Archivio per 6 giugno 2017

Una nuova era in Poggi con P-drive®

Scritto da BorderlineAgency il . Pubblicato in Aziende, Industria

L’evoluzione delle trasmissioni meccaniche made in Poggi con una nuova gamma di pulegge e cinghie sincrone

Poggi Trasmissioni Meccaniche lancia la gamma di pulegge e cinghie sincrone con Poggi P-drive®, tecnologia 100% made in Italy, sviluppata da Poggi presso la sede di Villanova di Castenaso, Bologna. Questa nuova soluzione è stata presentata in anteprima ad Hannover Messe 2017.
Poggi P-drive® è la risposta alla crescente richiesta da parte del mercato internazionale di applicazioni a bassa rumorosità e altamente performanti.

Il design è stato studiato per permettere il miglior funzionamento della puleggia e della cinghia dentata, tanto da ottenere il più basso livello di rumore tra tutti i sistemi di trasmissione di potenza che fanno uso di cinghie dentate.
Poggi P-drive® non necessita di flange di contenimento e garantisce una più alta coppia trasmissibile, con maggiore resistenza a invecchiamento e usura, idrolisi, raggi UVA, ozono e la maggior parte degli acidi e alcali, oli e grassi.

I campi di applicazione spaziano dal farmaceutico al Food & Beverage, unità lineari, impianti di sollevamento e immagazzinamento verticale, porte automatiche, linee industriali, pick and place robot, packaging.

Pulegge e piastre di fissaggio sono disponibili in ghisa, acciaio, acciaio inossidabile, leghe di alluminio.
Dal 1958, Poggi Trasmissioni Meccaniche S.p.A. propone al mercato internazionale pulegge, rinvii angolari e altri organi di trasmissione. Il costante impegno in ricerca e sviluppo, l’aggiornamento delle strumentazioni impiegate e l’automazione dei processi produttivi consentono all’azienda di mantenere i più elevati standard qualitativi del settore. Per rispondere alle esigenze della clientela, Poggi Trasmissioni SpA progetta nuove soluzioni per prodotti ed applicazioni personalizzate, fornendo tutto il supporto tecnico necessario. Attraverso strumenti innovativi e annualmente certificati, l’azienda effettua avanzati controlli di precisione, testando tutti i prodotti al fine di garantirne l’affidabilità e l’efficienza. Da quasi sessant’anni, il marchio Poggi rappresenta l’alta qualità del Made in Italy nel mondo.

Poggi Trasmissioni Meccaniche s.p.a. – Via Giuseppe Di Vittorio, 26 – 40055 Villanova di Castenaso, Bologna – Italy – T. +39 051.6054611 – info@poggispa.com
Ufficio Stampa: Borderline – Via Parisio 16 – 40137 Bologna – Tel. 0514450204 – Matteo Barboni – 3496172546 m.barboni@borderlineagency.com

Casa a prova di ladri: servono 4.150 euro per renderla sicura

Scritto da Alessandra Moretti il . Pubblicato in Aziende, Casa e Giardino

Porta blindata, finestre di sicurezza antisfondamento, antifurto e allarme: tutti gli strumenti per tenere i propri beni al sicuro

Milano, giugno 2017 – Giugno è uno strano mese: c’è chi è già pronto alla partenza e chi deve ancora prenotare le vacanze. In entrambi i casi, però, la costante rimane la domanda relativa alla sicurezza della propria casa, ossia quali precauzioni prendere per evitare l’intrusione dei ladri durante il periodo delle ferie? Secondo l’Osservatorio di ProntoPro.it, il portale dei professionisti N.1 in Italia, la spesa media per trasformare la propria casa in un fortino è pari a 4.150 euro.

I topi d’appartamento sono molto bravi ad approfittare delle nostre disattenzioni, come porte o finestre lasciate socchiuse, altrimenti utilizzano tecniche rudimentali per provare ad aprirle. Per questo i primi lavori da considerare sono quelli che riguardano l’installazione di porte o finestre di sicurezza.

