Archivio per 3 aprile 2018

Costi minimi autotrasporto, la Consulta dichiara la loro legittimità

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Economia

Uno dei temi più controversi e dibattuti nell’ambito del trasporto su gomma e del trasporto bisarca riguarda i cosidetti costi minimi e la loro liceità. Ad entrare nel merito della questione è stata ancora una volta la Corte Costituzionale, che con sentenza n. 47 del 2 Marzo 2018 ne ha definitivamente sancito la loro legittimità e conformità alla Costituzione Italiana.

Previsti dall’art. 83-bis del D.L. n. 112 del 2008 a tutela degli operatori del settore, i corrispettivi minimi sono sempre stati considerati da una parte consistente della committenza uno strumento di forte limitazione alla libertà economica privata, nonché dalla stessa Corte di Giustizia Europea, al punto da essere abrogati in via definitiva nel 2014 con la L. 190.

La decisione della Consulta rimette tutto in gioco, sottolineandone la loro conformità nei confronti del dettato della nostra Costituzione e dello stesso diritto comunitario. La sentenza emessa lo scorso 2 marzo, infatti, stabilisce che i costi minimi non solo non limitano il principio di libertà negoziale di iniziativa economica delle parti, non compromettendo in alcun modo la trasparenza del mercato e la concorrenza leale, ma rappresentano anche un valido strumento di salvaguardia dei livelli di sicurezza nella circolazione stradale in quanto evitano lo sfruttamento eccessivo delle risorse umane e dei materiali da parte delle imprese di trasporto.

Inoltre, essendo basati su costi incomprimibili ed essenziali, essi lasciano alle parti una maggiore autonomia negoziale rispetto alle tariffe a forcella, non ostacolando l’accesso all’attività di trasporto per conto terzi: è quanto stabilisce proprio l’art. 83-bis del D.L. 112/2008. Articolo che tutto il mondo dell’autotrasporto chiede a gran voce di ripristinare quanto prima, a cominciare dal presidente di Confartigianato Trasporti – Amedeo Genedani – che ha richiesto la ripubblicazione immediata dei costi minimi sul sito ufficiale del Ministero dei Trasporti.

Rendi magiche le tue serate con la giusta illuminazione

Scritto da fsdf il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Cerchi idee per ri-modernizzare il tuo giardino? Rendilo magico con luci da esterno. Molti rivenditori online offrono soluzione accurate che mirano ad un design elegante e innovativo. L’illuminazione per il giardino è l’idea giusta per decorare la tua casa, capace di creare un’atmosfera piacevole e accogliente. Numerose luci all’insegna del design e  della tecnologia.

La magia delle luci per l’esterno

L’illuminazione del giardino impreziosisce la casa, la rende unica e moderna. La luce giusta diventa un accessorio che decora la tua casa. Le sere d’estate passate nel tuo giardino non saranno più le stesse; una piacevole luce diffusa le renderà magiche e rilassanti in un ambiente fresco e innovativo.

Rendere luminosi gli spazi esterni è facile, basta scegliere quel che più ti piace tra le numerose offerte di luci per il giardino. I nuovi sistemi di illuminazione per l’ambiente esterno creano giochi di luci piacevoli e rilassanti.

I modelli di lampioni, applique, faretti e paletti sono pensati per unire efficienza e design, utilizzando la classicità o la nuova tecnologia delle luci Led.

L’obiettivo delle luci per l’esterno è quello di decorare l’ambiente rendendolo moderno e avvenente, tramite un’illuminazione adeguata e all’avanguardia, caratterizzata dall’uniformità e dell’intensità dell’energia elettrica.

Regalati momenti dimenticabili nel tuo giardino con la tua famiglia e con gli amici.

L’illuminazione adatta al tuo giardino

Come fare a capire quale tipo di illuminazione scegliere? Non esiste una risposta corretta a questa domanda, perché ogni modello o stile di illuminazione incorpora una luce che decora e rende luminosi gli spazi esterni. La scelta diventa quindi soggettiva, secondo il gusto personale. Numerosi sono i modelli presenti sul mercato, come, ad esempio,  le luci Led, le quali sono molto richieste per la loro semplicità e la variabilità. Le luci Led, considerate un punto di forza dell’illuminazione dell’ambiente esterno, possono essere utilizzati come segna passi, all’interno di paletti, di applique, su pareti, soffitti e pavimenti.  I faretti led sono ideali per un’illuminazione di classe e design.

