Archivio per 8 giugno 2017

Centrali operative, al via l’iter di accreditamento di Emq-din

Scritto da WebmasterDeslab il . Pubblicato in Aziende

Emq-din ha deciso di rafforzare il proprio impegno nel campo “Safety & Security”, con l’intento di rendere i servizi legati alla sicurezza di beni e persone sempre più efficienti e conformi a quanto previsto dalle disposizioni di legge. Dopo aver ottenuto il nullaosta definitivo da parte del Ministero dell’Interno in merito alla certificazione istituti di vigilanza, con il conseguente inserimento nell’elenco degli Organismi di certificazione, è in via di definizione l’iter di estensione di accreditamento per le centrali operative, ovvero i centri di monitoraggio e ricezione allarmi.

Emq-din, infatti, sta ultimando il processo che lo porterà a diventare un organismo abilitato anche nell’ambito delle certificazioni di questi soggetti, ai sensi della Norma UNI CEI EN 50518-1-2-3:2014 e ai sensi del D.M.115/2014, del D.M. 269/2010 e s.m.i. e del Disciplinare del Capo della Polizia del 24/02/2015.

Disposizioni di legge che si applicano ai centri di monitoraggio e ricezione allarmi che monitorano, ricevono e processano segnali che richiedono una risposta in emergenza, le cui certificazioni da esse previste sono necessarie per i titolari di licenza di istituti di vigilanza al fine di poter erogare i propri servizi gestiti dalla propria centrale operativa. Un processo, quello di accreditamento Emq-din, che prosegue regolarmente, perché dopo il superamento della prova documentale è attesa per fine luglio la visita in accompagnamento degli ispettori Accredia.

Ed è proprio quest’ultimo un passo cruciale dell’intero iter, in quanto dall’esito favorevole di tale visita dipenderà la successiva valutazione della pratica di Emq-din da parte del comitato Accredia per la deliberazione dell’estensione di accreditamento.

Insomma, quello delle certificazioni per le centrali operative rappresenta un’altra tappa importante del percorso di crescita del nostro organismo, nonché un altro grande obiettivo che ci poniamo di conseguire entro la fine di quest’anno. Tuttavia, come già accaduto per le certificazioni UNI 10891, l’ultimo parere spetta al Ministero dell’Interno, la cui autorizzazione sancisce in via definitiva l’operatività anche in questo settore.

Utilizzabile ovunque e con qualsiasi strumento: 3CX introduce nuovi standard di fruibilità per le UC

Scritto da Andrea Bianchi il . Pubblicato in Aziende, Informatica, Internet, Tecnologia

Nuovo web client e soluzione UC fruibile con qualsiasi piattaforma on-premise, in cloud, o addirittura su MiniPC: la versione 15.5 di 3CX Phone System offre un’esperienza utente senza paragoni

LONDRA  – 3CX, produttore della soluzione di nuova generazione e software-based per le Unified Communications, rilascia oggi 3CX Phone System Versione 15.5, che assicura una fruibilità dei servizi UC ancor più rapida, sicura e affidabile. Tra le novità spiccano l’introduzione di un nuovo client per la telefonia tramite browser web, il perfezionamento della funzionalità “clicca e chiama” e nuove funzionalità per la gestione dei telefoni da tavolo e delle app gratuite per smartphone. Con la nuova versione gli utenti gestiscono chiamate in arrivo, trasferimenti di chiamata o il passaggio da una regolare chiamata ad una videoconferenza con un solo clic. Il nuovo client web vanta un’interfaccia utente particolarmente moderna ed è ottimizzato per browser basati su standard aperti come Chrome e Firefox.

La versione 15.5 assicura continuità alla strategia “Deploy Anywhere” di 3CX volta a garantire l’utilizzabilità delle Unified Communications con qualsiasi piattaforma e strumento. La soluzione 3CX può essere facilmente implementata su MiniPC di marchi leader come Intel, Zotac, Shuttle e Gigabyte. Consentendo l’impiego di appliance disponibili in tutto il mondo, con un servizio di assistenza tecnica locale ed acquistabili ad un prezzo molto inferiore rispetto a centralini tradizionali, la versione 15.5 si rivela ideale per uffici di piccole dimensioni che non dispongono di propri server. La versione cloud della piattaforma UC di 3CX supporta un numero ancora maggiore di operatori di servizi voce in hosting, tra cui 1&1, e può essere implementata in pochi minuti con avvalendosi del noto strumento “PBX Express” di 3CX. Da subito quindi le organizzazioni possono ospitare un sistema completo per le Unified Communications con il minimo sforzo.

