Archivio per 2 novembre 2017

Marti, “Offer You A Secret” è il secondo singolo estratto da “King Of The Minibar”

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

MARTI

OFFER YOU A SECRET

Una ballade romantica e poetica diventa il secondo singolo estratto dall’album “King of the minibar”

Il brano si ispira ad una frase tratta da un dialogo del film capolavoro “Love Streams” di John Cassavetes. “Chi ama deve offrire i propri segreti alla persona amata”.

Registrato tra Berlino, Londra e la Liguria per assecondare la natura e il suono internazionale del progetto e prodotto dal musicista James Cook, il disco conferma la ricchezza compositiva di Marti, progetto guidato da Andrea Bruschi, in cui la musica si nutre di influenze cinematografiche, letterarie ed artistiche a 360 gradi. Cover e artwork del disco sono firmati dal celebre fumettista Igort, non nuovo a usare le sue matite per raccontare la musica in immagini.

“King of the minibar”, il terzo album di Marti uscito nella primavera 2017, è un disco pensato come una graphic novel ambientata in un hotel di Berlino con dieci stanze, tutte con il loro minibar, ognuna con il proprio ospite e la sua storia da raccontare. Dieci avventure e dieci caratterizzazioni che costruiscono un fluido percorso musicale che include new wave e post-punk, il noir delle colonne sonore, la sperimentazione e il cabaret della scena tedesca, il cantautorato della tradizione italiana, l’amore incondizionato per David Bowie, Marc Almond e Depeche Mode e il gusto pop per il ritornello melodico.

Ispirato e dedicato a tutte le persone solo apparentemente ai margini della nostra prospettiva.

Etichetta: Cassavetes Connection

DICONO DI “KING OF THE MINIBAR”

C’è un modo di fare musica fuori dal tempo, un suono elegante (wave, noir, cantautorale), palesemente figlio dell’amore e del rispetto di quelle famose persone che Bruschi e compagni emulano e supportano da sempre – Marco Jeannin su ROCKOL

“The King of the Minibar” è un disco assolutamente fuori asse dal punto di vista del gusto e della moda contemporanea: ma se voi, ancora oggi, preferite un buon bicchiere di vino rosso ad un negroni scadente fatto in qualche bar di periferia, questo è il disco che fa/parla per voi. – Mattia Nesto su ROCKIT

Una prova d’autore ben lontana dall’ordinario trendy raccontata con un filo di cerone sulla faccia e tanta poesia nel cuore – Alessandro Freschi su DISTORSIONI

_____________________________________________________________

MARTI

Andrea Bruschi: vocals

Claudia Natili: double bass

Simone Maggi: accordion / piano / oboe / sax

CREDITS

All songs written by Andrea Bruschi

Produced, recorded, engineered and edited by James Cook at DeepSeeStudios, London Engineered by Nico Sannino at c27 Studio, Italy

Drums recorded by Ed East at Studio East, Berlin

Piano recorded at Orange Studio, Leivi

All string arrangements by Anne Marie Kirby\

Drums and drum editing by Tom Marsh

Mixed by James Cook, Milan Adamik and Nico Sannino at Masterworks Studio, London Mastered by Milan Adamik at Masterworks, London

BIO

Andrea Bruschi è fondatore e guida della forza creativa dei pionieri musicali Marti. Escludendo tranquilli percorsi a favore di un’eclettico e gratificante infuso di jazz, rock e avanguardia, la band di Genova è determinata a costruire un sound proprio e tracciare un sentiero caldo. La band trova la propria massima espressione nelle performance live, nei testi di Andrea e in un talento musicale istintivo, conquistando nuovi fans in tutta Europa. “In Marti,” afferma Andrea, “sono l’autore, e la band mi aiuta a creare il mondo che ho nella mia mente. Non sarebbe possibile farlo da solo “. Con “Better mistakes”, il secondo album di Marti, la band ha creato una confezione variegata di vignette evocative e spesso impegnative che si curvano amorevolmente nell’orecchio e non facilmente dimenticabili.