Se invece si preferisce qualcosa di più ricercato, la scelta può ricadere su eleganti lampioni, che infondo dall’alto una luce intensa e piacevole, con un estetica che non passa inosservata e attira l’attenzione.

Avvincente è la scelta dell’illuminazione del giardino se si possiede una piscina. Con il riflesso dell’acqua, le luci interne o ai bordi della piscina creano emozionanti giochi di chiari e scuri, suggerendo un tocco di incanto a chi osserva il tuo giardino.

Le applique da giardino uniscono il concetto di semplicità a quello di funzionalità e regalano una luce uniforme e diffusa; presenti nei più diversi stili e colori.

Numerosi sono i modelli in commercio, adatti ad ogni tipo di giardino, di diversi materiali e di diversi stili, scegli quello più in linea con la tua casa e resterai soddisfatto.

Dildo e vibratore per il tuo piacere: vibratori maxi

Scritto da Erica Vesi il . Pubblicato in Lifestyle

Donne, sono arrivati i vibratori! Ebbene sì, ragazze, è giunta l’ora di smetterla coi tabù e i vecchi schemi: donne e uomini non sono poi tanto diversi quando si tratta di esigenze sessuali. Il sesso è dopotutto un bisogno primario e il piacere sessuale è un elemento chiave per la gestione dello stress – ed è cosa risaputa che lo stress affligga particolarmente il sesso femminile. Siamo donne: pensiamo di continuo e ci agitiamo spesso per le cose più insignificanti – complici i nostri compagni che spesso fanno ben poco per sollevarci dai doveri domestici. Che lo abbiate mai espresso o meno, il desiderio sessuale dovrebbe essere soddisfatto quotidianamente per due motivi: primo, allevia lo stress; secondo, una vita sessuale attiva ed appagante contribuisce al buonumore e ci rende più attivi e propositivi. Che siate o meno soddisfatte dal vostro partner, un piccolo aiuto esterno non può che far bene – e il continuo aumento delle vendite di sex toys ne è dimostrazione. E-commerce ed anonimato nel World Wide Web permettono a chiunque di acquistare in tutta tranquillità l’oggetto dei desideri. E dunque perchè no? Donne, venite con noi a fare un giro nel fantastico mondo dei sex toys.

Sex toys: dildi e vibratori per un piace assicurato

Il vibratore, spesso erroneamente equiparato al dildo, è di fatto una sua evoluzione. Se le prime tracce del dildo sono riscontrabili nell’Antica Grecia del 500 a.C è solo nel 1734 che troviamo il primo vibratore di sempre, innovazione francese destinata alla cura dell’isteria femminile. Da utilizzo medico a puramente sessuale il vibratore ha assunto negli anni una dimensione sempre nuova, evolvendosi insieme alla società, diventando simbolo del femminismo negli anni ’70 e dell’emancipazione femminile degli anni ’90 con Sex and the City. Passando per vibratori clitoridei, vibratori anali, vibratori jelly, vibratori rabbit, vibratori di lusso, persino vibratori hi tech, un intero universo tutto al femminile – perchè è ora di finirla con pregiudizi e pudore vecchio stile, siamo donne e abbiamo diritto a godere del piacere sessuale tanto quanto gli uomini, e non c’è niente di scandaloso: acquistare un sex toy può essere un piccolo grande passo verso la serenità.

