Archivio per 14 settembre 2017

Biennale Milano: appuntamento imperdibile con Vanna Ugolini che presenta il libro “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” con la partecipazione straordinaria di Paolo Liguori, Alessandro Meluzzi e Salvo Nugnes

Scritto da ufficio-stampa il . Pubblicato in Arte, Cultura

Giovedì 12 ottobre, alle ore 18.00, la giornalista Vanna Ugolini presenterà il libro “Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” (Morlacchi editore), scritto a quattro mani con la psicologa Lucia Magionami, affiancata dal Direttore del TGcom Paolo Liguori, da Alessandro Meluzzi noto psichiatra e volto di trasmissioni televisive come Matrix e Quarto Grado e da Salvo Nugnes manager di noti personaggi, nonché moderatore dell’incontro. L’appuntamento culturale avrà come cornice artistica la grande mostra “Biennale Milano – International Art Meeting”, presentata da Vittorio Sgarbi e allestita presso Brera Site, a Milano, a pochi passi dal Piccolo Teatro.
“Non è colpa mia. Voci di uomini che hanno ucciso le donne” è un viaggio nell’anima di uomini che hanno ucciso le proprie compagne, persone comuni eppure assassini. Il libro è una ricerca profonda, un percorso emotivo ed evocativo che risponde alla necessità di capire, per poi comunicare, cosa spinge un uomo ad uccidere l’amore della propria vita, cosa succede in quei minuti in cui decide di diventare assassino e qual è il percorso che trasforma un uomo normale, un padre di famiglia in un omicida.
E dal libro emerge anche quello che l’autrice Ugolini afferma chiaramente: non siamo di fronte a raptus, né scatti d’ira: il percorso verso il femminicidio è più lungo, lastricato di silenzi, di prigioni culturali, di diversi modi di intendere la vita, dell’incapacità di dare un nome ai sentimenti, alle situazioni e, quindi, di riconoscerle, di rapporti di potere all’interno della coppia, dove una delle due parti prevarica e controlla l’altra. “Arriviamo a un punto e decidiamo se usare la ragione o la forza – scrive l’autrice – se vogliamo mantenere a ogni costo il potere su una persona fino ad arrivare a toglierle la vita o se vogliamo amare, liberamente, accettare che questo possa finire e possa far male. Ci sono mille altri modi diversi dalla violenza per chiudere una relazione. La violenza è una scelta. Una scelta da non fare.”
A “Biennale Milano” sono previsti numerosi eventi di notevole spessore culturale: mercoledì 11 ottobre ci sarà la conferenza stampa con rappresentanti delle Istituzioni, Alberto d’Atanasio dirigente del Museo Modigliani, Veronica Ferretti funzionaria del Museo Michelangelo Buonarroti, Carlo Motta, responsabile di Editoriale Mondadori, Elisabetta Marelli regista del film “Sgarbistan”, e Vittorio Sgarbi in videoconference. Lo stesso giorno il conduttore Pippo Franco si esibirà in uno spettacolo dal titolo “La Vita è Arte” con tanti altri illustri personaggi. Venerdì 13 ci sarà la presentazione dei nuovi libri del sociologo di fama mondiale Francesco Alberoni e della scrittrice e conduttrice Silvana Giacobini, con la mediazione del manager Salvo Nugnes. Il giorno successivo è stata organizzata l’inaugurazione della mostra “Biennale Milano – International Art Meeting” presso la prestigiosa sede Brera Site (in via delle Erbe, 2) con la presenza del Prof. Vittorio Sgarbi. Nell’ultimo giorno della manifestazione, domenica 15, è prevista la presentazione di altri due libri: quello di Tony di Corcia sullo stilista Gianni Versace, con la partecipazione del fratello Santo Versace, e quello di Roberta Camerino, “Schegge di R” dove racconta la storia della famosa madre stilista amica di Salvador Dalì e di Coco Chanel.

Per info: 0424.525190, 388.7338297, info@biennalemilano.it

Zeno De Pietri: qualifiche professionali e principali incarichi

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

Il percorso professionale e le competenze di Zeno De Pietri, Dottore Commercialista e Revisore Legale, fondatore e titolare dello Studio De Pietri, che da oltre vent’anni fornisce assistenza in ambito consulenziale a numerose aziende.