Sito www.martimusic.net Fb  www.facebook.com/martimuzik/

Docce nasali, caratteristiche e funzionalità variano da modello a modello

Scritto da marianna alicino il . Pubblicato in Salute

Sono alla portata di tutti e indispensabili per chi vuole curare patologie delle vie respiratorie di varia natura che compromettono la salute sia degli adulti che dei bambini. Le docce nasali sono dei dispositivi di facile utilizzo (e facilmente lavabili) che non richiedono grandi competenze se non qualche momento di allenamento.

Il funzionamento è semplice: basta collegare il tubicino alla macchina e premere il tasto di avvio della nebulizzazione. Sui tempi di utilizzo questi possono variare in base alla quantità di liquido e alla velocità. Se avete dei dubbi sulla scelta della doccia nasale tra i tanti modello proposti potete fare domande precise a chi già utilizza il prodotto e può consigliarvi. Anche sul web trovate recensioni e pareri anche sulle caratteristiche principali: design, peso, materiali, dimensioni, accessori; questi sono importanti da considerare soprattutto se avete delle esigenze specifiche.

Matrioska, “Storia di una storia mai nata” è il loro nuovo singolo

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

MATRIOSKA

STORIA DI UNA STORIA MAI NATA

Una minuziosa tessitura musicale, tanto leggera quanto ricercata, accompagna un testo vagamente romanzato e fortemente evocativo.

“Storia di una storia mai nata” nasce dalla collaborazione tra diversi autori e compositori, partendo da esperienze dirette, vissute, fino all’aver fissato sulla carta un racconto parlato, accolto e raccolto da atmosfere suggestive e da un taglio narrativo incantante. Il profilo sonoro si tesse sulla base di accordi e giri armonici tradizionali che si affacciano su arrangiamenti dalle sonorità differenti. Il filo conduttore della canzone è una voce sempre presente e ricca d’enfasi. La melodia di pianoforte è in contrappunto con quella vocale del ritornello.

Guarda qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=hY3eqHJs-UE

L’album “Occhi mossi” – entrato in classifica iTunes al #3 posto nella graduatoria ALTERNATIVE e al #17 posto in quella ALL GENRES – per la prima volta nella storia della band, tocca frangenti musicali mai considerati prima. La vena cantautorale è molto più forte e presente, condizionata dai generi musicali apprezzati da Antonio di Rocco e Luca Nobile, autori, compositori e direttori artistici dell’album.

DICONO DI LORO

«Le canzoni dei Matrioska rimangono sempre piuttosto fresche, nonostante i vent’anni di carriera […] l’energia che la band esprime è sempre consistente, e il disco nel suo complesso piuttosto divertente». MusicTracks

«I Matrioska, dimostrano di essere una band che possiede dei meccanismi ben oliati in fase di scrittura […] Occhi Mossi resta comunque un gran bel regalo di compleanno per questo ventennale, altro che il solito banale greatest hits». Music Coast To Coast

«I Matrioska sanno ancora raccontare con energia e in modo diretto i contesti della vita che li inglobano e li fanno diventare essi stessi materie in grado di restituire al punk e al rock spruzzato di ska, la giusta dignità». IndiePercui

«I Matrioska […] estraggono dal cilindro quello che è probabilmente il miglior album della loro carriera, il più compiuto, il più serio». Music Map

Etichetta: Maninalto!

Registrato e Mixato da Alessandro Caneva @ MOBSOUND Recording Studios – Milano (www.mobsoundstudios.it)

Masterizzato da Andrea “Berni” De Bernardi @ ELEVEN MASTERING (www.elevenmastering.com)

BIO

I Matrioska sono una band formatasi nel dicembre del 1996 a Milano. Il sound proposto nasce da una fusione di vari generi musicali, spaziando dal pop al rock and roll al punk, senza dimenticare la matrice ritmica più calda e sincopata tipica dei primi dischi, sulla quale si inseriscono le melodie e i testi del cantante Antonio Di Rocco. Sono diventati una band rilevante nella scena alternativa italiana.

1997: i Matrioska[1] nascono dall’incontro tra Antonio Di Rocco (voce[2] della band) e Matteo Spada (chitarrista), che da subito propongono, in un mix felice di pop, rock, punk e ska, musica ballabile con testi in italiano. Il primo tape autoprodotto “Matrioska e la Buz band “diviene ben presto introvabile, così come il successivo cd singolo “Can che abbaia divora”.