Nick Galea, CEO 3CX, afferma:

“La nostra versione 15.5 rappresenta un ulteriore sviluppo della nostra strategia “Deploy Anywhere” – può essere implementata on premise, in cloud o persino su dispositivi terzi, lasciando a partner e clienti il pieno controllo dell’installazione”.

La versione 15.5 include numerose nuove funzioni e perfezionamenti, tra cui:

Videoconferenza web integrata

Il nuovo client web integra la videoconferenza. Gli utenti possono facilmente avviare una conferenza web direttamente dal client in modo trasparente e agevole, senza dover scaricare altre applicazioni o plugin, cosa non necessaria neanche per i partecipanti a distanza. 3CX è il primo fornitore di piattaforme per la telefonia IP che include il web conferencing gratuitamente nella soluzione per un massimo di 100 partecipanti contemporanei, senza alcun costo per licenze aggiuntive o impatto sullo staff IT.

Gestione delle chiamate semplificata per Deskphone o Smartphone

Il controllo del telefono da remoto è stato notevolmente perfezionato grazie allo standard uaCSTA per i telefoni da tavolo, che ora possono essere gestiti in modo affidabile indipendentemente dalla sede in cui sono impiegati o dal tipo di installazione del centralino (in cloud o presso il cliente). Anche le app 3CX per la fonia su smarphone possono essere controllate da remoto – un grande vantaggio per chi opera in mobilità.

“Click2Call” da qualsiasi CRM

L’estensione 3CX Click to Call per Google Chrome consente di effettuare una chiamata con un semplice clic dalle soluzioni CRM più popolari o applicazioni Office 365 senza installare alcun plugin. L’estensione consente anche agli utenti di comporre facilmente un numero da qualsiasi pagina web.

Ma non è tutto…

  • La nuova versione integra il modulo sviluppato per gli alberghi. Non è quindi più necessario scaricare e installare alcun componente aggiuntivo. Il modulo funziona con qualsiasi tipo di impiego del centralino (cloud o on-premise) per Windows e Linux.
  • Supporto della funzione PUSH Google Firebase, necessaria per tutti gli smartphone android di nuova generazione.
  • Conformità PCI in ambito finanziario – qualora durante la registrazione di una telefonata con il cliente vengano condivise informazioni sulle carte di credito, è possibile mettere in pausa la registrazione senza spezzarne il file.

Link & Documentazione

Manuale Amministratore

Manuale Utente

Windows

Linux

Click2Call Extension

A proposito di 3CX (www.3cx.it)

3CX sviluppa un centralino telefonico IP software e open standard in grado di rinnovare le telecomunicazioni e di rimpiazzare i centralini proprietari. 3CX taglia i costi telefonici ed aumenta la produttività e la mobilità aziendale. Le soluzioni 3CX sono commercializzate esclusivamente attraverso il canale.

Grazie alla webconference basata su WebRTC integrata nella soluzione, ai client per Mac e Windows ed alle app per Android, iOS e Windows phone, 3CX offre alle aziende una piattaforma completa per le Unified Communications pronta all’uso.

Oltre 50.000 clienti nel mondo hanno scelto 3CX, compresi, Boeing, McDonalds, Hugo Boss, Ramada Plaza Antwerp, Harley Davidson, Wilson Sporting Goods e Pepsi. Presente su scala globale tramite la sua rete di partner certificati, 3CX ha sedi in U.S.A., Inghilterra, Germania, Hong Kong, Italia, Sud Africa, Russia e Australia.

Scopri di più su 3CX su FacebookTwitter e Google+.

Contatti per la stampa

SAB Communications snc
PR and Media Relations for 3CX
(e) press@sab-mcs.com
(t) +41 (91) 2342 397

Concorso enogastronomico “I sapori di Mario Rigoni Stern”: tante soddisfazioni per i ragazzi di tutta Italia

Scritto da Annalisa Scapin il . Pubblicato in Cultura, Gastronomia e Cucina, Libri

Giornate ricche di emozioni quelle vissute all’Istituto Superiore di Asiago. Quaranta tra studenti, docenti e dirigenti provenienti da mezza Italia si sono incontrati e messi in discussione durante il Concorso enogastronomico “I sapori di Mario Rigoni Stern”, organizzato dalla scuola stessa in seno al Progetto “Mario Rigoni Stern: un uomo, tante storie, nessun confine”. Questo primo grande appuntamento è stata la prova generale di quello che avverrà a novembre durante il FestivalConvegno nel quale istituti di vario grado e provenienza parteciperanno alla premiazione di vari concorsi, oltre a quello enogastronomico, e presenteranno i loro lavori accanto alle relazioni di docenti universitari di livello internazionale che saranno ospiti sabato 4 e domenica 5 novembre al Teatro Millepini della cittadina nel cuore dell’Altopiano dei Sette Comuni.