Zeno De Pietri

Zeno De Pietri: la carriera del Dottore Commercialista e Revisore Legale

Dottore Commercialista specializzato in consulenza aziendale e revisione legale, Zeno De Pietri si laurea nel 1989 in Economia e Commercio presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e inizia la collaborazione con lo Studio Lenti Piccinelli Attardi di Milano. Tre anni dopo, ottenuta l’abilitazione all’esercizio della professione e l’iscrizione all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano, entra nello Studio Cornaglia & Associati con il compito di coordinare operazioni straordinarie d’impresa. Nel 1994 intraprende una nuova iniziativa professionale decidendo di mettersi in proprio: dà così vita allo Studio De Pietri, tuttora attivo nella consulenza alle imprese. L’anno successivo consegue l’iscrizione nel Registro dei Revisori Legali. Oggi Zeno De Pietri opera anche come advisor o attestatore indipendente, occupandosi in particolare di operazioni di ristrutturazione del debito.

Zeno De Pietri: le specializzazioni professionali

Nel corso della sua carriera Zeno De Pietri ha maturato le proprie competenze attraverso numerose esperienze professionali e l’attività nello studio che ha fondato nel 1994. Oltre a ricoprire i ruoli di sindaco e revisore, consigliere di amministrazione e liquidatore di società di capitali di piccole e medie dimensioni attive in ambito industriale, commerciale e finanziario, il professionista fornisce assistenza a realtà aziendali in materia di consulenza fiscale e societaria, formazione e redazione di bilanci d’esercizio, revisioni e due diligence contabili e fiscali. Zeno De Pietri si occupa di acquisizioni, fusioni e altre operazioni straordinarie di impresa, anche assumendo incarichi di perito per la valutazione di beni e aziende. Svolge assistenza nella gestione della crisi d’impresa e nella redazione di piani industriali e di ristrutturazione, e assume svolge incarichi di attestatore indipendente di piani di risanamento

Le opinioni di General Cessioni focalizzati ai dati economici lombardi

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Economia

General Cessioni, società di intermediazione attenta alle principali notizie di mercato, recentemente ha dedicato le proprie opinioni e recensioni in merito ai dati emersi dall’analisi svolta da Confindustria regionale e da Unioncamere relativa al secondo trimestre del comparto industriale lombardo.

General Cessioni

L’andamento dell’industria in Lombardia secondo le recensioni di General Cessioni

Non come i sorprendenti risultati raggiunti nel periodo gennaio-marzo, i dati analizzati da Confindustria regionale nel terzo trimestre risultato secondo le opinioni di General Cessioni un elemento più che positivo per l’economia lombarda. In virtù delle performance positive trasversali ai territori e ai diversi settori, General Cessioni nelle proprie recensioni ha evidenziato come le variazioni positive della produzione industriale analizzate da Confindustria regionale siano presenti in diversi settori, con valori superiori al +4% per i comparti specializzati quali pelli-calzature (+4,5%), siderurgia (+4,4%) e gomma-plastica (+4,0%).

General Cessioni: recensioni focalizzate sull’artigianato lombardo

General Cessioni, oltre ad analizzare e recensire il mercato industriale, ha focalizzato le proprie opinioni anche sui valori emersi per l’intero comparto lombardo dell’artigiano. General Cessioni nelle proprie recensioni conferma quanto già spiegato e anticipato dal Presidente della Cna Lombardia Daniele Paolo in merito a come il segno positivo dell’andamento di medio periodo rappresenti senza alcun dubbio un ulteriore conferma di una ripresa economica trasversale per l’intero comparto. Secondo i dati analizzati, a livello territoriale la crescita maggiore si è riscontrata nella provincia di Lecco (+5,3), seguita da Cremona (+4,3%) e Varese (+4), che con l’inserimento di Brescia (+3,9%) sono le quattro province a posizionarsi ben al di sopra della media regionale. Appena sotto sono posizionate invece Bergamo (+2,3%) e Lodi (+2) seguite da Milano (+1,8%), Mantova (+1,5), Monza e Brianza (+0,6) e Sondrio (+0,4).

Nelle recensioni di Cogefim il bando agriturismo

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

Cogefim evidenzia con recensioni e opinioni i contributi messi a disposizione dalla Lombardia a favore degli operatori agrituristici. 6,5 i milioni di euro dedicati allo sviluppo e alla valorizzazione dei servizi sul territorio.