1999: oltre 200 concerti tra centri sociali e festival in tutta Italia fanno del gruppo una delle realtà più interessanti del panorama indipendente. A maggio esce il disco d’esordio “Passi se è la prassi”, suscitando l’attenzione di media locali e nazionali e la prima release ufficiale dei Matrioska entra subito nella classifica “Borsa Indies” del mensile “Musica & Dischi”.

2000: è l’anno della consacrazione. Nel mese di marzo i Matrioska partecipano alla trasmissione radiofonica “Patchanka” su Radio Popolare Network. Partecipano al tour “Canzoni e Cicogne“, come ospiti del cantautore Roberto Vecchioni, e vengono poi prodotti dall’etichetta Sonora. A fine anno, nel corso di una memorabile esibizione in Piazza Duomo a Milano, Antonio Di Rocco duetta con il premio Nobel Dario Fo.

2001: esce il nuovo attesissimo disco dal titolo “Stralunatica”.

La presentazione della nuova fatica discografica avviene al Rolling Stones di Milano.La matrice pop e punk è sempre più consistente, anche se si intravede una più matura convergenza verso sonorità più eterogenee, a conferma dell’ormai prossima acquisizione di uno spessore musicale più marcato. La forte partecipazione di pubblico in tutta la penisola porta la band ad un incessante e proficuo periodo di performances live.

2002: è il mese d’aprile ed esce il video del singolo “Che velocità “. Ottobre 2002: esce “La domenica mattina”, il terzo disco ufficiale, interamente autoprodotto dagli stessi Matrioska. Esce il video del brano che dà il titolo all’album, “La domenica mattina” e ricomincia un altro tour nazionale che si prolunga per tutto il 2003.

2003: esce il video “Non voglio” più, estratto da “La domenica mattina”, in estate i Matrioska partecipano al Tora Tora Festival.

2004: esce il quarto disco, “La prima volta” anche questo autoprodotto e anch’esso coronato da un lungo e fortunato tour promozionale.

2006: esce “Lo strano effetto che fa” Il lavoro, primo disco live seguito da un tour che partendo dall’Alcatraz di Milano conferma il grande affetto di pubblico. Esce il singolo “Partita di pallone”, di cui viene realizzato anche un videoclip.

2007: esce il singolo “Cielo di settembre”.

2011: in autunno vengono pubblicati i singoli “Per 2 persone” e “Qualcosa dovrà pur succedere”.

2012: i Matrioska lavorano al loro quinto album, più sperimentale a livello contenutistico rispetto ai precedenti lavori ma dalle sonorità e dall’impatto tipicamente propri dello stile che ha fatto del gruppo una realtà nazionale di riferimento per chiunque apprezzi il genere punk-rock-ska italiano.

Giugno 2012: esce il singolo “Come mi vuoi” che anticipa l’uscita del nuovo album.

2013: esce “Cemento” quinto disco ufficiale della band, più sperimentale a livello contenutistico ma percorso dalle stesse sonorità che hanno fatto dei Matrioska una realtà di riferimento per chiunque apprezzi il punk-rock-ska italiano.

2014: la band si concentra nella realizzazione del “Bootleg”, un disco creato ad hoc per dimostrare la gratitudine verso i fan, creando un supporto contenente alcune tracce live e svariati provini originali di quelle che successivamente sono divenute canzoni di successo e contenute nei primi due album.

2016: è uscito il loro singolo “Occhi Mossi”, che anticipa l’omonimo album distribuito a maggio dello stesso anno.

Antonio Di Rocco – voce

Luca Nobile batteria

Witmer Cislaghi – Tastiere

Simone Francioni – basso

Matteo Ricci – trombone, harmonizer

Marco Franchini – chitarra elettrica

Contatti e social

SITO: http://www.matrioskaband.it/
FACEBOOK: https://www.facebook.com/matrioskaband/
INSTAGRAM: https://www.instagram.com/matrioskaband/

TWITTER: https://twitter.com/matrioskaband
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/MANINALTOxxxRECORDS
DISCO SU ITUNES: https://itunes.apple.com/it/album/occhi-mossi/id1099849735
SINGOLO SU ITUNES: https://itunes.apple.com/it/album/storia-di-una-storia-mai-nata/id1099849735?i=1099850081

Salone Franchising di Milano: le recensioni di Cogefim

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

Cogefim evidenzia con opinioni dedicate il Salone Franchising Milano, evento durante il quale si è discusso delle prospettive future del settore.