L’importanza della competizione, che si è svolta martedì 30 maggio nei laboratori dell’istituto alberghiero, era chiara fin dall’inizio: insegnanti accompagnatori ripassavano ricetta e presentazione per i giudici con i loro allievi fin dal primo mattino. Si sono poi viste lacrime, sudore e tantissima concentrazione. Tutti si sono dunque messi in gioco allo scopo di ricevere i punteggi più alti sia per la pietanza preparata, ma anche per il servizio in sala e l’abbinamento del piatto con il vino del territorio di provenienza. A giudicare i sei gruppi come presidente della giuria Gianni Rigoni Stern, con lui Luigi Costa, giornalista e critico gastronomico, lo Chef Corrado Fasolato che conta nel suo Palmarès Tre Forchette del Gambero Rosso, due cappelli della guida de “L’Espresso – I Ristoranti d’Italia” e due stelle Michelin, il Sommelier Igor Tessari premio dell’anno 2013 come Miglior Sommelier per la Guida Ristoranti ChePassione, ed infine il Prof. Mariano Meneghini, ideatore e organizzatore del Concorso con la Prof.ssa Anna Maria Cavallarin e la Dott.ssa Annalisa Scapin.

La giuria non si è sbilanciata sui risultati, dato che le premiazioni si svolgeranno durante il FestivalConvegno di novembre, ma da tutti è stato percepito il grandissimo impegno dei ragazzi e delle scuole che si sono dedicate con serietà a rispettare le indicazioni presenti nel regolamento. Alla fine della serata il Dirigente Mario Porto ha consegnato ai singoli studenti e agli istituti un attestato di partecipazione e un famoso brano di Mario Rigoni Stern tratto da “Il sergente nella neve” che parla del cibo capace di legare anche i nemici in guerra. A rendere tutto più ufficiale è stato l’augurio inviato per l’occasione dall’Assessore Elena Donazzan e la presenza di Alessandro Dal Degan, unico chef stellato presente in Altopiano che si è messo a disposizione ad ospitare due studenti per un tirocinio nel suo locale “La Tana Gourmet”. Questa presenza ha destato nei giovani cuochi grandissimo entusiasmo trasformato presto in curiosità e dialogo col giovanissimo Chef.

L’obiettivo degli organizzatori dunque è stato totalmente raggiunto: si sono creati dei legami che percorrono la nostra Penisola da nord a sud. Il fil rouge è l’Altopiano e le persone che lo abitano per l’impegno dimostrato, la volontà organizzativa e le collaborazioni all’intero e all’esterno della scuola.

Si ringraziano tutti gli istituti partecipanti: Istituto di Istruzione Superiore “Almerico da Schio” – Vicenza, Istituto Superiore “Giovanni Falcone” – Gallarate (VA), IPSSAR “Giuseppe Maffioli” – Castelfranco Veneto (TV), IPSSEOA “Giovanni Falcone” – Giarre (CT), Istituto di Istruzione Superiore “Carlo Pisacane” – Sapri (SA), Istituto di Istruzione Superiore “Pellegrino Artusi” – Chianciano Terme (SI), IPSSEOA “Costaggini” – Rieti (RI).

Un grandissimo “grazie” va alle aziende che stanno credendo in questo progetto e hanno offerto i loro prodotti, specchio di un territorio fiero delle sue tradizioni: Formaggi Pennar, Miele Guoli, patate di Rotzo Zecchinati, funghi Scapin, frutti di bosco de La Rossa di Asiago, mele e pere di Lusiana, Marmellate Rigoni di Asiago, selvaggina dell’Altopiano (offerta dai cacciatori Igor e Daniele), carne secca De.Co. e sopressa di Lusiana prodotta da Massimo Ronzani. Il progetto è inoltre sostenuto dalla ex Cassa Rurale ed Artigiana di Roana, da Rigoni di Asiago e della Confindustria, sezione di Bassano.

Per ultime, ma certamente non perché meno importanti, si devono ricordare tutte le energie investite in queste giornate dagli studenti delle varie classi dell’Istituto Alberghiero di Asiago, guidate dai professori Rigoni, Beamonte e Dal Pra e sostenute dai tecnici Tessari e Zagardi, che hanno cucinato e accolto gli ospiti del concorso, e ai ragazzi del Liceo e dell’Istituto turistico, con le Prof.sse Amort, Febbo, Pizzigolotto, Borgo, i Prof. Martello e Passuello, il Dott. Cunico, che sono stati presenti per visite guidate, riprese e interviste. La riuscita del concorso è stata possibile grazie all’intero segreteria, al personale tecnico e ai collaboratori.