Archivio per 4 dicembre 2017

Campania Karate OPEN 2017

Scritto da gg il . Pubblicato in Sport

Eboli(Sa) 2-3 Dicembre 2017-Si è conclusa con un ottimo riscontro di società e atleti partecipanti, l’edizione 2017 dell’Open Campania-Memorial  Cesare Baldini.

All’interno della gara che ha ospitato kata, kumite nelle formule individuali e a squadre da Eso A fino a Master, sono state effettuate anche due importanti manifestazioni promozionali che assegnano un ruolo importante alla FIJLKAM quale raccordo fra sport e territorio.

Il Gran Premio Giovanissimi che vede protagonisti bambini e ragazzi fino a 11 anni, riesce a fornire una panoramica di stimoli adatti all’età dello sviluppo e  la Manifestazione per i diversamente abili che offre la possibilità a questa fascia di praticanti inclusa nei programmi federali, di adattare alla propria esigenza, le gestualità tipiche del karate.

Ottima l’organizzazione a cura del Gruppo Sportivo Karate Ciro Bracciante di Salerno, capitanata dal M° Antonio Bracciante che oltre ai ringraziamenti alla Federazione, al delegato Coni Paola Berardino, alla Consulta e al Responsabile Nazionale Karate Delia Piralli, sottolinea la vicinanza dell’amministrazione del sindaco di Eboli, dott. Massimo Cariello, senza la quale, il karate non averebbe potuto garantire una degna accoglienza ai partecipanti, data la cronica crisi di impianti sportivi, che imperversa nelle aree del napoletano

Luca Mele debutta con “L’Eternità”

Scritto da uff stampa il . Pubblicato in Comunicati Stampa, Cultura, Libri

Luca Mele, classe ’92, nasce a Molfetta ed è da sempre un grande appassionato di musica. Cresce con l’ascolto dei grandi cantautori italiani come Adriano Celentano, Rino Gaetano e Fabrizio De Andrè e percepisce qualche influenza “rockeggiante” straniera grazie a Elvis Presley. Questo suo grande amore per la musica lo ha fatto diventare un bravo cantautore dandogli la possibilità di partecipare a diversi contest musicali come il “Roxy Bar” di Red Ronnie, trionfando con il suo brano “Luna”. Nella sua breve ma ricca carriera ha aperto per due volte il concerto di Fabrizio Moro con il quale ha stretto una sincera amicizia. Nel 2016 è arrivato alla selezione finale di Sanremo Giovani con il brano “Diventerò Pazzo” e, inoltre, è arrivato in semifinale al concorso “Fabrizio De Andrè” che aveva Dori Ghezzi come testimonial. Impegnato nella produzione del suo nuovo album, Luca ha debuttato come scrittore nel romanzo “L’Eternità”, edito da Kimerik, disponibile nelle librerie dal 26 novembre.

“L’Eternità” non è un romanzo d’amore, ma d’innamoramento. I due protagonisti si scambiano occhi, sguardi, respiri e parole, solo due volte in tutto il libro. All’inizio e alla fine. Tutto si svolge nei 5 giorni che precedono il Natale. La particolarità del romanzo è l’inizio: comincia con la stessa scena che verrà poi ripresa poi verso la fine della storia. La narrazione proseguirà raccontando come si è arrivati alla mattina di quel 24 dicembre. I due protagonisti sono molto simili. Vengono da due mondi diversi, ma una cosa accomuna entrambi : L’anima.

Frase ricorrente nel romanzo è “Segui i battiti del tuo cuore e non ti perderai mai”. Con questo romanzo Luca Mele ha un nuovo punto di partenza. Un altro paio di scarpe, per una strada diversa. Il romanzo è, inoltre, impreziosito dal cameo del poeta Gio Evan, che ha voluto riempire queste pagine scritte da Luca con una poesia sull’eternità.

Un grande classico della commedia al Bianconi: Andy e Norman di Neil Simon con Marco Cavallaro

Scritto da Teatro Bianconi il . Pubblicato in Spettacolo, Teatro

Carbognano, 3 dicembre 2017:  Ritorna sulla scena del Teatro Bianconi uno dei classici del teatro mondiale. Una commedia perfetta dove la scrittura non ha bisogno di trovate fantascientifiche per far ridere firmata dal maestro della commedia Neil Simon che raggiunge i livelli di altri suoi capolavori come la “Strana coppia” e “A piedi nudi nel parco” regalando alla storia tre personaggi fantastici.  Sullo storico palcoscenico viterbese domenica 10 dicembre 2017 alle ore 17.30  arriva Andy e Norman nella traduzione di M.T. Petruzzi con Marco Cavallaro, Mario Antinolfi e Rramona Gargano per la regia dello stesso Marco Cavallaro.

I protagonisti sono Andy Mancini e Norman Gambino, l’uno agente, l’altro scrittore che per sbarcare il lunario scrive soggetti per film porno e articoli di successo sul lavoro a maglia, con l’obiettivo di portare a termine il suo primo musical dal titolo: “USA – URSS: un amore a foglia larga”, di cui, però, non riesce a scrivere il finale. Non avendo i due abbastanza quattrini per pagare l’affitto, Norman è costretto a tenere buona la padrona di casa accompagnandola in scorrerie di tipo fantozziano. La loro inquieta convivenza viene ancor più sconvolta dall’arrivo della nuova vicina di casa: Sophie Ross, una ragazza americana, reduce da una figuraccia alle Olimpiadi di nuoto e fidanzata con un marine. Norman non può fare a meno di innamorarsi della ragazza, ma… il resto va visto a Teatro, e vi consigliamo di farlo.

In Italia si ricorda la storica versione del 1986 di Zuzzurro e Gaspare e il nostro vuole essere un omaggio ad un meraviglioso comico e regista, qual era Andrea Brambilla (Zuzzurro), recentemente scomparso. Poi il copione va in mano a Marco Cavallaro che – nel doppio ruolo di attore e regista – provvede a dare un’ulteriore personalizzazione ad un lavoro che riesce a divertire, ma anche a far riflettere, e questo sin dalla sua prima rappresentazione, avvenuta a Broadway nel 1966.

La semplicità è alla base di questa commedia e si ritrova nella scenografia, nel linguaggio, nella vicenda. Il perno è tutto costituito sull’interazione tra i personaggi, lo scambio di battute ironiche e veloci, le situazioni comiche ed esilaranti. I tre protagonisti ingaggiano una sana e leale battaglia di bravura recitativa dove non c’è nessun perdente, anzi. Lo “scontro” è a totale vantaggio del pubblico che si diverte (e molto). Da vedere per divertirsi semplicemente, da vedere per ragionare sull’amicizia, da vedere per apprezzare tre bravissimi attori, da vedere semplicemente, senza chiedersene il perché.

La rappresentazione dell’opera è per gentile concessione della Concessionaria Associati S.r.L (Roma) (testo media & sipario).

Per informazioni e prenotazioni si può consultare il sito internet www.teatrobianconi.it, la pagina facebook  del Teatro Bianconi o telefonare al 340 1045098 (24h).