Per quanto riguarda l’installazione di una porta blindata (L90 x H210) in Italia si spendono mediamente 1.100 euro. Ma affinché possa essere veramente efficace, una porta blindata deve essere scelta in base alle diverse caratteristiche opzionali che hanno i prodotti del mercato, facendosi guidare da un professionista che sappia quale sia il modello più adatto a noi e alla nostra abitazione.

Per quanto riguarda le finestre antisfondamento di dimensioni standard (120 x 150 cm) la spesa media è di 1.400 euro al mq. Il tempo necessario ad un topo di appartamento per forzare un infisso tradizionale è di appena 30 secondi, raggiungendo il suo scopo con poco sforzo e lasciando tracce minime che non si notano ad una ispezione approssimativa. Per scegliere le finestre antisfondamento, così come le portefinestre blindate, si deve decidere tra 6 classi di sicurezza. I numeri che vanno da 1 a 6 indicano l’efficacia della finestra o della portafinestra nel contrastare il tentativo di intrusione dei ladri: tale efficacia aumenta progressivamente all’aumentare della classe di sicurezza.

Se la finestra antisfondamento supera di troppo il budget preventivato, si può ricorrere alle inferriate che proteggono la casa con una spesa più contenuta: per una grata fissa in ferro di dimensioni medie (120cm x 150cm) si spendono circa 350 euro. Per superare il problema dell’antiestetico ingombro molte tipologie di inferriate si raccolgono a pacchetto, lasciando il vano completamente libero quando si sta in casa, oppure è possibile personalizzarne le decorazioni.

Al bisogno di sicurezza si può rispondere anche con un buon impianto di antifurto e allarme. Un antifurto completo dotato di centralina, sensori esterni ed interni, sirena e combinatore telefonico per un’abitazione di 70 metri quadrati, costa circa 1.300 euro. Per l’acquisto di impianti di antifurto, così come di finestre dotate di ventri antisfondamento, entro il 31.12.2017 sono previste detrazioni fiscali del 50% sulla spesa sostenuta.

Se invece il budget non è un problema, si può pensare anche di integrare i sistemi di antintrusione con un sistema domotico per la gestione della sicurezza. Si può ricevere così un feedback immediato sullo stato delle singole porte e finestre di casa sul proprio tablet o smartphone, scongiurando il pericolo di furti o effrazioni legate a dimenticanze. Il sistema domotico consente non solo di tenere sotto controllo l’abitazione o di attivare gli allarmi da remoto, ma grazie alla programmazione degli scenari è un deterrente per i malintenzionati attraverso la simulazione della presenza in casa dei proprietari. Con un sistema domotico si possono anche accendere o spegnere le luci nelle stanze, abbassare le tapparelle alla sera e alzarle alla mattina.

Fulvio Gismondi, Professore alla guida dell’Associazione professionale Parametrica

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Parametrica nasce da un’iniziativa del Prof. Fulvio Gismondi, Matematico che ha dato vita all’associazione professionale con il fine di fornire consulenza ad aziende e professionisti in materia attuariale, legale, finanziaria e fiscale.