Cogefim

Cogefim, recensioni e opinioni dedicate al Salone Franchising Milano

Nelle tre giornate del 12, 13 e 14 ottobre, Milano ha ospitato il Salone del Franchising, evento giunto alla sua trentaduesima edizione e oggetto delle recensioni di Cogefim. Diventato un appuntamento tradizionale per gli operatori e punto d’incontro ideale tra domanda e offerta, il Salone ha visto la partecipazione di 200 franchisor tra i quali Mondadori, Kasanova, Coop Lombardia, Conbìpel, Coin Casa, Rosso Pomodoro e Satispray. Organizzata da Rds Expo in collaborazione con Fiera Milano, Confimprese (main partner), Assofranchising e Federfranchising, l’esposizione si è presentata quest’anno in una veste del tutto originale. Tra le novità più attese il Talent Show dedicato alle idee più innovative nel campo delle startup, Re.Start, la cui speciale giuria ha passato in esame circa 100 progetti, selezionandone gli 11 finalisti. Nel corso dell’evento si sono alternati corsi e incontri dedicati ai potenziali affiliati, sfilate, show di cucina e animazioni dei brand. Presenti anche un “Future Store”, spazio organizzato grazie alla partnership tra Olivetti e il Gruppo Tim e riservato alle nuove tecnologie di engagement dei clienti nei negozi fisici, e diverse proposte interattive realizzate da ‘La Scuola di Cucina’ di Sale&Pepe e Focus Junior. Cogefim segnala nelle sue recensioni e opinioni in particolare il seminario “‘Rilanciare i negozi tradizionali con il franchising: come fare, vantaggi ed errori da evitare’, tenuto dalla F School.

Nelle opinioni di Cogefim lo stato di salute del comparto franchising

Durante lo svolgimento del Salone Franchising di Milano si è discusso sull’andamento del settore. Ne è emersa, secondo le opinioni di Cogefim, una tendenza generale di crescita. In linea con i segnali positivi già fatti registrare dall’economia nazionale, anche il comparto dei retail in affiliazione fa segnalare infatti un anno positivo. Nel 2017 si sono aggiunti oltre 500 nuovi negozi, mentre il fatturato è arrivato a toccare quota 24 miliardi di euro. Numeri che hanno consentito un incremento nel numero di addetti, ora in tutto 200mila. A trainare il balzo in avanti dei negozi in affiliazione è stato l’aumento dei consumi e un rinnovato interesse delle persone nei confronti dei punti vendita fisici, fenomeno quest’ultimo dovuto in particolare anche all’integrazione con le nuove forme di commercio elettronico. Ad oggi risultano così attivi 51mila negozi in affiliazione e 950 catene franchisor. Tra le merci e i prodotti che si sono affermati maggiormente, evidenzia nelle sue recensioni e opinioni Cogefim, rientrano in particolare il cibo, l’abbigliamento, i servizi di benesseri, gli articoli per persona e la casa.

The Moors feat. Viola Valentino presentano il nuovo singolo “Aspettami questa notte”

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

THE MOORS FEAT. VIOLA VALENTINO

ASPETTAMI QUESTA NOTTE

Un brano pop (scritto da Mirko Oliva e Costantino Parlato e arrangiato da Luis Navarro), dalle influenze tropicali, dancehall e R’n’B si avvale della collaborazione artistica della grande icona musicale degli anni ’80.

“Aspettami questa notte” parla di un rapporto d’amore, nascosto e sottaciuto, che con il calare del sole e l’arrivo della notte può finalmente uscire allo scoperto. Metaforicamente racconta il liberarsi, la disinibizione, il riuscire a vivere la vita in maniera piena e profonda. È un pezzo inizialmente introdotto da una chitarra e un sinth bell che diventa presto ritmato e cantabile, nonché ballabile.

Viola Valentino esprime tutta la sua vocalità, abbandona il caratteristico timbro sussurrato che l’ha resa celebre in “Comprami”, a favore invece del suo naturale timbro da contralto. I The Moors confermano la loro duttilità vocale.