Cogefim

Agricoltura, Cogefim descrive mediante opinioni dedicate il bando per gli agriturismi lombardi

Dal 7 luglio gli imprenditori lombardi attivi nel campo agrituristico, circa 1.500, possono fare richiesta per beneficiare del bando approvato dalla Regione Lombardia. Cogefim ricorda nelle sue recensioni e opinioni come in tutto siano 6,5 milioni di euro i fondi stanziati a favore degli operatori, nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale. La misura concorrerà, come dichiarato dall’assessore Gianni Fava, a favorire la tutela del sistema agricolo e ambientale attraverso la salvaguardia dell’ambiente, l’innovazione tecnologica e la mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici sul territorio locale. Tra gli obiettivi dichiarati vi è anche un miglioramento generale di competitività e redditività aziendale, della diversificazione commerciale e delle prestazioni economiche, ma non solo: aumentare la diffusione e l’adozione delle energie rinnovabili, il ricambio generazionale e la qualità professionale di lavoratori e professionisti. Cogefim evidenzia tramite opinioni positive l’adesione riscontrata in precedenza. Nell’ambito della programmazione 2014-2020, relativa al primo bando dell’operazione 6.4.01, le domande approvate sono state più di 50, distribuite per lo più in montagna e collina rispetto alla pianura (43 contro 11). L’importo complessivo stanziato, oltre 6 milioni di euro, ha contribuito alla salvaguardia di importanti fabbricati rurali storici, sostenendo l’agricoltura nelle zone meno favorevoli.

I requisiti del bando nelle recensioni Cogefim

Le opinioni e recensioni di Cogefim si sono concentrate sui requisiti richiesti per poter partecipare al bando della Regione Lombardia. I destinatari dei contributi devono essere società agricole di persone, capitali o imprese agricole individuali. Sono ammesse le cooperative, purché in possesso del certificato di connessione con la quale esprimono l’intenzione di voler procedere al recupero di strutture agricole pre-esistenti e non più necessarie per l’attività agricola, attraverso operazioni di restauro, ristrutturazione, realizzazione di impianti tecnologici e adeguamento dei servizi igienici. Il contributo erogato può corrispondere ad un tetto massimo di 200.000 euro, al netto dell’Iva e in regime dei minimi. Qualora si dovesse superare il massimale, la domanda verrà comunque ammessa, ma in questo caso si procederà all’abbattimento dell’importo, riportato al valore massimale previsto dal regime. Cogefim ricorda nelle sue recensioni come siano ammessi anche gli interventi di predisposizione di aree dedicate all’agricampeggio e alla sosta di caravan e roulotte, la realizzazione di percorsi ippoturistici e ciclopedonali. Priorità verrà data alle domande che riguardano zone di collina e montagna.

Tecnologia e macchine agricole: Agrilevante 2017

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende, Tecnologia

Dopo l’81.ma edizione della Fiera del Levante – la Campionaria generale internazionale in corso di svolgimento proprio in questi giorni – la città di Bari è pronta ad ospitare ad ottobre un altro evento di caratura internazionale dal notevole interesse economico e commerciale: Agrilevante 2017, l’appuntamento fieristico dedicato alle macchine per agricoltura e impianti innovativi del settore primario.

L’evento, che si svolgerà all’interno dei padiglioni della Fiera del Levante del capoluogo pugliese, avrà come tema principale l’agricoltura del Mediterraneo, con particolare riferimento al centro-sud Italia, Balcani e Medio-oriente, e vedrà la partecipazione di oltre 3000 operatori esteri e di 300 espositori provenienti da 21 Paesi: una vetrina interessante per conoscere le ultime novità meccaniche in campo agricolo.

Agrilevante, infatti, è un’occasione imperdibile per scoprire macchinari di recente fabbricazione per le colture estensive idonei ad operare in maniera estremamente efficace su qualsiasi tipo di terreno, nonché trattori specializzati per le attività in frutteti e vigneti. Ma importanti saranno anche le soluzioni innovative applicate alle macchine e agli impianti, in particolare dal punto di vista idrico.

Dicevamo di un evento di spessore internazionale che interessa diverse filiere del comparto agricolo: dall’olivicoltura alla zootecnia, dall’enologia alle colture cerealicole e viticole, senza dimenticare le energie rinnovabili. Tante le iniziative in agenda come convegni tematici e concorsi dei prodotti, tra cui segnaliamo il Forum sull’economia agricola dell’Africa e del Mediterraneo, un convegno utile a conoscere più da vicino le problematiche legate a questo settore ma anche le potenzialità di crescita che esso è in grado di offrire in questi Paesi.

Particolare interesse infine ricoprirà l’area dedicata alla multifunzionalità, uno spazio all’interno dell’esposizione nel quale verranno presentate tecnologie e metodologie di intervento finalizzate a una efficiente gestione delle aree forestali e costiere e alla prevenzione di incendi e dissesti idrogeologici, che quest’anno hanno pesantemente colpito la nostra penisola. Agrilevante 2017 non è dunque solo una semplice esposizione di macchine agricole, ma un evento a trecentosessanta gradi sull’agricoltura mediterranea alla quale gli operatori del settore non possono mancare.

L’appuntamento è alla Fiera del Levante di Bari dal 12 al 15 ottobre 2017.