Vibratori per ogni esigenza: vibratori maxi

Se poi la vostra anatomia rende ancora più difficoltoso il raggiungimento del piacere, se siete reduci da una gravidanza e il vostro pavimento pelvico vi sta chiedendo di fare esercizio per riprende il tono muscolare e l’elasticità – e qui la ginnastica di Kegel può aiutare – un vibratore maxi può essere il giusto alleato. Disponibili in dimensioni XL ed XXL sono perfetti se avete bisogno di un sex toy più grande della media, generalmente realistici e dotati di diversi livelli di vibrazioni, soddisfano tutti i gusti e le esigenze. Se i vibratori mini vantano una versatilità ed una portabilità senza pari, i modelli maxi permettono un godimento quasi assicurato. Un po’ di lubrificante e la giusta dimensione – occhio a non esagerare! – e potreste aver trovato il vostro nuovo migliore amico! Trovate ogni giorno qualche minuto per la vostra Lei, non ve ne pentirete – anche in coppia!

Bertani Utensili, scegli la lunga esperienza nella vendita di articoli tecnici industriali in provincia di Milano

Scritto da mybookmarkservice il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Bertani, utensileria della provincia di Milano si occupa di vendita di articoli tecnici industriali a Pogliano Milanese, oltre ad offrire molti servizi come assistenza per impianti ad aria compressa in provincia di Milano.

Cerchi assistenza per impianti ad aria compressa in provincia di Milano?
Hai bisogno di acquistare articoli tecnici industriali o vuoi realizzarne di specifici in HSS e metallo duro?
Stai cercando qualcuno che effettui affilatura di frese, punte e lame o modifichi utensili a disegno?
Per questi e molti altri servizi rivolgiti a Bertani Utensili, l’utensileria di Pogliano Milanese che dal 1984 ti offre solo il meglio proponendoti una vasta gamma di articoli tecnici industriali delle migliori marche come Usag, Sicutool, Arexons, Beta e Stanley, assistenza per impianti di aria compressa, assistenza post vendita.

Assistenza impianti aria compressa provincia Milano

Qualsiasi genere di articoli tecnici industriali: in Provincia di Milano, scegli Bertani

Grazie a Utensileria Bertani potrai acquistare i migliori articoli tecnici industriali a Pogliano Milanese: utensili da taglio, attrezzature macchine utensili, strumenti di misura, abrasivi, utensili manuali, attrezzature per officina, utensili elettrici e macchine, antinfortunistica, saldatura, chimici…
Qualsiasi tipologia di utensile e macchinario tu stia cercando, Bertani Utensili corre in tuo aiuto con una squadra di professionisti del settore che sapranno consigliarti i migliori prodotti per le tue esigenze e garantirti un’ottima assistenza post vendita.
Sai che da Bertani puoi trovare anche arredamento industriale? Armadi, cassettiere, sistemi portautensili, benne, scaffali, panche, banchi, contenitori e molto altro.

Chiedi aiuto a Bertani per assistenza impianti ad aria compressa in provincia di Milano

Oltre ad offrirti un’ampia gamma di prodotti e utensili delle migliori marche, Bertani, utensileria della provincia di Milano, ti offre assistenza per impianti ad aria compressa per i marchi Abac-Balma, Nuair e Mattei.
I professionisti di Bertani si occuperanno di ogni cosa, anche per quanto riguarda contratti, manutenzione e revisione.
Bertani Utensili si dedica inoltre alla vendita all’ingrosso di prodotti per la meccanica qualificata, in collaborazione con specialisti e consumatori professionali.
Esperienza e assoluta cortesia, queste le caratteristiche principali di Bertani Utensili, l’utensileria di Pogliano Milanese che ti offre tutto ciò di cui hai bisogno.

Liquoreria Carlotto: Made Rural incontra Daniela Carlotto La Signora del Liquore

Scritto da 20TaskForceItaly il . Pubblicato in Alimentari e Bevande, Aziende

Carlotto Liquori

Prima di conoscerci, ho incontrato una sera il suo ROSOLIO e, allora mi sono detto, esistono ancora persone che producono cose speciali, avrei il piacere di conoscerle meglio e inserirle nel blog.

Partiamo per la Valle dell’Agno, mi accoglie nella sua versione migliore, una valle delle Prealpi vicentine che scorre da nord a sud, percorsa dall’omonimo torrente, una luce invernale limpida e, le prealpi innevate all’orizzonte. Sono qui a Valdagno a pochi kilometri da Vicenza per conoscere la Carlotto Liquori.