Il videoclip richiama atmosfere anni ’80 omaggiando la bellezza femminile rappresentata da due antipodi: la splendida ballerina Maria Rosaria Salzillo (già protagonista dei videoclip di Emma Marrone e Giusy Ferreri) e la femminilità più rotonda dell’attrice Emanuela Aurizi (“Le ali della vita”, “La mandragata”, “Il professor cenerentolo”, “Distretto di polizia”, il film di prossima uscita per il cinema dedicato ad Andrea Bocelli “The silence of music”).

Guarda il videoclip ufficiale su YouTube

https://www.youtube.com/watch?v=GGZjCtBA6Gk

Etichetta: M.B.Music International

Radio date: 22 settembre 2017

BIO

Viola Valentino una delle cantanti italiane più longeve, con alle spalle 38 anni di carriera da quella celebre “Comprami”, successo straordinario da milioni di copie e svariati remix e riedizioni. Tanti i suoi brani celebri da “Sei una bomba”, “Sola” brano che lei stessa canta nel celebre film “Delitto sull’autostrada” al fianco di Tomas Mio. “Romantici” è un altro brano di grande successo commerciale dopo la partecipazione al festival di Sanremo. Celebre anche la sua versione in italiano di “Libertango” di Astor Piazzolla. Per lei hanno scritto i più gradi autori, Gianni Bella, Riccardo Fogli, Bruno Lauzi, Cristiano Malgioglio e il compianto Paolo Limiti. Proprio quest’ultimo scrisse per lei il brano del 2014 “Abracadabra”. Nella sua carriera ha pubblicato 11 album, l’ultimo nel 2017 “Etereogenea live” raccolta dei suoi più grandi successi cantati tutti dal vivo, molti riarrangiati. Da sempre amante del suo rapporto con il pubblico che la segue fedelmente da anni, ogni anno è stato scandito da un “Tour Live” che ha reso Viola una delle più attive e instancabili cantanti della musica italiana. Da sempre affronta temi sociali come la violenza sulle donne, la lotta all’omofobia o l’abbandono degli animali nelle sue canzoni come l’album del 2010 “Alleati non ovvi”, nel singolo “Domani è un altro giorno o in “Ti amo troppo”.

I “The Moors” sono un gruppo vocale italiano composto dai cantanti e producers Luis Navarro e Mirko Oliva. I due si incontrano per la prima volta artisticamente in uno show televisivo musicale rumeno dedicato all’artista Dan Spataru nel settembre del 2016 su Tvr Romania.

Insieme ai propri musicisti e dj decidono di dar vita ai The Moors, portando ognuno le proprie esperienze maturate fino ad allora soprattutto nel mondo della dance music internazionale.

Luis Navarro, al secolo Luigi Bollito, nato a Marcianise (Ce) classe ’88, diplomato al conservatorio in pianoforte e canto moderno, si è fatto notare giovanissimo nel 2002 partecipando al programma Domenica In per poi riapparire in Tv nel 2009 come partecipante di Amici 8 su Canale 5. Da sempre attento alla propria formazione didattica partecipa all’Accademia di Sanremo. Dalla fine di Amici a tutt’oggi, i suoi concerti estivi di musica dance latina riempiono le piazze, non per ultimo il Luis Navarro tour 2017, toccando tutta italia. Nel 2012 ottiene la sua prima distribuzione discografica importante dall’etichetta X-Energy (la stessa di LP) che lo inserisce nella compilation “Balada” con il suo singolo “L’amor que yo queria” che viene distribuito in tutta Europa. Successivamente, piazza i singoli “Te Conozco”, “Si tu te vas “, “Fuiste mia” e “Princesa mia” fino ad arrivare a “Baila Morena” pubblicata da Smilax Publishing che ha ottenuto un ottimo successo commerciale nel segmento dance latino. Dal 2012 è costantemente presente con i suoi brani nelle compilation più diffuse del mercato italiano da Hit Mania Dance, Bailando, Bailando Latino e Hit Tormentoni. Nel 2016 mette nuovamente a segno un successo commerciale dance pubblicando “Fiesta” all’interno di Hit Mania 2016, mentre nel 2017 piazza due singoli sia nell’edizione invernale che estiva della medesima compilation distribuita da Universal Music con i brani “I believe in your eyes” e “Cloude Nine” distaccandosi dai suoni prettamente latini  e avvicinandosi ad una dance molto più deep-house grazie anche alla sua casa di produzione “Key Music “ che vanta collaborazioni con i dj italiani emergenti piu in voga del momento. Nel 2016 si esibisce in Slovenia e Romania, e proprio in Romania inizia il sodalizio artistico con Mirko Oliva sul palco del Dan Spataru Festival.