Parametrica Associazione Professionale

Parametrica associazione professionale ideata dal Prof. Fulvio Gismondi

Parametrica è un’associazione professionale specializzata nell’offrire servizi di consulenza specialistica alle imprese. Nata nel 1998 per iniziativa del Prof. Fulvio Gismondi, dispone di sedi a Roma e Milano, dove può fare affidamento sulla collaborazione di professionisti con competenze in materia giuridica, finanziaria, economica, attuariale specializzati in campo finanziario, assicurativo, direzionale e previdenziale, includendo inoltre la consulenza amministrativa e fiscale per le forme previdenziali. A partire dagli esordi, l’associazione si è rivolta a clienti appartenenti a diversi ambiti, come quello assicurativo, bancario, della gestione del risparmio (SGR), del commercio, dei fondi pensione e dell’industria. Gli interventi proposti da Parametrica puntano a sottoporre eccellenti soluzioni dall’alta efficacia: l’intervento consulenziale, grazie a competenze trasversali e all’insieme di tecnologie e strategie elaborate su misura, permette al team di Parametrica di implementare in modo progressivo cultura e prassi del cliente. In accordo con la filosofia aziendale, il valore dei servizi viene massimizzato grazie all’affiancamento dedicato al cliente, il quale può fare affidamento sul know-how dei consulenti che fanno parte dell’Associazione professionale voluta dal Prof. Fulvio Gismondi. Una volta creato un team di lavoro specifico e specializzato, si prosegue alla programmazione e implementazione di metodologie di consulenza e di azioni sviluppate ad hoc, in grado di combinare efficienza, qualità e costi.

Fulvio Gismondi: la carriera del fondatore di Parametrica

Fulvio Gismondi, nato a Roma nel 1960, sviluppa un percorso accademico attorno agli ambiti della Matematica Generale e della Teoria del Rischio, Matematica Attuariale e Matematica Finanziari. Oltre alla Laurea in Scienze Statistiche Attuariali conseguita presso l’Università La Sapienza di Roma, il Professore è in possesso di numerosi titoli post lauream. Sin dagli esordi, affianca la sua attività accademica all’iter professionale in qualità di consulente: attualmente alla guida dell’Associazione Professionale Parametrica, intraprende tale percorso nel 1990 ricoprendo incarichi consulenziali di natura finanziaria e attuariale per i più prestigiosi intermediari finanziari ed imprese assicurative, sia in Italia che all’estero. Nel 1997 diventa Partner di Coopers & Lybrand, mentre due anni più tardi viene nominato Partner e Amministratore Delegato di PriceWaterhouseCoopers Italia. Nel corso della propria carriera riveste in alcune imprese di assicurazione la posizione di Consigliere di Amministrazione. Nel 2000 crea l’Associazione professionale che tre anni più tardi prenderà il nome di Gismondi & Associati, per venir rinominata in seguito Parametrica, gruppo specializzato nella Consulenza alle imprese. Il Prof. Fulvio Gismondi siede nei più importanti comitati scientifici e commissioni, presentando un’elevata produttività a livello di pubblicazioni e di testi accademico-scientifici.

A LA THUILE, RITORNANO GLI APPUNTAMENTI GOURMET CON “MATTINATA D.O.P.”

Scritto da HALO COMUNICAZIONE il . Pubblicato in Gastronomia e Cucina, Turismo

La Thuile, 30 maggio 2017 – Fontina, Fromadzo, Lardo d’Arnad e Jambon de Bosses sono le eccellenze del territorio valdostano raccontate e degustate nella MATTINATA D.O.P., iniziativa promossa, per il secondo anno, dal Ristorante Les Granges di La Thuile. Un itinerario che prevede nove appuntamenti, durante l’estate, a partire dal 27 giugno, nel quale i palati gourmet, accompagnati da un enogastronomo, potranno scoprire le tipicità locali.

Il programma della MATTINATA D.O.P. comincia alle 9.30 con la visita alla Grotta delle Fontine, dove la guida racconterà le caratteristiche di lavorazione di questo famoso formaggio. La grotta, in zona Buic, è un luogo dove sono stivate per la stagionatura più di 6.000 forme di Fontina. A seguire (intorno alle ore 11.00) presso il Ristorante Les Granges aperitivo e degustazione guidata degli altri prodotti D.O.P. della Valle d’Aosta quali Fromadzo – formaggio magro o semigrasso, a pasta semidura, prodotto da latte di vacca, eventualmente addizionato con una piccola percentuale di latte di capra, dalla maturazione minima di 60 giorni fino a una stagionatura di 10 mesi – Lardo D’Arnad – un salume di origini remote, realizzato con antichi metodi, dal gusto delicato e al tempo stesso molto profumato – e Jambon de Bosses – prosciutto di alta qualità, principe della salumeria valdostana che, nelle fasi della lavorazione prevede la concia con erbe aromatiche del territorio, la salatura manuale, la stagionatura su letto di fieno, e la disossatura con legatura anch’essa eseguita manualmente.