Raccontare, le storie delle persone è importante, soprattutto se queste persone sono parte di un’azienda. Il mondo, in fin dei conti, è fatto di storie. E alcune sono così semplici e allo stesso tempo significative che non raccontarle è quasi un peccato. Storie di persone qualunque che magari un giorno si svegliano e fanno qualcosa di inaspettato, di persone che riescono a cambiare le cose. Sono queste le storie che ci piacciono, perché lasciano il segno e perché, nella loro semplicità, si possono raccontare e condividere.

Carlotto nasce nel 1919 anche se le radici portano indietro nel tempo fino xv secolo. La lunga storia di quest’azienda, rimasta sempre a conduzione familiare, è uno dei tanti esempi di come l’economia reale e il tessuto sociale dell’Italia resiste e si espande sui mercati internazionali dove il made in Italy è apprezzato proprio per le peculiarità e le diverse identità di ogni prodotto e di ogni produttore.

A Daniela Carlotto, alla guida dell’azienda, abbiamo chiesto dove risiede il segreto di mantenere un successo e un posizionamento come il loro?

La famiglia Carlotto è il successo, sono passati quasi 100 anni dalla fondazione dell’azienda che è passata da padre in figlia, le radici la portano indietro nel tempo fino XV secolo, la storia ha unito la famiglia e resa più orgogliosa della propria eredità di produttori di liquori speciali, portandola a garantire ai propri clienti un elevato standard qualitativo molto apprezzato.

Quanto conta la dimensione e conduzione familiare in un’azienda, verso il mercato italiano e verso quello internazionale?

Sempre più clienti si avvicinano alla Carlotto Liquori perché vedono in noi la perfetta controparte con valori umani e solidi principi che le grandi multinazionali non hanno. Un’azienda con una storia alle spalle che guarda al passato per imparare ma proiettata verso il futuro, capace di fornire loro un servizio cucito su misura fornendo una vasta gamma di prodotti, dai liquori come Il Rosolio, l’Amaro 900 e, lo Zabaione.

La componente storica affascina e rende ancora più esclusivo il rapporto tra la ditta e il cliente. Una cosa indispensabile e che ci caratterizza come azienda seria e dedicata è la costante presenza dei membri della famiglia nei vari mercati di interesse, mostrando interesse non solo verso i nostri distributori ma anche verso i loro clienti.

Nel cambiamento di gusti e consumi avete apportato modifiche alle vostre ricette? E quanto pesa la segretezza di alcune di queste per mantenere l’identità?

Nell’arco di quasi 100 anni sono stati creati molti prodotti,alcuni non sono più in portfolio, ma quelli che sono rimasti non hanno subito modifiche di ricetta e produzione, i Liquori Carlotto possono essere definiti veri e propri “reperti archeologici”ovviamente oggi giorno l’azienda si è evoluta e modernizzata ma per alcuni prodotti storici come il BiancoRosso, il Cordiale, la Sambuca sono rimasti invariati. Ogni azienda ha i suoi ingredienti segreti che la differenziano dalle altre, questi ingredienti sono il sigillo qualitativo di ogni azienda e noi come le altre ne custodiamo il “segreto”.

Daniela nel 2018 è prevista l’introduzione di qualche nuovo liquore?

L’anice, sarà una novità, è una tra le spezie più conosciute ed usate in tutto il mondo fin dall’antichità. Molto diffusa tra gli egizi, greci e soprattutto tra i romani in quanto questi ultimi la usavano per insaporire pietanze a base di pollo, maiale e verdure, nonché per aromatizzare un dolce cotto in foglie di alloro e dei piccoli dolcetti speziati che venivano serviti a fine pasto. Le proprietà digestive sono ricordate da Teofrasto, Dioscoride e Plinio il Vecchio che suggeriva di dormire su cuscini poggiati su qualche seme di anice per scongiurare gli immancabili incubi dovuti alla cattiva digestione.

Obiettivi per il 2018?

Il nostro compito è quello di lavorare per soddisfare la domanda e in determinati mercati non spingerci al di là della nostra capacità, altrimenti finirà con l’essere controproducente, mantenendo quello che di buono è stato fatto fino ad ora, ed espandersi in qualche mercato estero, trovando dei validi partners.

