Archivio per 8 ottobre 2017

Opere d’arte, da Torino arriva la TAC per il loro restauro

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Arte, Tecnologia

L’uso della tecnologia avanzata rappresenta senza dubbio uno strumento fondamentale ai fini del restauro di manufatti lignei ed opere d’arte, ma anche nel caso di un trattamento antitarlo e di opere d’arte. E proprio per quest’ultime arriva da Torino una scoperta scientifica davvero rivoluzionaria: nel corso del G7 a Venaria dei giorni scorsi, infatti, è stata presentata la TAC per le opere d’arte, un vero e proprio toccasana per l’immenso patrimonio artistico italiano.

L’intensa ricerca condotta negli ultimi anni dal Dipartimento di Fisica dell’Università di Torino, insieme all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e la Fondazione Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, ha portato alla progettazione e realizzazione di un nuovo apparato per radiografie digitali e termografie computerizzate finalizzato alla diagnostica delle opere d’arte.

Si tratta di una strumentazione all’avanguardia che consentirà di ottenere informazioni dettagliate circa il loro stato di salute e, soprattutto, indicazioni ben precise sulle tipologie di intervento da effettuare. Un’idea, quella della TAC del futuro, partita dall’Ateneo torinese ma estesa anche a tutte le comunità scientifiche internazionali in un contesto di Scienza Aperta.

Il Dipartimento di Fisica dell’Università del capoluogo piemontese, infatti, partendo dalla macchina già esistente, ha già avviato una serie di progetti scientifici e collaborazioni con enti pubblici e aziende private, allo scopo di realizzare un nuovo macchinario specializzato in radiografie digitali e tomografie computerizzate per i beni culturali in grado di esaminare oggetti e manufatti di grande dimensioni. Per questo motivo gli stessi ricercatori metteranno a disposizione dell’intera comunità scientifica le loro conoscenze, nonché tutta la documentazione del progetto consistente in calcoli, disegni, piani e test.

Altro aspetto fondamentale di questa ricerca è la mobilità, in quanto l’apparato è stato progettato per essere facilmente trasportato sul luogo dove è conservato il bene artistico, soprattutto nei luoghi colpiti da catastrofi naturali e da conflitti bellici, evitando ulteriori danni causati dagli spostamenti.

Insomma, è appropriato definire la TAC del futuro per i beni culturali un grande passo in avanti dal punto di vista della diagnostica in questo campo, e nulla esclude la possibilità che possa essere estesa anche al restauro mobili antichi, un’attività che richiede un’accurata mappatura del degrado del legno prima di individuare gli interventi necessari.

Cresce il turismo in Italia e all’estero: le opinioni di General Cessioni

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

In crescita il turismo globale: le opinioni e recensioni di General Cessioni si concentrano sull’analisi dei dati di settore forniti dalla World Tourist Organization.

General Cessioni

General Cessioni, opinioni focalizzate sulla crescita globale del turismo

Analizzando l’andamento del settore turistico nei mesi estivi, maggio-agosto 2017, General Cessioni ha espresso opinioni e recensioni positive in merito alla crescita del numero globale di turisti, nei primi quattro mesi dell’anno giunto a quota 369 milioni e superiore del 6% su base annua. Per l’associazione di categoria Coldiretti si tratta di un risultato che si appresta a classificarsi come il migliore dell’ultimo decennio. I dati ufficiali, recentemente forniti dalla World Tourist Organization, restituiscono aspettative e stime ancora più positive per l’area mediterranea, in particolare per Spagna, Italia e Grecia. In questi ultimi Paesi l’incremento nel turismo è stato ancora maggiore: rispetto all’anno scorso, periodo in cui era stata registrata una crescita di un singolo punto percentuale, l’aumento è stato particolarmente significativo, circa il 9%. Se il turismo tende a crescere ovunque, l’Europa del Sud, e nello specifico l’Italia, avrebbero beneficiato di una maggiore percezione in materia di sicurezza, visti gli episodi di terrorismo internazionale che hanno colpito diverse regioni e Paesi. Un fattore che, come riporta General Cessioni nelle sue recensioni, ha condizionato la scelta delle vacanze per quattro italiani su dieci: nel contempo, dei 38 milioni di abitanti della penisola che hanno scelto di andare in vacanza, il 78% ha preferito il Belpaese, mentre appena il 2% ha scelto l’Africa.

Le opinioni di General Cessioni sulla crescita del turismo in Italia

Le opinioni e recensioni di General Cessioni, dopo aver analizzato lo stato di salute del turismo globale, si sono concentrate in particolare sulla situazione del turismo in Italia. Il Belpaese, secondo le stime e i dati forniti da un sondaggio Coldiretti/Ixe’, viene ritenuta da due turisti stranieri su tre come meta ideale grazie alla combinazione unica di cultura e cibo. Fattori altrettanto importanti per il 54% degli italiani, i quali in aggiunta inseriscono l’elemento paesaggistico e ambientale. Nel frattempo la penisola si conferma come leader nel turismo enogastronomico con 22mila agriturismi, 60mila aziende agricole biologiche, 10mila agricoltori in vendita diretta con Campagna Amica. A ciò si aggiungono i numerosi eventi e le sagre dedicate alla valorizzazione dei prodotti, forti di oltre 292 specialità Dop/Igp registrate in sede comunitaria. La spesa alimentare, complessivamente, rappresenta una buona fetta della voce di spesa dei turisti stranieri e italiani. Tra ristoranti e negozi alimentari si spende infatti oltre 26 miliardi di euro sul totale dei 75 miliardi di fatturato del settore turistico.