Per tutti, la possibilità di vedere dal vivo un giardino di Artemisia Glacialis, pianta che abita le montagne di La Thuile, con la quale si realizza il famoso Genepy, liquore dalle note intense e dall’aromatico profumo, ottenuto dalla macerazione a freddo delle sommità fiorite della pianta.

MATTINATA D.O.P.: GIORNI • ORARI • COSTI

Giorni: MARTEDI’

27 giugno – 4 luglio – 11 luglio – 18 luglio – 25 luglio – 8 agosto – 22 agosto – 29 agosto – 5 settembre.
Orari: appuntamento alle ore 9.30, presso il Ristorante Les Granges di La Thuile (AO) – Frazione Les Granges, rientro previsto per le ore 11.00.
Costo: 13,00 euro

Ristorante Les Granges +39 0165 88488

Nelle recensioni di General Cessioni le eccellenze italiane nell’agro-farmaceutico

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende, Economia

In crescita fatturato e produzione delle aziende agro-farmaceutiche italiane. General Cessioni analizza nelle sue recensioni le eccellenze del made in italy in tale ambito, restituendo opinioni positive.

General Cessioni recensioni: Italia è terza al mondo nel campo degli agrofarmaci

Sebbene nel settore dei farmaci destinati all’agricoltura prevalgano le multinazionali, come Montsanto e Basf, le aziende italiane sono riuscite a ritagliarsi un ruolo di primaria importanza a livello mondiale nel settore agro-farmaceutico.General Cessioni esprime nelle sue recensioni opinioni positive sui dati comunicati dall’associazione di categoria Agrofarma, parte del circuito di Federchimica. Nel giro di un decennio, dal 2003 al 2014, il valore del comparto è passato da 681 a 923 milioni di euro, facendo registrare una crescita del 35%, tanto che la penisola è oggi terza nel mondo per livello di produzione, con il 3% del totale. L’agricoltura rimane un settore di traino e sviluppo per la nostra economia, grazie anche agli investimenti che le aziende dedicano alla ricerca e allo sviluppo di prodotti utilizzati per combattere possibili minacce alle coltivazioni. Grazie all’impiego di oltre 2500 persone e al 6% del fatturato nell’innovazione, oltre alla collaborazione con più di 300 istituti nazionali, l’Italia può posizionarsi tra le nazioni maggiormente all’avanguardia nel settore, con una ricerca tutta “made in Italy”. General Cessioni evidenzia nelle sue recensioni realtà ed eccellenze come l’impresa Sipcam-Oxon, nata nel 1946, oggi presente in numerosi paesi, anche extraeuropei, e che può vantare un fatturato che si aggira attorno ai 420 milioni di euro. La società ha deciso di restare in Italia, forte di un export del 70% e di una visione strategica di lungo periodo. Decisione che ha premiato l’azienda, oggi quindicesima nel ranking globale, e sottolinea il buono stato di salute generale delle aziende italiane attive nel settore.

Le attività e la consulenza di General Cessioni nell’intermediazione immobiliare e aziendale

A diretto contatto con più di un milione di compratori internazionali e nazionali, General Cessioni è una società attiva da oltre 30 anni nei servizi d’intermediazione immobiliare. Agendo nell’interesse del cliente e in vista del raggiungimento della giusta contropartita economica, General Cessioni si occupa di individuare soci per partecipazioni societarie, sia Partnership sia joint venture, e possibili acquirenti e venditori per il proprio immobile o azienda. Grazie alla collaborazione con una rete di esperti, è in grado di assicurare assistenza durante l’intero percorso di compravendita, occupandosi delle diverse incombenze tecniche e legali, con soluzioni personalizzate ed un know how che la contraddistinguono rispetto dai suoi competitor. Vendere o acquistare un’attività o un immobile è un’operazione che si può concludere senza il giusto equilibrio tra domanda offerta: è necessario rivolgersi a professionisti esperti che siano capaci di consigliare i clienti e di accompagnarli nella realizzazione del proprio capitale, attività che General Cessioni opera con successo, oggi leader nel settore.