Daniela, se dovesse attribuire alla sua azienda un aggettivo, quale sarebbe il più adatto?

Magica!

Entrare alla Carlotto Liquori vieni assolutamente rapito e, se non ci sei mai stato ti consiglio di farlo al più presto, per MadeRural si è rivelata una scelta azzeccata, a ben vedere, che ci ha permesso di vivere la straordinaria esperienza e di aggiungere un importante tassello alla conoscenza del territorio.

Info e Link Utili
Negozio:
Via Mastini, 8
Valdagno (VICENZA)

Liquoreria- Locale Storico:
Via Garibaldi, 34
Valdagno (VICENZA)
http://www.carlotto.it

FonteMade Rural

News contabili, fiscali, lavoro GB – Settimana n. 13 anno 2018

Scritto da GBsoftware S.p.A. il . Pubblicato in Economia

Nuovo Spesometro 2017: rettifiche e annullamenti dati inviati (26/03/2018)

È possibile gestire l’invio dei file XML dei Dati Fatture 2017 (Nuovo Spesometro) tramite Console Telematica GB con scarico automatico delle ricevute, oppure prelevando i file creati e inviandoli esternamente. Con quest’ultima modalità, per gestire i file di rettifica e annullamento è necessario per prima cosa compilare la sezione dei dati dell’invio.

Per la comunicazione “Dati fatture”, come da istruzioni ministeriali, non esistono invii Integrativi/Sostitutivi, esistono solamente invii di annullamento o rettifiche. Nel caso in cui l’invio sia stato effettuato esternamente, prima di procedere a qualsiasi modifica dei dati, è necessario compilare la gestione dell’invio dove inserire i dati obbligatori dell’identificativo del file e l’esito della ricevuta.

Per poter effettuare l’invio dei dati esternamente a GB è necessario che, nell’inserimento dell’intermediario, pulsante “Chiavi Entratel”, sia stata inserita la spunta su “Invio dati fatture e Liq. Periodica Iva esterno (no console telem.).

Redditi Società di Capitali 2018: rilascio applicazione (27/03/2018)

Con provvedimento del 30.01.2018 n. 24824, l’Agenzia delle Entrate ha rilasciato e approvato il modello e le istruzioni ministeriali per la compilazione della Dichiarazione “Redditi SC 2018”.

Il modello deve essere presentato dalle società ed enti commerciali residenti nel territorio dello Stato e dei soggetti non residenti equiparati, per dichiarare i redditi relativi al periodo d’imposta 2017.

Come indicato nelle istruzioni vediamo quali sono le principali novità del modello 2018.

Bilancio Europeo 2018: inserimento dati anagrafici (28/03/2018)

Nel Bilancio Europeo è cambiata la logica della maschera ‘Dati anagrafici’ che ora riepiloga quanto impostato nell’Anagrafica ditte, evitando quindi di inserire o reinserire dati già presenti o integrati in altre procedure; resta solo da decidere se utilizzare quelli alla data di presentazione o, in alternativa, quelli al 31.12.

La piena integrazione con l’anagrafica ditte ha interessato anche il Bilancio Europeo, che presenta una maschera riepilogativa di dati anagrafici già completa all’apertura dell’applicazione. Questi dati servono sia per il “frontespizio” dell’XBRL da presentare ad Infocamere, sia per tutti gli altri documenti obbligatori (Assemblea soci, Relazione sulla gestione, Relazione del collegio sindacale, Relazione del revisore) o facoltativi (Altri documenti, Analisi di bilancio) che sono a corredo del Bilancio 2018.

Prima di entrare in Bilancio Europeo è necessario entrare in anagrafica ditte ed inserire i dati che servono sia in bilancio che in altre eventuali procedure…

Modello CUPE 2018: importazione soci da anagrafica (29/03/2018)

Il modello Cupe 2018 pubblicato dall’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 15 gennaio 2018 sostituisce il precedente schema di certificazione, approvato nel 2013.