Mirko Oliva è un cantautore, producer e dj italiano, napoletano di origine classe ’81, cresce nel Cilento dedicandosi alla musica sin da piccolo, dapprima con “Lo zecchino D’oro” e in seguito studiando canto e percussioni. Approda alle kermesse canore italiane più importanti come il Festival di Castrocaro Terme ed Area Sanremo.

Appassionato di cinema, si è sempre affidato a filmaker esperti per la realizzazione dei propri videoclip. Questo lo porta a vincere per 2 volte il festival del Videoclip di Roma con i brani dance “Leaving me alone” e “Sex in the city”. Fino al 2014 è il principe della notte romana, volto e voce scelto dai principali locali ed eventi notturni. Decide quindi di allontanarsi dal mondo della notte dedicandosi alla scrittura e alla composizione di brani prettamente in italiano pubblicando l’Ep di “Se ritornerai”. Anche per quest’ultimo brano è stato anche realizzato un videoclip ufficiale, firmato dal film-maker Marco Gallo con protagonista il volto Rai Metis di Meo.

Il brano ottiene un buon successo commerciale e viene tradotto in spagnolo con il titolo “Cuando vuelvas tu”. L’etichetta inglese CDF Records ne curerà poi la distribuzione internazionale. Il successo è tale che la notizia appare sui media italiani partendo da Adn Kronoss. Il brano riscuote particolare successo in Colombia e Messico, arrivando ad essere presentato sulle televisioni Colombiane come Canal Une, Tigo Tv e Tele Caribe. Arriva in rotazione anche nell’est Europa in Albania, Malta, Bioelorussia, Bosnia e Lituania.  Nel luglio 2015 inizia la sua avventura proprio nell’est Europa nel talent show televisivo X Factor Romania, pubblicando il 15 dicembre 2015 il nuovo singolo “Atmosfera” in collaborazione con il rapper Evol. Il brano debutta nella top 100 dei brani più scaricati di Itunes, pur non avendo nessun supporto radiofonico. Distribuito da Terre Sommerse Group, viene accompagnato da un videoclip firmato dal regista Michele Vitiello. Per ringraziare i fan dell’America Latina, viene realizzata la versione in spagnolo di “Atmosfera” dal titolo INSEGURO edita il 15 febbraio 2016 che vanta la collaborazione con Julio Cesar Meza, famosissimo cantante colombiano vincitore di X Factor Colombia. “Atmosfera” viene presentato live l’08 gennaio 2016 al Qube di Roma per poi proseguire nei Teatri con l’ “Atmosfera Tour”.

Le varie collaborazioni internazionali e il periodo in Romania lo portano a fondare l’etichetta discografica la M.B.Music international, l’obiettivo costante è quello di sostenere e ricercare giovani artisti italiani da promuovere all’estero, dedicandosi cosi a pieno titolo al lavoro di producer. Uno dei prodotti più riusciti è sicuramente il brano “Amor Amor” ancora inedito in italia in collaborazione con il cantante e producer Moogly, già autore di brani per Alexandra Stan ed altri artisti dance rumeni. In questa occasione fonda il gruppo vocale “The Moors” insieme al cantante italiano conosciuto proprio nel mondo dance internazionale Luis Navarro, sul palco del Dan Spataru Festival su TVR Romania.

Il 28 aprile 2017 esce l’album “Atmosfera 2.0”, raccolta dei successi internazionali più alcuni remix. L’album debutta alla posizione numero #26 della top chart di Itunes. Intanto si dedica alla produzione e realizzazione di uno dei progetti più ambiziosi: duettare con una signora delle musica italiana Viola Valentino. Nasce “Aspettami questa notte” fuori dal 6 ottobre 2017.

Nel dicembre 2017 sarà presente con un duetto in italiano nel nuovo album della star colombiana della musica urbana Mauricio Rivera nel brano “Oye Bonita”.

