone, un suono o un timbro di voce, possa migliorare la vita delle persone.
Filippo si concentra da sempre fortemente sul live, puntando su un proprio spettacolo dal vivo dichiaratamente emozionante. Vanta una collaborazione importante con “Radionorba“, che lo ha portato in giro, attraverso il tour “Battiti Live”, per le piazze più importanti del Sud Italia assieme alla sua band. I ragazzi vincono l’MLK Project ed ottengono la programmazione radiofonica e televisiva del singolo “DENTRO TE“, reispettivamente su Radionorba e Telenorba, e la partecipazione a tutte le tappe del Radionorba Battiti Live, avendo, così, l’opportunità di aprire concerti ad artisti come Tiromancino, Alex Britti, Sonhora, Gianluca Grignani, Ron, Neffa, Fabri Fibra e molti altri.
Dopo il successo del singolo “DENTRO TE” seguono una lunga serie di concerti per tuttal a Puglia, dove realizzano una serie di eventi in stretta collaborazione con Radionorba. Il singolo “DENTRO TE” nel frattempo verrà trasmesso per diversi mesi da diverse emittenti videomusicali nazionali.

Nel 2013 Filippo realizza il primo album con produzione artistica di Diego Calvetti, dal quale viene estratto il singolo di “eco” nazionale “VOLERÒ“.
Nel 2015 ha lanciato due nuovi singoli: “TUTTO L’AMORE CHE HO DENTRO” e “NUOVI GIOCHI“. Quest’ultimo in poco tempo ha raggiunto migliaia di visualizzazioni su Youtube e altrettante condivisioni in rete. Il singolo, tramsesso da più di 150 emittenti italiane ed anche estere (Belgio, Svizzera, Australia), raggiunge un ottimo piazzamento nella cliassifica italiana dei singoli indipendenti più trasmessi e graditi alle radio.

A Gennaio 2016 è uscito il nuovo singolo “UN’ALTRA CORSA” ispirato alla vera storia di un tassista, con produzione artistica Rusty Records. Il singolo è stato subito apprezzato dalla stampa e dagli addetti ai lavori; ha ottenuto un buon riscontro radiofonico nel circuito emergente italiano entrando anche in alta rotazione in diverse radio e nelle classifiche indie.
A Maggio 2016 è uscito un nuovo lavoro discografico: “COSA RESTERÀ“. Il brano è stato registrato tra Italia e Germania e finalizzato al Massive Art Studios di Milano, inserendosi nella top 100 dei singoli più ascoltati dell’estate 2016.
A Marzo 2017 ha pubblicato un nuovo lavoro discografico: “NELLO SPECCHIO”, un nuovo inedito. Il brano è stato registrato in Germania, presso Inscription Studio, e finalizzato allo Sterling Sound di New York con produzione artistica e mix di Vito Angiuli. “Nello Specchio” ha raggiunto, in breve tempo, un ottimo posizionamento sul web entrando anche in rotazione nelle radio italiane.

Etichetta: Crystal Records
Autori: Filippo Ferrante e Paolo Bozzi.

https://www.facebook.com/filiferrante

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
promoradio@dcodcommunication.it
promostampa@dcodcommunication.it