La certificazione CUPE deve essere rilasciata entro il 31 marzo 2018 ai soggetti residenti nel territorio dello Stato che nel corso del 2017 hanno percepito utili da partecipazione a soggetti Ires, residenti e non residenti, in qualunque forma corrisposti.

I soggetti tenuti al rilascio del modello Cupe 2018 sono…

Dichiarazioni 2018: calendario delle nuove scadenze di presentazione (30/03/2018)

La Legge di Bilancio 2018 è intervenuta a livello normativo ed ha modificato lo scadenzario fiscale delle Dichiarazioni per l’anno 2018. In particolare le scadenze collegate a specifici adempimenti quali: Spesometro, Modello 770 e CU, Modello Redditi, Dichiarazione Irap, Modello 730.

Queste nuove scadenze valgono solo per gli anni in cui si applicano le disposizioni relative allo Spesometro, la Legge di Bilancio infatti prevede che il 2018 sarà l’ultimo anno di applicazione di questa applicazione in quanto dal 01 gennaio 2019 entrerà in vigore la Fatturazione Elettronica.

Per il secondo semestre del 2017 i dati dovevano essere comunicati entro il mese di febbraio 2018 (la scadenza slitterà al 60° giorno successivo alla pubblicazione del Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate introdotto con il c.d. “Collegato alla Finanziaria 2018”, D.l. 148/2017).

Gli articoli completi sono disponibili sul sito del gestionale INTEGRATO GB.

GBsoftware S.p.A. è una software house nata dall’idea di un commercialista e dell’esperienza di uno studio attivo dal 1977. Siamo specializzati in software per commercialisti e imprese.

Acronis avverte: sarà l’anno peggiore per numero di attacchi informatici e incidenti con perdita di dati

Scritto da Esseci il . Pubblicato in Aziende, Internet, Tecnologia

Quasi due terzi degli intervistati non sanno che cos’è un ransomware e non sono pronti a difendersi dai nuovi attacchi sofisticati; nei prossimi dodici mesi sono previsti danni per 11,5 miliardi di dollari a livello mondiale, che si possono limitare solo attraverso campagne di sensibilizzazione del pubblico e soluzioni di protezione dei dati innovative

Alla vigilia del World Backup Day, Acronis prevede che il 2018 sarà l’anno peggiore per numero di attacchi informatici e di incidenti con perdita di dati a causa della crescente raffinatezza degli attacchi, del proliferare delle famiglie di ransomware e della scarsa consapevolezza della minaccia tra gli utenti.

Secondo una nuova indagine sulla protezione dei dati commissionata da Acronis, oltre il 60% degli intervistati non ha mai sentito parlare del ransomware, una minaccia costosa che secondo le stime nel 2019 inciderà per oltre 11 miliardi di dollari (lo scorso anno erano 5 miliardi). Nel 2017, il numero delle varianti di ransomware è aumentato del 46% e questo ha reso più difficili la prevenzione e il rilevamento. Gli esperti di sicurezza prevedono che questa minaccia informatica continuerà a diffondersi. Se quest’anno veniva colpita un’azienda ogni 40 secondi, nei prossimi due anni la frequenza degli attacchi scenderà a 14 secondi, e questo senza contare gli attacchi ai privati, che sono molto più frequenti. Acronis lancia un avvertimento: solo una soluzione di backup sicura e di alta qualità con protezione proattiva dal ransomware integrata può prevenire le perdite di dati e mettere al sicuro i dispositivi.

Se non si sa che cosa è il ransomware e come evitare di restarne vittime, il costo per privati e aziende potrà solo aumentare. I criminali che si servono del ransomware hanno perfezionato le tecniche di ingegneria sociale e continuano ad approfittare delle falle nella sicurezza che permettono di aggirare gli antivirus tradizionali, incapaci di rilevare questo tipo di attacchi. Secondo il Ponemon Institute, il 69% delle aziende non ritiene che l’antivirus utilizzato sia in grado di bloccare le minacce in circolazione.