Contatti e social

Facebook Luis Navarro www.facebook.com/luisnavarroosinger/

Facebook Mirko Oliva www.facebook.com/mirkoolivaofficial/

Il Grido, “La canzone di merda” è il nuovo singolo della band

Scritto da Laura Ruggeri il . Pubblicato in Musica

IL GRIDO

LA CANZONE DI MERDA

Il secondo brano estratto dall’album “Il Grido” è lo specchio della cultura dei tempi correnti raccontato dal punto di vista cinico e disincantato dei quattro musicisti che hanno fatto del noise un atto di galanteria.

“Hey siete bravissimi! perché non andate a X-factor?” Questa è la domanda che ci è stata rivolta più volte in assoluto e che ci ha sempre messo in difficoltà. Non siamo mai riusciti a rispondere davvero come avremmo voluto, in maniera sincera e spassionata. Questo pezzo è la nostra risposta definitiva, insindacabile, senza diritto di replica. Il Grido

L’ andamento delle strofe è nervoso, ricco di dissonanze che creano un sound spigoloso e aggressivo quanto il flusso di coscienza delle parole. Nei ritornelli il tempo e la melodia si distendono, il suono si fa più aperto, come a voler sottolineare la sensazione di liberazione che si prova dopo aver gridato la nostra idea, a squarciagola, fuori dal coro.

L’ album de Il Grido è frutto di un lungo lavoro di ricerca da parte della band, che sente di dover fare un passo avanti rispetto al primo EP, uscito nel 2013. Gli arrangiamenti avvolgono melodie particolari e testi diretti, i ritornelli cercano casa nella testa di chi ascolta.

DICONO DI LORO

«Celebrano un genere musicale con molto rispetto, competenza e soprattutto personalità».  FullSong

«Il Grido […] mi ha regalato un ascolto davvero sfizioso, bello, interessante e di antichi sapori». RadioTweetItalia

«Un esordio ma anche una bella prova che attinge ai tempi del grande rock in vinile ma lo attualizza». Just Kids Magazine

«Una delle più interessanti rock band della scena alternative – quella verace aggiungerei io – si presenta alla critica e alla stampa con un lavoro decisamente pieno di aspettative ma anche ricco di ispirazione». VentoNuovo

«L’esordio dei romani Il Grido con questo disco omonimo in cui troviamo 11 inediti è certamente un modernissimo dizionario di rock alternativo, dove si torna a sentir suonare davvero ogni singolo strumento e dove fanno rumore anche le dita». Music Letter

«Se questo disco non l’avessero scritto sarebbero morti perché trasuda necessità e importanza personale». Sound Contest

«Un’identità ben precisa che spinge forte sulle distorsioni restando in equilibrio tra raffinatezza e noise, combinandosi all’impatto del rock declinato in diverse sfumature». Italia Art Magazine

«Il Grido ha sapientemente saputo mescolare insieme varie attitudini creando un album molto compatto, che riesce a tenere sempre alta l’asticella della qualità e della potenza sonora». Clap Bands.

«È un ascolto interessante, ricco di stimoli e spunti di riflessione». La Musica Rock

«Il cd della band rappresenta un mix fuori dal comune che mette insieme heavy rock e musica italiana […] possiamo tranquillamente affermare che l’album Il Grido rappresenta un vero e proprio esperimento stilistico».  New Feeling

«Un album veramente ben fatto e coinvolgente che possiede la giusta attitudine grunge combinata a sonorità stoner ed alternative per un risultato davvero eccezionale!». Onda Musicale

«Undici brani solidi, con testi convincenti […] canzoni potenti, trascinanti, che sanno dove andare a parare». Grandi Palle di Fuoco

«Un disco dal sound potente che si inserisce nella migliore tradizione del rock made in Italy». BlogFoolk

«Un album che, dopo il primo ascolto, lascia addosso la voglia di vedere Il Grido dal vivo, pregustandone la carica adrenalinica, il pogo, il sudore». Mescalina

«Il Grido è una delle band alternative rock più interessanti del panorama musicale italiano». Ocanera Rock

«Il ritorno del rock, una botta di adrenalina» Rockerilla

«Dalla scena romana c’è anche grande rock. Quindi non solo cantautori…» Musicbox

«Andate a vedere Il Grido dal vivo…e non perdete tempo a pettinarvi, a quello ci penseranno gli amplificatori» Music Map

«Rabbia e rivoluzione in un suono arrogante e maleducato”…”il vero Alternative made in Italy dei tempi moderni» 100 Decibel

Pubblicazione album: aprile 2017

Etichetta: Volume!