Il percorso professionale di Vincenzo Paradiso, Direttore Generale di IVRI S.p.A.

Scritto da articoli news il . Pubblicato in Aziende

Manager con un’esperienza consolidata in ambito dirigenziale, Vincenzo Paradiso ricopre dal 2014 la carica di Direttore Generale di IVRI S.p.A.

Vincenzo Paradiso, Direttore Generale di IVRI S.p.A.

Vincenzo Paradiso: percorso formativo

Vincenzo Paradiso si laurea nel 1988 in Filosofia presso l’Università degli Studi di Palermo e successivamente si iscrive al Master “Specialisti nel settore delle nuove tecnologie”, curato da Elea/Olivetti in collaborazione con MeSvil. L’attenzione costante all’aggiornamento formativo lo porta a frequentare nel 1992 anche il Master di Specializzazione in Sistemi Informatici presso l’SDA Bocconi di Milano. Precedentemente, frequenta corsi di Management Generali a Taormina, organizzati da Prosvi/Formez in collaborazione con la Berkeley University of California. Del 1997 è la frequentazione del Master in Tecniche Dirigenziali nelle Pubbliche Amministrazioni del CERISDI di Palermo. Propedeutici all’affinamento delle sue competenze nel management sono anche il conseguimento del Master in Diritto e Gestione della Documentazione Amministrativa (Scuola Superiore di Amministrazione Pubblica e degli Enti Locali del CEIDA, Roma, 2004) e il Master “Ambrosetti Sviluppo” (The European House Ambrosetti, Palermo, 2006).

Iter lavorativo di Vincenzo Paradiso

La carriera professionale inizia con posizioni manageriali che Vincenzo Paradiso ricopre all’interno di diversi settori, come quello della formazione dove lavora nel corso degli anni Novanta: nel 1998 è Direttore Generale per il CERISDI, successivamente, dal 1999 al 2002, ricopre la posizione di Responsabile Commerciale della Pubblica Amministrazione per la Regione Sicilia presso SchlumbergerSema. In seguito e fino al 2004 riveste le cariche di Amministratore Delegato e Direttore Generale per Sviluppo Italia Sicilia, organo appartenente a INVITALIA, istituzione nazionale del MISE per lo sviluppo di startup e iniziative imprenditoriali della Sicilia, che attraverso la gestione di fondi nazionali ed europei favorisce la crescita economica e l’occupazione del territorio. Nel 2014 Vincenzo Paradiso diventa Direttore Generale di IVRI S.p.A., ruolo che riveste ancora oggi. In aggiunta, a partire da quell’anno, il manager siede nel Consiglio di Amministrazione di MondialBrokers Insurance Services e presso Re.crew S.r.l. ricopre invece il ruolo di Presidente del C.d.A. Il manager ha sviluppato anche un percorso accademico, tra il 1997 e il 2000 ha collaborato con l’Opera Universitaria di Palermo in qualità di Responsabile della Progettazione del Sistema Informativo, nell’anno accademico 2005/2006 ha tenuto la cattedra di Cultura di Impresa nella Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Catania. Durante gli anni Duemila produce diverse pubblicazioni a sua firma, esplorando tematiche legate all’attualità economico-finanziaria, al mondo aziendale e a quello dell’arte. Vincenzo Paradiso è impegnato in cause di tipo benefico, collabora dal 2000 con il Banco Alimentare e sostiene AVSI, organizzazione non governativa senza scopo di lucro grazie alla quale ha preso in adozione a distanza due bambine. Nel 2016 viene insignito della carica di Ambasciatore per il Turismo d’Affari, assegnata dal Principato di Monaco.