Inoltre, da quando i criminali informatici si sono resi conto dell’efficacia dei backup nello sventare i loro attacchi, molti nuovi ceppi di ransomware hanno iniziato a prendere di mira i file e il software di backup. Il 62% degli intervistati non sapeva che il ransomware può crittografare i file e i backup. Ma il dato più sconcertante è che il 33% non fa alcun backup dei dati. Soltanto soluzioni di backup sicure come Acronis Backup e Acronis True Image, dotate di protezione attiva dal ransomware basata su IA, sono in grado di rilevare e bloccare attacchi sofisticati di questo genere.

“L’anno scorso gli attacchi ransomware hanno fatto notizia. Eppure, malgrado siano sempre più frequenti, la consapevolezza del problema e l’importanza attribuita alla prevenzione sembrano in calo”, ha dichiarato John Zanni, presidente di Acronis. “È necessario sensibilizzare maggiormente il pubblico perché si renda conto di quanto è importante eseguire un backup sicuro e proteggere i dati. In occasione del nostro 15° anniversario, il nostro impegno è aiutare la gente a proteggere i dati, dovunque risiedano.” 

“Il ransomware è un killer silenzioso di tutte le informazioni che vengono scambiate nel mondo. I recenti attacchi ransomware in serie hanno dimostrato che aziende e istituzioni di tutto il mondo avevano sottovalutato questa minaccia sempre più diffusa. Ciò che desta preoccupazione è soprattutto il fatto che le vittime sono disposte a pagare un riscatto piuttosto che proteggere in modo proattivo i loro sistemi e dispositivi. Tuttavia, il diffondersi di questa minaccia ha obbligato società come Acronis a sviluppare tecnologie innovative per consentire ad aziende e privati in tutto il mondo di far fronte agli attacchi ransomware.” Robert Westervelt, Research Director, Security Products, IDC 

All’inizio di questo mese, Acronis ha condotto un’indagine tra i consumatori sulla protezione dei dati, interrogando utenti generici di internet in sette paesi, questi gli altri risultati emersi dall’indagine:

  • Quasi il 39% degli intervistati ha in casa quattro o più dispositivi, e quindi aumentano gli endpoint e i dati da proteggere
  • Oltre il 29% degli intervistati ha subito una perdita di dati

Prepararsi agli attacchi informatici con Acronis Active Protection

Per rispondere al dilagare dell’epidemia di ransomware, Acronis ha migliorato le sue soluzioni di backup con un’innovativa tecnologia anti-ransomware. Introdotto nel gennaio 2017, Acronis Active Protection™ protegge attivamente sia i file che i backup degli utenti identificando e bloccando gli attacchi ransomware in tempo reale. Negli ultimi dodici mesi, Acronis Active Protection ha bloccato 200.000 attacchi in 180.000 dispositivi di privati.

Acronis ha presentato anche Acronis Active Protection Free, un livello di difesa aggiuntivo utilizzabile insieme ad altre soluzioni di protezione dei dati come antivirus e software di backup di altre marche. Il programma monitora i processi del sistema in tempo reale per rilevare e bloccare automaticamente gli attacchi che le altre soluzioni non riescono a contrastare. Quando un ransomware colpisce, Acronis Ransomware Protection blocca il processo dannoso e informa l’utente con un messaggio a comparsa. Se durante l’attacco sono stati danneggiati dei file, ne facilita anche il ripristino istantaneo.

Consigli per il World Backup Day

Acronis consiglia quattro semplici mosse per proteggere i dati:

  • Avere sempre un backup dei dati importanti. Archiviare i dati sia in locale che su cloud.
  • Mantenere sempre aggiornato il sistema operativo e il software, per impedire ai criminali informatici di entrare nel sistema sfruttando eventuali vulnerabilità note.
  • Fare attenzione alle e-mail, ai link e agli allegati sospetti. Il metodo di infiltrazione più efficace utilizzato dal ransomware è spingere gli utenti ad aprire allegati e-mail infetti e a fare clic su link che rimandano a siti web dannosi.
  • Installare un software antivirus sul computer e abilitare gli aggiornamenti automatici delle definizioni dei virus. Per chi usa un PC, controllare che Windows Defender sia abilitato e aggiornato.

Per saperne di più su come proteggere i dati, visitate il sito https://www.acronis.com/it-it/promo/world-backup-day/