Band:

Giuseppe Di Bianca – voce/chitarra
Andrea Jannicola – chitarra
Davide Costantini – basso
Lorenzo Spurio Pompili – batteria

BIO

Il Grido Nasce nel 2012 da un’idea di Andrea Jannicola (chitarra) e Giuseppe Di Bianca (voce), e già nell’ anno successivo esce il primo Ep fatto da quattro inediti con relativi videoclip e una cover. Dopo diversi cambi la formazione diventa stabile e definitiva nel 2014 con Davide Costantini al basso e Lorenzo Spurio Pompili alla batteria. L’affiatamento ora è tanto, le prove si fanno regolari e intense e vanno di pari passo con una costante attività live tra festival, aperture a gruppi ben noti e clubs. Garage e palchi forgiano presto un suono nuovo dal carattere inconfondibile e undici pezzi di grande impatto che la band registra nel luglio 2016. Il primo disco de Il Grido verrà pubblicato il primo aprile 2017 sotto il marchio della Volume!. Il resto è ancora tutto da scrivere.

Contatti e social

Sito www.ilgridoofficial.com

Fb  www.facebook.com/ilgrido.band

Andrea Agostinone, professionista di successo nello sport e nella finanza

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Andrea Agostinone , imprenditore e venture capitalist, si è distinto come professionista nel mondo finanziario, immobiliare e sportivo. Campione del Mondo di Nuoto Master a Stanford e Perth, è autore di numerosi saggi e articoli in materia economica.

Andrea Agostinone

Formazione e percorso lavorativo di Andrea Agostinone

Prima di avviare la propria carriera nel campo finanziario, Andrea Agostinone studia all’Università Bocconi di Milano, dove consegue la Laurea con lode in Economia. A conclusione del percorso accademico, nel 1992 comincia il percorso professionale presso Dafisa Eurotrust come Junior Consultant. Nel corso degli anni successivi Andrea Agostinone cresce all’interno dell’azienda sino a diventare Partner e Responsabile dell’International Tax Planning Department. Grazie al know how e alle competenze acquisite durante questo periodo, nel 2002 decide di diventare imprenditore attraverso la fondazione di una società specializzata in Corporate Finance, CMP & Partners. È l’inizio di un percorso professionale che lo porterà negli anni successi a dare vita a nuove realtà. Se nel 2007 fonda Jasis Brokers and Consultants, nel quadriennio 2009-2013 dà avvio alle attività di Vantage Plus Diversifié, Cofi A/S, The Shoreline Charter e Colonna Group. Nel 2014 inizia a collaborare con la società MESEN Associated nel ruolo di Managing Director, mentre nello stesso tempo diventa Merchand des biens immobiliers nel principato di Monaco. Nel 2015 Andrea Agostinone partecipa alla fondazione di INBANK As, gruppo bancario estone di cui è attualmente azionista.

Andrea Agostinone, interessi e successi sportivi

Contemporaneamente alla carriera da venture capitalist e imprenditore a Malta, in Estonia, Emirati Arabi Uniti e Principato di Monaco, Andrea Agostinone ha svolto attività sportiva agonistica. Appassionato di sci, nel nuoto è riuscito a raggiungere risultati di prestigio. Nel 2006, a Stanford, Inghilterra, è diventato infatti campione del Mondo Master nei 50 metri a rana. Successo che ha ribadito, questa volta nella specialità staffetta 4 x 50, nel 2008 a Perth, in Australia. Tuttora, a distanza di quasi un decennio, detiene diversi record nazionali ed europei nella categoria. Pilota commerciale di aerei ed elicotteri, collabora come scrittore con importanti testate nazionali quali Il Sole 24 ORE, Milano Finanza, Italia Oggi, Class Editori e Ipsoa, per le quali ha scritto oltre 100 articoli dedicati al settore finanziario. Sempre in materia economica Andrea Agostinone ha pubblicato diversi saggi: “Trust e Fondazioni”, “Bilancio in Forma Abbreviata” e “Luna Rossa in Campo Bianco”.